aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/articles
diff options
context:
space:
mode:
authorMarc Fonvieille <blackend@FreeBSD.org>2002-09-22 10:47:32 +0000
committerMarc Fonvieille <blackend@FreeBSD.org>2002-09-22 10:47:32 +0000
commit68f259f776fb0dacf717d95068db7a4f4b5ba938 (patch)
treed0072fe3394d0a4e75d7f91dd0db29790fde1569 /it_IT.ISO8859-15/articles
parentae21ca12d7c83079d8557a819784f6858a05e551 (diff)
downloaddoc-68f259f776fb0dacf717d95068db7a4f4b5ba938.tar.gz
doc-68f259f776fb0dacf717d95068db7a4f4b5ba938.zip
New translations: committers-guide, euro, explaining-bsd and multi-os.
PR: docs/42926 Submitted by: Alex Dupre <sysadmin@alexdupre.com>
Notes
Notes: svn path=/head/; revision=14348
Diffstat (limited to 'it_IT.ISO8859-15/articles')
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile7
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc2
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile29
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml1509
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile14
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml383
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/Makefile14
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml593
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile14
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml761
10 files changed, 3323 insertions, 3 deletions
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
index 6e8de39901..a92958dd1c 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
@@ -1,10 +1,13 @@
# $FreeBSD$
SUBDIR =
+SUBDIR+= committers-guide
+SUBDIR+= euro
+SUBDIR+= explaining-bsd
SUBDIR+= filtering-bridges
+SUBDIR+= multi-os
SUBDIR+= new-users
-# ROOT_SYMLINKS+= new-users
-
DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../..
+
.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc
index 634a769c39..0ff2b6dcad 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc
@@ -1,4 +1,4 @@
-#
+#
# $FreeBSD$
#
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile
new file mode 100644
index 0000000000..a48603f040
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/Makefile
@@ -0,0 +1,29 @@
+#
+# $FreeBSD$
+#
+# Crea la Nuova Guida per i Committer di FreeBSD
+#
+
+MAINTAINER=sysadmin@alexdupre.com
+
+DOC?= article
+
+FORMATS?= html
+
+INSTALL_COMPRESSED?= gz
+INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
+
+JADEFLAGS+= -V %generate-article-toc%
+
+#
+# SRCS lista i singoli files SGML che compongono il documento. Modifiche
+# a qualunque di questi files obbligano la ricreazione
+#
+
+# Contenuto SGML
+SRCS= article.sgml
+
+DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
+
+.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
+
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
new file mode 100644
index 0000000000..9744e83a5e
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
@@ -0,0 +1,1509 @@
+<!--
+ The FreeBSD Italian Documentation Project
+
+ $FreeBSD$
+ Original revision: 1.133
+-->
+
+<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
+<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
+%man;
+
+<!ENTITY % freebsd PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Miscellaneous FreeBSD Entities//EN">
+%freebsd;
+
+<!ENTITY % authors PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Author Entities//EN">
+%authors;
+
+<!ENTITY % teams PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Team Entities//EN">
+%teams;
+
+<!ENTITY % mailing-lists PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Mailing List Entities//IT">
+%mailing-lists;
+
+<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
+%translators;
+]>
+
+<article lang="it">
+ <articleinfo>
+ <title>Guida del Committer</title>
+
+ <authorgroup>
+ <author>
+ <surname>The FreeBSD Italian Documentation Project</surname>
+ </author>
+ </authorgroup>
+
+ <pubdate>$FreeBSD$</pubdate>
+
+ <copyright>
+ <year>1999</year>
+
+ <year>2000</year>
+
+ <year>2001</year>
+
+ <year>2002</year>
+
+ <holder>The FreeBSD Italian Documentation Project</holder>
+ </copyright>
+
+ <abstract>
+ <para>Questo documento fornisce informazioni per la comunit&agrave; dei
+ committer di FreeBSD. Tutti i nuovi committer dovrebbero leggere
+ questo documento prima di iniziare, e i committer gi&agrave; esistenti
+ sono fortemente incoraggiati a riguardarselo di tanto in tanto.</para>
+
+ <para>Traduzione a cura di &a.it.alex;.</para>
+ </abstract>
+ </articleinfo>
+
+ <sect1 id="admin">
+ <title>Dettagli Amministrativi</title>
+
+ <informaltable frame="none" orient="port">
+ <tgroup cols="2">
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><emphasis>Host con il Repository
+ Principale</emphasis></entry>
+
+ <entry><hostid>freefall.FreeBSD.org</hostid></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>Metodi di Accesso</emphasis></entry>
+
+ <entry>&man.ssh.1;</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>CVSROOT Principale</emphasis></entry>
+
+ <entry><filename>/home/ncvs</filename></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>&a.cvs; Principali</emphasis></entry>
+
+ <entry>&a.peter; e &a.markm;, cos&igrave; come &a.joe; per i
+ <filename>ports/</filename></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>Mailing List</emphasis></entry>
+
+ <entry>&a.developers;, &a.committers;</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><emphasis>Tag CVS Degni di Nota</emphasis></entry>
+
+ <entry><literal>RELENG_4</literal> (4.X-STABLE),
+ <literal>HEAD</literal> (-CURRENT)</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>&Egrave richiesto l'uso di &man.ssh.1; o &man.telnet.1; con
+ Kerberos 5 per connettersi agli host con il repository. Questi sono
+ generalmente pi&ugrave; sicuri che un semplice &man.telnet.1; o
+ &man.rlogin.1; visto che la negoziazione delle credenziali avverr&agrave;
+ sempre in modo cifrato. Tutto il traffico &egrave; cifrato di default
+ con &man.ssh.1;. Insieme a programmi di utilit&agrave; come
+ &man.ssh-agent.1; e &man.scp.1;, anch'essi disponibili, &man.ssh.1;
+ &egrave; di gran lunga pi&ugrave; conveniente. Se non sai nulla di
+ &man.ssh.1;, guarda la <xref linkend="ssh.guide">.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="committer.types">
+ <title>Tipi di Bit di Commit</title>
+
+ <para>Il repository CVS di FreeBSD ha un numero di componenti che, se
+ combinati, supportano i sorgenti di base del sistema operativo, la
+ documentazione, l'infrastruttura dei port delle applicazioni di terze
+ parti, e vari programmi di utilit&agrave;. Quando vengono assegnati i bit
+ di commit di FreeBSD, vengono specificate le aree dell'albero dove il bit
+ pu&ograve; essere usato. Solitamente, le aree associate a un bit
+ corrispondono a quelle di chi ha autorizzato l'assegnamento del bit di
+ commit. Ulteriori aree di autorit&agrave; possono essere aggiunte in
+ seguito: se occorrer&agrave;, il committer dovr&agrave; seguire le
+ normali procedure di allocazione del bit di commit per quell'area
+ dell'albero, chiedendo l'approvazione all'entit&agrave; appropriata e
+ possibilmente prendendo un mentore per quell'area per un po' di
+ tempo.</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols="3">
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><emphasis>Tipo di Committer</emphasis></entry>
+
+ <entry><emphasis>Responsabile</emphasis></entry>
+
+ <entry><emphasis>Componenti dell'Albero</emphasis></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>src</entry>
+
+ <entry>core@</entry>
+
+ <entry>src/, doc/ soggetta ad appropriata revisione</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>doc</entry>
+
+ <entry>nik@</entry>
+
+ <entry>doc/, src/ documentazione</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>ports</entry>
+
+ <entry>portmgr@</entry>
+
+ <entry>ports/</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>I bit di commit assegnati prima dello sviluppo della nozione di aree
+ di autorit&agrave; possono essere usati in molte parti dell'albero.
+ Tuttavia, il buon senso dice che un committer che non ha mai lavorato
+ precedentemente in un'area dell'albero chieda una revisione del proprio
+ lavoro prima di effettuare il commit, chieda l'approvazione del
+ responsabile appropriato, e/o lavori d'accordo con un mentore. Dato che
+ le regole sulla manutenzione del codice differiscono a seconda dell'area
+ dell'albero, questo &egrave; per il bene del committer che lavora in
+ un'area poco familiare tanto quanto per gli altri che lavorano
+ sull'albero.</para>
+
+ <para>I committer sono incoraggiati a chiedere la revisione del proprio
+ lavoro come parte del normale processo di sviluppo, indifferentemente
+ dall'area dell'albero in cui stanno lavorando.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="cvs.operations">
+ <title>Operazioni sul CVS</title>
+
+ <para>Si assume che tu abbia gi&agrave; familiarit&agrave; con le operazioni
+ di base di CVS.</para>
+
+ <para>I &a.cvs; sono i <quote>proprietari</quote> del repository CVS e sono
+ responsabili di <emphasis>tutte</emphasis> le sue modifiche dirette allo
+ scopo di ripulire o sistemare dei gravi abusi di CVS da parte di un
+ committer. Nessun altro deve provare a toccare il repository
+ direttamente. Nel caso dovessi causare qualche problema al repository,
+ diciamo una errata operazione di <command>cvs import</command> o
+ <command>cvs tag</command>, <emphasis role="bold">non</emphasis> cercare
+ di sistemarla da solo!
+ Invia un messaggio ai &a.cvs; (o chiama uno di loro) ed esponi il problema
+ ad uno di loro invece. Gli unici che hanno il permesso di manipolare
+ direttamente i bit del repository sono i
+ <quote>repomeister</quote>.</para>
+
+ <para>Le operazioni sul CVS solitamente sono fatte loggandosi su
+ <hostid>freefall</hostid>, assicurandosi che la variabile di ambiente
+ <envar>CVSROOT</envar> sia impostata a <filename>/home/ncvs</filename>, e
+ quindi effettuando le appropriate operazioni di check-out/check-in.
+ Se desideri aggiungere qualcosa di totalmente nuovo (ad esempio dei
+ sorgenti in contrib, ecc.), deve essere usato <command>cvs
+ import</command>. Guarda come riferimento la pagina man di &man.cvs.1;
+ per l'utilizzo.</para>
+
+ <para>Tieni presente che quando usi CVS su <hostid>freefall</hostid>, devi
+ impostare la tua <literal>umask</literal> a <literal>2</literal>,
+ cos&igrave; come la variabile di ambiente <envar>CVSUMASK</envar> a
+ <literal>2</literal>. Questo assicura che ogni nuovo file creato tramite
+ <command>cvs add</command> abbia i corretti permessi.
+ Se aggiungi un file o una directory e scopri che il file nel repository
+ ha i permessi errati (per essere precisi, tutti i file nel repository
+ dovrebbero essere modificabili dal gruppo <literal>ncvs</literal>),
+ contatta uno dei meister del repository come descritto sopra.</para>
+
+ <para>Se sei abituato ad usare CVS da remoto e ti consideri abbastanza
+ pratico di CVS in generale, puoi anche effettuare le operazioni sul CVS
+ direttamente dalla tua macchina e dai tuoi sorgenti locali.
+ Ricordati solo di impostare <envar>CVS_RSH</envar> a
+ <literal>ssh</literal> cos&igrave; da usare un metodo di trasferimento
+ relativamente sicuro ed affidabile. Se non hai idea del significato di
+ quello che ho appena detto, allora continua a loggarti su
+ <hostid>freefall</hostid> ed ad applicare le tue diff con
+ &man.patch.1;.</para>
+
+ <para>Se devi usare le operazioni <command>add</command> e
+ <command>delete</command> di CVS come se fosse un'operazione &man.mv.1;,
+ allora va effettuata una copia nel repository piuttosto che usare
+ <command>add</command> e <command>delete</command> di CVS. In una
+ copia nel repository, un <link linkend="conventions">CVS Meister</link>
+ copier&agrave; il/i file nei loro nuovi nomi e/o locazioni e ti
+ avviser&agrave; ad operazione avvenuta. Lo scopo di una copia del
+ repository &egrave; di preservare la cronologia dei cambiamenti del file,
+ o i log. Noi del FreeBSD Project diamo molta importanza alla cronologia
+ dei cambiamenti che CVS fornisce al progetto.</para>
+
+ <para>Informazioni di riferimento, tutorial, e FAQ su CVS possono
+ essere trovate su: <ulink
+ url="http://www.cvshome.org/docs/">http://www.cvshome.org/docs/</ulink>,
+ e anche le informazioni contenute nei <ulink
+ url="http://cvsbook.red-bean.com/cvsbook.html">capitoli di Karl Fogel
+ da <quote>Open Source Development with CVS</quote></ulink> sono molto
+ utili.</para>
+
+ <para>&a.des; ha fornito inoltre il seguente <quote>mini manuale</quote> su
+ CVS.</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>Effettua il check out di un modulo con il comando
+ <command>co</command> o <command>checkout</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs checkout shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo estrae una copia del modulo <filename>shazam</filename>. Se
+ non c'&egrave; alcun modulo <filename>shazam</filename> nel file dei
+ moduli, cercher&agrave; allora una directory di primo livello chiamata
+ <filename>shazam</filename>.</para>
+
+ <table frame="none">
+ <title>Opzioni utili con <command>cvs checkout</command></title>
+
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-P</option></entry>
+
+ <entry>Non crea le directory vuote</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-l</option></entry>
+
+ <entry>Estrae solo un livello, non le sottodirectory</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-r<replaceable>ver</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Estrai la versione, il ramo, o il tag
+ <replaceable>ver</replaceable></entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-D<replaceable>data</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Estrai i sorgenti com'erano in data
+ <replaceable>data</replaceable></entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Esempi pratici su FreeBSD:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename>, che
+ corrisponde a <filename>src/sys/miscfs</filename>:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una directory chiamata <filename>miscfs</filename>
+ con le sottodirectory <filename>CVS</filename>,
+ <filename>deadfs</filename>, <filename>devfs</filename>, e
+ cos&igrave; via. Una di queste (<filename>linprocfs</filename>)
+ &egrave; vuota.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai gli stessi file, ma con il percorso completo:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co src/sys/miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una directory chiamata <filename>src</filename>,
+ con le sottodirectory <filename>CVS</filename> e
+ <filename>sys</filename>. <filename>src/sys</filename> ha le
+ sottodirectory <filename>CVS</filename> e
+ <filename>miscfs</filename>, ecc.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai gli stessi file, ma elimina le directory vuote:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -P miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una directory chiamata <filename>miscfs</filename>
+ con le sottodirectory <filename>CVS</filename>,
+ <filename>deadfs</filename>, <filename>devfs</filename>... ma nota
+ che non c'&egrave; nessuna sottodirectory
+ <filename>linprocfs</filename>, perch&eacute; non contiene alcun
+ file.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai la directory <filename>miscfs</filename>, ma nessuna
+ delle sue sottodirectory:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -l miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Ora hai una a directory chiamata <filename>miscfs</filename>
+ con solo una sottodirectory chiamata
+ <filename>CVS</filename>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'&egrave; nel
+ ramo 4.X:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -rRELENG_4 miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Puoi modificare i sorgenti ed effettuare il commit su questo
+ ramo.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'era nella
+ 3.4-RELEASE.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -rRELENG_3_4_0_RELEASE miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Non potrai effettuare il commit delle modifiche, visto che
+ <literal>RELENG_3_4_0_RELEASE</literal> corrisponde ad un
+ preciso istante di tempo, non a un ramo.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'era il 15
+ gennaio 2000.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -D'01/15/2000' miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Non potrai effettuare modifiche.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Estrai il modulo <filename>miscfs</filename> com'era una
+ settimana fa.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -D'last week' miscfs</userinput></screen>
+
+ <para>Non potrai effettuare modifiche.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Tieni presente che cvs salva i metadati in sottodirectory chiamate
+ <filename>CVS</filename>.</para>
+
+ <para>Gli argomenti di <option>-D</option> e <option>-r</option>
+ sono fissi, che vuol dire che cvs se li ricorder&agrave; in seguito,
+ ad esempio quando farai un <command>cvs update</command>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Controlla lo stato dei file estratti con il comando
+ <command>status</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs status shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo visualizza lo stato del file <filename>shazam</filename> o
+ di ogni file nella directory <filename>shazam</filename>. Per ogni
+ file, lo stato &egrave; uno fra:</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry>Up-to-date</entry>
+
+ <entry>Il file &agrave; aggiornato e non &egrave; stato
+ modificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>Needs Patch</entry>
+
+ <entry>Il file non &egrave; stato modificato, ma c'&egrave; una
+ nuova versione nel repository.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>Locally Modified</entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; aggiornato, ma &egrave; stato
+ modificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>Needs Merge</entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato modificato, e c'&egrave; una nuova
+ versione nel repository.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>File had conflicts on merge</entry>
+
+ <entry>Ci sono stati conflitti l'ultima volta che il file
+ &egrave; stato aggiornato, e non sono ancora stati
+ risolti.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>Vedrai anche la versione e la data locale, il numero dell'ultima
+ versione appropriata (<quote>ultima appropriata</quote> perch&eacute;
+ se hai una data, un tag o un ramo fissati, pu&ograve; non essere
+ l'ultima versione), e i tag, le date o le opzioni applicate.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Dopo avere estratto qualcosa, aggiornalo con il comando
+ <command>update</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs update shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo aggiorna il file <filename>shazam</filename> o il contenuto
+ della directory <filename>shazam</filename> all'ultima versione sul
+ ramo che hai estratto. Se hai estratto un <quote>preciso instante di
+ tempo</quote>, non fa nulla a meno che i tag non siano stati
+ spostati nel repository o qualche altra strana cosa sia in
+ corso.</para>
+
+ <para>Opzioni utili, in aggiunta a quelle elencate sopra, con
+ <command>checkout</command>:</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-d</option></entry>
+
+ <entry>Estrae ogni directory aggiuntiva mancante.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-A</option></entry>
+
+ <entry>Scarica l'ultima versione del ramo principale.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-j<replaceable>ver</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Altre magie (guarda sotto).</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>Se hai estratto un modulo con <option>-r</option> o
+ <option>-D</option>, l'esecuzione di <command>cvs update</command>
+ con un argomento differente di <option>-r</option> o
+ <option>-D</option> o con <option>-A</option> selezioner&agrave; un
+ nuovo ramo, una nuova versione o una nuova data.
+ L'opzione <option>-A</option> elimina tutti i tag, le date o le
+ versioni fissate mentre <option>-r</option> e <option>-D</option> ne
+ impostano di nuove.</para>
+
+ <para>Teoricamente, specificando <literal>HEAD</literal> come argomento
+ di <option>-r</option> avrai lo stesso risultato di
+ <option>-A</option>, ma &egrave; solo in teoria.</para>
+
+ <para>L'opzione <option>-d</option> &egrave; utile se:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>qualcuno ha aggiunto delle sottodirectory al modulo che hai
+ estratto dopo averlo estratto.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>hai estratto con <option>-l</option>, e dopo cambi idea e
+ vuoi estrarre anche le sottodirectory.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>hai cancellato delle sottodirectory e vuoi estrarle
+ nuovamente.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para><emphasis>Osserva l'output di <command>cvs update</command> con
+ cura</emphasis>. La lettera all'inizio di ogni file indica cosa
+ &egrave; stato fatto su di esso:</para>
+
+ <informaltable frame="none">
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><literal>U</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato aggiornato senza problemi.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><literal>P</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato aggiornato senza problemi (vedrai
+ questo solo quando lavorerai su un repository remoto).</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><literal>M</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato modificato, ed &egrave; stato
+ fuso senza conflitti.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><literal>C</literal></entry>
+
+ <entry>Il file &egrave; stato modificato, ed &egrave; stato
+ fuso con dei conflitti.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </informaltable>
+
+ <para>La fusione &egrave; ci&ograve; che avviene quando estrai una copia
+ di qualche codice sorgente, lo modifichi, quindi qualcun altro
+ effettua il commit di un'altra modifica, e tu esegui <command>cvs
+ update</command>. CVS nota che tu hai fatto dei cambiamenti locali, e
+ cerca di fondere le tue modifiche con quelle fatte tra la versione che
+ hai originariamente estratto e quella che stai aggiornando. Se i
+ cambiamenti sono a due parti separate del file, solitamente non ci
+ saranno problemi (sebbene il risultato possa non essere
+ sintatticamente o semanticamente corretto).</para>
+
+ <para>CVS stamper&agrave; una <literal>M</literal> davanti ad ogni file
+ modificato localmente anche se non c'&egrave; una nuova versione nel
+ repository, quindi <command>cvs update</command> &egrave; adatto
+ per avere un resoconto di quello che hai cambiato in locale.</para>
+
+ <para>Se appare una <literal>C</literal>, allora le tue modifiche sono
+ in conflitto con i cambiamenti presenti nel repository (le modifiche
+ sono sulle stesse righe, o righe vicine, o hai cambiato cos&igrave;
+ tanto il file locale che <command>cvs</command> non &egrave; in grado
+ di applicare le modifiche al repository). Dovrai allora andare a
+ modificare il file a mano e risolvere i conflitti; questi saranno
+ evidenziati da righe di simboli <literal>&lt;</literal>,
+ <literal>=</literal> e <literal>&gt;</literal>. Per ogni conflitto,
+ ci sar&agrave; una linea di demarcazione formata da sette
+ <literal>&lt;</literal> e il nome del file, seguita da una porzione di
+ quello che il tuo file locale conteneva, seguita da una riga di
+ separazione con sette <literal>=</literal>, seguita dalla porzione
+ corrispondente presente nella versione del repository, seguita da una
+ riga di separazione con sette <literal>&gt;</literal> e il numero di
+ versione che stai aggiornando.</para>
+
+ <para>L'opzione <option>-j</option> &egrave; un po' voodoo. Aggiorna
+ il file locale alla versione specificata come se avessi usato
+ <option>-r</option>, ma non cambia il numero di versione o il ramo
+ registrato del file locale. Non &egrave; realmente utile tranne
+ quando usata due volte, nel qual caso fonder&agrave; le modifiche
+ tra le due versioni specificate nella copia su cui stai
+ lavorando.</para>
+
+ <para>Per esempio, supponiamo che ti abbia effettuato il commit di una
+ modifica a <filename>shazam/shazam.c</filename> in &os.current; e che
+ pi&ugrave; tardi tu voglia effettuare l'MFC. Le modifiche che vuoi
+ fondere sono nella versione 1.15:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Estrai la versione &os.stable; del modulo
+ <filename>shazam</filename>:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs co -rRELENG_4 shazam</userinput></screen>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Applica le modifiche tra la ver 1.14 e la 1.15:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs update -j1.14 -j1.15 shazam/shazam.c</userinput></screen>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Quasi certamente avrai un conflitto a causa delle righe
+ <literal>$<!-- blocca l'espansione -->Id<!-- blocca l'espansione
+ -->$</literal> (o nel caso di FreeBSD, <literal>$<!-- blocca
+ l'espansione -->FreeBSD<!-- blocca l'espansione -->$</literal>),
+ quindi dovrai modificare a mano il file per risolvere il conflitto
+ (rimuovi le righe di separazione e la seconda linea
+ <literal>$<!-- blocca l'espansione -->Id<!-- blocca l'espansione
+ -->$</literal>, lasciando la linea <literal>$<!-- blocca
+ l'espansione -->Id<!-- blocca l'espansione -->$</literal>
+ originale intatta).</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Guarda le differenze tra la versione locale e quella sul
+ repository con il comando <command>diff</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs diff shazam</userinput></screen>
+
+ <para>mostra ogni modifica che hai fatto al file o al modulo
+ <filename>shazam</filename>.</para>
+
+ <table frame="none">
+ <title>Opzioni utili con <command>cvs diff</command></title>
+
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-u</option></entry>
+
+ <entry>Utilizza il formato diff unificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-c</option></entry>
+
+ <entry>Utilizza il formato diff contestuale.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-N</option></entry>
+
+ <entry>Visualizza i file mancanti o aggiunti.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Vorrai sempre utilizzare <option>-u</option>, visto che le diff
+ unificate sono molto pi&ugrave; semplici da leggere rispetto a quasi
+ tutti gli altri formati (in alcune circostanze, le diff contestuali
+ generate con l'opzione <option>-c</option> possono essere meglio, ma
+ sono molto pi&ugrave; voluminose). Una diff unificata consiste di una
+ serie di parti. Ogni parte inizia con una riga con due caratteri
+ <literal>@</literal> e specifica dove si trovano le differenze nel
+ file e su quante linee si estendono. Questa &egrave; seguita da un
+ certo numero di righe; alcune (precedute da uno spazio) fanno parte
+ del contesto; altre (precedute da un <literal>-</literal>) sono quelle
+ eliminate e altre ancora (precedute da un <literal>+</literal>) sono
+ quelle aggiunte.</para>
+
+ <para>Puoi anche effettuare una diff con una versione differente
+ rispetto a quella che hai estratto specificando la versione con
+ <option>-r</option> o <option>-D</option> come per il
+ <command>checkout</command> o l'<command>update</command>,
+ o anche visualizzare le differenze tra due versioni arbitrarie
+ (indipendentemente da quella che hai localmente) specificando
+ <emphasis>due</emphasis> versioni con <option>-r</option> o
+ <option>-D</option>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Guarda le righe di log con il comando
+ <command>log</command>.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs log shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Se <filename>shazam</filename> &egrave; un file, questo
+ stamper&agrave; un'<emphasis>intestazione</emphasis> con le
+ informazioni sul file, come la locazione nel repository dove il file
+ &egrave; salvato, a quale versione &egrave; l'<literal>HEAD</literal>
+ per questo file, in quali rami si trova il file, e qualsiasi tag
+ valido per questo file. Quindi, per ogni versione del file, viene
+ stampato un messaggio di log. Questo include la data e l'ora del
+ commit, chi ha fatto il commit, quante righe sono state aggiunte e/o
+ tolte, e alla fine il messaggio di log che il committer ha scritto
+ quando ha inviato la modifica.</para>
+
+ <para>Se <filename>shazam</filename> &egrave; una directory, allora le
+ informazioni di log descritte sopra vengono stampate a turno per ogni
+ file presente nella directory. A meno che tu abbia dato l'opzione
+ <option>-l</option> a <command>log</command>, vengono stampati anche
+ i log per tutte le sottodirectory di <filename>shazam</filename>, in
+ maniera ricorsiva.</para>
+
+ <para>Usa il comando <command>log</command> per vedere la storia di uno
+ o pi&ugrave; file, come &egrave; salvata nel repository CVS. Puoi
+ anche usarlo per vedere il messaggio di log di una versione specifica,
+ se aggiungi <option>-r<replaceable>ver</replaceable></option> al
+ comando <command>log</command>:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs log -r1.2 shazam</userinput></screen>
+
+ <para>Questo stamper&agrave; solamente il messaggio di log per la
+ versione <literal>1.2</literal> del file <filename>shazam</filename>
+ se &egrave; un file, oppure i messaggi di log per le versioni 1.2 di
+ ogni file sotto <filename>shazam</filename> se &egrave; una
+ directory.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Guarda chi ha fatto cosa con il comando
+ <command>annotate</command>. Questo comando visualizza ogni riga del
+ file o dei file specificati, insieme all'utente che ha modificato
+ pi&ugrave; recentemente quella riga.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs annotate shazam</userinput></screen>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Aggiungi nuovi file con il comando <command>add</command>.</para>
+
+ <para>Crea il file, usa <command>cvs add</command> su di esso, quindi
+ <command>cvs commit</command>.</para>
+
+ <para>In modo analogo, puoi aggiungere nuove directory creandole e poi
+ utilizzando <command>cvs add</command> su di esse. Nota che non
+ c'&egrave; bisogno di usare il commit sulle directory.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Rimuovi i file obsoleti con il comando
+ <command>remove</command>.</para>
+
+ <para>Rimuovi il file, quindi usa <command>cvs rm</command> su di esso,
+ ed infine <command>cvs commit</command>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Effettua il commit con il comando <command>commit</command> o
+ <command>checkin</command>.</para>
+
+ <table frame="none">
+ <title>Opzioni utili con <command>cvs commit</command></title>
+
+ <tgroup cols=2>
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry><option>-f</option></entry>
+
+ <entry>Forza il commit di un file non modificato.</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry><option>-m<replaceable>msg</replaceable></option></entry>
+
+ <entry>Specifica un messaggio di commit sulla riga di comando
+ anzich&eacute; invocare un editor.</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Usa l'opzione <option>-f</option> se ti accorgi che hai lasciato
+ fuori informazioni importanti dal messaggio di commit.</para>
+
+ <para>Buoni messaggi di commit sono importanti. Dicono agli altri
+ perch&eacute; hai fatto le modifiche che hai fatto, non solo qui ed
+ ora, ma per mesi o anni quando qualcuno si chieder&agrave;
+ perch&eacute; dei pezzi di codice all'apparenza illogici o
+ inefficienti sono entrati nel file sorgente. &Egrave; inoltre un
+ aiuto inestimabile per decidere su quali modifiche va effettuato
+ l'MFC e su quali no.</para>
+
+ <para>I messaggi di commit devono essere chiari, concisi, e fornire
+ un ragionevole sommario per dare un'indicazione di cosa &egrave; stato
+ cambiato e perch&eacute;.</para>
+
+ <para>I messaggi di commit devono fornire abbastanza informazioni
+ affinch&eacute; una terza parte possa decidere se la modifica &egrave;
+ rilevante per lei e se debba leggere la modifica stessa.</para>
+
+ <para>Evita di effettuare il commit di pi&ugrave; modifiche scollegate
+ in una volta sola. Questo rende difficile la fusione, e inoltre rende
+ pi&ugrave; complicato determinare quale modifica &egrave; colpevole
+ se salta fuori un bug.</para>
+
+ <para>Evita di effettuare il commit di correzioni di stile o di
+ spaziatura insieme a correzioni di funzionalit&agrave;. Questo rende
+ difficile la fusione, e inoltre rende pi&ugrave; complicato capire
+ quali modifiche alle funzionalit&agrave; sono state fatte. Nel caso
+ di file di documentazione, pu&ograve; rendere il lavoro dei gruppi
+ di traduzione pi&ugrave; complicato, visto che diventa difficile per
+ loro determinare esattamente quali modifiche al contenuto vanno
+ tradotte.</para>
+
+ <para>Evita di effettuare il commit di cambiamenti a pi&ugrave; file
+ con un unico messaggio generico o vago. Invece, effettua il commit
+ di un file alla volta (o di piccoli gruppi di file correlati) con un
+ messaggio di commit appropriato.</para>
+
+ <para>Prima di effettuare il commit, devi
+ <emphasis>sempre</emphasis>:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>verificare su che ramo stai effettuando il commit, tramite
+ <command>cvs status</command>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>revisionare i tuoi cambiamenti, con
+ <command>cvs diff</command></para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Inoltre, devi SEMPRE specificare esplicitamente sulla riga di
+ comando su quali file deve essere effettuato il commit, in modo da non
+ toccare incidentalmente altri file non voluti - <command>cvs
+ commit</command> senza argomenti effettuer&agrave; il commit di ogni
+ modifica nella directory corrente ed ogni sottodirectory.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+
+ <para>Suggerimenti e trucchi aggiuntivi:</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>Puoi inserire le opzioni pi&ugrave; comunemente usate nel tuo
+ <filename>~/.cvsrc</filename>, come in questo caso:</para>
+
+ <programlisting>cvs -z3
+diff -Nu
+update -Pd
+checkout -P</programlisting>
+
+ <para>Questo esempio dice:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>usa sempre il livello di compressione 3 quando si parla con un
+ server remoto. Questo &egrave; un salvavita quando si lavora su
+ una connessione lenta.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>usa sempre le opzioni <option>-N</option> (visualizza i file
+ aggiunti o rimossi) e <option>-u</option> (formato diff unificato)
+ con &man.diff.1;.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>usa sempre le opzioni <option>-P</option> (elimina le
+ directory vuote) e <option>-d</option> (estrai le nuove directory)
+ quando si effettua l'update.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>usa sempre l'opzione <option>-P</option> (elimina le
+ directory vuote) quando si estrae.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Usa lo script <command>cdiff</command> di Eivind Eklund per
+ visualizzare le diff unificate. &Egrave; un wrapper per &man.less.1;
+ che aggiunge i codici colore ANSI per far risaltare le intestazioni
+ delle sezioni, le righe rimosse e quelle aggiunte; il contesto rimane
+ invariato. Inoltre espande i tab correttamente (i tab spesso appaiono
+ errati nelle diff a causa del carattere aggiuntivo all'inizio di ogni
+ riga).</para>
+
+ <para><ulink
+ url="http://people.FreeBSD.org/~eivind/cdiff">http://people.FreeBSD.org/~eivind/cdiff</ulink></para>
+
+ <para>Semplicemente usalo al posto di &man.more.1; o
+ &man.less.1;:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>cvs diff -Nu shazam | cdiff</userinput></screen>
+
+ <para>Alternativamente alcuni editor come &man.vim.1;
+ (<filename role="package">editors/vim5</filename>) hanno il supporto
+ al colore e quando vengono usati con l'evidenziazione della sintassi
+ attiva evidenzieranno molti tipi di file, incluse le diff, le patch,
+ e i log cvs/rcs.</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>echo "syn on" &gt;&gt; ~/.vimrc </userinput>
+&prompt.user; <userinput>cvs diff -Nu shazam | vim -</userinput>
+&prompt.user; <userinput>cvs log shazam | vim -</userinput> </screen>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>CVS &egrave; vecchio, arcano, complesso e buggato, e a volte
+ esibisce comportamenti non deterministici che qualcuno sostiene siano
+ la prova che CVS non sia niente di pi&ugrave; di una manifestazione
+ Newtoniana di una entit&agrave; ultradimensionale sensibile.
+ Non &egrave; umanamente possibile conoscere ogni dettaglio di CVS,
+ quindi non essere dispiaciuto di chiedere aiuto all'Intelligenza
+ Artificiale (&a.cvs;).</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Non lasciare il comando <command>cvs commit</command> nella
+ modalit&agrave; di inserimento del messaggio di commit per troppo
+ tempo (pi&ugrave; di 2&ndash;3 minuti). Questo blocca la directory in
+ cui stai lavorando ed impedir&agrave; ad altri sviluppatori di
+ effettuare commit nella stessa directory. Se devi digitare un
+ messaggio di commit lungo, scrivilo prima di eseguire
+ <command>cvs commit</command>, e inseriscilo successivamente.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="conventions">
+ <title>Convenzioni e Tradizioni</title>
+
+ <para>Come nuovo committer ci sono alcune cose che dovresti fare
+ all'inizio.</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Aggiungere te stesso alla sezione <quote>Developers</quote> della
+ <ulink url="../contributors/index.html">Contributors List</ulink> e
+ rimuovere te stesso dalla sezione <quote>Additional
+ Contributors</quote>. Una volta fatto ci&ograve;, non dimenticarti
+ di aggiungere la tua entity di autore in
+ <filename>doc/en_US.ISO8859-1/share/sgml/authors.ent</filename>;
+ usa le altre voci come esempio.</para>
+
+ <para>Questo &egrave; un compito relativamente semplice, ma rimane una
+ buona prima prova delle tue abilit&agrave; con CVS.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Aggiungi una voce per te stesso in
+ <filename>www/en/news/news.xml</filename>. Guarda le altre voci che
+ assomigliano a <quote>A new committer</quote> e segui il
+ formato.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Se hai una chiave PGP o GnuPG, potresti volerla aggiungere in
+ <filename>doc/en_US.ISO8859-1/books/handbook/pgpkeys</filename>.</para>
+
+ <para>&a.des; ha scritto uno script di shell per rendere questa
+ operazione molto semplice. Guarda il file <ulink
+ url="http://cvsweb.FreeBSD.org/doc/en_US.ISO8859-1/books/handbook/pgpkeys/README">README</ulink>
+ per maggiori informazioni.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Alcune persone aggiungono una voce per se stessi in
+ <filename>ports/astro/xearth/files/freebsd.committers.markers</filename>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Alcune persone aggiungono una voce per se stessi in
+ <filename>src/usr.bin/calendar/calendars/calendar.freebsd</filename>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Presentati agli altri committer, altrimenti nessuno avr&agrave;
+ idea di chi tu sia o di cosa ti occupi. Non devi scrivere una
+ biografia completa, basta un paragrafo o due su chi sei e su quello
+ di cui hai intenzione di occuparti come committer di FreeBSD.
+ Invialo alla &a.developers; e sarai sulla strada giusta!</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Loggati su <hostid>hub.FreeBSD.org</hostid> e crea un file
+ <filename>/var/forward/<replaceable>utente</replaceable></filename>
+ (dove <replaceable>utente</replaceable> &egrave; il tuo nome utente)
+ contenente l'indirizzo e-mail dove vuoi che i messaggi indirizzati a
+ <replaceable>tuonomeutente</replaceable>@FreeBSD.org siano inoltrati.
+ Questo include tutti i messaggi di commit cos&igrave; come ogni altro
+ messaggio inviato alla &a.committers; e alla &a.developers;. Caselle
+ di posta veramente grandi che hanno preso residenza fissa su
+ <hostid>hub</hostid> spesso vengono <quote>accidentalmente</quote>
+ troncate senza preavviso, quindi inoltra o leggi i messaggi in modo da
+ non perderli.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Se sei iscritto alla &a.cvsall;, probabilmente vorrai
+ disiscriverti per evitare di ricevere copie doppie dei messaggi di
+ commit e della loro evoluzione.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Tutti i nuovi committer hanno un mentore assegnato a loro per i primi
+ mesi. Il tuo mentore &egrave; pi&ugrave; o meno responsabile di
+ spiegarti ogni cosa ti sia poco chiara ed &egrave; anche responsabile
+ delle tue azioni durante questo periodo iniziale. Se fai un commit
+ errato, imbarazzerai il tuo mentore e probabilmente dovresti passare
+ almeno i primi commit a lui prima di agire direttamente sul
+ repository.</para>
+
+ <para>Tutti i commit dovrebbero andare su &os.current; prima di essere
+ fusi in &os.stable;. Nessuna nuova caratteristica importante o modifica
+ ad alto rischio dovrebbe essere fatta sul ramo &os.stable;.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="developer.relations">
+ <title>Relazioni tra Sviluppatori</title>
+
+ <para>Se stai lavorando direttamente sul tuo codice o su codice che &egrave;
+ gi&agrave; stabilito essere di tua responsabilit&agrave;, allora
+ c'&egrave; probabilmente poca necessit&agrave; di confrontarsi con altri
+ committer prima di effettuare un commit. Se vedi un bug in un'area del
+ sistema che &egrave; chiaramente orfana (e ce n'&egrave; qualcuna di
+ queste aree, per nostra vergogna), agisci allo stesso modo. Se, tuttavia,
+ stai per modificare qualcosa che &egrave; chiaramente mantenuto
+ attivamente da qualcun'altro (ed &egrave; solo guardando la mailing list
+ <literal>cvs-committers</literal> che puoi veramente sapere cosa &egrave;
+ e cosa non &egrave;) allora invia le modifiche a lui, come avresti
+ fatto prima di diventare committer. Per i port, dovresti contattare il
+ <makevar>MAINTAINER</makevar> specificato nel
+ <filename>Makefile</filename>. Per altre parti del repository, se non sei
+ sicuro di chi possa essere il maintainer attivo, potrebbe essere utile
+ scorrere l'output di <command>cvs log</command> per vedere chi ha
+ effettuato delle modifiche in passato. &a.fenner; ha scritto un utile
+ script di shell che pu&ograve; aiutare a determinare chi sia il
+ maintainer attivo. Questo elenca ogni persona che ha effettuato commit
+ su un file specifico con il numero di commit che ha fatto. Pu&ograve;
+ essere trovato su <hostid>freefall</hostid> in
+ <filename>~fenner/bin/whodid</filename>. Se alle tue richieste non
+ corrisponde una risposta o se il committer in altro modo dimostra uno
+ scarso interesse nell'area oggetto della modifica, vai avanti ed effettua
+ il commit tu stesso.</para>
+
+ <para>Se non sei sicuro di un commit per qualunque motivo, fallo revisionare
+ da <literal>-hackers</literal> prima di effettuare il commit. Meglio
+ che sia criticato l&igrave; piuttosto che quando &egrave; parte del
+ repository CVS. Se ti capita di effettuare un commit che provoca
+ controversie, potresti voler considerare l'annullamento delle modifiche
+ finch&eacute; il problema sia chiarito. Ricorda &ndash; con CVS possiamo
+ sempre tornare indietro.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="gnats">
+ <title>GNATS</title>
+
+ <para>Il FreeBSD Project utilizza <application>GNATS</application> per
+ gestire i bug e le richieste di cambiamenti. Assicurati di usare
+ <command>edit-pr <replaceable>numero-pr</replaceable></command> su
+ <hostid>freefall</hostid> quando effettui il commit di una correzione o di
+ un suggerimento trovato in un PR <application>GNATS</application> per
+ chiuderlo. &Egrave; inoltre considerato gentile se trovi il tempo di
+ chiudere ogni PR associato al tuo commit, se esistono. Puoi anche usare
+ &man.send-pr.1; tu stesso per proporre qualsiasi cambiamento che pensi
+ debba essere fatto, a seguito di una maggiore revisione da parte di altre
+ persone.</para>
+
+ <para>Puoi trovare di pi&ugrave; su <application>GNATS</application>
+ su:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para><ulink
+ url="http://www.cs.utah.edu/csinfo/texinfo/gnats/gnats.html">http://www.cs.utah.edu/csinfo/texinfo/gnats/gnats.html</ulink></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para><ulink
+ url="../../../../support.html">http://www.FreeBSD.org/support.html</ulink></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para><ulink
+ url="../../../../send-pr.html">http://www.FreeBSD.org/send-pr.html</ulink></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>&man.send-pr.1;</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Puoi far girare una copia locale di GNATS, e poi integrare l'albero
+ GNATS di FreeBSD in esso tramite CVSup. In seguito puoi usare i comandi
+ GNATS localmente, o usare altre interfacce, come
+ <command>tkgnats</command>. Questo ti permette di interrogare il database
+ dei PR senza bisogno di essere connesso a Internet.</para>
+
+ <procedure>
+ <title>Utilizzo di un albero GNATS locale</title>
+
+ <step>
+ <para>Se non stai gi&agrave; scaricando l'albero GNATS, aggiungi questa
+ riga al tuo <filename>supfile</filename>, e riesegui &man.cvsup.1;.
+ Nota che siccome GNATS non &egrave; sotto
+ il controllo di CVS non ha tag, quindi se lo stai aggiungendo al tuo
+ <filename>supfile</filename> esistente deve apparire prima di ogni
+ voce <quote>tag=</quote> dato che queste rimangono attive una volta
+ impostate.</para>
+
+ <programlisting>gnats release=current prefix=/usr</programlisting>
+
+ <para>Questo metter&agrave; l'albero GNATS di FreeBSD in
+ <filename>/usr/gnats</filename>. Puoi usare un file
+ <emphasis>refuse</emphasis> per controllare quali categorie ricevere.
+ Per esempio, per ricevere solo i PR <literal>docs</literal>, metti
+ questa riga in <filename>/usr/local/etc/cvsup/sup/refuse</filename>
+ <footnote>
+ <para>Il percorso preciso dipende dall'impostazione
+ <literal>*default base</literal> nel tuo
+ <filename>supfile</filename>.</para>
+ </footnote>.</para>
+
+ <programlisting>gnats/[a-ce-z]*</programlisting>
+
+ <para>Il resto di questi esempi assume che tu abbia scaricato solo la
+ categoria <literal>docs</literal>. Modificali quando &egrave;
+ necessario, a seconda delle categorie che tieni in sincronia.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Installa il port GNATS da
+ <filename>ports/databases/gnats</filename>. Questo metter&agrave; le
+ varie directory GNATS sotto
+ <filename>$PREFIX/share/gnats</filename>.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Crea un symlink per le directory GNATS che aggiorni tramite CVSup
+ sotto la versione di GNATS che hai installato.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/local/share/gnats/gnats-db</userinput>
+&prompt.root; <userinput>ln -s /usr/gnats/docs</userinput></screen>
+
+ <para>Ripeti tante volte quanto necessario, a seconda di quante
+ categorie GNATS tieni in sincronia.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Aggiorna il file <filename>categories</filename> di GNATS con
+ queste categorie. Il file &egrave;
+ <filename>$PREFIX/share/gnats/gnats-db/gnats-adm/categories</filename>.</para>
+
+ <programlisting># Questa categoria &egrave; obbligatoria
+pending:Categoria per i PR errati:gnats-admin:
+#
+# Categorie di FreeBSD
+#
+docs:Bug di Documentazione:nik:</programlisting>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Esegui <filename>$PREFIX/libexec/gnats/gen-index</filename> per
+ ricreare l'indice GNATS. L'output deve essere reindirizzato su
+ <filename>$PREFIX/share/gnats/gnats-db/gnats-adm/index</filename>.
+ Puoi fare questo periodicamente da &man.cron.8;, o eseguire
+ &man.cvsup.1; da uno script di shell che fa anche questo.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/libexec/gnats/gen-index \
+ > /usr/local/share/gnats/gnats-db/gnats-adm/index</userinput></screen>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Verifica la configurazione interrogando il database dei PR.
+ Questo comando visualizza i PR <literal>docs</literal> aperti.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>query-pr -c docs -s open</userinput></screen>
+
+ <para>Anche altre interfacce, come quella fornita dal port <filename
+ role="package">databases/tkgnats</filename>, dovrebbero funzionare
+ correttamente.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Prendi un PR e chiudilo.</para>
+ </step>
+ </procedure>
+
+ <note>
+ <para>Questa procedura funziona solo per permetterti di visualizzare ed
+ interrogare i PR localmente. Per modificarli o chiuderli dovrai ancora
+ loggarti su <hostid>freefall</hostid> e farlo da l&igrave;.</para>
+ </note>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="people">
+ <title>Chi &egrave; Chi</title>
+
+ <para>Oltre ai meister del repository, ci sono altri membri e team del
+ FreeBSD Project che probabilmente arriverai a conoscere nel tuo ruolo di
+ committer. Brevemente, e senza pretesa di elencarli tutti, questi
+ sono:</para>
+
+ <variablelist>
+ <varlistentry>
+ <term>&a.jhb;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>John &egrave; il manager dell'SMPng Project, e ha
+ autorit&agrave; sulla progettazione architetturale e
+ sull'implementazione del passaggio a un sistema di threading e
+ locking del kernel a grana fine. &Egrave; anche l'autore
+ dell'SMPng Architecture Document. Se stai lavorando sullo stesso
+ sistema, coordinati con John. Puoi imparare di pi&ugrave;
+ sull'SMPng Project dalla sua home page: <ulink
+ url="http://www.FreeBSD.org/smp/">http://www.FreeBSD.org/smp/</ulink></para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.jake;, &a.tmm;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Jake e Thomas sono i maintainer del port sull'architettura
+ sparc64.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.nik;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Nik supervisiona il <ulink
+ url="../../../../docproj/index.html">Documentation Project</ulink>.
+ Oltre a scrivere documentazione mette insieme l'infrastruttura
+ sotto <filename>doc/share/mk</filename> e i fogli di stile e il
+ codice relativo sotto <filename>doc/share/sgml</filename>. Se hai
+ domande su questi sei incoraggiato a inviarle attraverso la &a.doc;.
+ I committer interessati a contribuire alla documentazione
+ dovrebbero familiarizzare con il <ulink
+ url="../../../en_US.ISO8859-1/books/fdp-primer/index.html">Documentation
+ Project Primer</ulink>.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.ru;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Ruslan &egrave; Mister &man.mdoc.7;. Se stai scrivendo una
+ pagina man e hai bisogno di qualche suggerimento sulla struttura,
+ o sul linguaggio di markup, chiedi a Ruslan.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.bde;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Bruce &egrave; lo Style Police-Meister. Quando fai un commit
+ che poteva essere fatto meglio, Bruce sar&agrave; l&igrave; a
+ dirtelo. Ringrazia che qualcuno lo sia. Bruce conosce anche molto
+ bene gli standard applicabili a FreeBSD.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.gallatin;</term>
+ <term>&a.mjacob;</term>
+ <term>&a.dfr;</term>
+ <term>&a.obrien;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questi sono gli sviluppatori e i supervisori primari della
+ piattaforma DEC Alpha AXP.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.dg;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>David &egrave; il supervisore del sistema VM. Se hai in mente
+ una modifica al sistema VM, coordinala con David.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.dfr;</term>
+ <term>&a.marcel;</term>
+ <term>&a.peter;</term>
+ <term>&a.ps;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questi sono i principali sviluppatori e supervisori della
+ piattaforma Intel IA-64, ufficialmente conosciuta come l'Itanium
+ Processor Family (IPF).</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.murray;</term>
+ <term>&a.steve;</term>
+ <term>&a.rwatson;</term>
+ <term>&a.jhb;</term>
+ <term>&a.bmah;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questi sono i membri del &a.re;. Questo team &egrave;
+ responsabile di decidere i tempi delle release e controllare il
+ processo di release. Durante i periodi di congelamento del
+ codice, gli ingegneri di release hanno l'autorit&agrave; finale su
+ tutte le modifiche al sistema per quel ramo di cui si sta preparando
+ la release. Se c'&egrave; qualcosa che vuoi sia fuso da
+ &os.current; a &os.stable; (qualsiasi valore queste possano avere
+ in un dato momento), queste sono le persone con cui devi
+ parlare.</para>
+
+ <para>Bruce &egrave; anche l'autore della documentazione di
+ release (<filename>src/release/doc/*</filename>). Se effettui il
+ commit di una modifica che pensi sia degna di menzione nelle note
+ di release, assicurati che Bruce lo sappia. Meglio ancora, inviagli
+ una patch con il tuo commento.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.benno;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Benno &egrave; il maintainer ufficiale del port per
+ PowerPC.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.brian;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Maintainer ufficiale di
+ <filename>/usr/sbin/ppp</filename>.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.nectar;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Jacques &egrave; il <ulink url="../../../../security/">FreeBSD
+ Security Officer</ulink> e supervisiona il
+ &a.security-officer;.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.wollman;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Se hai bisogno di consigli sulle oscure parti interne delle reti
+ o non sei sicuro di qualche eventuale modifica al sottosistema di
+ rete che hai in mente, Garrett &egrave; qualcuno con cui parlare.
+ Garret &egrave; inoltre molto esperto sui vari standard applicabili
+ a FreeBSD.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.committers;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>cvs-committers &egrave; l'entit&agrave; che CVS usa per inviarti
+ tutti i messaggi di commit. Non devi <emphasis>mai</emphasis>
+ inviare email direttamente a questa lista. Puoi solamente
+ rispondere a questa lista quando i messaggi sono brevi e
+ direttamente correlati a un commit.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>&a.developers;</term>
+
+ <listitem>
+ <para>developers comprende tutti i committer. Questa lista &egrave;
+ stata creata per essere un forum sulle questioni della
+ <quote>comunit&agrave;</quote> dei committer. Esempi sono le
+ votazioni per il Core, annunci, ecc. Questa lista
+ <emphasis>non</emphasis> &egrave; intesa come posto per la revisione
+ del codice o come rimpiazzo della &a.arch; o della &a.audit;.
+ Infatti usarla in questo modo urta il FreeBSD Project dato che
+ d&agrave; l'impressione di una lista privata dove vengono prese le
+ decisioni generali che influenzano tutta la comunit&agrave; che usa
+ FreeBSD senza essere rese <quote>pubbliche</quote>.
+ Ultimo, ma non per importanza <emphasis>mai e poi mai invia un
+ messaggio alla &a.developers; mettendo in CC:/BCC: un'altra lista
+ FreeBSD</emphasis>.
+ Mai e poi mai invia un messaggio su un'altra mailing list mettendo
+ in CC:/BCC: la &a.developers;. Fare questo pu&ograve; diminuire
+ enormemente i benefici di questa lista. Inoltre, non pubblicare o
+ inoltrare mai email inviate alla &a.developers;. L'atto di inviare
+ un messaggio alla &a.developers; anzich&eacute; a una lista
+ pubblica significa che le informazioni contenute non sono ad uso
+ pubblico.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+ </variablelist>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ssh.guide">
+ <title>Guida Rapida a SSH</title>
+
+ <procedure>
+ <step>
+ <para>Se stai usando FreeBSD 4.0 o successivo, OpenSSH &egrave; incluso
+ nel sistema base. Se stai usando una release precedente, aggiorna
+ ed installa uno dei port di SSH. In generale, probabilmente vorrai
+ prendere OpenSSH dal port <filename
+ role="package">security/openssh</filename>. Potresti anche voler
+ estrarre l'ssh1 originale dal port <filename
+ role="package">security/ssh</filename>, ma sii certo di porre la
+ dovuta attenzione alla sua licenza. Nota che questi port non possono
+ essere installati contemporaneamente.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Se non vuoi digitare la tua password ogni volta che usi
+ &man.ssh.1;, e usi chiavi RSA o DSA per autenticarti,
+ &man.ssh-agent.1; &egrave; l&igrave; per la tua comodit&agrave;.
+ Se vuoi usare &man.ssh-agent.1;, assicurati di eseguirlo prima di
+ utilizzare altre applicazioni. Gli utenti X, per esempio, solitamente
+ fanno questo dal loro file <filename>.xsession</filename> o
+ <filename>.xinitrc</filename>. Guarda &man.ssh-agent.1; per i
+ dettagli.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Genera un paio di chiavi con &man.ssh-keygen.1;. Le chiavi
+ finiranno nella tua directory
+ <filename><envar>$HOME</envar>/.ssh</filename>.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Invia la tua chiave pubblica
+ (<filename><envar>$HOME</envar>/.ssh/identity.pub</filename>)
+ alla persona che ti sta configurando come committer in modo che possa
+ inserirla nel file <filename>authorized_keys</filename> nella tua
+ home directory su <hostid>freefall</hostid> (ad esempio,
+ <filename><envar>$HOME</envar>/.ssh/authorized_keys</filename>).
+ </para>
+ </step>
+ </procedure>
+
+ <para>Ora dovresti essere in grado di usare &man.ssh-add.1; per autenticarti
+ una volta a sessione. Ti verr&agrave; richiesta la pass phrase della tua
+ chiave privata, e quindi verr&agrave; salvata nel tuo agente di
+ autenticazione (&man.ssh-agent.1;). Se non vuoi pi&ugrave; avere la tua
+ chiave salvata nell'agente, l'esecuzione di <command>ssh-add -d</command>
+ la rimuover&agrave;.</para>
+
+ <para>Verifica facendo qualcosa come <command>ssh freefall.FreeBSD.org ls
+ /usr</command>.</para>
+
+ <para>Per maggiori informazioni, guarda <filename
+ role="package">security/openssh</filename>, &man.ssh.1;,
+ &man.ssh-add.1;, &man.ssh-agent.1;, &man.ssh-keygen.1;, e
+ &man.scp.1;.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="rules">
+ <title>Il Lungo Elenco di Regole dei Committer di FreeBSD</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ports">
+ <title>FAQ Specifiche sui Port</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="perks">
+ <title>Benefici del Lavoro</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="misc">
+ <title>Domande Generali</title>
+
+ <para>Traduzione in corso</para>
+ </sect1>
+</article>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile
new file mode 100644
index 0000000000..886e21cc9d
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile
@@ -0,0 +1,14 @@
+# $FreeBSD$
+
+DOC?= article
+
+FORMATS?= html
+
+INSTALL_COMPRESSED?=gz
+INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
+
+SRCS= article.sgml
+
+DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
+
+.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml
new file mode 100644
index 0000000000..139ee91f58
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml
@@ -0,0 +1,383 @@
+<!--
+ The FreeBSD Italian Documentation Project
+
+ $FreeBSD$
+ Original revision: 1.3
+-->
+
+<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
+<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
+%man;
+<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
+%translators;
+]>
+
+<article lang="it">
+ <articleinfo>
+ <title>Il simbolo dell'Euro su <systemitem
+ class="osname">FreeBSD</systemitem></title>
+
+ <authorgroup>
+ <author>
+ <firstname>Aaron</firstname>
+
+ <surname>Kaplan</surname>
+
+ <affiliation>
+ <address><email>aaron@lo-res.org</email></address>
+ </affiliation>
+ </author>
+ </authorgroup>
+
+ <copyright>
+ <year>2002</year>
+
+ <holder>The FreeBSD Italian Documentation Project</holder>
+ </copyright>
+
+ <pubdate role="rcs">$FreeBSD$</pubdate>
+
+ <abstract>
+ <para>Questo documento cercher&agrave; di aiutarvi ad usare il nuovo
+ simbolo dell'<keycap>Euro</keycap> presente sulla vostra nuova tastiera
+ comprata all'inizio del 2002 per l'avvento della nuova valuta comune.
+ Inizieremo dalle parti pi&ugrave; importanti come essere in grado di
+ visualizzare correttamente il simbolo in console. Le sezioni successive
+ tratteranno la configurazione di specifici programmi come
+ <application>X11</application>.</para>
+
+ <para>Molti utili suggerimenti sono stati forniti da Oliver Fromm,
+ Tom Rhodes e innumerevoli altri.
+ Grazie! Senza di voi non sarebbe stato possibile realizzare questo
+ articolo!</para>
+
+ <para>Traduzione a cura di &a.it.dema;.</para>
+ </abstract>
+ </articleinfo>
+
+ <sect1>
+ <title>L'Euro in 5 minuti</title>
+
+ <para>Se avete gi&agrave; familiarit&agrave; con la
+ <ulink url="../../books/handbook/l10n.html">localizzazione</ulink> come
+ descritta nel Manuale di <systemitem class="osname">FreeBSD</systemitem>
+ potreste essere interessanti solamente alle seguenti informazioni che
+ vi consentiranno di iniziare velocemente ad usare l'Euro:</para>
+
+ <variablelist>
+ <varlistentry>
+ <term>ISO8859-15</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questa &egrave; una versione leggermente modificata della
+ pi&ugrave; comune mappa caratteri ISO8859-1.
+ Include il simbolo dell'Euro. Usata per le variabili d'ambiente
+ <envar>LANG</envar> e <envar>LC_CTYPE</envar>.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term><filename>iso15-8x16.fnt</filename></term>
+
+ <listitem>
+ <para>Il font per la console da usare con &man.vidcontrol.1;</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term><filename>/usr/share/syscons/keymaps/*.iso.kbd</filename></term>
+
+ <listitem>
+ <para>Mappe di tastiera per le diverse lingue. Impostate la vostra
+ variabile <literal>keymap</literal> in <filename>rc.conf</filename>
+ ad una di queste mappe.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term><envar>LC_CTYPE</envar></term>
+
+ <listitem>
+ <para>Usata per impostare il corretto tipo di caratteri nelle vostre
+ impostazioni locali.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term><literal>XkbLayout
+ "<replaceable>lingua</replaceable>(euro)"</literal></term>
+
+ <listitem>
+ <para>Opzione di configurazione di XFree86.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term><filename>/usr/X11R6/lib/X11/fonts/*/fonts.alias</filename></term>
+
+ <listitem>
+ <para>Assicuratevi di modificare i nomi dei vostri file dei font di
+ X11 a <literal>-*-..-*-iso8859-15</literal></para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+ </variablelist>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Nota generale</title>
+
+ <para>Nelle sezioni seguenti ci riferiremo spesso a
+ <emphasis>ISO8859-15</emphasis>.
+ Questa &egrave; la notazione standard a partire da
+ <systemitem class="osname">FreeBSD</systemitem> 4.5.
+ Nelle versioni pi&ugrave; vecchie la notazione standard era invece
+ <emphasis>ISO_8859-15</emphasis> oppure
+ <emphasis>DIS_8859-15</emphasis>.</para>
+
+ <para>Se state usando una versione di
+ <systemitem class="osname">FreeBSD</systemitem> pi&ugrave; vecchia,
+ assicuratevi di guardare in
+ <filename>/usr/share/locale/</filename> per scoprire quale notazione
+ &egrave; in uso nel vostro sistema.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>La console</title>
+
+ <sect2>
+ <title>Configurare il font della console</title>
+
+ <para>In base alla risoluzione e dimensione della vostra console
+ dovrete mettere una delle seguenti linee in
+ <filename>rc.conf</filename>:</para>
+
+ <programlisting>font8x16="iso15-8x16.fnt" # da /usr/share/syscons/fonts/*
+font8x14="iso15-8x14.fnt"
+font8x8="iso15-8x8.fnt"</programlisting>
+
+ <para>Questo imposter&agrave; effettivamente il font ISO8859-15 conosciuto
+ anche come Latin-9. ISO8859-15 &egrave; una variazione di ISO8859-1.
+ Potete notare la differenza tra i due esaminando il simbolo dell'Euro:
+ il suo valore decimale &egrave; 164. Nell'ISO8859-1 noterete un
+ cerchietto con quattro piccoli segnetti agli angoli. Questo &egrave;
+ spesso chiamato come "simbolo universale di valuta". Nell'ISO8859-15,
+ invece del cerchietto, avrete il simbolo dell'Euro. Per il resto i
+ font sono pi&ugrave; o meno identici.</para>
+
+ <warning>
+ <para>Al momento della stesura di questo articolo l'unico font
+ utilizzabile sembra essere l'<literal>iso15-8x16.fnt</literal>.
+ Gli altri sembrano avere l'aspetto dello ISO8859-1 sebbene il nome
+ suggerisca altrimenti.</para>
+ </warning>
+
+ <note>
+ <para>Impostando questo font alcune applicazioni da console avranno
+ un aspetto "rovinato". Questo &egrave; dovuto al fatto che esse si
+ aspettano di trovare un diverso set di font/caratteri come per esempio
+ l'ANSI 850. Un tipico esempio &egrave;
+ <application>/stand/sysintall</application>.
+ Comunque questo non dovrebbe essere un problema nella maggior parte
+ dei casi.</para>
+ </note>
+
+ <para>Il vostro prossimo passo dovrebbe essere o riavviare il vostro
+ sistema affinch&eacute; i cambiamenti abbiano effetto oppure
+ (manualmente) effettuare le modifiche nello stesso modo in cui
+ avverrebbero all'avvio:</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>vidcontrol -f <replaceable>iso15-8x16.fnt</replaceable></userinput></screen>
+
+ <para>Per controllare se il font &egrave; stato impostato eseguite il
+ seguente piccolo script
+ <command><anchor id="awk-test">awk</command>:</para>
+
+ <programlisting>#!/usr/bin/awk -f
+BEGIN {
+ for(i=160;i<180;i++)
+ printf"%3d %c\n",i,i
+}</programlisting>
+
+ <para>Il risultato dovrebbe mostrare il simbolo dell'Euro nella
+ posizione 164.</para>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Configurare la vostra tastiera per l'Euro</title>
+
+ <para>La maggior parte delle mappe di tastiera dovrebbe essere gi&agrave;
+ correttamente impostata. Per esempio, se avete una tastiera
+ italiana e vi funzionano le lettere accentate, potete tranquillamente
+ saltare questa sezione visto che la tastiera mappa correttamente la
+ combinazioni di caratteri, qualunque essa sia,
+ (ad esempio: <keycombo action=simul>
+ <keycap>Alt Gr</keycap>
+ <keycap>e</keycap>
+ </keycombo>) al valore decimale 164.
+ Se avete problemi la cosa migliore &egrave; controllare i file in
+ <filename>/usr/share/syscons/keymaps/*.kbd</filename>.
+ Il formato dei file delle mappe di tastiera &egrave; descritto in
+ &man.keyboard.4;. &man.kbdcontrol.1; pu&ograve; essere usato per
+ caricare una mappa personalizzata.</para>
+
+ <para>Una volta che &egrave; stata trovata la corretta mappa di tastiera,
+ dovete aggiungerla a <filename>/etc/rc.conf</filename> con la
+ linea:</para>
+
+ <programlisting>keymap="<replaceable>it.iso</replaceable>" # o un'altra mappa</programlisting>
+
+ <para>Come spiegato in precedenza, questo passo probabilmente lo avete
+ gi&agrave; fatto al momento dell'installazione (con
+ <application>sysinstall</application>).
+ In caso contrario, riavviate oppure caricate la nuova mappa con
+ &man.kbdcontrol.1;.</para>
+
+ <para>Per verificare la nuova mappatura della tastiera, passate ad una
+ nuova console e al prompt di login, <emphasis>invece di
+ loggarvi</emphasis>, provate a premere il tasto <keycap>Euro</keycap>.
+ Se non funziona assicuratevi di aver correttamente impostato la
+ giusta mappa di tastiera oppure inviate una segnalazione di bug
+ con &man.send-pr.1;.</para>
+
+ <note>
+ <para>Al momento il tasto Euro non funziona ancora in
+ <application>bash </application> o
+ <application>tcsh</application>.</para>
+ </note>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Correggere le variabili d'ambiente</title>
+
+ <para>Le shell (bash, tcsh) si basano sulla libreria &man.readline.3;
+ la quale a sua volta utilizza la variabile d'ambiente
+ <envar>LC_CTYPE</envar>. <envar>LC_CTYPE</envar> deve essere impostata
+ prima che la shell sia completamente operativa.
+ Fortunatamente &egrave; sufficiente aggiungere la linea:</para>
+
+ <programlisting>export LC_CTYPE=<replaceable>it_IT</replaceable>.ISO8859-15</programlisting>
+
+ <para>al vostro file <filename>.bash_profile</filename> (bash),
+ oppure:</para>
+
+ <programlisting>setenv LC_CTYPE <replaceable>it_IT</replaceable>.ISO8859-15</programlisting>
+
+ <para>al vostro file <filename>.login</filename> (tcsh). Naturalmente,
+ <replaceable>it_IT</replaceable> deve essere sostituito con la
+ vostra lingua. Poi, sloggatevi e riloggatevi nuovamente, e verificate
+ che il tasto Euro funzioni.
+ Gi&agrave; cos&igrave; la maggior parte delle applicazioni console
+ dovrebbe funzionare correttamente col tasto Euro.
+ Ulteriori configurazioni per programmi speciali come
+ <application>pine</application> potrebbero essere comunque
+ necessarie.</para>
+
+ <note>
+ <para>Un'alternativa alla modifica di <filename>.login</filename> e
+ <filename>.bash_profile</filename> &egrave; quella di impostare le
+ variabili d'ambiente tramite &man.login.conf.5;. Questo approccio
+ ha il vantaggio di assegnare classi di login a determinati utenti
+ (esempio, utenti Francesi, utenti Tedeschi, ecc.)
+ <emphasis>in un solo posto</emphasis>.</para>
+ </note>
+ </sect2>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Modificare X11</title>
+
+ <para>Modificate <filename>/etc/XF86Config</filename> secondo le
+ seguenti istruzioni:</para>
+
+ <programlisting>Option "XkbLayout" "<replaceable>it</replaceable>(euro)"</programlisting>
+
+ <para>Come sempre, rimpiazzate <replaceable>it</replaceable> con la
+ vostra lingua. Cos&igrave; facendo la tastiera dovrebbe essere
+ configurata correttamente. Come in console, deve essere scelto il font
+ adatto. Per le applicazioni <application>KDE</application> andate in
+ <application>KDE control center</application> -&gt;
+ Personalization -&gt; Country &amp; Language -&gt; Charset e
+ cambiatelo in <literal>ISO8859-15</literal>.
+ Simili modifiche si devono effettuare per
+ <application>kmail</application> e altre applicazioni.</para>
+
+ <para>Un'altra buona idea &egrave; modificare i vostri file
+ <filename>fonts.alias</filename>.
+ In particolar modo il font <literal>fixed</literal> dovrebbe essere
+ modificato per usare la giusta mappa caratteri. Il file
+ <filename>/usr/X11R6/lib/X11/fonts/misc/fonts.alias</filename>
+ dell'autore &egrave; mostrato come esempio:</para>
+
+ <programlisting>! $Xorg: fonts.alias,v 1.3 2000/08/21 16:42:31 coskrey Exp $
+fixed -misc-fixed-medium-r-semicondensed--13-120-75-75-c-60-iso8859-15
+variable -*-helvetica-bold-r-normal-*-*-120-*-*-*-*-iso8859-15
+(...)</programlisting>
+
+ <para>Come in console, applicazioni speciali hanno ancora i font
+ ISO8859-1 configurati nei loro rispettivi database xrdb.
+ Un esempio importante &egrave; <application>xterm</application>.
+ Come regola generale &egrave; sufficiente cambiare il corrispondente file
+ di configurazione in
+ <filename>/usr/X11R6/lib/X11/app-defaults</filename>
+ e aggiungere il font corretto. Ecco come fare per
+ <application>xterm</application>.</para>
+
+ <screen>&prompt.root; cd /usr/X11R6/lib/X11/app-defaults/
+&prompt.root; vi XTerm</screen>
+
+ <para>Aggiungete la seguente linea all'inizio del file:</para>
+
+ <programlisting>*font: -misc-fixed-medium-r-normal-*-*-120-*-*-c-*-iso8859-15</programlisting>
+
+ <para>Infine, fate ripartire X e assicuratevi che i font siano
+ visualizzati correttamente eseguendo il precedente
+ <link linkend="awk-test">script awk</link>.
+ Tutte le principali applicazioni dovrebbero rispettare la mappatura di
+ tastiera e l'impostazione del font.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Problemi non ancora risolti</title>
+
+ <para>Naturalmente, l'autore gradirebbe ricevere i vostri commenti.
+ Inoltre, fatemi almeno sapere se avete soluzioni per questi problemi
+ irrisolti.</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Descrivere metodi alternativi per configurare XFree86:
+ <filename role="package">x11/xkeycaps</filename></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Impostazioni in <application>GNOME</application></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Impostazioni in <application>XFCE</application></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Impostazioni per <application>(X)Emacs</application></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Descrivere l'UTF-8</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Descrivere <application>libiconv</application> come un buon
+ sistema per convertire applicazioni da ISO8859-15 a UTF-{8,16}</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </sect1>
+</article>
+
+<!--
+ Local Variables:
+ mode: sgml
+ sgml-indent-data: t
+ sgml-omittag: nil
+ sgml-always-quote-attributes: t
+ End:
+-->
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/Makefile
new file mode 100644
index 0000000000..886e21cc9d
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/Makefile
@@ -0,0 +1,14 @@
+# $FreeBSD$
+
+DOC?= article
+
+FORMATS?= html
+
+INSTALL_COMPRESSED?=gz
+INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
+
+SRCS= article.sgml
+
+DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
+
+.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml
new file mode 100644
index 0000000000..b65bd92208
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml
@@ -0,0 +1,593 @@
+<!--
+ The FreeBSD Italian Documentation Project
+
+ $FreeBSD$
+ Original revision: 1.6
+-->
+
+<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
+<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
+%man;
+<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
+%translators;
+]>
+
+<article lang="it">
+ <articleinfo>
+ <title>Panoramica su BSD</title>
+
+ <author>
+ <firstname>Greg</firstname>
+
+ <surname>Lehey</surname>
+
+ <affiliation>
+ <address><email>grog@FreeBSD.org</email></address>
+ </affiliation>
+ </author>
+
+ <abstract>
+ <para>Nel mondo open source, la parola <quote>Linux</quote> &egrave; quasi
+ sinonimo di <quote>Sistema Operativo</quote>, ma non si tratta del solo
+ sistema operativo <trademark>UNIX</trademark> open source. Secondo
+ l'<ulink url="http://www.leb.net/hzo/ioscount/data/r.9904.txt">Internet
+ Operating System Counter</ulink>, ad Aprile del 1999 il 31.3% delle
+ macchine connesse in rete ha in esecuzione Linux.
+ Il 14.6% fa girare BSD UNIX.
+ Alcuni dei pi&ugrave; grandi operatori del web, come <ulink
+ url="http://www.yahoo.com/">Yahoo!</ulink>, usano BSD. Il server
+ FTP pi&ugrave; affollato del mondo, <ulink
+ url="ftp://ftp.cdrom.com/">ftp.cdrom.com</ulink>, usa BSD per
+ trasferire 1.4 TB di dati al giorno. Chiaramente questo non &egrave;
+ un mercato di nicchia: BSD &egrave; un segreto ben mantenuto.</para>
+
+ <para>Dunque, qual &egrave; il segreto? Perch&eacute; BSD non &egrave;
+ conosciuto meglio? Questo documento risponde a questa e ad altre
+ domande.</para>
+
+ <para>In questo documento, le differenze tra BSD e Linux verranno
+ evidenziate <emphasis>cos&igrave;</emphasis>.</para>
+
+ <para>Traduzione a cura di &a.it.surrender;.</para>
+ </abstract>
+ </articleinfo>
+
+ <sect1>
+ <title>Cos'&egrave; BSD?</title>
+
+ <para>BSD sta per <quote>Berkeley Software Distribution</quote>. &Egrave;
+ il nome delle distribuzioni di codice sorgente dell'Universit&agrave;
+ della California, Berkeley, che erano originariamente estensioni al
+ sistema operativo UNIX del settore Ricerca della AT&amp;T.
+ Molti progetti open source di sistemi operativi sono basati
+ su una versione di questo codice sorgente noto come
+ 4.4BSD-Lite. Inoltre, essi comprendono un gran numero di
+ pacchetti provenienti da altri progetti Open Source, incluso, in
+ particolare, il progetto GNU. L'intero sistema operativo
+ comprende:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>Il kernel BSD, che gestisce lo scheduling dei processi, l'utilizzo
+ della memoria, il supporto multiprocessore (SMP), i driver dei
+ vari dispositivi, ecc.</para>
+
+ <para><emphasis>Diversamente dal kernel Linux, ci sono differenti
+ kernel BSD con differenti caratteristiche.</emphasis></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>La libreria C, le API di base per il sistema.</para>
+
+ <para><emphasis>La libreria C BSD &egrave; basata su codice proveniente
+ da Berkeley, non dal progetto GNU.</emphasis></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Utilit&agrave; come shell, file manager, compilatori e
+ linker.</para>
+
+ <para><emphasis>Alcune delle applicazioni derivano dal
+ progetto GNU, altre no.</emphasis></para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>L'X Window System, che gestisce la visualizzazione grafica.</para>
+
+ <para>L'X Window System usato nella maggior parte delle versioni di
+ BSD viene mantenuto come un progetto separato, il
+ <ulink url="http://www.XFree86.org/">progetto XFree86</ulink>.
+ Questo &egrave; lo stesso codice usato da Linux. BSD in genere non
+ specifica un <quote>desktop grafico</quote> come GNOME o KDE,
+ anche se questi sono disponibili.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Molti altri programmi ed utilit&agrave;.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Cosa, un vero UNIX?</title>
+
+ <para>I sistemi operativi BSD non sono cloni, ma derivati open source
+ del sistema operativo UNIX dell'AT&amp;T Research, che &egrave; anche
+ l'antenato del moderno UNIX System V. Questo potrebbe sorprendere. Come
+ &egrave; potuto accadere questo, se la AT&amp;T non ha mai rilasciato il
+ suo codice come open source?</para>
+
+ <para>&Egrave; vero che lo UNIX AT&amp;T non &egrave; open source, e nel
+ senso del copyright BSD in definitiva <emphasis>non &egrave;</emphasis>
+ UNIX, ma d'altro canto l'AT&amp;T ha importato sorgenti da altri progetti,
+ in maniera rilevante dal Computer Sciences Research Group
+ dell'Universit&agrave; della California a Berkeley, CA. Iniziato nel
+ 1976, il CSRG ha iniziato a rilasciare nastri con il loro software,
+ chiamandolo <emphasis>Berkeley Software Distribution</emphasis> o
+ <emphasis>BSD</emphasis>.</para>
+
+ <para>Le versioni iniziali di BSD consistevano principalmente di programmi
+ utente, ma questo cambi&ograve; drammaticamente quando il CSRG
+ sottoscrisse un contratto con la
+ Defense Advanced Projects Research Agency (DARPA) per migliorare
+ i protocolli di comunicazione della loro rete, ARPANET. I nuovi
+ protocolli furono conosciuti come <emphasis>Internet Protocols</emphasis>,
+ e in seguito come <emphasis>TCP/IP</emphasis>, ai nomi dei protocolli
+ pi&ugrave; importanti. La prima implementazione distribuita in maniera
+ estesa fu parte di 4.2BSD, nel 1982.</para>
+
+ <para>Nel corso degli '80, sorsero un certo numero di compagnie
+ che producevano workstation. Molti preferirono usare UNIX su licenza
+ piuttosto che sviluppare da soli un nuovo sistema operativo.
+ In particolare, la Sun Microsystems rilicenzi&ograve; UNIX ed
+ implement&ograve; una versione commerciale di 4.2BSD, che chiam&ograve;
+ SunOS. Quando alla AT&amp;T stessa fu permesso di vendere UNIX
+ commercialmente, cominciarono con una implementazione ridotta all'osso
+ nota come System III, presto seguita da System V.
+ Il codice fondamentale di System V non comprendeva la parte di rete,
+ dunque tutte le implementazioni includevano software addizionale tratto
+ da BSD, incluso il software legato al TCP/IP, ma anche utilit&agrave; come
+ la shell <emphasis>csh</emphasis> e l'editor <emphasis>vi</emphasis>.
+ Complessivamente, questi miglioramenti furono conosciuti
+ come le <emphasis>Estensioni Berkeley</emphasis>.</para>
+
+ <para>Il nastro BSD conteneva codice AT&amp;T e dunque richiedeva
+ una licenza per il sorgente UNIX. Dal 1990, il finanziamento del CSRG
+ si stava esaurendo, e se ne stava per affrontare la chiusura.
+ Alcuni membri del gruppo decisero di rilasciare il codice BSD,
+ che era Open Source, senza il codice proprietario della AT&amp;T.
+ Ci&ograve; accadde infine con il <emphasis>Networking Tape 2</emphasis>,
+ in genere noto come <emphasis>Net/2</emphasis>. Net/2 non era un sistema
+ operativo completo: mancava circa il 20% del codice del kernel. Uno dei
+ membri del CSRG, William F. Jolitz, scrisse il codice rimanente e lo
+ rilasci&ograve; all'inizio del 1992 come <emphasis>386BSD</emphasis>.
+ Allo stesso tempo, un altro gruppo di ex membri del CSRG form&ograve; una
+ compagnia chiamata <ulink url="http://www.bsdi.com/">Berkeley Software
+ Design Inc.</ulink> e rilasci&ograve; una versione beta di un sistema
+ operativo chiamato <ulink url="http://www.bsdi.com/">BSD/386</ulink>,
+ che era basato sugli stessi sorgenti. Il nome del sistema operativo
+ &egrave; cambiato di recente in BSD/OS.</para>
+
+ <para>386BSD non divenne mai un sistema operativo stabile. Invece, due
+ altri progetti se ne distaccarono nel 1993:
+ <ulink url="http://www.NetBSD.org/">NetBSD</ulink> e
+ <ulink url="../../../../index.html">FreeBSD</ulink>.
+ I due progetti presero inizialmente direzioni divergenti, a causa della
+ differente pazienza nell'attendere miglioramenti a
+ 386BSD: la gente di NetBSD cominci&ograve; all'inizio dell'anno,
+ e la prima versione di FreeBSD non fu pronta fino alla fine
+ dell'anno. Nel frattempo, i codici erano diventati abbastanza differenti
+ da renderne difficile la fusione. Inoltre, i progetti avevano obiettivi
+ differenti, come vedremo in seguito. Nel 1996, un ulteriore progetto,
+ <ulink url="http://www.OpenBSD.org/">OpenBSD</ulink>, si divise da
+ NetBSD.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Perch&eacute; BSD non &egrave; pi&ugrave; conosciuto?</title>
+
+ <para>Per un certo numero di ragioni, BSD &egrave; relativamente
+ sconosciuto:</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>Gli sviluppatori BSD sono spesso pi&ugrave; interessati
+ a ripulire il loro codice che a fagli pubblicit&agrave;.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Molta della popolarit&agrave; di Linux &egrave; dovuta a fattori
+ esterni al progetto Linux, come la stampa, e le compagnie formate per
+ fornire servizi relativi a Linux. Fino a poco tempo fa,
+ la varie versioni di BSD open source non avevano tali spinte.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Gli sviluppatori BSD tendono ad avere pi&ugrave; esperienza
+ di quelli di Linux, ed hanno meno interesse nel rendere il sistema
+ facile da usare.
+ I nuovi arrivati tendono a sentirsi pi&ugrave; a loro agio con
+ Linux.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Nel 1992, l'AT&amp;T cit&ograve; in giudizio
+ <ulink url="http://www.bsdi.com/">BSDI</ulink>,
+ il produttore di BSD/386, sostenendo che il prodotto conteneva
+ codice sotto copyright della AT&amp;T. Il caso fu risolto in
+ tribunale nel 1994, ma lo spettro della causa continua a perseguitare
+ alcune persone. Nel marzo 2000 un articolo pubblicato sul web
+ sosteneva che il caso era stato <quote>concluso
+ recentemente</quote>.</para>
+
+ <para>Un dettaglio che venne chiarito dall'azione legale fu il nome:
+ negli anni '80, BSD era stato conosciuto come <quote>BSD Unix</quote>.
+ Con l'eliminazione delle ultima vestigia del codice AT&amp;T da BSD,
+ si era perso anche il diritto di usare il nome UNIX. Per questo
+ noterete riferimenti nei libri al <quote>sistema operativo 4.3BSD
+ UNIX</quote> ed al <quote>sistema operativo 4.4BSD</quote>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>C'&egrave; una certa percezione che il progetto BSD sia
+ frammentato e belligerante. Il <ulink
+ url="http://interactive.wsj.com/bin/login?Tag=/&amp;URI=/archive/retrieve.cgi%253Fid%253DSB952470579348918651.djm&">Wall
+ Street Journal</ulink> parl&ograve; di
+ <quote>balcanizzazione</quote> dei progetti BSD. Come per l'azione
+ legale, questa percezione si basa principalmente su vecchie
+ storie.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Paragone tra BSD e Linux</title>
+
+ <para>Dunque qual'&egrave; l'effettiva differenza tra, diciamo, Debian
+ Linux e FreeBSD? Per l'utente medio, la differenza &egrave;
+ sorprendentemente piccola: entrambi sono sistemi operativi tipo UNIX.
+ Entrambi vengono sviluppati da progetti non commerciali (questo non si
+ applica a molte altre distribuzioni di Linux, ovviamente). Nella sezione
+ seguente, daremo un'occhiata a BSD e lo paragoneremo a Linux.
+ La descrizione si applica molto da vicino a FreeBSD, che conta per un 80%
+ delle installazioni BSD, ma le differenza da NetBSD ed OpenBSD sono
+ piccole.</para>
+
+ <sect2>
+ <title>Chi possiede BSD?</title>
+
+ <para>Nessuna persona o societ&agrave; possiede BSD. Esso &egrave; creato
+ e distribuito da una comunit&agrave; di persone con grande preparazione
+ tecnica e voglia di fare che contribuiscono da tutto il mondo.
+ Alcuni dei componenti di BSD sono progetti open source gestiti da
+ diversi responsabili.</para>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Come viene sviluppato ed aggiornato BSD?</title>
+
+ <para>I kernel BSD vengono sviluppati ed aggiornati
+ seguendo il modello di sviluppo open source. Ogni progetto mantiene
+ un <emphasis>albero dei sorgenti</emphasis> liberamente accessibile in
+ un <ulink url="http://www.sourcegear.com/CVS/">Concurrent Versions
+ System</ulink>, un sistema di gestione delle versioni concorrenti,
+ che contiene tutti i file sorgenti del progetto,
+ inclusa la documentazione ed altri file inerenti. Il CVS
+ permette agli utenti di <quote>estrarre</quote> (in sostanza,
+ estrarre una copia di) ogni versione desiderata del sistema.</para>
+
+ <para>Un grande numero di sviluppatori da tutto il mondo contribuisce al
+ miglioramento di BSD. Essi sono divisi in tre grandi gruppi:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>I <firstterm>contributor</firstterm> scrivono codice o
+ documentazione. Non gli &egrave; permesso di effettuare il commit
+ (aggiungere codice) direttamente all'albero dei sorgenti.
+ Affinch&eacute; il loro codice sia incluso nel sistema, esso
+ deve essere rivisto e controllato da uno sviluppatore registrato,
+ noto come <emphasis>committer</emphasis>.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>I <firstterm>committer</firstterm> sono sviluppatori
+ con accesso in scrittura all'albero dei sorgenti.
+ Per poter divenire un committer, un individuo deve dimostrare
+ abilit&agrave; nell'area nella quale &egrave; attivo.</para>
+
+ <para>
+ &Egrave; a discrezione del committer la volont&agrave; di
+ confrontarsi con qualcuno prima di effettuare cambiamenti. In
+ generale, un committer con esperienza pu&ograve; effettuare
+ cambiamenti che sono ovviamente corretti senza interrogare nessuno.
+ Ad esempio, un committer del progetto di documentazione pu&ograve;
+ correggere errori tipografici o grammaticali senza un confronto con
+ altri. D'altro canto, dagli sviluppatori che stanno per effettuare
+ cambiamenti profondi o complessi ci si aspetta che sottopongano i
+ cambiamenti a revisione prima di renderli effettivi. In casi
+ estremi, un membro del core team, con una funzione simile a un Capo
+ Architetto, pu&ograve; ordinare che i cambiamenti siano rimossi
+ dall'albero, un processo noto come <firstterm>marcia
+ indietro</firstterm>.
+ Tutti i committer ricevono una lettera che descrive ogni
+ modifica individuale, dunque non &egrave; possibile effettuare un
+ commit segretamente.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Il <firstterm>Core Team</firstterm>. FreeBSD e NetBSD
+ hanno ognuno un core team che gestisce il progetto. I
+ core team si sono modificati nel corso del progetto, ed i loro
+ ruoli non sempre sono ben definiti. Non &egrave; necessario essere
+ uno sviluppatore per far parte del core team, anche se &egrave;
+ normale che sia cos&igrave;. Le regole
+ per il core team variano da un progetto ad un altro, ma in
+ generale chi ne fa parte ha pi&ugrave; autorit&agrave;
+ nell'indirizzamento del progetto rispetto agli altri membri.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Questa organizzazione differisce da Linux in vari modi:</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>Nessuna persona controlla il contenuto del sistema. In
+ pratica, questa differenza &egrave; sopravvalutata, poich&eacute;
+ il Capo Architetto pu&ograve; richiedere che il codice sia
+ rimosso, ed anche nel progetto Linux viene permesso a
+ molte persone di effettuare cambiamenti.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>D'altra parte, <emphasis>c'&egrave;</emphasis> un deposito
+ centrale, un punto singolo dove &egrave; possibile trovare i
+ sorgenti dell'intero sistema, incluse tutte le vecchie
+ versioni.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>I progetti BSD mantengono l'intero <quote>Sistema
+ Operativo</quote>, non solo il kernel. Questa distinzione
+ &egrave; utile solo marginalmente: n&eacute; BSD n&eacute; Linux
+ sono utili senza applicazioni. Le applicazioni usate su BSD sono
+ spesso le stesse usate su Linux.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Come risultato di un mantenimento formalizzato
+ di un singolo CVS per l'albero dei sorgenti, lo sviluppo di BSD
+ &egrave; chiaro, ed &egrave; possibile accedere ad ogni versione del
+ sistema dal numero di release o dalla data.
+ Il CVS permette anche aggiornamenti incrementali del sistema: ad
+ esempio, il repository di FreeBSD viene aggiornato pi&ugrave; o meno
+ 100 volte al giorno. La maggior parte dei cambiamenti sono
+ piccoli.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Release di BSD</title>
+
+ <para>Ogni progetto BSD fornisce il sistema in tre
+ <quote>release</quote> differenti. Come per Linux, alle release
+ vengono assegnati dei numeri come 1.4.1 o 3.5. Inoltre, il numero di
+ versione ha un suffisso che indica il suo scopo:</para>
+
+ <orderedlist>
+ <listitem>
+ <para>la versione di sviluppo del sistema &egrave; chiamata
+ <firstterm>CURRENT</firstterm>. FreeBSD assegna un numero
+ alla CURRENT, ad esempio FreeBSD 5.0-CURRENT. NetBSD usa uno
+ schema di denominazione leggermente differente
+ ed aggiunge un suffisso di una singola lettera che indica
+ i cambiamenti nell'interfaccia interna, ad esempio NetBSD
+ 1.4.3G. OpenBSD non assegna un numero
+ (<quote>OpenBSD-current</quote>).
+ Tutti gli sviluppi del sistema vanno in questo ramo.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>A intervalli regolari, tra le due e le quattro volte all'anno, i
+ progetti fanno uscire una versione <firstterm>RELEASE</firstterm>
+ del sistema, disponibile su CD-ROM e come libero download da siti
+ FTP, ad esempio OpenBSD 2.6-RELEASE o NetBSD 1.4-RELEASE.
+ La versione RELEASE &egrave; intesa per gli utenti finali ed
+ &egrave; la versione normale del sistema. NetBSD fornisce anche
+ <emphasis>patch release</emphasis>, versioni con solo piccole
+ correzioni, con una terza cifra, ad esempio NetBSD 1.4.2.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Quando vengono trovati dei bug in una versione RELEASE,
+ vengono corretti, e le correzioni vengono aggiunte all'albero del
+ CVS. In FreeBSD, la versione risultante viene detta
+ <firstterm>STABLE</firstterm>, mentre in NetBSD ed OpenBSD continua
+ a chiamarsi RELEASE. Caratteristiche minori possono essere aggiunte
+ a questo ramo dopo un periodo di test nel ramo CURRENT.</para>
+ </listitem>
+ </orderedlist>
+
+ <para><emphasis>In contrasto, Linux mantiene due alberi di codice
+ differenti: la versione stabile e la versione di sviluppo.
+ Le versioni stabili hanno un numero di versione pari, come 2.0, 2.2 o
+ 2.4. Le versioni di sviluppo hanno numero di versione dispari, come
+ 2.1, 2.3 o 2.5. In ogni caso, il numero &egrave; seguito da un
+ ulteriore numero che indica la versione esatta. Inoltre, ogni
+ venditore aggiunge i suoi programmi utente o le sue utilit&agrave;,
+ dunque anche il nome della distribuzione &egrave; importante. Ogni
+ venditore di distribuzione assegna anche un numero di versione alla
+ distribuzione, dunque una descrizione completa dovrebbe essere una
+ cosa del tipo <quote>TurboLinux 6.0 con kernel
+ 2.2.14</quote></emphasis></para>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Quali versioni di BSD sono disponibili?</title>
+
+ <para>In contrasto alle numerose distribuzioni Linux, ci sono solo
+ tre BSD open source. Ogni progetto BSD mantiene il suo albero dei
+ sorgenti ed il suo kernel. In pratica, comunque, ci sono meno
+ divergenze tra i codici dei programmi utente dei vari progetti di quante
+ ce ne siano in Linux.</para>
+
+ <para>&Egrave; difficile catalogare gli obiettivi di ogni progetto:
+ le differenze sono molto soggettive. Di base,</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>FreeBSD punta alle alte prestazioni e alla facilit&agrave; d'uso
+ per l'utente finale, ed &egrave; molto usato dai fornitori di
+ contenuti web. Funziona su PC e processori Alpha della Compaq.
+ Il progetto FreeBSD ha nettamente pi&ugrave; utenti degli
+ altri.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>NetBSD punta alla massima portabilit&agrave;: <quote>of course
+ it runs NetBSD</quote>, ovviamente ci gira NetBSD.
+ Funziona su macchine che vanno dai palmtop ai grossi
+ server, ed &egrave; anche stato usato dalla NASA in alcune missioni
+ spaziali. &Egrave; una scelta particolarmente buona per il vecchio
+ hardware non Intel.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>OpenBSD punta alla sicurezza e alla purezza del codice: usa una
+ combinazione dei concetti open source e un rigoroso controllo
+ del codice per creare un sistema la cui correttezza sia
+ dimostrabile, rendendolo la scelta di organizzazioni attente alla
+ sicurezza come banche, borse e dipartimenti del governo
+ statunitense.
+ Come NetBSD, funziona su un gran numero di piattaforme.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Ci sono anche altri due sistemi operativi BSD che non sono open
+ source, BSD/OS e il Mac OS X della Apple:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>BSD/OS &egrave; il pi&ugrave; antico dei derivati di 4.4BSD.
+ Non &egrave; open source, anche se licenze per il codice sorgente
+ sono disponibili ad un costo relativamente basso. Assomiglia a
+ FreeBSD in molti sensi.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para><ulink url="http://www.apple.com/macosx/server/">Mac OS
+ X</ulink> &egrave; l'ultima versione del sistema operativo per
+ la linea Macintosh della <ulink url="http://www.apple.com/">Apple
+ Computer Inc.</ulink>. Diversamente dal resto del sistema
+ operativo, il kernel &egrave; open source. Come parte di questo
+ sviluppo, gli sviluppatori chiave della Apple hanno accesso come
+ committer all'albero dei sorgenti di FreeBSD.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Come differisce la licenza BSD dalla GNU Public?</title>
+
+ <para>Linux &egrave; disponibile con licenza <ulink
+ url="http://www.fsf.org/copyleft/gpl.html">GNU General Public
+ License</ulink> (GPL), che &egrave; pensata per eliminare il software
+ closed source. In particolare, ogni lavoro derivante da un prodotto
+ rilasciato sotto GPL deve essere fornito anche con il codice sorgente,
+ se richiesto. Al contrario, la <ulink
+ url="http://www.opensource.org/licenses/bsd-license.html">licenza
+ BSD</ulink> &egrave; meno restrittiva: le distribuzioni dei soli
+ binari sono permesse. Ci&ograve; &egrave; particolarmente attraente per
+ le applicazioni embedded.</para>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Cos'altro dovrei sapere?</title>
+
+ <para>Poich&eacute; sono disponibili meno applicazioni per BSD che per
+ Linux, gli sviluppatori BSD hanno creato un pacchetto di
+ compatibilit&agrave; con Linux, che permette ai programmi per Linux di
+ funzionare su BSD. Il pacchetto include sia modifiche al kernel, in
+ modo da permettere l'esecuzione corretta di chiamate di sistema
+ Linux, che file di compatibilit&agrave;, come la libreria C. Non
+ c'&egrave; una differenza notevole nella velocit&agrave; di esecuzione
+ tra una applicazione in esecuzione su una macchina Linux ed una
+ applicazione in esecuzione su una macchina BSD con pari
+ caratteristiche.</para>
+
+ <para>La natura <quote>tutto da una sola fonte</quote> di BSD fa s&igrave;
+ che gli aggiornamenti siano molto pi&ugrave; semplici da gestire
+ rispetto alla maggior parte dei casi in Linux. BSD gestisce gli
+ aggiornamenti della versione di libreria fornendo moduli di
+ compatibilit&agrave; per le versioni precedenti, dunque &egrave;
+ possibile eseguire binari di parecchi anni prima senza problemi.</para>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Cosa dovrei usare, BSD o Linux?</title>
+
+ <para>Cosa significa tutto questo in pratica? Chi dovrebbe usare BSD, chi
+ dovrebbe usare Linux?</para>
+
+ <para>Questa &egrave; una domanda molto difficile a cui rispondere. Qui
+ ci sono alcune linee guida:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para><quote>Se non &egrave; rotto, non aggiustarlo</quote>: se usi
+ gi&agrave; un sistema operativo open source, e ne sei soddisfatto,
+ probabilmente non c'&egrave; ragione di cambiare.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>I sistemi BSD, in particolare FreeBSD, possono avere prestazioni
+ notevolmente migliori di Linux. Ma questo non avviene in tutti i
+ campi. In molti casi, c'&egrave; una differenza minima nelle
+ prestazioni. In alcuni casi, Linux pu&ograve; comportarsi meglio di
+ FreeBSD.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>In generale, i sistemi BSD hanno una reputazione migliore di
+ affidabilit&agrave;, principalmente come risultato di una base di
+ codice pi&ugrave; maturo.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>La licenza BSD pu&ograve; essere pi&ugrave; attraente della
+ GPL.</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>BSD pu&ograve; eseguire codice Linux, mentre Linux non
+ pu&ograve; eseguire codice BSD. Come risultato, c'&egrave;
+ pi&ugrave; software disponibile per BSD che per Linux.</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </sect2>
+
+ <sect2>
+ <title>Chi fornisce supporto, servizi, e training su BSD?</title>
+
+ <para>BSD ha sempre supportato BSD/OS, e recentemente ha
+ annunciato contratti di supporto per FreeBSD.</para>
+
+ <para>Inoltre, ognuno dei progetti ha una lista di consulenti a pagamento:
+ <ulink
+ url="../../../../commercial/consulting_bycat.html">FreeBSD</ulink>,
+ <ulink
+ url="http://www.netbsd.org/gallery/consultants.html">NetBSD</ulink>,
+ e <ulink
+ url="http://www.openbsd.org/support.html">OpenBSD</ulink>.</para>
+ </sect2>
+ </sect1>
+</article>
+
+<!--
+ Local Variables:
+ mode: sgml
+ sgml-indent-data: t
+ sgml-omittag: nil
+ sgml-always-quote-attributes: t
+ End:
+-->
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile
new file mode 100644
index 0000000000..886e21cc9d
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile
@@ -0,0 +1,14 @@
+# $FreeBSD$
+
+DOC?= article
+
+FORMATS?= html
+
+INSTALL_COMPRESSED?=gz
+INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
+
+SRCS= article.sgml
+
+DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
+
+.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml
new file mode 100644
index 0000000000..d805111b84
--- /dev/null
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml
@@ -0,0 +1,761 @@
+<!--
+ The FreeBSD Italian Documentation Project
+
+ $FreeBSD$
+ Original revision: 1.26
+-->
+
+<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
+<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
+%translators;
+]>
+
+<article lang="it">
+ <articleinfo>
+ <title>Installazione e Utilizzo di FreeBSD con altri Sistemi Operativi</title>
+
+ <authorgroup>
+ <author>
+ <firstname>Jay</firstname>
+
+ <surname>Richmond</surname>
+
+ <affiliation>
+ <address><email>jayrich@sysc.com</email></address>
+ </affiliation>
+ </author>
+ </authorgroup>
+
+ <pubdate>6 Agosto 1996</pubdate>
+
+ <abstract>
+ <para>Questo documento spiega come far coesistere felicemente
+ FreeBSD con altri sistemi operativi come Linux, MS-DOS,
+ OS/2, e Windows 95.
+ Un ringraziamento speciale va a: Annelise Anderson
+ <email>andrsn@stanford.edu</email>, Randall Hopper
+ <email>rhh@ct.picker.com</email>, e Jordan K. Hubbard
+ <email>jkh@time.cdrom.com</email></para>
+
+ <para>Traduzione a cura di &a.it.max;.</para>
+ </abstract>
+ </articleinfo>
+
+ <sect1>
+ <title>Introduzione</title>
+
+ <para>Molta gente non pu&ograve; far convivere questi sistemi operativi
+ senza avere a disposizione un hard disk di grosse dimensioni,
+ perci&ograve; sono state incluse informazioni speciali sui drive EIDE
+ di grosse dimensioni. Poich&eacute; ci sono cos&igrave; tante
+ combinazioni di possibili sistemi operativi e configurazioni di hard disk,
+ la <xref linkend="ch5"> potrebbe esserti di aiuto pi&ugrave;
+ di altre. Contiene descrizioni di specifiche configurazioni che
+ usano molteplici sistemi operativi.</para>
+
+ <para>Questo documento assume che tu abbia gi&agrave; fatto posto sul tuo
+ hard disk per un altro sistema operativo. Ogni volta che
+ ripartizioni il tuo hard disk, corri il rischio di distruggere
+ e quindi perdere i dati sulle partizioni originali. In ogni caso,
+ se il tuo hard disk &egrave; completamente occupato dal DOS, potresti
+ usare FIPS (incluso nel CDROM di FreeBSD nella directory
+ <filename>\TOOLS</filename> oppure via
+ <ulink URL="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/tools/">ftp</ulink>).
+ Ti permette di ripartizionare il tuo hard disk senza distruggere i
+ dati gi&agrave; contenuti. C'&egrave; anche un programma commerciale
+ chiamato Partition Magic, che ti permette di ridimensionare e cancellare
+ partizioni senza conseguenze.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ch2">
+ <title>Panoramica sui Boot Manager</title>
+
+ <para>Si tratta solo di brevi descrizioni dei diversi boot manager che
+ potresti trovare. A seconda del tuo computer, potresti trovare
+ utile usarne pi&ugrave; di uno sullo stesso sistema.</para>
+
+ <variablelist>
+ <varlistentry>
+ <term>Boot Easy</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questo &egrave; il boot manager standard fornito con FreeBSD.
+ Ha la possibilit&agrave; di far partire qualsiasi cosa, incluso BSD,
+ OS/2 (HPFS), Windows 95 (FAT e FAT32), e Linux.
+ Le partizioni vengono scelte con i tasti funzione (F1-F12).</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>Boot Manager di OS/2</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questo fa partire FAT, HPFS, FFS (FreeBSD), ed EXT2
+ (Linux). Far&agrave; anche partire partizioni FAT32. Le partizioni
+ vengono scelte usando i tasti freccia. L'OS/2 Boot Manager &egrave;
+ l'unico ad usare una propria partizione separata, diversamente
+ dagli altri, che usano il master boot record (MBR). Di conseguenza,
+ deve essere installato prima del 1024esimo cilindro per evitare
+ problemi di avvio. Pu&ograve; far partire Linux usando LILO quando
+ questo &egrave; parte del settore di avvio, non dell'MBR.
+ Leggi gli <ulink
+ URL="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/HOWTO-INDEX.html">HOWTO
+ di Linux</ulink> sul World Wide Web per avere pi&ugrave;
+ informazioni su come far partire Linux con il boot manager di
+ OS/2.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>OS-BS</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questa &egrave; un'alternativa a Boot Easy. Ti d&agrave;
+ pi&ugrave; controllo sul processo di avvio, con la
+ possibilit&agrave; di impostare la partizione di default da cui
+ partire e il timeout di avvio.
+ La versione beta di questo programma ti permette di avviare
+ scegliendo il sistema operativo con i tasti freccia. &Egrave;
+ incluso nel cd di FreeBSD nella directory
+ <filename>\TOOLS</filename> oppure via <ulink
+ URL="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/tools/">ftp</ulink>.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+
+ <varlistentry>
+ <term>LILO, o LInux LOader</term>
+
+ <listitem>
+ <para>Questo &egrave; un boot manager limitato. Far&agrave; partire
+ FreeBSD, sebbene siano necessari alcuni accorgimenti e sistemazioni
+ nel file di configurazione.</para>
+ </listitem>
+ </varlistentry>
+ </variablelist>
+
+ <note id="fat32">
+ <title>A proposito di FAT32</title>
+
+ <para>FAT32 &egrave; il rimpiazzo al filesystem FAT incluso nella Release
+ Beta SR2 di Microsoft, che dovrebbe essere installata
+ con Windows 95 a partire dalla fine del 1996. Converte il
+ normale filesystem FAT e ti permette di usare cluster di
+ dimensioni pi&ugrave; piccole per hard disk di dimensioni maggiori.
+ Inoltre FAT32 modifica il settore di avvio tradizionale e la tabella
+ di allocazione, rendendola incompatibile con alcuni Boot
+ Manager.</para>
+ </note>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ch3">
+ <title>Una Installazione Tipica</title>
+
+ <para>Diciamo che ho due grandi hard disk EIDE e voglio installarci
+ FreeBSD, Linux, e Windows 95.</para>
+
+ <para>Ecco come potrei fare usando questi due hard disk:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para><filename>/dev/wd0</filename> (Primo hard disk)</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para><filename>/dev/wd1</filename> (Secondo hard disk)</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Tutti e due hanno 1416 cilindri.</para>
+
+ <procedure>
+ <step>
+ <para>Parto dalla partizione MS-DOS o dal dischetto di avvio
+ di Windows 95 che contiene l'utility <filename>FDISK.EXE</filename>
+ e creo una piccola partizione primaria da 50 megabyte
+ (35-40 per Windows 95, pi&ugrave; un po' di spazio per respirare)
+ sul primo disco. Creo anche una partizione pi&ugrave; grande sul
+ secondo hard disk per le applicazioni di Windows e per i dati.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Faccio ripartire ed installo Windows 95 (pi&ugrave; facile a
+ dirsi che a farsi) sulla partizione <filename>C:</filename>.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>La prossima cosa che far&ograve; sar&agrave; installare Linux.
+ Non sono sicuro per le altre distribuzioni, ma la slackware include
+ LILO (guarda la <xref linkend="ch2">). Quando ripartiziono il
+ mio hard disk con l'<command>fdisk</command> di Linux,
+ metter&ograve; tutto ci&ograve; che riguarda Linux sul primo hard
+ disk (probabilmente 300 mega per una partizione di
+ root decente e un po' di spazio di swap).</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Dopo aver installato Linux, quando viene chiesto di
+ installare LILO, _ASSICURATI_ di installarlo sul
+ settore di avvio della partizione di Linux, non
+ nell'MBR (Master Boot Record).</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>La parte rimanente di hard disk va a FreeBSD.
+ Assicurati anche che la <quote>slice</quote> root di FreeBSD
+ non vada oltre il 1024esimo cilindro. (Il 1024esimo
+ cilindro &egrave; circa intorno ai 528mb in un disco ipotetico,
+ il mio, di 720mb). User&ograve; il resto dell'hard disk
+ (circa 270 mb) per <filename>/usr</filename> e
+ <filename>/</filename>. Il resto del secondo hard
+ disk (la grandezza varia a seconda di quanto spazio
+ ho lasciato agli applicativi e ai dati per Windows
+ quando ho creato la partizione nel primo passo) pu&ograve;
+ essere usata per <filename>/usr/src</filename>
+ e per lo spazio di swap.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Se visualizzato con l'utility <command>fdisk</command>
+ di Windows 95, l'hard disk dovrebbe risultare in questo modo:
+ <screen>---------------------------------------------------------------------
+
+ Display Partition Information
+
+Current fixed disk drive: 1
+
+Partition Status Type Volume_Label Mbytes System Usage
+C: 1 A PRI DOS 50 FAT** 7%
+ 2 A Non-DOS (Linux) 300 43%
+
+Total disk space is 696 Mbytes (1 Mbyte = 1048576 bytes)
+
+Press Esc to continue
+
+---------------------------------------------------------------------
+
+ Display Partition Information
+
+Current fixed disk drive: 2
+
+Partition Status Type Volume_Label Mbytes System Usage
+D: 1 A PRI DOS 420 FAT** 60%
+
+Total disk space is 696 Mbytes (1 Mbyte = 1048576 bytes)
+
+Press Esc to continue
+
+---------------------------------------------------------------------</screen>
+ ** Potrebbe essere FAT16 o FAT32 se stai usando l'aggiornamento OEM
+ SR2. (Guarda la <xref linkend="ch2">).</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Installazione di FreeBSD. Assicurati di avviare il computer
+ con il primo hard disk configurato con <quote>NORMAL</quote> nel BIOS.
+ Se non &egrave; cos&igrave;, dovrai settare la vera geometria
+ del disco all'avvio (per arrivare a fare ci&ograve;, fai partire
+ Windows 95 e consulta Microsoft Diagnostics
+ (<filename>MSD.EXE</filename>), o controlla il BIOS) con il
+ parametro <literal>hd0=1416,16,63</literal> dove <replaceable>
+ 1416</replaceable> &egrave; il numero di cilindri sull'hard disk,
+ <replaceable>16</replaceable> &egrave; il numero di testine per
+ traccia, o <quote>heads per track</quote>, e
+ <replaceable>63</replaceable> &egrave; il numero di settori per
+ traccia sul drive.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Quando partiziono l'hard disk, cerco sempre di mettere Boot
+ Easy sul primo hard disk. Non mi preoccupo del secondo hard
+ disk, non parte nulla da quello.</para>
+ </step>
+
+ <step>
+ <para>Al riavvio, Boot Easy dovrebbe riconoscere le tre partizioni
+ avviabili, cio&egrave; quella DOS (ovvero Windows 95), Linux, e
+ BSD (FreeBSD).</para>
+ </step>
+ </procedure>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ch4">
+ <title>Considerazioni Speciali</title>
+
+ <para>Molti sistemi operativi sono molto pignoli su come e dove devono
+ essere messi sull'hard disk. Windows 95 deve essere sulla prima
+ partizione primaria sul primo hard disk. OS/2 fa eccezione. Pu&ograve;
+ essere installato in una partizione primaria o estesa sul primo o sul
+ secondo hard disk. Se non sei sicuro, mantieni la parte avviabile di
+ partizione sotto il 1024esimo cilindro.</para>
+
+ <para>Se installi Windows 95 su un sistema BSD esistente, questo
+ <quote>distrugger&agrave;</quote> l'MBR, e dovrai reinstallare il boot
+ manager precedente. Boot Easy pu&ograve; essere reinstallato usando
+ l'utility BOOTINST.EXE inclusa nella directory \TOOLS sul cdrom, oppure
+ via <ulink URL="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/tools/"> ftp</ulink>.
+ Puoi anche ricominciare l'installazione e andare all'editor delle
+ partizioni. Da l&igrave;, marcare la partizione di FreeBSD come
+ avviabile, scegliere Boot Manager, e quindi digitare W per scrivere le
+ informazioni nell'MBR. Puoi ora riavviare, e Boot Easy dovrebbe
+ riconoscere Windows 95 e DOS.</para>
+
+ <para>Ricordati che OS/2 pu&ograve; leggere partizioni FAT e HPFS, ma non
+ FFS (FreeBSD) o EXT2 (Linux). Diversamente Windows 95 pu&ograve; leggere
+ e scrivere solo su FAT o FAT32 (guarda la <xref linkend="ch2">).
+ FreeBSD pu&ograve; leggere gran parte degli altri filesystem, ma al
+ momento non pu&ograve; leggere partizioni HPFS. Linux pu&ograve; leggere
+ partizioni HPFS, ma non pu&ograve; scrivervi. Versioni recenti del kernel
+ di Linux (2.x) possono leggere e scrivere su partizioni di Windows 95 di
+ tipo VFAT (VFAT &egrave; ci&ograve; che permette a Windows 95 di avere
+ i nomi di file lunghi - &egrave; molto simile alla FAT).
+ Linux pu&ograve; leggere e scrivere sulla maggior parte dei filesystem.
+ Capito? Lo spero...</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="ch5">
+ <title>Esempi</title>
+
+ <para><emphasis>(La sezione ha bisogno di lavoro, per favore spedisci
+ il tuo esempio a <email>jayrich@sysc.com</email>)</emphasis>.</para>
+
+ <para>FreeBSD+Win95: Se hai installato FreeBSD dopo Windows 95, dovresti
+ vedere <literal>DOS</literal> nel menu di Boot Easy. Questo &egrave;
+ Windows 95. Se hai installato Windows 95 dopo FreeBSD, leggi la
+ <xref linkend="ch4"> sopra.
+ Fin quando il tuo hard disk non ha pi&ugrave; di 1024 cilindri, non
+ dovrebbero esserci problemi.
+ Se una partizione va oltre il 1024esimo cilindro, e hai
+ messaggi di errore come <errorname>invalid system disk</errorname> sotto
+ DOS (Windows 95) e FreeBSD non parte, prova a cercare una opzione nel BIOS
+ chiamata <quote>&gt; 1024 cylinder support</quote> o
+ <quote>NORMAL/LBA mode</quote>.
+ DOS potrebbe necessitare dell'LBA (Logical Block Addressing -
+ Indirizzamento Logico dei Blocchi) per partire correttamente. Se l'idea
+ di cambiare delle impostazioni nel BIOS ogni volta che si accende il
+ computer non ti piace, puoi far partire FreeBSD da DOS con l'utility
+ <filename>FBSDBOOT.EXE</filename> che trovi sul CD (dovrebbe trovare la
+ tua partizione FreeBSD e farla partire).</para>
+
+ <para>FreeBSD+OS/2+Win95: Nulla di nuovo qui. Il boot manager di OS/2
+ pu&ograve; far partire tutti questi sistemi operativi, cosicch&eacute; non
+ dovrebbero esserci problemi.</para>
+
+ <para>FreeBSD+Linux: Puoi usare Boot Easy per far partire tutti e due i
+ sistemi operativi.</para>
+
+ <para>FreeBSD+Linux+Win95: (guarda la <xref linkend="ch3">)</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1 id="sources">
+ <title>Altre Fonti di Aiuto</title>
+
+ <para>Ci sono molti <ulink
+ URL="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/HOWTO-INDEX.html">HOW-TO su
+ Linux</ulink> che trattano come affrontare il problema di avere
+ pi&ugrave; sistemi operativi sullo stesso hard disk.</para>
+
+ <para>Il <ulink
+ URL="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/mini/Linux+DOS+Win95+OS2.html">Linux+DOS+Win95+OS2
+ mini-HOWTO</ulink> offre aiuto su come configurare il boot manager di
+ OS/2 e il <ulink
+ URL="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/mini/Linux+FreeBSD.html">Linux+FreeBSD
+ mini-HOWTO</ulink> potrebbe essere anch'esso interessante.
+ Anche il <ulink
+ URL="http://www.in.net/~jkatz/win95/Linux-HOWTO.html">Linux-HOWTO</ulink>
+ &egrave; di grande aiuto.</para>
+
+ <para>E il pacchetto di Hale Landis, <quote>How It Works</quote> contiene
+ alcune utili informazioni su tutti i tipi di geometrie dei drive e su
+ argomenti legati al processo di avvio. Puoi trovarlo su <ulink
+ URL="ftp://fission.dt.wdc.com/pub/otherdocs/pc_systems/how_it_works/allhiw.zip">ftp://fission.dt.wdc.com/pub/otherdocs/pc_systems/how_it_works/allhiw.zip</ulink>.</para>
+
+ <para>Inoltre non perderti la documentazione del kernel di FreeBSD sul
+ processo di avvio, disponibile nella distribuzione dei sorgenti del kernel
+ (si scompatta in <ulink
+ URL="file://localhost/usr/src/sys/i386/boot/biosboot/README.386BSD">file:/usr/src/sys/i386/boot/biosboot/README.386BSD</ulink>.</para>
+ </sect1>
+
+ <sect1>
+ <title>Dettagli Tecnici</title>
+
+ <para><emphasis>(Contributo di Randall Hopper,
+ <email>rhh@ct.picker.com</email>)</emphasis></para>
+
+ <para>Questa sezione prova a fornire abbastanza informazioni di base
+ sugli hard disk e sul processo di avvio cos&igrave; da
+ essere poi capaci di determinare le cause dei problemi pi&ugrave;
+ frequenti che potreste affrontare al momento dell'installazione e della
+ configurazione di pi&ugrave; sistemi operativi. Inizia con un
+ linguaggio semplice, cos&igrave; potresti voler scorrere la pagina fino a
+ quando non ti sembri difficile e cominciare quindi da quel punto a
+ leggere.</para>
+
+ <sect2>
+ <title>Introduzione agli Hard Disk</title>
+
+ <para>Sono generalmente usati tre termini fondamentali per descrivere
+ l'allocazione dei dati sull'hard disk: Cylinders (Cilindri), Heads
+ (Testine), e Sectors (Settori). Non &egrave; particolarmente importante
+ sapere esattamente cosa significano questi termini e quale sia il loro
+ compito specifico, ma interessa sapere che, insieme, identificano dove
+ si trovano fisicamente i dati sull'hard disk.</para>
+
+ <para>Ogni hard disk ha un particolare numero di cilindri, di testine, e
+ di settori per ogni parte di cilindro relativa a una singola testina
+ (che generalmente viene chiamato track, o traccia).
+ Questi dati contribuiscono a determinare la geometria
+ fisica del disco dell'hard disk. Ci sono
+ generalmente 512 byte per settore, e 63 settori per traccia, mentre
+ il numero di cilindri e testine varia a seconda del tipo di hard disk.
+ In questo modo puoi trovare la quantit&agrave; di dati che il disco
+ potrebbe contenere semplicemente calcolando:</para>
+
+ <informalexample>
+ <para>(numero di cilindri) &times; (numero di testine) &times; (63
+ settori/traccia) &times; (512 byte/settore)</para>
+ </informalexample>
+
+ <para>Per esempio, sul mio Western Digital AC31600 EIDE, questo
+ &egrave;:</para>
+
+ <informalexample>
+ <para>(3148 cilindri) &times; (16 testine) &times; (63
+ settori/traccia) &times; (512 byte/settore)</para>
+ </informalexample>
+
+ <para>che sarebbe 1,624,670,208 byte, o circa 1.6 Giga.</para>
+
+ <para>Puoi scoprire la geometria fisica del disco (cio&egrave; il numero
+ di cilindri, testine, e il fattore settori/tracciati) del tuo hard disk
+ usando ATAID o altri programmi reperibili su Internet. Probabilmente il
+ tuo hard disk ti &egrave; stato venduto con queste informazioni.
+ Comunque stai attento: se stai usando l'opzione LBA del BIOS (vedi la
+ <xref linkend="limits">), non puoi usare un qualsiasi programma per
+ conoscere la geometria fisica. Questo perch&eacute; molti programmi (ad
+ esempio <filename>MSD.EXE</filename> o l'fdisk di FreeBSD) non
+ identificano la geometria fisica del disco, fanno invece riferimento
+ alla <firstterm>geometria traslata</firstterm> (Numeri virtuali usando
+ LBA). Continua a leggere per saperne di pi&ugrave;.</para>
+
+ <para>Un altro aspetto interessante di questi termini. Dati 3
+ numeri&mdash;un numero di cilindri, un numero di testine, e un numero
+ di settori per tracciato&mdash;si pu&ograve; identificare uno specifico
+ settore assoluto (un blocco di 512 byte di dati) sull'hard disk. I
+ cilindri e le testine sono numerati partendo da 0, e i settori sono
+ numerati partendo da 1.</para>
+
+ <para>Per quelli che sono interessati a dettagli pi&ugrave; tecnici,
+ informazioni sulla geometria dei dischi, settori di avvio, BIOS, e
+ altro, possono trovare grandi quantit&agrave; di informazioni in
+ Internet. Basta fare una ricerca con Lycos, Yahoo e altri digitando
+ <literal>boot sector</literal> o <literal>master boot record</literal>.
+ Tra le numerose informazioni utili che si possono trovare c'&egrave; il
+ pacchetto di documentazione <citetitle>How It Works</citetitle> (in
+ italiano <quote>Come Funziona</quote>) di Hale Landis. Guarda la
+ <xref linkend="sources"> per alcuni puntatori a questo
+ pacchetto.</para>
+
+ <para>Ok, troppa terminologia finora. Adesso parliamo del processo di
+ avvio.</para>
+ </sect2>
+
+ <sect2 id="booting">
+ <title>Il Processo di Avvio</title>
+
+ <para>Sul primo settore del tuo disco (Cyl 0, Head 0, Sector 1) risiede
+ il Master Boot Record (MBR). Questo contiene una mappa del tuo disco.
+ Identifica fino a 4 <firstterm>partizioni</firstterm>, ciascuna delle
+ quali &egrave; uno spazio, una parte, di quel disco. FreeBSD chiama
+ queste partizioni <firstterm>slices</firstterm> per evitare confusione
+ con le sue partizioni, di cui ora non parleremo.
+ Ciascuna partizione pu&ograve; contenere un sistema operativo
+ diverso.</para>
+
+ <para>Ogni elemento che rappresenta una partizione presente nell'MBR ha un
+ <firstterm>Partition ID</firstterm>, un valore <firstterm>Start
+ Cylinder/Head/Sector</firstterm>, e un valore <firstterm>End
+ Cylinder/Head/Sector</firstterm>. Il Partition ID mostra di che tipo
+ di partizione si tratta (di che sistema operativo) e i valori di
+ inizio/fine dicono dove questa si trova. La <xref linkend="tbl-pid">
+ mostra una lista di partition ID pi&ugrave; comuni.</para>
+
+ <table id="tbl-pid">
+ <title>Partition ID</title>
+
+ <tgroup cols="2">
+ <thead>
+ <row>
+ <entry>ID (hex)</entry>
+ <entry>Descrizione</entry>
+ </row>
+ </thead>
+
+ <tbody>
+ <row>
+ <entry>01</entry>
+ <entry>DOS12 primaria (12-bit FAT)</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>04</entry>
+ <entry>DOS16 primaria (16-bit FAT)</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>05</entry>
+ <entry>DOS estesa</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>06</entry>
+ <entry>DOS primaria di grande dimensione (&gt; 32MB)</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>0A</entry>
+ <entry>OS/2</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>83</entry>
+ <entry>Linux (EXT2FS)</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>A5</entry>
+ <entry>FreeBSD, NetBSD, 386BSD (UFS)</entry>
+ </row>
+ </tbody>
+ </tgroup>
+ </table>
+
+ <para>Nota che non tutte le partizioni sono avviabili (per esempio quelle
+ DOS estese). Alcune lo sono, altre no. Ci&ograve; che rende una
+ partizione avviabile &egrave; la configurazione del <firstterm>Partition
+ Boot Sector</firstterm> che si trova all'inizio di ciascuna
+ partizione.</para>
+
+ <para>Quando configuri il tuo boot manager preferito, questo cerca gli
+ elementi nella tavola delle partizioni sull'MBR di tutti i tuoi hard
+ disk e fa in modo che tu possa dare un nome a tutte gli elementi della
+ lista. Quindi all'avvio, il boot manager viene invocato da un codice
+ particolare presente nell'MBR del primo hard disk che viene rilevato sul
+ tuo sistema. Questo guarda la tavola delle partizioni dell'MBR
+ corrispondente alla partizione che hai scelto, usa l'informazione sullo
+ Start Cylinder/Head/Sector per quella partizione, carica il Partition
+ Boot Sector per quella partizione, e sli d&agrave; il controllo.
+ Quel settore di avvio per la partizione contiene abbastanza informazioni
+ per cominciare a caricare il sistema operativo di quella
+ partizione.</para>
+
+ <para>Un particolare che abbiamo sorvolato e che &egrave; importante
+ conoscere. Tutti gli hard disk hanno l'MBR. Ad ogni modo, quello
+ importante &egrave; quello del disco che viene rilevato per primo dal
+ BIOS. Se hai solo hard disk IDE, &egrave; il primo disco IDE
+ (cio&egrave; il disco primario del controller primario).
+ Stessa cosa per i sistemi SCSI. Se hai sia
+ SCSI che IDE invece, i dischi IDE vengono riconosciuti per primi dal
+ BIOS, quindi il primo disco IDE &egrave; quello che viene riconosciuto
+ per primo. Il boot manager che installerai si trover&agrave; quindi
+ sull'MBR del primo disco riconosciuto come descritto.</para>
+ </sect2>
+
+ <sect2 id="limits">
+ <title>Limitazioni sull'Avvio e Avvertimenti</title>
+
+ <para>Ora un po' di cose interessanti alle quali devi stare
+ attento.</para>
+
+ <sect3>
+ <title>Il maledetto limite dei 1024 cilindri e l'aiuto dell'LBA del
+ BIOS</title>
+
+ <para>La prima parte del processo di avvio viene effettuata attraverso
+ il BIOS, (se questo &egrave; un termine nuovo per te, il BIOS &egrave;
+ un chip contenente del software presente sulla scheda madre che
+ contiene il codice di avviamento per il computer). Quindi, questa
+ prima parte del processo &egrave; soggetta alle limitazioni
+ dell'interfaccia del BIOS.</para>
+
+ <para>L'interfaccia BIOS usata per leggere gli hard disk in questo
+ momento (INT 13H, Subfunction 2) alloca 10 bit per il Cylinder Number,
+ 8 bit per l'Head Number, e 6 bit per il Sector Number. Questo porta
+ gli utenti ad essere sottoposti a dei limiti (per esempio i boot
+ manager installati nell'MBR cos&igrave; come i loader installati nei
+ Boot Sector) che ora vediamo:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>1024 cilindri, massimo</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>256 testine, massimo</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>64 settori/traccia, massimo (in realt&agrave; 63,
+ <literal>0</literal> non &egrave; disponibile)</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Ora, hard disk grossi hanno molti cilindri, ma non molte testine,
+ quindi invariabilmente con grandi hard disk il numero di cilindri
+ sar&agrave; pi&ugrave; alto di 1024. A causa di questo e della
+ situazione dell'interfaccia BIOS, non puoi far partire un sistema
+ operativo da qualsiasi punto del disco. Il codice di avvio (il boot
+ manager e il loader del sistema operativo devono essere nei settori di
+ avvio di tutte le partizioni avviabili) deve risiedere entro il limite
+ dei 1024 cilindri. In pratica, se il tuo hard disk &egrave; generico
+ e contiene 16 testine, questo si tramuta in:</para>
+
+ <informalexample>
+ <para>1024 cilindri/disco &times; 16 testine/disco &times; 63
+ settori/traccia &times; 512 byte/settore</para>
+ </informalexample>
+
+ <para>che &egrave; intorno al summenzionato limite dei 528MB.</para>
+
+ <para>Qui &egrave; dove entra in gioco l'LBA (Logical Block Addressing,
+ Indirizzamento Logico dei Blocchi) del BIOS. L'LBA del BIOS fornisce
+ all'utente delle API del BIOS accesso ai cilindri fisici oltre al
+ 1024esimo attraverso l'interfaccia BIOS ridefinendo un cilindro.
+ Quindi, rimappa cilindri e testine, facendo sembrare al BIOS che il
+ computer contenga meno cilindri e pi&ugrave; testine di quanto in
+ realt&agrave; non ne abbia.
+ In altre parole, si avvantaggia del fatto che gli hard disk hanno
+ relativamente poche testine e molti cilindri semplicemente bilanciando
+ tra cilindri e testine facendo in modo che tutti e due i numeri
+ rimangano sotto la soglia (1024 cilindri, 256 testine).</para>
+
+ <para>Con l'LBA del BIOS, la limitazione agli hard disk &egrave;
+ virtualmente eliminata (beh, spostata ad 8 Gigabyte). Se hai un BIOS
+ che supporta l'LBA, puoi mettere FreeBSD o qualsiasi altro OS in
+ qualsiasi parte tu voglia senza toccare il limite dei 1024
+ cilindri.</para>
+
+ <para>Per usare ancora l'esempio del mio Western Digital da 1.6
+ Giga, la sua geometria fisica &egrave;:</para>
+
+ <informalexample>
+ <para>(3148 cilindri, 16 testine, 63 settori/traccia, 512
+ byte/settore)</para>
+ </informalexample>
+
+ <para>Ad ogni modo, il mio LBA del BIOS rimappa questo in:</para>
+
+ <informalexample>
+ <para>(787 cilindri, 64 testine, 63 settori/traccia, 512
+ byte/settore)</para>
+ </informalexample>
+
+ <para>dandomi la stessa grandezza effettiva di disco, ma con numero di
+ cilindri e testine entro i limiti dell'API del BIOS (casualmente,
+ ho sia Linux che FreeBSD installati su uno dei miei hard disk sopra il
+ 1024esimo cilindro fisico, e tutti e due partono perfettamente, grazie
+ all'LBA del BIOS).</para>
+ </sect3>
+
+ <sect3>
+ <title>Boot Manager e Allocazione del Disco</title>
+
+ <para>Un altro punto di cui tener conto al momento al momento
+ dell'installazione di un boot manager, &egrave; quello di ricordarsi
+ di allocare spazio per il tuo boot manager. &Egrave; meglio aver
+ presente fin da subito questo problema, per non accorgersene troppo
+ tardi e dover quindi reinstallare uno o pi&ugrave; sistemi
+ operativi.</para>
+
+ <para>Se hai seguito il discorso nella <xref linkend="booting"> a
+ proposito del Master Boot Sector (dove si trova l'MBR), dei Partition
+ Boot Sectors, e dell processo di avvio, potresti esserti chiesto
+ esattamente dove quel piccolo boot manager risiede sul tuo hard disk.
+ Bene, alcuni boot manager sono abbastanza piccoli da risiedere nel
+ Master Boot Sector (Cilindro 0, Testina 0, Settore 0) insieme alla
+ tabella delle partizioni. Alcuni invece hanno bisogno di un po' di
+ spazio in pi&ugrave; e si estendono su alcuni settori oltre il Master
+ Boot Sector nella traccia del Cilindro 0 Testina 0, dato che questa
+ &egrave; tipicamente libera.</para>
+
+ <para>Ecco qui. Alcuni sistemi operativi (incluso FreeBSD) fanno in
+ modo che le loro partizioni possano cominciare subito dopo il Master
+ Boot Sector, cio&egrave; al cilindro 0, testina 0, settore 2 se vuoi.
+ Infatti, se dai al sysinstall di FreeBSD un disco con una parte
+ iniziale vuota oppure un disco vuoto, quello &egrave; il punto da cui
+ comincer&agrave; la partizione FreeBSD di default (o almeno lo ha
+ fatto quando sono caduto in questa trappola). Poi quando vai ad
+ installare il tuo boot manager, se &egrave; uno che occupa alcuni
+ settori oltre all'MBR, andr&agrave; a sovrascrivere la parte iniziale
+ dei dati della prima partizione. Nel caso di FreeBSD, questo
+ sovrascrive il label del disco, e fa in modo da rendere non avviabile
+ la partizione di FreeBSD.</para>
+
+ <para>Il modo pi&ugrave; semplice per eliminare questo problema (e
+ lasciarti la flessibilit&agrave; di provare in seguito differenti boot
+ manager) &egrave; quello di lasciare sempre la prima traccia del tuo
+ hard disk completamente libera quando partizioni il tuo hard disk.
+ Ci&ograve; significa lasciare libero lo spazio tra il cilindro 0,
+ testina 0, settore 2 fino a cilindro 0, testina 0, settore 63, e
+ cominciare la prima partizione sul cilindro 0, testina 1, settore 1.
+ Per ci&ograve; che vale, quando crei una partizione DOS all'inizio del
+ tuo hard disk, il DOS lascia sempre questo spazio libero di default
+ (ecco perch&eacute; molti boot manager presumono che sia libero).
+ Quindi creare una partizione DOS all'inizio del disco toglie questi
+ problemi tutti insieme. Mi piace fare da solo, creando una partizione
+ DOS da 1 mega all'inizio, perch&eacute; questo evita che cambino le
+ lettere dei drive DOS quando ripartiziono in seguito.</para>
+
+ <para>Come riferimento, i seguenti boot manager usano il Master Boot
+ Sector per immagazzinare il loro codice e i loro dati:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>OS-BS 1.35</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Boot Easy</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>LILO</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <para>Questi boot manager usano alcuni settori addizionali dopo
+ il Master Boot Sector:</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>OS-BS 2.0 Beta 8 (settori 2-5)</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>Boot Manager di OS/2</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+ </sect3>
+
+ <sect3>
+ <title>Cosa fare se il tuo computer non parte?</title>
+
+ <para>In alcuni momenti quando installi dei boot manager, potresti
+ lasciare l'MBR in uno stato in cui il computer non riesce pi&ugrave; a
+ partire. Questo &egrave; spiacevole, ma possibile quando si utilizza
+ FDISK su di un boot manager gi&agrave; installato.</para>
+
+ <para>Se hai una partizione DOS avviabile sul tuo hard disk, puoi
+ partire da un floppy DOS, e poi eseguire il comando:</para>
+
+ <informalexample>
+ <screen>A:\> <userinput>FDISK /MBR</userinput></screen>
+ </informalexample>
+
+ <para>Per mettere il codice originale di avvio del DOS nel sistema.
+ Puoi ora avviare DOS (e solamente DOS) dall'hard disk.
+ Alternativamente, puoi far ripartire il programma di installazione del
+ tuo boot manager da un floppy avviabile.</para>
+ </sect3>
+ </sect2>
+ </sect1>
+</article>