aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide
diff options
context:
space:
mode:
authorMarc Fonvieille <blackend@FreeBSD.org>2002-09-22 10:47:32 +0000
committerMarc Fonvieille <blackend@FreeBSD.org>2002-09-22 10:47:32 +0000
commit68f259f776fb0dacf717d95068db7a4f4b5ba938 (patch)
treed0072fe3394d0a4e75d7f91dd0db29790fde1569 /it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide
parentae21ca12d7c83079d8557a819784f6858a05e551 (diff)
downloaddoc-68f259f776fb0dacf717d95068db7a4f4b5ba938.tar.gz
doc-68f259f776fb0dacf717d95068db7a4f4b5ba938.zip
New translations: committers-guide, euro, explaining-bsd and multi-os.
PR: docs/42926 Submitted by: Alex Dupre <sysadmin@alexdupre.com>
Notes
Notes: svn path=/head/; revision=14348
Diffstat (limited to 'it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide')
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile29
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml1509
2 files changed, 1538 insertions, 0 deletions
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile
new file mode 100644
index 0000000000..a48603f040
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile
@@ -0,0 +1,29 @@
+#
+# $FreeBSD$
+#
+# Crea la Nuova Guida per i Committer di FreeBSD
+#
+
+MAINTAINER=sysadmin@alexdupre.com
+
+DOC?= article
+
+FORMATS?= html
+
+INSTALL_COMPRESSED?= gz
+INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
+
+JADEFLAGS+= -V %generate-article-toc%
+
+#
+# SRCS lista i singoli files SGML che compongono il documento. Modifiche
+# a qualunque di questi files obbligano la ricreazione
+#
+
+# Contenuto SGML
+SRCS= article.sgml
+
+DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
+
+.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
+
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
new file mode 100644
index 0000000000..9744e83a5e
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
@@ -0,0 +1,1509 @@
+<!--
+ The FreeBSD Italian Documentation Project
+
+ $FreeBSD$
+ Original revision: 1.133
+-->
+
+<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
+<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
+%man;
+
+<!ENTITY % freebsd PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Miscellaneous FreeBSD Entities//EN">
+%freebsd;
+
+<!ENTITY % authors PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Author Entities//EN">
+%authors;
+
+<!ENTITY % teams PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Team Entities//EN">
+%teams;
+
+<!ENTITY % mailing-lists PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Mailing List Entities//IT">
+%mailing-lists;
+
+<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
+%translators;
+]>
+
+<article lang="it">
+ <articleinfo>
+ <title>Guida del Committer</title>
+
+ <authorgroup>
+ <author>
+ <surname>The FreeBSD Italian Documentation Project</surname>
+ </author>
+ </authorgroup>
+
+ <pubdate>$FreeBSD$</pubdate>
+
+ <copyright>
+ <year>1999</year>
+
+ <year>2000</year>
+
+ <year>2001</year>
+
+ <year>2002</year>
+
+ <holder>The FreeBSD Italian Documentation Project</holder>
+ </copyright>
+
+ <abstract>
+ <para>Questo documento fornisce informazioni per la comunit&agrave; dei
+ committer di FreeBSD. Tutti i nuovi committer dovrebbero leggere
+ questo documento prima di iniziare, e i committer gi&agrave; esistenti
+ sono fortemente incoraggiati a riguardarselo di tanto in tanto.</para>
+
+ <para>Traduzione a cura di &a.it.alex;.</para>
+ </abstract>
+ </articleinfo>
+
+ <sect1 id="admin">
+ <title>Dettagli Amministrativi</title>
+
+ <informaltable frame="none" orient="port">
+ <tgroup cols="2">
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><emphasis>Host con il Repository
+ Principale</emphasis></entry>
+
+ <entry><hostid>freefall.FreeBSD.org</hostid></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>Metodi di Accesso</emphasis></entry>
+
+ <entry>&man.ssh.1;</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>CVSROOT Principale</emphasis></entry>
+
+ <entry><filename>/home/ncvs</filename></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>&a.cvs; Principali</emphasis></entry>
+
+ <entry>&a.peter; e &a.markm;, cos&igrave; come &a.joe; per i
+ <filename>ports/</filename></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>Mailing List</emphasis></entry>
+
+ <entry>&a.developers;, &a.committers;</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>Tag CVS Degni di Nota</emphasis></entry>
+
+ <entry><literal>RELENG_4</literal> (4.X-STABLE),
+ <literal>HEAD</literal> (-CURRENT)</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>&Egrave richiesto l'uso di &man.ssh.1; o &man.telnet.1; con
+ Kerberos 5 per connettersi agli host con il repository. Questi sono
+ generalmente pi&ugrave; sicuri che un semplice &man.telnet.1; o
+ &man.rlogin.1; visto che la negoziazione delle credenziali avverr&agrave;
+ sempre in modo cifrato. Tutto il traffico &egrave; cifrato di default
+ con &man.ssh.1;. Insieme a programmi di utilit&agrave; come
+ &man.ssh-agent.1; e &man.scp.1;, anch'essi disponibili, &man.ssh.1;
+ &egrave; di gran lunga pi&ugrave; conveniente. Se non sai nulla di
+ &man.ssh.1;, guarda la <xref linkend="ssh.guide">.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="committer.types">
+ <title>Tipi di Bit di Commit</title>
+
+ <para>Il repository CVS di FreeBSD ha un numero di componenti che, se
+ combinati, supportano i sorgenti di base del sistema operativo, la
+ documentazione, l'infrastruttura dei port delle applicazioni di terze
+ parti, e vari programmi di utilit&agrave;. Quando vengono assegnati i bit
+ di commit di FreeBSD, vengono specificate le aree dell'albero dove il bit
+ pu&ograve; essere usato. Solitamente, le aree associate a un bit
+ corrispondono a quelle di chi ha autorizzato l'assegnamento del bit di
+ commit. Ulteriori aree di autorit&agrave; possono essere aggiunte in
+ seguito: se occorrer&agrave;, il committer dovr&agrave; seguire le
+ normali procedure di allocazione del bit di commit per quell'area
+ dell'albero, chiedendo l'approvazione all'entit&agrave; appropriata e
+ possibilmente prendendo un mentore per quell'area per un po' di
+ tempo.</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols="3">
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><emphasis>Tipo di Committer</emphasis></entry>
+
+ <entry><emphasis>Responsabile</emphasis></entry>
+
+ <entry><emphasis>Componenti dell'Albero</emphasis></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>src</entry>
+
+ <entry>core@</entry>
+
+ <entry>src/, doc/ soggetta ad appropriata revisione</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>doc</entry>
+
+ <entry>nik@</entry>
+
+ <entry>doc/, src/ documentazione</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>ports</entry>
+
+ <entry>portmgr@</entry>
+
+ <entry>ports/</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>I bit di commit assegnati prima dello sviluppo della nozione di aree
+ di autorit&agrave; possono essere usati in molte parti dell'albero.
+ Tuttavia, il buon senso dice che un committer che non ha mai lavorato
+ precedentemente in un'area dell'albero chieda una revisione del proprio
+ lavoro prima di effettuare il commit, chieda l'approvazione del
+ responsabile appropriato, e/o lavori d'accordo con un mentore. Dato che
+ le regole sulla manutenzione del codice differiscono a seconda dell'area
+ dell'albero, questo &egrave; per il bene del committer che lavora in
+ un'area poco familiare tanto quanto per gli altri che lavorano
+ sull'albero.</para>
+
+ <para>I committer sono incoraggiati a chiedere la revisione del proprio
+ lavoro come parte del normale processo di sviluppo, indifferentemente
+ dall'area dell'albero in cui stanno lavorando.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="cvs.operations">
+ <title>Operazioni sul CVS</title>
+
+ <para>Si assume che tu abbia gi&agrave; familiarit&agrave; con le operazioni
+ di base di CVS.</para>
+
+ <para>I &a.cvs; sono i <quote>proprietari</quote> del repository CVS e sono
+ responsabili di <emphasis>tutte</emphasis> le sue modifiche dirette allo
+ scopo di ripulire o sistemare dei gravi abusi di CVS da parte di un
+ committer. Nessun altro deve provare a toccare il repository
+ direttamente. Nel caso dovessi causare qualche problema al repository,
+ diciamo una errata operazione di <command>cvs import</command> o
+ <command>cvs tag</command>, <emphasis role="bold">non</emphasis> cercare
+ di sistemarla da solo!
+ Invia un messaggio ai &a.cvs; (o chiama uno di loro) ed esponi il problema
+ ad uno di loro invece. Gli unici che hanno il permesso di manipolare
+ direttamente i bit del repository sono i
+ <quote>repomeister</quote>.</para>
+
+ <para>Le operazioni sul CVS solitamente sono fatte loggandosi su
+ <hostid>freefall</hostid>, assicurandosi che la variabile di ambiente
+ <envar>CVSROOT</envar> sia impostata a <filename>/home/ncvs</filename>, e
+ quindi effettuando le appropriate operazioni di check-out/check-in.
+ Se desideri aggiungere qualcosa di totalmente nuovo (ad esempio dei
+ sorgenti in contrib, ecc.), deve essere usato <command>cvs
+ import</command>. Guarda come riferimento la pagina man di &man.cvs.1;
+ per l'utilizzo.</para>
+
+ <para>Tieni presente che quando usi CVS su <hostid>freefall</hostid>, devi
+ impostare la tua <literal>umask</literal> a <literal>2</literal>,
+ cos&igrave; come la variabile di ambiente <envar>CVSUMASK</envar> a
+ <literal>2</literal>. Questo assicura che ogni nuovo file creato tramite
+ <command>cvs add</command> abbia i corretti permessi.
+ Se aggiungi un file o una directory e scopri che il file nel repository
+ ha i permessi errati (per essere precisi, tutti i file nel repository
+ dovrebbero essere modificabili dal gruppo <literal>ncvs</literal>),
+ contatta uno dei meister del repository come descritto sopra.</para>
+
+ <para>Se sei abituato ad usare CVS da remoto e ti consideri abbastanza
+ pratico di CVS in generale, puoi anche effettuare le operazioni sul CVS
+ direttamente dalla tua macchina e dai tuoi sorgenti locali.
+ Ricordati solo di impostare <envar>CVS_RSH</envar> a
+ <literal>ssh</literal> cos&igrave; da usare un metodo di trasferimento
+ relativamente sicuro ed affidabile. Se non hai idea del significato di
+ quello che ho appena detto, allora continua a loggarti su
+ <hostid>freefall</hostid> ed ad applicare le tue diff con
+ &man.patch.1;.</para>
+
+ <para>Se devi usare le operazioni <command>add</command> e
+ <command>delete</command> di CVS come se fosse un'operazione &man.mv.1;,
+ allora va effettuata una copia nel repository piuttosto che usare
+ <command>add</command> e <command>delete</command> di CVS. In una
+ copia nel repository, un <link linkend="conventions">CVS Meister</link>
+ copier&agrave; il/i file nei loro nuovi nomi e/o locazioni e ti
+ avviser&agrave; ad operazione avvenuta. Lo scopo di una copia del
+ repository &egrave; di preservare la cronologia dei cambiamenti del file,
+ o i log. Noi del FreeBSD Project diamo molta importanza alla cronologia
+ dei cambiamenti che CVS fornisce al progetto.</para>
+
+ <para>Informazioni di riferimento, tutorial, e FAQ su CVS possono
+ essere trovate su: <ulink
+ url="http://www.cvshome.org/docs/">http://www.cvshome.org/docs/</ulink>,
+ e anche le informazioni contenute nei <ulink
+ url="http://cvsbook.red-bean.com/cvsbook.html">capitoli di Karl Fogel
+ da <quote>Open Source Development with CVS</quote></ulink> sono molto
+ utili.</para>
+
+ <para>&a.des; ha fornito inoltre il seguente <quote>mini manuale</quote> su
+ CVS.</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>Effettua il check out di un modulo con il comando
+ <command>co</command> o <command>checkout</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs checkout shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo estrae una copia del modulo <filename>shazam</filename>. Se
+ non c'&egrave; alcun modulo <filename>shazam</filename> nel file dei
+ moduli, cercher&agrave; allora una directory di primo livello chiamata
+ <filename>shazam</filename>.</para>
+
+ <table frame="none">
+ <title>Opzioni utili con <command>cvs checkout</command></title>
+
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-P</option></entry>
+
+ <entry>Non crea le directory vuote</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-l</option></entry>
+
+ <entry>Estrae solo un livello, non le sottodirectory</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-r<replaceable>ver</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Estrai la versione, il ramo, o il tag
+ <replaceable>ver</replaceable></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-D<replaceable>data</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Estrai i sorgenti com'erano in data
+ <replaceable>data</replaceable></entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Esempi pratici su FreeBSD:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename>, che
+ corrisponde a <filename>src/sys/miscfs</filename>:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una directory chiamata <filename>miscfs</filename>
+ con le sottodirectory <filename>CVS</filename>,
+ <filename>deadfs</filename>, <filename>devfs</filename>, e
+ cos&igrave; via. Una di queste (<filename>linprocfs</filename>)
+ &egrave; vuota.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai gli stessi file, ma con il percorso completo:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co src/sys/miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una directory chiamata <filename>src</filename>,
+ con le sottodirectory <filename>CVS</filename> e
+ <filename>sys</filename>. <filename>src/sys</filename> ha le
+ sottodirectory <filename>CVS</filename> e
+ <filename>miscfs</filename>, ecc.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai gli stessi file, ma elimina le directory vuote:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -P miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una directory chiamata <filename>miscfs</filename>
+ con le sottodirectory <filename>CVS</filename>,
+ <filename>deadfs</filename>, <filename>devfs</filename>... ma nota
+ che non c'&egrave; nessuna sottodirectory
+ <filename>linprocfs</filename>, perch&eacute; non contiene alcun
+ file.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai la directory <filename>miscfs</filename>, ma nessuna
+ delle sue sottodirectory:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -l miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una a directory chiamata <filename>miscfs</filename>
+ con solo una sottodirectory chiamata
+ <filename>CVS</filename>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'&egrave; nel
+ ramo 4.X:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -rRELENG_4 miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Puoi modificare i sorgenti ed effettuare il commit su questo
+ ramo.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'era nella
+ 3.4-RELEASE.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -rRELENG_3_4_0_RELEASE miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Non potrai effettuare il commit delle modifiche, visto che
+ <literal>RELENG_3_4_0_RELEASE</literal> corrisponde ad un
+ preciso istante di tempo, non a un ramo.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'era il 15
+ gennaio 2000.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -D'01/15/2000' miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Non potrai effettuare modifiche.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'era una
+ settimana fa.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -D'last week' miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Non potrai effettuare modifiche.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Tieni presente che cvs salva i metadati in sottodirectory chiamate
+ <filename>CVS</filename>.</para>
+
+ <para>Gli argomenti di <option>-D</option> e <option>-r</option>
+ sono fissi, che vuol dire che cvs se li ricorder&agrave; in seguito,
+ ad esempio quando farai un <command>cvs update</command>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Controlla lo stato dei file estratti con il comando
+ <command>status</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs status shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo visualizza lo stato del file <filename>shazam</filename> o
+ di ogni file nella directory <filename>shazam</filename>. Per ogni
+ file, lo stato &egrave; uno fra:</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry>Up-to-date</entry>
+
+ <entry>Il file &agrave; aggiornato e non &egrave; stato
+ modificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>Needs Patch</entry>
+
+ <entry>Il file non &egrave; stato modificato, ma c'&egrave; una
+ nuova versione nel repository.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>Locally Modified</entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; aggiornato, ma &egrave; stato
+ modificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>Needs Merge</entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato modificato, e c'&egrave; una nuova
+ versione nel repository.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>File had conflicts on merge</entry>
+
+ <entry>Ci sono stati conflitti l'ultima volta che il file
+ &egrave; stato aggiornato, e non sono ancora stati
+ risolti.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>Vedrai anche la versione e la data locale, il numero dell'ultima
+ versione appropriata (<quote>ultima appropriata</quote> perch&eacute;
+ se hai una data, un tag o un ramo fissati, pu&ograve; non essere
+ l'ultima versione), e i tag, le date o le opzioni applicate.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Dopo avere estratto qualcosa, aggiornalo con il comando
+ <command>update</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs update shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo aggiorna il file <filename>shazam</filename> o il contenuto
+ della directory <filename>shazam</filename> all'ultima versione sul
+ ramo che hai estratto. Se hai estratto un <quote>preciso instante di
+ tempo</quote>, non fa nulla a meno che i tag non siano stati
+ spostati nel repository o qualche altra strana cosa sia in
+ corso.</para>
+
+ <para>Opzioni utili, in aggiunta a quelle elencate sopra, con
+ <command>checkout</command>:</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-d</option></entry>
+
+ <entry>Estrae ogni directory aggiuntiva mancante.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-A</option></entry>
+
+ <entry>Scarica l'ultima versione del ramo principale.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-j<replaceable>ver</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Altre magie (guarda sotto).</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>Se hai estratto un modulo con <option>-r</option> o
+ <option>-D</option>, l'esecuzione di <command>cvs update</command>
+ con un argomento differente di <option>-r</option> o
+ <option>-D</option> o con <option>-A</option> selezioner&agrave; un
+ nuovo ramo, una nuova versione o una nuova data.
+ L'opzione <option>-A</option> elimina tutti i tag, le date o le
+ versioni fissate mentre <option>-r</option> e <option>-D</option> ne
+ impostano di nuove.</para>
+
+ <para>Teoricamente, specificando <literal>HEAD</literal> come argomento
+ di <option>-r</option> avrai lo stesso risultato di
+ <option>-A</option>, ma &egrave; solo in teoria.</para>
+
+ <para>L'opzione <option>-d</option> &egrave; utile se:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>qualcuno ha aggiunto delle sottodirectory al modulo che hai
+ estratto dopo averlo estratto.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>hai estratto con <option>-l</option>, e dopo cambi idea e
+ vuoi estrarre anche le sottodirectory.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>hai cancellato delle sottodirectory e vuoi estrarle
+ nuovamente.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para><emphasis>Osserva l'output di <command>cvs update</command> con
+ cura</emphasis>. La lettera all'inizio di ogni file indica cosa
+ &egrave; stato fatto su di esso:</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><literal>U</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato aggiornato senza problemi.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><literal>P</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato aggiornato senza problemi (vedrai
+ questo solo quando lavorerai su un repository remoto).</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><literal>M</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato modificato, ed &egrave; stato
+ fuso senza conflitti.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><literal>C</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato modificato, ed &egrave; stato
+ fuso con dei conflitti.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>La fusione &egrave; ci&ograve; che avviene quando estrai una copia
+ di qualche codice sorgente, lo modifichi, quindi qualcun altro
+ effettua il commit di un'altra modifica, e tu esegui <command>cvs
+ update</command>. CVS nota che tu hai fatto dei cambiamenti locali, e
+ cerca di fondere le tue modifiche con quelle fatte tra la versione che
+ hai originariamente estratto e quella che stai aggiornando. Se i
+ cambiamenti sono a due parti separate del file, solitamente non ci
+ saranno problemi (sebbene il risultato possa non essere
+ sintatticamente o semanticamente corretto).</para>
+
+ <para>CVS stamper&agrave; una <literal>M</literal> davanti ad ogni file
+ modificato localmente anche se non c'&egrave; una nuova versione nel
+ repository, quindi <command>cvs update</command> &egrave; adatto
+ per avere un resoconto di quello che hai cambiato in locale.</para>
+
+ <para>Se appare una <literal>C</literal>, allora le tue modifiche sono
+ in conflitto con i cambiamenti presenti nel repository (le modifiche
+ sono sulle stesse righe, o righe vicine, o hai cambiato cos&igrave;
+ tanto il file locale che <command>cvs</command> non &egrave; in grado
+ di applicare le modifiche al repository). Dovrai allora andare a
+ modificare il file a mano e risolvere i conflitti; questi saranno
+ evidenziati da righe di simboli <literal>&lt;</literal>,
+ <literal>=</literal> e <literal>&gt;</literal>. Per ogni conflitto,
+ ci sar&agrave; una linea di demarcazione formata da sette
+ <literal>&lt;</literal> e il nome del file, seguita da una porzione di
+ quello che il tuo file locale conteneva, seguita da una riga di
+ separazione con sette <literal>=</literal>, seguita dalla porzione
+ corrispondente presente nella versione del repository, seguita da una
+ riga di separazione con sette <literal>&gt;</literal> e il numero di
+ versione che stai aggiornando.</para>
+
+ <para>L'opzione <option>-j</option> &egrave; un po' voodoo. Aggiorna
+ il file locale alla versione specificata come se avessi usato
+ <option>-r</option>, ma non cambia il numero di versione o il ramo
+ registrato del file locale. Non &egrave; realmente utile tranne
+ quando usata due volte, nel qual caso fonder&agrave; le modifiche
+ tra le due versioni specificate nella copia su cui stai
+ lavorando.</para>
+
+ <para>Per esempio, supponiamo che ti abbia effettuato il commit di una
+ modifica a <filename>shazam/shazam.c</filename> in &os.current; e che
+ pi&ugrave; tardi tu voglia effettuare l'MFC. Le modifiche che vuoi
+ fondere sono nella versione 1.15:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Estrai la versione &os.stable; del modulo
+ <filename>shazam</filename>:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -rRELENG_4 shazam</userinput></screen>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Applica le modifiche tra la ver 1.14 e la 1.15:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs update -j1.14 -j1.15 shazam/shazam.c</userinput></screen>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Quasi certamente avrai un conflitto a causa delle righe
+ <literal>$<!-- blocca l'espansione -->Id<!-- blocca l'espansione
+ -->$</literal> (o nel caso di FreeBSD, <literal>$<!-- blocca
+ l'espansione -->FreeBSD<!-- blocca l'espansione -->$</literal>),
+ quindi dovrai modificare a mano il file per risolvere il conflitto
+ (rimuovi le righe di separazione e la seconda linea
+ <literal>$<!-- blocca l'espansione -->Id<!-- blocca l'espansione
+ -->$</literal>, lasciando la linea <literal>$<!-- blocca
+ l'espansione -->Id<!-- blocca l'espansione -->$</literal>
+ originale intatta).</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Guarda le differenze tra la versione locale e quella sul
+ repository con il comando <command>diff</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs diff shazam</userinput></screen>
+
+ <para>mostra ogni modifica che hai fatto al file o al modulo
+ <filename>shazam</filename>.</para>
+
+ <table frame="none">
+ <title>Opzioni utili con <command>cvs diff</command></title>
+
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-u</option></entry>
+
+ <entry>Utilizza il formato diff unificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-c</option></entry>
+
+ <entry>Utilizza il formato diff contestuale.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-N</option></entry>
+
+ <entry>Visualizza i file mancanti o aggiunti.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Vorrai sempre utilizzare <option>-u</option>, visto che le diff
+ unificate sono molto pi&ugrave; semplici da leggere rispetto a quasi
+ tutti gli altri formati (in alcune circostanze, le diff contestuali
+ generate con l'opzione <option>-c</option> possono essere meglio, ma
+ sono molto pi&ugrave; voluminose). Una diff unificata consiste di una
+ serie di parti. Ogni parte inizia con una riga con due caratteri
+ <literal>@</literal> e specifica dove si trovano le differenze nel
+ file e su quante linee si estendono. Questa &egrave; seguita da un
+ certo numero di righe; alcune (precedute da uno spazio) fanno parte
+ del contesto; altre (precedute da un <literal>-</literal>) sono quelle
+ eliminate e altre ancora (precedute da un <literal>+</literal>) sono
+ quelle aggiunte.</para>
+
+ <para>Puoi anche effettuare una diff con una versione differente
+ rispetto a quella che hai estratto specificando la versione con
+ <option>-r</option> o <option>-D</option> come per il
+ <command>checkout</command> o l'<command>update</command>,
+ o anche visualizzare le differenze tra due versioni arbitrarie
+ (indipendentemente da quella che hai localmente) specificando
+ <emphasis>due</emphasis> versioni con <option>-r</option> o
+ <option>-D</option>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Guarda le righe di log con il comando
+ <command>log</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs log shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Se <filename>shazam</filename> &egrave; un file, questo
+ stamper&agrave; un'<emphasis>intestazione</emphasis> con le
+ informazioni sul file, come la locazione nel repository dove il file
+ &egrave; salvato, a quale versione &egrave; l'<literal>HEAD</literal>
+ per questo file, in quali rami si trova il file, e qualsiasi tag
+ valido per questo file. Quindi, per ogni versione del file, viene
+ stampato un messaggio di log. Questo include la data e l'ora del
+ commit, chi ha fatto il commit, quante righe sono state aggiunte e/o
+ tolte, e alla fine il messaggio di log che il committer ha scritto
+ quando ha inviato la modifica.</para>
+
+ <para>Se <filename>shazam</filename> &egrave; una directory, allora le
+ informazioni di log descritte sopra vengono stampate a turno per ogni
+ file presente nella directory. A meno che tu abbia dato l'opzione
+ <option>-l</option> a <command>log</command>, vengono stampati anche
+ i log per tutte le sottodirectory di <filename>shazam</filename>, in
+ maniera ricorsiva.</para>
+
+ <para>Usa il comando <command>log</command> per vedere la storia di uno
+ o pi&ugrave; file, come &egrave; salvata nel repository CVS. Puoi
+ anche usarlo per vedere il messaggio di log di una versione specifica,
+ se aggiungi <option>-r<replaceable>ver</replaceable></option> al
+ comando <command>log</command>:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs log -r1.2 shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo stamper&agrave; solamente il messaggio di log per la
+ versione <literal>1.2</literal> del file <filename>shazam</filename>
+ se &egrave; un file, oppure i messaggi di log per le versioni 1.2 di
+ ogni file sotto <filename>shazam</filename> se &egrave; una
+ directory.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Guarda chi ha fatto cosa con il comando
+ <command>annotate</command>. Questo comando visualizza ogni riga del
+ file o dei file specificati, insieme all'utente che ha modificato
+ pi&ugrave; recentemente quella riga.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs annotate shazam</userinput></screen>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Aggiungi nuovi file con il comando <command>add</command>.</para>
+
+ <para>Crea il file, usa <command>cvs add</command> su di esso, quindi
+ <command>cvs commit</command>.</para>
+
+ <para>In modo analogo, puoi aggiungere nuove directory creandole e poi
+ utilizzando <command>cvs add</command> su di esse. Nota che non
+ c'&egrave; bisogno di usare il commit sulle directory.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Rimuovi i file obsoleti con il comando
+ <command>remove</command>.</para>
+
+ <para>Rimuovi il file, quindi usa <command>cvs rm</command> su di esso,
+ ed infine <command>cvs commit</command>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Effettua il commit con il comando <command>commit</command> o
+ <command>checkin</command>.</para>
+
+ <table frame="none">
+ <title>Opzioni utili con <command>cvs commit</command></title>
+
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-f</option></entry>
+
+ <entry>Forza il commit di un file non modificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-m<replaceable>msg</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Specifica un messaggio di commit sulla riga di comando
+ anzich&eacute; invocare un editor.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Usa l'opzione <option>-f</option> se ti accorgi che hai lasciato
+ fuori informazioni importanti dal messaggio di commit.</para>
+
+ <para>Buoni messaggi di commit sono importanti. Dicono agli altri
+ perch&eacute; hai fatto le modifiche che hai fatto, non solo qui ed
+ ora, ma per mesi o anni quando qualcuno si chieder&agrave;
+ perch&eacute; dei pezzi di codice all'apparenza illogici o
+ inefficienti sono entrati nel file sorgente. &Egrave; inoltre un
+ aiuto inestimabile per decidere su quali modifiche va effettuato
+ l'MFC e su quali no.</para>
+
+ <para>I messaggi di commit devono essere chiari, concisi, e fornire
+ un ragionevole sommario per dare un'indicazione di cosa &egrave; stato
+ cambiato e perch&eacute;.</para>
+
+ <para>I messaggi di commit devono fornire abbastanza informazioni
+ affinch&eacute; una terza parte possa decidere se la modifica &egrave;
+ rilevante per lei e se debba leggere la modifica stessa.</para>
+
+ <para>Evita di effettuare il commit di pi&ugrave; modifiche scollegate
+ in una volta sola. Questo rende difficile la fusione, e inoltre rende
+ pi&ugrave; complicato determinare quale modifica &egrave; colpevole
+ se salta fuori un bug.</para>
+
+ <para>Evita di effettuare il commit di correzioni di stile o di
+ spaziatura insieme a correzioni di funzionalit&agrave;. Questo rende
+ difficile la fusione, e inoltre rende pi&ugrave; complicato capire
+ quali modifiche alle funzionalit&agrave; sono state fatte. Nel caso
+ di file di documentazione, pu&ograve; rendere il lavoro dei gruppi
+ di traduzione pi&ugrave; complicato, visto che diventa difficile per
+ loro determinare esattamente quali modifiche al contenuto vanno
+ tradotte.</para>
+
+ <para>Evita di effettuare il commit di cambiamenti a pi&ugrave; file
+ con un unico messaggio generico o vago. Invece, effettua il commit
+ di un file alla volta (o di piccoli gruppi di file correlati) con un
+ messaggio di commit appropriato.</para>
+
+ <para>Prima di effettuare il commit, devi
+ <emphasis>sempre</emphasis>:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>verificare su che ramo stai effettuando il commit, tramite
+ <command>cvs status</command>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>revisionare i tuoi cambiamenti, con
+ <command>cvs diff</command></para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Inoltre, devi SEMPRE specificare esplicitamente sulla riga di
+ comando su quali file deve essere effettuato il commit, in modo da non
+ toccare incidentalmente altri file non voluti - <command>cvs
+ commit</command> senza argomenti effettuer&agrave; il commit di ogni
+ modifica nella directory corrente ed ogni sottodirectory.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+
+ <para>Suggerimenti e trucchi aggiuntivi:</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>Puoi inserire le opzioni pi&ugrave; comunemente usate nel tuo
+ <filename>~/.cvsrc</filename>, come in questo caso:</para>
+
+ <programlisting>cvs -z3
+diff -Nu
+update -Pd
+checkout -P</programlisting>
+
+ <para>Questo esempio dice:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>usa sempre il livello di compressione 3 quando si parla con un
+ server remoto. Questo &egrave; un salvavita quando si lavora su
+ una connessione lenta.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>usa sempre le opzioni <option>-N</option> (visualizza i file
+ aggiunti o rimossi) e <option>-u</option> (formato diff unificato)
+ con &man.diff.1;.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>usa sempre le opzioni <option>-P</option> (elimina le
+ directory vuote) e <option>-d</option> (estrai le nuove directory)
+ quando si effettua l'update.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>usa sempre l'opzione <option>-P</option> (elimina le
+ directory vuote) quando si estrae.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Usa lo script <command>cdiff</command> di Eivind Eklund per
+ visualizzare le diff unificate. &Egrave; un wrapper per &man.less.1;
+ che aggiunge i codici colore ANSI per far risaltare le intestazioni
+ delle sezioni, le righe rimosse e quelle aggiunte; il contesto rimane
+ invariato. Inoltre espande i tab correttamente (i tab spesso appaiono
+ errati nelle diff a causa del carattere aggiuntivo all'inizio di ogni
+ riga).</para>
+
+ <para><ulink
+ url="http://people.FreeBSD.org/~eivind/cdiff">http://people.FreeBSD.org/~eivind/cdiff</ulink></para>
+
+ <para>Semplicemente usalo al posto di &man.more.1; o
+ &man.less.1;:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs diff -Nu shazam | cdiff</userinput></screen>
+
+ <para>Alternativamente alcuni editor come &man.vim.1;
+ (<filename role="package">editors/vim5</filename>) hanno il supporto
+ al colore e quando vengono usati con l'evidenziazione della sintassi
+ attiva evidenzieranno molti tipi di file, incluse le diff, le patch,
+ e i log cvs/rcs.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>echo "syn on" &gt;&gt; ~/.vimrc </userinput>
+&prompt.user; <userinput>cvs diff -Nu shazam | vim -</userinput>
+&prompt.user; <userinput>cvs log shazam | vim -</userinput> </screen>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>CVS &egrave; vecchio, arcano, complesso e buggato, e a volte
+ esibisce comportamenti non deterministici che qualcuno sostiene siano
+ la prova che CVS non sia niente di pi&ugrave; di una manifestazione
+ Newtoniana di una entit&agrave; ultradimensionale sensibile.
+ Non &egrave; umanamente possibile conoscere ogni dettaglio di CVS,
+ quindi non essere dispiaciuto di chiedere aiuto all'Intelligenza
+ Artificiale (&a.cvs;).</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Non lasciare il comando <command>cvs commit</command> nella
+ modalit&agrave; di inserimento del messaggio di commit per troppo
+ tempo (pi&ugrave; di 2&ndash;3 minuti). Questo blocca la directory in
+ cui stai lavorando ed impedir&agrave; ad altri sviluppatori di
+ effettuare commit nella stessa directory. Se devi digitare un
+ messaggio di commit lungo, scrivilo prima di eseguire
+ <command>cvs commit</command>, e inseriscilo successivamente.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="conventions">
+ <title>Convenzioni e Tradizioni</title>
+
+ <para>Come nuovo committer ci sono alcune cose che dovresti fare
+ all'inizio.</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Aggiungere te stesso alla sezione <quote>Developers</quote> della
+ <ulink url="../contributors/index.html">Contributors List</ulink> e
+ rimuovere te stesso dalla sezione <quote>Additional
+ Contributors</quote>. Una volta fatto ci&ograve;, non dimenticarti
+ di aggiungere la tua entity di autore in
+ <filename>doc/en_US.ISO8859-1/share/sgml/authors.ent</filename>;
+ usa le altre voci come esempio.</para>
+
+ <para>Questo &egrave; un compito relativamente semplice, ma rimane una
+ buona prima prova delle tue abilit&agrave; con CVS.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Aggiungi una voce per te stesso in
+ <filename>www/en/news/news.xml</filename>. Guarda le altre voci che
+ assomigliano a <quote>A new committer</quote> e segui il
+ formato.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Se hai una chiave PGP o GnuPG, potresti volerla aggiungere in
+ <filename>doc/en_US.ISO8859-1/books/handbook/pgpkeys</filename>.</para>
+
+ <para>&a.des; ha scritto uno script di shell per rendere questa
+ operazione molto semplice. Guarda il file <ulink
+ url="http://cvsweb.FreeBSD.org/doc/en_US.ISO8859-1/books/handbook/pgpkeys/README">README</ulink>
+ per maggiori informazioni.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Alcune persone aggiungono una voce per se stessi in
+ <filename>ports/astro/xearth/files/freebsd.committers.markers</filename>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Alcune persone aggiungono una voce per se stessi in
+ <filename>src/usr.bin/calendar/calendars/calendar.freebsd</filename>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Presentati agli altri committer, altrimenti nessuno avr&agrave;
+ idea di chi tu sia o di cosa ti occupi. Non devi scrivere una
+ biografia completa, basta un paragrafo o due su chi sei e su quello
+ di cui hai intenzione di occuparti come committer di FreeBSD.
+ Invialo alla &a.developers; e sarai sulla strada giusta!</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Loggati su <hostid>hub.FreeBSD.org</hostid> e crea un file
+ <filename>/var/forward/<replaceable>utente</replaceable></filename>
+ (dove <replaceable>utente</replaceable> &egrave; il tuo nome utente)
+ contenente l'indirizzo e-mail dove vuoi che i messaggi indirizzati a
+ <replaceable>tuonomeutente</replaceable>@FreeBSD.org siano inoltrati.
+ Questo include tutti i messaggi di commit cos&igrave; come ogni altro
+ messaggio inviato alla &a.committers; e alla &a.developers;. Caselle
+ di posta veramente grandi che hanno preso residenza fissa su
+ <hostid>hub</hostid> spesso vengono <quote>accidentalmente</quote>
+ troncate senza preavviso, quindi inoltra o leggi i messaggi in modo da
+ non perderli.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Se sei iscritto alla &a.cvsall;, probabilmente vorrai
+ disiscriverti per evitare di ricevere copie doppie dei messaggi di
+ commit e della loro evoluzione.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Tutti i nuovi committer hanno un mentore assegnato a loro per i primi
+ mesi. Il tuo mentore &egrave; pi&ugrave; o meno responsabile di
+ spiegarti ogni cosa ti sia poco chiara ed &egrave; anche responsabile
+ delle tue azioni durante questo periodo iniziale. Se fai un commit
+ errato, imbarazzerai il tuo mentore e probabilmente dovresti passare
+ almeno i primi commit a lui prima di agire direttamente sul
+ repository.</para>
+
+ <para>Tutti i commit dovrebbero andare su &os.current; prima di essere
+ fusi in &os.stable;. Nessuna nuova caratteristica importante o modifica
+ ad alto rischio dovrebbe essere fatta sul ramo &os.stable;.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="developer.relations">
+ <title>Relazioni tra Sviluppatori</title>
+
+ <para>Se stai lavorando direttamente sul tuo codice o su codice che &egrave;
+ gi&agrave; stabilito essere di tua responsabilit&agrave;, allora
+ c'&egrave; probabilmente poca necessit&agrave; di confrontarsi con altri
+ committer prima di effettuare un commit. Se vedi un bug in un'area del
+ sistema che &egrave; chiaramente orfana (e ce n'&egrave; qualcuna di
+ queste aree, per nostra vergogna), agisci allo stesso modo. Se, tuttavia,
+ stai per modificare qualcosa che &egrave; chiaramente mantenuto
+ attivamente da qualcun'altro (ed &egrave; solo guardando la mailing list
+ <literal>cvs-committers</literal> che puoi veramente sapere cosa &egrave;
+ e cosa non &egrave;) allora invia le modifiche a lui, come avresti
+ fatto prima di diventare committer. Per i port, dovresti contattare il
+ <makevar>MAINTAINER</makevar> specificato nel
+ <filename>Makefile</filename>. Per altre parti del repository, se non sei
+ sicuro di chi possa essere il maintainer attivo, potrebbe essere utile
+ scorrere l'output di <command>cvs log</command> per vedere chi ha
+ effettuato delle modifiche in passato. &a.fenner; ha scritto un utile
+ script di shell che pu&ograve; aiutare a determinare chi sia il
+ maintainer attivo. Questo elenca ogni persona che ha effettuato commit
+ su un file specifico con il numero di commit che ha fatto. Pu&ograve;
+ essere trovato su <hostid>freefall</hostid> in
+ <filename>~fenner/bin/whodid</filename>. Se alle tue richieste non
+ corrisponde una risposta o se il committer in altro modo dimostra uno
+ scarso interesse nell'area oggetto della modifica, vai avanti ed effettua
+ il commit tu stesso.</para>
+
+ <para>Se non sei sicuro di un commit per qualunque motivo, fallo revisionare
+ da <literal>-hackers</literal> prima di effettuare il commit. Meglio
+ che sia criticato l&igrave; piuttosto che quando &egrave; parte del
+ repository CVS. Se ti capita di effettuare un commit che provoca
+ controversie, potresti voler considerare l'annullamento delle modifiche
+ finch&eacute; il problema sia chiarito. Ricorda &ndash; con CVS possiamo
+ sempre tornare indietro.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="gnats">
+ <title>GNATS</title>
+
+ <para>Il FreeBSD Project utilizza <application>GNATS</application> per
+ gestire i bug e le richieste di cambiamenti. Assicurati di usare
+ <command>edit-pr <replaceable>numero-pr</replaceable></command> su
+ <hostid>freefall</hostid> quando effettui il commit di una correzione o di
+ un suggerimento trovato in un PR <application>GNATS</application> per
+ chiuderlo. &Egrave; inoltre considerato gentile se trovi il tempo di
+ chiudere ogni PR associato al tuo commit, se esistono. Puoi anche usare
+ &man.send-pr.1; tu stesso per proporre qualsiasi cambiamento che pensi
+ debba essere fatto, a seguito di una maggiore revisione da parte di altre
+ persone.</para>
+
+ <para>Puoi trovare di pi&ugrave; su <application>GNATS</application>
+ su:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para><ulink
+ url="http://www.cs.utah.edu/csinfo/texinfo/gnats/gnats.html">http://www.cs.utah.edu/csinfo/texinfo/gnats/gnats.html</ulink></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para><ulink
+ url="../../../../support.html">http://www.FreeBSD.org/support.html</ulink></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para><ulink
+ url="../../../../send-pr.html">http://www.FreeBSD.org/send-pr.html</ulink></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>&man.send-pr.1;</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Puoi far girare una copia locale di GNATS, e poi integrare l'albero
+ GNATS di FreeBSD in esso tramite CVSup. In seguito puoi usare i comandi
+ GNATS localmente, o usare altre interfacce, come
+ <command>tkgnats</command>. Questo ti permette di interrogare il database
+ dei PR senza bisogno di essere connesso a Internet.</para>
+
+ <procedure>
+ <title>Utilizzo di un albero GNATS locale</title>
+
+ <step>
+ <para>Se non stai gi&agrave; scaricando l'albero GNATS, aggiungi questa
+ riga al tuo <filename>supfile</filename>, e riesegui &man.cvsup.1;.
+ Nota che siccome GNATS non &egrave; sotto
+ il controllo di CVS non ha tag, quindi se lo stai aggiungendo al tuo
+ <filename>supfile</filename> esistente deve apparire prima di ogni
+ voce <quote>tag=</quote> dato che queste rimangono attive una volta
+ impostate.</para>
+
+ <programlisting>gnats release=current prefix=/usr</programlisting>
+
+ <para>Questo metter&agrave; l'albero GNATS di FreeBSD in
+ <filename>/usr/gnats</filename>. Puoi usare un file
+ <emphasis>refuse</emphasis> per controllare quali categorie ricevere.
+ Per esempio, per ricevere solo i PR <literal>docs</literal>, metti
+ questa riga in <filename>/usr/local/etc/cvsup/sup/refuse</filename>
+ <footnote>
+ <para>Il percorso preciso dipende dall'impostazione
+ <literal>*default base</literal> nel tuo
+ <filename>supfile</filename>.</para>
+ </footnote>.</para>
+
+ <programlisting>gnats/[a-ce-z]*</programlisting>
+
+ <para>Il resto di questi esempi assume che tu abbia scaricato solo la
+ categoria <literal>docs</literal>. Modificali quando &egrave;
+ necessario, a seconda delle categorie che tieni in sincronia.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Installa il port GNATS da
+ <filename>ports/databases/gnats</filename>. Questo metter&agrave; le
+ varie directory GNATS sotto
+ <filename>$PREFIX/share/gnats</filename>.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Crea un symlink per le directory GNATS che aggiorni tramite CVSup
+ sotto la versione di GNATS che hai installato.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/local/share/gnats/gnats-db</userinput>
+&prompt.root; <userinput>ln -s /usr/gnats/docs</userinput></screen>
+
+ <para>Ripeti tante volte quanto necessario, a seconda di quante
+ categorie GNATS tieni in sincronia.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Aggiorna il file <filename>categories</filename> di GNATS con
+ queste categorie. Il file &egrave;
+ <filename>$PREFIX/share/gnats/gnats-db/gnats-adm/categories</filename>.</para>
+
+ <programlisting># Questa categoria &egrave; obbligatoria
+pending:Categoria per i PR errati:gnats-admin:
+#
+# Categorie di FreeBSD
+#
+docs:Bug di Documentazione:nik:</programlisting>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Esegui <filename>$PREFIX/libexec/gnats/gen-index</filename> per
+ ricreare l'indice GNATS. L'output deve essere reindirizzato su
+ <filename>$PREFIX/share/gnats/gnats-db/gnats-adm/index</filename>.
+ Puoi fare questo periodicamente da &man.cron.8;, o eseguire
+ &man.cvsup.1; da uno script di shell che fa anche questo.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/libexec/gnats/gen-index \
+ > /usr/local/share/gnats/gnats-db/gnats-adm/index</userinput></screen>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Verifica la configurazione interrogando il database dei PR.
+ Questo comando visualizza i PR <literal>docs</literal> aperti.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>query-pr -c docs -s open</userinput></screen>
+
+ <para>Anche altre interfacce, come quella fornita dal port <filename
+ role="package">databases/tkgnats</filename>, dovrebbero funzionare
+ correttamente.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Prendi un PR e chiudilo.</para>
+ </step>
+ </procedure>
+
+ <note>
+ <para>Questa procedura funziona solo per permetterti di visualizzare ed
+ interrogare i PR localmente. Per modificarli o chiuderli dovrai ancora
+ loggarti su <hostid>freefall</hostid> e farlo da l&igrave;.</para>
+ </note>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="people">
+ <title>Chi &egrave; Chi</title>
+
+ <para>Oltre ai meister del repository, ci sono altri membri e team del
+ FreeBSD Project che probabilmente arriverai a conoscere nel tuo ruolo di
+ committer. Brevemente, e senza pretesa di elencarli tutti, questi
+ sono:</para>
+
+ <variablelist>
+ <varlistentry>
+ <term>&a.jhb;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>John &egrave; il manager dell'SMPng Project, e ha
+ autorit&agrave; sulla progettazione architetturale e
+ sull'implementazione del passaggio a un sistema di threading e
+ locking del kernel a grana fine. &Egrave; anche l'autore
+ dell'SMPng Architecture Document. Se stai lavorando sullo stesso
+ sistema, coordinati con John. Puoi imparare di pi&ugrave;
+ sull'SMPng Project dalla sua home page: <ulink
+ url="http://www.FreeBSD.org/smp/">http://www.FreeBSD.org/smp/</ulink></para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.jake;, &a.tmm;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Jake e Thomas sono i maintainer del port sull'architettura
+ sparc64.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.nik;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Nik supervisiona il <ulink
+ url="../../../../docproj/index.html">Documentation Project</ulink>.
+ Oltre a scrivere documentazione mette insieme l'infrastruttura
+ sotto <filename>doc/share/mk</filename> e i fogli di stile e il
+ codice relativo sotto <filename>doc/share/sgml</filename>. Se hai
+ domande su questi sei incoraggiato a inviarle attraverso la &a.doc;.
+ I committer interessati a contribuire alla documentazione
+ dovrebbero familiarizzare con il <ulink
+ url="../../../en_US.ISO8859-1/books/fdp-primer/index.html">Documentation
+ Project Primer</ulink>.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.ru;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Ruslan &egrave; Mister &man.mdoc.7;. Se stai scrivendo una
+ pagina man e hai bisogno di qualche suggerimento sulla struttura,
+ o sul linguaggio di markup, chiedi a Ruslan.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.bde;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Bruce &egrave; lo Style Police-Meister. Quando fai un commit
+ che poteva essere fatto meglio, Bruce sar&agrave; l&igrave; a
+ dirtelo. Ringrazia che qualcuno lo sia. Bruce conosce anche molto
+ bene gli standard applicabili a FreeBSD.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.gallatin;</term>
+ <term>&a.mjacob;</term>
+ <term>&a.dfr;</term>
+ <term>&a.obrien;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questi sono gli sviluppatori e i supervisori primari della
+ piattaforma DEC Alpha AXP.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.dg;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>David &egrave; il supervisore del sistema VM. Se hai in mente
+ una modifica al sistema VM, coordinala con David.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.dfr;</term>
+ <term>&a.marcel;</term>
+ <term>&a.peter;</term>
+ <term>&a.ps;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questi sono i principali sviluppatori e supervisori della
+ piattaforma Intel IA-64, ufficialmente conosciuta come l'Itanium
+ Processor Family (IPF).</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.murray;</term>
+ <term>&a.steve;</term>
+ <term>&a.rwatson;</term>
+ <term>&a.jhb;</term>
+ <term>&a.bmah;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questi sono i membri del &a.re;. Questo team &egrave;
+ responsabile di decidere i tempi delle release e controllare il
+ processo di release. Durante i periodi di congelamento del
+ codice, gli ingegneri di release hanno l'autorit&agrave; finale su
+ tutte le modifiche al sistema per quel ramo di cui si sta preparando
+ la release. Se c'&egrave; qualcosa che vuoi sia fuso da
+ &os.current; a &os.stable; (qualsiasi valore queste possano avere
+ in un dato momento), queste sono le persone con cui devi
+ parlare.</para>
+
+ <para>Bruce &egrave; anche l'autore della documentazione di
+ release (<filename>src/release/doc/*</filename>). Se effettui il
+ commit di una modifica che pensi sia degna di menzione nelle note
+ di release, assicurati che Bruce lo sappia. Meglio ancora, inviagli
+ una patch con il tuo commento.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.benno;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Benno &egrave; il maintainer ufficiale del port per
+ PowerPC.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.brian;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Maintainer ufficiale di
+ <filename>/usr/sbin/ppp</filename>.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.nectar;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Jacques &egrave; il <ulink url="../../../../security/">FreeBSD
+ Security Officer</ulink> e supervisiona il
+ &a.security-officer;.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.wollman;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Se hai bisogno di consigli sulle oscure parti interne delle reti
+ o non sei sicuro di qualche eventuale modifica al sottosistema di
+ rete che hai in mente, Garrett &egrave; qualcuno con cui parlare.
+ Garret &egrave; inoltre molto esperto sui vari standard applicabili
+ a FreeBSD.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.committers;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>cvs-committers &egrave; l'entit&agrave; che CVS usa per inviarti
+ tutti i messaggi di commit. Non devi <emphasis>mai</emphasis>
+ inviare email direttamente a questa lista. Puoi solamente
+ rispondere a questa lista quando i messaggi sono brevi e
+ direttamente correlati a un commit.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.developers;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>developers comprende tutti i committer. Questa lista &egrave;
+ stata creata per essere un forum sulle questioni della
+ <quote>comunit&agrave;</quote> dei committer. Esempi sono le
+ votazioni per il Core, annunci, ecc. Questa lista
+ <emphasis>non</emphasis> &egrave; intesa come posto per la revisione
+ del codice o come rimpiazzo della &a.arch; o della &a.audit;.
+ Infatti usarla in questo modo urta il FreeBSD Project dato che
+ d&agrave; l'impressione di una lista privata dove vengono prese le
+ decisioni generali che influenzano tutta la comunit&agrave; che usa
+ FreeBSD senza essere rese <quote>pubbliche</quote>.
+ Ultimo, ma non per importanza <emphasis>mai e poi mai invia un
+ messaggio alla &a.developers; mettendo in CC:/BCC: un'altra lista
+ FreeBSD</emphasis>.
+ Mai e poi mai invia un messaggio su un'altra mailing list mettendo
+ in CC:/BCC: la &a.developers;. Fare questo pu&ograve; diminuire
+ enormemente i benefici di questa lista. Inoltre, non pubblicare o
+ inoltrare mai email inviate alla &a.developers;. L'atto di inviare
+ un messaggio alla &a.developers; anzich&eacute; a una lista
+ pubblica significa che le informazioni contenute non sono ad uso
+ pubblico.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+ </variablelist>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ssh.guide">
+ <title>Guida Rapida a SSH</title>
+
+ <procedure>
+ <step>
+ <para>Se stai usando FreeBSD 4.0 o successivo, OpenSSH &egrave; incluso
+ nel sistema base. Se stai usando una release precedente, aggiorna
+ ed installa uno dei port di SSH. In generale, probabilmente vorrai
+ prendere OpenSSH dal port <filename
+ role="package">security/openssh</filename>. Potresti anche voler
+ estrarre l'ssh1 originale dal port <filename
+ role="package">security/ssh</filename>, ma sii certo di porre la
+ dovuta attenzione alla sua licenza. Nota che questi port non possono
+ essere installati contemporaneamente.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Se non vuoi digitare la tua password ogni volta che usi
+ &man.ssh.1;, e usi chiavi RSA o DSA per autenticarti,
+ &man.ssh-agent.1; &egrave; l&igrave; per la tua comodit&agrave;.
+ Se vuoi usare &man.ssh-agent.1;, assicurati di eseguirlo prima di
+ utilizzare altre applicazioni. Gli utenti X, per esempio, solitamente
+ fanno questo dal loro file <filename>.xsession</filename> o
+ <filename>.xinitrc</filename>. Guarda &man.ssh-agent.1; per i
+ dettagli.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Genera un paio di chiavi con &man.ssh-keygen.1;. Le chiavi
+ finiranno nella tua directory
+ <filename><envar>$HOME</envar>/.ssh</filename>.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Invia la tua chiave pubblica
+ (<filename><envar>$HOME</envar>/.ssh/identity.pub</filename>)
+ alla persona che ti sta configurando come committer in modo che possa
+ inserirla nel file <filename>authorized_keys</filename> nella tua
+ home directory su <hostid>freefall</hostid> (ad esempio,
+ <filename><envar>$HOME</envar>/.ssh/authorized_keys</filename>).
+ </para>
+ </step>
+ </procedure>
+
+ <para>Ora dovresti essere in grado di usare &man.ssh-add.1; per autenticarti
+ una volta a sessione. Ti verr&agrave; richiesta la pass phrase della tua
+ chiave privata, e quindi verr&agrave; salvata nel tuo agente di
+ autenticazione (&man.ssh-agent.1;). Se non vuoi pi&ugrave; avere la tua
+ chiave salvata nell'agente, l'esecuzione di <command>ssh-add -d</command>
+ la rimuover&agrave;.</para>
+
+ <para>Verifica facendo qualcosa come <command>ssh freefall.FreeBSD.org ls
+ /usr</command>.</para>
+
+ <para>Per maggiori informazioni, guarda <filename
+ role="package">security/openssh</filename>, &man.ssh.1;,
+ &man.ssh-add.1;, &man.ssh-agent.1;, &man.ssh-keygen.1;, e
+ &man.scp.1;.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="rules">
+ <title>Il Lungo Elenco di Regole dei Committer di FreeBSD</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ports">
+ <title>FAQ Specifiche sui Port</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="perks">
+ <title>Benefici del Lavoro</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="misc">
+ <title>Domande Generali</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+</article>