aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/articles
diff options
context:
space:
mode:
authorGabor Kovesdan <gabor@FreeBSD.org>2012-09-20 14:33:30 +0000
committerGabor Kovesdan <gabor@FreeBSD.org>2012-09-20 14:33:30 +0000
commitd8a2cdf09bfdd88bdad328769c0e4d06e0893efa (patch)
tree79c0f362c2f64f0ec3ea06111da6ced8753136ae /it_IT.ISO8859-15/articles
parentb1b33d86a473e7e003bb7bdf7e4ff22e9402fd84 (diff)
downloaddoc-d8a2cdf09bfdd88bdad328769c0e4d06e0893efa.tar.gz
doc-d8a2cdf09bfdd88bdad328769c0e4d06e0893efa.zip
- Remove the following articles and references to them. Where it is
reasonable to maintain the reference, use the archived docs. 5-roadmap checkpoint dialup-firewall diskless-x euro formatting-media hats (content moved to htdocs/internal) multi-os storage-devices vinum zip-drive All of these articles can be found here: http://docs.freebsd.org/doc/9.0-RELEASE/usr/share/doc/freebsd/en_US.ISO8859-1/articles/ No objection from: doc@, www@
Notes
Notes: svn path=/head/; revision=39585
Diffstat (limited to 'it_IT.ISO8859-15/articles')
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile2
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile18
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml389
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile17
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml792
5 files changed, 0 insertions, 1218 deletions
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
index d646345f96..ef1a5ebb3e 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
@@ -2,10 +2,8 @@
SUBDIR =
SUBDIR+= committers-guide
-SUBDIR+= euro
SUBDIR+= explaining-bsd
SUBDIR+= filtering-bridges
-SUBDIR+= multi-os
SUBDIR+= new-users
SUBDIR+= vm-design
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile
deleted file mode 100644
index 2588133637..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,18 +0,0 @@
-#
-# $FreeBSD$
-#
-# Articolo: Il simbolo dell'Euro su FreeBSD
-
-DOC?= article
-
-FORMATS?= html
-
-INSTALL_COMPRESSED?=gz
-INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
-
-SRCS= article.sgml
-
-URL_RELPREFIX?= ../../../..
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
-
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml
deleted file mode 100644
index be1443c897..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/euro/article.sgml
+++ /dev/null
@@ -1,389 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15" standalone="no"?>
-<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook XML V4.2-Based Extension//EN"
- "../../../share/sgml/freebsd42.dtd" [
-<!ENTITY % entities PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook FreeBSD Entity Set//IT" "../../share/sgml/entities.ent">
-%entities;
-]>
-
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.11
--->
-
-<article lang="it">
- <articleinfo>
- <title>Il simbolo dell'Euro su <systemitem
- class="osname">FreeBSD</systemitem></title>
-
- <authorgroup>
- <author>
- <firstname>Aaron</firstname>
-
- <surname>Kaplan</surname>
-
- <affiliation>
- <address><email>aaron@lo-res.org</email></address>
- </affiliation>
- </author>
- </authorgroup>
-
- <copyright>
- <year>2002</year>
-
- <year>2003</year>
-
- <holder>The FreeBSD Italian Documentation Project</holder>
- </copyright>
-
- <legalnotice id="trademarks" role="trademarks">
- &tm-attrib.freebsd;
- &tm-attrib.general;
- </legalnotice>
-
- <pubdate>$FreeBSD$</pubdate>
-
- <releaseinfo>$FreeBSD$</releaseinfo>
-
- <abstract>
- <para>Questo documento cercherà di aiutarvi ad usare il nuovo
- simbolo dell'<keycap>Euro</keycap> presente sulla vostra nuova tastiera
- comprata all'inizio del 2002 per l'avvento della nuova valuta comune.
- Inizieremo dalle parti più importanti come essere in grado di
- visualizzare correttamente il simbolo in console. Le sezioni successive
- tratteranno la configurazione di specifici programmi come
- <application>X11</application>.</para>
-
- <para>Molti utili suggerimenti sono stati forniti da Oliver Fromm,
- Tom Rhodes e innumerevoli altri.
- Grazie! Senza di voi non sarebbe stato possibile realizzare questo
- articolo!</para>
-
- &trans.it.dema;
- </abstract>
- </articleinfo>
-
- <sect1>
- <title>L'Euro in 5 minuti</title>
-
- <para>Se avete già familiarità con la
- <ulink url="&url.books.handbook;/l10n.html">localization</ulink> come
- descritta nel Manuale di <systemitem class="osname">FreeBSD</systemitem>
- potreste essere interessanti solamente alle seguenti informazioni che
- vi consentiranno di iniziare velocemente ad usare l'Euro:</para>
-
- <variablelist>
- <varlistentry>
- <term>ISO8859-15</term>
-
- <listitem>
- <para>Questa è una versione leggermente modificata della
- più comune mappa caratteri ISO8859-1.
- Include il simbolo dell'Euro. Usata per le variabili d'ambiente
- <envar>LANG</envar> e <envar>LC_CTYPE</envar>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><filename>iso15-8x16.fnt</filename></term>
-
- <listitem>
- <para>Il font per la console da usare con &man.vidcontrol.1;</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><filename>/usr/share/syscons/keymaps/*.iso.kbd</filename></term>
-
- <listitem>
- <para>Mappe di tastiera per le diverse lingue. Impostate la vostra
- variabile <literal>keymap</literal> in <filename>rc.conf</filename>
- ad una di queste mappe.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><envar>LC_CTYPE</envar></term>
-
- <listitem>
- <para>Usata per impostare il corretto tipo di caratteri nelle vostre
- impostazioni locali.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><literal>XkbLayout
- "<replaceable>lingua</replaceable>(euro)"</literal></term>
-
- <listitem>
- <para>Opzione di configurazione di
- <application>XFree86</application>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><filename>/usr/X11R6/lib/X11/fonts/*/fonts.alias</filename></term>
-
- <listitem>
- <para>Assicuratevi di modificare i nomi dei vostri file dei font di
- X11 a <literal>-*-..-*-iso8859-15</literal></para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
- </sect1>
-
- <sect1 id="general">
- <title>Nota generale</title>
-
- <para>Nelle sezioni seguenti ci riferiremo spesso a
- <emphasis>ISO8859-15</emphasis>.
- Questa è la notazione standard a partire da
- <systemitem class="osname">FreeBSD</systemitem> 4.5.
- Nelle versioni più vecchie la notazione standard era invece
- <emphasis>ISO_8859-15</emphasis> oppure
- <emphasis>DIS_8859-15</emphasis>.</para>
-
- <para>Se state usando una versione di
- <systemitem class="osname">FreeBSD</systemitem> più vecchia,
- assicuratevi di guardare in
- <filename>/usr/share/locale/</filename> per scoprire quale notazione
- è in uso nel vostro sistema.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 id="console">
- <title>La console</title>
-
- <sect2>
- <title>Configurare il font della console</title>
-
- <para>In base alla risoluzione e dimensione della vostra console
- dovrete mettere una delle seguenti linee in
- <filename>rc.conf</filename>:</para>
-
- <programlisting>font8x16="iso15-8x16.fnt" # da /usr/share/syscons/fonts/*
-font8x14="iso15-8x14.fnt"
-font8x8="iso15-8x8.fnt"</programlisting>
-
- <para>Questo imposterà effettivamente il font ISO8859-15 conosciuto
- anche come Latin-9. ISO8859-15 è una variazione di ISO8859-1.
- Potete notare la differenza tra i due esaminando il simbolo dell'Euro:
- il suo valore decimale è 164. Nell'ISO8859-1 noterete un
- cerchietto con quattro piccoli segnetti agli angoli. Questo è
- spesso chiamato <quote>simbolo universale di valuta</quote>.
- Nell'ISO8859-15, invece del cerchietto, avrete il simbolo dell'Euro.
- Per il resto i font sono più o meno identici.</para>
-
- <warning>
- <para>Al momento della stesura di questo articolo l'unico font
- utilizzabile sembra essere l'<literal>iso15-8x16.fnt</literal>.
- Gli altri sembrano avere l'aspetto dello ISO8859-1 sebbene il nome
- suggerisca altrimenti.</para>
- </warning>
-
- <note>
- <para>Impostando questo font alcune applicazioni da console avranno
- un aspetto <quote>rovinato</quote>.
- Questo è dovuto al fatto che esse si
- aspettano di trovare un diverso set di font/caratteri come per esempio
- l'ANSI 850. Un tipico esempio è
- <application>sysinstall</application>.
- Comunque questo non dovrebbe essere un problema nella maggior parte
- dei casi.</para>
- </note>
-
- <para>Il vostro prossimo passo dovrebbe essere o riavviare il vostro
- sistema affinché i cambiamenti abbiano effetto oppure
- (manualmente) effettuare le modifiche nello stesso modo in cui
- avverrebbero all'avvio:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>vidcontrol -f <replaceable>iso15-8x16.fnt</replaceable></userinput></screen>
-
- <para>Per controllare se il font è stato impostato eseguite il
- seguente piccolo script
- <command><anchor id="awk-test"/>awk</command>:</para>
-
- <programlisting>#!/usr/bin/awk -f
-BEGIN {
- for(i=160;i&lt;180;i++)
- printf"%3d %c\n",i,i
-}</programlisting>
-
- <para>Il risultato dovrebbe mostrare il simbolo dell'Euro nella
- posizione 164.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Configurare la vostra tastiera per l'Euro</title>
-
- <para>La maggior parte delle mappe di tastiera dovrebbe essere già
- correttamente impostata. Per esempio, se avete una tastiera
- italiana e vi funzionano le lettere accentate, potete tranquillamente
- saltare questa sezione visto che la tastiera mappa correttamente la
- combinazioni di caratteri, qualunque essa sia,
- (ad esempio: <keycombo action="simul">
- <keycap>Alt Gr</keycap>
- <keycap>e</keycap>
- </keycombo>) al valore decimale 164.
- Se avete problemi la cosa migliore è controllare i file in
- <filename>/usr/share/syscons/keymaps/*.kbd</filename>.
- Il formato dei file delle mappe di tastiera è descritto in
- &man.keyboard.4;. &man.kbdcontrol.1; può essere usato per
- caricare una mappa personalizzata.</para>
-
- <para>Una volta che è stata trovata la corretta mappa di tastiera,
- dovete aggiungerla a <filename>/etc/rc.conf</filename> con la
- linea:</para>
-
- <programlisting>keymap="<replaceable>it.iso</replaceable>" # o un'altra mappa</programlisting>
-
- <para>Come spiegato in precedenza, questo passo probabilmente lo avete
- già fatto al momento dell'installazione (con
- <application>sysinstall</application>).
- In caso contrario, riavviate oppure caricate la nuova mappa con
- &man.kbdcontrol.1;.</para>
-
- <para>Per verificare la nuova mappatura della tastiera, passate ad una
- nuova console e al prompt di login, <emphasis>invece di
- loggarvi</emphasis>, provate a premere il tasto <keycap>Euro</keycap>.
- Se non funziona assicuratevi di aver correttamente impostato la
- giusta mappa di tastiera oppure inviate una segnalazione di bug
- con &man.send-pr.1;.</para>
-
- <note>
- <para>Al momento il tasto Euro non funziona ancora con
- <application>bash</application> o
- <application>tcsh</application>.</para>
- </note>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Correggere le variabili d'ambiente</title>
-
- <para>Le shell (<application>bash</application>,
- <application>tcsh</application>) si basano sulla libreria
- &man.readline.3;, la quale a sua volta utilizza la variabile d'ambiente
- <envar>LC_CTYPE</envar>. <envar>LC_CTYPE</envar> deve essere impostata
- prima che la shell sia completamente operativa.
- Fortunatamente è sufficiente aggiungere la linea:</para>
-
- <programlisting>export LC_CTYPE=<replaceable>it_IT</replaceable>.ISO8859-15</programlisting>
-
- <para>al vostro file <filename>.bash_profile</filename>
- (<application>bash</application>), oppure:</para>
-
- <programlisting>setenv LC_CTYPE <replaceable>it_IT</replaceable>.ISO8859-15</programlisting>
-
- <para>al vostro file <filename>.login</filename>
- (<application>tcsh</application>). Naturalmente,
- <replaceable>it_IT</replaceable> deve essere sostituito con la
- vostra lingua. Poi, sloggatevi e riloggatevi nuovamente, e verificate
- che il tasto Euro funzioni.
- Già così la maggior parte delle applicazioni console
- dovrebbe funzionare correttamente col tasto Euro.
- Ulteriori configurazioni per programmi speciali come
- <application>pine</application> potrebbero essere comunque
- necessarie.</para>
-
- <note>
- <para>Un'alternativa alla modifica di <filename>.login</filename> e
- <filename>.bash_profile</filename> è quella di impostare le
- variabili d'ambiente tramite &man.login.conf.5;. Questo approccio
- ha il vantaggio di assegnare classi di login a determinati utenti
- (esempio, utenti Francesi, utenti Tedeschi, ecc.)
- <emphasis>in un solo posto</emphasis>.</para>
- </note>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 id="x11">
- <title>Modificare X11</title>
-
- <para>Modificate <filename>/etc/XF86Config</filename>
- (<filename>/etc/X11/XF86Config</filename> se stai usando &xfree86;)
- nel seguente modo:</para>
-
- <programlisting>Option "XkbLayout" "<replaceable>it</replaceable>(euro)"</programlisting>
-
- <para>Come sempre, rimpiazzate <replaceable>it</replaceable> con la
- vostra lingua. Così facendo la tastiera dovrebbe essere
- configurata correttamente. Come in console, deve essere scelto il font
- adatto. Per le applicazioni <application>KDE</application> andate in
- <application>KDE control center</application> -&gt;
- Personalization -&gt; Country &amp; Language -&gt; Charset e
- cambiatelo in <literal>ISO8859-15</literal>.
- Simili modifiche si devono effettuare per
- <application>kmail</application> e altre applicazioni.</para>
-
- <para>Un'altra buona idea è modificare i vostri file
- <filename>fonts.alias</filename>.
- In particolar modo il font <literal>fixed</literal> dovrebbe essere
- modificato per usare la giusta mappa caratteri. Il file
- <filename>/usr/X11R6/lib/X11/fonts/misc/fonts.alias</filename>
- dell'autore è mostrato come esempio:</para>
-
- <programlisting>! $Xorg: fonts.alias,v 1.3 2000/08/21 16:42:31 coskrey Exp $
-fixed -misc-fixed-medium-r-semicondensed--13-120-75-75-c-60-iso8859-15
-variable -*-helvetica-bold-r-normal-*-*-120-*-*-*-*-iso8859-15
-(...)</programlisting>
-
- <para>Come in console, applicazioni speciali hanno ancora i font
- ISO8859-1 configurati nei loro rispettivi database &man.xrdb.1;.
- Un esempio importante è <application>xterm</application>.
- Come regola generale è sufficiente cambiare il corrispondente file
- di configurazione in
- <filename>/usr/X11R6/lib/X11/app-defaults</filename>
- e aggiungere il font corretto. Ecco come fare per
- <application>xterm</application>.</para>
-
- <screen>&prompt.root; cd /usr/X11R6/lib/X11/app-defaults/
-&prompt.root; vi XTerm</screen>
-
- <para>Aggiungete la seguente linea all'inizio del file:</para>
-
- <programlisting>*font: -misc-fixed-medium-r-normal-*-*-120-*-*-c-*-iso8859-15</programlisting>
-
- <para>Infine, fate ripartire X e assicuratevi che i font siano
- visualizzati correttamente eseguendo il precedente
- <link linkend="awk-test">script awk</link>.
- Tutte le principali applicazioni dovrebbero rispettare la mappatura di
- tastiera e l'impostazione del font.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 id="problems">
- <title>Problemi non ancora risolti</title>
-
- <para>Naturalmente, l'autore gradirebbe ricevere i vostri commenti.
- Inoltre, fatemi almeno sapere se avete soluzioni per questi problemi
- irrisolti.</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Descrivere metodi alternativi per configurare
- <application>XFree86</application>:
- <filename role="package">x11/xkeycaps</filename></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Impostazioni in <application>GNOME</application></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Impostazioni in <application>XFCE</application></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Impostazioni per <application>(X)Emacs</application></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Descrivere l'UTF-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Descrivere <application>libiconv</application> come un buon
- sistema per convertire applicazioni da ISO8859-15 a UTF-{8,16}</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-</article>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile
deleted file mode 100644
index a12328b7cb..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,17 +0,0 @@
-#
-# $FreeBSD$
-#
-# Articolo: Installazione e Utilizzo di FreeBSD con altri Sistemi Operativi
-
-DOC?= article
-
-FORMATS?= html
-WITH_ARTICLE_TOC?= YES
-
-INSTALL_COMPRESSED?=gz
-INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
-
-SRCS= article.sgml
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml
deleted file mode 100644
index 884a11a68b..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/multi-os/article.sgml
+++ /dev/null
@@ -1,792 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15" standalone="no"?>
-<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook XML V4.2-Based Extension//EN"
- "../../../share/sgml/freebsd42.dtd" [
-<!ENTITY % entities PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook FreeBSD Entity Set//IT" "../../share/sgml/entities.ent">
-%entities;
-]>
-
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.39
--->
-
-<article lang="it">
- <articleinfo>
- <title>Installazione e Utilizzo di FreeBSD con altri Sistemi
- Operativi</title>
-
- <authorgroup>
- <author>
- <firstname>Jay</firstname>
-
- <surname>Richmond</surname>
-
- <affiliation>
- <address><email>jayrich@sysc.com</email></address>
- </affiliation>
- </author>
- </authorgroup>
-
- <pubdate>6 Agosto 1996</pubdate>
-
- <legalnotice id="trademarks" role="trademarks">
- &tm-attrib.freebsd;
- &tm-attrib.ibm;
- &tm-attrib.linux;
- &tm-attrib.microsoft;
- &tm-attrib.powerquest;
- &tm-attrib.general;
- </legalnotice>
-
- <releaseinfo>$FreeBSD$</releaseinfo>
-
- <abstract>
- <para>Questo documento spiega come far coesistere felicemente
- FreeBSD con altri sistemi operativi come Linux, &ms-dos;,
- &os2;, e &windows; 95.
- Un ringraziamento speciale va a: Annelise Anderson
- <email>andrsn@stanford.edu</email>, Randall Hopper
- <email>rhh@ct.picker.com</email>, e &a.jkh;.</para>
-
- &trans.it.max;
- </abstract>
- </articleinfo>
-
- <sect1>
- <title>Introduzione</title>
-
- <para>Molta gente non può far convivere questi sistemi operativi
- senza avere a disposizione un hard disk di grosse dimensioni,
- perciò sono state incluse informazioni speciali sui drive EIDE
- di grosse dimensioni. Poiché ci sono così tante
- combinazioni di possibili sistemi operativi e configurazioni di hard disk,
- la <xref linkend="ch5"/> potrebbe esserti di aiuto più
- di altre. Contiene descrizioni di specifiche configurazioni che
- usano molteplici sistemi operativi.</para>
-
- <para>Questo documento assume che tu abbia già fatto posto sul tuo
- hard disk per un altro sistema operativo. Ogni volta che
- ripartizioni il tuo hard disk, corri il rischio di distruggere
- e quindi perdere i dati sulle partizioni originali. In ogni caso,
- se il tuo hard disk è completamente occupato dal DOS, potresti
- usare FIPS (incluso nel CDROM di FreeBSD nella directory
- <filename class="directory">\TOOLS</filename> oppure via
- <ulink url="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/tools/">ftp</ulink>).
- Ti permette di ripartizionare il tuo hard disk senza distruggere i
- dati già contenuti. C'è anche un programma commerciale
- chiamato <application>&partitionmagic;</application>, che ti permette
- di ridimensionare e cancellare partizioni senza conseguenze.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 id="ch2">
- <title>Panoramica sui Boot Manager</title>
-
- <para>Si tratta solo di brevi descrizioni dei diversi boot manager che
- potresti trovare. A seconda del tuo computer, potresti trovare
- utile usarne più di uno sullo stesso sistema.</para>
-
- <variablelist>
- <varlistentry>
- <term>Boot Easy</term>
-
- <listitem>
- <para>Questo è il boot manager standard fornito con FreeBSD.
- Ha la possibilità di far partire qualsiasi cosa, incluso BSD,
- &os2; (HPFS), &windows; 95 (FAT e FAT32), e Linux.
- Le partizioni vengono scelte con i tasti funzione (F1-F12).</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>Boot Manager di &os2;</term>
-
- <listitem>
- <para>Questo fa partire FAT, FAT32, HPFS, FFS (FreeBSD), ed EXT2
- (Linux). Le partizioni vengono scelte usando i tasti freccia.
- L'&os2; Boot Manager è
- l'unico ad usare una propria partizione separata, diversamente
- dagli altri, che usano il master boot record (MBR). Di conseguenza,
- deve essere installato prima del 1024esimo cilindro per evitare
- problemi di avvio. Può far partire Linux usando LILO quando
- questo è parte del settore di avvio, non dell'MBR.
- Leggi gli <ulink
- url="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/HOWTO-INDEX.html">HOWTO
- di Linux</ulink> sul World Wide Web per avere più
- informazioni su come far partire Linux con il boot manager di
- &os2;.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>OS-BS</term>
-
- <listitem>
- <para>Questa è un'alternativa a Boot Easy. Ti dà
- più controllo sul processo di avvio, con la
- possibilità di impostare la partizione di default da cui
- partire e il timeout di avvio.
- La versione beta di questo programma ti permette di avviare
- scegliendo il sistema operativo con i tasti freccia. È
- incluso nel cd di FreeBSD nella directory
- <filename>\TOOLS</filename> oppure via <ulink
- url="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/tools/">ftp</ulink>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>LILO, o LInux LOader</term>
-
- <listitem>
- <para>Questo è un boot manager limitato. Farà partire
- FreeBSD, sebbene siano necessari alcuni accorgimenti e sistemazioni
- nel file di configurazione.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
-
- <note id="fat32">
- <title>A proposito di FAT32</title>
-
- <para>FAT32 è il rimpiazzo al file system FAT incluso nella Release
- Beta SR2 di Microsoft, che dovrebbe essere installata
- con &windows; 95 a partire dalla fine del 1996. Converte il
- normale file system FAT e ti permette di usare cluster di
- dimensioni più piccole per hard disk di dimensioni maggiori.
- Inoltre FAT32 modifica il settore di avvio tradizionale e la tabella
- di allocazione, rendendola incompatibile con alcuni Boot
- Manager.</para>
- </note>
- </sect1>
-
- <sect1 id="ch3">
- <title>Una Installazione Tipica</title>
-
- <para>Diciamo che ho due grandi hard disk EIDE e voglio installarci
- FreeBSD, Linux, e &windows; 95.</para>
-
- <para>Ecco come potrei fare usando questi due hard disk:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><filename>/dev/wd0</filename> (Primo hard disk)</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>/dev/wd1</filename> (Secondo hard disk)</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Tutti e due hanno 1416 cilindri.</para>
-
- <procedure>
- <step>
- <para>Parto dalla partizione &ms-dos; o dal dischetto di avvio
- di &windows; 95 che contiene l'utility <filename>FDISK.EXE</filename>
- e creo una piccola partizione primaria da 50&nbsp;MB
- (35-40 per &windows; 95, più un po' di spazio per respirare)
- sul primo disco. Creo anche una partizione più grande sul
- secondo hard disk per le applicazioni di &windows; e per i
- dati.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Faccio ripartire ed installo &windows; 95 (più facile a
- dirsi che a farsi) sulla partizione <filename>C:</filename>.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>La prossima cosa che farò sarà installare Linux.
- Non sono sicuro per le altre distribuzioni, ma la <ulink
- url="http://www.slackware.com">Slackware</ulink> include
- LILO (guarda la <xref linkend="ch2"/>). Quando ripartiziono il
- mio hard disk con l'<command>fdisk</command> di Linux,
- metterò tutto ciò che riguarda Linux sul primo hard
- disk (probabilmente 300&nbsp;MB per una partizione di
- root decente e un po' di spazio di swap).</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Dopo aver installato Linux, quando viene chiesto di
- installare LILO, <emphasis>assicurati</emphasis> di installarlo sul
- settore di avvio della partizione di Linux, non
- nell'MBR (Master Boot Record).</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>La parte rimanente di hard disk va a FreeBSD.
- Assicurati anche che la <quote>slice</quote> root di FreeBSD
- non vada oltre il 1024esimo cilindro. (Il 1024esimo
- cilindro è circa intorno ai 528&nbsp;MB in un disco ipotetico,
- il mio, di 720&nbsp;MB). Userò il resto dell'hard disk
- (circa 270&nbsp;MB) per <filename class="directory">/usr</filename> e
- <filename class="directory">/</filename>. Il resto del secondo hard
- disk (la grandezza varia a seconda di quanto spazio
- ho lasciato agli applicativi e ai dati per &windows;
- quando ho creato la partizione nel primo passo) può
- essere usata per <filename class="directory">/usr/src</filename>
- e per lo spazio di swap.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Se visualizzato con l'utility <command>fdisk</command>
- di &windows; 95, l'hard disk dovrebbe risultare in questo modo:
- <screen>---------------------------------------------------------------------
-
- Display Partition Information
-
-Current fixed disk drive: 1
-
-Partition Status Type Volume_Label Mbytes System Usage
-C: 1 A PRI DOS 50 FAT** 7%
- 2 A Non-DOS (Linux) 300 43%
-
-Total disk space is 696 Mbytes (1 Mbyte = 1048576 bytes)
-
-Press Esc to continue
-
----------------------------------------------------------------------
-
- Display Partition Information
-
-Current fixed disk drive: 2
-
-Partition Status Type Volume_Label Mbytes System Usage
-D: 1 A PRI DOS 420 FAT** 60%
-
-Total disk space is 696 Mbytes (1 Mbyte = 1048576 bytes)
-
-Press Esc to continue
-
----------------------------------------------------------------------</screen>
- ** Potrebbe essere FAT16 o FAT32 se stai usando l'aggiornamento OEM
- SR2. Guarda la <xref linkend="ch2"/>.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Installazione di FreeBSD. Assicurati di avviare il computer
- con il primo hard disk configurato con <quote>NORMAL</quote> nel BIOS.
- Se non è così, dovrai settare la vera geometria
- del disco all'avvio (per arrivare a fare ciò, fai partire
- &windows; 95 e consulta Microsoft Diagnostics
- (<filename>MSD.EXE</filename>), o controlla il BIOS) con il
- parametro <literal>hd0=1416,16,63</literal> dove <replaceable>
- 1416</replaceable> è il numero di cilindri sull'hard disk,
- <replaceable>16</replaceable> è il numero di testine per
- traccia, o <quote>heads per track</quote>, e
- <replaceable>63</replaceable> è il numero di settori per
- traccia sul drive.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Quando partiziono l'hard disk, cerco sempre di mettere Boot
- Easy sul primo hard disk. Non mi preoccupo del secondo hard
- disk, non parte nulla da quello.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Al riavvio, Boot Easy dovrebbe riconoscere le tre partizioni
- avviabili, cioè quella DOS (ovvero &windows; 95), Linux, e
- BSD (FreeBSD).</para>
- </step>
- </procedure>
- </sect1>
-
- <sect1 id="ch4">
- <title>Considerazioni Speciali</title>
-
- <para>Molti sistemi operativi sono molto pignoli su come e dove devono
- essere messi sull'hard disk. &windows; 95 deve essere sulla prima
- partizione primaria sul primo hard disk. &os2; fa eccezione. Può
- essere installato in una partizione primaria o estesa sul primo o sul
- secondo hard disk. Se non sei sicuro, mantieni la parte avviabile di
- partizione sotto il 1024esimo cilindro.</para>
-
- <para>Se installi &windows; 95 su un sistema BSD esistente, questo
- <quote>distruggerà</quote> l'MBR, e dovrai reinstallare il boot
- manager precedente. Boot Easy può essere reinstallato usando
- l'utility <filename>BOOTINST.EXE</filename> inclusa nella directory
- <filename class="directory">\TOOLS</filename> sul cdrom, oppure
- via <ulink url="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/tools/"> ftp</ulink>.
- Puoi anche ricominciare l'installazione e andare all'editor delle
- partizioni. Da lì, marcare la partizione di FreeBSD come
- avviabile, scegliere Boot Manager, e quindi digitare W per scrivere le
- informazioni nell'MBR. Puoi ora riavviare, e Boot Easy dovrebbe
- riconoscere &windows; 95 e DOS.</para>
-
- <para>Ricordati che &os2; può leggere partizioni FAT e HPFS, ma non
- FFS (FreeBSD) o EXT2 (Linux). Diversamente &windows; 95 può
- leggere e scrivere solo su FAT o FAT32 (guarda la <xref linkend="ch2"/>).
- FreeBSD può leggere gran parte degli altri file system, ma al
- momento non può leggere partizioni HPFS. Linux può leggere
- partizioni HPFS, ma non può scrivervi. Versioni recenti del kernel
- di Linux (2.x) possono leggere e scrivere su partizioni di &windows; 95 di
- tipo VFAT (VFAT è ciò che permette a &windows; 95 di avere
- i nomi di file lunghi - è molto simile alla FAT).
- Linux può leggere e scrivere sulla maggior parte dei file system.
- Capito? Lo spero...</para>
- </sect1>
-
- <sect1 id="ch5">
- <title>Esempi</title>
-
- <para><emphasis>(La sezione ha bisogno di lavoro, per favore spedisci
- il tuo esempio a <email>jayrich@sysc.com</email>)</emphasis>.</para>
-
- <para>FreeBSD + &windows; 95: Se hai installato FreeBSD dopo &windows; 95,
- dovresti vedere <literal>DOS</literal> nel menu di Boot Easy. Questo
- è &windows; 95. Se hai installato &windows; 95 dopo FreeBSD, leggi
- la <xref linkend="ch4"/> sopra.
- Fin quando il tuo hard disk non ha più di 1024 cilindri, non
- dovrebbero esserci problemi.
- Se una partizione va oltre il 1024esimo cilindro, e hai
- messaggi di errore come <errorname>invalid system disk</errorname> sotto
- DOS (&windows; 95) e FreeBSD non parte, prova a cercare una opzione nel
- BIOS chiamata <quote>&gt; 1024 cylinder support</quote> o
- <quote>NORMAL/LBA mode</quote>.
- DOS potrebbe necessitare dell'LBA (Logical Block Addressing -
- Indirizzamento Logico dei Blocchi) per partire correttamente. Se l'idea
- di cambiare delle impostazioni nel BIOS ogni volta che si accende il
- computer non ti piace, puoi far partire FreeBSD da DOS con l'utility
- <filename>FBSDBOOT.EXE</filename> che trovi sul CD (dovrebbe trovare la
- tua partizione FreeBSD e farla partire).</para>
-
- <para>FreeBSD + &os2; + &windows; 95: Nulla di nuovo qui. Il boot manager
- di &os2; può far partire tutti questi sistemi operativi,
- cosicché non dovrebbero esserci problemi.</para>
-
- <para>FreeBSD + Linux: Puoi usare Boot Easy per far partire tutti e due i
- sistemi operativi.</para>
-
- <para>FreeBSD + Linux + &windows; 95: (guarda la <xref
- linkend="ch3"/>)</para>
- </sect1>
-
- <sect1 id="sources">
- <title>Altre Fonti di Aiuto</title>
-
- <para>Ci sono molti <ulink
- url="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/HOWTO-INDEX.html">HOW-TO su
- Linux</ulink> che trattano come affrontare il problema di avere
- più sistemi operativi sullo stesso hard disk.</para>
-
- <para>Il <ulink
- url="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/mini/Linux+DOS+Win95+OS2.html">Linux+DOS+Win95+OS2
- mini-HOWTO</ulink> offre aiuto su come configurare il boot manager di
- &os2; e il <ulink
- url="http://www.linuxresources.com/LDP/HOWTO/mini/Linux+FreeBSD.html">Linux+FreeBSD
- mini-HOWTO</ulink> potrebbe essere anch'esso interessante.
- Anche il <ulink
- url="http://www.in.net/~jkatz/win95/Linux-HOWTO.html">Linux-HOWTO</ulink>
- è di grande aiuto.</para>
-
- <para>L'<ulink
- url="http://www.tburke.net/info/ntldr/ntldr_hacking_guide.htm">&windowsnt;
- Loader Hacking Guide</ulink> fornisce buone informazioni sul
- multibooting di &windowsnt;, '95, e DOS con altri sistemi
- operativi.</para>
-
- <para>E il pacchetto di Hale Landis, <quote>How It Works</quote> contiene
- alcune utili informazioni su tutti i tipi di geometrie dei drive e su
- argomenti legati al processo di avvio. Puoi trovarlo su <ulink
- url="ftp://fission.dt.wdc.com/pub/otherdocs/pc_systems/how_it_works/allhiw.zip"></ulink>.</para>
-
- <para>Inoltre non perderti la documentazione del kernel di FreeBSD sul
- processo di avvio, disponibile nella distribuzione dei sorgenti del kernel
- (si scompatta in <ulink
- url="file://localhost/usr/src/sys/i386/boot/biosboot/README.386BSD">file:/usr/src/sys/i386/boot/biosboot/README.386BSD</ulink>.</para>
- </sect1>
-
- <sect1>
- <title>Dettagli Tecnici</title>
-
- <para><emphasis>(Contributo di Randall Hopper,
- <email>rhh@ct.picker.com</email>)</emphasis></para>
-
- <para>Questa sezione prova a fornire abbastanza informazioni di base
- sugli hard disk e sul processo di avvio così da
- essere poi capaci di determinare le cause dei problemi più
- frequenti che potreste affrontare al momento dell'installazione e della
- configurazione di più sistemi operativi. Inizia con un
- linguaggio semplice, così potresti voler scorrere la pagina fino a
- quando non ti sembri difficile e cominciare quindi da quel punto a
- leggere.</para>
-
- <sect2>
- <title>Introduzione agli Hard Disk</title>
-
- <para>Sono generalmente usati tre termini fondamentali per descrivere
- l'allocazione dei dati sull'hard disk: Cylinders (Cilindri), Heads
- (Testine), e Sectors (Settori). Non è particolarmente importante
- sapere esattamente cosa significano questi termini e quale sia il loro
- compito specifico, ma interessa sapere che, insieme, identificano dove
- si trovano fisicamente i dati sull'hard disk.</para>
-
- <para>Ogni hard disk ha un particolare numero di cilindri, di testine, e
- di settori per ogni parte di cilindro relativa a una singola testina
- (che generalmente viene chiamato track, o traccia).
- Questi dati contribuiscono a determinare la geometria
- fisica del disco dell'hard disk. Ci sono
- generalmente 512 byte per settore, e 63 settori per traccia, mentre
- il numero di cilindri e testine varia a seconda del tipo di hard disk.
- In questo modo puoi trovare la quantità di dati che il disco
- potrebbe contenere semplicemente calcolando:</para>
-
- <informalexample>
- <para>(numero di cilindri) &times; (numero di testine) &times; (63
- settori/traccia) &times; (512 byte/settore)</para>
- </informalexample>
-
- <para>Per esempio, sul mio Western Digital AC31600 EIDE, questo
- è:</para>
-
- <informalexample>
- <para>(3148 cilindri) &times; (16 testine) &times; (63
- settori/traccia) &times; (512 byte/settore)</para>
- </informalexample>
-
- <para>che sarebbe 1,624,670,208 byte, o circa 1.6 Giga.</para>
-
- <para>Puoi scoprire la geometria fisica del disco (cioè il numero
- di cilindri, testine, e il fattore settori/tracciati) del tuo hard disk
- usando ATAID o altri programmi reperibili su Internet. Probabilmente il
- tuo hard disk ti è stato venduto con queste informazioni.
- Comunque stai attento: se stai usando l'opzione LBA del BIOS (vedi la
- <xref linkend="limits"/>), non puoi usare un qualsiasi programma per
- conoscere la geometria fisica. Questo perché molti programmi (ad
- esempio <filename>MSD.EXE</filename> o l'fdisk di FreeBSD) non
- identificano la geometria fisica del disco, fanno invece riferimento
- alla <firstterm>geometria traslata</firstterm> (Numeri virtuali usando
- LBA). Continua a leggere per saperne di più.</para>
-
- <para>Un altro aspetto interessante di questi termini. Dati 3
- numeri&mdash;un numero di cilindri, un numero di testine, e un numero
- di settori per tracciato&mdash;si può identificare uno specifico
- settore assoluto (un blocco di 512 byte di dati) sull'hard disk. I
- cilindri e le testine sono numerati partendo da 0, e i settori sono
- numerati partendo da 1.</para>
-
- <para>Per quelli che sono interessati a dettagli più tecnici,
- informazioni sulla geometria dei dischi, settori di avvio, BIOS, e
- altro, possono trovare grandi quantità di informazioni in
- Internet. Basta fare una ricerca con Lycos, Yahoo e altri digitando
- <literal>boot sector</literal> o <literal>master boot record</literal>.
- Tra le numerose informazioni utili che si possono trovare c'è il
- pacchetto di documentazione <citetitle>How It Works</citetitle> (in
- italiano <quote>Come Funziona</quote>) di Hale Landis. Guarda la
- <xref linkend="sources"/> per alcuni puntatori a questo
- pacchetto.</para>
-
- <para>Ok, troppa terminologia finora. Adesso parliamo del processo di
- avvio.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 id="booting">
- <title>Il Processo di Avvio</title>
-
- <para>Sul primo settore del tuo disco (Cyl 0, Head 0, Sector 1) risiede
- il Master Boot Record (MBR). Questo contiene una mappa del tuo disco.
- Identifica fino a 4 <firstterm>partizioni</firstterm>, ciascuna delle
- quali è uno spazio, una parte, di quel disco. FreeBSD chiama
- queste partizioni <firstterm>slices</firstterm> per evitare confusione
- con le sue partizioni, di cui ora non parleremo.
- Ciascuna partizione può contenere un sistema operativo
- diverso.</para>
-
- <para>Ogni elemento che rappresenta una partizione presente nell'MBR ha un
- <firstterm>Partition ID</firstterm>, un valore <firstterm>Start
- Cylinder/Head/Sector</firstterm>, e un valore <firstterm>End
- Cylinder/Head/Sector</firstterm>. Il Partition ID mostra di che tipo
- di partizione si tratta (di che sistema operativo) e i valori di
- inizio/fine dicono dove questa si trova. La <xref linkend="tbl-pid"/>
- mostra una lista di partition ID più comuni.</para>
-
- <table id="tbl-pid">
- <title>Partition ID</title>
-
- <tgroup cols="2">
- <thead>
- <row>
- <entry>ID (hex)</entry>
-
- <entry>Descrizione</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>01</entry>
-
- <entry>DOS12 primaria (12-bit FAT)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>04</entry>
-
- <entry>DOS16 primaria (16-bit FAT)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>05</entry>
-
- <entry>DOS estesa</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>06</entry>
-
- <entry>DOS primaria di grande dimensione (&gt; 32MB)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>0A</entry>
-
- <entry>&os2;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>83</entry>
-
- <entry>Linux (EXT2FS)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>A5</entry>
-
- <entry>FreeBSD, NetBSD, 386BSD (UFS)</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </table>
-
- <para>Nota che non tutte le partizioni sono avviabili (per esempio quelle
- DOS estese). Alcune lo sono, altre no. Ciò che rende una
- partizione avviabile è la configurazione del <firstterm>Partition
- Boot Sector</firstterm> che si trova all'inizio di ciascuna
- partizione.</para>
-
- <para>Quando configuri il tuo boot manager preferito, questo cerca gli
- elementi nella tavola delle partizioni sull'MBR di tutti i tuoi hard
- disk e fa in modo che tu possa dare un nome a tutte gli elementi della
- lista. Quindi all'avvio, il boot manager viene invocato da un codice
- particolare presente nell'MBR del primo hard disk che viene rilevato sul
- tuo sistema. Questo guarda la tavola delle partizioni dell'MBR
- corrispondente alla partizione che hai scelto, usa l'informazione sullo
- Start Cylinder/Head/Sector per quella partizione, carica il Partition
- Boot Sector per quella partizione, e sli dà il controllo.
- Quel settore di avvio per la partizione contiene abbastanza informazioni
- per cominciare a caricare il sistema operativo di quella
- partizione.</para>
-
- <para>Un particolare che abbiamo sorvolato e che è importante
- conoscere. Tutti gli hard disk hanno l'MBR. Ad ogni modo, quello
- importante è quello del disco che viene rilevato per primo dal
- BIOS. Se hai solo hard disk IDE, è il primo disco IDE
- (cioè il disco primario del controller primario).
- Stessa cosa per i sistemi SCSI. Se hai sia
- SCSI che IDE invece, i dischi IDE vengono riconosciuti per primi dal
- BIOS, quindi il primo disco IDE è quello che viene riconosciuto
- per primo. Il boot manager che installerai si troverà quindi
- sull'MBR del primo disco riconosciuto come descritto.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 id="limits">
- <title>Limitazioni sull'Avvio e Avvertimenti</title>
-
- <para>Ora un po' di cose interessanti alle quali devi stare
- attento.</para>
-
- <sect3>
- <title>Il maledetto limite dei 1024 cilindri e l'aiuto dell'LBA del
- BIOS</title>
-
- <para>La prima parte del processo di avvio viene effettuata attraverso
- il BIOS, (se questo è un termine nuovo per te, il BIOS è
- un chip contenente del software presente sulla scheda madre che
- contiene il codice di avviamento per il computer). Quindi, questa
- prima parte del processo è soggetta alle limitazioni
- dell'interfaccia del BIOS.</para>
-
- <para>L'interfaccia BIOS usata per leggere gli hard disk in questo
- momento (INT 13H, Subfunction 2) alloca 10 bit per il Cylinder Number,
- 8 bit per l'Head Number, e 6 bit per il Sector Number. Questo porta
- gli utenti ad essere sottoposti a dei limiti (per esempio i boot
- manager installati nell'MBR così come i loader installati nei
- Boot Sector) che ora vediamo:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>1024 cilindri, massimo</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>256 testine, massimo</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>64 settori/traccia, massimo (in realtà 63,
- <literal>0</literal> non è disponibile)</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Ora, hard disk grossi hanno molti cilindri, ma non molte testine,
- quindi invariabilmente con grandi hard disk il numero di cilindri
- sarà più alto di 1024. A causa di questo e della
- situazione dell'interfaccia BIOS, non puoi far partire un sistema
- operativo da qualsiasi punto del disco. Il codice di avvio (il boot
- manager e il loader del sistema operativo devono essere nei settori di
- avvio di tutte le partizioni avviabili) deve risiedere entro il limite
- dei 1024 cilindri. In pratica, se il tuo hard disk è generico
- e contiene 16 testine, questo si tramuta in:</para>
-
- <informalexample>
- <para>1024 cilindri/disco &times; 16 testine/disco &times; 63
- settori/traccia &times; 512 byte/settore</para>
- </informalexample>
-
- <para>che è intorno al summenzionato limite dei 528MB.</para>
-
- <para>Qui è dove entra in gioco l'LBA (Logical Block Addressing,
- Indirizzamento Logico dei Blocchi) del BIOS. L'LBA del BIOS fornisce
- all'utente delle API del BIOS accesso ai cilindri fisici oltre al
- 1024esimo attraverso l'interfaccia BIOS ridefinendo un cilindro.
- Quindi, rimappa cilindri e testine, facendo sembrare al BIOS che il
- computer contenga meno cilindri e più testine di quanto in
- realtà non ne abbia.
- In altre parole, si avvantaggia del fatto che gli hard disk hanno
- relativamente poche testine e molti cilindri semplicemente bilanciando
- tra cilindri e testine facendo in modo che tutti e due i numeri
- rimangano sotto la soglia (1024 cilindri, 256 testine).</para>
-
- <para>Con l'LBA del BIOS, la limitazione agli hard disk è
- virtualmente eliminata (beh, spostata ad 8 Gigabyte). Se hai un BIOS
- che supporta l'LBA, puoi mettere FreeBSD o qualsiasi altro OS in
- qualsiasi parte tu voglia senza toccare il limite dei 1024
- cilindri.</para>
-
- <para>Per usare ancora l'esempio del mio Western Digital da 1.6
- Giga, la sua geometria fisica è:</para>
-
- <informalexample>
- <para>(3148 cilindri, 16 testine, 63 settori/traccia, 512
- byte/settore)</para>
- </informalexample>
-
- <para>Ad ogni modo, il mio LBA del BIOS rimappa questo in:</para>
-
- <informalexample>
- <para>(787 cilindri, 64 testine, 63 settori/traccia, 512
- byte/settore)</para>
- </informalexample>
-
- <para>dandomi la stessa grandezza effettiva di disco, ma con numero di
- cilindri e testine entro i limiti dell'API del BIOS (casualmente,
- ho sia Linux che FreeBSD installati su uno dei miei hard disk sopra il
- 1024esimo cilindro fisico, e tutti e due partono perfettamente, grazie
- all'LBA del BIOS).</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Boot Manager e Allocazione del Disco</title>
-
- <para>Un altro punto di cui tener conto al momento al momento
- dell'installazione di un boot manager, è quello di ricordarsi
- di allocare spazio per il tuo boot manager. È meglio aver
- presente fin da subito questo problema, per non accorgersene troppo
- tardi e dover quindi reinstallare uno o più sistemi
- operativi.</para>
-
- <para>Se hai seguito il discorso nella <xref linkend="booting"/> a
- proposito del Master Boot Sector (dove si trova l'MBR), dei Partition
- Boot Sectors, e dell processo di avvio, potresti esserti chiesto
- esattamente dove quel piccolo boot manager risiede sul tuo hard disk.
- Bene, alcuni boot manager sono abbastanza piccoli da risiedere nel
- Master Boot Sector (Cilindro 0, Testina 0, Settore 0) insieme alla
- tabella delle partizioni. Alcuni invece hanno bisogno di un po' di
- spazio in più e si estendono su alcuni settori oltre il Master
- Boot Sector nella traccia del Cilindro 0 Testina 0, dato che questa
- è tipicamente libera.</para>
-
- <para>Ecco qui. Alcuni sistemi operativi (incluso FreeBSD) fanno in
- modo che le loro partizioni possano cominciare subito dopo il Master
- Boot Sector, cioè al cilindro 0, testina 0, settore 2 se vuoi.
- Infatti, se dai al sysinstall di FreeBSD un disco con una parte
- iniziale vuota oppure un disco vuoto, quello è il punto da cui
- comincerà la partizione FreeBSD di default (o almeno lo ha
- fatto quando sono caduto in questa trappola). Poi quando vai ad
- installare il tuo boot manager, se è uno che occupa alcuni
- settori oltre all'MBR, andrà a sovrascrivere la parte iniziale
- dei dati della prima partizione. Nel caso di FreeBSD, questo
- sovrascrive il label del disco, e fa in modo da rendere non avviabile
- la partizione di FreeBSD.</para>
-
- <para>Il modo più semplice per eliminare questo problema (e
- lasciarti la flessibilità di provare in seguito differenti boot
- manager) è quello di lasciare sempre la prima traccia del tuo
- hard disk completamente libera quando partizioni il tuo hard disk.
- Ciò significa lasciare libero lo spazio tra il cilindro 0,
- testina 0, settore 2 fino a cilindro 0, testina 0, settore 63, e
- cominciare la prima partizione sul cilindro 0, testina 1, settore 1.
- Per ciò che vale, quando crei una partizione DOS all'inizio del
- tuo hard disk, il DOS lascia sempre questo spazio libero di default
- (ecco perché molti boot manager presumono che sia libero).
- Quindi creare una partizione DOS all'inizio del disco toglie questi
- problemi tutti insieme. Mi piace fare da solo, creando una partizione
- DOS da 1 mega all'inizio, perché questo evita che cambino le
- lettere dei drive DOS quando ripartiziono in seguito.</para>
-
- <para>Come riferimento, i seguenti boot manager usano il Master Boot
- Sector per immagazzinare il loro codice e i loro dati:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>OS-BS 1.35</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Boot Easy</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>LILO</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Questi boot manager usano alcuni settori addizionali dopo
- il Master Boot Sector:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>OS-BS 2.0 Beta 8 (settori 2-5)</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Boot Manager di &os2;</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Cosa fare se il tuo computer non parte?</title>
-
- <para>In alcuni momenti quando installi dei boot manager, potresti
- lasciare l'MBR in uno stato in cui il computer non riesce più a
- partire. Questo è spiacevole, ma possibile quando si utilizza
- FDISK su di un boot manager già installato.</para>
-
- <para>Se hai una partizione DOS avviabile sul tuo hard disk, puoi
- partire da un floppy DOS, e poi eseguire il comando:</para>
-
- <informalexample>
- <screen>A:\> <userinput>FDISK /MBR</userinput></screen>
- </informalexample>
-
- <para>Per mettere il codice originale di avvio del DOS nel sistema.
- Puoi ora avviare DOS (e solamente DOS) dall'hard disk.
- Alternativamente, puoi far ripartire il programma di installazione del
- tuo boot manager da un floppy avviabile.</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-</article>