aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
diff options
context:
space:
mode:
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml6
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml8
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/new-users/article.sgml9
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/vm-design/article.sgml10
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.sgml28
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.sgml13
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.sgml26
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.sgml4
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.sgml397
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.sgml66
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.sgml91
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.sgml34
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/chapter.sgml935
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.sgml16
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/chapter.sgml41
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/chapter.sgml17
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/chapter.sgml13
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/chapter.sgml196
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/chapter.sgml66
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/sgml/bookinfo.ent4
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/sgml/catalog3
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/sgml/freebsd.dsl10
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/sgml/mailing-lists.ent22
23 files changed, 1025 insertions, 990 deletions
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
index 186226382b..113c183974 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/committers-guide/article.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.165
+ Original revision: 1.167
-->
<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
@@ -995,11 +995,11 @@ checkout -P</programlisting>
<listitem>
<para>Se hai una chiave PGP o GnuPG, potresti volerla aggiungere in
- <filename>doc/en_US.ISO8859-1/books/handbook/pgpkeys</filename>.</para>
+ <filename>doc/share/pgpkeys</filename>.</para>
<para>&a.des; ha scritto uno script di shell per rendere questa
operazione molto semplice. Guarda il file <ulink
- url="http://cvsweb.FreeBSD.org/doc/en_US.ISO8859-1/books/handbook/pgpkeys/README">README</ulink>
+ url="http://cvsweb.FreeBSD.org/doc/share/pgpkeys/README">README</ulink>
per maggiori informazioni.</para>
</listitem>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml
index a097002db1..715cbe6e59 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.sgml
@@ -2,12 +2,14 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.7
+ Original revision: 1.8
-->
<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
%man;
+<!ENTITY % freebsd PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Miscellaneous FreeBSD Entities//EN">
+%freebsd;
<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
%translators;
]>
@@ -29,7 +31,7 @@
<abstract>
<para>Nel mondo open source, la parola <quote>Linux</quote> &egrave; quasi
sinonimo di <quote>Sistema Operativo</quote>, ma non si tratta del solo
- sistema operativo <trademark>UNIX</trademark> open source. Secondo
+ sistema operativo &unix; open source. Secondo
l'<ulink url="http://www.leb.net/hzo/ioscount/data/r.9904.txt">Internet
Operating System Counter</ulink>, ad Aprile del 1999 il 31.3% delle
macchine connesse in rete ha in esecuzione Linux.
@@ -58,7 +60,7 @@
<para>BSD sta per <quote>Berkeley Software Distribution</quote>. &Egrave;
il nome delle distribuzioni di codice sorgente dell'Universit&agrave;
della California, Berkeley, che erano originariamente estensioni al
- sistema operativo UNIX del settore Ricerca della AT&amp;T.
+ sistema operativo &unix; del settore Ricerca della AT&amp;T.
Molti progetti open source di sistemi operativi sono basati
su una versione di questo codice sorgente noto come
4.4BSD-Lite. Inoltre, essi comprendono un gran numero di
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/new-users/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/new-users/article.sgml
index 18b78bc678..dec36e5c26 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/new-users/article.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/new-users/article.sgml
@@ -2,12 +2,14 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.34
+ Original revision: 1.35
-->
<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
%man;
+<!ENTITY % freebsd PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Miscellaneous FreeBSD Entities//EN">
+%freebsd;
<!ENTITY % mailing-lists PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Mailing List Entities//IT">
%mailing-lists;
<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
@@ -16,7 +18,8 @@
<article lang="it">
<articleinfo>
- <title>Per chi &egrave; alle Prime Armi sia con FreeBSD che con Unix</title>
+ <title>Per chi &egrave; alle Prime Armi sia con FreeBSD che con
+ &unix;</title>
<authorgroup>
<author>
@@ -66,7 +69,7 @@
</informalexample>
<para>tante volte quanto serve. S&igrave;, premi
- <keysym>invio</keysym> dopo ogni comando, e ricordati che Unix fa
+ <keysym>invio</keysym> dopo ogni comando, e ricordati che &unix; fa
distinzione tra maiuscole e minuscole&mdash;perci&ograve;
<command>exit</command>, non <command>EXIT</command>.</para>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/vm-design/article.sgml b/it_IT.ISO8859-15/articles/vm-design/article.sgml
index 9f702d49c9..4e96042ea1 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/vm-design/article.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/articles/vm-design/article.sgml
@@ -2,12 +2,14 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.11
+ Original revision: 1.12
-->
<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
<!ENTITY % man PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Manual Page Entities//EN">
%man;
+<!ENTITY % freebsd PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Miscellaneous FreeBSD Entities//EN">
+%freebsd;
<!ENTITY % translators PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Translator Entities//IT">
%translators;
]>
@@ -98,8 +100,8 @@
venendo affrontato rapidamente dalla comunit&agrave; Linux nello stesso
modo in cui &egrave; stato affrontato da quella BSD&mdash;con il continuo
sviluppo di codice. La gente di NT, d'altro canto, fa ripetutamente gli
- stessi errori risolti da Unix decadi fa e poi impiega anni nel risolverli.
- E poi li rifanno, ancora, e ancora.
+ stessi errori risolti da &unix; decadi fa e poi impiega anni nel
+ risolverli. E poi li rifanno, ancora, e ancora.
Soffrono di un preoccupante caso di <quote>non &egrave; stato progettato
qui</quote> e di <quote>abbiamo sempre ragione perch&eacute; il nostro
dipartimento marketing dice cos&igrave;</quote>. Io ho pochissima
@@ -1042,4 +1044,4 @@
sgml-omittag: nil
sgml-always-quote-attributes: t
End:
---> \ No newline at end of file
+-->
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.sgml
index 57ad4e4af7..26492e0d37 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.sgml
@@ -13,85 +13,85 @@
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="routing">
+ <sect1 id="network-routing">
<title>Gateways and Routes</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="wireless">
+ <sect1 id="network-wireless">
<title>Wireless</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="bridging">
+ <sect1 id="network-bridging">
<title>Bridging</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="nfs">
+ <sect1 id="network-nfs">
<title>NFS</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="diskless">
+ <sect1 id="network-diskless">
<title>Diskless Operation</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="isdn">
+ <sect1 id="network-isdn">
<title>ISDN</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="nis">
+ <sect1 id="network-nis">
<title>NIS/YP</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="dhcp">
+ <sect1 id="network-dhcp">
<title>DHCP</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="dns">
+ <sect1 id="network-dns">
<title>DNS</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="ntp">
+ <sect1 id="network-ntp">
<title>NTP</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="natd">
+ <sect1 id="network-natd">
<title>Network Address Translation</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="inetd">
+ <sect1 id="network-inetd">
<title>inetd <quote>Super-Server</quote></title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="plip">
+ <sect1 id="network-plip">
<title>Parallel Line IP (PLIP)</title>
<para>Traduzione in corso</para>
</sect1>
- <sect1 id="ipv6">
+ <sect1 id="network-ipv6">
<title>IPv6</title>
<para>Traduzione in corso</para>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.sgml
index 7f16db0a56..5ad134712e 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.95
+ Original revision: 1.97
-->
<chapter id="basics">
@@ -680,7 +680,7 @@ drwxr-xr-x 2 robert robert 512 Nov 10 11:54 public_html</programlisting>
<para>Un'altra motivazione per mantenere certi alberi di directory su altri
file system &egrave; quando questi alberi sono allogiati su dischi fisici
separati, o sono dischi virtuali separati, come avviene per i mount del
- <link linkend="nfs">Network File System</link>, o dei dispositivi
+ <link linkend="network-nfs">Network File System</link>, o dei dispositivi
CDROM.</para>
<sect2 id="disks-fstab">
@@ -1520,9 +1520,10 @@ Swap: 256M Total, 38M Used, 217M Free, 15% Inuse
tutti i comandi per azionare le funzioni dell'editor sono elencati nella
parte superiore del video. Il carattere <literal>^</literal> &egrave; il
tasto <keycap>Ctrl</keycap> della tastiera, quindi <literal>^e</literal>
- espande la combinazioni di tasti <keycombo
- action="simul"><keycap>Ctrl</keycap><keycap>e</keycap></keycombo>.
- Per uscire da <application>ee</application>, premi il tasto
+ espande la combinazioni di tasti <keycombo action="simul">
+ <keycap>Ctrl</keycap>
+ <keycap>e</keycap>
+ </keycombo>. Per uscire da <application>ee</application>, premi il tasto
<keycap>Esc</keycap>, quindi conferma l'uscita dall'editor. Se il file
ha subito delle modifiche ti verr&agrave; chiesto se le vuoi
salvare.</para>
@@ -1615,7 +1616,7 @@ Swap: 256M Total, 38M Used, 217M Free, 15% Inuse
<title>Console Virtuali &amp; terminali</title>
<indexterm><primary>console virtuali</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>terminale</primary></indexterm>
+ <indexterm><primary>terminali</primary></indexterm>
<para>FreeBSD pu&ograve; essere usato in vari modi. Uno di questi &egrave;
quello di digitare i comandi tramite un terminale testuale. Quando si
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.sgml
index a15dffab58..d914a1a023 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.46
+ Original revision: 1.50
-->
<appendix id="bibliography">
@@ -175,6 +175,10 @@
url="http://www-wks.acs.ohio-state.edu/unix_course/unix.html">Corso
Introduttivo a UNIX</ulink> che &egrave; disponibile online in
formato HTML e PostScript.</para>
+
+ <para>(Il documento &egrave; disponibile <ulink
+ url="../unix-introduction/book.html">online</ulink> in italiano
+ come parte del FreeBSD Italian Documentation Project.)</para>
</listitem>
<listitem>
@@ -351,10 +355,10 @@
Addison-Wesley, 1996. ISBN 0-201-54979-4</para>
<para>(Il capitolo 2 di questo libro &egrave; disponibile <ulink
- URL="../design-44bsd/book.html">online</ulink> come parte del
- FreeBSD Documentation Project, mentre il capitolo 9 <ulink
- URL="http://www.netapp.com/tech_library/nfsbook.print">
- qui</ulink>.)</para>
+ url="../../../en_US.ISO8859-1/books/design-44bsd/book.html">online</ulink>
+ come parte del FreeBSD Documentation Project, mentre il capitolo 9
+ &egrave; consultabile <ulink
+ url="http://www.netapp.com/tech_library/nfsbook.print">qui</ulink>.)</para>
</listitem>
<listitem>
@@ -486,7 +490,7 @@
<para>Raymond, Eric S. <emphasis>The New Hacker's Dictionary, 3rd
edition</emphasis>. MIT Press, 1996. ISBN
0-262-68092-0. Conosciuto anche come il <ulink
- url="http://www.ccil.org/jargon/jargon.html">Jargon
+ url="http://www.catb.org/~esr/jargon/jargon.html">Jargon
File</ulink></para>
</listitem>
@@ -509,11 +513,11 @@
</listitem>
<listitem>
- <para><emphasis>The BSD family tree</emphasis>. 1997. <ulink
- url="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/FreeBSD-current/src/share/misc/bsd-family-tree"></ulink>
- o <ulink
- url="file://localhost/usr/share/misc/bsd-family-tree">localmente</ulink>
- su una macchina &os.current;.</para>
+ <para><emphasis>The BSD family tree</emphasis>. <ulink
+ url="ftp://ftp.jp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/FreeBSD-current/src/share/misc/bsd-family-tree"></ulink>
+ o <ulink type="html"
+ url="file://localhost/usr/share/misc/bsd-family-tree"><filename>/usr/share/misc/bsd-family-tree</filename></ulink>
+ su una macchina FreeBSD recente.</para>
</listitem>
<listitem>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.sgml
index 2491bef93a..5884c1ff82 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.131
+ Original revision: 1.133
-->
<!DOCTYPE book PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook V4.1-Based Extension//EN" [
@@ -205,7 +205,7 @@
<![ %chap.linuxemu; [ &chap.linuxemu; ]]>
</part>
- <part id="appendicies">
+ <part id="appendices">
<title>Appendici</title>
<![ %chap.mirrors; [ &chap.mirrors; ]]>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.sgml
index cd15677dd8..98640a8999 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.sgml
@@ -18,18 +18,18 @@
operativo viene detto <quote>processo di avviamento</quote>, o
semplicemente <quote>avvio</quote>. La procedura di avvio di FreeBSD
fornisce un alto grado di flessibilit&agrave; nel personalizzare quello
- che succede all'avvio del sistema, permettendo di scegliere tra diversi
- sistemi operativi installati sullo stesso computer, o anche tra diverse
- versioni dello stesso sistema operativo o tra diversi
+ che succede quando avvii il sistema, dandoti la possibilit&agrave; di
+ scegliere tra diversi sistemi operativi installati sullo stesso computer,
+ o anche tra diverse versioni dello stesso sistema operativo o tra diversi
kernel installati.</para>
<para>Questo capitolo fornisce i dettagli sulle opzioni di configurazione
- che si possono impostare per personalizzare il processo di avvio di
- FreeBSD. Ci&ograve; comprende tutto quello che avviene fino a quando il
- kernel viene lanciato, vengono controllate le periferiche, e viene avviato
+ che puoi impostare per personalizzare il processo di avvio di FreeBSD.
+ Ci&ograve; comprende tutto quello che avviene fino a quando il kernel
+ viene lanciato, vengono controllate le periferiche, e viene avviato
&man.init.8;. Se non sei sicuro di sapere quando tutto questo accada, si
- tratta del momento in cui il colore del testo cambia da bianco brillante a
- grigio.</para>
+ tratta del momento in cui il colore del testo a video cambia da bianco
+ brillante a grigio.</para>
<para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>
@@ -43,7 +43,7 @@
<para>Le opzioni che puoi impostare per i componenti durante
l'avviamento di FreeBSD per controllare il processo di avvio.</para>
</listitem>
-
+
<listitem>
<para>Le basi dei &man.device.hints.5;.</para>
</listitem>
@@ -63,67 +63,64 @@
<para>Accendere un computer e far partire il sistema operativo pone un
dilemma interessante. Per definizione, il computer non sa fare
nulla finch&eacute; non viene avviato il sistema operativo. Questo
- include l'esecuzione dei programmi dal disco. Dunque se il computer non
- pu&ograve; eseguire un programma da disco senza il sistema operativo, ed i
- programmi del sistema operativo sono sul disco, come viene avviato il
+ include anche l'esecuzione dei programmi dal disco. Dunque se il computer
+ non pu&ograve; eseguire un programma da disco senza il sistema operativo,
+ ed i programmi del sistema operativo sono sul disco, come viene avviato il
sistema operativo?</para>
- <para>Questo &egrave; un problema parallelo a quello che c'&egrave; nel
+ <para>Questo &egrave; un problema analogo a quello descritto nel
libro <citetitle>Le Avventure del Barone di Munchausen</citetitle>. Un
personaggio era caduto in una botola, e ne era uscito tirandosi su da
s&eacute; (in inglese <quote>bootstrap</quote>), riuscendo nell'intento
- solo con i propri sforzi.
- Nei primi giorni dell'informatica al meccanismo usato per caricare
- il sistema operativo fu applicato il termine
+ solo con i propri sforzi. Nei primi giorni dei calcolatori al meccanismo
+ usato per caricare il sistema operativo fu applicato il termine
<firstterm>bootstrap</firstterm>, ed in seguito venne abbreviato in
<quote>booting</quote> (in italiano <quote>avvio</quote>).</para>
- <para>Su sistemi con hardware x86 il Basic Input/Output System (BIOS),
- &egrave; il responsabile del caricamento del sistema operativo. Per fare
- ci&ograve;, il BIOS cerca nel disco rigido il
- Master Boot Record (MBR), che deve essere in una specifica posizione
- sul disco. Il BIOS ha abbastanza conoscenze per caricare ed eseguire
- l'MBR, ed assume che l'MBR possa portare avanti il resto dei compiti
- relativi al caricamento del sistema operativo.</para>
+ <para>Su sistemi con hardware x86 il BIOS (Basic Input/Output System)
+ &egrave; il responsabile del caricamento del sistema operativo. Per fare
+ ci&ograve;, il BIOS cerca nel disco rigido il Master Boot Record (MBR),
+ che deve essere in una specifica posizione sul disco. Il BIOS ha
+ abbastanza conoscenze per caricare ed eseguire l'MBR, ed assume che l'MBR
+ possa portare avanti il resto dei compiti relativi al caricamento del
+ sistema operativo.</para>
<indexterm>
<primary>BIOS</primary>
<secondary>Basic Input/Output System</secondary>
</indexterm>
- <para>Se c'&egrave; solo un sistema operativo installato sui tuoi dischi
- allora l'MBR standard sar&agrave; sufficiente. Questo MBR cerca la prima
- partizione avviabile sul disco, e poi esegue quel codice per caricare il
- resto del sistema operativo.</para>
+ <para>Se hai solo un sistema operativo installato sui tuoi dischi allora
+ l'MBR standard sar&agrave; sufficiente. Questo MBR cerca la prima slice
+ (partizione) avviabile sul disco, e poi esegue il codice su quella slice
+ per caricare il resto del sistema operativo.</para>
- <para>Se sono installati pi&ugrave; sistemi operativi sul disco allora
- si pu&ograve; installare un MBR diverso, che mostri una lista dei diversi
- sistemi operativi, e permetta di scegliere quale avviare. FreeBSD viene
- fornito con un MBR di questo tipo, ed altri fornitori di sistemi operativi
- forniscono MBR alternativi.</para>
+ <para>Se hai installato pi&ugrave; sistemi operativi sui tuoi dischi allora
+ puoi installare un MBR diverso, che mostra una lista dei diversi sistemi
+ operativi, e ti permette di scegliere quale avviare. FreeBSD viene
+ fornito con un simile MBR che pu&ograve; essere installato, ed altri
+ fornitori di sistemi operativi forniscono MBR alternativi.</para>
<para>Il resto del sistema di avvio di FreeBSD &egrave; diviso in tre stadi.
Il primo stadio viene eseguito dall'MBR, che sa solo il necessario per
- mettere il computer in un certo stato ed eseguire il secondo. Il
- secondo stadio pu&ograve; fare poco di pi&ugrave;, prima di eseguire il
- terzo.
- Il terzo stadio esaurisce il compito di caricare il sistema operativo.
- Il lavoro &egrave; diviso in queste tre parti perch&eacute; gli standard
- dei PC pongono dei limiti alla dimensione dei programmi che possono essere
- eseguiti nei primi due stadi. Concatenare i compiti permette a FreeBSD di
- fornire un loader pi&ugrave; flessibile.</para>
+ mettere il computer in un certo stato ed eseguire il secondo stadio.
+ Quest'ultimo pu&ograve; fare poco di pi&ugrave;, prima di eseguire il
+ terzo. Il terzo stadio esaurisce il compito di caricare il sistema
+ operativo. Il lavoro &egrave; diviso in queste tre parti perch&eacute;
+ gli standard dei PC pongono dei limiti alla dimensione dei programmi che
+ possono essere eseguiti nei primi due stadi. Concatenando i compiti
+ si permette a FreeBSD di fornire un loader pi&ugrave; flessibile.</para>
<indexterm><primary>kernel</primary></indexterm>
<indexterm><primary><command>init</command></primary></indexterm>
<para>A questo punto viene avviato il kernel ed esso comincia a verificare i
dispositivi e ad inizializzarli. Una volta che la procedura di avvio del
- kernel &egrave; finita,
- il kernel passa il controllo al processo utente &man.init.8;,
- che si assicura che i dischi siano in uno stato usabile.
- Poi &man.init.8; avvia la configurazione delle risorse a livello utente,
- monta i file system, imposta le schede di rete per comunicare via rete,
- ed in generale fa partire tutti i processi che generalmente sono in
+ kernel &egrave; finita, il kernel passa il controllo al processo utente
+ &man.init.8;, che si assicura che i dischi siano in uno stato usabile.
+ Poi &man.init.8; avvia la configurazione delle risorse a livello utente
+ che monta i file system, imposta le schede di rete per comunicare via
+ rete, ed in generale fa partire tutti i processi che generalmente sono in
esecuzione su un sistema FreeBSD all'avvio.</para>
</sect1>
@@ -136,16 +133,16 @@
<indexterm><primary>Master Boot Record (MBR)</primary></indexterm>
<para>L'MBR di FreeBSD &egrave; posizionato in
- <filename>/boot/boot0</filename>.
- Questa &egrave; una <emphasis>copia</emphasis> dell'MBR, perch&eacute;
- il vero MBR deve essere posizionato su una parte speciale del disco,
- fuori dell'area di FreeBSD.</para>
+ <filename>/boot/boot0</filename>. Questa &egrave; una
+ <emphasis>copia</emphasis> dell'MBR, poich&eacute; il vero MBR deve
+ essere posizionato su una parte speciale del disco, fuori dell'area di
+ FreeBSD.</para>
- <para><filename>boot0</filename> &egrave; molto semplice, poich&eacute; il
- programma nell'<abbrev>MBR</abbrev> pu&ograve; essere lungo solo 512
- byte. Se avete installato l'MBR di FreeBSD ed avete vari sistemi
- operativi installati allora vedrete una schermata simile a questa al
- momento dell'accensione:</para>
+ <para>Siccome il programma nell'<abbrev>MBR</abbrev> pu&ograve; essere
+ lungo solo 512 byte, <filename>boot0</filename> &egrave; molto semplice.
+ Se hai installato l'MBR di FreeBSD ed hai vari sistemi operativi
+ installati sui tuoi dischi allora vedrai una schermata simile a questa
+ al momento dell'accensione:</para>
<example id="boot-boot0-example">
<title>Screenshot di <filename>boot0</filename></title>
@@ -160,24 +157,24 @@ Default: F2</screen>
</example>
<para>Altri sistemi operativi, in particolare Windows&nbsp;95, sono noti
- per l'abitudine a sovrascrivere un MBR esistente con il proprio.
- Se accade questo, o si vuole rimpiazzare l'MBR pre-esistente con quello
- di FreeBSD va usato il seguente comando:</para>
+ per l'abitudine a sovrascrivere l'MBR esistente con il proprio.
+ Se accade questo, o se vuoi rimpiazzare l'MBR pre-esistente con quello
+ di FreeBSD puoi usare il seguente comando:</para>
<screen>&prompt.root; <userinput>fdisk -B -b /boot/boot0 <replaceable>dispositivo</replaceable></userinput></screen>
<para>Dove <replaceable>dispositivo</replaceable> &egrave; il dispositivo
- dal quale si avvia, come <devicename>ad0</devicename> per il primo disco
- IDE, <devicename>ad2</devicename> per il primo disco ide sul secondo
- canale, <devicename>da0</devicename> per il primo disco SCSI,
+ dal quale vuoi avviare, come <devicename>ad0</devicename> per il primo
+ disco IDE, <devicename>ad2</devicename> per il primo disco ide sul
+ secondo canale, <devicename>da0</devicename> per il primo disco SCSI,
e cos&igrave; via.</para>
- <para>Se sei un utente Linux, comunque, e preferisci che sia
- <application>LILO</application> a controllare il processo di boot,
+ <para>Comunque, se sei un utente Linux e preferisci che sia
+ <application>LILO</application> a controllare il processo di avvio,
puoi modificare <filename>/etc/lilo.conf</filename> per avviare FreeBSD,
- o selezionare <option>Leave The Master Boot Record Untouched</option>
+ e selezionare <option>Leave The Master Boot Record Untouched</option>
durante il processo di installazione di FreeBSD. Se hai installato il
- boot manager di FreeBSD, puoi ritornare a Linux e modificare il file di
+ boot manager di FreeBSD, puoi avviare Linux e modificare il file di
configurazione di <application>LILO</application>,
<filename>/etc/lilo.conf</filename> aggiungendo la seguente
opzione:</para>
@@ -187,19 +184,18 @@ table=/dev/hdb
loader=/boot/chain.b
label=FreeBSD</programlisting>
- <para>il che permetter&agrave; l'avvio di FreeBSD e Linux via
+ <para>che permetter&agrave; l'avvio di FreeBSD e Linux via
<application>LILO</application>. Nel nostro esempio, usiamo
<replaceable>XY</replaceable> per determinare quale drive e
- quale partizione. Se si sta usando un drive <acronym>SCSI</acronym>,
- si dovr&agrave; cambiare <replaceable>/dev/hdXY</replaceable> per
- leggere qualcosa di simile a <replaceable>/dev/sdXY</replaceable>, dove
- usiamo ancora la sintassi <replaceable>XY</replaceable>.
- L'opzione <option>loader=/boot/chain.b</option> pu&ograve; essere omessa
- se avete entrambi i sistemi operativi sullo stesso drive.
- Ora potete eseguire <command>/sbin/lilo -v</command>
- per fare effettuare i cambiamenti al sistema;
- ci&ograve; dovrebbe poter essere verificato grazie ad un messaggio su
- schermo.</para>
+ quale partizione usare. Se stai usando un drive
+ <acronym>SCSI</acronym>, dovrai cambiare
+ <replaceable>/dev/hdXY</replaceable> in qualcosa di simile a
+ <replaceable>/dev/sdXY</replaceable>, dove viene usata ancora la
+ sintassi <replaceable>XY</replaceable>. L'opzione
+ <option>loader=/boot/chain.b</option> pu&ograve; essere omessa se hai
+ entrambi i sistemi operativi sullo stesso drive. Ora puoi eseguire
+ <command>/sbin/lilo -v</command> per effettuare i tuoi cambiamenti,
+ che dovrebbero essere confermati con messaggio su schermo.</para>
</sect2>
<sect2 id="boot-boot1">
@@ -207,16 +203,16 @@ label=FreeBSD</programlisting>
<filename>/boot/boot2</filename></title>
<para>Concettualmente il primo ed il secondo stadio sono parte dello
- stesso programma, sulla stessa area del disco. Per limitazioni sullo
- spazio sono stati divisi in due, ma li installerai sempre
+ stesso programma, sulla stessa area del disco. Per limitazioni di
+ spazio sono stati divisi in due, ma li installerai sempre
insieme.</para>
- <para>Essi si trovano sul settore di avvio della partizione di avvio,
- che &egrave; dove <link linkend="boot-boot0">boot0</link>, o ogni altro
- programma nell'<abbrev>MBR</abbrev> si aspetta di trovare il codice per
- proseguire la procedura di avvio. I file nella cartella
- <filename>/boot</filename> sono copie dei file reali,
- che sono immagazzinati fuori dal file system di FreeBSD.</para>
+ <para>Essi si trovano sul settore di avvio della slice di avvio, dove
+ <link linkend="boot-boot0">boot0</link>, o ogni altro programma
+ nell'<abbrev>MBR</abbrev> si aspetta di trovare il codice da eseguire
+ per proseguire la procedura di avvio. I file nella directory
+ <filename>/boot</filename> sono copie dei file reali, che sono
+ immagazzinati fuori dal file system di FreeBSD.</para>
<para><filename>boot1</filename> &egrave; molto semplice, poich&eacute;
pu&ograve; essere lungo solo 512 byte, e conosce solo lo stretto
@@ -242,25 +238,24 @@ Default: 0:ad(0,a)/kernel
boot:</screen>
</example>
- <para>Se mai avrai bisogno di rimpiazzare il
- <filename>boot1</filename> ed il <filename>boot2</filename> installati,
- usa &man.disklabel.8;.</para>
+ <para>Se mai avrai bisogno di rimpiazzare il <filename>boot1</filename> ed
+ il <filename>boot2</filename> installati usa &man.disklabel.8;.</para>
<screen>&prompt.root; <userinput>disklabel -B <replaceable>discoslice</replaceable></userinput></screen>
<para>Dove <replaceable>discoslice</replaceable> sono il disco e la slice
- dal quale avviare, come ad esempio <devicename>ad0s1</devicename> per la
- prima slice sul primo disco IDE.</para>
+ dal quale vuoi effettuare l'avvio, come ad esempio
+ <devicename>ad0s1</devicename> per la prima slice sul primo disco
+ IDE.</para>
<warning>
<title>Modalit&agrave; Pericolosamente Dedicata</title>
- <para>Se si usa solo il nome del disco, come
- <devicename>ad0</devicename>, nel comando &man.disklabel.8; si
- creer&agrave; un disco pericolosamente dedicato, senza slice. Quasi
- sicuramente non &egrave; questo quello che si vorr&agrave; fare,
- quindi controlla due volte il comando &man.disklabel.8;
- prima di premere <keycap>Invio</keycap>.</para>
+ <para>Se nella sintassi del comando &man.disklabel.8; usi solo il
+ nome del disco, come <devicename>ad0</devicename>, creerai un disco
+ pericolosamente dedicato, senza slice. Quasi sicuramente non &egrave;
+ questo quello che vuoi fare, quindi controlla due volte il comando
+ &man.disklabel.8; prima di premere <keycap>Invio</keycap>.</para>
</warning>
</sect2>
@@ -273,10 +268,10 @@ boot:</screen>
in tre, e si trova sul file system, generalmente come
<filename>/boot/loader</filename>.</para>
- <para>Il loader viene inteso come un metodo user-friendly per la
- configurazione, tramite l'uso di un insieme di comandi integrati facili
- da usare, che ha dietro un potente interprete con un insieme di
- comandi pi&ugrave; complesso.</para>
+ <para>Il loader deve essere inteso come un metodo user-friendly per la
+ configurazione di avvio, tramite l'uso di un insieme di comandi
+ integrati facili da usare, sostenuto da un potente interprete, con un
+ insieme di comandi pi&ugrave; complessi.</para>
<sect3 id="boot-loader-flow">
<title>Sequenza di Operazioni del Loader</title>
@@ -291,21 +286,23 @@ boot:</screen>
<indexterm><primary>loader</primary></indexterm>
<indexterm><primary>configurazione del loader</primary></indexterm>
- <para>Poi il loader legger&agrave;
- <filename>/boot/loader.rc</filename>, che in maniera predefinita legge
- <filename>/boot/defaults/loader.conf</filename> che imposta
- dei valori di default ragionevoli per le variabili e legge
+ <para>Poi il loader legger&agrave; <filename>/boot/loader.rc</filename>,
+ che di default legge i settaggi di
+ <filename>/boot/defaults/loader.conf</filename> il quale imposta
+ dei valori di default ragionevoli per le variabili e inoltre
+ <filename>/boot/loader.rc</filename> legge
<filename>/boot/loader.conf</filename> per i cambiamenti locali a
- quelle variabili. <filename>loader.rc</filename> poi agisce su queste
- variabili, caricando i moduli ed il kernel selezionati.</para>
-
- <para>Infine, di default, il loader attende 10 secondi la pressione
- di un tasto, ed avvia il kernel se non viene interrotto.
- Se invece viene interrotto, viene presentato all'utente
- un prompt in grado di comprendere un semplice insieme di comandi,
- dal quale l'utente pu&ograve; impostare precisamente le variabili,
- scaricare dalla memoria tutti i moduli, o caricarli, ed infine
- avviare o ri-avviare.</para>
+ quelle variabili. In base a queste variabili
+ <filename>loader.rc</filename> carica i moduli ed il kernel
+ prescelti.</para>
+
+ <para>Infine, di default, il loader attende per 10 secondi la pressione
+ di un tasto, ed avvia il kernel se non viene interrotto. Se invece
+ viene interrotto, viene presentato all'utente un prompt in grado di
+ comprendere un semplice insieme di comandi, dal quale l'utente
+ pu&ograve; impostare precisamente le variabili, scaricare dalla
+ memoria tutti i moduli, o caricarli, ed infine avviare o
+ ri-avviare.</para>
</sect3>
<sect3 id="boot-loader-commands">
@@ -320,10 +317,10 @@ boot:</screen>
<term>autoboot <replaceable>secondi</replaceable></term>
<listitem>
- <para>Procede nell'avvio del kernel se non viene interrotto
- nell'intervallo di tempo specificato, in secondi.
- Mostra un conto alla rovescia, e l'intervallo predefinito
- &egrave; di 10 secondi.</para>
+ <para>Procede all'avvio del kernel se non viene interrotto
+ nell'intervallo di tempo specificato, in secondi. Mostra un
+ conto alla rovescia, e l'intervallo predefinito &egrave; di
+ 10 secondi.</para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -333,9 +330,9 @@ boot:</screen>
<optional><replaceable>nomekernel</replaceable></optional></term>
<listitem>
- <para>Procede immediatamente all'avvio del kernel, con le
- opzioni date, se ce ne sono, e con il kernel con il nome
- fornito, se esiste.</para>
+ <para>Procede immediatamente all'avvio del kernel, con le opzioni
+ date, se ce ne sono, e con il nome del kernel specificato, se
+ fornito.</para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -343,11 +340,10 @@ boot:</screen>
<term>boot-conf</term>
<listitem>
- <para>Va avanti con gli stessi moduli della configurazione
- automatica, basati sulle variabili, come accade al boot.
- Questo ha senso solo se prima usate
- <command>unload</command>, e cambiate delle variabili,
- pi&ugrave; comunemente <envar>kernel</envar>.</para>
+ <para>Va avanti con la stessa configurazione automatica di moduli
+ basati sulle variabili come accade al boot. Questo ha senso
+ solo se prima usi <command>unload</command>, e cambi delle
+ variabili, in generale <envar>kernel</envar>.</para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -357,26 +353,25 @@ boot:</screen>
<listitem>
<para>Mostra un messaggio d'aiuto letto da
- <filename>/boot/loader.help</filename>. Se l'argomento
- dato &egrave; <literal>index</literal>, allora elenca tutti
- gli argomenti disponibili.</para>
+ <filename>/boot/loader.help</filename>. Se l'argomento dato
+ &egrave; <literal>index</literal>, allora elenca tutti gli
+ argomenti disponibili.</para>
</listitem>
</varlistentry>
<varlistentry>
- <term>include <replaceable>nomefile</replaceable>
- &hellip;</term>
+ <term>include <replaceable>nomefile</replaceable> &hellip;</term>
<listitem>
- <para>Processa il file con il nome dato. Il
- file viene letto, e interpretato riga per riga.
- Un errore blocca il comando include immediatamente.</para>
+ <para>Processa il file specificato. Il file viene letto, e
+ interpretato riga per riga. Un errore blocca il comando include
+ immediatamente.</para>
</listitem>
</varlistentry>
<varlistentry>
<term>load <optional><option>-t</option>
- <replaceable>tipo</replaceable></optional>
+ <replaceable>tipo</replaceable></optional>
<replaceable>nomefile</replaceable></term>
<listitem>
@@ -391,10 +386,10 @@ boot:</screen>
<optional><replaceable>percorso</replaceable></optional></term>
<listitem>
- <para>Mostra un elenco dei file nel percorso dato, o
- nella directory root, se non ne viene specificato uno.
- Se &egrave; specificato <option>-l</option>, verranno mostrate
- anche le dimensioni dei file.</para>
+ <para>Mostra un elenco dei file nel percorso dato, o nella
+ directory root, se non ne viene specificato uno. Se &egrave;
+ specificato <option>-l</option>, verranno mostrate anche le
+ dimensioni dei file.</para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -412,7 +407,7 @@ boot:</screen>
<term>lsmod <optional><option>-v</option></optional></term>
<listitem>
- <para>Mostra i moduli caricati. Se viene specificato
+ <para>Mostra i moduli caricati. Se viene specificato
<option>-v</option>, verranno stampati dettagli maggiori.</para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -422,7 +417,7 @@ boot:</screen>
<listitem>
<para>Mostra i file specificati, con una pausa ad ogni
- <varname>LINES</varname> visualizzato.</para>
+ pagina visualizzata.</para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -472,7 +467,7 @@ boot:</screen>
</listitem>
<listitem>
- <para>Per scaricare dalla memoria i moduli e il kernel normali,
+ <para>Per scaricare dalla memoria i moduli e il kernel usuali,
e poi caricare solo il vecchio (o un altro) kernel:</para>
<indexterm>
@@ -482,14 +477,14 @@ boot:</screen>
<screen><userinput>unload</userinput>
<userinput>load <replaceable>kernel.old</replaceable></userinput></screen>
- <para>Si pu&ograve; usare <filename>kernel.GENERIC</filename> per
- riferirsi al kernel generico che viene fornito nel disco
- d'installazione, o <filename>kernel.old</filename> per riferirsi
- al kernel installato precedentemente (quando hai aggiornato
- o configurato il kernel, ad esempio).</para>
+ <para>Puoi usare <filename>kernel.GENERIC</filename> per riferirti
+ al kernel generico che viene fornito nel disco d'installazione, o
+ <filename>kernel.old</filename> per riferirti al kernel installato
+ precedentemente (quando hai aggiornato o configurato il kernel, ad
+ esempio).</para>
<note>
- <para>Usa il comando seguente per caricare i soliti moduli
+ <para>Usa il comando seguente per caricare i tuoi soliti moduli
con un altro kernel:</para>
<screen><userinput>unload</userinput>
@@ -499,11 +494,10 @@ boot:</screen>
<listitem>
<para>Per caricare uno script di configurazione del kernel
- (uno script automatizzato che faccia le cose
- che faresti tu normalmente configurando il kernel
- all'avvio):</para>
+ (uno script automatizzato che faccia le cose che faresti tu
+ normalmente configurando il kernel all'avvio):</para>
- <screen><userinput>load -t script_configurazione_utente <replaceable>/boot/kernel.conf</replaceable></userinput></screen>
+ <screen><userinput>load -t userconfig_script <replaceable>/boot/kernel.conf</replaceable></userinput></screen>
</listitem>
</itemizedlist>
</sect3>
@@ -519,7 +513,7 @@ boot:</screen>
</indexterm>
<para>Una volta che il kernel &egrave; stato caricato dal <link
- linkend="boot-loader">loader</link> (come &egrave; normale) o da <link
+ linkend="boot-loader">loader</link> (come di consueto) o da <link
linkend="boot-boot1">boot2</link> (scavalcando il loader), esso
esamina i suoi flag di avvio, se ce ne sono, e aggiusta il suo
comportamento come necessario.</para>
@@ -530,9 +524,9 @@ boot:</screen>
<secondary>flag di boot</secondary>
</indexterm>
- <title>I Flag di Boot del Kernel</title>
+ <title>I Flag di Avvio del Kernel</title>
- <para>Qui ci sono alcune dei pi&ugrave; comuni flag di boot:</para>
+ <para>Qui ci sono alcuni dei pi&ugrave; comuni flag di avvio:</para>
<variablelist id="boot-kernel-bootflags-list">
<varlistentry>
@@ -597,9 +591,7 @@ boot:</screen>
</authorgroup>
</sect1info>
- <indexterm>
- <primary>device.hints</primary>
- </indexterm>
+ <indexterm><primary>device.hints</primary></indexterm>
<title>Device Hints</title>
@@ -616,34 +608,32 @@ boot:</screen>
configurazione delle varie periferiche.</para>
<para>I device hints possono essere specificati anche nel prompt del terzo
- stadio <link linkend="boot-loader"> del boot loader</link>.
+ stadio <link linkend="boot-loader">del boot loader</link>.
Le variabili possono essere aggiunte usando il comando
<command>set</command>, rimosse con <command>unset</command>, e
- visualizzate con <command>show</command>. Possono essere scavalcate anche
- le variabili impostate nel file <filename>/boot/device.hints</filename>.
- I device hint inseriti in questo modo non sono permanenti e verranno
- dimenticati al riavvio seguente.</para>
+ visualizzate con <command>show</command>. Inoltre, in questo modo,
+ le variabili impostate nel file <filename>/boot/device.hints</filename>
+ possono essere scavalcate. I device hint inseriti in questo modo non sono
+ permanenti e verranno dimenticati al riavvio seguente.</para>
<para>Una volta che il sistema &egrave; stato avviato, pu&ograve; essere
usato il comando &man.kenv.1; per mostrare tutte le variabili.</para>
<para>La sintassi per il file <filename>/boot/device.hints</filename>
- &egrave; una variabile per riga,
- usando il solito cancelletto <quote>#</quote> per indicare i commenti.
- Le linee sono costruito come segue:</para>
+ &egrave; una variabile per riga, usando il solito cancelletto
+ <quote>#</quote> per indicare i commenti. Le linee sono costruite come
+ segue:</para>
<screen><userinput>hint.driver.unit.keyword="<replaceable>valore</replaceable>"</userinput></screen>
- <para>La sintassi per il terzo stadio del boot loader &egrave;:</para>
+ <para>La sintassi nel terzo stadio del boot loader &egrave;:</para>
<screen><userinput>set hint.driver.unit.keyword=<replaceable>valore</replaceable></userinput></screen>
<para><literal>driver</literal> &egrave; il nome del driver per il
dispositivo, <literal>unit</literal> &egrave; il numero di unit&agrave;
per quel driver, e <literal>keyword</literal> &egrave; la parola chiave
- per quell'hint.
- La parola chiave pu&ograve; consistere in una delle seguenti
- opzioni:</para>
+ per quell'hint. La parola chiave pu&ograve; essere:</para>
<itemizedlist>
<listitem>
@@ -681,9 +671,9 @@ boot:</screen>
</listitem>
</itemizedlist>
- <para>I driver possono accettare (o richiedere) pi&ugrave; hints di queli
- elencati qui, si raccomanda di verificare la loro pagina di manuale.
- Per maggiori informazioni, consulta le pagine di manuale
+ <para>I driver possono accettare (o richiedere) pi&ugrave; hints di quelli
+ elencati qui, si raccomanda quindi di verificare la loro pagina di
+ manuale. Per maggiori informazioni, consulta le pagine man
&man.device.hints.5;, &man.kenv.1;, &man.loader.conf.5;, e
&man.loader.8;.</para>
</sect1>
@@ -702,13 +692,12 @@ boot:</screen>
<sect2 id="boot-autoreboot">
<title>Sequenza di Riavvio Automatica</title>
- <para>La sequenza di riavvio automatica assicura
- che i file system disponibili sul sistema siano consistenti.
- Se qualcuno non lo &egrave;, e &man.fsck.8; non pu&ograve;
- risolvere le inconsistenze, &man.init.8; abbandona il sistema
- in <link linkend="boot-singleuser">modalit&agrave; singolo utente</link>
- per permettere all'amministratore di sistema di occuparsi dei
- problemi direttamente.</para>
+ <para>La sequenza di riavvio automatica assicura che i file system
+ disponibili sul sistema siano consistenti. Se qualcuno non lo &egrave;,
+ e &man.fsck.8; non pu&ograve; risolvere le inconsistenze, &man.init.8;
+ abbandona il sistema in <link linkend="boot-singleuser">modalit&agrave;
+ singolo utente</link> per permettere all'amministratore di sistema di
+ occuparsi dei problemi direttamente.</para>
</sect2>
<sect2 id="boot-singleuser">
@@ -723,13 +712,12 @@ boot:</screen>
<option>-s</option> o impostando la variabile <envar>boot_single</envar>
nel <command>loader</command>.</para>
- <para>Si pu&ograve; arrivare ad essa anche richiamando
- &man.shutdown.8; con l'opzione per il riavvio
- (<option>-r</option>) o per l'arresto (<option>-h</option>),
- dalla <link linkend="boot-multiuser">modalit&agrave; multi
- utente</link>.</para>
+ <para>Si pu&ograve; arrivare ad essa anche richiamando &man.shutdown.8;
+ senza l'opzione per il riavvio (<option>-r</option>) o per l'arresto
+ (<option>-h</option>), dalla <link
+ linkend="boot-multiuser">modalit&agrave; multi utente</link>.</para>
- <para>Se la <literal>console</literal> del sistema &egrave; segnata come
+ <para>Se la <literal>console</literal> del sistema &egrave; settata come
<literal>insecure</literal> in <filename>/etc/ttys</filename>,
allora il sistema richiede la password di <username>root</username>
prima di entrare in modalit&agrave; singolo utente.</para>
@@ -739,19 +727,19 @@ boot:</screen>
<programlisting># name getty type status comments
#
-# Se la console &egrave; segnata come "insecure", allora init chieder&agrave;
+# Se la console &egrave; settata come "insecure", allora init chieder&agrave;
# la password di root per andare in modalit&agrave; singolo utente .
console none unknown off insecure</programlisting>
</example>
<note>
<para>Avere una console <literal>insecure</literal> significa
- ritenere insicura la sicurezza fisica della console,
- ed assicurarsi che solo chi conosce la password di
- <username>root</username> possa usare la modalit&agrave; singolo
- utente, non significa voler eseguire la console in maniera insicura.
- Dunque, se vuoi avere sicurezza, scegli <literal>insecure</literal>,
- non <literal>secure</literal>.</para>
+ ritenere insicura la sicurezza fisica della console, ed assicurarsi
+ che solo chi conosce la password di <username>root</username> possa
+ usare la modalit&agrave; singolo utente, non significa voler eseguire
+ la console in maniera insicura. Dunque, se vuoi avere sicurezza,
+ scegli <literal>insecure</literal>, non
+ <literal>secure</literal>.</para>
</note>
</sect2>
@@ -760,7 +748,7 @@ console none unknown off insecure</programlisting>
<indexterm><primary>modalit&agrave; multi utente</primary></indexterm>
- <para>Se &man.init.8; ritiene che i file system siano in ordine,
+ <para>Se &man.init.8; ritiene che i tuoi file system siano in ordine,
o quando l'utente ha terminato il lavoro in <link
linkend="boot-singleuser">modalit&agrave; singolo utente</link>, il
sistema entra in modalit&agrave; multi utente, nella quale inizia la
@@ -769,7 +757,7 @@ console none unknown off insecure</programlisting>
<sect3 id="boot-rc">
<indexterm><primary>file rc</primary></indexterm>
- <title>Resource Configuration (rc)</title>
+ <title>Configurazione delle Risorse (rc)</title>
<para>Il sistema di configurazione delle risorse legge i valori
predefiniti della configurazione da
@@ -793,24 +781,23 @@ console none unknown off insecure</programlisting>
<indexterm><primary><command>spegnimento</command></primary></indexterm>
- <para>Al momento di uno spegnimento controllato, tramite
- &man.shutdown.8;, &man.init.8; cercher&agrave; di
- eseguire lo script <filename>/etc/rc.shutdown</filename>, e poi
- proceder&agrave; ad inviare a tutti i processi il segnale
- <literal>TERM</literal>, e successivamente il segnale
- <literal>KILL</literal> a quelli che non sono terminati in tempo.</para>
+ <para>Al momento di uno spegnimento controllato, tramite &man.shutdown.8;,
+ &man.init.8; cercher&agrave; di eseguire lo script
+ <filename>/etc/rc.shutdown</filename>, e poi proceder&agrave; ad inviare
+ a tutti i processi il segnale <literal>TERM</literal>, e successivamente
+ il segnale <literal>KILL</literal> a quelli che non sono terminati in
+ tempo.</para>
<para>Per spegnere una macchina FreeBSD su architetture e sistemi
- che supportano sistemi di power management, usa semplicemente il comando
+ che supportano la gestione dell'energia, usa semplicemente il comando
<command>shutdown -p now</command> per disattivare immediatamente
- l'alimentazione.
- Per riavviare semplicemente un sistema FreeBSD system, usa solo
+ l'alimentazione. Per riavviare semplicemente un sistema FreeBSD, usa solo
<command>shutdown -r now</command>. Avrai bisogno di essere
<username>root</username> o un membro del gruppo
<groupname>operator</groupname> per eseguire &man.shutdown.8;.
Possono essere usati anche i comandi &man.halt.8; e &man.reboot.8;,
- fai riferimento alle loro pagine di manuale ed a quella di
- &man.shutdown.8; per maggiori informazioni.</para>
+ fai riferimento alle loro pagine di man ed a quella di &man.shutdown.8;
+ per maggiori informazioni.</para>
<note>
<para>La gestione dell'energia richiede il supporto &man.acpi.4; nel
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.sgml
index b4fa830ed5..3583f30d91 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.18
+ Original revision: 1.25
-->
<chapter id="desktop">
@@ -255,42 +255,45 @@
<para>La prima cosa da fare &egrave; scaricare i files che verranno usati
poi con <application>Mozilla</application>. Raggiungi con il tuo
- browserla pagina presente al seguente link <ulink
- url="http://www.sun.com/software/java2/download.html">http://www.sun.com/software/java2/download.html</ulink>
- e creati un account sul loro sito. Ricordati di salvare lo username
+ browser la pagina presente al seguente link <ulink
+ url="http://www.sun.com/software/java2/download.html"></ulink>
+ e creati un account sul loro sito. Ricordati di salvare il nome utente
e la password visto che potresti averne bisogno in fututo. Scarica
una copia del file <filename>j2sdk-1_3_1-src.tar.gz</filename> e salvalo
in <filename>/usr/ports/distfiles/</filename> perch&egrave; il port non
&egrave; in grado di prelevarlo automaticamente. Questo a causa delle
- limitazioni dovute alla licenza. Nel frattempo apriamo la pagina del
- <quote>java environment</quote> direttamente da <ulink
- url="http://java.sun.com/webapps/download/Display?BundleId=7163">http://java.sun.com/webapps/download/Display?BundleId=7163</ulink>.
- Il file &Egrave;: <filename>j2sdk-1_3_1_06-linux-i586.bin</filename>
- ed &Egrave; abbastanza grande (circa 25 megabytes!). Esattamente come
- prima, questo file v&agrave; salvato in
- <filename>/usr/ports/distfiles/</filename>. Finalmente ora scarichiamo
+ limitazioni dovute alla licenza.
+ Nel frattempo scarica il <quote>java environment</quote> da <ulink
+ url="http://java.sun.com/webapps/download/Display?BundleId=7905"></ulink>.
+ Il file &egrave; <filename>j2sdk-1_3_1_08-linux-i586.bin</filename>
+ ed &egrave; abbastanza grande (circa 25 megabyte!). Esattamente come
+ prima, questo file deve essere salvato in
+ <filename>/usr/ports/distfiles/</filename>. Alla fine scarica
una copia del <quote>java patchkit</quote> da <ulink
- url="http://www.eyesbeyond.com/freebsddom/java/">http://www.eyesbeyond.com/freebsddom/java/</ulink>
- e salviamolo nella directory
- <filename>/usr/ports/distfiles/</filename>.</para>
+ url="http://www.eyesbeyond.com/freebsddom/java/"></ulink> e salvalo
+ nella directory <filename>/usr/ports/distfiles/</filename>.</para>
- <para>Installiamo lo <filename role="package">java/jdk13</filename> port
+ <para>Installiamo il port <filename role="package">java/jdk13</filename>
con il classico <command>make install clean</command> e dopo
- installiamo il <filename
- role="package">www/flashpluginwrapper</filename> port.
- Questo port necessita del <filename
+ installiamo il port <filename
+ role="package">www/flashpluginwrapper</filename>.
+ Questo port necessita di <filename
role="package">emulators/linux_base</filename> che &egrave; un
- port abbastanza grande. Anche se esistono altre
- <application>flash</application> plugins, queste hanno dato dei problemi
+ port abbastanza grande. Anche se esistono altri plug-in
+ <application>flash</application>, questi hanno dato dei problemi
e non hanno funzionato da me.</para>
- <para>Ora copiamo la <application>flash</application> plug-in con:</para>
+ <para>Installa il port <filename role="package">www/mozilla</filename>,
+ se <application>Mozilla</application> non &egrave; ancora
+ installato.</para>
+
+ <para>Ora copiamo il plug-in <application>flash</application> con:</para>
<screen>&prompt.root; <userinput>cp /usr/local/lib/flash/libflashplayer.so \
- /usr/X11R6/lib/mozilla/plugins/libflashplayer_linux.so</userinput></screen>
+ /usr/X11R6/lib/browser_plugins/libflashplayer_linux.so</userinput></screen>
<screen>&prompt.root; <userinput>cp /usr/local/lib/flash/ShockwaveFlash.class \
- /usr/X11R6/lib/mozilla/plugins/</userinput></screen>
+ /usr/X11R6/lib/browser_plugins/</userinput></screen>
<note>
<para>Se si sta usando <filename
@@ -309,9 +312,7 @@ export LD_PRELOAD</programlisting>
<para>Questo far&agrave; funzionare il plug-in di
<application>flash</application>.</para>
- <para>Installare il <filename role="package">www/mozilla</filename> port,
- e se <application>Mozilla</application> &Egrave; gi&agrave; stato
- installato allora dobbiamo solo avviarlo con:</para>
+ <para>Ora avvia <application>Mozilla</application> solo con:</para>
<screen>&prompt.user; <userinput>mozilla &amp;</userinput></screen>
@@ -617,11 +618,14 @@ export LD_PRELOAD</programlisting>
linguaggio per le macro che pu&ograve essere interfacciato con
un database esterno.
<application>OpenOffice.org</application> &egrave; stabile e
- e gira nativamente sotto windows, Solaris e Linux. I ports per FreeBSD
- e Mac&nbsp;OS&nbsp;X sono quasi completi. Altre
- informazioni riguardo <application>OpenOffice.org</application>
- possono essere trovate nell'OpenOffice web site <ulink
- url="http://www.openoffice.org/">.</ulink>.</para>
+ e gira nativamente sotto windows, Solaris, Linux, FreeBSD, e
+ Mac&nbsp;OS&nbsp;X. Altre informazioni riguardo
+ <application>OpenOffice.org</application> possono essere trovate sul
+ <ulink url="http://www.openoffice.org/">sito web di OpenOffice</ulink>.
+ Per informazioni specifiche su FreeBSD, e per scaricare direttamente i
+ package usa il sito web del <ulink
+ url="http://projects.imp.ch/openoffice/">FreeBSD OpenOffice Porting
+ Team</ulink>.</para>
<para>Per installare <application>OpenOffice.org</application>,
do:</para>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.sgml
index dd37818d42..198d1c4435 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.118
+ Original revision: 1.125
-->
<appendix id="eresources">
@@ -216,6 +216,12 @@
<entry>&a.alpha.name;</entry>
<entry>Il porting di FreeBSD su Alpha</entry>
+ </row>
+
+ <row>
+ <entry>&a.amd64.name;</entry>
+
+ <entry>Il porting di FreeBSD sui sistemi AMD64</entry>
</row>
<row>
@@ -533,12 +539,6 @@
<tbody>
<row>
- <entry>&a.core.name;</entry>
-
- <entry>Il team centrale di FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
<entry>&a.hubs.name;</entry>
<entry>Per coloro che gestiscono mirrors (supporto
@@ -657,7 +657,7 @@
<para>A costo di ripeterci, vorremmo che i membri della lista
tecnica tenessero la discussione su un tono tecnico. Se sei solo
interessato ad annunci importanti, allora &egrave; preferibile che
- ti iscrivi alla &a.announce.name;, creata apposta per traffico non
+ ti iscrivi alla &a.announce;, creata apposta per traffico non
frequente.</para>
</sect2>
@@ -1332,6 +1332,76 @@
</varlistentry>
</variablelist>
</sect2>
+
+ <sect2 id="eresources-mailfiltering">
+ <title>Filtraggio sulle mailing list</title>
+
+ <para>Le mailing list di &os; sono filtrate in molti modi per evitare la
+ distribuzione di spam, virus, e altre email non volute. Le azioni di
+ filtraggio descritte in questa sezione non includono tutte quelle usate
+ per proteggere le mailing list.</para>
+
+ <para>Solo certi tipi di allegati sono ammessi sulle mailing list. Tutti
+ gli allegati con un tipo di contenuto MIME non presente nella lista
+ seguente saranno eliminati prima che l'email sia distribuita sulla
+ mailing list.</para>
+
+ <itemizedlist>
+ <listitem>
+ <para>application/octet-stream</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>application/pdf</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>application/pgp-signature</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>application/x-pkcs7-signature</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>message/rfc822</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>multipart/alternative</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>multipart/related</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>multipart/signed</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>text/html</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>text/plain</para>
+ </listitem>
+
+ <listitem>
+ <para>text/x-patch</para>
+ </listitem>
+ </itemizedlist>
+
+ <note>
+ <para>Alcune mailing list potrebbero ammettere allegati di altri tipi
+ di contenuto MIME, ma la lista qui sopra dovrebbe essere corretta per
+ la maggior parte delle mailing list.</para>
+ </note>
+
+ <para>Se un'email contiene sia una versione HTML che una versione testo,
+ quella HTML verr&agrave; rimossa. Se un'email contiene solo una
+ versione HTML, sar&agrave; convertita in semplice testo.</para>
+ </sect2>
</sect1>
<sect1 id="eresources-news">
@@ -1969,11 +2039,6 @@
</listitem>
<listitem>
- <para><ulink url="http://www2.FreeBSD.org/"></ulink> &mdash;
- USA/Texas.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
<para><ulink url="http://www3.FreeBSD.org/"></ulink> &mdash;
USA/3.</para>
</listitem>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.sgml
index 305d12badb..00764ea4e5 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.81
+ Original revision: 1.85
-->
<chapter id="introduction">
@@ -213,7 +213,7 @@
</indexterm>
<indexterm>
<primary>compilatori</primary>
- <secondary>Fortran</secondary>
+ <secondary>FORTRAN</secondary>
</indexterm>
<listitem>
@@ -522,7 +522,7 @@
<indexterm><primary>Grimes, Rod</primary></indexterm>
<indexterm>
<primary>FreeBSD Project</primary>
- <secondary>Storia</secondary>
+ <secondary>storia</secondary>
</indexterm>
<para>Il FreeBSD Project ebbe la sua genesi nella prima parte del 1993,
@@ -683,7 +683,7 @@
<indexterm>
<primary>FreeBSD Project</primary>
- <secondary>Obiettivi</secondary>
+ <secondary>obiettivi</secondary>
</indexterm>
<para>Gli obiettivi del FreeBSD Project sono di fornire software
@@ -734,7 +734,7 @@
<indexterm>
<primary>FreeBSD Project</primary>
- <secondary>Modello di Sviluppo</secondary>
+ <secondary>modello di sviluppo</secondary>
</indexterm>
<para>Lo sviluppo di FreeBSD &egrave; un processo molto aperto
@@ -851,13 +851,13 @@
<indexterm><primary>collaboratori</primary></indexterm>
<listitem>
- <para>Non da ultimo, il gruppo pi&ugrave; grande gruppo di
- sviluppatori sono gli stessi utenti che ci forniscono feedback e
- correzioni di bug quasi costantemente. Il modo principale di
- tenersi in contatto con lo sviluppo non centralizzato di FreeBSD
- &egrave; iscriversi alla &a.hackers; (guarda l'elenco delle <link
- linkend="eresources-mail">mailing list</link>)
- dove queste cose vengono discusse.</para>
+ <para>Non da ultimo, il pi&ugrave; grande gruppo di sviluppatori
+ sono gli stessi utenti che ci forniscono feedback e correzioni di
+ bug quasi costantemente. Il modo principale di tenersi in
+ contatto con lo sviluppo non centralizzato di FreeBSD &egrave;
+ iscriversi alla &a.hackers; dove queste cose vengono discusse.
+ Guarda il <xref linkend="eresources"> per maggiori informazioni
+ sulle varie mailing list di FreeBSD.</para>
<para><citetitle><ulink
url="../../../en_US.ISO8859-1/articles/contributors/article.html">La
@@ -883,7 +883,7 @@
stabile con un ampio insieme di <link linkend="ports">programmi
applicativi</link> coerenti che gli utenti possono facilmente
installare ed usare, e questo modello funziona molto bene per realizzare
- Ci&ograve;.</para>
+ ci&ograve;.</para>
<para>Tutto quello che chiediamo a quelli che vogliono unirsi a noi come
sviluppatori di FreeBSD &egrave; un po' della stessa dedizione che
@@ -963,8 +963,8 @@
<term>Il Manuale di FreeBSD</term>
<listitem>
- <para><ulink
- url="file://localhost/usr/share/doc/handbook/index.html">/usr/share/doc/handbook/index.html</ulink></para>
+ <para><ulink type="html"
+ url="file://localhost/usr/share/doc/handbook/index.html"><filename>/usr/share/doc/handbook/index.html</filename></ulink></para>
</listitem>
</varlistentry>
@@ -972,8 +972,8 @@
<term>Domande Comuni su FreeBSD</term>
<listitem>
- <para><ulink
- url="file://localhost/usr/share/doc/faq/index.html">/usr/share/doc/faq/index.html</ulink></para>
+ <para><ulink type="html"
+ url="file://localhost/usr/share/doc/faq/index.html"><filename>/usr/share/doc/faq/index.html</filename></ulink></para>
</listitem>
</varlistentry>
</variablelist>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/chapter.sgml
index 06fa22fba6..aab308759b 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.87
+ Original revision: 1.89
-->
<chapter id="l10n">
@@ -33,57 +33,53 @@
<sect1 id="l10n-synopsys">
<title>Sinossi</title>
- <para>FreeBSD &egrave; un progetto di larga diffusione con utenti
- e collaboratori in ogni parte del mondo.
- Questo capitolo affronta quegli aspetti tipici di FreeBSD, relativi
- all'internazionalizzazione e localizzazione del sistema, che
- permettono agli utenti non di lingua inglese di operare in
- maniera pi&ugrave; vicina alle proprie convenzioni nazionali.
- Ci sono molti aspetti da considerare dell'internazionalizzazione
- sia a livello utente che di sistema; perci&ograve;, ove necessario,
- si rinvier&agrave; il lettore a fonti di informazione pi&ugrave;
- specifiche.</para>
+ <para>FreeBSD &egrave; un progetto di larga diffusione con utenti e
+ collaboratori in ogni parte del mondo. Questo capitolo affronta quegli
+ aspetti tipici di FreeBSD relativi all'internazionalizzazione e
+ localizzazione del sistema che permettono agli utenti non di lingua
+ inglese di operare in maniera pi&ugrave; confortevole. Ci sono molti
+ aspetti da considerare dell'implementazione I18N sia a livello utente che
+ di sistema, perci&ograve;, ove necessario, si rinvier&agrave; il lettore
+ a fonti di informazione pi&ugrave; specifiche.</para>
- <para>Dopo aver letto questo capitolo si sapr&agrave;:</para>
+ <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>
<itemizedlist>
<listitem>
- <para>come i vari idiomi e localizzazioni sono codificati
- nei moderni sistemi operativi.</para>
+ <para>Come i vari linguaggi e nazioni sono codificati nei moderni
+ sistemi operativi.</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>come impostare la localizzazione per la propria shell
- di login.</para>
+ <para>Come impostare la localizzazione per la tua shell di login.</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>come configurare la propria console per una lingua
- che non sia l'inglese.</para>
+ <para>Come configurare la tua console per una lingua che non sia
+ l'inglese.</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>come usare concretamente X Windows con differenti
- lingue.</para>
+ <para>Come usare concretamente X Windows con differenti lingue.</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>dove reperire ulteriori informazioni su come scrivere
- applicazioni internazionalizzate.</para>
+ <para>Dove reperire ulteriori informazioni su come scrivere applicazioni
+ I18N compatibili.</para>
</listitem>
</itemizedlist>
- <para>Prima di leggere questo capitolo, si dovrebbe:</para>
+ <para>Prima di leggere questo capitolo, dovresti:</para>
<itemizedlist>
<listitem>
- <para>sapere come installare applicazioni
- supplementari di terzi (<xref linkend="ports">).</para>
+ <para>Sapere come installare applicazioni aggiuntive di terze parti
+ (<xref linkend="ports">).</para>
</listitem>
</itemizedlist>
</sect1>
<sect1 id="l10n-basics">
- <title>Principi fondamentali</title>
+ <title>Principi di Base</title>
<sect2>
<title>Cosa significano le sigle I18N/L10N?</title>
@@ -92,84 +88,74 @@
<indexterm><primary>localizzazione</primary></indexterm>
<para>Gli sviluppatori hanno abbreviato la parola
- <quote>internationalization</quote> in I18N, sostituendo
- le lettere della parola, comprese tra la prima e l'ultima,
- con il loro numero.
- Lo stesso &egrave; stato fatto per l'acronimo L10N, che deriva
- appunto da <quote>localization</quote>.
- Combinati assieme, i metodi, i protocolli e le applicazioni
- che rispettano gli standard I18N/L10N consentono agli utenti
- di utilizzare una qualsiasi lingua di propria scelta.</para>
-
- <para>Le applicazioni internazionalizzate vengono realizzate
- mediante appositi kit per l'I18N, disponibili tramite
- specifiche librerie.
- Questo permette agli sviluppatori di scrivere in un normale
- file di testo i menu e i messaggi da visualizzare nel programma
- e di tradurlo poi nelle varie lingue.
- Si raccomandano vivamente i programmatori di seguire questa
- pratica.</para>
+ <quote>internationalization</quote> in I18N, contando il numero di
+ lettere che costituiscono la parola <quote>internationalization</quote>,
+ escludendo la prima e l'ultima. Lo stesso &egrave; stato fatto per
+ l'acronimo L10N, che deriva appunto da <quote>localization</quote>.
+ Combinando insieme i metodi, i protocolli e le applicazioni che
+ rispettano gli standard I18N/L10N si permette agli utenti di utilizzare
+ una qualsiasi lingua di propria scelta.</para>
+
+ <para>Le applicazioni I18N sono realizzate mediante appositi kit,
+ disponibili tramite specifiche librerie. Questo permette agli
+ sviluppatori di scrivere in un normale file di testo i men&ugrave; e i
+ messaggi da visualizzare nel programma e di tradurlo poi nelle varie
+ lingue. Si raccomandano vivamente i programmatori di seguire questa
+ convenzione.</para>
</sect2>
<sect2>
- <title>Perch&eacute; usare l'I18N/L10N?</title>
+ <title>Perch&eacute; Dovrei Usare I18N/L10N?</title>
- <para>Le tecniche di I18N/L10N vengono utilizzate ogniqualvolta
- si desidera visualizzare, immettere o processare dati in
- lingue diverse da quella inglese.</para>
+ <para>I18N/L10N &egrave; usato ogni qualvolta desideri visualizzare,
+ immettere o processare dati in lingue diverse da quella inglese.</para>
</sect2>
<sect2>
- <title>Quali lingue sono disponibili in un ambiente
- internazionalizzato?</title>
-
- <para>L'I18N e la L10N non sono caratteristiche specifiche di
- FreeBSD.
- Al momento, &egrave; possibile scegliere fra la maggior parte
- delle lingue pi&ugrave; diffuse nel mondo, tra le quali:
- cinese, tedesco, giapponese, francese, russo e altre ancora.</para>
+ <title>Quali Lingue sono Disponibili nel Lavoro I18N?</title>
+
+ <para>I18N e L10N non sono caratteristiche specifiche di FreeBSD. Al
+ momento, &egrave; possibile scegliere fra la maggior parte delle lingue
+ pi&ugrave; diffuse nel mondo, tra le quali: cinese, tedesco, giapponese,
+ francese, russo, italiano e altre ancora.</para>
</sect2>
</sect1>
<sect1 id="using-localization">
- <title>Come utilizzare la nazionalizzazione</title>
+ <title>Come Utilizzare la Localizzazione</title>
- <para>Vista la sua importanza, l'I18N non &egrave; specifica
- del sistema FreeBSD soltanto ed &egrave; una convenzione.
- Siete invitati ad aiutare il progetto FreeBSD ad adottare
- tale convenzione.</para>
+ <para>Vista la sua importanza, I18N non &egrave; specifico del sistema
+ FreeBSD ed &egrave; una convenzione. Siete invitati ad aiutare
+ il progetto FreeBSD per sostenere questa convenzione.</para>
<indexterm><primary>locale</primary></indexterm>
- <para>Le impostazioni per la nazionalizzazione o localizzazione
- sono basate su tre termini principali: Codice Lingua, Codice
- Nazione e Codifica.
- I nomi che contraddistinguono una localizzazione vengono formati
- utilizzando questi termini nel modo seguente:</para>
+ <para>Le impostazioni per la localizzazione o nazionalizzazione sono basate
+ su tre termini principali: Codice Lingua, Codice Nazione e Codifica. I
+ nomi che contraddistinguono una localizzazione sono formati utilizzando
+ questi termini nel modo seguente:</para>
<programlisting><replaceable>CodiceLingua</replaceable>_<replaceable>CodiceNazione</replaceable>.<replaceable>Codifica</replaceable></programlisting>
<sect2>
- <title>I codici per la lingua e la nazione</title>
+ <title>I Codici per la Lingua e la Nazione</title>
<indexterm><primary>codici lingua</primary></indexterm>
<indexterm><primary>codici nazione</primary></indexterm>
- <para>Al fine di configurare un sistema FreeBSD per una
- specifica lingua (o qualsiasi altro sistema UNIX che
- gestisca l'I18N), l'utente deve innanzitutto conoscere
- i codici della nazione e della lingua desiderati
- (i codici delle nazioni segnalano alle applicazioni
- quali convenzioni adottare all'interno di un dato idioma).
- Inoltre, i browser, i server web e quelli SMTP e POP
- possono operare in base ad essi.
+ <para>Al fine di localizzare un sistema FreeBSD (o qualsiasi altro sistema
+ UNIX che gestisca I18N) in una specifica lingua, l'utente deve
+ innanzitutto conoscere i codici della nazione e della lingua desiderati
+ (i codici delle nazioni segnalano alle applicazioni quali convenzioni
+ adottare all'interno di un dato linguaggio). Inoltre, i browser web, i
+ server SMTP/POP, i server web, ecc. possono operare in base ad essi.
I seguenti sono esempi di codici lingua/nazione:</para>
<informaltable frame="none">
<tgroup cols="2">
<thead>
<row>
- <entry>Lingua/Codice Nazione</entry>
+ <entry>Codice Lingua/Nazione</entry>
<entry>Descrizione</entry>
</row>
@@ -179,7 +165,7 @@
<row>
<entry>en_US</entry>
- <entry>inglese - Stati Uniti</entry>
+ <entry>inglese - Stati Uniti d'America</entry>
</row>
<row>
@@ -204,37 +190,31 @@
<indexterm><primary>codifiche</primary></indexterm>
<indexterm><primary>ASCII</primary></indexterm>
- <para>Alcune lingue utilizzano codifiche non-ASCII, cio&egrave;
- caratteri a 8 bit, estesi o multibyte, cfr. &man.multibyte.3;
- per maggiori dettagli.
- Le applicazioni pi&ugrave; vecchie, non riconoscendoli, li
- interpretano come caratteri di controllo.
- Quelle pi&ugrave; recenti invece riconoscono di solito i
- caratteri a 8 bit.
- Dipendendo tutto dall'implementazione, potrebbe essere
- necessario che gli utenti ricompilino un'applicazione,
- perch&eacute; gestisca i caratteri estesi o multibyte,
- o che la riconfigurino in modo corretto.
- Per essere in grado di immettere e di elaborare caratteri
- estesi o multibyte, la
- <ulink url="../../../../ports/index.html">FreeBSD Ports
- Collection</ulink> fornisce vari programmi in differenti
- versioni, una per ogni lingua. Si faccia riferimento alla
- relativa documentazione I18N del Port del programma.</para>
-
- <para>Precisamente, l'utente deve consultare la documentazione
- propria dell'applicazione per conoscere il modo di configurarla
- correttamente o di passare i valori adatti al programma di
- configurazione, al Makefile o al compilatore.</para>
-
- <para>Alcune cose da tenere bene a mente e controllare sono:</para>
+ <para>Alcune lingue utilizzano codifiche non ASCII, cio&egrave; caratteri
+ a 8 bit, estesi o multibyte, vedere &man.multibyte.3; per maggiori
+ dettagli. Le applicazioni pi&ugrave; vecchie, non riconoscendoli, li
+ interpretano come caratteri di controllo. Quelle pi&ugrave; recenti
+ invece riconoscono di solito i caratteri a 8 bit. A seconda
+ dell'implementazione, &egrave; possibile che gli utenti debbano
+ ricompilare un'applicazione con il supporto ai caratteri estesi o
+ multibyte, o debbano configurare l'applicazione in modo corretto. Per
+ essere in grado di immettere e di elaborare caratteri estesi o
+ multibyte, la <ulink url="../../../../ports/index.html">FreeBSD Ports
+ Collection</ulink> fornisce vari programmi in differenti linguaggi.
+ Si faccia riferimento alla relativa documentazione I18N del port
+ di FreeBSD.</para>
+
+ <para>Precisamente, l'utente deve consultare la documentazione propria
+ dell'applicazione per conoscere come configurarla correttamente o come
+ passare i giusti valori al configuratore/Makefile/compilatore.</para>
+
+ <para>Alcune cose da tener presente sono:</para>
<itemizedlist>
<listitem>
- <para>Gli insiemi di caratteri, rappresentabili con il tipo
- char del linguaggio C, specifici della lingua (cfr.
- &man.multibyte.3;), cio&egrave;, ISO8859-1, KOI8-R,
- CP437.</para>
+ <para>Gli insiemi di caratteri rappresentabili dal tipo char del
+ linguaggio C, specifici della lingua (vedere &man.multibyte.3;),
+ cio&egrave;, ISO-8859-1, ISO-8859-15, KOI8-R, CP437.</para>
</listitem>
<listitem>
@@ -242,122 +222,115 @@
</listitem>
</itemizedlist>
- <para>Si pu&ograve; consultare l'elenco corrente degli insiemi di
- caratteri nello <ulink
- url="ftp://ftp.isi.edu/in-notes/iana/assignments/character-sets">IANA Registry</ulink>.</para>
+ <para>Puoi consultare l'elenco corrente degli insiemi di caratteri nel
+ <ulink
+ url="ftp://ftp.isi.edu/in-notes/iana/assignments/character-sets">Registro
+ IANA</ulink>.</para>
<note>
- <para>Con le versioni 4.5 o successive di FreeBSD si utilizzino
- le codifiche per la localizzazione compatibili con X11.</para>
+ <para>Con le versioni 4.5 o successive di FreeBSD si utilizzino le
+ codifiche per la localizzazione compatibili con X11.</para>
</note>
</sect2>
<sect2>
- <title>Applicazioni internazionalizzate</title>
+ <title>Applicazioni I18N</title>
- <para>Nel sistema dei Port e dei pacchetti precompilati di
- FreeBSD, le applicazioni I18N sono facilmente riconoscibili,
- perch&eacute; il loro nome include la sigla <literal>I18N</literal>.
- Tuttavia, non sempre esse potrebbero supportare la lingua
- desiderata.</para>
+ <para>Nel sistema dei port e dei pacchetti precompilati di FreeBSD, le
+ applicazioni I18N sono facilmente riconoscibili, perch&eacute; il loro
+ nome include la sigla <literal>I18N</literal>. Tuttavia, non sempre
+ queste potrebbero supportare la lingua desiderata.</para>
</sect2>
<sect2 id="setting-locale">
- <title>Impostazione della nazionalit&agrave;
- (<emphasis>locale</emphasis>)</title>
-
- <para>Teoricamente, l'unica operazione da fare dovrebbe essere
- quella di esportare il nome della propria localizzazione nella
- variabile <envar>LANG</envar>; cosa che viene normalmente
- fatta in <filename>~/.login_conf</filename> oppure nel file
- di configurazione della shell di login dell'utente
- (<filename>~/.profile</filename>,
- <filename>~/.bashrc</filename>,
- <filename>~/.cshrc</filename>).
- Non c'&egrave; alcun bisogno invece di impostare direttamente
- le altre variabili facenti parti il <quote>locale</quote>,
- come <envar>LC_CTYPE</envar>, <envar>LC_CTIME</envar>.
- Si faccia riferimento a questo proposito alla documentazione
- di FreeBSD specifica per la data lingua.</para>
-
- <para>Si dovrebbero impostare esattamente i seguenti due valori
- nei propri file di configurazione:</para>
+ <title>Impostazione del Locale</title>
+
+ <para>Di solito &egrave; sufficiente esportare il valore del nome del
+ locale posto nella variabile <envar>LANG</envar> all'interno della shell
+ di login. Questo pu&ograve; essere fatto utilizzando il file
+ dell'utente <filename>~/.login_conf</filename> oppure il file di
+ configurazione della shell di login dell'utente
+ (<filename>~/.profile</filename>, <filename>~/.bashrc</filename>,
+ <filename>~/.cshrc</filename>). Non c'&egrave; bisogno di impostare le
+ altre variabili del locale, come <envar>LC_CTYPE</envar>,
+ <envar>LC_CTIME</envar>. Per maggiori informazioni si faccia
+ riferimento alla documentazione di FreeBSD specifica per la data
+ lingua.</para>
+
+ <para>Puoi settare le due variabili d'ambiente seguenti nei tuoi file di
+ configurazione:</para>
<itemizedlist>
<indexterm><primary>POSIX</primary></indexterm>
-
+
<listitem>
<para><envar>LANG</envar> per le funzioni appartenenti alla
- famiglia POSIX di &man.setlocale.3;</para>
+ famiglia POSIX, &man.setlocale.3;</para>
</listitem>
<indexterm><primary>MIME</primary></indexterm>
<listitem>
- <para><envar>MM_CHARSET</envar> per l'insieme dei caratteri
- che dovranno usare le applicazioni che supportano lo standard
+ <para><envar>MM_CHARSET</envar> per l'insieme dei caratteri che
+ dovranno usare le applicazioni che supportano lo standard
MIME</para>
</listitem>
</itemizedlist>
- <para>Ci&ograve; va fatto per la configurazione della shell
- dell'utente, di un'applicazione specifica e per quella di X11.</para>
+ <para>Ci&ograve; va fatto per la configurazione della shell dell'utente,
+ di un'applicazione specifica e per quella di X11.</para>
<sect3>
- <title>Metodi di localizzazione</title>
+ <title>Metodi di Localizzazione</title>
<indexterm><primary>locale</primary></indexterm>
<indexterm><primary>classe di login</primary></indexterm>
- <para>Ci sono due metodi per l'impostazione della nazionalit&agrave;
- entrambi descritti qui di seguito.
- Il primo (raccomandato) &egrave; quello di impostare le
- variabili d'ambiente in una
- <link linkend="login-class">classe di login</link>, mentre
- il secondo &egrave; quello di aggiungere i valori delle
- variabili d'ambiente al <link linkend="startup-file">file
- d'avvio</link> della shell.</para>
+ <para>Ci sono due metodi per impostare il locale, entrambi descritti qui
+ di seguito. Il primo (raccomandato) consiste nell'impostare le
+ variabili d'ambiente in una <link linkend="login-class">classe di
+ login</link>, mentre il secondo consiste nell'aggiungere i valori
+ delle variabili d'ambiente al <link linkend="startup-file">file
+ d'avvio</link> della shell di sistema.</para>
<sect4 id="login-class">
- <title>Metodo con le classi di login</title>
-
- <para>Questo metodo fa s&igrave; che le variabili d'ambiente,
- necessarie per il nome del locale e per gli insiemi dei
- caratteri MIME, vengano inizializzate una volta sola per
- ogni possibile shell di sistema, invece di aggiungere gli
- assegnamenti adatti ad una specifica shell nel rispettivo
- file d'avvio.
- Mentre il <link linkend="usr-setup">setup a livello utente</link>
- pu&ograve; essere chiaramente fatto dall'utente stesso, il
- <link linkend="adm-setup">setup a livello amministratore</link>
+ <title>Metodo delle Classi di Login</title>
+
+ <para>Questo metodo fa s&igrave; che le variabili d'ambiente
+ necessarie per il nome del locale e per gli insiemi dei caratteri
+ MIME vengano inizializzate una volta sola per ogni possibile shell
+ di sistema invece di aggiungere specifici assegnamenti per ogni file
+ d'avvio di shell. Il <link linkend="usr-setup">Setup a Livello
+ Utente</link> pu&ograve; essere fatto dall'utente stesso e il
+ <link linkend="adm-setup">Setup a Livello Amministratore</link>
richiede i privilegi del superuser.</para>
<sect5 id="usr-setup">
- <title>Setup a livello utente</title>
+ <title>Setup a Livello Utente</title>
<para>Ecco un breve esempio di un file
- <filename>.login_conf</filename> nella directory home di
- un utente che ha entrambe le variabili impostate alla
- codifica Latin-1:</para>
+ <filename>.login_conf</filename> posto nella directory home di un
+ utente che ha entrambe le variabili impostate alla codifica
+ Latin-1:</para>
<programlisting>me:\
- :charset=ISO-8859-1:\
- :lang=de_DE.ISO8859-1:</programlisting>
+:charset=ISO-8859-1:\
+:lang=de_DE.ISO8859-1:</programlisting>
<indexterm>
- <primary>cinese tradizionale / codifica BIG-5</primary>
+ <primary>cinese tradizionale</primary>
+ <secondary>codifica BIG-5</secondary>
</indexterm>
<para>Ecco invece un esempio di un file
- <filename>.login_conf</filename> che imposta le variabili
- per il cinese tradizionale con codifica BIG-5.
- Si noti l'uso di un maggior numero di variabili, in questo
- caso necessarie, perch&eacute; alcuni programmi non rispettano
- come dovrebbero le variabili di localizzazione per il
+ <filename>.login_conf</filename> che imposta le variabili per il
+ cinese tradizionale con codifica BIG-5. Si noti che sono state
+ impostate molte variabili perch&egrave; alcuni programmi non
+ rispettano come dovrebbero le variabili di localizzazione per il
cinese, giapponese e il coreano.</para>
- <programlisting>#Users who do not wish to use monetary units or time formats
-#of Taiwan can manually change each variable
+ <programlisting>#Gli utenti che non vogliono usare l'unit&agrave; monetaria o i formati temporali
+#di Taiwan possono modificare manualmente ogni variabile
me:\
lang=zh_TW.Big5:\
lc_all=zh_TW.Big:\
@@ -368,111 +341,109 @@ me:\
lc_numeric=zh_TW.Big5:\
lc_time=zh_TW.Big5:\
charset=big5:\
- xmodifiers="@im=xcin": #Setting the XIM Input Server</programlisting>
+ xmodifiers="@im=xcin": #Setta il XIM Input Server</programlisting>
- <para>Si veda il paragrafo <link linkend="adm-setup">Setup
- a livello amministratore</link> e &man.login.conf.5; per
- maggiori dettagli.</para>
+ <para>Vedere il paragrafo <link linkend="adm-setup">Setup a Livello
+ Amministratore</link> e &man.login.conf.5; per maggiori
+ dettagli.</para>
</sect5>
<sect5 id="adm-setup">
- <title>Setup a livello amministratore</title>
+ <title>Setup a Livello Amministratore</title>
- <para>Si controlli che il file
- <filename>/etc/login.conf</filename> selezioni la lingua
- corretta per la classe dell'utente.
- Ci si assicuri che queste impostazioni appaiano in
+ <para>Controlla che la classe di login dell'utente in
+ <filename>/etc/login.conf</filename> selezioni la lingua corretta.
+ Assicurati che queste impostazioni appaiano in
<filename>/etc/login.conf</filename>:</para>
- <programlisting><replaceable>nome_lingua</replaceable>:<replaceable>classe_account</replaceable>:\
- :charset=<replaceable>MIME_charset</replaceable>:\
- :lang=<replaceable>nome_locale</replaceable>:\
- :tc=default:</programlisting>
+ <programlisting><replaceable>nome_lingua</replaceable>:<replaceable>titolo_account</replaceable>:\
+:charset=<replaceable>MIME_charset</replaceable>:\
+:lang=<replaceable>nome_locale</replaceable>:\
+:tc=default:</programlisting>
- <para>Perci&ograve; ritornando all'esempio di prima, che
- utilizzava Latin-1, esso dovrebbe contenere la seguente
- riga:</para>
+ <para>Ritornando quindi all'esempio di prima che utilizzava Latin-1,
+ si dovrebbe avere una cosa simile a questa:</para>
- <programlisting>tedesco:Account utenti tedeschi:\
- :charset=ISO-8859-1:\
- :lang=de_DE.ISO8859-1:\
- :tc=default:</programlisting>
+ <programlisting>tedesco:Account Utenti Tedeschi:\
+:charset=ISO-8859-1:\
+:lang=de_DE.ISO8859-1:\
+:tc=default:</programlisting>
- <bridgehead renderas="sect4">Modifica delle classi di login con &man.vipw.8;</bridgehead>
+ <bridgehead renderas="sect4">Modifica delle Classi di Login con
+ &man.vipw.8;</bridgehead>
<indexterm><primary><command>vipw</command></primary></indexterm>
- <para>Si utilizzi <command>vipw</command> per aggiungere
- nuovi utenti e si inserisca una voce simile alla
- seguente:</para>
+ <para>Usa <command>vipw</command> per aggiungere nuovi utenti, e
+ crea qualcosa di simile a quanto segue:</para>
<programlisting>utente:password:1111:11:<replaceable>lingua</replaceable>:0:0:Nome Utente:/home/user:/bin/sh</programlisting>
- <bridgehead renderas=sect4>Modifica delle classi di login con &man.adduser.8;</bridgehead>
+ <bridgehead renderas=sect4>Modifica delle Classi di Login con
+ &man.adduser.8;</bridgehead>
<indexterm><primary><command>adduser</command></primary></indexterm>
<indexterm><primary>classe di login</primary></indexterm>
- <para>Si utilizzi <command>adduser</command> per
- aggiungere nuovi utenti nel seguente modo:</para>
+ <para>Usa <command>adduser</command> per aggiungere nuovi utenti, in
+ questo modo:</para>
<itemizedlist>
<listitem>
- <para>si imposti <literal>defaultclass =
- <replaceable>lingua</replaceable></literal> in
- <filename>/etc/adduser.conf</filename>.
- Si tenga presente che si deve necessariamente inserire
- una classe <literal>default</literal> per tutti gli utenti
- di altre lingue in questo caso.</para>
+ <para>Imposta <literal>defaultclass =
+ <replaceable>lingua</replaceable></literal> in
+ <filename>/etc/adduser.conf</filename>. Tieni presente che
+ in questo modo dovrai inserire una classe
+ <literal>default</literal> per tutti gli utenti di altre
+ lingue.</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>In alternativa si pu&ograve; specificare la
- lingua desiderata ogni volta che appare il prompt
+ <para>In alternativa si pu&ograve; specificare la lingua
+ desiderata ogni volta che appare il prompt
<screen><prompt>Enter login class: default []: </prompt></screen>
durante l'esecuzione di &man.adduser.8;</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>&Egrave; anche possibile utilizzare il seguente
- comando per ogni utente di una diversa lingua che si
- desiderasse aggiungere:</para>
+ <para>Un'altra alternativa &egrave; utilizzare il comando nel
+ modo seguente per ogni utente di una diversa lingua che si
+ desidera aggiungere:</para>
<screen>&prompt.root; <userinput>adduser -class <replaceable>lingua</replaceable></userinput></screen>
</listitem>
</itemizedlist>
- <bridgehead renderas="sect4">Cambiare le classi di login con &man.pw.8;</bridgehead>
+ <bridgehead renderas="sect4">Cambiare le Classi di Login con &man.pw.8;</bridgehead>
<indexterm><primary><command>pw</command></primary></indexterm>
- <para>Se si utilizza il comando &man.pw.8; per aggiungere
- nuovi utenti, lo si invochi nella seguente forma:</para>
+ <para>Se utilizzi il comando &man.pw.8; per aggiungere nuovi utenti,
+ invocalo in questo modo:</para>
<screen>&prompt.root; <userinput>pw useradd <replaceable>nome_utente</replaceable> -L <replaceable>lingua</replaceable></userinput></screen>
</sect5>
</sect4>
<sect4 id="startup-file">
- <title>Metodo con il file d'avvio della shell</title>
+ <title>Metodo del File di Avvio della Shell</title>
<note>
- <para>Questo metodo &egrave; sconsigliato, perch&eacute;
- richiede un differente setup per ogni possibile programma
- di shell scelto. Si utilizzi invece il <link
- linkend="login-class">Metodo della classe di
- login</link>.</para>
+ <para>Questo metodo &egrave; sconsigliato perch&eacute; richiede una
+ inizializzazione diversa per ogni possibile shell. Usa invece il
+ <link linkend="login-class">Metodo delle Classi di
+ Login</link>.</para>
</note>
<indexterm><primary>MIME</primary></indexterm>
<indexterm><primary>locale</primary></indexterm>
- <para>Per aggiungere il nome del locale e l'insieme dei caratteri
- per lo standard MIME, si impostino semplicemente le due variabili
+ <para>Per aggiungere il nome del locale e l'insieme dei caratteri per
+ lo standard MIME, bisogna semplicemente settare le due variabili
d'ambiente mostrate di seguito nei file d'avvio della shell
<filename>/etc/profile</filename> e/o
- <filename>/etc/csh.login</filename>.
- Nell'esempio che segue viene utilizzata la lingua tedesca:</para>
+ <filename>/etc/csh.login</filename>. Nell'esempio che segue viene
+ utilizzata la lingua tedesca:</para>
<para>In <filename>/etc/profile</filename>:</para>
@@ -484,13 +455,11 @@ me:\
<programlisting><envar>setenv LANG de_DE.ISO8859-1</envar>
<envar>setenv MM_CHARSET ISO8859-1</envar></programlisting>
- <para>Lo stesso risultato si ottiene aggiungendo le
- istruzioni viste in precedenza al file
- <filename>/usr/share/skel/dot.profile</filename>
- (in corrispondenza a quelle messe in
- <filename>/etc/profile</filename>), oppure al file
- <filename>/usr/share/skel/dot.login</filename> (per quelle
- inserite in <filename>/etc/csh.login</filename>).</para>
+ <para>Lo stesso risultato si ottiene aggiungendo i precedenti comandi
+ al file <filename>/usr/share/skel/dot.profile</filename> (per i
+ comandi usati in <filename>/etc/profile</filename>), oppure al file
+ <filename>/usr/share/skel/dot.login</filename> (per quelli in
+ <filename>/etc/csh.login</filename>).</para>
<para>Per l'ambiente X11:</para>
@@ -502,26 +471,26 @@ me:\
<programlisting><envar>setenv LANG de_DE.ISO8859-1</envar></programlisting>
- <para>in funzione della shell utilizzata (si veda sopra).</para>
+ <para>a seconda della shell utilizzata (vedi sopra).</para>
</sect4>
</sect3>
</sect2>
<sect2 id="setting-console">
- <title>Impostazione della console</title>
+ <title>Settaggio della Console</title>
- <para>Per tutti quegli insiemi di caratteri che sono rappresentabili
- come char in C, si impostino i font della console adatti alla
- lingua prescelta in <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
+ <para>Per tutti gli insiemi di caratteri che sono rappresentabili con il
+ tipo char in C, imposta i font della console adatti alla lingua
+ prescelta in <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
<programlisting>font8x16=<replaceable>nome_font</replaceable>
font8x14=<replaceable>nome_font</replaceable>
font8x8=<replaceable>nome_font</replaceable></programlisting>
- <para><replaceable>nome_font</replaceable> &egrave; il nome di
- uno dei file di font presenti nella directory
- <filename>/usr/share/syscons/fonts</filename>, privato del
- suffisso <filename>.fnt</filename>.</para>
+ <para><replaceable>nome_font</replaceable> &egrave; il nome di uno dei
+ file di font presenti nella directory
+ <filename>/usr/share/syscons/fonts</filename>, privato del suffisso
+ <filename>.fnt</filename>.</para>
<indexterm>
<primary><application>sysinstall</application></primary>
@@ -529,84 +498,77 @@ font8x8=<replaceable>nome_font</replaceable></programlisting>
<indexterm><primary>keymap</primary></indexterm>
<indexterm><primary>screenmap</primary></indexterm>
- <para>Ci si assicuri anche di selezionare la giusta mappatura
- della tastiera e del video per il proprio set di caratteri
- usando <filename>/stand/sysinstall</filename>.
- Una volta all'interno di <application>sysinstall</application>,
- si selezioni <guimenuitem>Configure</guimenuitem>, quindi
- <guimenuitem>Console</guimenuitem>.
- In alternativa, si aggiungano le seguenti righe in
- <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
+ <para>Assicurati anche di impostare la giusta mappatura della tastiera
+ e del video per il proprio set di caratteri usando
+ <filename>/stand/sysinstall</filename>. Una volta all'interno di
+ <application>sysinstall</application>, seleziona
+ <guimenuitem>Configure</guimenuitem>, quindi
+ <guimenuitem>Console</guimenuitem>. In alternativa, aggiungi le
+ seguenti righe in <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
<programlisting>scrnmap=<replaceable>nome_screenmap</replaceable>
keymap=<replaceable>nome_keymap</replaceable>
keychange="<replaceable>numero_tasto_funzione sequenza</replaceable>"</programlisting>
- <para><replaceable>nome_screenmap</replaceable> viene preso
- dalla directory
- <filename>/usr/share/syscons/scrnmaps</filename>, privato del
- suffisso <filename>.scm</filename>. Una <emphasis>screenmap
- </emphasis> assieme ad una corrispondente mappa dei font
- &egrave; solitamente necessaria nel caso la scheda grafica
- non gestisca i font via software, ma li abbia codificati
- internamente; la screenmap serve appunto a rimappare tali
- font interni nel font prescelto.</para>
-
- <para>Se si ha abilitato il demone <application>moused</application>
+ <para><replaceable>nome_screenmap</replaceable> viene preso dalla
+ directory <filename>/usr/share/syscons/scrnmaps</filename>, privato del
+ suffisso <filename>.scm</filename>. Una <emphasis>screenmap</emphasis>
+ assieme ad una corrispondente mappa dei font &egrave; solitamente
+ necessaria nel caso la scheda grafica non gestisca i font via software,
+ ma li abbia codificati internamente; la screenmap serve appunto a
+ rimappare tali font interni nel font prescelto.</para>
+
+ <para>Se hai abilitato il demone <application>moused</application>
inserendo la seguente riga in <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
<programlisting>moused_enable="YES"</programlisting>
- <para>allora si legga quanto riportato nel prossimo paragrafo
- sul cursore del mouse.</para>
+ <para>allora leggi quanto riportato nel prossimo paragrafo sul cursore
+ del mouse.</para>
<indexterm>
<primary><application>moused</application></primary>
</indexterm>
- <para>Di default il cursore del mouse del driver &man.syscons.4;
- occupa l'intervallo da 0xd0 a 0xd3 nel set di caratteri in uso.
- Se la propria lingua utilizza tali caratteri, &egrave; necessario
- spostare i byte occupati dal cursore in un altro intervallo.
- Per far questo con le versioni anteriori alla 5.0 di FreeBSD,
- si inserisca la seguente riga nel proprio file di configurazione
- del kernel:</para>
+ <para>Di default il cursore del mouse del driver &man.syscons.4; occupa
+ l'intervallo da 0xd0 a 0xd3 nel set di caratteri in uso. Se la tua
+ lingua utilizza tali caratteri, devi spostare l'intervallo occupato dal
+ cursore. Per far questo con le versioni anteriori alla 5.0 di FreeBSD,
+ inserisci la seguente riga nel tuo file di configurazione del
+ kernel:</para>
<programlisting>options SC_MOUSE_CHAR=0x03</programlisting>
- <para>Per le versioni 4.4 e successive si aggiunga la seguente
- linea al file <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
+ <para>Per le versioni 4.4 e successive aggiungi la seguente riga al file
+ <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
<programlisting>mousechar_start=3</programlisting>
- <para><replaceable>nome_keymap</replaceable> deve invece
- corrispondere a uno dei file presenti nella directory
- <filename>/usr/share/syscons/keymaps</filename>, privato
- del suffisso <filename>.kbd</filename>.
- Se si &egrave; indecisi su quale <emphasis>keymap</emphasis>
- scegliere, si pu&ograve; usare il comando &man.kbdmap.1;
- per testare le varie mappature senza dover riavviare
- il sistema.</para>
-
- <para>La variabile <literal>keychange</literal> &egrave; di
- solito richiesta per programmare i tasti funzione in modo
- che corrispondano alla definizione di quelli del tipo di
- terminale in uso, perch&eacute; le sequenze generate da
- un tasto funzione non possono essere definite in una mappa
- di tasti.</para>
-
- <para>Si faccia attenzione inoltre ad impostare il corretto tipo
- di terminale in <filename>/etc/ttys</filename> per tutte le
- voci del tipo <literal>ttyv*</literal>.
- Le corrispondenze al momento predefinite sono:</para>
+ <para><replaceable>nome_keymap</replaceable> deve invece corrispondere a
+ uno dei file presenti nella directory
+ <filename>/usr/share/syscons/keymaps</filename>, privato del suffisso
+ <filename>.kbd</filename>. Se sei indeciso su quale
+ <emphasis>keymap</emphasis> scegliere, puoi usare il comando
+ &man.kbdmap.1; per testare le varie mappature senza dover riavviare il
+ sistema.</para>
+
+ <para>La variabile <literal>keychange</literal> &egrave; di solito
+ richiesta per programmare i tasti funzione in relazione al tipo di
+ terminale in uso, poich&eacute; le sequenze generate da un tasto
+ funzione non possono essere definite in una mappa di tasti.</para>
+
+ <para>Assicurati inoltre di impostare il corretto tipo di terminale in
+ <filename>/etc/ttys</filename> per tutte le voci del tipo
+ <literal>ttyv*</literal>. Attualmente, le corrispondenze predefinite
+ sono:</para>
<informaltable frame="none">
<tgroup cols="2">
<thead>
<row>
- <entry>Insieme caratteri</entry>
+ <entry>Insieme di Caratteri</entry>
- <entry>Tipo terminale</entry>
+ <entry>Tipo di Terminale</entry>
</row>
</thead>
@@ -656,15 +618,14 @@ keychange="<replaceable>numero_tasto_funzione sequenza</replaceable>"</programli
</tgroup>
</informaltable>
- <para>Per i linguaggi che usano caratteri estesi o multibyte,
- &egrave; bene servirsi del corretto Port di FreeBSD nella directory
+ <para>Per i linguaggi che usano caratteri estesi o multibyte, &egrave;
+ bene servirsi del corretto port di FreeBSD nella directory
<filename>/usr/ports/<replaceable>linguaggio</replaceable></filename>.
- Alcuni port vengono visti come console a s&egrave; dal momento che
- il sistema la vede come un dispositivo seriale vtty, quindi si devono
- riservare abbastanza file vtty sia per X11 che per la console
- pseudo-seriale.
- Ecco una lista parziale di applicazioni con cui si possono
- utilizzare altri linguaggi in console:</para>
+ Poich&egrave; alcuni port che si presentano come console sono
+ riconosciuti dal sistema come terminali seriali virtuali (vtty), devi
+ riservare abbastanza vtty sia per X11 che per la console pseudo-seriale.
+ Ecco una lista parziale di applicazioni con cui si possono utilizzare
+ altri linguaggi in console:</para>
<informaltable frame="none">
<tgroup cols="2">
@@ -705,111 +666,102 @@ keychange="<replaceable>numero_tasto_funzione sequenza</replaceable>"</programli
</sect2>
<sect2>
- <title>Setup di X11</title>
+ <title>Impostazione di X11</title>
- <para>Sebbene X11 non faccia parte del progetto FreeBSD, vengono
- qui fornite alcune istruzioni per gli utenti di FreeBSD.
- Per maggiori dettagli, si faccia riferimento al sito web
- <ulink url="http://www.xfree86.org/">XFree86</ulink> o a
- quello del Server X11 utilizzato.</para>
+ <para>Sebbene X11 non faccia parte del progetto FreeBSD, vengono qui
+ fornite alcune informazioni per gli utenti di FreeBSD. Per maggiori
+ dettagli, si faccia riferimento al sito web <ulink
+ url="http://www.xfree86.org/">XFree86</ulink> o a quello del Server
+ X11 utilizzato.</para>
- <para>Nel file <filename>~/.Xresources</filename>, si possono
- mettere a punto le impostazioni per l'internazionalizzazione
- specifiche di un'applicazione (ad esempio, i font, i menu,
- ecc.).</para>
+ <para>Nel file <filename>~/.Xresources</filename>, puoi mettere a punto le
+ impostazioni per I18N specifiche di un'applicazione (ad esempio, i font,
+ i menu, ecc.).</para>
<sect3>
- <title>Visualizzazione dei font</title>
+ <title>Visualizzazione dei Font</title>
<indexterm><primary>server font True Type per X11</primary></indexterm>
- <para>Si installino innanzitutto il server True Type-Common di
- X11 (<filename role="package">x11-servers/XttXF86srv-common</filename>)
- e i corrispondenti font truetype propri della lingua prescelta.
- L'impostazione del corretto locale dovrebbe permettere di
- visualizzare tale lingua nei vari menu, etc...</para>
+ <para>Installa il server True Type-Common di X11 (<filename
+ role="package">x11-servers/XttXF86srv-common</filename>) e i
+ corrispondenti font truetype propri della lingua prescelta.
+ L'impostazione del corretto locale dovrebbe permetterti di
+ visualizzare tale lingua nei vari menu, ecc.</para>
</sect3>
<sect3>
- <title>Immissione di caratteri non inglesi</title>
+ <title>Immissione di Caratteri Non Inglesi</title>
<indexterm><primary>X11 Input Method (XIM)</primary></indexterm>
- <para>Il protocollo X11 Input Method (XIM) &egrave; un nuovo
- standard per tutti i client X11.
- Tutte le applicazioni X11 dovrebbero essere scritte come
- client XIM, in modo da poter ricevere l'input dai server XIM.
- Vi sono parecchi server XIM disponibili per le differenti
- lingue.</para>
+ <para>Il protocollo X11 Input Method (XIM) &egrave; un nuovo standard
+ per tutti i client X11. Tutte le applicazioni X11 dovrebbero essere
+ scritte come client XIM che ricevono l'input dai server XIM. Vi sono
+ parecchi server XIM disponibili per le differenti lingue.</para>
</sect3>
</sect2>
<sect2>
- <title>Configurazione della stampante</title>
-
- <para>Alcuni set di caratteri con la dimensione dei char del C
- vengono solitamente codificati a livello hardware all'interno
- delle stampanti stesse.
- Gli insiemi di caratteri estesi o multibyte richiedono invece
- uno speciale setup e qui si raccomanda l'utilizzo di
- <application>apsfilter</application>.
- &Egrave; possibile anche convertire documenti nei formati
- Postscript o PDF utilizzando convertitori specifici per una
+ <title>Configurazione della Stampante</title>
+
+ <para>Alcuni set di caratteri del tipo char del C sono solitamente
+ codificati a livello hardware all'interno delle stampanti stesse.
+ Gli insiemi di caratteri estesi o multibyte richiedono invece una
+ speciale configurazione e si raccomanda l'utilizzo di
+ <application>apsfilter</application>. Puoi anche convertire documenti
+ nei formati Postscript o PDF utilizzando convertitori specifici per una
data lingua.</para>
</sect2>
<sect2>
- <title>Il kernel e i filesystem</title>
-
- <para>Il filesystem di FreeBSD FFS (Fast File System) &egrave;
- completamente a 8-bit, perci&ograve; pu&ograve; essere
- utilizzato con qualsiasi insieme di caratteri memorizzabili
- in un singolo char del C (cfr. &man.multibyte.3;),
- ma non vi &egrave; un nome particolare di un insieme di caratteri
- memorizzato nel filesystem; cio&egrave; esso &egrave; a 8 bit
- senza alcuna codifica interna e ignora un'eventuale codifica.
- Ufficialmente, l'FFS non supporta ancora alcuna forma degli
- insiemi di caratteri estesi o multibyte.
- Tuttavia esistono per alcuni di questi delle patch non
- ufficiali per il FFS, che abilitano tale supporto.
- Sono solo soluzioni temporanee, non portabili o espedienti
- e si &egrave; deciso di non includerle nell'albero dei sorgenti.
- Si faccia riferimento ai rispettivi siti web della lingua
- desiderata per ulteriori informazioni e per i file di patch.</para>
+ <title>Il Kernel e i File System</title>
+
+ <para>Il file system di FreeBSD FFS (Fast File System) &egrave;
+ completamente a 8-bit, perci&ograve; pu&ograve; essere utilizzato con
+ qualsiasi insieme di caratteri del tipo char del C (vedere
+ &man.multibyte.3;), ma non vi &egrave; un nome particolare di un insieme
+ di caratteri memorizzato nel file system; cio&egrave;, il file system
+ &egrave; a 8 bit senza alcuna codifica interna e ignora un'eventuale
+ codifica. Ufficialmente, FFS non supporta ancora alcuna forma degli
+ insiemi di caratteri estesi o multibyte. Tuttavia, esistono per alcuni
+ di questi delle patch indipendenti per il FFS che abilitano tale
+ supporto. Sono solo soluzioni temporanee, non portabili ed si &egrave;
+ deciso di non includerle nell'albero dei sorgenti. Si faccia
+ riferimento ai rispettivi siti web della lingua desiderata per
+ ulteriori informazioni e per i file di patch.</para>
<indexterm><primary>DOS</primary></indexterm>
<indexterm><primary>Unicode</primary></indexterm>
- <para>Il supporto per il filesystem di MS-DOS in FreeBSD offre
- la possibilit&agrave; di configurare la modalit&agrave; di
- conversione tra gli insiemi di caratteri MS-DOS, Unicode e
- quelli scelti per il filesystem di FreeBSD.
- Si consulti &man.mount.msdos.8; per i dettagli.</para>
+ <para>Il supporto per il file system di MS-DOS in FreeBSD offre la
+ possibilit&agrave; di configurare la modalit&agrave; di conversione tra
+ gli insiemi di caratteri MS-DOS, Unicode e quelli scelti per il
+ file system di FreeBSD. Consultare &man.mount.msdos.8; per i
+ dettagli.</para>
</sect2>
</sect1>
<sect1 id="l10n-compiling">
- <title>Compilazione dei programmi con supporto I18N</title>
+ <title>Compilazione dei Programmi con Supporto I18N</title>
- <para>Molti dei Port di FreeBSD includono il supporto I18N.
- Alcuni di essi sono contrassegnati dal suffisso -I18N nel
- loro nome.
- Questi e molti altri programmi hanno il supporto per
- l'internazionalizzazione gi&agrave; incluso e non necessitano
- perci&ograve; di speciali considerazioni.</para>
+ <para>Molti dei port di FreeBSD includono il supporto I18N. Alcuni di essi
+ sono contrassegnati dal suffisso -I18N nel loro nome. Questi e molti
+ altri programmi hanno il supporto per I18N gi&agrave; incluso e non
+ necessitano perci&ograve; di speciali considerazioni.</para>
<indexterm><primary><application>MySQL</application></primary></indexterm>
<para>Tuttavia, alcune applicazioni come ad esempio
- <application>MySQL</application>
- richiedono che venga specificato nel <filename>Makefile</filename>
- l'insieme dei caratteri che si utilizzeranno.
- Questa operazione viene fatta o modificando direttamente il
- suddetto file oppure passando un opportuno valore al programma
+ <application>MySQL</application> richiedono che venga specificato nel
+ <filename>Makefile</filename> l'insieme dei caratteri che si
+ utilizzeranno. Questa operazione viene fatta o modificando direttamente
+ il suddetto file oppure passando un opportuno valore al programma
<command>configure</command> nella directory dei sorgenti.</para>
+ </sect1>
<sect1 id="lang-setup">
- <title>Localizzazione di FreeBSD con lingue particolari</title>
+ <title>Localizzazione di FreeBSD con Lingue Particolari</title>
<sect2 id="ru-localize">
<sect2info>
@@ -832,43 +784,42 @@ keychange="<replaceable>numero_tasto_funzione sequenza</replaceable>"</programli
</indexterm>
<para>Per maggiori informazioni sulla codifica KOI8-R, si veda
- la <ulink url="http://koi.pp.ru/">fonte di di riferimento per
- il KOI8-R (Russian Net Character Set)</ulink>.</para>
+ la <ulink url="http://koi.pp.ru/">fonte di riferimento per
+ il KOI8-R (Russian Net Character Set)</ulink>.</para>
<sect3>
- <title>Impostazione del locale</title>
+ <title>Impostazione del Locale</title>
- <para>Si inseriscano le seguenti righe nel proprio file
+ <para>Metti le seguenti righe nel tuo file
<filename>~/.login_conf</filename>:</para>
<programlisting>me:My Account:\
- :charset=KOI8-R:\
- :lang=ru_RU.KOI8-R:</programlisting>
+:charset=KOI8-R:\
+:lang=ru_RU.KOI8-R:</programlisting>
- <para>Si veda quanto esposto precedentemente in questo
- capitolo per degli esempi di impostazione del
- <link linkend="setting-locale">locale</link>.</para>
+ <para>Si veda quanto esposto precedentemente in questo capitolo per
+ degli esempi di impostazione del <link
+ linkend="setting-locale">locale</link>.</para>
</sect3>
<sect3>
- <title>Configurazione della console</title>
+ <title>Configurazione della Console</title>
<itemizedlist>
<listitem>
- <para>Per le versioni di FreeBSD precedenti la 5.0,
- si aggiunga la seguente opzione nel proprio file di
- configurazione del kernel:</para>
+ <para>Per le versioni di FreeBSD precedenti la 5.0 aggiungi la
+ seguente opzione nel tuo file di configurazione del kernel:</para>
<programlisting>options SC_MOUSE_CHAR=0x03</programlisting>
- <para>Per le versioni 4.4 e seguenti si inserisca invece
+ <para>Per le versioni 4.4 e seguenti inserisci la seguente riga
nel file <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
<programlisting>mousechar_start=3</programlisting>
</listitem>
<listitem>
- <para>Si utilizzino le seguenti impostazioni nel file
+ <para>Utilizza le seguenti impostazioni nel file
<filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
<programlisting>keymap="ru.koi8-r"
@@ -880,46 +831,46 @@ font8x8="cp866-8x8"</programlisting>
<listitem>
<para>Per ogni voce <literal>ttyv*</literal> nel file
- <filename>/etc/ttys</filename>, si specifichi
- <literal>cons25r</literal> come tipo di terminale.</para>
+ <filename>/etc/ttys</filename>, usa <literal>cons25r</literal>
+ come tipo di terminale.</para>
</listitem>
</itemizedlist>
- <para>Si veda quanto esposto in precedenza in questo capitolo
- per degli esempi su come impostare la
- <link linkend="setting-console">console</link>.</para>
+ <para>Si veda quanto esposto in precedenza in questo capitolo per degli
+ esempi su come impostare la <link
+ linkend="setting-console">console</link>.</para>
</sect3>
<sect3>
- <title>Configurazione della stampante</title>
+ <title>Configurazione della Stampante</title>
+
+ <indexterm><primary>stampanti</primary></indexterm>
- <para>Dal momento che la maggior parte delle stampanti con
- caratteri russi hanno a livello hardware la codifica
- codepage CP866, &egrave; necessario utilizzare uno speciale
- filtro di conversione da KOI8-R a CP866.
- Tale filtro viene installato di default come
- <filename>/usr/libexec/lpr/ru/koi2alt</filename>.
- La voce per una stampante russa dovrebbe apparire perci&ograve;
- cos&igrave; in <filename>/etc/printcap</filename>:</para>
+ <para>Dal momento che la maggior parte delle stampanti con caratteri
+ russi hanno a livello hardware la codifica codepage CP866, &egrave;
+ necessario utilizzare uno speciale filtro di conversione da KOI8-R a
+ CP866. Tale filtro viene installato di default come
+ <filename>/usr/libexec/lpr/ru/koi2alt</filename>. La voce per una
+ stampante russa dovrebbe apparire perci&ograve; cos&igrave; in
+ <filename>/etc/printcap</filename>:</para>
<programlisting>lp|Russian local line printer:\
- :sh:of=/usr/libexec/lpr/ru/koi2alt:\
- :lp=/dev/lpt0:sd=/var/spool/output/lpd:lf=/var/log/lpd-errs:</programlisting>
+:sh:of=/usr/libexec/lpr/ru/koi2alt:\
+:lp=/dev/lpt0:sd=/var/spool/output/lpd:lf=/var/log/lpd-errs:</programlisting>
<para>Si veda &man.printcap.5; per una spiegazione dettagliata
del significato dei vari campi.</para>
</sect3>
<sect3>
- <title>Nomi di file MS-DOS e nomi di file in russo</title>
+ <title>Nomi di File Russo e File System MS-DOS</title>
- <para>La seguente voce d'esempio di &man.fstab.5; abilita il
- supporto per i nomi di file in russo su filesystem MS-DOS
- montati:</para>
+ <para>La seguente voce d'esempio di &man.fstab.5; abilita il supporto
+ per i nomi di file in russo su file system MS-DOS:</para>
<programlisting>/dev/ad0s2 /dos/c msdos rw,-W=koi2dos,-L=ru_RU.KOI8-R 0 0</programlisting>
- <para>Si veda &man.mount.msdos.8; per una dettagliata descrizione
+ <para>Vedere &man.mount.msdos.8; per una dettagliata descrizione
delle opzioni <option>-W</option> e <option>-L</option>.</para>
</sect3>
@@ -928,102 +879,100 @@ font8x8="cp866-8x8"</programlisting>
<orderedlist>
<listitem>
- <para>Si esegua innanzitutto il setup del
- <link linkend="setting-locale">locale in console</link>
- come descritto in precedenza.</para>
+ <para>Segui innanzitutto la configurazione del <link
+ linkend="setting-locale">locale in console</link> come descritto
+ in precedenza.</para>
<note>
- <para><anchor id="russian-note">Il locale russo KOI8-R
- potrebbe non funzionare con le vecchie versioni di
+ <para><anchor id="russian-note">Il locale russo KOI8-R potrebbe
+ non funzionare con le vecchie versioni di
<application>XFree86</application> (precedenti alla 3.3).
<application>XFree86 4.X</application> &egrave; ora la
versione di default del sistema X Window in FreeBSD.
Perci&ograve; non dovrebbe costituire pi&ugrave; un
- problema, a meno che non si possieda una versione
- piuttosto vecchia di FreeBSD.</para>
+ problema a meno che non stai usando una versione piuttosto
+ vecchia di FreeBSD.</para>
</note>
</listitem>
<listitem>
- <para>Si acceda alla directory
- <filename role="package">/usr/ports/russian/X.language</filename>
- e si impartisca il seguente comando:</para>
+ <para>Vai nella directory <filename
+ role="package">/usr/ports/russian/X.language</filename> e dai il
+ seguente comando:</para>
<screen>&prompt.root; <userinput>make install</userinput></screen>
- <para>Il port precedente installa l'ultima versione
- disponibile dei font KOI8-R.
- <application>XFree86 3.3</application> possiede gi&agrave;
- alcuni font KOI8-R, ma questi sono meglio dimensionati.</para>
+ <para>Questo port installa l'ultima versione disponibile dei font
+ KOI8-R. <application>XFree86 3.3</application> possiede
+ gi&agrave; alcuni font KOI8-R, ma questi sono meglio
+ dimensionati.</para>
- <para>Si controlli la sezione <literal>"Files"</literal>
- in <filename>/etc/XF86Config</filename>.
- Le seguenti righe devono essere aggiunte
- <emphasis>prima</emphasis> di qualsiasi altra voce
+ <para>Controlla la sezione <literal>"Files"</literal> nel tuo file
+ <filename>/etc/XF86Config</filename>. Le seguenti righe devono
+ essere aggiunte <emphasis>prima</emphasis> di qualsiasi altra voce
<literal>FontPath</literal>:</para>
<programlisting>FontPath "/usr/X11R6/lib/X11/fonts/cyrillic/misc"
FontPath "/usr/X11R6/lib/X11/fonts/cyrillic/75dpi"
FontPath "/usr/X11R6/lib/X11/fonts/cyrillic/100dpi"</programlisting>
- <para>Se si utilizza una modalit&agrave; video ad alta
- risoluzione, si scambino le righe 75 dpi e 100 dpi.</para>
+ <para>Se utilizzi una modalit&agrave; video ad alta risoluzione,
+ scambia le righe 75 dpi e 100 dpi.</para>
</listitem>
<listitem>
- <para>Per attivare la tastiera russa, si aggiunga alla
- sezione <literal>"Keyboard"</literal> del proprio file
- <filename>XF86Config</filename>:</para>
+ <para>Per attivare la tastiera russa, aggiungi alla sezione
+ <literal>"Keyboard"</literal> del tuo file
+ <filename>XF86Config</filename> queste cose.</para>
- <para>per XFree86 v3.*</para>
+ <para>Per XFree86 v3.X:</para>
<programlisting>XkbLayout "ru"
XkbOptions "grp:caps_toggle"</programlisting>
- <para>e per XFree86 v4.*</para>
+ <para>Per XFree86 v4.X:</para>
<programlisting>Option "XkbLayout" "ru"
Option "XkbOptions" "grp:caps_toggle"</programlisting>
- <para>Si verifichi inoltre che la riga
- <literal>XkbDisable</literal> sia commentata.</para>
+ <para>Verifica inoltre che la riga <literal>XkbDisable</literal>
+ sia commentata.</para>
- <para>Il tasto per passare dalla codifica russa a quella
- dei caratteri latini &egrave; <keycap>CapsLock</keycap>.
- La normale funzione del tasto <keycap>CapsLock</keycap>
- &egrave; ancora disponibile mediante la combinazione di
- tasti <keycombo
- action="simul"><keycap>Shift</keycap><keycap>CapsLock</keycap</keycombo>
- (in modalit&agrave; Latin solamente).</para>
+ <para>Il tasto per passare dalla codifica russa (RUS) a quella dei
+ caratteri latini (LAT) &egrave; <keycap>CapsLock</keycap>. La
+ normale funzione del tasto <keycap>CapsLock</keycap> &egrave;
+ ancora disponibile mediante la combinazione di tasti <keycombo
+ action="simul">
+ <keycap>Shift</keycap>
+ <keycap>CapsLock</keycap
+ </keycombo> (solamente in modalit&agrave; LAT).</para>
- <para>Se la propria tastiera &egrave; dotata di tasti
- <quote>Windows</quote> e si dovesse notare che alcuni
- tasti non alfabetici sono mappati non correttamente in
- modalit&agrave; RUS, si aggiunga in
- <filename>XF86Config</filename> la seguente riga:</para>
+ <para>Se hai i tasti <quote>Windows</quote> sulla tua tastiera, e
+ noti che alcuni tasti non alfabetici sono mappati non
+ correttamente in modalit&agrave; RUS, aggiungi in
+ <filename>XF86Config</filename> la seguente riga.</para>
- <para>per XFree86 v3.*:</para>
+ <para>Per XFree86 v3.X:</para>
<programlisting>XkbVariant "winkeys"</programlisting>
- <para>e per XFree86 v4.*:</para>
+ <para>Per XFree86 v4.X:</para>
<programlisting>Option "XkbVariant" "winkeys"</programlisting>
<note>
- <para>La tastiera russa XKB potrebbe non funzionare con
- le vecchie versioni di <application>XFree86</application>;
- si veda la <link linkend="russian-note">nota precedente</link>
- per ulteriori informazioni al riguardo.
- La tastiera russa XKB potrebbe anche presentare delle
- anomalie anche con applicazioni che non abbiamo il supporto
- per la localizzazione.
- Le applicazioni s&igrave; fatte dovrebbe come minimo
- effettuare all'avvio una chiamata alla funzione
- <literal>XtSetLanguageProc (NULL, NULL, NULL);</literal>
- Si veda <ulink url="http://koi8.pp.ru/xwin.html">KOI8-R
- per X Window</ulink> per le corrette istruzioni su come
- localizzare un'applicazione.</para>
+ <para>La tastiera russa XKB potrebbe non funzionare con le vecchie
+ versioni di <application>XFree86</application>; vedere la
+ <link linkend="russian-note">nota precedente</link> per
+ ulteriori informazioni a riguardo. La tastiera russa XKB
+ potrebbe anche presentare delle anomalie anche con applicazioni
+ che non abbiamo il supporto per la localizzazione. Queste
+ applicazioni dovrebbero come minimo effettuare all'avvio una
+ chiamata alla funzione <literal>XtSetLanguageProc (NULL, NULL,
+ NULL);</literal>. Vedere <ulink
+ url="http://koi8.pp.ru/xwin.html">KOI8-R per X Window</ulink>
+ per pi&ugrave; informazioni su come localizzare
+ un'applicazione.</para>
</note>
</listitem>
</orderedlist>
@@ -1031,22 +980,21 @@ Option "XkbOptions" "grp:caps_toggle"</programlisting>
</sect2>
<sect2>
- <title>Localizzazione del cinese tradizionale per Taiwan</title>
+ <title>Localizzazione del Cinese Tradizionale per Taiwan</title>
<indexterm>
<primary>localizzazione</primary>
<secondary>cinese tradizionale</secondary>
</indexterm>
- <para>Il FreeBSD-Taiwan Project fornisce un tutorial riguardo
- all'I18N/L10N per FreeBSD all'indirizzo <ulink
- url="http://freebsd.sinica.edu.tw/~ncvs/zh-l10n-tut/">http://freebsd.sinica.edu.tw/~ncvs/zh-l10n-tut/</ulink>
- per l'utilizzo di gran parte delle aplicazioni in cinese.
- L'autore del tutorial <literal>zh-l10n-tut</literal> &egrave;
- Clive Lin <email>Clive@CirX.org</email>.
- &Egrave; possibile anche prelevare, utilizzando CVS, all'indirizzo
- <hostid role="fqdn">freebsd.sinica.edu.tw</hostid> le seguenti
- raccolte:</para>
+ <para>Il FreeBSD-Taiwan Project fornisce un tutorial riguardo a
+ I18N/L10N per FreeBSD all'indirizzo <ulink
+ url="http://freebsd.sinica.edu.tw/~ncvs/zh-l10n-tut/"></ulink>
+ per l'utilizzo di gran parte delle applicazioni in cinese. L'autore del
+ tutorial <literal>zh-l10n-tut</literal> &egrave; Clive Lin
+ <email>Clive@CirX.org</email>. Puoi anche prelevare, utilizzando CVS,
+ all'indirizzo <hostid role="fqdn">freebsd.sinica.edu.tw</hostid> le
+ seguenti raccolte:</para>
<informaltable frame="none">
<tgroup cols="2">
@@ -1062,14 +1010,14 @@ Option "XkbOptions" "grp:caps_toggle"</programlisting>
<row>
<entry>outta-port tag=.</entry>
- <entry>Beta-quality Ports Collection per il cinese</entry>
+ <entry>Collezione dei port beta per il cinese</entry>
</row>
<row>
<entry>zh-l10n-tut tag=.</entry>
- <entry>Tutorial sulla localizzazione di FreeBSD in
- cinese tradizionale, codifica BIG-5</entry>
+ <entry>Tutorial sulla localizzazione di FreeBSD in cinese
+ tradizionale, codifica BIG-5</entry>
</row>
<row>
@@ -1082,16 +1030,16 @@ Option "XkbOptions" "grp:caps_toggle"</programlisting>
</tgroup>
</informaltable>
- <para>Chuan-Hsing Shen <email>s874070@mail.yzu.edu.tw</email> ha
- creato la <ulink url="http://cnpa.yzu.edu.tw/~cfc/">Chinese
- FreeBSD Collection (CFC)</ulink> utilizzando
- l'<literal>zh-l10n-tut</literal> del FreeBSD-Taiwan Project.
- I pacchetti e i file di script sono disponibili all'url <ulink
- url="ftp://ftp.csie.ncu.edu.tw/OS/FreeBSD/taiwan/CFC/">ftp://ftp.csie.ncu.edu.tw/OS/FreeBSD/taiwan/CFC/</ulink>.</para>
+ <para>Chuan-Hsing Shen <email>s874070@mail.yzu.edu.tw</email> ha creato la
+ <ulink url="http://cnpa.yzu.edu.tw/~cfc/">Chinese FreeBSD Collection
+ (CFC)</ulink> utilizzando <literal>zh-l10n-tut</literal> del
+ FreeBSD-Taiwan Project. I pacchetti e i file di script sono disponibili
+ all'url <ulink
+ url="ftp://ftp.csie.ncu.edu.tw/OS/FreeBSD/taiwan/CFC/"></ulink>.</para>
</sect2>
<sect2>
- <title>Localizzazione lingua tedesca (e tutte le lingue ISO
+ <title>Localizzazione della Lingua Tedesca (per Tutte le Lingue ISO
8859-1)</title>
<indexterm>
@@ -1099,15 +1047,15 @@ Option "XkbOptions" "grp:caps_toggle"</programlisting>
<secondary>tedesco</secondary>
</indexterm>
- <para>Slaven Rezic <email>eserte@cs.tu-berlin.de</email> ha
- scritto un tutorial su come utilizzare le lettere con
- l'<emphasis>umlaut</emphasis> su una macchina FreeBSD. Il tutorial
- &egrave; scritto in tedesco e disponibile all'indirizzo <ulink
- url="http://www.de.FreeBSD.org/de/umlaute/">http://www.de.FreeBSD.org/de/umlaute/</ulink>.</para>
+ <para>Slaven Rezic <email>eserte@cs.tu-berlin.de</email> ha scritto un
+ tutorial su come utilizzare le lettere con l'<emphasis>umlaut</emphasis>
+ su una macchina FreeBSD. Il tutorial &egrave; scritto in tedesco e
+ disponibile all'indirizzo <ulink
+ url="http://www.de.FreeBSD.org/de/umlaute/"></ulink>.</para>
</sect2>
<sect2>
- <title>Localizzazione lingua giapponese e coreana</title>
+ <title>Localizzazione della Lingua Giapponese e Coreana</title>
<indexterm>
<primary>localizzazione</primary>
@@ -1118,19 +1066,18 @@ Option "XkbOptions" "grp:caps_toggle"</programlisting>
<secondary>coreano</secondary>
</indexterm>
- <para>Per il giapponese si faccia riferimento all'url <ulink
- url="http://www.jp.FreeBSD.org/">http://www.jp.FreeBSD.org/</ulink>,
- per il coreano all'url <ulink
- url="http://www.kr.FreeBSD.org/">http://www.kr.FreeBSD.org/</ulink>.</para>
+ <para>Per il giapponese, vedere l'url <ulink
+ url="http://www.jp.FreeBSD.org/"></ulink>, per il coreano, l'url
+ <ulink url="http://www.kr.FreeBSD.org/"></ulink>.</para>
</sect2>
<sect2>
- <title>Documentazione non in inglese per FreeBSD</title>
+ <title>Documentazione Non Inglese per FreeBSD</title>
- <para>Alcuni volontari hanno tradotto parte della documentazione
- e delle applicazioni di FreeBSD in altre lingue.
- Si possono contattare seguendo i link segnalati sul
- <ulink url="../../../../index.html">sito ufficiale di FreeBSD</ulink>
+ <para>Alcuni volontari hanno tradotto parte della documentazione di
+ FreeBSD in altre lingue. Questo materiale &egrave; raggiungibile
+ seguendo i link segnalati sul <ulink
+ url="../../../../index.html">sito ufficiale di FreeBSD</ulink>
oppure sotto la directory <filename>/usr/share/doc</filename>.</para>
</sect2>
</sect1>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.sgml
index cdebef4595..e479fe071c 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.76
+ Original revision: 1.78
-->
<chapter id="mail">
@@ -821,7 +821,7 @@ purgestat /usr/local/supermailer/bin/purgestat-compat</programlisting>
<para>La risposta &egrave; contenuta nelle FAQ di
<application>sendmail</application> come segue:</para>
- <programlisting>* Ottengo messaggi di <quote>Local configuration error</quote>, come questo:
+ <programlisting>Ottengo messaggi di <quote>Local configuration error</quote>, come questo:
553 relay.domain.net config error: mail loops back to myself
554 &lt;user@domain.net&gt;... Local configuration error
@@ -1294,11 +1294,21 @@ define(`confDEF_AUTH_INFO', `/etc/mail/auth-info')dnl</programlisting>
</procedure>
<para>Se tutto &egrave; andato per il verso giusto, inserisci le tue
- informazioni di login nel programma client di posta e invia un messaggio
+ informazioni di login nel programma client di posta ed invia un messaggio
di prova. Per ulteriori indagini, setta il <option>LogLevel</option> di
<application>sendmail</application> a 13 e guarda
il file <filename>/var/log/maillog</filename> per eventuali
errori.</para>
+
+ <para>Potresti voler aggiungere le seguenti righe in
+ <filename>/etc/rc.conf</filename> in modo che questo servizio sia
+ attivo dopo ogni avvio del sistema:</para>
+
+ <programlisting>sasl_pwcheck_enable="YES"
+sasl_pwcheck_program="/usr/local/sbin/pwcheck"</programlisting>
+
+ <para>Questo assicurer&agrave; l'inizializzazione
+ dell'<acronym>SMTP_AUTH</acronym> all'avvio del sistema.</para>
<para>Per ulteriori informazioni, guarda la pagina riguardante <ulink
url="http://www.sendmail.org/~ca/email/auth.html">l'autenticazione
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/chapter.sgml
index 7e5586f9b0..8803a7b257 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.48
+ Original revision: 1.51
-->
<chapter id="multimedia">
@@ -39,9 +39,8 @@
Per esempio nel momento in cui sto scrivendo, non esiste nella FreeBSD
Ports Collection una buona applicazione per ricodificare, che
potrebbe essere usata per la conversione tra diversi formati, come
- limited than the number of sound applications. For example as <filename
- role="package">audio/sox</filename>. Tuttavia, il panorama software in
- quest'area sta rapidamente cambiando.</para>
+ c'&egrave; con <filename role="package">audio/sox</filename>. Tuttavia,
+ il panorama software in quest'area sta rapidamente cambiando.</para>
<para>Questo capitolo descriver&agrave; i passi necessari per configurare la
tua scheda audio. La configurazione e l'installazione di
@@ -433,7 +432,7 @@ pcm0: &lt;SB16 DSP 4.11&gt; on sbc0</screen>
</row>
</thead>
- <indexterm><primary>dispositivo</primary></indexterm>
+ <indexterm><primary>dispositivi</primary></indexterm>
<tbody>
<row>
@@ -761,13 +760,14 @@ MPEG 1.0 layer III, 128 kbit/s, 44100 Hz joint-stereo
mentre <application>mpg123</application> converte l'MP3 direttamente in
dati audio PCM. Entrambi questi formati possono essere usati con
<application>cdrecord</application> per creare CD audio.
- You have to use raw PCM with &man.burncd.8;.
- If you use WAV files, you will notice a small tick sound at the
- beginning of each track, this sound is the header of the WAV
- file. You can simply remove the header of a WAV file with the
- utility <application>SoX</application> (it can be installed from
- the <filename role="package">audio/sox</filename> port or
- package):</para>
+ Devi utilizzare PCM con &man.burncd.8;. Se usi file WAV, noterai un
+ breve ticchettio all'inizio di ogni traccia, questo suono &egrave;
+ l'intestazione del file WAV. Puoi semplicemente rimuovere
+ l'intestazione del file WAV con l'utility <application>SoX</application>
+ (pu&ograve; essere installata dal port o dal package <filename
+ role="package">audio/sox</filename>):</para>
+
+ <screen>&prompt.user; <userinput>sox -t wav -r 44100 -s -w -c 2 <replaceable>track.wav track.raw</replaceable></userinput></screen>
<para>Leggi <xref linkend="creating-cds"> per ulteriori informazioni su
come usare un masterizzatore con FreeBSD.</para>
@@ -820,6 +820,15 @@ MPEG 1.0 layer III, 128 kbit/s, 44100 Hz joint-stereo
di speciali funzioni dei DVD-ROM, richiede il permesso in scrittura sui
dispositivi DVD.</para>
+ <indexterm>
+ <primary>opzioni del kernel</primary>
+ <secondary>options CPU_ENABLE_SSE</secondary>
+ </indexterm>
+ <indexterm>
+ <primary>opzioni del kernel</primary>
+ <secondary>options USER_LDT</secondary>
+ </indexterm>
+
<para>Alcuni dei port discussi si basano sulle seguenti opzioni del kernel
per compilarsi correttamente. Prima di provare a compilarli, aggiungi
queste opzioni al file di configurazione del kernel, compila un nuovo
@@ -841,14 +850,6 @@ kern.ipc.shmall=32768</programlisting>
<indexterm><primary>XVideo</primary></indexterm>
<indexterm><primary>SDL</primary></indexterm>
<indexterm><primary>DGA</primary></indexterm>
- <indexterm>
- <primary>configurazione del kernel</primary>
- <secondary>options CPU_ENABLE_SSE</secondary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>configurazione del kernel</primary>
- <secondary>options USER_LDT</secondary>
- </indexterm>
<para>Ci sono molti modi possibili per visualizzare immagini e filmati con
X11. Quello che funzioner&agrave; meglio in pratica dipende in gran
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/chapter.sgml
index 3e34863ba7..ca396e1d7a 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.190
+ Original revision: 1.193
-->
<appendix id="pgpkeys">
@@ -262,6 +262,11 @@
&pgpkey.mux;
</sect2>
+ <sect2 id="pgpkey-mich">
+ <title>&a.mich;</title>
+ &pgpkey.mich;
+ </sect2>
+
<sect2 id="pgpkey-foxfair">
<title>&a.foxfair;</title>
&pgpkey.foxfair;
@@ -325,6 +330,11 @@
<sect2 id="pgpkey-alex">
<title>&a.alex;</title>
&pgpkey.alex;
+ </sect2>
+
+ <sect2 id="pgpkey-erwin">
+ <title>&a.erwin;</title>
+ &pgpkey.erwin;
</sect2>
<sect2 id="pgpkey-leeym">
@@ -482,6 +492,11 @@
&pgpkey.benno;
</sect2>
+ <sect2 id="pgpkey-paul">
+ <title>&a.paul;</title>
+ &pgpkey.paul;
+ </sect2>
+
<sect2 id="pgpkey-roberto">
<title>&a.roberto;</title>
&pgpkey.roberto;
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/chapter.sgml
index cd8225cfce..56518dcda2 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.184
+ Original revision: 1.186
-->
<chapter id="ports">
@@ -245,7 +245,7 @@
<listitem>
<para>Dan Langille mantiene FreshPort, all'indirizzo <ulink
- url="http://www.FreshPorts.org/">http://www.FreshPorts.org/</ulink>.
+ url="http://www.FreshPorts.org/"></ulink>.
FreshPort segue in tempo reale i cambiamenti delle applicazioni
nell'albero dei port, permettendoti di <quote>controllare</quote>
uno o pi&ugrave; port, e dandoti la possibilit&agrave; di essere
@@ -257,7 +257,7 @@
<listitem>
<para>Se non conosci il nome dell'applicazione che desideri, prova ad
usare un sito come FreshMeat (<ulink
- url="http://www.freshmeat.net/">http://www.freshmeat.net/</ulink>)
+ url="http://www.freshmeat.net/"></ulink>)
per trovare l'applicazione, quindi controlla sul sito di FreeBSD
per vedere se &egrave; gi&agrave; stato effettuato il porting.</para>
</listitem>
@@ -347,7 +347,7 @@ local: lsof-4.56.4.tgz remote: lsof-4.56.4.tgz
<para>I file dei package sono distribuiti nel formato
<filename>.tgz</filename>. Puoi trovarli in <ulink
- url="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/ports/packages/">ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/ports/packages/</ulink>,
+ url="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/ports/packages/"></ulink>,
oppure sui CDROM della distribuzione di FreeBSD. Ogni CD contenuto
nel set dei quattro CD (e nel PowerPak, ecc.) contiene i package nella
directory <filename>/packages</filename>. La disposizione dei package
@@ -645,11 +645,6 @@ docbook =
</listitem>
<listitem>
- <para>Un file <filename>pkg-comment</filename>. Questo file contiene
- una descrizione del programma su una singola riga.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
<para>Un file <filename>pkg-descr</filename>. Questo file contiene
una descrizione del programma pi&ugrave; dettagliata, spesso su
pi&ugrave; righe di testo.</para>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/chapter.sgml
index 2b8f93fb09..36666e192e 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.73
+ Original revision: 1.79
-->
<chapter id="serialcomms">
@@ -145,10 +145,10 @@
<indexterm><primary>cavo null-modem</primary></indexterm>
- <para>Un cavo null-modem lascia passare alcuni segnali diretti, come
- <quote>signal ground</quote>, ma inverte altri segnali. Ad esempio,
- il pin <quote>send data</quote> in un estremo va sul pin
- <quote>receive data</quote> nell'altro.</para>
+ <para>Un cavo null-modem lascia passare alcuni segnali, come
+ <quote>signal ground</quote>, direttamente, ma inverte altri
+ segnali. Ad esempio, il pin <quote>send data</quote> in un estremo
+ va sul pin <quote>receive data</quote> nell'altro.</para>
<para>Se ti piace fare i cavi da solo, puoi costruire un cavo
null-modem da usare con i terminali. Questa tabella mostra i nomi
@@ -287,8 +287,9 @@
<para>Un cavo seriale standard passa tutti i segnali RS-232C diretti.
Cio&egrave;, il pin <quote>send data</quote> su un estremo del cavo
va nel pin <quote>send data</quote> sull'altro estremo. Questo
- &egrave; il tipo di cavo per collegare un modem al vostro sistema
- FreeBSD, ed il tipo di cavo necessario per alcuni terminali.</para>
+ &egrave; il tipo di cavo da usare per collegare un modem al tuo
+ sistema FreeBSD, ed &egrave; anche appropriato per alcuni
+ terminali.</para>
</sect4>
</sect3>
@@ -332,7 +333,7 @@
cominciando da zero. Generalmente, puoi usare la porta di
ingresso per i terminali. Le porte di ingresso richiedono che
la linea fornisca un segnale detto data carrier detect (DCD) per
- funzionare.</para>
+ funzionare correttamente.</para>
</listitem>
<listitem>
@@ -347,9 +348,9 @@
<para>Se hai connesso un terminale sulla prima porta seriale
(<devicename>COM1</devicename> in MS-DOS), allora userai
- <filename>/dev/ttyd0</filename> per riferirti al terminale. Se
- &egrave; sulla seconda porta seriale (anche nota come
- <devicename>COM2</devicename>), si tratta di
+ <filename>/dev/ttyd0</filename> per riferirti al terminale. Se il
+ terminale &egrave; sulla seconda porta seriale (anche nota come
+ <devicename>COM2</devicename>), usa
<filename>/dev/ttyd1</filename>, e cos&igrave; via.</para>
</sect4>
</sect3>
@@ -414,7 +415,7 @@ device sio3 at isa? port IO_COM4 irq 9</programlisting>
<programlisting>device sio</programlisting>
<para>Puoi commentare o rimuovere completamente le linee per i
- dispositivi che non hai nel caso di FreeBSD&nbsp;4.X, per
+ dispositivi che non hai nel caso di FreeBSD&nbsp;4.X; per
FreeBSD&nbsp;5.X devi modificare il file
<filename>/boot/device.hints</filename> per configurare le porte
seriali. Guarda la pagina man di &man.sio.4;
@@ -816,7 +817,7 @@ ttyd5 "/usr/libexec/getty std.19200" vt100 on insecure</programlisting>
<para>Il programma <command>getty</command> accetta un parametro
(opzionale) da riga di comando, il tipo di
<replaceable>getty</replaceable>. Un tipo di
- <replaceable>getty</replaceable> descrive le caratteristiche
+ <replaceable>getty</replaceable> configura le caratteristiche
della linea del terminale, come la frequenza di bit per secondo
e la parit&agrave;. Il programma <command>getty</command> legge
questa caratteristiche dal file
@@ -927,98 +928,83 @@ ttyd5 "/usr/libexec/getty std.19200" vt100 on insecure</programlisting>
Questa &egrave; una lista dei sintomi e di alcuni suggerimenti per
risolverli.</para>
- <qandaset>
- <qandaentry>
- <question>
- <para>Non appare nessun prompt per il login</para>
- </question>
-
- <answer>
- <para>Assicurati che il terminale sia connesso e acceso.
- Se &egrave; un personal computer che funziona da terminale,
- assicurati che il programma di emulazione di terminale sia attivo
- sulla porta seriale giusta.</para>
-
- <para>Assicurati che il cavo sia ben connesso sia al terminale che
- al computer FreeBSD. Assicurati che sia il giusto tipo di
- cavo.</para>
-
- <para>Assicurati che il terminale e FreeBSD siano concordi sul
- valore di bps e sulle impostazioni di parit&agrave;. Se hai un
- terminale con un display video, assicurati
- che il contrasto e la luminosit&agrave; siano giusti. Se &egrave;
- un terminale di stampa, assicurati che ci siano carta e inchiostro
- sufficienti.</para>
-
- <para>Assicurati che il processo <command>getty</command> sia attivo
- per quel terminale. Ad esempio, per avere una lista dei processi
- <command>getty</command> con <command>ps</command>, scrivi:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>ps -axww | grep getty</userinput></screen>
-
- <para>dovresti vedere una voce per il terminale. Ad esempio,
- la schermata seguente mostra che
- <command>getty</command> &egrave; in esecuzione sulla seconda
- porta seriale <literal>ttyd1</literal> e sta usando la voce
- <literal>std.38400</literal> in
- <filename>/etc/gettytab</filename>:</para>
-
- <screen>22189 d1 Is+ 0:00.03 /usr/libexec/getty std.38400 ttyd1</screen>
-
- <para>Se non c'&egrave; nessun processo <command>getty</command> in
- esecuzione, assicurati di aver abilitato la porta in
- <filename>/etc/ttys</filename>.
- Ricordati anche di eseguire <command>kill -HUP 1</command>
- dopo aver modificato il file <filename>ttys</filename>.</para>
-
- <para>Se il processo <command>getty</command> &egrave; attivo ma
- il terminale non mostra ancora un prompt di login,
- o se mostra un prompt ma non ti permette di digitare nulla,
- il tuo terminale o il tuo cavo potrebbero non supportare la
- transazione hardware. Prova a cambiare il valore in
- <filename>/etc/ttys</filename> da <literal>std.38400</literal> a
- <literal>3wire.38400</literal> (e ricordati di dare un
- <command>kill -HUP 1</command> dopo aver modificato
- <filename>/etc/ttys</filename>).
- La voce <literal>3wire</literal> &egrave; simile a
- <literal>std</literal>, ma ignora l'handshake hardware.
- Potresti aver bisogno di ridurre i baud o
- di abilitare un controllo di flusso software usando
- <literal>3wire</literal> per evitare dei buffer
- overflow.</para>
- </answer>
- </qandaentry>
-
- <qandaentry>
- <question>
- <para>Compaiono caratteri strani invece di un prompt di
- login</para>
- </question>
-
- <answer>
- <para>Assicurati che il terminale e FreeBSD siano concordi sui bps
- e sulle impostazioni di parit&agrave;. Verifica i processi
- <command>getty</command> per assicurarti che sia in funzione il
- tipo corretto di <replaceable>getty</replaceable>.
- Se non &egrave; cos&igrave;,
- modifica <filename>/etc/ttys</filename> ed esegui <command>kill
- -HUP 1</command>.</para>
- </answer>
- </qandaentry>
-
- <qandaentry>
- <question>
- <para>I caratteri appaiono duplicati; la password viene visualizzata
- quando la scrivo</para>
- </question>
-
- <answer>
- <para>Cambia l'impostazione del terminale (o del programma di
- emulazione) da <quote>half duplex</quote> o
- <quote>local echo</quote> a <quote>full duplex</quote>.</para>
- </answer>
- </qandaentry>
- </qandaset>
+ <sect3>
+ <title>Non Appare Nessun Prompt per il Login</title>
+
+ <para>Assicurati che il terminale sia connesso e acceso.
+ Se &egrave; un personal computer che funziona da terminale,
+ assicurati che il programma di emulazione di terminale sia attivo
+ sulla porta seriale giusta.</para>
+
+ <para>Assicurati che il cavo sia ben connesso sia al terminale che
+ al computer FreeBSD. Assicurati che sia il giusto tipo di
+ cavo.</para>
+
+ <para>Assicurati che il terminale e FreeBSD siano concordi sul
+ valore di bps e sulle impostazioni di parit&agrave;. Se hai un
+ terminale con un display video, assicurati
+ che il contrasto e la luminosit&agrave; siano giusti. Se &egrave;
+ un terminale di stampa, assicurati che ci siano carta e inchiostro
+ sufficienti.</para>
+
+ <para>Assicurati che il processo <command>getty</command> sia attivo
+ per quel terminale. Ad esempio, per avere una lista dei processi
+ <command>getty</command> con <command>ps</command>, scrivi:</para>
+
+ <screen>&prompt.root; <userinput>ps -axww | grep getty</userinput></screen>
+
+ <para>dovresti vedere una voce per il terminale. Ad esempio,
+ la schermata seguente mostra che
+ <command>getty</command> &egrave; in esecuzione sulla seconda
+ porta seriale <literal>ttyd1</literal> e sta usando la voce
+ <literal>std.38400</literal> in
+ <filename>/etc/gettytab</filename>:</para>
+
+ <screen>22189 d1 Is+ 0:00.03 /usr/libexec/getty std.38400 ttyd1</screen>
+
+ <para>Se non c'&egrave; nessun processo <command>getty</command> in
+ esecuzione, assicurati di aver abilitato la porta in
+ <filename>/etc/ttys</filename>.
+ Ricordati anche di eseguire <command>kill -HUP 1</command>
+ dopo aver modificato il file <filename>ttys</filename>.</para>
+
+ <para>Se il processo <command>getty</command> &egrave; attivo ma
+ il terminale non mostra ancora un prompt di login,
+ o se mostra un prompt ma non ti permette di digitare nulla,
+ il tuo terminale o il tuo cavo potrebbero non supportare la
+ transazione hardware. Prova a cambiare il valore in
+ <filename>/etc/ttys</filename> da <literal>std.38400</literal> a
+ <literal>3wire.38400</literal> (e ricordati di dare un
+ <command>kill -HUP 1</command> dopo aver modificato
+ <filename>/etc/ttys</filename>).
+ La voce <literal>3wire</literal> &egrave; simile a
+ <literal>std</literal>, ma ignora l'handshake hardware.
+ Potresti aver bisogno di ridurre i baud o
+ di abilitare un controllo di flusso software usando
+ <literal>3wire</literal> per evitare dei buffer
+ overflow.</para>
+ </sect3>
+
+ <sect3>
+ <title>Compaiono Caratteri Strani Invece di un Prompt di Login</title>
+
+ <para>Assicurati che il terminale e FreeBSD siano concordi sui bps
+ e sulle impostazioni di parit&agrave;. Verifica i processi
+ <command>getty</command> per assicurarti che sia in funzione il
+ tipo corretto di <replaceable>getty</replaceable>.
+ Se non &egrave; cos&igrave;,
+ modifica <filename>/etc/ttys</filename> ed esegui <command>kill
+ -HUP 1</command>.</para>
+ </sect3>
+
+ <sect3>
+ <title>I Caratteri Appaiono Duplicati; la Password Viene Visualizzata
+ Quando la Scrivo</title>
+
+ <para>Cambia l'impostazione del terminale (o del programma di
+ emulazione) da <quote>half duplex</quote> o
+ <quote>local echo</quote> a <quote>full duplex</quote>.</para>
+ </sect3>
</sect2>
</sect1>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/chapter.sgml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/chapter.sgml
index d03f38a4b7..1f47313307 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/chapter.sgml
+++ b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/chapter.sgml
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.15
+ Original revision: 1.18
-->
<chapter id="vinum-vinum">
@@ -42,12 +42,12 @@
</authorgroup>
</sect1info>
- <title>Dischi troppo piccoli</title>
+ <title>Dischi Troppo Piccoli</title>
<indexterm><primary>Vinum</primary></indexterm>
<indexterm>
- <primary>Volumi</primary>
- <secondary>Gestore</secondary>
+ <primary>RAID</primary>
+ <secondary>Software</secondary>
</indexterm>
<para><emphasis>Vinum</emphasis> &egrave; un <emphasis>Volume
@@ -66,7 +66,7 @@
</sect1>
<sect1 id="vinum-access-bottlenecks">
- <title>Colli di bottiglia nell'accesso</title>
+ <title>Colli di Bottiglia nell'Accesso</title>
<para>I moderni sistemi hanno frequentemente la necessit&agrave; di
accedere ai dati in modo concorrente. Ad esempio, un grande server FTP o
@@ -113,10 +113,7 @@
siano distribuite uniformemente tra tutti i dischi. Inevitabilmente il
carico su uno dei dischi &egrave; pi&ugrave; alto che sugli altri.</para>
- <indexterm>
- <primary>concatenazione</primary>
- <secondary>Vinum</secondary>
- </indexterm>
+ <indexterm><primary>concatenazione dei dischi</primary></indexterm>
<indexterm>
<primary>Vinum</primary>
<secondary>concatenazione</secondary>
@@ -142,16 +139,13 @@
<para>
<figure id="vinum-concat">
- <title>Organizzazione concatenata</title>
+ <title>Organizzazione Concatenata</title>
<graphic fileref="vinum/vinum-concat">
</figure>
</para>
- <indexterm>
- <primary>striping</primary>
- <secondary>Vinum</secondary>
- </indexterm>
+ <indexterm><primary>striping dei dischi</primary></indexterm>
<indexterm>
<primary>Vinum</primary>
<secondary>striping</secondary>
@@ -172,9 +166,6 @@
"a bande") o <acronym>RAID-0</acronym>
<footnote>
<indexterm><primary>RAID</primary></indexterm>
- <indexterm>
- <primary>Redundant Array of Inexpensive Disks</primary>
- </indexterm>
<para><acronym>RAID</acronym> significa <emphasis>Redundant Array of
Inexpensive Disks</emphasis> (insieme ridondante di dischi non
@@ -191,7 +182,7 @@
<para>
<figure id="vinum-striped">
- <title>Organizzazione in striping</title>
+ <title>Organizzazione in Striping</title>
<graphic fileref="vinum/vinum-striped">
</figure>
@@ -199,7 +190,7 @@
</sect1>
<sect1 id="vinum-data-integrity">
- <title>Integrit&agrave; dei dati</title>
+ <title>Integrit&agrave; dei Dati</title>
<para>L'ultimo problema dei dischi attuali &egrave; che sono inaffidabili.
Bench&eacute; la loro affidabilit&agrave; sia aumentata tremendamente
@@ -208,10 +199,7 @@
possono essere catastrofici: rimpiazzare un disco rotto e riempirlo dei
dati originari pu&ograve; richiedere giorni.</para>
- <indexterm>
- <primary>mirroring</primary>
- <secondary>Vinum</secondary>
- </indexterm>
+ <indexterm><primary>mirroring dei dischi</primary></indexterm>
<indexterm>
<primary>Vinum</primary>
<secondary>mirroring</secondary>
@@ -340,7 +328,7 @@
dare le funzionalit&agrave; richieste.</para>
<sect2>
- <title>Considerazioni sulle dimensioni dei volumi</title>
+ <title>Considerazioni sulle Dimensioni dei Volumi</title>
<para>I plex possono contenere molteplici sottodischi distribuiti tra
tutti i drive presenti nella configurazione di Vinum, questo permette
@@ -349,7 +337,7 @@
</sect2>
<sect2>
- <title>Immagazzinamento ridondante dei dati</title>
+ <title>Immagazzinamento Ridondante dei Dati</title>
<para>Vinum implementa il mirroring collegando pi&ugrave; plex allo stesso
volume, ogni plex contiene la rappresentazione di tutti i dati del
@@ -365,7 +353,7 @@
</sect2>
<sect2>
- <title>Considerazioni sulle prestazioni</title>
+ <title>Considerazioni sulle Prestazioni</title>
<para>Vinum implementa sia la concatenazione che lo striping al livello di
plex:</para>
@@ -386,7 +374,7 @@
</sect2>
<sect2>
- <title>Quale organizzazione per i plex?</title>
+ <title>Quale Organizzazione per i Plex?</title>
<para>La versione di Vinum distribuita con FreeBSD &rel.current;
implementa due tipi di plex:</para>
@@ -474,7 +462,7 @@
</sect1>
<sect1 id="vinum-examples">
- <title>Alcuni esempi</title>
+ <title>Alcuni Esempi</title>
<para>Vinum mantiene un <emphasis>database della configurazione</emphasis>
che descrive gli oggetti del sistema conosciuti. Inizialmente l'utente
@@ -488,7 +476,7 @@
ogni oggetto Vinum.</para>
<sect2>
- <title>Il file di configurazione</title>
+ <title>Il File di Configurazione</title>
<para>Il file di configurazione descrive singoli oggetti Vinum. La
definizione di un semplice volume potrebbe essere:</para>
@@ -565,7 +553,7 @@
<para>
<figure id="vinum-simple-vol">
- <title>Un semplice volume Vinum</title>
+ <title>Un Semplice Volume Vinum</title>
<graphic fileref="vinum/vinum-simple-vol">
</figure>
@@ -585,7 +573,7 @@
</sect2>
<sect2>
- <title>Aumentare la resistenza alle rotture: il mirroring</title>
+ <title>Aumentare la Resistenza alle Rotture: il Mirroring</title>
<para>Il mirroring pu&ograve; aumentare, in un volume, la resistenza alle
rotture. Quando si definisce un volume in mirroring &egrave; importante
@@ -631,7 +619,7 @@
<para>
<figure id="vinum-mirrored-vol">
- <title>Un volume Vinum in mirroring</title>
+ <title>Un Volume Vinum in Mirroring</title>
<graphic fileref="vinum/vinum-mirrored-vol">
</figure>
@@ -643,7 +631,7 @@
</sect2>
<sect2>
- <title>Ottimizzazione delle prestazioni</title>
+ <title>Ottimizzazione delle Prestazioni</title>
<para>Il volume in mirroring dell'esempio precedente &egrave; pi&ugrave;
resistente alle rotture di un volume non in mirroring, ma le sue
@@ -697,7 +685,7 @@
<para>
<figure id="vinum-striped-vol">
- <title>Un volume Vinum in striping</title>
+ <title>Un Volume Vinum in Striping</title>
<graphic fileref="vinum/vinum-striped-vol">
</figure>
@@ -711,7 +699,7 @@
</sect2>
<sect2>
- <title>Resistenza alle rotture e prestazioni</title>
+ <title>Resistenza alle Rotture e Prestazioni</title>
<para><anchor id="vinum-resilience">Con hardware a sufficenza &egrave;
possibile creare volumi con miglioramenti sia nella resistenza alle
@@ -742,7 +730,7 @@
<para>
<figure id="vinum-raid10-vol">
- <title>Un volume Vinum in mirroring e striping</title>
+ <title>Un Volume Vinum in Mirroring e Striping</title>
<graphic fileref="vinum/vinum-raid10-vol">
</figure>
@@ -751,7 +739,7 @@
</sect1>
<sect1 id="vinum-object-naming">
- <title>Nomenclatura degli oggetti</title>
+ <title>Nomenclatura degli Oggetti</title>
<para>Come descritto sopra, Vinum assegna nomi di default a plex e
sottodischi, bench&eacute; questi possano essere cambiati. Cambiare il
@@ -911,7 +899,7 @@
caratteri.</para>
<sect2>
- <title>Creare i file system</title>
+ <title>Creare i File System</title>
<para>I volumi appaiono al sistema identici ai dischi, con un'eccezione.
Differentemente dai dischi UNIX&trade;, Vinum non partiziona i volumi,
@@ -995,7 +983,7 @@ sd name bigraid.p0.s4 drive e plex bigraid.p0 state initializing len 4194304b dr
UNIX&trade;.</para>
<sect3>
- <title>Avvio automatico</title>
+ <title>Avvio Automatico</title>
<para>Per poter lanciare Vinum automaticamente all'avvio del sistema
assicuratevi che le seguenti linee siano nel vostro
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/bookinfo.ent b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/bookinfo.ent
index e85d47cd91..f37494f484 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/bookinfo.ent
+++ b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/bookinfo.ent
@@ -9,7 +9,9 @@
"bookinfo.legalnotice", e "bookinfo.preface".
$FreeBSD$
- Original revision: 1.2
+ Original revision: 1.3
-->
<!ENTITY bookinfo.legalnotice SYSTEM "legalnotice.sgml">
+
+<!ENTITY bookinfo.trademarks SYSTEM "trademarks.sgml">
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/catalog b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/catalog
index e60239be26..cc7dc4377f 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/catalog
+++ b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/catalog
@@ -10,6 +10,9 @@
PUBLIC "-//FreeBSD//DOCUMENT DocBook Stylesheet//EN"
"freebsd.dsl"
+PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Language Specific Entities//EN"
+ "l10n.ent"
+
PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook Mailing List Entities//IT"
"mailing-lists.ent"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/freebsd.dsl b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/freebsd.dsl
index d5f400f766..114fbb6390 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/freebsd.dsl
+++ b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/freebsd.dsl
@@ -2,7 +2,7 @@
The FreeBSD Italian Documentation Project
$FreeBSD$
- Original revision: 1.17
+ Original revision: 1.20
-->
<!DOCTYPE style-sheet PUBLIC "-//James Clark//DTD DSSSL Style Sheet//EN" [
@@ -18,10 +18,10 @@
<!-- HTML only .................................................... -->
<![ %output.html; [
-
- <!-- Generate links to HTML man pages -->
- (define %refentry-xref-link% #t)
-
+
+ <!-- Generate links to HTML man pages -->
+ (define %refentry-xref-link% #t)
+
(define ($email-footer$)
(make sequence
(make element gi: "p"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/mailing-lists.ent b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/mailing-lists.ent
index a45b4a847f..c0c4cf52c3 100644
--- a/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/mailing-lists.ent
+++ b/it_IT.ISO8859-15/share/sgml/mailing-lists.ent
@@ -4,7 +4,7 @@
Nomi delle mailing list FreeBSD e relativo software.
$FreeBSD$
- Original revision: 1.20
+ Original revision: 1.25
-->
<!ENTITY a.mailman.listinfo "http://lists.FreeBSD.org/mailman/listinfo">
@@ -26,6 +26,10 @@
<!ENTITY a.alpha.url "&a.mailman.listinfo;/freebsd-alpha">
<!ENTITY a.alpha "<ulink url='&a.alpha.url;'>mailing list sul porting di FreeBSD sui sistemi Alpha</ulink>">
<!ENTITY a.alpha.name "<ulink url='&a.alpha.url;'>freebsd-alpha</ulink>">
+
+<!ENTITY a.amd64.url "&a.mailman.listinfo;/freebsd-amd64">
+<!ENTITY a.amd64 "<ulink url='&a.amd64.url;'>mailing list sul porting di FreeBSD sui sistemi AMD64</ulink>">
+<!ENTITY a.amd64.name "<ulink url='&a.amd64.url;'>freebsd-amd64</ulink>">
<!ENTITY a.announce.url "&a.mailman.listinfo;/freebsd-announce">
<!ENTITY a.announce "<ulink url='&a.announce.url;'>mailing list di annunci su FreeBSD</ulink>">
@@ -81,6 +85,22 @@
<!ENTITY a.current "<ulink url='&a.current.url;'>mailing list su &os.current;</ulink>">
<!ENTITY a.current.name "<ulink url='&a.current.url;'>freebsd-current</ulink>">
+<!ENTITY a.ctm-announce.url "&a.mailman.listinfo;/ctm-announce">
+<!ENTITY a.ctm-announce "<ulink url='&a.ctm-announce.url;'>Annunci CTM</ulink>">
+<!ENTITY a.ctm-announce.name "<ulink url='&a.ctm-announce.url;'>ctm-announce</ulink>">
+
+<!ENTITY a.ctm-cvs-cur.url "&a.mailman.listinfo;/ctm-cvs-cur">
+<!ENTITY a.ctm-cvs-cur "<ulink url='&a.ctm-cvs-cur.url;'>Distribuzione CTM di file CVS</ulink>">
+<!ENTITY a.ctm-cvs-cur.name "<ulink url='&a.ctm-cvs-cur.url;'>ctm-cvs-cur</ulink>">
+
+<!ENTITY a.ctm-src-4.url "&a.mailman.listinfo;/ctm-src-4">
+<!ENTITY a.ctm-src-4 "<ulink url='&a.ctm-src-4.url;'>mailing list di distribuzione CTM del ramo src 4-STABLE</ulink>">
+<!ENTITY a.ctm-src-4.name "<ulink url='&a.ctm-src-4.url;'>ctm-src-4</ulink>">
+
+<!ENTITY a.ctm-src-cur.url "&a.mailman.listinfo;/ctm-src-cur">
+<!ENTITY a.ctm-src-cur "<ulink url='&a.ctm-src-cur.url;'>mailing list di distribuzione CTM del ramo src -CURRENT</ulink>">
+<!ENTITY a.ctm-src-cur.name "<ulink url='&a.ctm-src-cur.url;'>ctm-src-cur</ulink>">
+
<!ENTITY a.cvsall.url "&a.mailman.listinfo;/cvs-all">
<!ENTITY a.cvsall "<ulink url='&a.cvsall.url;'>mailing list con i messaggi di commit sul CVS di FreeBSD</ulink>">
<!ENTITY a.cvsall.name "<ulink url='&a.cvsall.url;'>cvs-all</ulink>">