aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15
diff options
context:
space:
mode:
Diffstat (limited to 'it_IT.ISO8859-15')
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/Makefile10
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/Makefile.inc3
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile9
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc5
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/Makefile19
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/article.xml231
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/it_IT.po1206
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/Makefile9
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/Makefile.inc5
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/Makefile260
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.xml75
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/chapter.xml746
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.xml2786
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.xml635
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.xml310
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.xml823
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/chapters.ent73
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/colophon.xml22
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/chapter.xml3341
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/chapter.xml49
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.xml1248
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/chapter.xml109
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.xml1950
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/firewalls/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/firewalls/chapter.xml46
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/geom/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/geom/chapter.xml412
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/install/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/install/chapter.xml5464
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.xml972
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/jails/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/jails/chapter.xml973
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/kernelconfig/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/kernelconfig/chapter.xml1418
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/l10n/chapter.xml1006
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/linuxemu/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/linuxemu/chapter.xml3822
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mac/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mac/chapter.xml111
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.xml2266
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mirrors/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mirrors/chapter.xml3178
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/multimedia/chapter.xml1750
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/network-servers/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/network-servers/chapter.xml5429
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/Makefile19
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/pgpkeys/chapter.xml35
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ports/chapter.xml1355
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ppp-and-slip/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/ppp-and-slip/chapter.xml45
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/preface/preface.xml618
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/printing/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/printing/chapter.xml51
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/security/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/security/chapter.xml1191
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/serialcomms/chapter.xml3192
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/txtfiles.ent74
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/users/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/users/chapter.xml63
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/vinum/chapter.xml1457
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/virtualization/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/virtualization/chapter.xml61
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/x11/Makefile15
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/books/handbook/x11/chapter.xml1673
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/flyer/Makefile17
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/flyer/flyer.tex214
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/Makefile39
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/Makefile.inc4
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/about.xml114
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/community.xml24
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/copyright/Makefile14
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/copyright/copyright.xml29
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/doc/Makefile47
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/docs.xml24
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/docs/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/docs/books.xml72
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/index.xsl312
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/mailto.xml62
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/platforms/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/platforms/index.xml80
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/ports/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/ports/index.xml70
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/ports/ports.ent16
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/4.10R/Makefile12
-rwxr-xr-xit_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/4.10R/announce.xml210
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/4.11R/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/4.11R/announce.xml251
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.2.1R/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.2.1R/announce.xml240
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.2R/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.2R/announce.xml243
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.3R/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.3R/announce.xml269
-rwxr-xr-xit_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.4R/Makefile12
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/5.4R/announce.xml265
-rwxr-xr-xit_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/6.0R/Makefile12
-rwxr-xr-xit_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/6.0R/announce.xml277
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/Makefile20
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/Makefile.inc4
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/releases/index.xml444
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/support.xml48
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/htdocs/where.xml258
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/catalog.xml40
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/entities.ent30
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/freebsd-xhtml.xsl20
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/glossary.ent1762
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/header.l10n.ent95
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/l10n.ent39
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/libcommon.xsl9
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/mailing-lists.ent441
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/mirrors-local.xsl37
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/navibar.l10n.ent160
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/release.l10n.ent141
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/trademarks.ent262
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/translators.ent92
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/transtable-local.xsl18
-rw-r--r--it_IT.ISO8859-15/share/xml/transtable.xml328
134 files changed, 0 insertions, 58346 deletions
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/Makefile
deleted file mode 100644
index bff03f518f..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,10 +0,0 @@
-# $FreeBSD$
-
-SUBDIR = articles
-SUBDIR+= books
-
-COMPAT_SYMLINK = it
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/..
-
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/Makefile.inc b/it_IT.ISO8859-15/Makefile.inc
deleted file mode 100644
index 453700a49b..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/Makefile.inc
+++ /dev/null
@@ -1,3 +0,0 @@
-# $FreeBSD$
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../..
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
deleted file mode 100644
index 6000c38536..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,9 +0,0 @@
-# $FreeBSD$
-
-SUBDIR =
-SUBDIR+= bsdl-gpl
-
-# ROOT_SYMLINKS+= new-users
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../..
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc b/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc
deleted file mode 100644
index 0ff2b6dcad..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/Makefile.inc
+++ /dev/null
@@ -1,5 +0,0 @@
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-DESTDIR?= ${DOCDIR}/it_IT.ISO8859-15/articles/${.CURDIR:T}
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/Makefile
deleted file mode 100644
index 4d09e9c3c3..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,19 +0,0 @@
-#
-# $FreeBSD$
-#
-# BSDL vs GPL article.
-
-DOC?= article
-
-FORMATS?= html
-WITH_ARTICLE_TOC?= YES
-
-INSTALL_COMPRESSED?= gz
-INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
-
-SRCS= article.xml
-
-URL_RELPREFIX?= ../../../..
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
-
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/article.xml b/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/article.xml
deleted file mode 100644
index db4b0a9102..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/article.xml
+++ /dev/null
@@ -1,231 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?>
-<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook XML V5.0-Based Extension//EN" "http://www.FreeBSD.org/XML/share/xml/freebsd50.dtd">
-<article xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" xmlns:its="http://www.w3.org/2005/11/its" version="5.0" xml:lang="it_IT">
-
- <info><title>Perché dovresti usare una licenza in stile BSD per il tuo progetto Open Source</title>
-
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Bruce</firstname><surname>Montague</surname></personname><affiliation> <address><email>brucem@alumni.cse.ucsc.edu</email>
- </address> </affiliation></author>
- </authorgroup>
-
- <legalnotice xml:id="trademarks" role="trademarks">
- <para>FreeBSD è un marchio registrato della FreeBSD Foundation.</para>
- <para>Intel, Celeron, Centrino, Core, EtherExpress, i386, i486, Itanium, Pentium e Xeon sono marchi o marchi registrati di Intel Corporation o dei suoi affiliati negli Stati Uniti o in altri paesi.</para>
- <para>Molte denominazioni usate dai produttori e dai rivenditori per distinguere i loro prodotti sono rivendicati come marchi. Laddove queste denominazioni appaiono in questo documento e il Progetto FreeBSD è al corrente della rivendicazione del marchio, le denominazioni sono state fatte seguire dai simboli <quote>™</quote> o da <quote>®</quote>.</para>
- </legalnotice>
-
- <pubdate xml:lang="en">$FreeBSD$</pubdate>
-
- <releaseinfo xml:lang="en">$FreeBSD$</releaseinfo>
- </info>
-
-<sect1 xml:id="intro">
- <title>Introduzione</title>
-
- <para>Questo documento promuove l'uso di una licenza in stile BSD per programmi e dati; in particolare raccomanda l'uso di una licenza in stile BSD al posto della GPL. Esso può anche essere interpretato come un'introduzione e un riassunto comparativo delle licenze Open Source BSD e GPL.</para>
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="history">
- <title>Storia molto breve dell'Open Source</title>
-
- <para>Molto prima che il termine <quote>Open Source</quote> fosse usato, esisteva del software che veniva sviluppato da associazioni informali di programmatori e che veniva liberamente scambiato. A cominciare dai primi anni Cinquanta, organizzazioni quali <link xlink:href="http://www.share.org">SHARE</link> e <link xlink:href="http://www.decus.org">DECUS</link> sviluppavano molto del software che le aziende di hardware informatico vendevano incluso nelle loro offerte. In effetti, a quel tempo le aziende informatiche vendevano hardware; qualsiasi cosa che riducesse il costo del software e rendesse disponibile un maggior numero di programmi rendeva tali aziende più competitive.</para>
-
- <para>Questo modello cambiò negli anni Sessanta. Nel 1965 ADR sviluppò il primo prodotto con licenza software indipendente dall'hardware dell'azienda. ADR competeva contro un pachetto gratuito dell'IBM originalmente sviluppato dai clienti di IBM. ADR brevettò il proprio software nel 1968. Per impedire la condivisione del suo programma, lo distribuì a condizione di noleggio di materiale il cui pagamento si estendeva per tutta la durata di vita del prodotto. ADR ne mantenne così la proprietà e poteva controllarne la rivendita e il riuso.</para>
-
- <para>Nel 1965 il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti accusò IBM di concorrenza sleale offrendo software gratuito incluso nel prezzo di hardware IBM. In seguito al processo, IBM escluse il suo software; cioè, i programmi divennero prodotti separati dall'hardware.</para>
-
- <para>Nel 1968 Informatics introdusse la prima applicazione di successo e rapidamente stabilì i concetti di prodotto software e azienda software, nonché alti tassi di ricavo. Informatics sviluppò la licenza perpetua che è ora uno standard nell'industria informatica e che prevede che la proprietà non venga mai trasferita al cliente.</para>
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="unix-license">
- <title>Unix dal punto di vista delle licenze BSD</title>
-
- <para>AT&amp;T, prorietario dell'implementazione originale di Unix, era un monopolio pubblicamente regolato e vincolato da una causa antitrust; non poteva vendere legalmente prodotti nel mercato del software. Poteva, tuttavia, distribuire software ad istituzioni accademiche al prezzo del supporto.</para>
-
- <para>Le università adottarono rapidamente Unix dopo che una conferenza sui sistemi operativi ne pubblicizzò la disponibilità. Fu estremamente utile il fatto che Unix girasse su PDP-11, un computer 16-bit molto economico, e fosse codificato in un linguaggio di alto livello che era dimostrabilmente buono per la programmazione di sistemi. Il DEC PDP-11 aveva, in effetti, un'interfaccia hardware aperta progettata per rendere facile per i propri clienti la scrittura dei propri sistemi operativi, un'operazione allora comune. Come il fondatore di DEC Ken Olsen proclamò con una celebre dichiarazione <quote>il software viene dal cielo quando hai un buon hardware</quote>.</para>
-
- <para>L'autore di Unix Ken Thompson tornò alla sua alma mater, l'Università di Berkeley in California (UCB), nel 1975 e tenne corsi sul kernel insegnandolo riga per riga. Questo risultò infine in un sistema in evoluzione noto come BSD (Berkeley Standard Distribution). L'UCB convertì Unix a 32-bit, aggiunse la memoria virtuale e implementò la versione dello stack TCP/IP sulla quale sostanzialmente fu costruito Internet. L'UCB rese BSD disponibile al costo del supporto, sotto quella che divenne nota come la <quote>licenza BSD</quote>. Un cliente comprava Unix da AT&amp;T e quindi ordinava un nastro BSD dall'UCB.</para>
-
- <para>A metà degli anni Ottanta una causa antitrust del governo contro AT&amp;T si concluse con la divisione dell'azienda in diverse società. AT&amp;T possedeva ancora Unix ed era ora autorizzata a venderlo. AT&amp;T intraprese uno sforzo di licenziamento aggressivo a la maggior parte degli Unix commerciali di allora divennero derivati di AT&amp;T.</para>
-
- <para>Nei primi anni Novanta, AT&amp;T querelò l'UCB per violazione di licenza in relazione a BSD. L'UCB scoprì che AT&amp;T aveva incorporato, senza riconoscimento né pagamento, molti miglioramenti dovuti a BSD nei prodotti di AT&amp;T, e ne seguì una lunga causa, principalmente tra AT&amp;T e l'UCB. In questo periodo alcuni programmatori dell'UCB intrapresero un progetto di riscrittura di ogni codice AT&amp;T associato a BSD. Questo progetto risultò in un sistema chiamato BSD 4.4-lite (lite perché non era un sistema completo; mancavano 6 file AT&amp;T chiave).</para>
-
- <para>Una lunga serie di articoli pubblicati poco dopo nella rivista Dr. Dobbs descriveva una versione di Unix per PC 386 derivata da BSD, con file sotto licenza BSD per la sostituzione dei 6 file mancanti da 4.4-lite. Questo sistema, chiamato 386BSD, era opera del programmatore William Jolitz, in precedenza nell'UCB. Esso divenne la base originale di tutti i BSD per PC oggi in uso.</para>
-
- <para>A metà degli anni Novanta, Novell comprò i diritti di Unix da AT&amp;T e fu trovato un accordo (allora segreto) per porre fine alla causa. L'UCB interruppe il supporto per BSD poco tempo dopo.</para>
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="current-bsdl">
- <title>Lo stato attuale di FreeBSD e delle licenze BSD</title>
-
- <para>La cosiddetta <link xlink:href="http://www.opensource.org/licenses/bsd-license.php">nuova licenza BSD</link> applicata a FreeBSD negli ultimi anni è di fatto una dichiarazione per la quale si può fare qualsiasi cosa col programma o il suo sorgente, ma non si riceve nessuna garanzia e nessuno degli autori ha nessuna responsabilità (sostanzialmente, non è possibile fare causa a nessuno). Questa nuova licenza BSD è intesa per incoraggiare la commercializzazione di prodotti. Qualsiasi codice BSD può essere venduto o incluso in prodotti proprietari senza restrizioni sulla disponibilità del codice o su comportamenti futuri.</para>
-
- <para>Non si confondano la nuova licenza BSD con il <quote>dominio pubblico</quote>. Sebbene anche un oggetto di dominio pubblico sia libero di essere usato da chiunque, esso non ha proprietario.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="origins-gpl">
- <title>Le origini della GPL</title>
-
- <para>Mentre il futuro di Unix era così farraginoso nei tardi anni Ottanta e nei primi anni Novanta, la GPL, un altro sviluppo con importanti considerazioni in materia di licenza, giunse a compimento.</para>
-
- <para>Richard Stallman, il programmatore di Emacs, era un membro del personale del MIT quando il suo laboratorio sostituì i suoi sistemi prodotti internamente con prodotti proprietari. Stallman si innervosì quando scoprì di non poter apportare legalmente piccoli miglioramenti al sistema. (Molti dei collaboratori di Stallman se ne erano andati per formare due aziende basate su software sviluppato al MIT e licenziato dal MIT; pare che ci sia stato disaccordo sull'accesso al codice sorgente di questo software). Stallman ideò un'alternativa alla licenza software commerciale e la chiamò GPL, o "Gnu Public License". Creò anche una fondazione senza scopo di lucro, la <link xlink:href="http://www.fsf.org">Free Software Foundation</link> (FSF), che intendeva sviluppare un intero sistema operativo, software associato incluso, che non sarebbe stato oggetto di licenza proprietaria. Il sistema fu chiamato GNU, stante per "GNU non è Unix".</para>
-
- <para>La GPL fu progettata per essere l'antitesi della licenza proprietaria standard. A questo fine, si richiese che ogni modifica che fosse apportata ad un programma GPL fosse restituita alla comunità GPL (richiedendo che il sorgente del programma fosse reso disponibile all'utente) e che ogni programma che usasse o linkasse codice GPL venisse sottoposto alla GPL. La GPL intendeva impedire che il software diventasse proprietario. All'ultimo paragrafo la GPL dichiara:</para>
-
- <para><quote>Questa Licenza Pubblica Generale non permette di incorporare il tuo programma in programmi proprietari.</quote></para>
-
- <para>La <link xlink:href="http://www.opensource.org/licenses/gpl-license.php">GPL</link> è una licenza complessa quindi ecco alcune regole pratiche sul suo utilizzo:</para>
-
- <itemizedlist>
-
- <listitem><para>è possibile fissare qualsivoglia prezzo per la distribuzione, il supporto o la documentazione del software, ma non è possibile la vendita del software stesso.</para></listitem>
-
- <listitem><para>la regola generale stabilisce che se è necessario codice GPL per la compilazione di un programma, il programma deve essere sottoposto alla GPL. Il link statico ad una libreria GPL implica che il programma sia sottoposto alla GPL.</para></listitem>
-
- <listitem><para>la GPL richiede che qualsiasi brevetto associato a software GPL debba essere sottoposto ad una licenza che ne garantisca il libero uso da parte di chiunque.</para></listitem>
-
- <listitem><para>la semplice aggregazione di software, come il porre programmi diversi su uno stesso disco, non conta quale inclusione di programmi GPL in programmi non GPL.</para></listitem>
-
- <listitem><para>l'output di un programma non conta quale lavoro derivato. Questo consente al compilatore gcc di essere usato in ambienti commerciali senza problemi legali.</para></listitem>
-
- <listitem><para>siccome il kernel Linux è sottoposto alla GPL, ogni codice linkato staticamente col kernel Linux deve essere sottoposto alla GPL. Questo requisito può essere aggirato linkando dinamicamente moduli del kernel. Questo permette alle aziende di distribuire driver binari, ma spesso con lo svantaggio che essi funzioneranno solo per versioni specifiche del kernel Linux.</para></listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>A causa della sua complessità, in molte parti del mondo oggigiorno gli aspetti legali della GPL vengono ignorati per quanto riguarda Linux e software relativo. Le conseguenze a lungo termine di questo approccio non sono chiare.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="origins-lgpl">
- <title>Le origini di Linux e della LGPL</title>
-
- <para>Mentre imperversavano le guerre tra gli Unix commerciali, il kernel Linux veniva sviluppato come un clone di Unix per PC. Linus Torvalds riconosce l'importanza del compilatore GNU C e degli strumenti GNU associati per l'esistenza di Linux. Egli sottopone il kernel Linux alla GPL.</para>
-
- <para>Si ricordi che la GPL impone che ogni cosa linkata staticamente ad un qualsiasi codice sottoposto alla GPL debba essere sottoposta anch'essa alla GPL. Il sorgente per questa cosa deve dunque essere reso disponibile all'utente del programma. Il link dinamico, tuttavia, non è considerato una violazione della GPL. La pressione per inserire applicazioni proprietarie in Linux divenne schiacciante. Tali applicazioni devono spesso effettuare link con librerie di sistema. Ciò portò ad una versione modificata della GPL chiamata <link xlink:href="http://www.opensource.org/licenses/lgpl-license.php">LGPL</link> ("Library", da allora rinominata "Lesser", GPL). La LGPL consente di linkare codice proprietario con la libreria C di GNU, glibc. Non è necessario rilasciare il codice sorgente che è stato linkato dinamicamente ad una libreria sottoposta alla LGPL.</para>
-
- <para>Se si linka staticamente un'applicazione con glibc, come è spesso necessario in sistemi integrati, non è possibile mantenere la propria applicazione proprietaria, vale a dire, il sorgente deve essere pubblicato. Sia la GPL che la LGPL impongono che ogni modifica al codice direttamente sottoposto alla licenza venga pubblicata.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="orphaning">
- <title>Licenze Open Source e il problema dell'Orphaning</title>
-
- <para>Uno dei gravi problemi associati al software proprietario è noto come <quote>orphaning</quote> (letteralmente: "rendere orfano"). Esso si presenta quando un'impresa fallisce o un cambiamento nella strategia dei prodotti causa il fallimento di una vasta piramide di sistemi dipendenti e di aziende per ragioni al di là del loro controllo. Decadi di esperienza hanno dimostrato che la dimensione o il successo momentanei di un distributore di software non garantiscono che il loro software rimanga disponibile, dato che le condizioni del mercato e le strategie possono cambiare rapidamente.</para>
-
- <para>La GPL tenta di impedire l'orphaning spezzando il legame con la proprietà intellettuale privata.</para>
-
- <para>Una licenza BSD consegna all'azienda il software in una specia di acconto di garanzia senza complicazioni o costi legali. Se un programma sottoposto a licenza BSD diventa orfano, un'azienda può semplicemente subentare, in maniera proprietaria, nel mantenimento del programma da cui dipende. Una situazione anche migliore si presenta quando codice BSD viene mantenuto da un piccolo consorzio informale, siccome il processo di sviluppo non dipende dalla sopravvivenza di una singola azienda o di una linea di prodotti. La sopravvivenza di una squadra di sviluppo mentalmente concentrata è molto più importante della semplice disponibilità fisica del codice sorgente.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="license-cannot">
- <title>Ciò che una licenza non può fare</title>
-
- <para>Nessuna licenza può garantire la futura disponibilità del software. Benché il detentore di copyright possa tradizionalmente cambiare i termini del copyright stesso in qualsiasi momento, si presuppone nella comunità BSD che tale tentativo causi semplicemente il fork del sorgente.</para>
-
- <para>La GPL vieta esplicitamente la revoca della licenza. È accaduto, tuttavia, che un'azienda (Mattel) avesse comprato un copyright GPL (cphack), revocato l'intero copyright e vinto in tribunale [2]. Cioè, essa ha legalmente revocato l'intera distribuzione e tutti i lavori derivati basati su quel copyright. Se ciò possa accadere con una distribuzione più ampia e distribuita è una questione aperta; c'è anche qualche confusione riguardo a se il software fosse veramente sottoposto alla GPL.</para>
-
- <para>In un altro esempio, Red Hat comprò Cygnus, un'azienda di ingegneria che era subentrata nello sviluppo degli strumenti del compilatore della FSF. Cygnus era autorizzata a svolgere questa operazione perché aveva sviluppato un modello commerciale che prevedeva la vendita di supporto al software GNU. Questo le permise di assumere una cinquantina di programmatori e guidare la direzione dei programmi contribuendo alla maggior parte delle modifiche. Come dichiara Donald Rosenberg "progetti che usano licenze quali la GPL... vivono sotto la costante minaccia di vedersi soffiar via il progetto da qualcuno che produce una versione migliore del codice e lo fa più velocemente dei proprietari originali." [3]</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="gpl-advantages">
- <title>Vantaggi e svantaggi della GPL</title>
-
- <para>Una ragione comune per l'uso della GPL è la modifica o l'estensione del compilatore gcc. Ciò è particolarmente conveniente quando si lavora con processori molto particolari in ambienti in cui è probabile che tutti i costi del software siano considerati spese di gestione, con minime aspettative riguardo all'uso da parte di altri del compilatore risultante.</para>
-
- <para>La GPL è vantaggiosa per piccole aziende che vendono CD in un ambiente dove "compra basso, vendi alto" può ancora consegnare all'utente finale un prodotto molto economico. Essa è vantaggiosa anche per le aziende che contano di sopravvivere fornendo varie forme di supporto tecnico, documentazione inclusa, per il mondo della proprietà intellettuale GPL.</para>
-
- <para>Un uso meno pubblicizzato e imprevisto della GPL consiste nell'essere molto favorevole a grandi aziende che vogliono tagliar fuori aziende del software. In altre parole, la GPL è adatta per essere utilizzata come un'arma di mercato, potenzialmente riducendo il beneficio economico globale e contribuendo ad un comportamento monopolistico.</para>
-
- <para>La GPL può costituire un vero problema per coloro che vogliono commercializzare software e trarne profitto. Per esempio, la GPL accresce la difficoltà di uno studente laureato di fondare un'azienda per commercializzare i risultati delle sue ricerche e accrese altresì la difficoltà di uno studente di entrare in un'azienda a condizione che un suo progetto di ricerca promettente venga commercializzato.</para>
-
- <para>Per coloro che devono lavorare con implementazioni linkate staticamente di diversi standard software, la GPL è spesso una licenza infelice, perché preclude l'uso di implementazioni proprietarie degli standard. Così la GPL riduce il numero di programmi che possono essere costruiti usando uno standard GPL. La GPL intenzionalmente non fornisce un meccanismo per sviluppare uno standard sul quale si possano sviluppare prodotti proprietari. (Ciò non si applica alle applicazioni Linux perché non si collegano staticamente al kernel, bensì usano un'API trap-based.)</para>
-
- <para>La GPL cerca di portare i programmatori a contribuire ad una collezione di programmi in evoluzione, quindi di competere nella distribuzione e nel supporto di questa collezione. Questa situazione è irrealistica per molti standard di sistema di base richiesti, che potrebbero essere applicati in ambienti ampiamente variabili richiedenti personalizzazioni commerciali o integrazioni con standard legacy sottoposti a licenze già esistenti (non GPL). I sistemi in tempo reale sono spesso linkati staticamente, quindi la GPL e la LGPL sono decisamente considerate potenziali problemi da molte aziende di sistemi integrati.</para>
-
- <para>La GPL è un tentativo di mantenere gli sforzi, senza riguardo per la domanda, ai livelli della ricerca e dello sviluppo. Questo massimizza i benefici per i ricercatori e gli sviluppatori, ad un costo ignoto per coloro che guadagnerebbero da una distribuzione più ampia.</para>
-
- <para>La GPL è stata progettata per impedire che i risultati di ricerca diventassero prodotti proprietari. Si suppone spesso che questo passo sia l'ultimo nel processo tradizionale di trasferimento tecnologico ed è solitamente abbastanza difficile anche nelle migliori delle circostanze; la GPL lo rende intenzionalmente impossibile.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="bsd-advantages">
- <title>Vantaggi di BSD</title>
-
- <para>Una licenza in stile BSD è una buona scelta per ricerche di lunga durata o altri progetti che necessitano di un ambiente di sviluppo tale che:</para>
-
- <itemizedlist>
-
- <listitem><para>abbia costi quasi nulli</para></listitem>
- <listitem><para>evolva in un lungo periodo di tempo</para></listitem>
- <listitem><para>permetta a chiunque di mantenere la possibilità di commercializzare i risultati finali con problemi legali minimi.</para></listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Quest'ultima considerazione può essere spesso quella dominante, come fu il caso quando il progetto Apache decise la sua licenza:</para>
-
- <para><quote>Questo tipo di licenza è ideale per promuovere l'uso di un codice di riferimento che implementi un protocollo per un servizio comune. Questa è un'altra ragione per cui l'abbiamo scelto per il gruppo Apache - molti di noi volevano vedere HTTP sopravvivere e diventare un vero standard comune e non si sarebbero preoccupati minimamente se Microsoft o Netscape avessero scelto di incorporare il nostro motore HTTP o qualsiasi altra componente del nostro codice nei loro prodotti, se fosse stato ulteriormente utile allo scopo di mantenere HTTP comune... Tutto ciò significa che, strategicamente parlando, il progetto necessita di mantenere slancio sufficiente e che i partecipanti realizzano valore maggiore condividendo il loro codice col progetto, anche quel codice che avrebbe avuto valore se mantenuto proprietario.</quote></para>
-
- <para>I programmatori tendono a trovare la licenza BSD vantaggiosa per il fatto che tiene i problemi legali fuori dai piedi e lascia loro fare ciò che vogliono con il codice. Al contrario, coloro che contano principalmente di utilizzare un sistema piuttosto che di programmarlo, o contano che altri facciano evolvere il codice, o coloro che non contano di vivere del loro lavoro associato al sistema (quali gli impiegati di governi), trovano la GPL vantaggiosa, perché fa sì che il codice sviluppato da altri sia loro restituito e impedisce il loro datore di lavoro di mantenere il copyright e così potenzialmente di "seppellire" il software o di renderlo orfano. Se si desidera costringere i concorrenti ad aiutare, la GPL è vantaggiosa.</para>
-
- <para>Una licenza BSD non è semplicemente un regalo. La domanda <quote>perché dovremmo aiutare i nostri concorrenti o lasciarli rubare il nostro lavoro?</quote> sorge spesso riguardo ad una licenza BSD. Secondo la licenza BSD, se un'azienda è venuta a dominare una nicchia di mercato che altri consideravano strategica, le altre aziende possono, con uno sforzo minimo, formare un mini-consorzio mirato a riequilibrare le parti contribuendo ad una variante BSD competitiva che aumenta la concorrenza di mercato e l'equità. Ciò permette ad ogni azienda di ritenere che sarà in grado di trarre profitto da un qualche vantaggio che è capace di fornire, nonché di contribuire alla flessibilità e all'efficienza economica. Più rapidamente e facilmente i membri cooperanti sono in grado di attuare ciò, più successo conseguiranno. Una licenza BSD è essenzialmente una licenza complicata il minimo necessario da consentire tale comportamento.</para>
-
- <para>Un effetto chiave della GPL, la costruzione di un sistema Open Source completo e competitivo ampiamente disponibile al prezzo del supporto, è uno scopo ragionevole. Una licenza in stile BSD, in congiunzione con consorzi ad hoc ed individui, può raggiungere questo scopo senza distruggere i presupposti economici costruiti attorno al termine del processo di trasferimento tecnologico, vale a dire la distribuzione.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="recommendations">
- <title>Raccomandazione specifiche per l'uso di una licenza BSD</title>
-
- <itemizedlist>
-
- <listitem><para>La licenza BSD è preferibile per trasferire risultati di ricerca in modo che vengano ampiamente distribuiti e che benefici l'economia. Pertanto, agenzie di finanziamento di ricerca, quali le americane NSF, ONR, DARPA o, in Italia, il CNR, dovrebbero incoraggiare, nelle fasi iniziali dei progetti di ricerca finanziati, l'adozione di licenze in stile BSD per software, dati, risultati e hardware aperto. Dovrebbero incoraggiare anche la formazione di standard basati su sistemi implementati Open Source e progetti Open Source in sviluppo.</para></listitem>
-
- <listitem><para>Le politiche di governo dovrebbero minimizzare i costi e le difficoltà nel pasaggio dalla ricerca alla distribuzione. Quando possibile, le sovvenzioni dovrebbero richiedere che i risultati vengano resi disponibili secondo le condizioni di una licenza compatibile con la commercializzazione in stile BSD.</para></listitem>
-
- <listitem><para>In molti casi, i risultati a lungo termine di una licenza in stile BSD riflettono più precisamente gli obiettivi proclamati nella carta di ricerca delle università rispetto a quanto accade quando i risultati sono sottoposti a copyright o brevetti e soggetti a licenze proprietarie di università. Aneddoti dimostrano che le università vengono ricompensate meglio finanziariamente nel lungo termine rilasciando i propri risultati di ricerca e quindi esortando a versare donazioni gli ex allievi che vantano successi commerciali.</para></listitem>
-
- <listitem><para>Le aziende hanno riconosciuto da molto tempo che la creazione di standard de facto è una tecnica di commercializzazione chiave. La licenza BSD interpreta bene questo ruolo, se un'azienda ha veramente un vantaggio unico nell'evoluzione del sistema. La licenza è legalmente vantaggiosa per il pubblico più ampio mentre l'esperienza dell'azienda assicura il controllo dello standard. Esistono casi in cui la GPL può essere il veicolo appropriato per creare uno standard del genere, soprattutto quando si cerca di sabotare o cooptare altri. La GPL, tuttavia, penalizza l'evoluzione dello standard, perché promuove una collezione di software piuttosto che uno standard commercialmente applicabile. L'uso di una tale collezione solleva costantemente problemi legali e di commercializzazione. Può non essere possibile mescolare standard quando alcuni sono sottoposti alla GPL mentre altri non lo sono. Un vero standard tecnico non dovrebbe imporre esclusioni di altri standard per ragioni non tecniche.</para></listitem>
-
- <listitem><para>Aziende interessate a promuovere uno standard in evoluzione, che potrebbe diventare il cuore dei prodotti commerciali di altre aziende, dovrebbero diffidare della GPL. Indipendentemente dalla licenza usata, il software risultante sarà generalmente trasferito a chiunque compia effettivamente la maggioranza dei cambiamenti tecnici e capisce meglio lo stato del sistema. La GPL semplicemente aggiunge più attrito legale al risultato.</para></listitem>
-
- <listitem><para>Grandi aziende, in cui viene sviluppato codice Open Source, dovrebbero essere a conoscenza del fatto che i programmatori apprezzano l'Open Source perché lascia il software disponibile all'impiegato quando cambiano datore di lavoro. Alcune aziende incoraggiano questo comportamento come un vantaggio dell'impiego, soprattuto quando il software in questione non è direttamente strategico. Si tratta, in effetti, di un benificio anticipato dell'interruzione del rapporto di lavoro con costi di perdita potenziali ma senza costi diretti. Incoraggiare gli impiegati a lavorare per colleghi al di fuori dell'azienda è un beneficio trasferibile poco costoso che un'azienda può a volte fornire quasi senza svantaggi.</para></listitem>
-
- <listitem><para>Piccole aziende con progetti software vulnerabili all'orphaning dovrebbero cercare di usare la licenza BSD quando possibile. Aziende di tutte le dimensioni dovrebbero considerare di formare tali progetti Open Source quando il mantenimento al minimo dei problemi legali e dei costi generali associati ad un vero progetto Open Source in stile BSD costituisce un vantaggio per tutte le parti.</para></listitem>
-
- <listitem><para>Le organizzazioni senza fini di lucro dovrebbero partecipare a progetti Open Source quando possibile. Per evitare problemi di programmazione del software, come il mescolamento di codici sottoposti a licenze diverse, bisognerebbe incoraggiare l'uso di licenze in stile BSD. Essere cauti con la GPL è particolarmente indicato nel caso di organizzazioni senza scopo di lucro che interagiscono con il mondo della programmazione. In località in cui l'applicazione della legge diventa un esercizio costoso, la semplicità della nuova licenza BSD, paragonata alla GPL, può costituire un vantaggio considerevole.</para></listitem>
-
- </itemizedlist>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="conclusion">
- <title>Conclusione</title>
-
- <para>Al contrario della GPL, che è progettata per impedire la commercializzazione proprietaria di codice Open Source, la licenza BSD pone restrizioni minime su comportamenti futuri. Questo consente al codice BSD di rimanere Open Source o di venire integrato in soluzioni commerciali, dato che i bisogni di un progetto o di un'azienda cambiano. In altre parole, la licenza BSD non diventa una bomba ad orologeria legale in nessun punto del processo di sviluppo.</para>
-
- <para>Inoltre, siccome la licenza BSD non comporta la complessità legale delle licenze GPL e LGPL, consente ai programmatori e alle aziende di impiegare il loro tempo nel creare e promuovere codice di qualità invece di preoccuparsi riguardo alla possibilità che tale codice violi qualche licenza.</para>
-
-</sect1>
-
-<sect1 xml:id="addenda">
- <title>Riferimenti bibliografici</title>
-
-<programlisting>
-[1] http://www.gnu.org/licenses/gpl.html
-
-[2] http://archives.cnn.com/2000/TECH/computing/03/28/cyberpatrol.mirrors/
-
-[3] Open Source: the Unauthorized White Papers, Donald K. Rosenberg, IDG Books,
- 2000. Citazioni da pagina 114, ``Effects of the GNU GPL''.
-
-[4] Nella sezione "What License to Use?" di
- http://www.oreilly.com/catalog/opensources/book/brian.html
-
-Questo documento è un riassunto del lavoro originale disponibile a
-http://alumni.cse.ucsc.edu/~brucem/open_source_license.htm
-
-</programlisting>
-
-</sect1></article>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/it_IT.po b/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/it_IT.po
deleted file mode 100644
index ad71c85141..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/articles/bsdl-gpl/it_IT.po
+++ /dev/null
@@ -1,1206 +0,0 @@
-# $FreeBSD$
-# Danilo G. Baio <dbaio@FreeBSD.org>, 2020.
-# Lorenzo Salvadore <salvadore@freebsd.org>, 2020.
-msgid ""
-msgstr ""
-"Project-Id-Version: PACKAGE VERSION\n"
-"POT-Creation-Date: 2020-03-25 21:33+0100\n"
-"PO-Revision-Date: 2020-03-25 20:31+0000\n"
-"Last-Translator: Lorenzo Salvadore <salvadore@freebsd.org>\n"
-"Language-Team: Italian <https://translate-dev.freebsd.org/projects/freebsd-"
-"doc/articles_bsdl-gpl/it_IT/>\n"
-"Language: it_IT\n"
-"MIME-Version: 1.0\n"
-"Content-Type: text/plain; charset=UTF-8\n"
-"Content-Transfer-Encoding: 8bit\n"
-"Plural-Forms: nplurals=2; plural=n != 1;\n"
-"X-Generator: Weblate 3.11.3\n"
-
-#. Put one translator per line, in the form NAME <EMAIL>, YEAR1, YEAR2
-msgctxt "_"
-msgid "translator-credits"
-msgstr "Lorenzo Salvadore, salvadore@Freebsd.org, 2020"
-
-#. (itstool) path: info/title
-#: article.translate.xml:5
-msgid "Why you should use a BSD style license for your Open Source Project"
-msgstr ""
-"Perché dovresti usare una licenza in stile BSD per il tuo progetto Open "
-"Source"
-
-#. (itstool) path: affiliation/address
-#: article.translate.xml:9
-#, no-wrap
-msgid ""
-"<email>brucem@alumni.cse.ucsc.edu</email>\n"
-" "
-msgstr ""
-"<email>brucem@alumni.cse.ucsc.edu</email>\n"
-" "
-
-#. (itstool) path: authorgroup/author
-#: article.translate.xml:8
-msgid ""
-"<personname><firstname>Bruce</firstname><surname>Montague</surname></"
-"personname><affiliation> <_:address-1/> </affiliation>"
-msgstr ""
-"<personname><firstname>Bruce</firstname><surname>Montague</surname></"
-"personname><affiliation> <_:address-1/> </affiliation>"
-
-#. (itstool) path: legalnotice/para
-#: article.translate.xml:15
-msgid "FreeBSD is a registered trademark of the FreeBSD Foundation."
-msgstr "FreeBSD è un marchio registrato della FreeBSD Foundation."
-
-#. (itstool) path: legalnotice/para
-#: article.translate.xml:17
-msgid ""
-"Intel, Celeron, Centrino, Core, EtherExpress, i386, i486, Itanium, Pentium, "
-"and Xeon are trademarks or registered trademarks of Intel Corporation or its "
-"subsidiaries in the United States and other countries."
-msgstr ""
-"Intel, Celeron, Centrino, Core, EtherExpress, i386, i486, Itanium, Pentium e "
-"Xeon sono marchi o marchi registrati di Intel Corporation o dei suoi "
-"affiliati negli Stati Uniti o in altri paesi."
-
-#. (itstool) path: legalnotice/para
-#: article.translate.xml:21
-msgid ""
-"Many of the designations used by manufacturers and sellers to distinguish "
-"their products are claimed as trademarks. Where those designations appear in "
-"this document, and the FreeBSD Project was aware of the trademark claim, the "
-"designations have been followed by the <quote>™</quote> or the <quote>®</"
-"quote> symbol."
-msgstr ""
-"Molte denominazioni usate dai produttori e dai rivenditori per distinguere i "
-"loro prodotti sono rivendicati come marchi. Laddove queste denominazioni "
-"appaiono in questo documento e il Progetto FreeBSD è al corrente della "
-"rivendicazione del marchio, le denominazioni sono state fatte seguire dai "
-"simboli <quote>™</quote> o da <quote>®</quote>."
-
-#. (itstool) path: info/pubdate
-#. (itstool) path: info/releaseinfo
-#: article.translate.xml:29 article.translate.xml:31
-#, fuzzy
-msgid ""
-"$FreeBSD: head/en_US.ISO8859-1/articles/bsdl-gpl/article.xml 43184 "
-"2013-11-13 07:52:45Z hrs $"
-msgstr ""
-"$FreeBSD: head/en_US.ISO8859-1/articles/bsdl-gpl/article.xml 43184 "
-"2013-11-13 07:52:45Z hrs $"
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:35
-msgid "Introduction"
-msgstr "Introduzione"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:37
-msgid ""
-"This document makes a case for using a BSD style license for software and "
-"data; specifically it recommends using a BSD style license in place of the "
-"GPL. It can also be read as a BSD versus GPL Open Source License "
-"introduction and summary."
-msgstr ""
-"Questo documento promuove l'uso di una licenza in stile BSD per programmi e "
-"dati; in particolare raccomanda l'uso di una licenza in stile BSD al posto "
-"della GPL. Esso può anche essere interpretato come un'introduzione e un "
-"riassunto comparativo delle licenze Open Source BSD e GPL."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:44
-msgid "Very Brief Open Source History"
-msgstr "Storia molto breve dell'Open Source"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:46
-msgid ""
-"Long before the term <quote>Open Source</quote> was used, software was "
-"developed by loose associations of programmers and freely exchanged. "
-"Starting in the early 1950's, organizations such as <link xlink:href="
-"\"http://www.share.org\">SHARE</link> and <link xlink:href=\"http://www."
-"decus.org\">DECUS</link> developed much of the software that computer "
-"hardware companies bundled with their hardware offerings. At that time "
-"computer companies were in the hardware business; anything that reduced "
-"software cost and made more programs available made the hardware companies "
-"more competitive."
-msgstr ""
-"Molto prima che il termine <quote>Open Source</quote> fosse usato, esisteva "
-"del software che veniva sviluppato da associazioni informali di "
-"programmatori e che veniva liberamente scambiato. A cominciare dai primi "
-"anni Cinquanta, organizzazioni quali <link xlink:href=\"http://www.share.org"
-"\">SHARE</link> e <link xlink:href=\"http://www.decus.org\">DECUS</link> "
-"sviluppavano molto del software che le aziende di hardware informatico "
-"vendevano incluso nelle loro offerte. In effetti, a quel tempo le aziende "
-"informatiche vendevano hardware; qualsiasi cosa che riducesse il costo del "
-"software e rendesse disponibile un maggior numero di programmi rendeva tali "
-"aziende più competitive."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:56
-msgid ""
-"This model changed in the 1960's. In 1965 ADR developed the first licensed "
-"software product independent of a hardware company. ADR was competing "
-"against a free IBM package originally developed by IBM customers. ADR "
-"patented their software in 1968. To stop sharing of their program, they "
-"provided it under an equipment lease in which payment was spread over the "
-"lifetime of the product. ADR thus retained ownership and could control "
-"resale and reuse."
-msgstr ""
-"Questo modello cambiò negli anni Sessanta. Nel 1965 ADR sviluppò il primo "
-"prodotto con licenza software indipendente dall'hardware dell'azienda. ADR "
-"competeva contro un pachetto gratuito dell'IBM originalmente sviluppato dai "
-"clienti di IBM. ADR brevettò il proprio software nel 1968. Per impedire la "
-"condivisione del suo programma, lo distribuì a condizione di noleggio di "
-"materiale il cui pagamento si estendeva per tutta la durata di vita del "
-"prodotto. ADR ne mantenne così la proprietà e poteva controllarne la "
-"rivendita e il riuso."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:65
-msgid ""
-"In 1969 the US Department of Justice charged IBM with destroying businesses "
-"by bundling free software with IBM hardware. As a result of this suit, IBM "
-"unbundled its software; that is, software became independent products "
-"separate from hardware."
-msgstr ""
-"Nel 1965 il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti accusò IBM di "
-"concorrenza sleale offrendo software gratuito incluso nel prezzo di hardware "
-"IBM. In seguito al processo, IBM escluse il suo software; cioè, i programmi "
-"divennero prodotti separati dall'hardware."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:71
-msgid ""
-"In 1968 Informatics introduced the first commercial killer-app and rapidly "
-"established the concept of the software product, the software company, and "
-"very high rates of return. Informatics developed the perpetual license which "
-"is now standard throughout the computer industry, wherein ownership is never "
-"transferred to the customer."
-msgstr ""
-"Nel 1968 Informatics introdusse la prima applicazione di successo e "
-"rapidamente stabilì i concetti di prodotto software e azienda software, "
-"nonché alti tassi di ricavo. Informatics sviluppò la licenza perpetua che è "
-"ora uno standard nell'industria informatica e che prevede che la proprietà "
-"non venga mai trasferita al cliente."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:80
-msgid "Unix from a BSD Licensing Perspective"
-msgstr "Unix dal punto di vista delle licenze BSD"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:82
-msgid ""
-"AT&amp;T, who owned the original Unix implementation, was a publicly "
-"regulated monopoly tied up in anti-trust court; it was legally unable to "
-"sell a product into the software market. It was, however, able to provide it "
-"to academic institutions for the price of media."
-msgstr ""
-"AT&amp;T, prorietario dell'implementazione originale di Unix, era un "
-"monopolio pubblicamente regolato e vincolato da una causa antitrust; non "
-"poteva vendere legalmente prodotti nel mercato del software. Poteva, "
-"tuttavia, distribuire software ad istituzioni accademiche al prezzo del "
-"supporto."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:88
-msgid ""
-"Universities rapidly adopted Unix after an OS conference publicized its "
-"availability. It was extremely helpful that Unix ran on the PDP-11, a very "
-"affordable 16-bit computer, and was coded in a high-level language that was "
-"demonstrably good for systems programming. The DEC PDP-11 had, in effect, an "
-"open hardware interface designed to make it easy for customers to write "
-"their own OS, which was common. As DEC founder Ken Olsen famously "
-"proclaimed, <quote>software comes from heaven when you have good hardware</"
-"quote>."
-msgstr ""
-"Le università adottarono rapidamente Unix dopo che una conferenza sui "
-"sistemi operativi ne pubblicizzò la disponibilità. Fu estremamente utile il "
-"fatto che Unix girasse su PDP-11, un computer 16-bit molto economico, e "
-"fosse codificato in un linguaggio di alto livello che era dimostrabilmente "
-"buono per la programmazione di sistemi. Il DEC PDP-11 aveva, in effetti, "
-"un'interfaccia hardware aperta progettata per rendere facile per i propri "
-"clienti la scrittura dei propri sistemi operativi, un'operazione allora "
-"comune. Come il fondatore di DEC Ken Olsen proclamò con una celebre "
-"dichiarazione <quote>il software viene dal cielo quando hai un buon "
-"hardware</quote>."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:98
-msgid ""
-"Unix author Ken Thompson returned to his alma mater, University of "
-"California Berkeley (UCB), in 1975 and taught the kernel line-by-line. This "
-"ultimately resulted in an evolving system known as BSD (Berkeley Standard "
-"Distribution). UCB converted Unix to 32-bits, added virtual memory, and "
-"implemented the version of the TCP/IP stack upon which the Internet was "
-"essentially built. UCB made BSD available for the cost of media, under what "
-"became known as <quote>the BSD license</quote>. A customer purchased Unix "
-"from AT&amp;T and then ordered a BSD tape from UCB."
-msgstr ""
-"L'autore di Unix Ken Thompson tornò alla sua alma mater, l'Università di "
-"Berkeley in California (UCB), nel 1975 e tenne corsi sul kernel insegnandolo "
-"riga per riga. Questo risultò infine in un sistema in evoluzione noto come "
-"BSD (Berkeley Standard Distribution). L'UCB convertì Unix a 32-bit, aggiunse "
-"la memoria virtuale e implementò la versione dello stack TCP/IP sulla quale "
-"sostanzialmente fu costruito Internet. L'UCB rese BSD disponibile al costo "
-"del supporto, sotto quella che divenne nota come la <quote>licenza BSD</"
-"quote>. Un cliente comprava Unix da AT&amp;T e quindi ordinava un nastro BSD "
-"dall'UCB."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:108
-msgid ""
-"In the mid-1980s a government anti-trust case against AT&amp;T ended with "
-"the break-up of AT&amp;T. AT&amp;T still owned Unix and was now able to sell "
-"it. AT&amp;T embarked on an aggressive licensing effort and most commercial "
-"Unixes of the day became AT&amp;T-derived."
-msgstr ""
-"A metà degli anni Ottanta una causa antitrust del governo contro AT&amp;T si "
-"concluse con la divisione dell'azienda in diverse società. AT&amp;T "
-"possedeva ancora Unix ed era ora autorizzata a venderlo. AT&amp;T intraprese "
-"uno sforzo di licenziamento aggressivo a la maggior parte degli Unix "
-"commerciali di allora divennero derivati di AT&amp;T."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:113
-msgid ""
-"In the early 1990's AT&amp;T sued UCB over license violations related to "
-"BSD. UCB discovered that AT&amp;T had incorporated, without acknowledgment "
-"or payment, many improvements due to BSD into AT&amp;T's products, and a "
-"lengthy court case, primarily between AT&amp;T and UCB, ensued. During this "
-"period some UCB programmers embarked on a project to rewrite any AT&amp;T "
-"code associated with BSD. This project resulted in a system called BSD 4.4-"
-"lite (lite because it was not a complete system; it lacked 6 key AT&amp;T "
-"files)."
-msgstr ""
-"Nei primi anni Novanta, AT&amp;T querelò l'UCB per violazione di licenza in "
-"relazione a BSD. L'UCB scoprì che AT&amp;T aveva incorporato, senza "
-"riconoscimento né pagamento, molti miglioramenti dovuti a BSD nei prodotti "
-"di AT&amp;T, e ne seguì una lunga causa, principalmente tra AT&amp;T e "
-"l'UCB. In questo periodo alcuni programmatori dell'UCB intrapresero un "
-"progetto di riscrittura di ogni codice AT&amp;T associato a BSD. Questo "
-"progetto risultò in un sistema chiamato BSD 4.4-lite (lite perché non era un "
-"sistema completo; mancavano 6 file AT&amp;T chiave)."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:122
-msgid ""
-"A lengthy series of articles published slightly later in Dr. Dobbs magazine "
-"described a BSD-derived 386 PC version of Unix, with BSD-licensed "
-"replacement files for the 6 missing 4.4 lite files. This system, named "
-"386BSD, was due to ex-UCB programmer William Jolitz. It became the original "
-"basis of all the PC BSDs in use today."
-msgstr ""
-"Una lunga serie di articoli pubblicati poco dopo nella rivista Dr. Dobbs "
-"descriveva una versione di Unix per PC 386 derivata da BSD, con file sotto "
-"licenza BSD per la sostituzione dei 6 file mancanti da 4.4-lite. Questo "
-"sistema, chiamato 386BSD, era opera del programmatore William Jolitz, in "
-"precedenza nell'UCB. Esso divenne la base originale di tutti i BSD per PC "
-"oggi in uso."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:129
-msgid ""
-"In the mid 1990s, Novell purchased AT&amp;T's Unix rights and a (then "
-"secret) agreement was reached to terminate the lawsuit. UCB soon terminated "
-"its support for BSD."
-msgstr ""
-"A metà degli anni Novanta, Novell comprò i diritti di Unix da AT&amp;T e fu "
-"trovato un accordo (allora segreto) per porre fine alla causa. L'UCB "
-"interruppe il supporto per BSD poco tempo dopo."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:135
-msgid "The Current State of FreeBSD and BSD Licenses"
-msgstr "Lo stato attuale di FreeBSD e delle licenze BSD"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:137
-msgid ""
-"The so-called <link xlink:href=\"http://www.opensource.org/licenses/bsd-"
-"license.php\"> new BSD license</link> applied to FreeBSD within the last few "
-"years is effectively a statement that you can do anything with the program "
-"or its source, but you do not have any warranty and none of the authors has "
-"any liability (basically, you cannot sue anybody). This new BSD license is "
-"intended to encourage product commercialization. Any BSD code can be sold or "
-"included in proprietary products without any restrictions on the "
-"availability of your code or your future behavior."
-msgstr ""
-"La cosiddetta <link xlink:href=\"http://www.opensource.org/licenses/bsd-"
-"license.php\">nuova licenza BSD</link> applicata a FreeBSD negli ultimi anni "
-"è di fatto una dichiarazione per la quale si può fare qualsiasi cosa col "
-"programma o il suo sorgente, ma non si riceve nessuna garanzia e nessuno "
-"degli autori ha nessuna responsabilità (sostanzialmente, non è possibile "
-"fare causa a nessuno). Questa nuova licenza BSD è intesa per incoraggiare la "
-"commercializzazione di prodotti. Qualsiasi codice BSD può essere venduto o "
-"incluso in prodotti proprietari senza restrizioni sulla disponibilità del "
-"codice o su comportamenti futuri."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:147
-msgid ""
-"Do not confuse the new BSD license with <quote>public domain</quote>. While "
-"an item in the public domain is also free for all to use, it has no owner."
-msgstr ""
-"Non si confondano la nuova licenza BSD con il <quote>dominio pubblico</"
-"quote>. Sebbene anche un oggetto di dominio pubblico sia libero di essere "
-"usato da chiunque, esso non ha proprietario."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:154
-msgid "The origins of the GPL"
-msgstr "Le origini della GPL"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:156
-msgid ""
-"While the future of Unix had been so muddled in the late 1980s and early "
-"1990s, the GPL, another development with important licensing considerations, "
-"reached fruition."
-msgstr ""
-"Mentre il futuro di Unix era così farraginoso nei tardi anni Ottanta e nei "
-"primi anni Novanta, la GPL, un altro sviluppo con importanti considerazioni "
-"in materia di licenza, giunse a compimento."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:160
-msgid ""
-"Richard Stallman, the developer of Emacs, was a member of the staff at MIT "
-"when his lab switched from home-grown to proprietary systems. Stallman "
-"became upset when he found that he could not legally add minor improvements "
-"to the system. (Many of Stallman's co-workers had left to form two companies "
-"based on software developed at MIT and licensed by MIT; there appears to "
-"have been disagreement over access to the source code for this software). "
-"Stallman devised an alternative to the commercial software license and "
-"called it the GPL, or \"GNU Public License\". He also started a non-profit "
-"foundation, the <link xlink:href=\"http://www.fsf.org\">Free Software "
-"Foundation</link> (FSF), which intended to develop an entire operating "
-"system, including all associated software, that would not be subject to "
-"proprietary licensing. This system was called GNU, for \"GNU is Not Unix\"."
-msgstr ""
-"Richard Stallman, il programmatore di Emacs, era un membro del personale del "
-"MIT quando il suo laboratorio sostituì i suoi sistemi prodotti internamente "
-"con prodotti proprietari. Stallman si innervosì quando scoprì di non poter "
-"apportare legalmente piccoli miglioramenti al sistema. (Molti dei "
-"collaboratori di Stallman se ne erano andati per formare due aziende basate "
-"su software sviluppato al MIT e licenziato dal MIT; pare che ci sia stato "
-"disaccordo sull'accesso al codice sorgente di questo software). Stallman "
-"ideò un'alternativa alla licenza software commerciale e la chiamò GPL, o "
-"\"Gnu Public License\". Creò anche una fondazione senza scopo di lucro, la "
-"<link xlink:href=\"http://www.fsf.org\">Free Software Foundation</link> "
-"(FSF), che intendeva sviluppare un intero sistema operativo, software "
-"associato incluso, che non sarebbe stato oggetto di licenza proprietaria. Il "
-"sistema fu chiamato GNU, stante per \"GNU non è Unix\"."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:175
-msgid ""
-"The GPL was designed to be the antithesis of the standard proprietary "
-"license. To this end, any modifications that were made to a GPL program were "
-"required to be given back to the GPL community (by requiring that the source "
-"of the program be available to the user) and any program that used or linked "
-"to GPL code was required to be under the GPL. The GPL was intended to keep "
-"software from becoming proprietary. As the last paragraph of the GPL states:"
-msgstr ""
-"La GPL fu progettata per essere l'antitesi della licenza proprietaria "
-"standard. A questo fine, si richiese che ogni modifica che fosse apportata "
-"ad un programma GPL fosse restituita alla comunità GPL (richiedendo che il "
-"sorgente del programma fosse reso disponibile all'utente) e che ogni "
-"programma che usasse o linkasse codice GPL venisse sottoposto alla GPL. La "
-"GPL intendeva impedire che il software diventasse proprietario. All'ultimo "
-"paragrafo la GPL dichiara:"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:184
-msgid ""
-"<quote>This General Public License does not permit incorporating your "
-"program into proprietary programs.</quote>[1]"
-msgstr ""
-"<quote>Questa Licenza Pubblica Generale non permette di incorporare il tuo "
-"programma in programmi proprietari.</quote>"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:188
-msgid ""
-"The <link xlink:href=\"http://www.opensource.org/licenses/gpl-license.php"
-"\">GPL</link> is a complex license so here are some rules of thumb when "
-"using the GPL:"
-msgstr ""
-"La <link xlink:href=\"http://www.opensource.org/licenses/gpl-license.php"
-"\">GPL</link> è una licenza complessa quindi ecco alcune regole pratiche sul "
-"suo utilizzo:"
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:194
-msgid ""
-"you can charge as much as you want for distributing, supporting, or "
-"documenting the software, but you cannot sell the software itself."
-msgstr ""
-"è possibile fissare qualsivoglia prezzo per la distribuzione, il supporto o "
-"la documentazione del software, ma non è possibile la vendita del software "
-"stesso."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:198
-msgid ""
-"the rule-of-thumb states that if GPL source is required for a program to "
-"compile, the program must be under the GPL. Linking statically to a GPL "
-"library requires a program to be under the GPL."
-msgstr ""
-"la regola generale stabilisce che se è necessario codice GPL per la "
-"compilazione di un programma, il programma deve essere sottoposto alla GPL. "
-"Il link statico ad una libreria GPL implica che il programma sia sottoposto "
-"alla GPL."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:203
-msgid ""
-"the GPL requires that any patents associated with GPLed software must be "
-"licensed for everyone's free use."
-msgstr ""
-"la GPL richiede che qualsiasi brevetto associato a software GPL debba essere "
-"sottoposto ad una licenza che ne garantisca il libero uso da parte di "
-"chiunque."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:207
-msgid ""
-"simply aggregating software together, as when multiple programs are put on "
-"one disk, does not count as including GPLed programs in non-GPLed programs."
-msgstr ""
-"la semplice aggregazione di software, come il porre programmi diversi su uno "
-"stesso disco, non conta quale inclusione di programmi GPL in programmi non "
-"GPL."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:212
-msgid ""
-"output of a program does not count as a derivative work. This enables the "
-"gcc compiler to be used in commercial environments without legal problems."
-msgstr ""
-"l'output di un programma non conta quale lavoro derivato. Questo consente al "
-"compilatore gcc di essere usato in ambienti commerciali senza problemi "
-"legali."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:216
-msgid ""
-"since the Linux kernel is under the GPL, any code statically linked with the "
-"Linux kernel must be GPLed. This requirement can be circumvented by "
-"dynamically linking loadable kernel modules. This permits companies to "
-"distribute binary drivers, but often has the disadvantage that they will "
-"only work for particular versions of the Linux kernel."
-msgstr ""
-"siccome il kernel Linux è sottoposto alla GPL, ogni codice linkato "
-"staticamente col kernel Linux deve essere sottoposto alla GPL. Questo "
-"requisito può essere aggirato linkando dinamicamente moduli del kernel. "
-"Questo permette alle aziende di distribuire driver binari, ma spesso con lo "
-"svantaggio che essi funzioneranno solo per versioni specifiche del kernel "
-"Linux."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:224
-msgid ""
-"Due in part to its complexity, in many parts of the world today the "
-"legalities of the GPL are being ignored in regard to Linux and related "
-"software. The long-term ramifications of this are unclear."
-msgstr ""
-"A causa della sua complessità, in molte parti del mondo oggigiorno gli "
-"aspetti legali della GPL vengono ignorati per quanto riguarda Linux e "
-"software relativo. Le conseguenze a lungo termine di questo approccio non "
-"sono chiare."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:232
-msgid "The origins of Linux and the LGPL"
-msgstr "Le origini di Linux e della LGPL"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:234
-msgid ""
-"While the commercial Unix wars raged, the Linux kernel was developed as a PC "
-"Unix clone. Linus Torvalds credits the existence of the GNU C compiler and "
-"the associated GNU tools for the existence of Linux. He put the Linux kernel "
-"under the GPL."
-msgstr ""
-"Mentre imperversavano le guerre tra gli Unix commerciali, il kernel Linux "
-"veniva sviluppato come un clone di Unix per PC. Linus Torvalds riconosce "
-"l'importanza del compilatore GNU C e degli strumenti GNU associati per "
-"l'esistenza di Linux. Egli sottopone il kernel Linux alla GPL."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:239
-msgid ""
-"Remember that the GPL requires anything that statically links to any code "
-"under the GPL also be placed under the GPL. The source for this code must "
-"thus be made available to the user of the program. Dynamic linking, however, "
-"is not considered a violation of the GPL. Pressure to put proprietary "
-"applications on Linux became overwhelming. Such applications often must link "
-"with system libraries. This resulted in a modified version of the GPL called "
-"the <link xlink:href=\"http://www.opensource.org/licenses/lgpl-license.php"
-"\">LGPL</link> (\"Library\", since renamed to \"Lesser\", GPL). The LGPL "
-"allows proprietary code to be linked to the GNU C library, glibc. You do not "
-"have to release the source code which has been dynamically linked to an "
-"LGPLed library."
-msgstr ""
-"Si ricordi che la GPL impone che ogni cosa linkata staticamente ad un "
-"qualsiasi codice sottoposto alla GPL debba essere sottoposta anch'essa alla "
-"GPL. Il sorgente per questa cosa deve dunque essere reso disponibile "
-"all'utente del programma. Il link dinamico, tuttavia, non è considerato una "
-"violazione della GPL. La pressione per inserire applicazioni proprietarie in "
-"Linux divenne schiacciante. Tali applicazioni devono spesso effettuare link "
-"con librerie di sistema. Ciò portò ad una versione modificata della GPL "
-"chiamata <link xlink:href=\"http://www.opensource.org/licenses/lgpl-license."
-"php\">LGPL</link> (\"Library\", da allora rinominata \"Lesser\", GPL). La "
-"LGPL consente di linkare codice proprietario con la libreria C di GNU, "
-"glibc. Non è necessario rilasciare il codice sorgente che è stato linkato "
-"dinamicamente ad una libreria sottoposta alla LGPL."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:252
-msgid ""
-"If you statically link an application with glibc, such as is often required "
-"in embedded systems, you cannot keep your application proprietary, that is, "
-"the source must be released. Both the GPL and LGPL require any modifications "
-"to the code directly under the license to be released."
-msgstr ""
-"Se si linka staticamente un'applicazione con glibc, come è spesso necessario "
-"in sistemi integrati, non è possibile mantenere la propria applicazione "
-"proprietaria, vale a dire, il sorgente deve essere pubblicato. Sia la GPL "
-"che la LGPL impongono che ogni modifica al codice direttamente sottoposto "
-"alla licenza venga pubblicata."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:261
-msgid "Open Source licenses and the Orphaning Problem"
-msgstr "Licenze Open Source e il problema dell'Orphaning"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:263
-msgid ""
-"One of the serious problems associated with proprietary software is known as "
-"<quote>orphaning</quote>. This occurs when a single business failure or "
-"change in a product strategy causes a huge pyramid of dependent systems and "
-"companies to fail for reasons beyond their control. Decades of experience "
-"have shown that the momentary size or success of a software supplier is no "
-"guarantee that their software will remain available, as current market "
-"conditions and strategies can change rapidly."
-msgstr ""
-"Uno dei gravi problemi associati al software proprietario è noto come "
-"<quote>orphaning</quote> (letteralmente: \"rendere orfano\"). Esso si "
-"presenta quando un'impresa fallisce o un cambiamento nella strategia dei "
-"prodotti causa il fallimento di una vasta piramide di sistemi dipendenti e "
-"di aziende per ragioni al di là del loro controllo. Decadi di esperienza "
-"hanno dimostrato che la dimensione o il successo momentanei di un "
-"distributore di software non garantiscono che il loro software rimanga "
-"disponibile, dato che le condizioni del mercato e le strategie possono "
-"cambiare rapidamente."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:272
-msgid ""
-"The GPL attempts to prevent orphaning by severing the link to proprietary "
-"intellectual property."
-msgstr ""
-"La GPL tenta di impedire l'orphaning spezzando il legame con la proprietà "
-"intellettuale privata."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:275
-msgid ""
-"A BSD license gives a small company the equivalent of software-in-escrow "
-"without any legal complications or costs. If a BSD-licensed program becomes "
-"orphaned, a company can simply take over, in a proprietary manner, the "
-"program on which they are dependent. An even better situation occurs when a "
-"BSD code-base is maintained by a small informal consortium, since the "
-"development process is not dependent on the survival of a single company or "
-"product line. The survivability of the development team when they are "
-"mentally in the zone is much more important than simple physical "
-"availability of the source code."
-msgstr ""
-"Una licenza BSD consegna all'azienda il software in una specia di acconto di "
-"garanzia senza complicazioni o costi legali. Se un programma sottoposto a "
-"licenza BSD diventa orfano, un'azienda può semplicemente subentare, in "
-"maniera proprietaria, nel mantenimento del programma da cui dipende. Una "
-"situazione anche migliore si presenta quando codice BSD viene mantenuto da "
-"un piccolo consorzio informale, siccome il processo di sviluppo non dipende "
-"dalla sopravvivenza di una singola azienda o di una linea di prodotti. La "
-"sopravvivenza di una squadra di sviluppo mentalmente concentrata è molto più "
-"importante della semplice disponibilità fisica del codice sorgente."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:289
-msgid "What a license cannot do"
-msgstr "Ciò che una licenza non può fare"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:291
-msgid ""
-"No license can guarantee future software availability. Although a copyright "
-"holder can traditionally change the terms of a copyright at anytime, the "
-"presumption in the BSD community is that such an attempt simply causes the "
-"source to fork."
-msgstr ""
-"Nessuna licenza può garantire la futura disponibilità del software. Benché "
-"il detentore di copyright possa tradizionalmente cambiare i termini del "
-"copyright stesso in qualsiasi momento, si presuppone nella comunità BSD che "
-"tale tentativo causi semplicemente il fork del sorgente."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:297
-msgid ""
-"The GPL explicitly disallows revoking the license. It has occurred, however, "
-"that a company (Mattel) purchased a GPL copyright (cphack), revoked the "
-"entire copyright, went to court, and prevailed [2]. That is, they legally "
-"revoked the entire distribution and all derivative works based on the "
-"copyright. Whether this could happen with a larger and more dispersed "
-"distribution is an open question; there is also some confusion regarding "
-"whether the software was really under the GPL."
-msgstr ""
-"La GPL vieta esplicitamente la revoca della licenza. È accaduto, tuttavia, "
-"che un'azienda (Mattel) avesse comprato un copyright GPL (cphack), revocato "
-"l'intero copyright e vinto in tribunale [2]. Cioè, essa ha legalmente "
-"revocato l'intera distribuzione e tutti i lavori derivati basati su quel "
-"copyright. Se ciò possa accadere con una distribuzione più ampia e "
-"distribuita è una questione aperta; c'è anche qualche confusione riguardo a "
-"se il software fosse veramente sottoposto alla GPL."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:307
-msgid ""
-"In another example, Red Hat purchased Cygnus, an engineering company that "
-"had taken over development of the FSF compiler tools. Cygnus was able to do "
-"so because they had developed a business model in which they sold support "
-"for GNU software. This enabled them to employ some 50 engineers and drive "
-"the direction of the programs by contributing the preponderance of "
-"modifications. As Donald Rosenberg states \"projects using licenses like the "
-"GPL...live under constant threat of having someone take over the project by "
-"producing a better version of the code and doing it faster than the original "
-"owners.\" [3]"
-msgstr ""
-"In un altro esempio, Red Hat comprò Cygnus, un'azienda di ingegneria che era "
-"subentrata nello sviluppo degli strumenti del compilatore della FSF. Cygnus "
-"era autorizzata a svolgere questa operazione perché aveva sviluppato un "
-"modello commerciale che prevedeva la vendita di supporto al software GNU. "
-"Questo le permise di assumere una cinquantina di programmatori e guidare la "
-"direzione dei programmi contribuendo alla maggior parte delle modifiche. "
-"Come dichiara Donald Rosenberg \"progetti che usano licenze quali la GPL... "
-"vivono sotto la costante minaccia di vedersi soffiar via il progetto da "
-"qualcuno che produce una versione migliore del codice e lo fa più "
-"velocemente dei proprietari originali.\" [3]"
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:321
-msgid "GPL Advantages and Disadvantages"
-msgstr "Vantaggi e svantaggi della GPL"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:323
-msgid ""
-"A common reason to use the GPL is when modifying or extending the gcc "
-"compiler. This is particularly apt when working with one-off specialty CPUs "
-"in environments where all software costs are likely to be considered "
-"overhead, with minimal expectations that others will use the resulting "
-"compiler."
-msgstr ""
-"Una ragione comune per l'uso della GPL è la modifica o l'estensione del "
-"compilatore gcc. Ciò è particolarmente conveniente quando si lavora con "
-"processori molto particolari in ambienti in cui è probabile che tutti i "
-"costi del software siano considerati spese di gestione, con minime "
-"aspettative riguardo all'uso da parte di altri del compilatore risultante."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:329
-msgid ""
-"The GPL is also attractive to small companies selling CDs in an environment "
-"where \"buy-low, sell-high\" may still give the end-user a very inexpensive "
-"product. It is also attractive to companies that expect to survive by "
-"providing various forms of technical support, including documentation, for "
-"the GPLed intellectual property world."
-msgstr ""
-"La GPL è vantaggiosa per piccole aziende che vendono CD in un ambiente dove "
-"\"compra basso, vendi alto\" può ancora consegnare all'utente finale un "
-"prodotto molto economico. Essa è vantaggiosa anche per le aziende che "
-"contano di sopravvivere fornendo varie forme di supporto tecnico, "
-"documentazione inclusa, per il mondo della proprietà intellettuale GPL."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:336
-msgid ""
-"A less publicized and unintended use of the GPL is that it is very favorable "
-"to large companies that want to undercut software companies. In other words, "
-"the GPL is well suited for use as a marketing weapon, potentially reducing "
-"overall economic benefit and contributing to monopolistic behavior."
-msgstr ""
-"Un uso meno pubblicizzato e imprevisto della GPL consiste nell'essere molto "
-"favorevole a grandi aziende che vogliono tagliar fuori aziende del software. "
-"In altre parole, la GPL è adatta per essere utilizzata come un'arma di "
-"mercato, potenzialmente riducendo il beneficio economico globale e "
-"contribuendo ad un comportamento monopolistico."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:342
-msgid ""
-"The GPL can present a real problem for those wishing to commercialize and "
-"profit from software. For example, the GPL adds to the difficulty a graduate "
-"student will have in directly forming a company to commercialize his "
-"research results, or the difficulty a student will have in joining a company "
-"on the assumption that a promising research project will be commercialized."
-msgstr ""
-"La GPL può costituire un vero problema per coloro che vogliono "
-"commercializzare software e trarne profitto. Per esempio, la GPL accresce la "
-"difficoltà di uno studente laureato di fondare un'azienda per "
-"commercializzare i risultati delle sue ricerche e accrese altresì la "
-"difficoltà di uno studente di entrare in un'azienda a condizione che un suo "
-"progetto di ricerca promettente venga commercializzato."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:349
-msgid ""
-"For those who must work with statically-linked implementations of multiple "
-"software standards, the GPL is often a poor license, because it precludes "
-"using proprietary implementations of the standards. The GPL thus minimizes "
-"the number of programs that can be built using a GPLed standard. The GPL was "
-"intended to not provide a mechanism to develop a standard on which one "
-"engineers proprietary products. (This does not apply to Linux applications "
-"because they do not statically link, rather they use a trap-based API.)"
-msgstr ""
-"Per coloro che devono lavorare con implementazioni linkate staticamente di "
-"diversi standard software, la GPL è spesso una licenza infelice, perché "
-"preclude l'uso di implementazioni proprietarie degli standard. Così la GPL "
-"riduce il numero di programmi che possono essere costruiti usando uno "
-"standard GPL. La GPL intenzionalmente non fornisce un meccanismo per "
-"sviluppare uno standard sul quale si possano sviluppare prodotti "
-"proprietari. (Ciò non si applica alle applicazioni Linux perché non si "
-"collegano staticamente al kernel, bensì usano un'API trap-based.)"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:359
-msgid ""
-"The GPL attempts to make programmers contribute to an evolving suite of "
-"programs, then to compete in the distribution and support of this suite. "
-"This situation is unrealistic for many required core system standards, which "
-"may be applied in widely varying environments which require commercial "
-"customization or integration with legacy standards under existing (non-GPL) "
-"licenses. Real-time systems are often statically linked, so the GPL and LGPL "
-"are definitely considered potential problems by many embedded systems "
-"companies."
-msgstr ""
-"La GPL cerca di portare i programmatori a contribuire ad una collezione di "
-"programmi in evoluzione, quindi di competere nella distribuzione e nel "
-"supporto di questa collezione. Questa situazione è irrealistica per molti "
-"standard di sistema di base richiesti, che potrebbero essere applicati in "
-"ambienti ampiamente variabili richiedenti personalizzazioni commerciali o "
-"integrazioni con standard legacy sottoposti a licenze già esistenti (non "
-"GPL). I sistemi in tempo reale sono spesso linkati staticamente, quindi la "
-"GPL e la LGPL sono decisamente considerate potenziali problemi da molte "
-"aziende di sistemi integrati."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:369
-msgid ""
-"The GPL is an attempt to keep efforts, regardless of demand, at the research "
-"and development stages. This maximizes the benefits to researchers and "
-"developers, at an unknown cost to those who would benefit from wider "
-"distribution."
-msgstr ""
-"La GPL è un tentativo di mantenere gli sforzi, senza riguardo per la "
-"domanda, ai livelli della ricerca e dello sviluppo. Questo massimizza i "
-"benefici per i ricercatori e gli sviluppatori, ad un costo ignoto per coloro "
-"che guadagnerebbero da una distribuzione più ampia."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:374
-msgid ""
-"The GPL was designed to keep research results from transitioning to "
-"proprietary products. This step is often assumed to be the last step in the "
-"traditional technology transfer pipeline and it is usually difficult enough "
-"under the best of circumstances; the GPL was intended to make it impossible."
-msgstr ""
-"La GPL è stata progettata per impedire che i risultati di ricerca "
-"diventassero prodotti proprietari. Si suppone spesso che questo passo sia "
-"l'ultimo nel processo tradizionale di trasferimento tecnologico ed è "
-"solitamente abbastanza difficile anche nelle migliori delle circostanze; la "
-"GPL lo rende intenzionalmente impossibile."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:383
-msgid "BSD Advantages"
-msgstr "Vantaggi di BSD"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:385
-msgid ""
-"A BSD style license is a good choice for long duration research or other "
-"projects that need a development environment that:"
-msgstr ""
-"Una licenza in stile BSD è una buona scelta per ricerche di lunga durata o "
-"altri progetti che necessitano di un ambiente di sviluppo tale che:"
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:391
-msgid "has near zero cost"
-msgstr "abbia costi quasi nulli"
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:392
-msgid "will evolve over a long period of time"
-msgstr "evolva in un lungo periodo di tempo"
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:394
-msgid ""
-"permits anyone to retain the option of commercializing final results with "
-"minimal legal issues."
-msgstr ""
-"permetta a chiunque di mantenere la possibilità di commercializzare i "
-"risultati finali con problemi legali minimi."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:399
-msgid ""
-"This final consideration may often be the dominant one, as it was when the "
-"Apache project decided upon its license:"
-msgstr ""
-"Quest'ultima considerazione può essere spesso quella dominante, come fu il "
-"caso quando il progetto Apache decise la sua licenza:"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:402
-msgid ""
-"<quote>This type of license is ideal for promoting the use of a reference "
-"body of code that implements a protocol for common service. This is another "
-"reason why we choose it for the Apache group - many of us wanted to see HTTP "
-"survive and become a true multiparty standard, and would not have minded in "
-"the slightest if Microsoft or Netscape choose to incorporate our HTTP engine "
-"or any other component of our code into their products, if it helped further "
-"the goal of keeping HTTP common... All this means that, strategically "
-"speaking, the project needs to maintain sufficient momentum, and that "
-"participants realize greater value by contributing their code to the "
-"project, even code that would have had value if kept proprietary.</quote>"
-msgstr ""
-"<quote>Questo tipo di licenza è ideale per promuovere l'uso di un codice di "
-"riferimento che implementi un protocollo per un servizio comune. Questa è "
-"un'altra ragione per cui l'abbiamo scelto per il gruppo Apache - molti di "
-"noi volevano vedere HTTP sopravvivere e diventare un vero standard comune e "
-"non si sarebbero preoccupati minimamente se Microsoft o Netscape avessero "
-"scelto di incorporare il nostro motore HTTP o qualsiasi altra componente del "
-"nostro codice nei loro prodotti, se fosse stato ulteriormente utile allo "
-"scopo di mantenere HTTP comune... Tutto ciò significa che, strategicamente "
-"parlando, il progetto necessita di mantenere slancio sufficiente e che i "
-"partecipanti realizzano valore maggiore condividendo il loro codice col "
-"progetto, anche quel codice che avrebbe avuto valore se mantenuto "
-"proprietario.</quote>"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:415
-msgid ""
-"Developers tend to find the BSD license attractive as it keeps legal issues "
-"out of the way and lets them do whatever they want with the code. In "
-"contrast, those who expect primarily to use a system rather than program it, "
-"or expect others to evolve the code, or who do not expect to make a living "
-"from their work associated with the system (such as government employees), "
-"find the GPL attractive, because it forces code developed by others to be "
-"given to them and keeps their employer from retaining copyright and thus "
-"potentially \"burying\" or orphaning the software. If you want to force your "
-"competitors to help you, the GPL is attractive."
-msgstr ""
-"I programmatori tendono a trovare la licenza BSD vantaggiosa per il fatto "
-"che tiene i problemi legali fuori dai piedi e lascia loro fare ciò che "
-"vogliono con il codice. Al contrario, coloro che contano principalmente di "
-"utilizzare un sistema piuttosto che di programmarlo, o contano che altri "
-"facciano evolvere il codice, o coloro che non contano di vivere del loro "
-"lavoro associato al sistema (quali gli impiegati di governi), trovano la GPL "
-"vantaggiosa, perché fa sì che il codice sviluppato da altri sia loro "
-"restituito e impedisce il loro datore di lavoro di mantenere il copyright e "
-"così potenzialmente di \"seppellire\" il software o di renderlo orfano. Se "
-"si desidera costringere i concorrenti ad aiutare, la GPL è vantaggiosa."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:427
-msgid ""
-"A BSD license is not simply a gift. The question <quote>why should we help "
-"our competitors or let them steal our work?</quote> comes up often in "
-"relation to a BSD license. Under a BSD license, if one company came to "
-"dominate a product niche that others considered strategic, the other "
-"companies can, with minimal effort, form a mini-consortium aimed at "
-"reestablishing parity by contributing to a competitive BSD variant that "
-"increases market competition and fairness. This permits each company to "
-"believe that it will be able to profit from some advantage it can provide, "
-"while also contributing to economic flexibility and efficiency. The more "
-"rapidly and easily the cooperating members can do this, the more successful "
-"they will be. A BSD license is essentially a minimally complicated license "
-"that enables such behavior."
-msgstr ""
-"Una licenza BSD non è semplicemente un regalo. La domanda <quote>perché "
-"dovremmo aiutare i nostri concorrenti o lasciarli rubare il nostro lavoro?</"
-"quote> sorge spesso riguardo ad una licenza BSD. Secondo la licenza BSD, se "
-"un'azienda è venuta a dominare una nicchia di mercato che altri "
-"consideravano strategica, le altre aziende possono, con uno sforzo minimo, "
-"formare un mini-consorzio mirato a riequilibrare le parti contribuendo ad "
-"una variante BSD competitiva che aumenta la concorrenza di mercato e "
-"l'equità. Ciò permette ad ogni azienda di ritenere che sarà in grado di "
-"trarre profitto da un qualche vantaggio che è capace di fornire, nonché di "
-"contribuire alla flessibilità e all'efficienza economica. Più rapidamente e "
-"facilmente i membri cooperanti sono in grado di attuare ciò, più successo "
-"conseguiranno. Una licenza BSD è essenzialmente una licenza complicata il "
-"minimo necessario da consentire tale comportamento."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:442
-msgid ""
-"A key effect of the GPL, making a complete and competitive Open Source "
-"system widely available at cost of media, is a reasonable goal. A BSD style "
-"license, in conjunction with ad-hoc-consortiums of individuals, can achieve "
-"this goal without destroying the economic assumptions built around the "
-"deployment-end of the technology transfer pipeline."
-msgstr ""
-"Un effetto chiave della GPL, la costruzione di un sistema Open Source "
-"completo e competitivo ampiamente disponibile al prezzo del supporto, è uno "
-"scopo ragionevole. Una licenza in stile BSD, in congiunzione con consorzi ad "
-"hoc ed individui, può raggiungere questo scopo senza distruggere i "
-"presupposti economici costruiti attorno al termine del processo di "
-"trasferimento tecnologico, vale a dire la distribuzione."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:452
-msgid "Specific Recommendations for using a BSD license"
-msgstr "Raccomandazione specifiche per l'uso di una licenza BSD"
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:456
-msgid ""
-"The BSD license is preferable for transferring research results in a way "
-"that will widely be deployed and most benefit an economy. As such, research "
-"funding agencies, such as the NSF, ONR and DARPA, should encourage in the "
-"earliest phases of funded research projects, the adoption of BSD style "
-"licenses for software, data, results, and open hardware. They should also "
-"encourage formation of standards based around implemented Open Source "
-"systems and ongoing Open Source projects."
-msgstr ""
-"La licenza BSD è preferibile per trasferire risultati di ricerca in modo che "
-"vengano ampiamente distribuiti e che benefici l'economia. Pertanto, agenzie "
-"di finanziamento di ricerca, quali le americane NSF, ONR, DARPA o, in "
-"Italia, il CNR, dovrebbero incoraggiare, nelle fasi iniziali dei progetti di "
-"ricerca finanziati, l'adozione di licenze in stile BSD per software, dati, "
-"risultati e hardware aperto. Dovrebbero incoraggiare anche la formazione di "
-"standard basati su sistemi implementati Open Source e progetti Open Source "
-"in sviluppo."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:466
-msgid ""
-"Government policy should minimize the costs and difficulties in moving from "
-"research to deployment. When possible, grants should require results to be "
-"available under a commercialization friendly BSD style license."
-msgstr ""
-"Le politiche di governo dovrebbero minimizzare i costi e le difficoltà nel "
-"pasaggio dalla ricerca alla distribuzione. Quando possibile, le sovvenzioni "
-"dovrebbero richiedere che i risultati vengano resi disponibili secondo le "
-"condizioni di una licenza compatibile con la commercializzazione in stile "
-"BSD."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:471
-msgid ""
-"In many cases, the long-term results of a BSD style license more accurately "
-"reflect the goals proclaimed in the research charter of universities than "
-"what occurs when results are copyrighted or patented and subject to "
-"proprietary university licensing. Anecdotal evidence exists that "
-"universities are financially better rewarded in the long run by releasing "
-"research results and then appealing to donations from commercially "
-"successful alumni."
-msgstr ""
-"In molti casi, i risultati a lungo termine di una licenza in stile BSD "
-"riflettono più precisamente gli obiettivi proclamati nella carta di ricerca "
-"delle università rispetto a quanto accade quando i risultati sono sottoposti "
-"a copyright o brevetti e soggetti a licenze proprietarie di università. "
-"Aneddoti dimostrano che le università vengono ricompensate meglio "
-"finanziariamente nel lungo termine rilasciando i propri risultati di ricerca "
-"e quindi esortando a versare donazioni gli ex allievi che vantano successi "
-"commerciali."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:480
-msgid ""
-"Companies have long recognized that the creation of de facto standards is a "
-"key marketing technique. The BSD license serves this role well, if a company "
-"really has a unique advantage in evolving the system. The license is legally "
-"attractive to the widest audience while the company's expertise ensures "
-"their control. There are times when the GPL may be the appropriate vehicle "
-"for an attempt to create such a standard, especially when attempting to "
-"undermine or co-opt others. The GPL, however, penalizes the evolution of "
-"that standard, because it promotes a suite rather than a commercially "
-"applicable standard. Use of such a suite constantly raises commercialization "
-"and legal issues. It may not be possible to mix standards when some are "
-"under the GPL and others are not. A true technical standard should not "
-"mandate exclusion of other standards for non-technical reasons."
-msgstr ""
-"Le aziende hanno riconosciuto da molto tempo che la creazione di standard de "
-"facto è una tecnica di commercializzazione chiave. La licenza BSD interpreta "
-"bene questo ruolo, se un'azienda ha veramente un vantaggio unico "
-"nell'evoluzione del sistema. La licenza è legalmente vantaggiosa per il "
-"pubblico più ampio mentre l'esperienza dell'azienda assicura il controllo "
-"dello standard. Esistono casi in cui la GPL può essere il veicolo "
-"appropriato per creare uno standard del genere, soprattutto quando si cerca "
-"di sabotare o cooptare altri. La GPL, tuttavia, penalizza l'evoluzione dello "
-"standard, perché promuove una collezione di software piuttosto che uno "
-"standard commercialmente applicabile. L'uso di una tale collezione solleva "
-"costantemente problemi legali e di commercializzazione. Può non essere "
-"possibile mescolare standard quando alcuni sono sottoposti alla GPL mentre "
-"altri non lo sono. Un vero standard tecnico non dovrebbe imporre esclusioni "
-"di altri standard per ragioni non tecniche."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:496
-msgid ""
-"Companies interested in promoting an evolving standard, which can become the "
-"core of other companies' commercial products, should be wary of the GPL. "
-"Regardless of the license used, the resulting software will usually devolve "
-"to whoever actually makes the majority of the engineering changes and most "
-"understands the state of the system. The GPL simply adds more legal friction "
-"to the result."
-msgstr ""
-"Aziende interessate a promuovere uno standard in evoluzione, che potrebbe "
-"diventare il cuore dei prodotti commerciali di altre aziende, dovrebbero "
-"diffidare della GPL. Indipendentemente dalla licenza usata, il software "
-"risultante sarà generalmente trasferito a chiunque compia effettivamente la "
-"maggioranza dei cambiamenti tecnici e capisce meglio lo stato del sistema. "
-"La GPL semplicemente aggiunge più attrito legale al risultato."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:504
-msgid ""
-"Large companies, in which Open Source code is developed, should be aware "
-"that programmers appreciate Open Source because it leaves the software "
-"available to the employee when they change employers. Some companies "
-"encourage this behavior as an employment perk, especially when the software "
-"involved is not directly strategic. It is, in effect, a front-loaded "
-"retirement benefit with potential lost opportunity costs but no direct "
-"costs. Encouraging employees to work for peer acclaim outside the company is "
-"a cheap portable benefit a company can sometimes provide with near zero "
-"downside."
-msgstr ""
-"Grandi aziende, in cui viene sviluppato codice Open Source, dovrebbero "
-"essere a conoscenza del fatto che i programmatori apprezzano l'Open Source "
-"perché lascia il software disponibile all'impiegato quando cambiano datore "
-"di lavoro. Alcune aziende incoraggiano questo comportamento come un "
-"vantaggio dell'impiego, soprattuto quando il software in questione non è "
-"direttamente strategico. Si tratta, in effetti, di un benificio anticipato "
-"dell'interruzione del rapporto di lavoro con costi di perdita potenziali ma "
-"senza costi diretti. Incoraggiare gli impiegati a lavorare per colleghi al "
-"di fuori dell'azienda è un beneficio trasferibile poco costoso che "
-"un'azienda può a volte fornire quasi senza svantaggi."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:515
-msgid ""
-"Small companies with software projects vulnerable to orphaning should "
-"attempt to use the BSD license when possible. Companies of all sizes should "
-"consider forming such Open Source projects when it is to their mutual "
-"advantage to maintain the minimal legal and organization overheads "
-"associated with a true BSD-style Open Source project."
-msgstr ""
-"Piccole aziende con progetti software vulnerabili all'orphaning dovrebbero "
-"cercare di usare la licenza BSD quando possibile. Aziende di tutte le "
-"dimensioni dovrebbero considerare di formare tali progetti Open Source "
-"quando il mantenimento al minimo dei problemi legali e dei costi generali "
-"associati ad un vero progetto Open Source in stile BSD costituisce un "
-"vantaggio per tutte le parti."
-
-#. (itstool) path: listitem/para
-#: article.translate.xml:522
-msgid ""
-"Non-profits should participate in Open Source projects when possible. To "
-"minimize software engineering problems, such as mixing code under different "
-"licenses, BSD-style licenses should be encouraged. Being leery of the GPL "
-"should particularly be the case with non-profits that interact with the "
-"developing world. In some locales where application of law becomes a costly "
-"exercise, the simplicity of the new BSD license, as compared to the GPL, may "
-"be of considerable advantage."
-msgstr ""
-"Le organizzazioni senza fini di lucro dovrebbero partecipare a progetti Open "
-"Source quando possibile. Per evitare problemi di programmazione del "
-"software, come il mescolamento di codici sottoposti a licenze diverse, "
-"bisognerebbe incoraggiare l'uso di licenze in stile BSD. Essere cauti con la "
-"GPL è particolarmente indicato nel caso di organizzazioni senza scopo di "
-"lucro che interagiscono con il mondo della programmazione. In località in "
-"cui l'applicazione della legge diventa un esercizio costoso, la semplicità "
-"della nuova licenza BSD, paragonata alla GPL, può costituire un vantaggio "
-"considerevole."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:537
-msgid "Conclusion"
-msgstr "Conclusione"
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:539
-msgid ""
-"In contrast to the GPL, which is designed to prevent the proprietary "
-"commercialization of Open Source code, the BSD license places minimal "
-"restrictions on future behavior. This allows BSD code to remain Open Source "
-"or become integrated into commercial solutions, as a project's or company's "
-"needs change. In other words, the BSD license does not become a legal time-"
-"bomb at any point in the development process."
-msgstr ""
-"Al contrario della GPL, che è progettata per impedire la commercializzazione "
-"proprietaria di codice Open Source, la licenza BSD pone restrizioni minime "
-"su comportamenti futuri. Questo consente al codice BSD di rimanere Open "
-"Source o di venire integrato in soluzioni commerciali, dato che i bisogni di "
-"un progetto o di un'azienda cambiano. In altre parole, la licenza BSD non "
-"diventa una bomba ad orologeria legale in nessun punto del processo di "
-"sviluppo."
-
-#. (itstool) path: sect1/para
-#: article.translate.xml:547
-msgid ""
-"In addition, since the BSD license does not come with the legal complexity "
-"of the GPL or LGPL licenses, it allows developers and companies to spend "
-"their time creating and promoting good code rather than worrying if that "
-"code violates licensing."
-msgstr ""
-"Inoltre, siccome la licenza BSD non comporta la complessità legale delle "
-"licenze GPL e LGPL, consente ai programmatori e alle aziende di impiegare il "
-"loro tempo nel creare e promuovere codice di qualità invece di preoccuparsi "
-"riguardo alla possibilità che tale codice violi qualche licenza."
-
-#. (itstool) path: sect1/title
-#: article.translate.xml:555
-msgid "Bibliographical References"
-msgstr "Riferimenti bibliografici"
-
-#. (itstool) path: sect1/programlisting
-#: article.translate.xml:557
-#, no-wrap
-msgid ""
-"\n"
-"[1] http://www.gnu.org/licenses/gpl.html\n"
-"\n"
-"[2] http://archives.cnn.com/2000/TECH/computing/03/28/cyberpatrol.mirrors/\n"
-"\n"
-"[3] Open Source: the Unauthorized White Papers, Donald K. Rosenberg, IDG Books,\n"
-" 2000. Quotes are from page 114, ``Effects of the GNU GPL''.\n"
-"\n"
-"[4] In the \"What License to Use?\" section of\n"
-" http://www.oreilly.com/catalog/opensources/book/brian.html\n"
-"\n"
-"This whitepaper is a condensation of an original work available at\n"
-"http://alumni.cse.ucsc.edu/~brucem/open_source_license.htm\n"
-"\n"
-msgstr ""
-"\n"
-"[1] http://www.gnu.org/licenses/gpl.html\n"
-"\n"
-"[2] http://archives.cnn.com/2000/TECH/computing/03/28/cyberpatrol.mirrors/\n"
-"\n"
-"[3] Open Source: the Unauthorized White Papers, Donald K. Rosenberg, IDG Books,\n"
-" 2000. Citazioni da pagina 114, ``Effects of the GNU GPL''.\n"
-"\n"
-"[4] Nella sezione \"What License to Use?\" di\n"
-" http://www.oreilly.com/catalog/opensources/book/brian.html\n"
-"\n"
-"Questo documento è un riassunto del lavoro originale disponibile a\n"
-"http://alumni.cse.ucsc.edu/~brucem/open_source_license.htm\n"
-"\n"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/Makefile
deleted file mode 100644
index 6bee2d7230..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,9 +0,0 @@
-# $FreeBSD$
-
-SUBDIR = handbook
-
-ROOT_SYMLINKS= handbook
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../..
-
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/Makefile.inc b/it_IT.ISO8859-15/books/Makefile.inc
deleted file mode 100644
index b5ae1d9824..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/Makefile.inc
+++ /dev/null
@@ -1,5 +0,0 @@
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-DESTDIR?= ${DOCDIR}/it_IT.ISO8859-15/books/${.CURDIR:T}
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/Makefile
deleted file mode 100644
index 9dc401ae98..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,260 +0,0 @@
-#
-# $FreeBSD$
-# Original revision: 1.108
-#
-# Crea il Manuale di FreeBSD.
-#
-
-MAINTAINER= ale@FreeBSD.org
-
-DOC?= book
-
-FORMATS?= html-split
-
-INSTALL_COMPRESSED?= gz
-INSTALL_ONLY_COMPRESSED?=
-
-IMAGES_EN = advanced-networking/isdn-bus.eps
-IMAGES_EN+= advanced-networking/isdn-twisted-pair.eps
-IMAGES_EN+= advanced-networking/natd.eps
-IMAGES_EN+= advanced-networking/net-routing.pic
-IMAGES_EN+= advanced-networking/static-routes.pic
-IMAGES_EN+= geom/striping.pic
-IMAGES_EN+= install/adduser1.scr
-IMAGES_EN+= install/adduser2.scr
-IMAGES_EN+= install/adduser3.scr
-IMAGES_EN+= install/boot-loader-menu.scr
-IMAGES_EN+= install/boot-mgr.scr
-IMAGES_EN+= install/config-country.scr
-IMAGES_EN+= install/console-saver1.scr
-IMAGES_EN+= install/console-saver2.scr
-IMAGES_EN+= install/console-saver3.scr
-IMAGES_EN+= install/console-saver4.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-auto.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-ed1.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-ed2.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-fs.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-root1.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-root2.scr
-IMAGES_EN+= install/disklabel-root3.scr
-IMAGES_EN+= install/disk-layout.eps
-IMAGES_EN+= install/dist-set.scr
-IMAGES_EN+= install/dist-set2.scr
-IMAGES_EN+= install/docmenu1.scr
-IMAGES_EN+= install/ed0-conf.scr
-IMAGES_EN+= install/ed0-conf2.scr
-IMAGES_EN+= install/edit-inetd-conf.scr
-IMAGES_EN+= install/example-dir1.eps
-IMAGES_EN+= install/example-dir2.eps
-IMAGES_EN+= install/example-dir3.eps
-IMAGES_EN+= install/example-dir4.eps
-IMAGES_EN+= install/example-dir5.eps
-IMAGES_EN+= install/fdisk-drive1.scr
-IMAGES_EN+= install/fdisk-drive2.scr
-IMAGES_EN+= install/fdisk-edit1.scr
-IMAGES_EN+= install/fdisk-edit2.scr
-IMAGES_EN+= install/ftp-anon1.scr
-IMAGES_EN+= install/ftp-anon2.scr
-IMAGES_EN+= install/hdwrconf.scr
-IMAGES_EN+= install/keymap.scr
-IMAGES_EN+= install/main1.scr
-IMAGES_EN+= install/mainexit.scr
-IMAGES_EN+= install/main-std.scr
-IMAGES_EN+= install/main-options.scr
-IMAGES_EN+= install/main-doc.scr
-IMAGES_EN+= install/main-keymap.scr
-IMAGES_EN+= install/media.scr
-IMAGES_EN+= install/mouse1.scr
-IMAGES_EN+= install/mouse2.scr
-IMAGES_EN+= install/mouse3.scr
-IMAGES_EN+= install/mouse4.scr
-IMAGES_EN+= install/mouse5.scr
-IMAGES_EN+= install/mouse6.scr
-IMAGES_EN+= install/mta-main.scr
-IMAGES_EN+= install/net-config-menu1.scr
-IMAGES_EN+= install/net-config-menu2.scr
-IMAGES_EN+= install/nfs-server-edit.scr
-IMAGES_EN+= install/ntp-config.scr
-IMAGES_EN+= install/options.scr
-IMAGES_EN+= install/pkg-cat.scr
-IMAGES_EN+= install/pkg-confirm.scr
-IMAGES_EN+= install/pkg-install.scr
-IMAGES_EN+= install/pkg-sel.scr
-IMAGES_EN+= install/probstart.scr
-IMAGES_EN+= install/routed.scr
-IMAGES_EN+= install/security.scr
-IMAGES_EN+= install/sysinstall-exit.scr
-IMAGES_EN+= install/timezone1.scr
-IMAGES_EN+= install/timezone2.scr
-IMAGES_EN+= install/timezone3.scr
-IMAGES_EN+= install/userconfig.scr
-IMAGES_EN+= install/userconfig2.scr
-IMAGES_EN+= mail/mutt1.scr
-IMAGES_EN+= mail/mutt2.scr
-IMAGES_EN+= mail/mutt3.scr
-IMAGES_EN+= mail/pine1.scr
-IMAGES_EN+= mail/pine2.scr
-IMAGES_EN+= mail/pine3.scr
-IMAGES_EN+= mail/pine4.scr
-IMAGES_EN+= mail/pine5.scr
-IMAGES_EN+= security/ipsec-crypt-pkt.pic
-IMAGES_EN+= security/ipsec-encap-pkt.pic
-IMAGES_EN+= security/ipsec-network.pic
-IMAGES_EN+= security/ipsec-out-pkt.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-concat.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-mirrored-vol.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-raid10-vol.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-raid5-org.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-simple-vol.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-striped-vol.pic
-IMAGES_EN+= vinum/vinum-striped.pic
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd1.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd2.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd3.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd4.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd5.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd6.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd7.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd8.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd9.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd10.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd11.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd12.png
-IMAGES_EN+= virtualization/parallels-freebsd13.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd1.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd2.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd3.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd4.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd5.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd6.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd7.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd8.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd9.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd10.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd11.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd12.png
-IMAGES_EN+= virtualization/virtualpc-freebsd13.png
-
-# Immagini dalla libreria per tutti i documenti
-IMAGES_LIB = callouts/1.png
-IMAGES_LIB+= callouts/2.png
-IMAGES_LIB+= callouts/3.png
-IMAGES_LIB+= callouts/4.png
-IMAGES_LIB+= callouts/5.png
-IMAGES_LIB+= callouts/6.png
-IMAGES_LIB+= callouts/7.png
-IMAGES_LIB+= callouts/8.png
-IMAGES_LIB+= callouts/9.png
-IMAGES_LIB+= callouts/10.png
-IMAGES_LIB+= callouts/11.png
-IMAGES_LIB+= callouts/12.png
-IMAGES_LIB+= callouts/13.png
-IMAGES_LIB+= callouts/14.png
-IMAGES_LIB+= callouts/15.png
-
-#
-# SRCS lista i singoli files XML che compongono il documento. Modifiche
-# a qualunque di questi files obbligano la ricreazione
-#
-
-# Contenuto XML
-SRCS = book.xml
-SRCS+= colophon.xml
-SRCS+= advanced-networking/chapter.xml
-SRCS+= audit/chapter.xml
-SRCS+= basics/chapter.xml
-SRCS+= bibliography/chapter.xml
-SRCS+= boot/chapter.xml
-SRCS+= config/chapter.xml
-SRCS+= cutting-edge/chapter.xml
-SRCS+= desktop/chapter.xml
-SRCS+= disks/chapter.xml
-SRCS+= eresources/chapter.xml
-SRCS+= firewalls/chapter.xml
-SRCS+= geom/chapter.xml
-SRCS+= install/chapter.xml
-SRCS+= introduction/chapter.xml
-SRCS+= jails/chapter.xml
-SRCS+= kernelconfig/chapter.xml
-SRCS+= l10n/chapter.xml
-SRCS+= linuxemu/chapter.xml
-SRCS+= mac/chapter.xml
-SRCS+= mail/chapter.xml
-SRCS+= mirrors/chapter.xml
-SRCS+= multimedia/chapter.xml
-SRCS+= network-servers/chapter.xml
-SRCS+= pgpkeys/chapter.xml
-SRCS+= ports/chapter.xml
-SRCS+= ppp-and-slip/chapter.xml
-SRCS+= preface/preface.xml
-SRCS+= printing/chapter.xml
-SRCS+= security/chapter.xml
-SRCS+= serialcomms/chapter.xml
-SRCS+= users/chapter.xml
-SRCS+= vinum/chapter.xml
-SRCS+= virtualization/chapter.xml
-SRCS+= x11/chapter.xml
-
-# Entities
-SRCS+= chapters.ent
-
-SYMLINKS= ${DESTDIR} index.html handbook.html
-
-# Attiva tutti i capitoli.
-CHAPTERS?= ${SRCS:M*chapter.xml}
-
-XMLFLAGS+= ${CHAPTERS:S/\/chapter.xml//:S/^/-i chap./}
-XMLFLAGS+= -i chap.freebsd-glossary
-
-URL_RELPREFIX?= ../../../..
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../..
-
-#
-# rules generating lists of mirror site from XML database.
-#
-XMLDOCS= lastmod:::mirrors.lastmod.inc \
- mirrors-ftp-index:::mirrors.xml.ftp.index.inc \
- mirrors-ftp:::mirrors.xml.ftp.inc \
- mirrors-cvsup-index:::mirrors.xml.cvsup.index.inc \
- mirrors-cvsup:::mirrors.xml.cvsup.inc \
- eresources-index:::eresources.xml.www.index.inc \
- eresources:::eresources.xml.www.inc
-DEPENDSET.DEFAULT= transtable mirror
-XSLT.DEFAULT= ${XSL_MIRRORS}
-XML.DEFAULT= ${XML_MIRRORS}
-
-PARAMS.lastmod+= --param 'target' "'lastmod'"
-PARAMS.mirrors-ftp-index+= --param 'type' "'ftp'" \
- --param 'proto' "'ftp'" \
- --param 'target' "'index'"
-PARAMS.mirrors-ftp+= --param 'type' "'ftp'" \
- --param 'proto' "'ftp'" \
- --param 'target' "'handbook/mirrors/chapter.xml'"
-PARAMS.mirrors-cvsup-index+= --param 'type' "'cvsup'" \
- --param 'proto' "'cvsup'" \
- --param 'target' "'index'"
-PARAMS.mirrors-cvsup+= --param 'type' "'cvsup'" \
- --param 'proto' "'cvsup'" \
- --param 'target' "'handbook/mirrors/chapter.xml'"
-PARAMS.eresources-index+= --param 'type' "'www'" \
- --param 'proto' "'http'" \
- --param 'target' "'index'"
-PARAMS.eresources+= --param 'type' "'www'" \
- --param 'proto' "'http'" \
- --param 'target' "'handbook/eresources/chapter.xml'"
-
-EXTRAS= mirrors.lastmod.inc \
- mirrors.xml.ftp.inc \
- mirrors.xml.ftp.index.inc \
- mirrors.xml.cvsup.inc \
- mirrors.xml.cvsup.index.inc \
- eresources.xml.www.inc \
- eresources.xml.www.index.inc
-
-XMLDOCS_NO_SRCS=YES
-CLEANFILES+= ${EXTRAS}
-
-_extras: ${EXTRAS}
-mirrors/chapter.xml: ${EXTRAS}
-
-.include "${DOC_PREFIX}/share/mk/doc.project.mk"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/Makefile
deleted file mode 100644
index 81a4b6cc34..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= advanced-networking/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.xml
deleted file mode 100644
index fa5599edff..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/advanced-networking/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,75 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="advanced-networking">
- <title>Networking Avanzato</title>
-
- <sect1 xml:id="advanced-networking-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-routing">
- <title>Gateways e Routes</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-wireless">
- <title>Wireless</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-bluetooth">
- <title>Bluetooth</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-bridging">
- <title>Bridging</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-diskless">
- <title>Modalit senza dischi</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-isdn">
- <title>ISDN</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-natd">
- <title>NAT</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-plip">
- <title>PLIP</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-ipv6">
- <title>IPv6</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="network-atm">
- <title>ATM</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/Makefile
deleted file mode 100644
index c7eb1af36f..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= audit/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 641f9c2aab..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/audit/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,746 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.33
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="audit">
- <info><title>Auditing degli Eventi di Sicurezza</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Scritto da </contrib></author>
-
- <author><personname><firstname>Robert</firstname><surname>Watson</surname></personname></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <sect1 xml:id="audit-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <indexterm><primary>AUDIT</primary></indexterm>
- <indexterm>
- <primary>Auditing degli Eventi di Sicurezza</primary>
- <see>MAC</see>
- </indexterm>
-
- <para>&os; 6.2-RELEASE e i successivi includono supporto
- per audit di eventi relativi alla sicurezza. L'audit
- degli eventi permette di tener traccia attraverso i log in modo
- affidabile, preciso e configurabile di una variet
- di eventi rilevanti per la sicurezza del sistema, inclusi
- i login, i cambiamenti della configurazione e l'accesso
- ai file ed alla rete. Questi dati loggati possono essere
- molto preziosi per il monitoraggio di sistemi in produzione,
- ricerca di intrusioni ed analisi post mortem. &os;
- implementa le API di <acronym>BSM</acronym> di &sun; e i suoi
- formati di file, ed interoperabile sia con le
- implementazioni di audit di &sun; &solaris;
- che con quelle di &apple; &macos; X.</para>
-
- <para>Questo capitolo si focalizza sull'installazione
- e la configurazione dell'Auditing degli Eventi. Spiega politiche di
- auditing e fornisce come esempio una configurazione di audit.</para>
-
- <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Cosa l'Auditing di Eventi e come funziona.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come configurare l'Auditing di Eventi su &os;
- per utenti e processi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come rivedere la traccia di audit usando la riduzione dell'audit
- e i tool per studiarla.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Prima di leggere questo capitolo, dovresti:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Comprendere le basi di &unix; e &os;
- (<xref linkend="basics"/>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Essere familiare con le basi di configurazione e compilazione
- del kernel (<xref linkend="kernelconfig"/>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Avere una certa familiarit con la sicurezza
- e come si applica a &os; (<xref linkend="security"/>).</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <warning>
- <para>La funzione di audit in &os; 6.<replaceable>X</replaceable>
- sperimentale
- e la messa in produzione dovrebbe avvenire solo dopo aver ben
- ponderato i rischi connessi al software sperimentale.
- Le limitazioni note includono che non tutti gli eventi
- relativi alla sicurezza al momento posso essere tracciati
- con l'audit, e che alcuni meccanismi di login, come
- display manager basati su X11 e demoni di terze parti,
- non sono correttamente configurabili per tracciare sotto audit
- le sessioni di login degli utenti.</para>
-
- <para>La funzione di audit di sicurezza pu generare
- log molto dettagliati dell'attivit di sistema: su un
- sistema carico, i file di traccia possono essere molto grandi
- quando sono configurati in dettaglio, oltre i gigabytes per settimana.
- Gli amministratori dovrebbero tenere in conto le richieste di spazio
- associate alla configurazione dell'audit di grandi dimensioni.
- Ad esempio, potrebbe essere desiderabile dedicare un intero
- file system alle directory sotto <filename>/var/audit</filename>
- in modo che gli altri file system non siano toccati se il file system
- di audit si riempie completamente.</para>
- </warning>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="audit-inline-glossary">
- <title>Termini chiave - Parole da conoscere</title>
-
- <para>Prima di leggere questo capitolo, dobbiamo chiarire alcuni termini relativi
- all'audit:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><emphasis>event</emphasis>: Un event tracciabile da audit
- ogni evento che pu essere tenuto sotto
- osservazione dal sottosistema di audit.
- Esempi di eventi rilevanti per la sicurezza includono
- la creazione di un file, lo stabilire una connessione di rete,
- o il loggarsi di un utente.
- Gli event sono o <quote>attribuibili</quote>,
- ovvero possono essere riferiti ad un utente
- autenticato, o <quote>non attribuibili</quote> se non
- possono esserlo. Esempi di eventi non attribuibili sono
- tutti gli eventi che occorrono prima dell'autenticazione
- nel processo di login, come tentativi di login con
- password errata.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>class</emphasis>: Le class di eventi sono insiemi
- di eventi correlati fra loro, e sono usati nelle espressioni
- di selezione. Class di eventi usate spesso includono <quote>
- la creazione di file</quote> (fc), <quote>esecuzione</quote> (ex)
- e <quote>login_logout</quote> (lo).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>record</emphasis>: Un record una voce nel log
- di audit che descrive un evento di sicurezza. I record contengono
- il tipo di evento, informazione sul soggetto che ha causato l'evento,
- informazione sulla data e sull'ora dell'evento, informazione su ogni
- oggetto o argomento, ed una condizione di successo o fallimento.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>trail</emphasis>: Una traccia di audit, o file di log,
- consiste in una serie di record di eventi che descrivono
- eventi di sicurezza. Tipicamente le tracce sono in qualche modo
- in ordine cronologico rispetto all'istante in cui l'evento
- si realizzato. Solo processi autorizzati
- hanno il permesso di tracciare record nella traccia di audit.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>selection expression</emphasis>: Una espressione
- di selezione una stringa che contiene una lista di prefissi
- e nomi di classi di eventi usati per catalogare eventi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>preselection</emphasis>: Il processo attraverso il quale
- il sistema identifica quali eventi sono di interesse per l'amministratore
- al fine di evitare di generare record di audit per eventi che
- non siano di interesse. La configurazione della preselezione
- usa una serie di espressioni di selezioni per identificare
- quali classi di eventi siano da tracciare per quale utente,
- come anche impostazioni globali che si applicano sia a processi
- autenticati che nono autenticati.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>reduction</emphasis>: Il processo attraverso
- il quale i record di un audit esistente sono selezionati
- per il salvataggio, la stampa, l'analisi. Ovvero, il processo
- attraverso il quale record di audit non desiderati siano
- rimossi dalla traccia di audit. Usando la riduzione, gli amministratori
- sono in grado di implementare politiche per il salvataggio
- di dati di audit. Per esempio, tracce di audit dettagliate
- possono essere tenute per un mese, dopodich le
- tracce possono essere ridotte al fine di preservare solo
- le informazioni di login.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="audit-install">
- <title>Installare il Supporto Audit</title>
-
- <para>Il supporto in user space per l'Audit degli Eventi
- installato come parte del sistema operativo &os;.
- In &os; 7.0 e successivi, il supporto kernel all'Audit degli eventi
- compilato di default. In &os; 6.<replaceable>X</replaceable>,
- il supporto all'Audit degli eventi deve essere compilato
- esplicitamente nel kernel aggiungendo le seguenti
- righe al file di configurazione del kernel:</para>
-
- <programlisting>options AUDIT</programlisting>
-
- <para>Ricompila e reinstalla il kernel attraverso
- il normale processo spiegato in
- <xref linkend="kernelconfig"/>.</para>
-
- <para>Una volta che il kernel stato compilato ed
- installato con l'audit abilitato, ed il
- sistema stato rebootato, abilita il demone audit
- aggiungendo la seguente riga in &man.rc.conf.5;:</para>
-
- <programlisting>auditd_enable="YES"</programlisting>
-
- <para>Il supporto all'audit a questo punto deve essere avviato
- al reboot, o manualmente avviando il demone:</para>
-
- <programlisting>/etc/rc.d/auditd start</programlisting>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="audit-config">
- <title>Configurazione dell'Audit</title>
-
- <para>Tutti i file di configurazione per l'audit di sicurezza
- si trovano in <filename>/etc/security</filename>.
- I seguenti file devono essere presenti prima dell'avvio
- del demone audit:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><filename>audit_class</filename> - Contiene le definizioni
- delle classi di audit.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>audit_control</filename> - Controlla aspetti
- del sottosistema dell'audit, come le classi audit di default,
- il minimo spazio su disco da lasciare al log di audit,
- la massima dimensione della traccia di audit, etc.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>audit_event</filename> - Nomi testuali e descrizioni
- degli eventi di audit di sistema, cos&iacute; come una lista
- di quali classi contengano quali eventi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>audit_user</filename> - Requisiti specifici dell'audit
- per l'utente, combinati con i default globali
- al login.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>audit_warn</filename> - Uno script customizzabile
- usato da <application>auditd</application> per generare messaggi di
- warning in situazioni eccezionali,
- come ad esempio quando sta finendo lo spazio per i record
- o quando le tracce dell'audit sono ruotate.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <warning>
- <para>I file di configurazione dell'audit dovrebbero essere editati
- e manotenuti con attenzione, dato che errori nella
- configurazione possono risultare in un tracciamento improprio
- degli eventi.</para>
- </warning>
-
- <sect2>
- <title>Espressioni per la Selezione degli Eventi</title>
-
- <para>Le espressioni per la selezione sono usate in un certo
- numero di posti nella configurazione dell'audit per determinare
- quali eventi dovrebbero essere sotto audit.
- Le espressioni contengono una serie di classi di eventi,
- ognuna con un prefisso che indica se i record che sono indicati
- debbano essere accettati o ignorati, ed opzionalmente ad indicare
- se i record che vengono individuati siano da tracciare ad
- un successo o ad un fallimento. Le espressioni di selezione
- sono valutate da sinistra a destra, e due espressioni sono
- combinate aggiungendo una all'altra.</para>
-
- <para>La seguente lista contiene le classi di eventi di default
- presenti in <filename>audit_class</filename>:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><literal>all</literal> - <emphasis>all</emphasis> - Indica
- tutte le classi di eventi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>ad</literal> - <emphasis>administrative</emphasis>
- - Le azioni amministrative eseguite su un sistema
- nel suo complesso.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>ap</literal> - <emphasis>application</emphasis> -
- Azioni definite dall'applicazione.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>cl</literal> - <emphasis>file close</emphasis> -
- Chiamate audit alla system call <function>close</function>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>ex</literal> - <emphasis>exec</emphasis> - Fa l'audit
- delle esecuzioni di un programma. L'audit degli argomenti
- della command line e delle variabili di ambiente
- controllato da &man.audit.control.5; usando i parametri
- <literal>argv</literal> e <literal>envv</literal> nelle
- impostazioni della <literal>policy</literal>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>fa</literal> - <emphasis>file attribute access</emphasis>
- - Fa l'audit dell'accesso ad attributi di accesso
- come &man.stat.1;, &man.pathconf.2; ed eventi simili.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>fc</literal> - <emphasis>file create</emphasis>
- - Fa l'audit di eventi che hanno come risultato
- la creazione di un file.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>fd</literal> - <emphasis>file delete</emphasis>
- - Fa l'audit di eventi in cui avvenga una cancellazione
- di file.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>fm</literal> - <emphasis>file attribute modify</emphasis>
- - Fa l'audit di eventi in cui avvenga una modifica
- degli attributi dei file, come &man.chown.8;, &man.chflags.1;, &man.flock.2;,
- etc.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>fr</literal> - <emphasis>file read</emphasis>
- - Fa l'audit di eventi nei quali dei dati siano letti,
- file siano aperti in lettura, etc.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>fw</literal> - <emphasis>file write</emphasis> -
- Fa l'audit di eventi in cui dati siano scritti,
- file siano scritti o modificati, etc.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>io</literal> - <emphasis>ioctl</emphasis> -
- Fa l'audit dell'uso della system call &man.ioctl.2;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>ip</literal> - <emphasis>ipc</emphasis> - Fa l'audit
- di varie forme di Inter-Process Communication, incluse pipe
- POSIX e operazioni <acronym>IPC</acronym> System V.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>lo</literal> - <emphasis>login_logout</emphasis> -
- Fa l'audit di eventi di &man.login.1; e &man.logout.1; che occorrano
- nel sistema.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>na</literal> - <emphasis>non attributable</emphasis> -
- Fa l'audit di eventi non attribuibili.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>no</literal> - <emphasis>invalid class</emphasis> -
- Indica nessun evento di audit.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>nt</literal> - <emphasis>network</emphasis> -
- Fa l'audit di eventi relativi ad azioni di rete, come
- &man.connect.2; e &man.accept.2;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>ot</literal> - <emphasis>other</emphasis> -
- Fa l'audit di eventi miscellanei.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>pc</literal> - <emphasis>process</emphasis> -
- Fa l'audit di operazioni dei processi, come
- &man.exec.3; e &man.exit.3;.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Queste classi di eventi audit possono essere personalizzate
- modificando i file di configurazione
- <filename>audit_class</filename> e
- <filename>audit_event</filename>.</para>
-
- <para>Ogni classe di audit nella lista combinata
- con un prefisso che indica se le operazione di successo
- o andate in fallimento siano intercettate, e se la entry
- sta aggiungendo o togliendo delle regole di intercettazione
- per la classe ed il tipo.</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>(none) Fa l'audit di istanze dell'evento sia di successo
- che fallite.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>+</literal> Fa l'audit di eventi di successo
- in questa classe.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>-</literal> fa l'audit di eventi falliti
- in questa classe.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>^</literal> Non fa l'audit di eventi n
- di successo n falliti in questa classe.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>^+</literal> Non fa l'audit di eventi di successo
- in questa classe.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>^-</literal> Non fa l'audit di eventi falliti in
- questa classe.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Il seguente esempio di selezione indica eventi di login/logout
- sia di successo che non, ma solo eventi di successo di esecuzione:</para>
-
- <programlisting>lo,+ex</programlisting>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>File di Configurazione</title>
-
- <para>Nella maggior parte dei casi, gli amministratori dovranno
- solo modificare due file quando configurano il sistema audit:
- <filename>audit_control</filename> ed <filename>audit_user</filename>.
- Il primo controlla le propriet e le politiche di tutto
- il sistema, il secondo pu essere usato per fare del
- fine tuning iper il singolo utente.</para>
-
- <sect3 xml:id="audit-auditcontrol">
- <title>Il File <filename>audit_control</filename></title>
-
- <para>Il file <filename>audit_control</filename> specifica un certo numero
- di valori di default per il sottosistema audit. Leggendo i contenuti
- di questo file, notiamo le seguenti righe:</para>
-
- <programlisting>dir:/var/audit
-flags:lo
-minfree:20
-naflags:lo
-policy:cnt
-filesz:0</programlisting>
-
- <para>L'opzione <option>dir</option> viene usata per impostare
- una o pi directory dove i file di log dell'audit vengono
- salvati. Se appare pi di una directory, saranno
- usati in ordine uno dopo l'altro, dopo che uno si riempie.
- comune configurare
- audit cosicch i log siano tenuti in un filesystem
- dedicato, per prevenire interferenze fra il sottosistema
- audit ed altri sottosistemi se il filesystem si riempie.</para>
-
- <para>Il campo <option>flags</option> imposta la maschera di preselzione
- per gli eventi attribuibili per tutto il sistema. Nell'esempio
- sopra, i login ed i logout di successo e quelli falliti
- sono tenuti sotto audit per tutto il sistema.</para>
-
- <para>L'opzione <option>minfree</option> definisce la minima percentuale
- di spazio libero per i file system dove vengono conservate
- le tracce dell'audit. Quando questo limite viene superato,
- sar generato un warning. L'esempio sopra imposta
- il minimo spazio libero al venti per cento.</para>
-
- <para>L'opzione <option>naflags</option> specifica le classi di audit
- da tenere sotto audit per gli eventi non attribuibili, come
- il processo di login ed i demoni di sistema.</para>
-
- <para>L'opzione <option>policy</option> specifica una lista separata
- da virgole di flag per le politiche che controllano vari aspetti
- del comportamento dell'audit. Il flag di default <literal>cnt</literal>
- indica che il sistema dovrebbe continuare a funzionare nonostante
- un errore dell'audit (questa flag altamente consigliato).
- Un altro flag usato di comune <literal>argv</literal>,
- che fa s che gli argomenti di command line della sistema call &man.execve.2;
- siano tenuti sotto audit come parte dell'esecuzione del comando.</para>
-
- <para>L'opzione <option>filesz</option> specifica la massima dimensione
- in bytes da tenere per le tracce di audit, prima di terminarli
- automaticamente e routarli. Il default, 0, disabilita la rotazione
- dei file di log. Se la dimensione diversa di zero
- ma minore del minimo, 512k, sar ignorata ed un messaggio di log
- sar generato.</para>
- </sect3>
-
- <sect3 xml:id="audit-audituser">
- <title>Il File <filename>audit_user</filename></title>
-
- <para>Il file <filename>audit_user</filename> permette all'amministratore
- di specificare ulteriori requisiti dell'audit per utenti
- specifici. Ogni linea configura l'audit per un utente
- attraverso due campi: il primo campo <literal>alwaysaudit</literal>,
- che specifica un insieme di eventi che dovrebbero sempre essere tenuti
- sotto audit per l'utente, ed il secondo il campo
- <literal>neveraudit</literal>, che specifica un insieme di eventi
- che non dovrebbero mai essere tenuti sotto audit per l'utente.
- </para>
-
- <para>Il seguente esempio di file <filename>audit_user</filename> fa
- l'audit di eventi di login/logout e delle esecuzioni di successo
- per l'utente <systemitem class="username">root</systemitem>, e fa l'audit della creazione
- e dell'esecuzione di successo per l'utente <systemitem class="username">www</systemitem>.
- Se usato con il file di esempio <filename>audit_control</filename>
- sopra riportato, l'entry <literal>lo</literal> per
- <systemitem class="username">root</systemitem> ridondante, e gli eventi di
- login/logout sarano tenuti sotto audit anche per l'utente
- <systemitem class="username">www</systemitem>.</para>
-
- <programlisting>root:lo,+ex:no
-www:fc,+ex:no</programlisting>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="audit-administration">
- <title>Amministrare il Sottosistema Audit</title>
-
- <sect2>
- <title>Leggere le Tracce di Audit</title>
-
- <para>Le tracce di audit sono conservate nel formato binario BSM,
- cos devono essere usati degli strumenti appositi
- per modificare o convertirli a testo. Il comando &man.praudit.1;
- converte file di traccia a semplice formato testo; il comando
- <command>auditreduce</command> pu essere usato per ridurre
- file di traccia per analisi, archiviazione o stampa.
- &man.auditreduce.1; supporta una variet di
- parametri di selezione, incluso il tipo di evento, la classe
- dell'evento, l'utente, la data o l'ora dell'evento, ed il percorso
- del file o l'oggetto su cui si opera.</para>
-
- <para>Per esempio, l'utility <command>praudit</command> far il
- dump dell'intero contenuto di uno specifico file di log di audit
- in semplice formato testuale:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>praudit /var/audit/AUDITFILE</userinput></screen>
-
- <para>Dove <filename>AUDITFILE</filename>
- il nome del file di log di cui fare il dump.</para>
-
- <para>Le tracce di audit consistono in una serie di record di audit
- composti da token, che <command>praudit</command> scrive sequenzialmente
- uno per linea. Ogni token per un tipo specifico,
- come <literal>header</literal> che tiene un header di un record
- audit, o <literal>path</literal> che tiene un percorso di file
- da una ricerca del nome.
- Il seguente un esempio di un evento <literal>execve</literal>:</para>
-
- <programlisting>header,133,10,execve(2),0,Mon Sep 25 15:58:03 2006, + 384 msec
-exec arg,finger,doug
-path,/usr/bin/finger
-attribute,555,root,wheel,90,24918,104944
-subject,robert,root,wheel,root,wheel,38439,38032,42086,128.232.9.100
-return,success,0
-trailer,133</programlisting>
-
- <para>Questo audit rappresenta una chiamata di successo a
- <literal>execve</literal>, in cui il comando
- <literal>finger doug</literal> stato eseguito.
- Il token degli argomenti contiene la riga di comando presentata
- dalla shell al kernel. Il token <literal>path</literal> contiene
- il percorso dell'eseguibile usato dal kernel.
- Il token <literal>attribute</literal> descrive il binario, ed in particolare
- include i permessi del file che possono essere usato per determinare
- se l'applicazione era setuid. Il token <literal>subject</literal>
- descrive il processo
- in oggetto e conserva in sequenza l'id utente dell'audit, l'id effettivo
- dell'utente, il group id, lo user id reale ed il group id reale,
- il process id, l'id della sessione, l'id della porta e l'indirizzo di login.
- Nota che l'audit user id ed il real user id sono diversi:
- l'utente <systemitem class="username">robert</systemitem> diventato
- <systemitem class="username">root</systemitem> prima di eseguire questo comando, ma questo
- viene tenuto sotto audit usando lo user id originale. Infine, il token
- <literal>return</literal> indica l'esecuzione andata a buon fine, ed il
- <literal>trailer</literal> chiude il record.</para>
-
- <para>In &os; 6.3 e successive, <command>praudit</command> supporta
- anche il formato di output XML, che pu essere selezionato
- usando l'argomento <option>-x</option>.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Ridurre le Tracce di Audit</title>
-
- <para>Dato che i log dell'audit possono essere molto grandi,
- un amministratore probabilmente vorr selezionarne
- solo un sottoinsieme utile, ad esempio i record
- associati con un utente specifico:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>auditreduce -u trhodes /var/audit/AUDITFILE | praudit</userinput></screen>
-
- <para>Questo selezioner tutti i record di audit per
- l'utente <systemitem class="username">trhodes</systemitem> conservati nel file
- <filename>AUDITFILE</filename>.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Delegare Diritti di Ispezionare l'Audit</title>
-
- <para>I membri del gruppo <systemitem class="groupname">audit</systemitem> hanno
- il permesso di leggere tracce di audit in <filename>/var/audit</filename>;
- di default questo gruppo e' vuoto, cos solo
- <systemitem class="username">root</systemitem> pu leggere le tracce di audit.
- Utenti possono essere aggiunti al gruppo <systemitem class="groupname">audit</systemitem>
- per delegare diritti di lettura sull'audit.
- Dato che l'abilit di tracciare contenuti del log di audit
- fornisce significative informazioni sul comportamento di utenti
- e processi, si raccomanda che la delega di lettura sia fatta con cautela.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Monitoraggio dal Vivo Usando Pipe di Audit</title>
-
- <para>Le pipe di audit sono degli pseudo-device clonanti nel
- file system dei device che permettono alle applicazioni di intercettare
- lo stream dei record di audit in tempo reale. Questo
- di primario interesse per i creatori di applicativi di intrusion
- detection e di monitoraggio di sistemi.
- In ogni caso, per l'amministratore il device della pipe dell'audit
- un modo conveniente per permettere il monitaraggio dal vivo
- senza incontrare problemi con i permessi della traccia audit o
- la rotazione dei log che interrompono lo stream degli eventi.
- Per tracciare lo stream degli eventi dell'audit, usa la seguente
- linea di comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>praudit /dev/auditpipe</userinput></screen>
-
- <para>Di default, i nodi di device delle pipe dell'audit sono accessibili
- solo dall'utente <systemitem class="username">root</systemitem>. Per renderlo accessibile
- ai membri del gruppo <systemitem class="groupname">audit</systemitem>, aggiungi una
- regola <literal>devfs</literal>
- al file <filename>devfs.rules</filename>:</para>
-
- <programlisting>add path 'auditpipe*' mode 0440 group audit</programlisting>
-
- <para>Leggi &man.devfs.rules.5; per altre informazioni su come
- configurare il filesystem devfs.</para>
-
- <warning>
- <para> facile produrre cicli di feedback di eventi audit,
- in cui il semplice osservare ogni evento di audit risulta nella
- creazione di pi eventi di audit. Per esempio, se tutto
- il traffico di rete viene tenuto sotto audit, e &man.praudit.1; viene
- eseguito da una sessione SSH, un flusso continuo di notevoli dimensioni di eventi
- audit sar generato, dato che ogni evento scritto generer
- un altro evento. consigliabile eseguire
- <command>praudit</command> su un device
- pipe di audit da sessioni senza audit I/O in grande dettaglio, per evitare
- fenomeni come questo.</para>
- </warning>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Ruotare File di Traccia di Audit</title>
-
- <para>Le tracce di audit sono scritte solo dal kernel, e gestite
- solo dal demone dell'audit, <application>auditd</application>. Gli
- amministratori non dovrebbero cercare di usare &man.newsyslog.conf.5;
- o altri tool per ruotare direttamente i log di audit. Invece,
- il tool di gestione <command>audit</command> pu essere usato
- per interrompere l'audit, riconfigurare il sistema di audit,
- ed eseguire la rotazione dei log. Il seguente comando fa s
- che il demone audit crei un nuovo log di audit e segnali al kernel
- di usare il nuovo log. I vecchio log sar terminato
- e rinominato, ed a questo punto potr essere manipolato
- dall'amministratore.</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>audit -n</userinput></screen>
-
- <warning>
- <para>Se il demone <application>auditd</application> non sta girando
- al momento, questo comando fallir e sar prodotto
- un messaggio di errore.</para>
- </warning>
-
- <para>Aggiungendo la seguente linea a
- <filename>/etc/crontab</filename> forzer la rotazione
- ogni dodici ore da parte di &man.cron.8;:</para>
-
- <programlisting>0 */12 * * * root /usr/sbin/audit -n</programlisting>
-
- <para>Il cambiamento prender effetto dopo che hai salvato
- il nuovo <filename>/etc/crontab</filename>.</para>
-
- <para>La rotazione automatica della traccia dell'audit basata
- sulla dimensione del file possibile attraverso l'opzione
- <option>filesz</option> in &man.audit.control.5;, ed
- descritta nella sezione sui file di configurazione di questo capitolo.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Comprimere le Tracce di Audit</title>
-
- <para>Man mano che i file di traccia dell'audit diventano
- di grandi dimensioni, spesso desiderabile
- comprimerli o in qualche modo archiviarli dopo che sono
- stati chiusi dal demone audit. Lo script <filename>audit_warn</filename>
- pu essere usato per eseguire operazioni personalizzate
- per una variet di eventi relativi all'audit, incluse
- la chiusura pulita delle tracce di audit quando sono ruotate.
- Ad esempio, il seguente comando pu essere aggiunto
- allo script <filename>audit_warn</filename> per comprimere
- le tracce di audit alla chiusura:</para>
-
- <programlisting>#
-# Compress audit trail files on close.
-#
-if [ "$1" = closefile ]; then
- gzip -9 $2
-fi</programlisting>
-
- <para>Altre attivit di archiviazione possono includere
- copiare i file di traccia su di un server centralizzato, cancellare
- file di traccia vecchi, o ridurre la traccia di audit per rimuovere
- i record non voluti. Lo script sar eseguito solo quando
- i file di traccia sono chiusi in maniera pulita, cos
- non sar eseguito su tracce lasciate non terminate
- a seguito di uno shutdown improprio.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/Makefile
deleted file mode 100644
index e06928100d..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= basics/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 4bc53536d6..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/basics/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,2786 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.152
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="basics">
- <info><title>Basi di Unix</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Chris</firstname><surname>Shumway</surname></personname><contrib>Riscritto da </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <sect1 xml:id="basics-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <para>Il seguente capitolo tratta i comandi e le
- funzionalit di base del sistema operativo
- FreeBSD. Molto di questo materiale
- valido anche per altri sistemi operativi &unix;-like.
- Sentiti libero di leggere velocemente questo capitolo se hai
- familiarit con questo materiale. Se sei un utente
- alle prime armi di FreeBSD, allora dovrai di
- sicuro leggere questo capitolo attentamente.</para>
-
- <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Come usare le <quote>console virtuali</quote> di FreeBSD.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come funzionano i permessi dei file &unix; oltre ad una
- spiegazione dei flag sotto &os;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>La struttura di default del file system di &os;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>L'organizzazione del disco di &os;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come montare e smontare i file system.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Cosa sono i processi, i demoni e i segnali.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Cos' una shell, e come cambiare il proprio ambiente di
- login di default.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>I principi di base sull'uso degli editor testuali.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Cosa sono i dispositivi e i nodi dei dispositivi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Quali formati dei binari sono usati in &os;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come leggere le pagine man per ottenere maggiori
- informazioni.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="consoles">
- <title>Console Virtuali e Terminali</title>
-
- <indexterm><primary>console virtuali</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>terminali</primary></indexterm>
-
- <para>FreeBSD pu essere usato in vari modi. Uno di questi
- quello di digitare i comandi tramite un terminale
- testuale. Quando si utilizza FreeBSD in questo modo si ha
- velocemente nelle proprie mani molta della flessibilit
- e della potenza di un sistema operativo &unix;.
- Questa sezione descrive cosa sono i <quote>terminali</quote> e le
- <quote>console</quote>, e come si possono utilizzare in FreeBSD.</para>
-
- <sect2 xml:id="consoles-intro">
- <title>La console</title>
-
- <indexterm><primary>console</primary></indexterm>
-
- <para>Se non hai configurato FreeBSD in modo tale da avviare in
- modo automatico l'ambiente grafico durante l'avvio, il
- sistema ti fornir un prompt di login dopo la fase di
- avvio, esattamente dopo che gli script di avvio sono stati
- eseguiti. Dovresti vedere qualcosa simile a questo:</para>
-
- <screen>Additional ABI support:.
-Local package initialization:.
-Additional TCP options:.
-
-Fri Sep 20 13:01:06 EEST 2002
-
-FreeBSD/i386 (pc3.example.org) (ttyv0)
-
-login:</screen>
-
- <para>I messaggi potrebbero essere leggermente diversi sul tuo
- sistema, tuttavia dovresti vedere qualcosa di analogo. In
- questo momento ci interessano le ultime due righe. Analizziamo
- la penultima riga:</para>
-
- <programlisting>FreeBSD/i386 (pc3.example.org) (ttyv0)</programlisting>
-
- <para>Questa riga contiene alcune informazioni sul sistema che hai
- appena avviato. Sei di fronte a una console
- <quote>FreeBSD</quote>, che sta girando su un processore Intel
- o su un processore compatibile con l'architettura x86<footnote>
- <para>Questo il significato di <literal>i386</literal>.
- Nota che anche se non stai eseguendo FreeBSD su una CPU della serie
- 386 di Intel, questo messaggio resta <literal>i386</literal>. Non
- si riferisce al tipo del tuo processore, ma bens
- all'<quote>architettura</quote> del processore.</para></footnote>.
- Il nome di questa macchina (tutte le macchine &unix; hanno un nome)
- <systemitem>pc3.example.org</systemitem>, e in questo momento sei di
- fronte alla sua console di sistema&mdash;il terminale
- <filename>ttyv0</filename>.</para>
-
- <para>Infine, l'ultima riga sempre:</para>
-
- <programlisting>login:</programlisting>
-
- <para>Qui devi digitare il tuo <quote>username</quote> per
- loggarti in FreeBSD. La prossima sezione descrive come
- fare ad effettuare il login su FreeBSD.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="consoles-login">
- <title>Loggarsi in FreeBSD</title>
-
- <para>FreeBSD un sistema multi-utente e multi-processo.
- Questa la descrizione formale che viene usualmente
- attribuita a un sistema che pu essere usato da diverse
- persone, le quali eseguono contemporaneamente molti programmi
- su una singola macchina.</para>
-
- <para>Ogni sistema multi-utente necessita di qualche metodo che
- distingua un <quote>utente</quote> in modo univoco. In
- FreeBSD (e in tutti i sistemi operativi &unix;-like), questo
- viene realizzato richiedendo che ogni utente debba
- <quote>loggarsi</quote> nel sistema prima che possa
- eseguire qualche programma. Ogni utente ha un nome univoco (lo
- <quote>username</quote>), uno personale e una chiave segreta
- (la <quote>password</quote>). FreeBSD richiede entrambe
- queste due cose prima di dare la possibilit ad un
- utente di eseguire qualche programma.</para>
-
- <indexterm><primary>script di avvio</primary></indexterm>
-
- <para>Appena dopo la fase di avvio di FreeBSD e quando gli script
- di avvio sono stati eseguiti<footnote>
- <para>Gli script di avvio sono programmi che vengono eseguiti in
- modo automatico durante la fase di avvio di FreeBSD. Il
- loro compito principale quello di impostare l'ambiente
- che potr essere utilizzato da qualsiasi altro programma che
- venga eseguito, ed avviare i servizi che hai configurato in
- modo tale da essere eseguiti in background per realizzare
- cose utili.</para>
- </footnote>, ti viene presentato un prompt dove inserire un valido
- username:</para>
-
- <screen>login:</screen>
-
- <para>Giusto per questo esempio, assumiamo che il tuo username
- sia <systemitem class="username">john</systemitem>. Al prompt digita
- <literal>john</literal> e premi <keycap>Invio</keycap>. Ti
- verr presentato un prompt dove inserire la
- <quote>password</quote>:</para>
-
- <screen>login: <userinput>john</userinput>
-Password:</screen>
-
- <para>Digita la password di <systemitem class="username">john</systemitem>, e
- premi <keycap>Invio</keycap>. La password
- <emphasis>non viene visualizzata!</emphasis> Non ti devi
- preoccupare di questo per ora. sufficiente sapere
- che una questione di
- sicurezza.</para>
-
- <para>Se hai digitato la tua password in modo corretto,
- dovresti essere loggato in FreeBSD e sei quindi pronto per
- provare tutti i comandi disponibili.</para>
-
- <para>Dovresti inoltre vedere il messaggio del giorno
- (<acronym>MOTD</acronym>) seguito da un prompt dei comandi (un
- carattere <literal>#</literal>, <literal>$</literal>, o
- <literal>%</literal>). Ci
- indica che sei a tutti gli effetti loggato su FreeBSD.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="consoles-virtual">
- <title>Console Multiple</title>
-
- <para>Eseguire comandi &unix; in una sola console va bene,
- tuttavia FreeBSD pu eseguire pi programmi alla
- volta. Avere una sola console dove poter digitare i comandi
- pu essere un p uno spreco quando un sistema
- operativo come FreeBSD in grado di eseguire dozzine di
- programmi contemporaneamente.
- in questo caso che le <quote>console virtuali</quote> possono essere
- molto utili.</para>
-
- <para>FreeBSD pu essere configurato in modo tale da poter
- utilizzare differenti console virtuali. Puoi passare da una console
- virtuale ad un'altra digitando un paio di tasti sulla tastiera. Ogni
- console ha il proprio canale di output indipendente, e FreeBSD si
- occupa di redirigere correttamente l'input della tastiera e l'output del
- monitor quando passi da una console virtuale in un'altra.</para>
-
- <para>In FreeBSD alcune combinazioni speciali di tasti sono state
- riservate per il passaggio tra le console<footnote>
- <para>Una descrizione abbastanza tecnica ed accurata di tutti i
- dettagli della console di FreeBSD e dei driver della tastiera
- pu essere trovata nelle pagine man di &man.syscons.4;,
- &man.atkbd.4;, &man.vidcontrol.1; e &man.kbdcontrol.1;. Qui non
- approfondiremo i dettagli, ma il lettore interessato pu
- sempre consultare le pagine man per una spiegazione dettagliata
- e completa su come funzionano queste cose.</para>
- </footnote>. Puoi usare
- <keycombo><keycap>Alt</keycap><keycap>F1</keycap></keycombo>,
- <keycombo><keycap>Alt</keycap><keycap>F2</keycap></keycombo>, fino a
- <keycombo><keycap>Alt</keycap><keycap>F8</keycap></keycombo> per
- cambiare console su FreeBSD.</para>
-
- <para>Quando passi da una console ad un'altra, FreeBSD si preoccupa di
- salvare e ripristinare l'output a video. Il risultato
- l'<quote>illusione</quote> di avere pi schermi e pi
- tastiere <quote>virtuali</quote> che puoi utilizzare per dare in pasto a
- FreeBSD dei comandi. I programmi che lanci su una console virtuale
- rimarranno in esecuzione anche quando la console non visibile.
- L'esecuzione di questi programmi continua quando passi in un'altra
- console virtuale.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="consoles-ttys">
- <title>Il File <filename>/etc/ttys</filename></title>
-
- <para>La configurazione di default di FreeBSD prevede l'avvio del sistema
- con otto console virtuali. Comunque questo non un settaggio
- obbligatorio, e puoi facilmente personalizzare la tua installazione in
- modo tale da avviare il sistema con qualche console virtuale in
- pi o in meno. Il numero e i settaggi delle console virtuali sono
- configurati nel file <filename>/etc/ttys</filename>.</para>
-
- <para>Puoi usare il file <filename>/etc/ttys</filename> per configurare
- le console virtuali di FreeBSD. In questo file ogni riga non commentata
- (le righe che non iniziano con il carattere <literal>#</literal>)
- contiene i settaggi di un singolo terminale o di una singola console.
- La versione di default di questo file contenuta in FreeBSD
- configura nove console virtuali, ed abilita otto di queste. Sono
- le righe che iniziano con <literal>ttyv</literal>:</para>
-
- <programlisting># name getty type status comments
-#
-ttyv0 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-# Terminali virtuali
-ttyv1 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv2 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv3 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv4 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv5 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv6 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv7 "/usr/libexec/getty Pc" cons25 on secure
-ttyv8 "/usr/X11R6/bin/xdm -nodaemon" xterm off secure</programlisting>
-
- <para>Per una descrizione pi dettagliata su ogni colonna di questo
- file e per tutte le opzioni che puoi utilizzare per settare le console
- virtuali, consulta la pagina man &man.ttys.5;.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="consoles-singleuser">
- <title>Console in Modalit Single User</title>
-
- <para>Una descrizione dettagliata del significato della
- <quote>modalit single user</quote> pu essere trovata
- nella <xref linkend="boot-singleuser"/>. bene notare che
- c' un'unica console quando avvii FreeBSD in modalit
- single user. Le console virtuali non sono disponibili. Anche i
- settaggi della console in modalit single user possono essere
- trovati nel file <filename>/etc/ttys</filename>. Guarda la riga che
- inizia con <literal>console</literal>:</para>
-
- <programlisting># name getty type status comments
-#
-# Se la console definita "insecure", allora il processo init richieder la password di root
-# quando entrerai in modalit single-user.
-console none unknown off secure</programlisting>
-
- <note>
- <para>Come riportato nel commento sopra la riga
- <literal>console</literal>, puoi modificare questa riga cambiando
- <literal>secure</literal> in <literal>insecure</literal>. Se lo fai,
- quando FreeBSD viene avviato in modalit single user,
- verr chiesta la password di <systemitem class="username">root</systemitem>.</para>
-
- <para><emphasis>Pensaci comunque due volte a settare il parametro
- <literal>insecure</literal></emphasis>. Se non ricordi pi
- la password di <systemitem class="username">root</systemitem>, riuscire ad avviare il
- sistema in modalit single user sar molto complesso.
- ancora possibile, ma potrebbe essere molto difficile per chi
- non conosce molto bene il meccanismo di avvio di FreeBSD e i relativi
- programmi.</para>
- </note>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="consoles-vidcontrol">
- <title>Modifica delle Modalit Video della Console</title>
-
- <para>La modalit video di default della console di FreeBSD
- pu essere impostata a 1024x768, 1280x1024, o ad un altra
- risoluzione supportata dalla tua scheda grafica e dal tuo monitor.
- Per usare una modalit video differente, devi prima
- ricompilare il tuo kernel aggiungendo due opzioni:</para>
-
- <programlisting>options VESA
-options SC_PIXEL_MODE</programlisting>
-
- <para>Quando il kernel stato ricompilato con queste due opzioni,
- puoi determinare quali modalit video sono supportate
- dal tuo hardware usando l'utility &man.vidcontrol.1;.
- Per ottenere una lista delle modalit video supportate,
- digita il seguente comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>vidcontrol -i mode</userinput></screen>
-
- <para>L'output di questo comando una lista delle
- modalit video che sono supportate dal tuo hardware.
- Puoi usare una nuova modalit video indicandola a
- &man.vidcontrol.1; in una console <systemitem class="username">root</systemitem>:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>vidcontrol MODE_279</userinput></screen>
-
- <para>Se la nuova modalit soddisfacente, pu
- essere impostata in modo permanente ad ogni avvio nel file
- <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
-
- <programlisting>allscreens_flags="MODE_279"</programlisting>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="permissions">
- <title>I Permessi</title>
-
- <indexterm><primary>UNIX</primary></indexterm>
-
- <para>FreeBSD, essendo un discendente diretto dello &unix; BSD, si basa su
- molti concetti chiave di &unix;. Il primo e il pi affermato
- che FreeBSD un sistema operativo multi-utente.
- Il sistema pu gestire diversi utenti che lavorano
- contemporaneamente su operazioni indipendenti. Il sistema
- responsabile della gestione e della suddivisione appropriata delle
- richieste di utilizzo dei dispositivi hardware, delle periferiche, della
- memoria, e del tempo di CPU in modo equo per ogni utente.</para>
-
- <para>Poich il sistema in grado di supportare pi
- utenti, tutto ci che il sistema gestisce possiede un insieme di
- permessi che determinano chi pu leggere, scrivere, ed eseguire la
- risorsa. Questi permessi sono memorizzati mediante tre ottetti
- suddivisi in tre parti, una per il proprietario del file, una per il
- gruppo al quale il file appartiene, e una per tutti gli altri. Questa
- rappresentazione numerica funziona in questo modo:</para>
-
- <indexterm><primary>permessi</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>permessi dei file</primary></indexterm>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="3">
- <thead>
- <row>
- <entry>Valore</entry>
-
- <entry>Permessi</entry>
-
- <entry>Listato nella Directory</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>0</entry>
-
- <entry>Lettura no, scrittura no, esecuzione no</entry>
-
- <entry><literal>---</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>1</entry>
-
- <entry>Lettura no, scrittura no, esecuzione</entry>
-
- <entry><literal>--x</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>2</entry>
-
- <entry>Lettura no, scrittura, esecuzione no</entry>
-
- <entry><literal>-w-</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>3</entry>
-
- <entry>Lettura no, scrittura, esecuzione</entry>
-
- <entry><literal>-wx</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>4</entry>
-
- <entry>Lettura, scrittura no, esecuzione no</entry>
-
- <entry><literal>r--</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>5</entry>
-
- <entry>Lettura, scrittura no, esecuzione</entry>
-
- <entry><literal>r-x</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>6</entry>
-
- <entry>Lettura, scrittura, esecuzione no</entry>
-
- <entry><literal>rw-</literal></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>7</entry>
-
- <entry>Lettura, scrittura, esecuzione</entry>
-
- <entry><literal>rwx</literal></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <indexterm><primary><command>ls</command></primary></indexterm>
- <indexterm><primary>directory</primary></indexterm>
-
- <para>Puoi usare l'opzione <option>-l</option> del comando &man.ls.1; per
- visualizzare un lungo listato della directory che include una colonna
- contenente le informazioni sui permessi del file per il proprietario, per
- il gruppo, e per gli altri. Per esempio, digitando <command>ls
- -l</command> in una arbitraria directory:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>ls -l</userinput>
-total 530
--rw-r--r-- 1 root wheel 512 Sep 5 12:31 myfile
--rw-r--r-- 1 root wheel 512 Sep 5 12:31 otherfile
--rw-r--r-- 1 root wheel 7680 Sep 5 12:31 email.txt
-...</screen>
-
- <para>Ecco come suddivisa la prima colonna dell'output del comando
- <command>ls -l</command>:</para>
-
- <screen>-rw-r--r--</screen>
-
- <para>Il primo carattere (partendo da sinistra) indica se il file in
- questione un file regolare, una directory, un file speciale per
- dispositivi a caratteri, una socket, o un file speciale per altri
- dispositivi. Nel nostro caso, il <literal>-</literal> indica un
- file regolare. I tre caratteri successivi, che in questo esempio sono
- <literal>rw-</literal>, indicano i permessi per il proprietario del file.
- Seguono altri tre caratteri, <literal>r--</literal>, che indicano i
- permessi del gruppo al quale il file appartiene. Gli ultimi tre
- caratteri, <literal>r--</literal>, indicano i permessi per il resto del
- mondo. Un trattino significa che il permesso non viene concesso.
- Nel caso di questo file, i permessi sono settati affinch il
- proprietario possa leggere e scrivere il file, il gruppo possa leggere
- il file, e il resto del mondo possa solamente leggere il file. In accordo
- con la precedente tabella, i permessi per questo file sono
- <literal>644</literal>, dove ogni cifra rappresenta una delle tre parti
- che costituiscono i permessi del file.</para>
-
- <para>D'accordo, ma in che modo il sistema controlla i permessi sui dispositivi?
- FreeBSD tratta molti dispositivi hardware esattamente come un file che i
- programmi possono aprire, leggere, e scrivere dei dati proprio come
- avviene con gli altri file. Questi file speciali per i dispositivi sono
- memorizzati nella directory <filename>/dev</filename>.</para>
-
- <para>Anche le directory sono trattate come file. Queste hanno permessi di
- lettura, scrittura e di esecuzione. Il bit riferito al permesso di
- esecuzione per una directory ha un significato leggermente differente
- rispetto a quello dei file. Quando una directory ha il permesso di
- esecuzione abilitato, significa che si ha accesso alla directory, ossia
- possibile eseguire il comando <quote>cd</quote> (cambio di
- directory) per entrarci. Inoltre questo significa che all'interno della
- directory possibile accedere ai file dei quali si conosce il nome
- (naturalmente a condizione dei permessi degli stessi file).</para>
-
- <para>In particolare, per visualizzare il contenuto di una directory, deve
- essere abilitato il permesso di lettura sulla stessa, mentre per
- eliminare un file di cui si conosce il nome, necessario che la
- directory contenente il file abbia i permessi di scrittura
- <emphasis>e</emphasis> di esecuzione abilitati.</para>
-
- <para>Ci sono altri bit per permessi particolari, ma sono in genere usati
- in circostanze speciali come il permesso di setuid per i binari e
- quello di sticky per le directory. Se vuoi avere pi informazioni
- sui permessi dei file e su come settarli, guarda la pagina man di
- &man.chmod.1;.</para>
-
- <sect2>
- <info><title>Permessi Simbolici</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <indexterm>
- <primary>permessi</primary><secondary>simbolici</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>I permessi simbolici, qualche volta chiamati espressioni simboliche,
- usano caratteri al posto dei numeri ottali per assegnare i permessi a
- file o directory. Le espressioni simboliche usano la sintassi (chi)
- (azione) (permessi), con i seguenti valori:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="3">
- <thead>
- <row>
- <entry>Opzione</entry>
-
- <entry>Lettera</entry>
-
- <entry>Cosa rappresenta/Cosa fa</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>(chi)</entry>
-
- <entry>u</entry>
-
- <entry>Utente</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(chi)</entry>
-
- <entry>g</entry>
-
- <entry>Gruppo di appartenenza</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(chi)</entry>
-
- <entry>o</entry>
-
- <entry>Altri</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(chi)</entry>
-
- <entry>a</entry>
-
- <entry>Tutti (tutto il <quote>mondo</quote>)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(azione)</entry>
-
- <entry>+</entry>
-
- <entry>Aggiunge i permessi</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(azione)</entry>
-
- <entry>-</entry>
-
- <entry>Rimuove i permessi</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(azione)</entry>
-
- <entry>=</entry>
-
- <entry>Setta esplicitamente i permessi</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(permessi)</entry>
-
- <entry>r</entry>
-
- <entry>Lettura</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(permessi)</entry>
-
- <entry>w</entry>
-
- <entry>Scrittura</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(permessi)</entry>
-
- <entry>x</entry>
-
- <entry>Esecuzione</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(permessi)</entry>
-
- <entry>t</entry>
-
- <entry>Bit sticky</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>(permessi)</entry>
-
- <entry>s</entry>
-
- <entry>Setta UID o GID</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <para>Questi valori sono usati con il comando &man.chmod.1;
- come esposto in precedenza, ma con le lettere. Per esempio, puoi usare
- il seguente comando per impedire agli altri utenti l'accesso a
- <replaceable>FILE</replaceable>:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>chmod go= FILE</userinput></screen>
-
- <para>Se si ha la necessit di realizzare pi di una
- modifica ai settaggi di un file si pu usare una lista di
- settaggi separati da virgola. Per esempio il seguente comando
- rimuover il permesso di scrittura su
- <replaceable>FILE</replaceable> al gruppo di appartenenza del file e al
- resto del <quote>mondo</quote>, e inoltre aggiunger
- il permesso di esecuzione per tutti:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>chmod go-w,a+x FILE</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <info><title>Flag dei File in &os;</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <para>Oltre ai permessi dei file discussi in precedenza, &os;
- supporta l'uso dei <quote>flag dei file</quote>. Queste flag
- aggiungono un ulteriore livello di sicurezza e di controllo sui
- file, ma non per le directory.</para>
-
- <para>Queste flag dei file aggiungono un ulteriore livello di
- controllo sui file, assicurando in alcuni casi che persino
- <systemitem class="username">root</systemitem> non possa rimuovere o alterare file.</para>
-
- <para>Le flag dei file sono alterate usando l'utility &man.chflags.1;,
- tramite una semplice sintassi. Per esempio, per abilitare la flag
- di sistema di non-cancellabilit sul file
- <filename>file1</filename>, si pu usare il comando
- seguente:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>chflags sunlink file1</userinput></screen>
-
- <para>E per disabilitare la stessa flag, si pu usare
- semplicemente il comando precedente con <quote>no</quote> davanti a
- <option>sunlink</option>. Ecco come:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>chflags nosunlink file1</userinput></screen>
-
- <para>Per vedere le flag del file di esempio, usa il comando
- &man.ls.1; con le flag <option>-lo</option>:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>ls -lo file1</userinput></screen>
-
- <para>L'output dovrebbe assomigliare al seguente:</para>
-
- <programlisting>-rw-r--r-- 1 trhodes trhodes sunlnk 0 Mar 1 05:54 file1</programlisting>
-
- <para>Diverse flag possono essere aggiunte o rimosse sui file solo
- tramite l'utente <systemitem class="username">root</systemitem>. Negli altri casi, il
- proprietario dei file pu settare queste flag. Si raccomanda
- di leggere le pagine man &man.chflags.1; e &man.chflags.2; per
- maggiori informazioni.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="dirstructure">
- <title>Struttura delle Directory</title>
-
- <indexterm><primary>gerarchia delle directory</primary></indexterm>
-
- <para>La gerarchia delle directory di FreeBSD fondamentale per
- ottenere una comprensione globale del sistema. Il concetto pi
- importante da cogliere al volo quello relativo alla directory
- root, <quote>/</quote>. Questa directory la prima ad essere
- montata all'avvio e contiene gli elementi fondamentali del sistema
- necessari per predisporre il sistema operativo al funzionamento
- multi-utente. Inoltre la directory root contiene i punti di mount per
- gli altri file system che sono montati durante la transizione per
- il funzionamento multi-utente.</para>
-
- <para>Un punto di mount una directory dove dei file system
- aggiuntivi possono essere innestati sul file system padre
- (in genere il file system root).
- Questo ulteriormente descritto nella <xref linkend="disk-organization"/>. Alcuni punti di
- mount standard sono <filename>/usr</filename>, <filename>/var</filename>,
- <filename>/tmp</filename>, <filename>/mnt</filename>, e
- <filename>/cdrom</filename>. Queste
- directory compaiono in genere negli elementi del file
- <filename>/etc/fstab</filename>. Il file <filename>/etc/fstab</filename>
- una tabella di file system e punti di mount che viene consultata
- dal sistema. Molti dei file system riferiti nel file
- <filename>/etc/fstab</filename> sono montati in modo automatico all'avvio
- tramite lo script &man.rc.8; a meno che essi sia stati dichiarati con
- l'opzione <option>noauto</option>. Maggiori dettagli possono essere
- trovati nella <xref linkend="disks-fstab"/>.</para>
-
- <para>Una descrizione completa della gerarchia del file system
- disponibile nella pagina man &man.hier.7;. Per ora,
- sufficiente una breve panoramica generale delle directory pi
- comuni.</para>
-
- <para>
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <thead>
- <row>
- <entry>Directory</entry>
-
- <entry>Descrizione</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody valign="top">
- <row>
- <entry><filename>/</filename></entry>
-
- <entry>Directory root del file system.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/bin/</filename></entry>
-
- <entry>Utilit fondamentali per l'utente sia in ambiente
- mono-utente sia in ambiente multi-utente.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/boot/</filename></entry>
-
- <entry>Programmi e file di configurazione utilizzati durante la
- fase di avvio del sistema operativo.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/boot/defaults/</filename></entry>
-
- <entry>File di configurazione di avvio di default; consultare
- &man.loader.conf.5;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/dev/</filename></entry>
-
- <entry>Nodi di dispositivo; consultare &man.intro.4;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/</filename></entry>
-
- <entry>Script e file di configurazione del sistema.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/defaults/</filename></entry>
-
- <entry>File di configurazione di default del sistema; consultare
- &man.rc.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/mail/</filename></entry>
-
- <entry>File di configurazione per gli MTA (Mail Transfer Agent,
- agente di trasferimento della posta elettronica) come
- &man.sendmail.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/namedb/</filename></entry>
-
- <entry>File di configurazione di <command>named</command>;
- consultare &man.named.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/periodic/</filename></entry>
-
- <entry>Script che sono eseguiti giornalmente, settimanalmente, e
- mensilmente tramite &man.cron.8;; consultare
- &man.periodic.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/ppp/</filename></entry>
-
- <entry>File di configurazione di <command>ppp</command>;
- consultare &man.ppp.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/mnt/</filename></entry>
-
- <entry>Directory vuota usata comunemente dagli amministratori di
- sistema come punto di mount temporaneo.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/proc/</filename></entry>
-
- <entry>File system dedicato ai processi; consultare
- &man.procfs.5;, &man.mount.procfs.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/rescue/</filename></entry>
-
- <entry>Programmi linkati staticamente per situazioni di emergenza;
- consultare &man.rescue.8;.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/root/</filename></entry>
-
- <entry>Directory home per l'account
- <systemitem class="username">root</systemitem>.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/sbin/</filename></entry>
-
- <entry>Programmi di sistema e utilit di amministrazione
- fondamentali sia in ambiente mono-utente sia in ambiente
- multi-utente.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/tmp/</filename></entry>
-
- <entry>File temporanei. Il contenuto di
- <filename>/tmp</filename> di solito NON
- preservato dopo un riavvio del sistema. Spesso
- un file system basato sulla memoria viene montato in
- <filename>/tmp</filename>.
- Questo pu essere automatizzato usando le variabili
- relative a tmpmfs di &man.rc.conf.5; (o con un entry in
- <filename>/etc/fstab</filename>; consultare
- &man.mdmfs.8;).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/</filename></entry>
-
- <entry>La maggior parte delle applicazioni e delle utilit
- dell'utente.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/bin/</filename></entry>
-
- <entry>Utilit, strumenti di programmazione, e
- applicazioni comuni.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/include/</filename></entry>
-
- <entry>File include standard del C.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/lib/</filename></entry>
-
- <entry>Archivio di librerie.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/libdata/</filename></entry>
-
- <entry>Archivio di dati per utilit varie.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/libexec/</filename></entry>
-
- <entry>Demoni di sistema &amp; utilit di
- sistema (eseguiti da altri programmi).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/local/</filename></entry>
-
- <entry>Eseguibili locali, librerie locali, ecc. Usata anche
- come destinazione di default per la struttura dei port di
- FreeBSD. All'interno di <filename>/usr/local</filename>, viene
- usato lo stesso schema generale descritto in &man.hier.7; per la
- directory <filename>/usr</filename>. Le eccezioni sono la
- directory man, che posta direttamente sotto
- <filename>/usr/local</filename> piuttosto che sotto
- <filename>/usr/local/share</filename>, e la documentazione dei
- port che in
- <filename>share/doc/port</filename>.
- </entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/obj/</filename></entry>
-
- <entry>Albero degli elementi dipendenti dal tipo di architettura
- dell'elaboratore prodotto dalla costruzione dell'albero
- <filename>/usr/src</filename>.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/ports</filename></entry>
-
- <entry>Collezione dei port di FreeBSD (opzionale).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/sbin/</filename></entry>
-
- <entry>Demoni di sistema &amp; utilit di
- sistema (eseguiti dagli utenti).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/share/</filename></entry>
-
- <entry>File indipendenti dal tipo di architettura
- dell'elaboratore.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/src/</filename></entry>
-
- <entry>File sorgenti di BSD e/o sorgenti proprietari.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/X11R6/</filename></entry>
-
- <entry>Eseguibili, librerie, ecc. riguardanti la distribuzione
- X11R6 (opzionale).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/</filename></entry>
-
- <entry>File log di vario genere, file temporanei, file transitori,
- e file di spool. Qualche volta un file system basato sulla
- memoria montato in
- <filename>/var</filename>.
- Questo pu essere automatizzato usando le variabili
- relative a varmfs di &man.rc.conf.5; (o con un entry in
- <filename>/etc/fstab</filename>; consultare
- &man.mdmfs.8;).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/log/</filename></entry>
-
- <entry>File di log del sistema di vario genere.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/mail/</filename></entry>
-
- <entry>File delle caselle di posta degli utenti.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/spool/</filename></entry>
-
- <entry>Directory di spool per stampanti e per la posta elettronica
- del sistema.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/tmp/</filename></entry>
-
- <entry>File temporanei.
- I file sono di solito preservati dopo un riavvio del sistema,
- a meno che <filename>/var</filename>
- sia un file system basato sulla memoria.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/yp</filename></entry>
-
- <entry>Mappe NIS.</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
- </para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="disk-organization">
- <title>Organizzazione del Disco</title>
-
- <para>La pi piccola unit di organizzazione che FreeBSD usa
- per ricercare file il nome del file. I nomi dei file sono
- case-sensitive, ci significa che <filename>readme.txt</filename>
- e <filename>README.TXT</filename> sono due file distinti. FreeBSD non usa
- l'estensione (es. <filename>.txt</filename>) di un file per determinare
- se il file un programma, un documento, o qualche altra forma di
- dati.</para>
-
- <para>I file sono memorizzati in directory. Una directory pu
- contenere centinaia di file o non contenerne affatto. Inoltre una
- directory pu contenere altre directory, consentendo di costruire
- una gerarchia di directory all'interno di un'altra. Tutto questo rende
- pi facile l'organizzazione dei tuoi dati.</para>
-
- <para>Ci si riferisce a file e directory attraverso il nome del file o della
- directory, seguito da uno slash in avanti, <literal>/</literal>,
- a sua volta seguito da altri nomi di directory necessari. Se
- hai una directory di nome <filename>foo</filename>, la quale contiene la
- directory <filename>bar</filename>, che a sua volta contiene il file
- <filename>readme.txt</filename>, allora il nome completo, chiamato anche
- il <firstterm>percorso</firstterm> del file
- <filename>foo/bar/readme.txt</filename>.</para>
-
- <para>Le directory e i file sono memorizzati in un file system. Ogni
- file system contiene esattamente una directory al livello pi alto,
- chiamata la <firstterm>directory root</firstterm> di quel file system.
- Questa directory root pu contenere altre directory.</para>
-
- <para>Fin qui probabilmente tutto simile ad altri sistemi
- operativi che hai usato. Tuttavia ci sono alcune differenze; per
- esempio, &ms-dos; usa il carattere <literal>\</literal> per separare i
- nomi di file e directory, mentre &macos; usa <literal>:</literal>.</para>
-
- <para>FreeBSD non usa lettere di dispositivi, o altri nomi di dispositivi
- nel path. In FreeBSD non dovrai mai scrivere
- <filename>c:/foo/bar/readme.txt</filename>.</para>
-
- <para>Piuttosto, un file system designato come il
- <firstterm>file system root</firstterm>. La directory root del
- file system root riferita con <literal>/</literal>. Ogni altro
- file system <firstterm>montato</firstterm> sotto il file system
- root. Non importa quanti dischi hai sul tuo sistema FreeBSD, ogni
- directory come se fosse parte dello stesso disco.</para>
-
- <para>Supponiamo che tu abbia tre file system, chiamati
- <literal>A</literal>, <literal>B</literal>, e <literal>C</literal>.
- Ogni file system ha una directory root, la quale contiene altre due
- directory, chiamate <literal>A1</literal>, <literal>A2</literal> (e
- nello stesso modo <literal>B1</literal>, <literal>B2</literal> e
- <literal>C1</literal>, <literal>C2</literal>).</para>
-
- <para>Sia <literal>A</literal> il file system root. Se usi il comando
- <command>ls</command> per visualizzare il contenuto di questa directory
- dovresti vedere due sottodirectory, <literal>A1</literal> e
- <literal>A2</literal>. L'albero delle directory assomiglia a
- questo:</para>
-
- <mediaobject>
- <imageobject>
- <imagedata fileref="install/example-dir1"/>
- </imageobject>
-
- <textobject>
- <literallayout class="monospaced"> /
- |
- +--- A1
- |
- `--- A2</literallayout>
- </textobject>
- </mediaobject>
-
- <para>Un file system deve essere montato su una directory di un altro
- file system. Supponiamo ora che tu monti il file system
- <literal>B</literal> sulla directory <literal>A1</literal>. La directory
- root di <literal>B</literal> rimpiazza <literal>A1</literal>, e di
- conseguenza appariranno le directory di <literal>B</literal>:</para>
-
- <mediaobject>
- <imageobject>
- <imagedata fileref="install/example-dir2"/>
- </imageobject>
-
- <textobject>
- <literallayout class="monospaced"> /
- |
- +--- A1
- | |
- | +--- B1
- | |
- | `--- B2
- |
- `--- A2</literallayout>
- </textobject>
- </mediaobject>
-
- <para>I file contenuti nelle directory <literal>B1</literal> o
- <literal>B2</literal> possono essere raggiunti con il path
- <filename>/A1/B1</filename> o <filename>/A1/B2</filename>. I file che
- erano in <filename>/A1</filename> sono stati temporaneamente nascosti.
- Questi riappariranno quando <literal>B</literal> sar
- <firstterm>smontato</firstterm> da A.</para>
-
- <para>Se <literal>B</literal> stato montato su
- <literal>A2</literal> allora il diagramma assomiglier a
- questo:</para>
-
- <mediaobject>
- <imageobject>
- <imagedata fileref="install/example-dir3"/>
- </imageobject>
-
- <textobject>
- <literallayout class="monospaced"> /
- |
- +--- A1
- |
- `--- A2
- |
- +--- B1
- |
- `--- B2</literallayout>
- </textobject>
- </mediaobject>
-
- <para>e i percorsi saranno rispettivamente <filename>/A2/B1</filename> e
- <filename>/A2/B2</filename>.</para>
-
- <para>I file system possono essere montati in cima ad altri file system.
- Continuando con l'ultimo esempio, il file system <literal>C</literal>
- pu essere montato in cima alla directory <literal>B1</literal>
- nel file system <literal>B</literal>, arrivando a questa
- sistemazione:</para>
-
- <mediaobject>
- <imageobject>
- <imagedata fileref="install/example-dir4"/>
- </imageobject>
-
- <textobject>
- <literallayout class="monospaced"> /
- |
- +--- A1
- |
- `--- A2
- |
- +--- B1
- | |
- | +--- C1
- | |
- | `--- C2
- |
- `--- B2</literallayout>
- </textobject>
- </mediaobject>
-
- <para>Oppure <literal>C</literal> potrebbe essere montato direttamente sul
- file system <literal>A</literal>, sotto la directory
- <literal>A1</literal>:</para>
-
- <mediaobject>
- <imageobject>
- <imagedata fileref="install/example-dir5"/>
- </imageobject>
-
- <textobject>
- <literallayout class="monospaced"> /
- |
- +--- A1
- | |
- | +--- C1
- | |
- | `--- C2
- |
- `--- A2
- |
- +--- B1
- |
- `--- B2</literallayout>
- </textobject>
- </mediaobject>
-
- <para>Se hai familiarit con &ms-dos;, questo simile, ma
- non identico, al comando <command>join</command>.</para>
-
- <para>Di solito non ti devi occupare direttamente di questi aspetti.
- Tipicamente quando installi FreeBSD crei i file system e decidi dove
- montarli, e da quel momento non avrai pi la necessit di
- modificarli a meno che installi un nuovo disco.</para>
-
- <para> possibile avere un unico file system root, senza avere la
- necessit di crearne altri. Esistono alcuni svantaggi
- utilizzando questo approccio, e un solo vantaggio.</para>
-
- <itemizedlist>
- <title>Benefici con File system Multipli</title>
-
- <listitem>
- <para>Filesystem diversi possono avere <firstterm>opzioni di
- mount</firstterm> diverse. Per esempio, in un'attenta progettazione,
- il file system root potrebbe essere montato in modalit di sola
- lettura, rendendo impossibile la cancellazione accidentale o la modifica
- di un file critico. Inoltre, separando i file system scrivibili
- dall'utente, come <filename>/home</filename>, da altri file system
- permette di montare i primi con l'opzione <firstterm>nosuid</firstterm>;
- questa opzione non permette il settaggio dei bit
- <firstterm>suid</firstterm>/<firstterm>guid</firstterm> sui file
- eseguibili memorizzati sul file system che ha tale opzione di mount
- attivata, migliorando l'aspetto sicurezza.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD ottimizza in modo automatico la disposizione dei file sul
- file system, a seconda di come usato il file system. Quindi
- un file system che contiene molti file piccoli che sono scritti di
- frequente avr un'ottimizzazione diversa rispetto ad un altro
- file system che contiene pochi file di grandi dimensioni. Utilizzando
- un solo grande file system questa ottimizzazione viene a
- mancare.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>I file system di FreeBSD reagiscono bene ad una violenta perdita di
- energia elettrica. Tuttavia, una perdita di energia in un punto
- critico potrebbe sempre danneggiare la struttura del file system.
- Splittando i tuoi dati su file system multipli sar pi
- probabile che il sistema riparta, dandoti la possibilit di
- ripristinare un precedente backup se necessario.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <itemizedlist>
- <title>Benefici di un File system Singolo</title>
-
- <listitem>
- <para>I file system sono a dimensione fissa. Se crei un solo file system
- quando installi FreeBSD e gli assegni una data dimensione, in futuro
- potresti scoprire che necessiti di creare una partizione pi
- grande. Questo non facilmente realizzabile se non
- effettuando un backup dei dati, ricreando il file system con la nuova
- dimensione, e quindi ripristinando il backup di dati.</para>
-
- <important>
- <para>FreeBSD ha il comando &man.growfs.8;,
- con il quale possibile incrementare la dimensione del
- file system al volo, rimuovendo questa limitazione.</para>
- </important>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>I file system sono contenuti all'interno di partizioni. Qui il
- significato del termine partizione si discosta dall'uso comune di questo
- termine (partizioni &ms-dos;, per esempio), a causa dell'eredit
- &unix; di &os;. Ogni partizione identificata da una lettera
- partendo dalla <literal>a</literal> fino alla <literal>h</literal>. Ogni
- partizione pu contenere solo un file system, il che significa che i
- file system sono spesso identificati sia dal loro punto di mount nella
- gerarchia del file system, sia dalla lettera della partizione nella quale
- sono contenuti.</para>
-
- <para>Inoltre FreeBSD usa parte del disco per lo <firstterm>spazio di
- swap</firstterm>. Lo spazio di swap fornisce a FreeBSD la
- funzionalit di <firstterm>memoria virtuale</firstterm>. Questo
- permette al tuo computer di comportarsi come se avesse pi memoria
- di quella che ha realmente. Quando FreeBSD esaurisce la memoria muove
- alcuni dati presenti in memoria che non sono utilizzati in quel momento
- nello spazio di swap, e li riporta in memoria (spostando nello spazio di
- swap qualche altro dato) non appena necessari.</para>
-
- <para>Alcune partizioni hanno certe convenzioni a loro associate.</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <colspec colwidth="1*"/>
-
- <colspec colwidth="5*"/>
-
- <thead>
- <row>
- <entry>Partizione</entry>
-
- <entry>Convenzione</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody valign="top">
- <row>
- <entry><literal>a</literal></entry>
-
- <entry>In genere contiene il file system root</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><literal>b</literal></entry>
-
- <entry>In genere contiene lo spazio di swap</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><literal>c</literal></entry>
-
- <entry>Di solito rappresenta l'intera dimensione della slice.
- Questo permette a utility che necessitano di lavorare sull'intera
- slice (per esempio, uno scanner di blocchi difettosi) di lavorare
- sulla partizione <literal>c</literal>. Di norma non dovresti
- creare un file system su questa partizione.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><literal>d</literal></entry>
-
- <entry>La partizione <literal>d</literal> era utilizzata in passato
- con un significato speciale, caduto ormai in disuso e ora
- pu essere utilizzata come una partizione normale.</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <para>Ogni partizione contenente un file system memorizzata in
- ci che FreeBSD chiama <firstterm>slice</firstterm>. Slice
- un termine di FreeBSD per identificare ci che comunemente
- viene chiamato partizione, e di nuovo, questo dovuto dal
- background &unix; di FreeBSD. Le slice sono numerate, partendo da 1 e
- arrivando fino a 4.</para>
-
- <indexterm><primary>slice</primary></indexterm>
-
- <indexterm><primary>partizioni</primary></indexterm>
-
- <indexterm><primary>pericolosamente dedicate</primary></indexterm>
-
- <para>I numeri di slice seguono il nome del dispositivo, preceduti da una
- <literal>s</literal>, e partendo da 1. Quindi
- <quote>da0<emphasis>s1</emphasis></quote> la prima slice sul
- primo disco SCSI. Ci possono essere solo quattro slice fisiche su un
- disco, ma puoi avere slice logiche all'interno di slice fisiche di un
- appropriato tipo. Queste slice estese sono numerate a partire da 5,
- quindi <quote>ad0<emphasis>s5</emphasis></quote> la prima
- slice estesa sul primo disco IDE. Questi stratagemmi sono usati per i
- file system che si aspettano di occupare una slice.</para>
-
- <para>Le slice, i dispositivi fisici <quote>pericolosamente
- dedicati</quote>, e altri dispositivi contengono
- <firstterm>partizioni</firstterm>, le quali sono rappresentate tramite
- lettere dalla <literal>a</literal> fino alla <literal>h</literal>. Queste
- lettere seguono il nome del dispositivo, quindi
- <quote>da0<emphasis>a</emphasis></quote> la partizione a
- sul primo dispositivo da, il quale <quote>pericolosamente
- dedicato</quote>. <quote>ad1s3<emphasis>e</emphasis></quote>
- la quinta partizione nel terza slice del secondo disco IDE.</para>
-
- <para>In fine, ogni disco sul sistema identificato. Un nome di un
- disco incomincia con un codice che indica il tipo di disco, seguito da un
- numero, che indica quale disco esso sia. A differenza delle slice,
- i numeri riferiti al disco incominciano da 0. Puoi vedere dei codici
- generici in <xref linkend="basics-dev-codes"/>.</para>
-
- <para>Quando fai riferimento a una partizione di FreeBSD devi specificare
- anche il nome della slice e del disco che contengono la partizione, e
- quando fai riferimento a una slice dovresti specificare anche il nome del
- disco. Per riferirti ad una partizione specifica quindi il nome del disco,
- il carattere <literal>s</literal>, il numero di slice, e infine la lettera
- della partizione. Alcuni esempi sono mostrati nell'<xref linkend="basics-disk-slice-part"/>.</para>
-
- <para>L'<xref linkend="basics-concept-disk-model"/> mostra un modello
- concettuale di struttura di un disco che dovrebbe aiutare a chiarire le
- cose.</para>
-
- <para>Per installare FreeBSD devi prima configurare le slice del disco,
- creare le partizioni all'interno della slice che vuoi usare per FreeBSD,
- e quindi creare un file system (o spazio di swap) in ogni partizione, e
- decidere dove il file system deve essere montato.</para>
-
- <table frame="none" pgwide="1" xml:id="basics-dev-codes">
- <title>Codici dei Dispositivi Disco</title>
-
- <tgroup cols="2">
- <colspec colwidth="1*"/>
-
- <colspec colwidth="5*"/>
-
- <thead>
- <row>
- <entry>Codice</entry>
-
- <entry>Significato</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><filename>ad</filename></entry>
-
- <entry>disco ATAPI (IDE)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>da</filename></entry>
-
- <entry>disco ad accesso diretto SCSI</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>acd</filename></entry>
-
- <entry>CDROM ATAPI (IDE)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>cd</filename></entry>
-
- <entry>CDROM SCSI</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>fd</filename></entry>
-
- <entry>Disco floppy</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </table>
-
- <example xml:id="basics-disk-slice-part">
- <title>Esempi di Nomi di Dischi, di Slice, e di Partizioni</title>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <colspec colwidth="1*"/>
-
- <colspec colwidth="5*"/>
-
- <thead>
- <row>
- <entry>Nome</entry>
-
- <entry>Significato</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><literal>ad0s1a</literal></entry>
-
- <entry>La prima partizione (<literal>a</literal>) sulla prima
- slice (<literal>s1</literal>) sul primo disco IDE
- (<literal>ad0</literal>).</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><literal>da1s2e</literal></entry>
-
- <entry>La quinta partizione (<literal>e</literal>) sulla seconda
- slice (<literal>s2</literal>) sul secondo disco SCSI
- (<literal>da1</literal>).</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
- </example>
-
- <example xml:id="basics-concept-disk-model">
- <title>Modello Concettuale di un Disco</title>
-
- <para>Questo diagramma mostra come FreeBSD vede il primo disco IDE
- attaccato al sistema. Si assuma che il disco sia di 4&nbsp;GB, e che
- contenga due slice da 2&nbsp;GB (equivalenti come significato a due
- partizioni &ms-dos;). La prima slice contiene un disco &ms-dos;,
- <filename>C:</filename>, e la seconda slice contiene
- un'installazione di FreeBSD. In questo esempio l'installazione di
- FreeBSD ha tre partizioni dati pi una di swap.</para>
-
- <para>Le tre partizioni conterranno ognuna un file system. La partizione
- <literal>a</literal> sar usata per il file system root,
- la <literal>e</literal> per la gerarchia di directory
- <filename>/var</filename>, e la partizione <literal>f</literal> per
- la gerarchia di directory <filename>/usr</filename>.</para>
-
- <mediaobject>
- <imageobject>
- <imagedata fileref="install/disk-layout"/>
- </imageobject>
-
- <textobject>
- <literallayout class="monospaced">.-----------------. --.
-| | |
-| DOS / Windows | |
-: : &gt; Prima slice, ad0s1
-: : |
-| | |
-:=================: ==: --.
-| | | Partizione a, montata come / |
-| | &gt; riferita come ad0s2a |
-| | | |
-:-----------------: ==: |
-| | | Partizione b, usata come swap |
-| | &gt; riferita come ad0s2b |
-| | | |
-:-----------------: ==: | Partizione c, senza
-| | | Partizione e, usata come /var &gt; file system, tutta
-| | &gt; riferita come ad0s2e | la slice di FreeBSD,
-| | | | ad0s2c
-:-----------------: ==: |
-| | | |
-: : | Partizione f, usata come /usr |
-: : &gt; riferita come ad0s2f |
-: : | |
-| | | |
-| | --' |
-`-----------------' --'</literallayout>
- </textobject>
- </mediaobject>
- </example>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="mount-unmount">
- <title>Montaggio e Smontaggio dei File system</title>
-
- <para>Il file system raffigurato in maniera ottimale da un albero,
- radicato, per cos dire, in <filename>/</filename>. Le directory
- <filename>/dev</filename>, <filename>/usr</filename>, e le altre
- directory che stanno all'interno della directory root sono i rami, i quali
- possono essere a loro volta ramificati, come in
- <filename>/usr/local</filename>, e cos via.</para>
-
- <indexterm><primary>file system root</primary></indexterm>
-
- <para>Esistono varie ragioni per mantenere alcune di queste directory su
- file system separati. La directory <filename>/var</filename> contiene
- le directory <filename>log/</filename>, <filename>spool/</filename>,
- e vari tipi di file temporanei, e come tale, pu riempirsi.
- Riempire il file system root non una buona idea, quindi scindere
- la directory <filename>/var</filename> da <filename>/</filename>
- spesso vantaggioso.</para>
-
- <para>Un'altra motivazione per mantenere certi alberi di directory su altri
- file system quando questi alberi sono alloggiati su dischi fisici
- separati, o sono dischi virtuali separati, come avviene per i mount del
- <link linkend="network-nfs">Network File System</link>, o dei dispositivi
- CDROM.</para>
-
- <sect2 xml:id="disks-fstab">
- <title>Il File <filename>fstab</filename></title>
-
- <indexterm>
- <primary>file system</primary>
- <secondary>montati con fstab</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Durante la <link linkend="boot">fase di avvio</link>, i file system
- elencati nel file <filename>/etc/fstab</filename> sono montati
- in modo automatico (a meno che siano specificati con l'opzione
- <option>noauto</option>).</para>
-
- <para>Il file <filename>/etc/fstab</filename> contiene una serie di righe
- il cui formato il seguente:</para>
-
- <programlisting><replaceable>device</replaceable> <replaceable>/mount-point</replaceable> <replaceable>fstype</replaceable> <replaceable>options</replaceable> <replaceable>dumpfreq</replaceable> <replaceable>passno</replaceable></programlisting>
-
- <variablelist>
- <varlistentry>
- <term><literal>device</literal></term>
-
- <listitem>
- <para>Il nome del dispositivo (che deve esistere), come spiegato
- nella <xref linkend="disks-naming"/>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><literal>mount-point</literal></term>
-
- <listitem>
- <para>La directory (che deve esistere), sulla quale montare il file
- system.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><literal>fstype</literal></term>
-
- <listitem>
- <para>Il tipo di file system da passare a &man.mount.8;. Il file
- system di default di FreeBSD
- <literal>ufs</literal>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><literal>options</literal></term>
-
- <listitem>
- <para><option>rw</option> per file system leggibili-scrivibili,
- oppure <option>ro</option> per file system solamente leggibili,
- seguite da altre opzioni che potrebbero essere necessarie.
- Un'opzione comune <option>noauto</option> per i file
- system che normalmente non sono montati durante la sequenza di
- avvio. Altre opzioni sono elencate nella pagina man di
- &man.mount.8;.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><literal>dumpfreq</literal></term>
-
- <listitem>
- <para>Viene usato da &man.dump.8; per determinare quali file system
- richiedono un dump. Se non si specifica nulla, viene assunto il
- valore zero.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><literal>passno</literal></term>
-
- <listitem>
- <para>Determina l'ordine secondo il quale i file system vengono
- controllati. I file system che devono saltare il controllo devono
- avere i loro <literal>passno</literal> settati a zero. Il file
- system root (che deve essere controllato prima di qualsiasi altra
- cosa) deve avere il suo <literal>passno</literal> settato a uno,
- e i <literal>passno</literal> degli altri file system devono
- essere settati a valori maggiori di uno. Se pi di un
- file system ha lo stesso <literal>passno</literal> allora
- &man.fsck.8; tenter di controllare i file system in
- parallelo.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
-
- <para>Per maggiori informazioni sul formato del file
- <filename>/etc/fstab</filename> e sulle opzioni che esso contiene
- consulta la pagina man &man.fstab.5;.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="disks-mount">
- <title>Il Comando <command>mount</command></title>
-
- <indexterm>
- <primary>file system</primary>
- <secondary>montaggio</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il comando &man.mount.8; ci che in definitiva viene
- usato per montare i file system.</para>
-
- <para>La sua forma di utilizzo elementare :</para>
-
- <informalexample>
- <screen>&prompt.root; <userinput>mount device mountpoint</userinput></screen>
- </informalexample>
-
- <para>Esistono molte opzioni, come spiegato nella pagina man di
- &man.mount.8;, ma le pi comuni sono:</para>
-
- <variablelist>
- <title>Opzioni di Mount</title>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-a</option></term>
-
- <listitem>
- <para>Monta tutti i file system elencati nel file
- <filename>/etc/fstab</filename>. Le eccezioni sono quei file
- system specificati come <quote>noauto</quote>, quelli esclusi
- dalla flag <option>-t</option>, o quei file system che sono
- gi montati.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-d</option></term>
-
- <listitem>
- <para>F tutto ad eccezione della attuale system call di
- mount. Questa opzione risulta utile in congiunzione con la flag
- <option>-v</option> per determinare quello che &man.mount.8; sta
- effettivamente tentando di fare.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-f</option></term>
-
- <listitem>
- <para>Forza il mount di un file system non correttamente smontato
- (pericoloso), o forza
- la revoca di accesso in scrittura quando si declassa lo stato
- di mount di un file system da lettura-scrittura a lettura
- solamente.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-r</option></term>
-
- <listitem>
- <para>Monta il file system in sola lettura. Questo
- identico ad usare l'argomento <option>ro</option>
- (<option>rdonly</option> per versioni di &os; dopo la 5.2) con
- l'opzione <option>-o</option>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-t</option> <replaceable>fstype</replaceable></term>
-
- <listitem>
- <para>Monta il dato file system secondo il tipo di file system
- specificato, oppure, se affiancato dall'opzione
- <option>-a</option>, monta solamente i file system di un dato
- tipo.</para>
-
- <para><quote>ufs</quote> il tipo di file system di
- default.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-u</option></term>
-
- <listitem>
- <para>Aggiorna le opzioni di mount sul file system.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-v</option></term>
-
- <listitem>
- <para>Modalit verbosa.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-w</option></term>
-
- <listitem>
- <para>Monta il file system in lettura-scrittura.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
-
- <para>L'opzione <option>-o</option> accetta una lista di argomenti
- separati da una virgola, inclusi i seguenti:</para>
-
- <variablelist>
- <varlistentry>
- <term>noexec</term>
-
- <listitem>
- <para>Non permette l'esecuzione di binari su questo file system.
- Questa un'altra utile opzione di sicurezza.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>nosuid</term>
-
- <listitem>
- <para>Non permette l'interpretazione delle flag setuid o setgid sul
- file system. Anche questa un'utile opzione di
- sicurezza.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="disks-umount">
- <title>Il Comando <command>umount</command></title>
-
- <indexterm>
- <primary>file system</primary>
- <secondary>smontaggio</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il comando &man.umount.8; accetta, come unico parametro, un punto di
- mount, un nome di dispositivo, l'opzione <option>-a</option> o l'opzione
- <option>-A</option>.</para>
-
- <para>Tutte queste modalit accettano l'opzione <option>-f</option>
- per forzare la smontatura, e l'opzione <option>-v</option> per la
- modalit verbosa. Sei avvisato che l'opzione <option>-f</option>
- non in generale un buona idea. Smontare in modo forzato i
- file system pu mandare in crash il computer o danneggiare i dati
- sul file system.</para>
-
- <para>Le opzioni <option>-a</option> e <option>-A</option> sono usate per
- smontare tutti i file system, con la possibilit di specificare
- i tipi di file system elencandoli dopo la flag <option>-t</option>.
- Tuttavia, l'opzione <option>-A</option> non tenta di smontare il file
- system root.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="basics-processes">
- <title>I Processi</title>
-
- <para>FreeBSD un sistema operativo multi-tasking. Con questa
- capacit il sistema come se potesse eseguire pi di
- un programma alla volta. Ogni programma in esecuzione in un dato istante
- chiamato <firstterm>processo</firstterm>. Ogni volta che esegui
- un comando fai partire almeno un nuovo processo, e ci sono molti processi
- di sistema che sono sempre in esecuzione, che permettono il corretto
- funzionamento del sistema.</para>
-
- <para>Ogni processo identificato in modo univoco da un numero
- chiamato <firstterm>process ID</firstterm>, o <firstterm>PID</firstterm>,
- e, come avviene per i file, ogni processo ha un proprietario e un gruppo.
- Le informazioni sul proprietario e sul gruppo sono usate per determinare,
- tramite il meccanismo dei permessi dei file discusso precedentemente,
- quali file e quali dispositivi il processo pu aprire. Inoltre
- molti processi hanno un processo padre. Tale processo il
- processo che li ha generati. Per esempio, se stai digitando dei comandi
- in shell allora la shell un processo, cos come lo sono i
- comandi che esegui. Ogni processo che esegui in questo modo avr
- come suo processo padre la tua shell. L'eccezione a questo meccanismo
- un processo speciale chiamato &man.init.8;. Il processo
- <command>init</command> sempre il primo processo, quindi il suo
- PID sempre 1. <command>init</command> viene avviato in modo
- automatico dal kernel quando si avvia FreeBSD.</para>
-
- <para>Due comandi sono particolarmente utili per monitorare i processi sul
- sistema, &man.ps.1; e &man.top.1;. Il comando <command>ps</command>
- usato per mostrare una lista statica dei processi che sono in
- esecuzione in quel momento, e pu mostrare i loro PID, quanta
- memoria stanno usando, la linea di comando che li ha avviati, e altro
- ancora. Il comando <command>top</command> visualizza tutti i processi in
- esecuzione, e aggiorna queste informazioni ogni qualche secondo, in modo
- che puoi vedere interattivamente cosa sta facendo il tuo computer.</para>
-
- <para>Di default, <command>ps</command> mostra solo i tuoi comandi che sono
- in quel momento in esecuzione. Per esempio:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>ps</userinput>
- PID TT STAT TIME COMMAND
- 298 p0 Ss 0:01.10 tcsh
- 7078 p0 S 2:40.88 xemacs mdoc.xsl (xemacs-21.1.14)
-37393 p0 I 0:03.11 xemacs freebsd.dsl (xemacs-21.1.14)
-48630 p0 S 2:50.89 /usr/local/lib/netscape-linux/navigator-linux-4.77.bi
-48730 p0 IW 0:00.00 (dns helper) (navigator-linux-)
-72210 p0 R+ 0:00.00 ps
- 390 p1 Is 0:01.14 tcsh
- 7059 p2 Is+ 1:36.18 /usr/local/bin/mutt -y
- 6688 p3 IWs 0:00.00 tcsh
-10735 p4 IWs 0:00.00 tcsh
-20256 p5 IWs 0:00.00 tcsh
- 262 v0 IWs 0:00.00 -tcsh (tcsh)
- 270 v0 IW+ 0:00.00 /bin/sh /usr/X11R6/bin/startx -- -bpp 16
- 280 v0 IW+ 0:00.00 xinit /home/nik/.xinitrc -- -bpp 16
- 284 v0 IW 0:00.00 /bin/sh /home/nik/.xinitrc
- 285 v0 S 0:38.45 /usr/X11R6/bin/sawfish</screen>
-
- <para>Come puoi vedere in questo esempio, l'output di &man.ps.1;
- organizzato in molte colonne. La colonna <literal>PID</literal> si
- riferisce al process ID discusso poco f. I PID sono assegnati
- partendo dal numero 1, andando fino al 99999, e ricominciando dall'inizio
- una volta esauriti (se disponibili). La colonna <literal>TT</literal>
- mostra su quale tty il programma in esecuzione, e pu
- essere benissimo ignorata per il momento. La colonna
- <literal>STAT</literal> mostra lo stato del programma, e di nuovo,
- pu essere benissimo ignorata. La colonna <literal>TIME</literal>
- indica per quanto tempo il programma stato in esecuzione sulla
- CPU&mdash;di solito non indica il tempo trascorso da quando hai avviato
- il programma, poich la maggior parte dei programmi trascorrono
- molto tempo in attesa per faccende che accadono prima che questi possano
- trascorrere del tempo in CPU. Infine, la colonna
- <literal>COMMAND</literal> indica la riga di comando che stata
- utilizzata per eseguire il programma.</para>
-
- <para>Il comando &man.ps.1; supporta varie opzioni per cambiare le
- informazioni da visualizzare. Uno dei gruppi di opzioni pi utili
- <literal>auxww</literal>. L'opzione <option>a</option> mostra le
- informazioni riguardo a tutti i processi in esecuzione, non solo quelli
- che ti appartengono. L'opzione <option>u</option> mostra il nome utente
- del proprietario del processo, come pure la memoria utilizzata dal
- processo. L'opzione <option>x</option> mostra le informazioni riguardo ai
- processi demoni, e l'opzione <option>ww</option> indica a &man.ps.1; di
- visualizzare la linea di comando completa che ha avviato il processo,
- piuttosto che troncarla quando troppo lunga per essere adattata
- sullo schermo.</para>
-
- <para>L'output di &man.top.1; simile. Un esempio di esecuzione
- assomiglia a questo:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>top</userinput>
-last pid: 72257; load averages: 0.13, 0.09, 0.03 up 0+13:38:33 22:39:10
-47 processes: 1 running, 46 sleeping
-CPU states: 12.6% user, 0.0% nice, 7.8% system, 0.0% interrupt, 79.7% idle
-Mem: 36M Active, 5256K Inact, 13M Wired, 6312K Cache, 15M Buf, 408K Free
-Swap: 256M Total, 38M Used, 217M Free, 15% Inuse
-
- PID USERNAME PRI NICE SIZE RES STATE TIME WCPU CPU COMMAND
-72257 nik 28 0 1960K 1044K RUN 0:00 14.86% 1.42% top
- 7078 nik 2 0 15280K 10960K select 2:54 0.88% 0.88% xemacs-21.1.14
- 281 nik 2 0 18636K 7112K select 5:36 0.73% 0.73% XF86_SVGA
- 296 nik 2 0 3240K 1644K select 0:12 0.05% 0.05% xterm
-48630 nik 2 0 29816K 9148K select 3:18 0.00% 0.00% navigator-linu
- 175 root 2 0 924K 252K select 1:41 0.00% 0.00% syslogd
- 7059 nik 2 0 7260K 4644K poll 1:38 0.00% 0.00% mutt
-...</screen>
-
- <para>L'output diviso in due sezioni. La parte superiore (le prime
- cinque linee) mostra il PID dell'ultimo processo eseguito, il carico medio
- del sistema (che un indice di quanto il sistema sia impegnato), il
- tempo di vita del sistema (il tempo passato dall'ultimo reboot) e l'ora
- corrente. I restanti numeri nella parte superiore riportano quanti
- processi sono in esecuzione (47 in questo caso), quanta memoria di sistema
- e quanta memoria di swap stata utilizzata, e quanto tempo il
- sistema sta trascorrendo nei vari stati di CPU.</para>
-
- <para>Sotto ci sono una serie di colonne che contengono simili informazioni
- a quelle contenute nell'output di &man.ps.1;. Come prima puoi vedere il
- PID, il nome utente, quanto tempo di CPU stato utilizzato, e il
- comando che era stato eseguito. Inoltre il comando &man.top.1; di default
- ti mostra quanta memoria stata concessa al processo. Questa
- informazione suddivisa in due colonne, una per la dimensione
- totale, e l'altra per la dimensione attuale&mdash;la dimensione totale
- la quantit di memoria che l'applicazione ha richiesto, e
- la dimensione attuale la quantit di memoria che sta
- utilizzando in quel momento. In questo esempio puoi vedere che
- <application>Netscape</application> ha richiesto quasi 30&nbsp;MB di RAM,
- ma al momento ne sta usando solo 9&nbsp;MB.</para>
-
- <para>Il comando &man.top.1; aggiorna in modo automatico queste informazioni
- ogni due secondi; questo lasso temporale pu essere modificato con
- l'opzione <option>s</option>.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="basics-daemons">
- <title>I Demoni, i Segnali, e come Uccidere i Processi</title>
-
- <para>Quando esegui un editor risulta semplice averne il controllo, dirgli
- di caricare file, e cos via. Tutto questo pu essere fatto
- poich l'editor fornisce delle agevolazioni in questo senso, e
- anche perch l'editor collegato a un
- <firstterm>terminale</firstterm>. Alcuni programmi non sono stati
- progettati per essere eseguiti con un continuo input dell'utente, e
- perci questi programmi si disconnettono dal terminale alla prima
- occasione. Per esempio, un server web trascorre tutto il giorno
- rispondendo a richieste web, e normalmente non necessita di alcun input
- da parte tua. I programmi che trasportano la posta elettronica da un sito
- a un altro sito sono un altro esempio di questa classe di
- applicazioni.</para>
-
- <para>Chiamiamo questi programmi <firstterm>demoni</firstterm>. I demoni
- erano dei personaggi della mitologia greca: n buoni n
- cattivi, erano piccoli spiriti custodi che, nel complesso,
- risultavano essere utili per l'umanit, molto similmente i server
- web e quelli di posta elettronica di oggi fanno cose utili. Ecco il
- motivo per cui la mascotte di BSD stata per molto tempo, e lo
- ancora, l'allegro demone con le scarpe da tennis e con il
- forcone.</para>
-
- <para>Esiste la convenzione di chiamare i programmi che normalmente sono
- eseguiti come demoni con una <quote>d</quote> finale.
- <application>BIND</application> sta per Berkeley Internet Name Domain,
- ma il nome effettivo del programma che viene eseguito
- <command>named</command>; il nome del programma
- <application>Apache</application>, un server web,
- <command>httpd</command>; il demone dello spool di stampa
- <command>lpd</command> e cos via. Questa una
- convenzione, non una regola ferrea; per esempio, il principale
- demone di posta elettronica per l'applicazione
- <application>Sendmail</application> chiamato
- <command>sendmail</command>, e non <command>maild</command>, come potresti
- aspettarti.</para>
-
- <para>A volte puoi aver bisogno di comunicare con un processo demone.
- Un modo per farlo di mandare a esso (o ad altri processi
- in esecuzione), un <firstterm>segnale</firstterm>.
- Esistono svariati segnali che puoi inviare&mdash;alcuni di
- questi hanno un significato specifico, altri sono interpretabili
- dall'applicazione, e la documentazione dell'applicazione ti dir
- come l'applicazione stessa interpreta i segnali. Puoi mandare un segnale
- solo ai processi che ti appartengono. Se mandi un segnale a un processo
- che non ti appartiene con il comando &man.kill.1; o &man.kill.2;, il
- permesso ti sar negato. L'eccezione a questa regola riguarda
- l'utente <systemitem class="username">root</systemitem>, che pu mandare segnali a
- processi di chiunque.</para>
-
- <para>Inoltre in alcune circostanze FreeBSD invia segnali alle
- applicazioni. Se un'applicazione stata scritta malamente, e
- tenta di accedere alla memoria che non gli compete, FreeBSD manda al
- processo il segnale di <firstterm>Violazione della
- Segmentazione</firstterm> (<literal>SIGSEGV</literal>). Se
- un'applicazione ha utilizzato la system call &man.alarm.3; in modo tale
- da essere avvisata dopo un certo periodo di tempo trascorso allora
- FreeBSD invier a questa applicazione il segnale di Allarme
- (<literal>SIGALRM</literal>), e cos via.</para>
-
- <para>Per fermare un processo possono essere utilizzati due segnali,
- <literal>SIGTERM</literal> e <literal>SIGKILL</literal>.
- <literal>SIGTERM</literal> il modo cortese di terminare un
- processo; il processo pu <emphasis>catturare</emphasis> il
- segnale, capire che vuoi abbatterlo, chiudere i file di log che potrebbe
- avere aperto, e in genere terminare qualunque cosa che stava facendo prima
- dell'interruzione. Nei casi in cui un processo sia coinvolto in qualche
- compito che non pu essere interrotto allora questo processo
- pu persino ignorare <literal>SIGTERM</literal>.</para>
-
- <para>Il segnale <literal>SIGKILL</literal> non pu essere ignorato
- da un processo. Questo il segnale che dice <quote>Non mi
- interessa cosa stai facendo, fermati subito</quote>. Se mandi il segnale
- <literal>SIGKILL</literal> a un processo allora FreeBSD fermer
- subito il processo<footnote>
- <para>Non del tutto vero&mdash;ci sono alcune cose che non
- possono essere interrotte. Per esempio, se il processo sta tentando
- di leggere un file situato su un altro computer in rete, e questo
- computer non disponibile per qualche ragione ( stato
- spento, o la rete ha qualche problema), allora il processo
- detto <quote>non interrompibile</quote>. Il processo finir
- in time out, generalmente dopo due minuti. Non appena avviene il
- time out il processo potr essere terminato.</para>
- </footnote>.
- </para>
-
- <para>Altri segnali che potresti aver bisogno di usare sono
- <literal>SIGHUP</literal>, <literal>SIGUSR1</literal>, e
- <literal>SIGUSR2</literal>. Questi sono segnali a scopo generico, e
- differenti applicazioni possono fare cose diverse quando catturano questi
- segnali.</para>
-
- <para>Supponiamo che hai cambiato il file di configurazione del tuo server
- web&mdash;hai bisogno di dire al server web di rileggere la sua
- configurazione. Potresti fermare e riavviare <command>httpd</command>, ma
- questo porterebbe a un breve periodo di interruzione del tuo server
- web, che potrebbe non essere gradito. Molti demoni sono stati scritti per
- rispondere al segnale <literal>SIGHUP</literal> tramite la rilettura
- dei loro file di configurazione. In questo modo invece di terminare e
- riavviare <command>httpd</command> potresti inviare il segnale
- <literal>SIGHUP</literal>. Poich non esiste un modo standard di
- trattare questi segnali, differenti demoni potrebbero avere un
- comportamento diverso, quindi assicurati di leggere la documentazione per
- il demone in questione.</para>
-
- <para>I segnali sono inviati utilizzando il comando &man.kill.1;, come
- mostra questo esempio.</para>
-
- <procedure>
- <title>Inviare un Segnale a un Processo</title>
-
- <para>Questo esempio mostra come inviare un segnale a &man.inetd.8;. Il
- file di configurazione di <command>inetd</command>
- <filename>/etc/inetd.conf</filename>, e <command>inetd</command> rilegge
- questo file di configurazione quando riceve il segnale
- <literal>SIGHUP</literal>.</para>
-
- <step>
- <para>Cerca il process ID del processo a cui vuoi mandare il segnale.
- Puoi utilizzare &man.ps.1; e &man.grep.1; per farlo. Il comando
- &man.grep.1; viene utilizzato per perlustrare attraverso l'output,
- cercando la stringa da te specificata. Questo comando viene eseguito
- in modalit utente, e &man.inetd.8; viene eseguito in
- modalit <systemitem class="username">root</systemitem>, quindi le opzioni da dare
- a &man.ps.1; sono <option>ax</option>.</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>ps -ax | grep inetd</userinput>
- 198 ?? IWs 0:00.00 inetd -wW</screen>
-
- <para>Come puoi vedere il PID di &man.inetd.8; 198. In alcuni
- casi potrebbe apparire nel risultato anche il comando
- <literal>grep inetd</literal>. Questo dipende dal modo utilizzato
- da &man.ps.1; nell'elencare la lista dei processi in
- esecuzione.</para>
- </step>
-
- <step>
- <para>Usa il comando &man.kill.1; per inviare il segnale. Poich
- &man.inetd.8; viene eseguito in modalit
- <systemitem class="username">root</systemitem> prima devi usare il comando &man.su.1; per
- diventare <systemitem class="username">root</systemitem>.</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>su</userinput>
-<prompt>Password:</prompt>
-&prompt.root; <userinput>/bin/kill -s HUP 198</userinput></screen>
-
- <para>Come avviene per la maggior parte dei comandi &unix;, il comando
- &man.kill.1; non stampa il risultato dell'operazione se questa ha
- avuto successo. Se mandi un segnale a un processo del quale non sei
- il proprietario allora vedrai il messaggio <errorname>kill:
- <replaceable>PID</replaceable>: Operation not permitted</errorname>.
- Se sbagli il PID invierai il segnale al processo sbagliato, il che
- potrebbe essere dannoso, o, se hai fortuna, manderai il segnale
- a un PID che in quel momento non in uso, e in questo caso
- vedrai il messaggio <errorname>kill: <replaceable>PID</replaceable>:
- No such process</errorname>.</para>
-
- <note>
- <title>Perch Usare <command>/bin/kill</command>?</title>
-
- <para>Molte shell forniscono il comando <command>kill</command> come
- comando built-in; ossia, la shell invia il segnale in modo
- diretto, senza dover eseguire <filename>/bin/kill</filename>. Tutto
- ci pu essere molto utile, ma le diverse shell hanno
- una sintassi diversa per specificare il nome del segnale da inviare.
- Invece di cercare di imparare tutte queste sintassi, pu
- essere pi semplice usare direttamente il comando
- <command>/bin/kill ...</command>.</para>
- </note>
- </step>
- </procedure>
-
- <para>L'invio di altri segnali analogo, basta sostituire
- all'occorrenza <literal>TERM</literal> o <literal>KILL</literal> nella
- linea di comando.</para>
-
- <important>
- <para>Terminare processi in modo random su un sistema pu essere
- una cattiva idea. In particolare, il processo &man.init.8;, con process
- ID 1, un caso molto speciale. Eseguire <command>/bin/kill -s
- KILL 1</command> un modo veloce per arrestare il tuo sistema.
- Controlla <emphasis>sempre</emphasis> due volte gli argomenti quando
- esegui &man.kill.1; <emphasis>prima</emphasis> di premere
- <keycap>Invio</keycap>.</para>
- </important>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="shells">
- <title>Le Shell</title>
-
- <indexterm><primary>shell</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>riga di comando</primary></indexterm>
-
- <para>In FreeBSD, la maggior parte del lavoro di tutti i giorni viene svolto
- tramite un'interfaccia a riga di comando chiamata shell. Uno dei compiti
- principali di una shell quello di prendere in input dei comandi
- ed eseguirli. Inoltre molte shell hanno delle funzioni built-in
- (incorporate) utili nei lavori ordinari come la gestione dei file, la
- sostituzione dei nomi dei file, la modifica della riga di comando, la
- creazione di macro di comandi, e la gestione delle variabili d'ambiente.
- FreeBSD si propone con una serie di shell, come la Shell Bourne,
- <command>sh</command>, e la versione successiva della C-shell,
- <command>tcsh</command>. Molte altre shell sono disponibili nella FreeBSD
- Ports Collection, come le shell <command>zsh</command> e
- <command>bash</command>.</para>
-
- <para>Quale shell devi usare? veramente una questione di gusti.
- Se sei un programmatore di C potresti sentirti a tuo agio con una shell
- C-like come la <command>tcsh</command>. Se vieni da Linux o non sei
- pratico dell'interfaccia a riga di comando di &unix; potresti provare la
- <command>bash</command>. Il fatto che ogni shell ha delle
- caratteristiche che possono o meno combaciare con il tuo ambiente di
- lavoro preferito, e quindi devi scegliere tu stesso quale shell
- utilizzare.</para>
-
- <para>Una caratteristica comune in una shell il completamento dei
- nomi dei file. Dopo aver digitato alcuni dei primi caratteri di un
- comando o di un nome di file, la shell di solito pu completare
- in modo automatico il resto del comando o del nome del file tramite la
- pressione del tasto <keycap>Tab</keycap> sulla tastiera. Ecco un esempio.
- Supponiamo che hai due file chiamati <filename>foobar</filename> e
- <filename>foo.bar</filename>. Vuoi cancellare
- <filename>foo.bar</filename>. Quello che dovresti digitare sulla tastiera
- :
- <command>rm
- fo[Tab].[Tab]</command>.</para>
-
- <para>La shell dovrebbe visualizzare <command>rm
- foo[BEEP].bar</command>.</para>
-
- <para>Il [BEEP] la campanella della console, che mi segnala che la
- shell incapace di completare interamente il nome del file
- poich esiste pi di una sola corrispondenza. Sia
- <filename>foobar</filename> che <filename>foo.bar</filename> iniziano con
- <literal>fo</literal>, tuttavia la shell riuscita a completarlo
- in <literal>foo</literal>. A questo punto premendo <literal>.</literal>,
- e poi di nuovo <keycap>Tab</keycap>, la shell sar in grado di
- completare da sola il resto del nome del file.</para>
-
- <indexterm><primary>variabili d'ambiente</primary></indexterm>
-
- <para>Un altro aspetto di una shell l'uso delle variabili
- d'ambiente. Le variabili d'ambiente sono una coppia di valori mutevoli
- memorizzati nello spazio dell'ambiente della shell. Questo spazio
- pu essere letto dai programmi invocati dalla shell, e di
- conseguenza questo spazio pu contenere le configurazioni di molti
- programmi. Qui sotto c' una lista delle variabili d'ambiente
- pi comuni con il loro rispettivo significato:</para>
-
- <indexterm><primary>variabili d'ambiente</primary></indexterm>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <thead>
- <row>
- <entry>Variabile</entry>
-
- <entry>Descrizione</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><envar>USER</envar></entry>
-
- <entry>Il nome dell'utente attualmente loggato.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>PATH</envar></entry>
-
- <entry>Lista di directory separate da due punti utilizzate per
- la ricerca dei binari.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>DISPLAY</envar></entry>
-
- <entry>Nome di rete del display X11 a cui connettersi, se
- disponibile.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>SHELL</envar></entry>
-
- <entry>La shell corrente.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>TERM</envar></entry>
-
- <entry>Il nome del tipo di terminale dell'utente. Usato per determinare
- le capacit del terminale.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>TERMCAP</envar></entry>
-
- <entry>Serie di elementi di codici di escape del terminale
- utilizzati per realizzare svariate funzioni del terminale.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>OSTYPE</envar></entry>
-
- <entry>Il tipo di sistema operativo. FreeBSD, ad esempio.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>MACHTYPE</envar></entry>
-
- <entry>L'architettura della CPU su cui il sistema gira.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>EDITOR</envar></entry>
-
- <entry>L'editor di testo preferito dall'utente.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>PAGER</envar></entry>
-
- <entry>L'impaginatore di testo preferito dall'utente.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><envar>MANPATH</envar></entry>
-
- <entry>Lista di directory separate da due punti utilizzate nella
- ricerca delle pagine man.</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <indexterm><primary>shell Bourne</primary></indexterm>
-
- <para>Il modo di settare una variabile d'ambiente varia leggermente a
- seconda della shell utilizzata. Per esempio, nelle shell C-Style come
- <command>tcsh</command> e <command>csh</command>, puoi usare
- <command>setenv</command> per settare le variabili d'ambiente. Sotto le
- shell Bourne come <command>sh</command> e <command>bash</command>, puoi
- usare <command>export</command> per settare le tue variabili d'ambiente
- correnti. Per esempio, per settare o modificare la variabile d'ambiente
- <envar>EDITOR</envar> a <filename>/usr/local/bin/emacs</filename>, sotto
- <command>csh</command> o <command>tcsh</command> si pu utilizzare
- il comando:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>setenv EDITOR /usr/local/bin/emacs</userinput></screen>
-
- <para>Sotto le shell Bourne:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>export EDITOR="/usr/local/bin/emacs"</userinput></screen>
-
- <para>Con la maggior parte delle shell puoi inoltre creare un'espansione
- di una variabile d'ambiente mettendo sulla riga di comando il simbolo
- <literal>$</literal> davanti al nome della variabile stessa. Per esempio,
- <command>echo $TERM</command> visualizzer ci che
- corrisponde a <envar>$TERM</envar>, poich la shell espande
- <envar>$TERM</envar> e passa il risultato a
- <command>echo</command>.</para>
-
- <para>Le shell trattano molti caratteri speciali, chiamati meta-caratteri
- come rappresentazioni speciali di dati. Il pi comune di questi
- il simbolo <literal>*</literal>, che rappresenta diverse
- istanze di caratteri in un nome di file. Questi meta-caratteri possono
- essere usati per la sostituzione dei nomi di file. Per esempio, digitando
- <command>echo *</command> quasi come aver digitato
- <command>ls</command> poich la shell prende tutti i file che
- corrispondono a <literal>*</literal> e li mette sulla riga di comando
- con <command>echo</command> che quindi li visualizza.</para>
-
- <para>Per impedire alla shell di interpretare questi caratteri speciali,
- questi possono essere messi in escape mettendo subito prima di essi un
- backslash (<literal>\</literal>). <command>echo $TERM</command>
- visualizza il tipo del tuo terminale. <command>echo \$TERM</command>
- visualizza <envar>$TERM</envar> cos com'.</para>
-
- <sect2 xml:id="changing-shells">
- <title>Cambiare la Propria Shell</title>
-
- <para>Il modo pi semplice per cambiare la propria shell
- quello di usare il comando <command>chsh</command>. Eseguendo
- <command>chsh</command> verr invocato l'editor definito nella
- tua variabile d'ambiente <envar>EDITOR</envar>; nel caso in cui questa
- non sia stata settata, verr invocato <command>vi</command>.
- Modifica la riga <quote>Shell:</quote> in base alle tue esigenze.</para>
-
- <para>Puoi anche eseguire <command>chsh</command> con l'opzione
- <option>-s</option>; in questo modo verr settata la shell in
- modo diretto, senza che sia necessario invocare l'editor. Per
- esempio, se vuoi cambiare la tua shell in <command>bash</command>,
- potresti digitare il seguente comando:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>chsh -s /usr/local/bin/bash</userinput></screen>
-
- <note>
- <para>La shell che desideri utilizzare <emphasis>deve</emphasis> essere
- presente nel file <filename>/etc/shells</filename>. Se hai installato
- una shell dalla <link linkend="ports">collezione dei port</link>,
- allora la nuova shell dovrebbe essere gi stata inserita nel
- suddetto file in modo automatico. Se installi una shell manualmente,
- questo lavoro lo devi fare tu.</para>
-
- <para>Per esempio, se installi <command>bash</command> a mano e la
- metti sotto <filename>/usr/local/bin</filename>, dovresti fare
- questo:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>echo &quot;/usr/local/bin/bash&quot; &gt;&gt; /etc/shells</userinput></screen>
-
- <para>Dopo averlo fatto riavvia <command>chsh</command>.</para>
- </note>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="editors">
- <title>Editor di Testo</title>
-
- <indexterm><primary>editor di testo</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>editor</primary></indexterm>
-
- <para>La maggior parte del lavoro di configurazione in FreeBSD viene fatto
- tramite la modifica di file di testo. Perci, una buona
- idea familiarizzare con un editor di testo. FreeBSD si presenta con
- alcuni editor come parte base del sistema, e molti altri sono disponibili
- nella collezione dei port.</para>
-
- <indexterm>
- <primary><command>ee</command></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>editor</primary>
- <secondary><command>ee</command></secondary>
- </indexterm>
-
- <para>L'editor pi semplice e pi facile da imparare si chiama
- <application>ee</application>, che sta per easy editor. Per avviare
- <application>ee</application>, puoi digitare sulla riga di comando
- <command>ee filename</command> dove <literal>filename</literal>
- il nome del file che deve essere modificato. Per esempio, per modificare
- <filename>/etc/rc.conf</filename>, devi digitare <command>ee
- /etc/rc.conf</command>. Una volta all'interno di <command>ee</command>,
- tutti i comandi per azionare le funzioni dell'editor sono elencati nella
- parte superiore del video. Il carattere <literal>^</literal> il
- tasto <keycap>Ctrl</keycap> della tastiera, quindi <literal>^e</literal>
- si riferisce alla combinazione di tasti <keycombo action="simul">
- <keycap>Ctrl</keycap>
- <keycap>e</keycap>
- </keycombo>. Per uscire da <application>ee</application>, premi il tasto
- <keycap>Esc</keycap>, quindi conferma l'uscita dall'editor. Se il file
- ha subito delle modifiche ti verr chiesto se le vuoi
- salvare.</para>
-
- <indexterm>
- <primary><command>vi</command></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>editor</primary>
- <secondary><command>vi</command></secondary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary><command>emacs</command></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>editor</primary>
- <secondary><command>emacs</command></secondary>
- </indexterm>
-
- <para>FreeBSD ha come parte base del sistema anche editor di testo
- pi potenti come <application>vi</application>, mentre altri
- editor, come <application>Emacs</application> e
- <application>vim</application>, sono inclusi nella
- FreeBSD Ports Collection (<package>editors/emacs</package> e <package>editors/vim</package>). Questi editor offrono molte
- pi funzionalit e molta pi potenza a costo di essere
- un poco pi complicati da imparare ad utilizzare. Comunque se
- intendi utilizzare in modo intensivo un editor, imparando ad utilizzare un
- editor potente come <application>vim</application> o
- <application>Emacs</application>
- risparmierai a lungo andare un sacco di tempo.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="basics-devices">
- <title>Dispositivi e Nodi di Dispositivo</title>
-
- <para>Il termine dispositivo viene usato prevalentemente per specificare le
- unit hardware all'interno di un sistema, come i dischi, le
- stampanti, le schede grafiche, e le tastiere. Durante la fase di avvio di
- FreeBSD, la maggior parte delle cose che vengono visualizzate da FreeBSD
- riguardano i dispositivi che sono stati rilevati. Puoi riesaminare
- questi messaggi di avvio guardando il file
- <filename>/var/run/dmesg.boot</filename>.</para>
-
- <para>Per esempio, <filename>acd0</filename> il primo drive
- CDROM IDE, mentre <filename>kbd0</filename> rappresenta la
- tastiera.</para>
-
- <para>In un sistema operativo &unix; la maggior parte di questi dispositivi
- sono accessibili tramite dei file speciali chiamati nodi di dispositivo,
- i quali sono posti nella directory <filename>/dev</filename>.</para>
-
- <sect2>
- <title>Creare i Nodi di Dispositivo</title>
-
- <para>Quando aggiungi un nuovo dispositivo al tuo sistema, o ricompili il
- kernel per supportare dispositivi aggiuntivi, devono essere
- creati nuovi nodi di dispositivo.</para>
-
- <sect3>
- <title><literal>DEVFS</literal> (DEVice File System)</title>
-
- <para>Il file system device, o <literal>DEVFS</literal>, fornisce la
- disponibilit dello spazio dei nomi dei dispositivi del kernel
- allo spazio dei nomi globale del file system. Invece di dover creare
- o modificare i nodi di dispositivo, <literal>DEVFS</literal> mantiene
- in modo automatico questo particolare file system.</para>
-
- <para>Guarda la pagina man di &man.devfs.5; per maggiori
- informazioni.</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="binary-formats">
- <title>Formati dei Binari</title>
-
- <para>Per comprendere il motivo per cui FreeBSD usa il formato &man.elf.5;,
- devi prima conoscere un p i tre attuali formati eseguibili
- <quote>dominanti</quote> per &unix;:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>&man.a.out.5;</para>
-
- <para>Il pi vecchio e <quote>classico</quote> formato oggetto
- di &unix;. Usa un'intestazione corta e compatta con un numero magico
- all'inizio che spesso usato per caratterizzare il formato
- (vedere &man.a.out.5; per maggiori dettagli). Contiene tre segmenti
- caricabili: .text, .data, e .bss pi una tabella di simboli e
- una di stringhe.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><acronym>COFF</acronym></para>
-
- <para>Il formato oggetto di SVR3. Poich l'intestazione include
- una porzione di tabella, puoi avere molto di pi delle sole
- sezioni .text, .data, e .bss.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>&man.elf.5;</para>
-
- <para>Il successore di <acronym>COFF</acronym>, caratterizzato da
- sezioni multiple e da possibili valori a 32-bit o 64-bit. Uno dei
- maggiori svantaggi: <acronym>ELF</acronym> fu progettato con
- l'assunzione che ci doveva essere solo un ABI per ogni tipo di
- architettura dei sistemi. Tale assunzione in realt
- piuttosto sbagliata, e non vera nemmeno nel mondo commerciale
- di SYSV (che ha almeno tre ABI: SVR4, Solaris, SCO).</para>
-
- <para>FreeBSD tenta di aggirare questo problema fornendo un
- utility per <emphasis>marchiare</emphasis> un eseguibile
- <acronym>ELF</acronym> con informazioni sull'ABI per il quale
- stato costruito. Guarda la pagina man &man.brandelf.1; per maggiori
- informazioni.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>FreeBSD proviene dalla scuola <quote>classica</quote> e ha usato il
- formato &man.a.out.5;, una tecnologia sperimentata ed utilizzata
- attraverso molte generazioni delle release BSD, fino agli inizi del ramo
- 3.X. Sebbene fino ad allora era possibile costruire ed eseguire su
- un sistema FreeBSD binari (e kernel) del formato <acronym>ELF</acronym>,
- inizialmente FreeBSD si oppose al <quote>salto</quote> di cambiamento al
- formato <acronym>ELF</acronym> come formato di default. Per quale motivo?
- Dunque, quando la scuola Linux fece il suo doloroso passaggio a
- <acronym>ELF</acronym>, questo non era sufficiente per abbandonare
- il formato eseguibile <filename>a.out</filename> a causa del loro
- rigido meccanismo a salto-di-tabella basato sulla libreria condivisa, il
- quale rendeva la costruzione di librerie condivise un compito molto
- difficile tanto per i venditori che per gli sviluppatori. Tuttavia,
- quando gli strumenti di <acronym>ELF</acronym> furono in grado di offrire
- una soluzione al problema della libreria condivisa e quando furono visti
- come <quote>la strada imminente</quote>, il costo della migrazione
- fu accettato poich necessario e avvenne cos la
- transizione. Il meccanismo di libreria condivisa di FreeBSD
- basato sullo stile pi restrittivo del meccanismo di libreria
- condivisa degli &sunos; di Sun, e come tale, molto facile da
- utilizzare.</para>
-
- <para>Quindi, perch ci sono cos tanti formati
- differenti?</para>
-
- <para>In passato l'hardware era semplice. Questo hardware semplice
- sosteneva un sistema semplice e piccolo. Il formato
- <filename>a.out</filename> era del tutto adatto per rappresentare i binari
- su questo semplice sistema (un PDP-11). Nonostante le persone fecero il
- port di &unix; da questo semplice sistema, esse mantennero il formato
- <filename>a.out</filename> poich era sufficiente per un primo port
- di &unix; verso architetture come Motorola 68k, VAXen, ecc.</para>
-
- <para>All'epoca alcuni ingegneri hardware di spicco stabilirono che se tale
- formato poteva forzare il software a fare alcuni trucchi sporchi, allora
- esso sarebbe stato in grado di abbattere alcune barriere di progettazione
- e permettere al core della CPU di andare pi veloce. Bench
- il formato <filename>a.out</filename> fu progettato per lavorare
- con questo nuovo tipo di hardware (conosciuto ai giorni d'oggi come
- <acronym>RISC</acronym>), esso fu appena sufficiente per questo
- hardware, quindi furono sviluppati altri formati per ottenere delle
- prestazioni da questo hardware migliori di quelle che il limitato e
- semplice formato <filename>a.out</filename> era in grado di offrire.
- Furono inventati formati come il <acronym>COFF</acronym>,
- l'<acronym>ECOFF</acronym>, e alcuni altri e furono esaminate le loro
- limitazioni prima che fu prodotto l'<acronym>ELF</acronym>.</para>
-
- <para>Per di pi, le dimensioni dei programmi stavano diventando
- enormi e i dischi (e la memoria fisica) erano ancora relativamente
- piccoli, e quindi il concetto di libreria condivisa prese piede.
- Inoltre il sistema di VM (Memoria Virtuale) divenne pi
- sofisticato. Bench ognuno di questi miglioramenti fu fatto
- utilizzando il formato <filename>a.out</filename>, la sua utilit
- si distese sempre pi con ogni nuova caratteristica. In aggiunta,
- la gente voleva caricare alcune cose in modo dinamico al tempo di
- esecuzione, o anche scartare parte dei loro programmi dopo l'esecuzione
- del codice iniziale al fine di salvare memoria e spazio di swap.
- I linguaggi divennero pi sofisticati e le persone desideravano che
- il codice venisse chiamato dopo il main in modo automatico. Furono
- apportati molte migliorie al formato <filename>a.out</filename> per
- permettere tutte queste cose, e sostanzialmente tutto funzion per
- un dato periodo. Col passare del tempo, il formato
- <filename>a.out</filename> non fu pi in grado di gestire
- tutti questi problemi senza apportare dei miglioramenti al codice con
- un conseguente aumento della complessit. Bench il formato
- <acronym>ELF</acronym> risolveva molti di questi problemi, era doloroso
- migrare da un sistema che tutto sommato funzionava. Quindi il formato
- <acronym>ELF</acronym> attese fino a quando fu meno doloroso
- rimanere con il formato <filename>a.out</filename> piuttosto che migrare
- al formato <acronym>ELF</acronym>.</para>
-
- <para>Tuttavia, il tempo pass, e gli strumenti di costruzione che
- FreeBSD deriv dai loro strumenti di costruzione (in particolare
- l'assemblatore ed il loader) evolsero in due tronconi paralleli.
- L'albero di FreeBSD aggiunse le librerie condivise e sistem alcuni
- bug. Il popolo di GNU che in origine aveva scritto questi programmi
- li riscrisse e aggiunse un semplice supporto per la costruzione di
- compilatori cross, la possibilit di produrre formati diversi a
- piacimento, e cos via. Da quando molte persone vollero costruire
- compilatori cross per FreeBSD, questi furono delusi poich i vecchi
- sorgenti che FreeBSD aveva per <application>as</application> e
- <application>ld</application> non erano pronti per questo lavoro.
- La nuova serie di strumenti di GNU (<application>binutils</application>)
- supportavano la compilazione cross, <acronym>ELF</acronym>, le librerie
- condivise, le estensioni C++, ecc. Inoltre molti venditori stanno
- rilasciando binari <acronym>ELF</acronym>, ed una buona cosa
- per FreeBSD eseguirli.</para>
-
- <para>Il formato <acronym>ELF</acronym> pi espressivo di
- quello <filename>a.out</filename> e permette una maggiore
- estensibilit nel sistema base. Gli strumenti di
- <acronym>ELF</acronym> sono meglio mantenuti, e offrono un supporto alla
- compilazione cross, che sta a cuore a molte persone.
- <acronym>ELF</acronym> pu essere un p meno veloce di
- <filename>a.out</filename>, ma tentare di misurarne le prestazioni non
- molto semplice. Ci sono anche numerosi dettagli che sono diversi
- tra i due formati nel modo in cui essi mappano le pagine, gestiscono il
- codice iniziale, ecc. Questi dettagli non sono molto importanti, ma tra i
- due esistono delle differenze. Nel tempo il supporto per il formato
- <filename>a.out</filename> verr rimosso dal kernel
- <filename>GENERIC</filename>, e alla fine sar rimosso
- completamente dal kernel non appena non ci sar pi la
- necessit di eseguire programmi con il formato
- <filename>a.out</filename>.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="basics-more-information">
- <title>Per Maggiori Informazioni</title>
-
- <sect2 xml:id="basics-man">
- <title>Le Pagine Man</title>
-
- <indexterm><primary>pagine man</primary></indexterm>
-
- <para>La documentazione pi esauriente su FreeBSD
- costituita dalle pagine man. Quasi tutti i programmi sul sistema hanno
- un piccolo manuale di riferimento che spiega il funzionamento di base e
- i vari argomenti del programma stesso. Questi manuali possono essere
- visualizzati con il comando <command>man</command>. L'uso del comando
- <command>man</command> semplice:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>man comando</userinput></screen>
-
- <para><literal>comando</literal> il nome del comando di cui
- desideri maggiori informazioni. Per esempio, per sapere di pi
- circa il comando <command>ls</command> digita:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>man ls</userinput></screen>
-
- <para>Il manuale in linea diviso in sezione numerate:</para>
-
- <orderedlist>
- <listitem>
- <para>Comandi utente.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>System call e codici di errore.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Funzioni della libreria C.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Driver dei dispositivi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Formati di file.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Giochi e altri passatempo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Informazioni varie.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Comandi di mantenimento e di funzionamento del sistema.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Sviluppo del kernel.</para>
- </listitem>
- </orderedlist>
-
- <para>In qualche caso, lo stesso soggetto pu apparire in
- pi di una sezione del manuale in linea. Per esempio, esiste
- un comando utente <command>chmod</command> e una system call
- <function>chmod()</function>. In questo caso, puoi dire al comando
- <command>man</command> quale vuoi specificando la sezione:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>man 1 chmod</userinput></screen>
-
- <para>In questo caso verr visualizzata la pagina man del comando
- utente <command>chmod</command>. I riferimenti di una sezione
- particolare del manuale in linea sono tradizionalmente posti tra
- parentesi all'interno della documentazione, quindi &man.chmod.1; fa
- riferimento al comando utente <command>chmod</command> e &man.chmod.2;
- fa riferimento alla system call.</para>
-
- <para>Tutto questo va bene se conosci il nome del comando e desideri
- semplicemente sapere come usarlo, ma cosa succede se non ricordi il nome
- del comando? Puoi usare <command>man</command> con l'opzione
- <option>-k</option> per ricercare tramite parole chiavi nelle
- descrizioni dei comandi:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>man -k mail</userinput></screen>
-
- <para>Con questo comando ti verr presentata una lista di comandi
- che hanno la parola chiave <quote>mail</quote> nella loro descrizione.
- Di fatto questo meccanismo funziona proprio come il comando
- <command>apropos</command>.</para>
-
- <para>Stai dando un'occhiata a tutti quei comandi fantastici che si
- trovano in <filename>/usr/bin</filename> ma non hai la pi
- pallida idea di cosa fanno la maggior parte di essi? Semplicemente
- digita:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>cd /usr/bin</userinput>
-&prompt.user; <userinput>man -f *</userinput></screen>
-
- <para>oppure</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>cd /usr/bin</userinput>
-&prompt.user; <userinput>whatis *</userinput></screen>
-
- <para>che la stessa cosa.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="basics-info">
- <title>I File Info di GNU</title>
-
- <indexterm><primary>Free Software Foundation</primary></indexterm>
-
- <para>FreeBSD include molte applicazioni e utility prodotti dalla Free
- Software Foundation (FSF). Oltre alle pagine man, questi programmi
- hanno dei pi ampi documenti in ipertesto chiamati file
- <literal>info</literal> che possono essere visualizzati con il comando
- <command>info</command>, o se hai installato
- <application>emacs</application>, con la modalit info di
- <application>emacs</application>.</para>
-
- <para>Per usare il comando &man.info.1;, digita semplicemente:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>info</userinput></screen>
-
- <para>Per una breve introduzione, digita <literal>h</literal>. Per un
- rapido riferimento dei comandi, digita <literal>?</literal>.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/Makefile
deleted file mode 100644
index 34d50dd67b..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= bibliography/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 244a03b8ce..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/bibliography/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,635 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.85
--->
-<appendix xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="bibliography">
- <title>Bibliografia</title>
-
- <para>Sebbene le pagine man forniscano la documentazione di riferimento
- definitiva per le singole parti del sistema operativo FreeBSD, sono famose
- per non illustrare come mettere insieme i pezzi per far andare uniformemente
- l'intero sistema operativo. Per questo, non esiste sostituto a un buon
- libro sull'amministrazione di un sistema &unix; e a un buon manuale per gli
- utenti.</para>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-freebsd">
- <title>Libri &amp; Riviste Specifiche su FreeBSD</title>
-
- <para><emphasis>Libri &amp; Riviste internazionali:</emphasis></para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://jdli.tw.FreeBSD.org/publication/book/freebsd2/index.htm">Using
- FreeBSD</link> (in Cinese), pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.drmaster.com.tw/">Drmaster</link>, 1997.
- ISBN 9-578-39435-7.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD Unleashed (traduzione cinese semplificata), pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.hzbook.com/">China Machine
- Press</link>. ISBN 7-111-10201-0.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD From Scratch First Edition (in cinese semplificato),
- pubblicato da China Machine Press. ISBN 7-111-07482-3.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD From Scratch Second Edition (in cinese semplificato),
- pubblicato da China Machine Press. ISBN 7-111-10286-X.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD Handbook Second Edition (traduzione cinese semplificata),
- pubblicato da <link xlink:href="http://www.ptpress.com.cn/">Posts &amp;
- Telecom Press</link>. ISBN 7-115-10541-3.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD 3.x Internet (in cinese semplificato), pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.tup.tsinghua.edu.cn/">Tsinghua
- University Press</link>. ISBN 7-900625-66-6.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD &amp; Windows (in cinese semplificato), pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.tdpress.com/">China Railway
- Publishing House</link>. ISBN 7-113-03845-X</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD Internet Services HOWTO (in cinese semplificato),
- pubblicato da China Railway Publishing House.
- ISBN 7-113-03423-3</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD for PC 98'ers (in giapponese), pubblicato da SHUWA System
- Co, LTD. ISBN 4-87966-468-5 C3055 P2900E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD (in giapponese), pubblicato da CUTT. ISBN 4-906391-22-2
- C3055 P2400E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.shoeisha.com/book/Detail.asp?bid=650">Complete
- Introduction to FreeBSD</link> (in giapponese), pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.shoeisha.co.jp/">Shoeisha Co., Ltd</link>.
- ISBN 4-88135-473-6 P3600E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.ascii.co.jp/pb/book1/shinkan/detail/1322785.html">Personal
- UNIX Starter Kit FreeBSD</link> (in giapponese), pubblicato da <link xlink:href="http://www.ascii.co.jp/">ASCII</link>.
- ISBN 4-7561-1733-3 P3000E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD Handbook (traduzione giapponese), pubblicato da <link xlink:href="http://www.ascii.co.jp/">ASCII</link>. ISBN 4-7561-1580-2
- P3800E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD mit Methode (in tedesco), pubblicato da <link xlink:href="http://www.cul.de">Computer und Literatur
- Verlag</link>/Vertrieb Hanser, 1998. ISBN 3-932311-31-0.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.cul.de/freebsd.html">FreeBSD 4 -
- Installieren, Konfigurieren, Administrieren</link> (in tedesco),
- pubblicato da <link xlink:href="http://www.cul.de">Computer und Literatur
- Verlag</link>, 2001. ISBN 3-932311-88-4.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.cul.de/freebsd.html">FreeBSD 5 -
- Installieren, Konfigurieren, Administrieren</link> (in tedesco),
- pubblicato da <link xlink:href="http://www.cul.de">Computer und Literatur
- Verlag</link>, 2003. ISBN 3-936546-06-1.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.mitp.de/vmi/mitp/detail/pWert/1343/">FreeBSD de
- Luxe</link> (in tedesco), pubblicato da <link xlink:href="http://www.mitp.de">Verlag Modere Industrie</link>, 2003.
- ISBN 3-8266-1343-0.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.pc.mycom.co.jp/FreeBSD/install-manual.html">FreeBSD
- Install and Utilization Manual</link> (in giapponese), pubblicato
- da <link xlink:href="http://www.pc.mycom.co.jp/">Mainichi Communications
- Inc.</link>, 1998. ISBN 4-8399-0112-0.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Onno W Purbo, Dodi Maryanto, Syahrial Hubbany, Widjil Widodo
- <emphasis><link xlink:href="http://maxwell.itb.ac.id/">Building Internet
- Server with FreeBSD</link></emphasis> (in indonesiano),
- pubblicato da <link xlink:href="http://www.elexmedia.co.id/">Elex Media
- Komputindo</link>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Absolute BSD: The Ultimate Guide to FreeBSD (traduzione cinese),
- pubblicato da <link xlink:href="http://www.grandtech.com.tw/">GrandTech Press</link>, 2003.
- ISBN 986-7944-92-5.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.twbsd.org/cht/book/">The FreeBSD 6.0 Book</link>
- (in cinese), pubblicato da Drmaster, 2006.
- ISBN 9-575-27878-X.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para><emphasis>Libri &amp; Riviste in lingua inglese:</emphasis></para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.AbsoluteBSD.com/">Absolute BSD: The
- Ultimate Guide to FreeBSD</link>, pubblicato da <link xlink:href="http://www.nostarch.com/">No Starch Press</link>, 2002.
- ISBN 1886411743.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.freebsdmall.com/cgi-bin/fm/bsdcomp">
- The Complete FreeBSD</link>, pubblicato da <link xlink:href="http://www.oreilly.com/">O'Reilly</link>, 2003. ISBN
- 0596005164.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.freebsd-corp-net-guide.com/">The
- FreeBSD Corporate Networker's Guide</link>, pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.awl.com/aw/">Addison-Wesley</link>, 2000.
- ISBN 0201704811.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://andrsn.stanford.edu/FreeBSD/introbook/">FreeBSD: An
- Open-Source Operating System for Your Personal Computer</link>,
- pubblicato da The Bit Tree Press, 2001. ISBN 0971204500.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Teach Yourself FreeBSD in 24 Hours, pubblicato da <link xlink:href="http://www.samspublishing.com/">Sams</link>, 2002. ISBN
- 0672324245.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD 6 Unleashed, pubblicato da
- <link xlink:href="http://www.samspublishing.com/">Sams</link>, 2006.
- ISBN: 0672328755</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>FreeBSD: The Complete Reference, pubblicato da <link xlink:href="http://books.mcgraw-hill.com">McGrawHill</link>, 2003.
- ISBN 0072224096.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-userguides">
- <title>Guide per gli Utenti</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Computer Systems Research Group, UC Berkeley. <emphasis>4.4BSD
- User's Reference Manual</emphasis>. O'Reilly &amp; Associates,
- Inc., 1994. ISBN 1-56592-075-9</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Computer Systems Research Group, UC Berkeley. <emphasis>4.4BSD
- User's Supplementary Documents</emphasis>. O'Reilly &amp;
- Associates, Inc., 1994. ISBN 1-56592-076-7</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>UNIX in a Nutshell</emphasis>. O'Reilly &amp;
- Associates, Inc., 1990. ISBN 093717520X</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Mui, Linda. <emphasis>What You Need To Know When You Can't Find
- Your UNIX System Administrator</emphasis>. O'Reilly &amp;
- Associates, Inc., 1995. ISBN 1-56592-104-6</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www-wks.acs.ohio-state.edu/">Ohio State
- University</link> ha scritto un <link xlink:href="http://www-wks.acs.ohio-state.edu/unix_course/unix.html">Corso
- Introduttivo a UNIX</link> che disponibile online in
- formato HTML e PostScript.</para>
-
- <para>Una <link xlink:href="&url.doc.base;/it/books/unix-introduction/book.html">traduzione</link>
- in italiano di questo documento disponibile come parte del FreeBSD
- Italian Documentation Project.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.jp.FreeBSD.org/">Jpman Project, Japan
- FreeBSD Users Group</link>. <link xlink:href="http://www.pc.mycom.co.jp/FreeBSD/urm.html">FreeBSD User's
- Reference Manual</link> (traduzione giapponese). <link xlink:href="http://www.pc.mycom.co.jp/">Mainichi Communications
- Inc.</link>, 1998. ISBN 4-8399-0088-4 P3800E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.ed.ac.uk/">Edinburgh
- University</link> ha scritto una <link xlink:href="http://unixhelp.ed.ac.uk/">Guida Online</link> per i nuovi
- arrivati nell'ambiente UNIX.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-adminguides">
- <title>Guide per gli Amministratori</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Albitz, Paul e Liu, Cricket. <emphasis>DNS and
- BIND</emphasis>, 4a Ed. O'Reilly &amp; Associates, Inc., 2001.
- ISBN 1-59600-158-4</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Computer Systems Research Group, UC Berkeley. <emphasis>4.4BSD
- System Manager's Manual</emphasis>. O'Reilly &amp; Associates,
- Inc., 1994. ISBN 1-56592-080-5</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Costales, Brian, et al. <emphasis>Sendmail</emphasis>, 2a Ed.
- O'Reilly &amp; Associates, Inc., 1997. ISBN 1-56592-222-0</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Frisch, &AElig;leen. <emphasis>Essential System
- Administration</emphasis>, 2a Ed. O'Reilly &amp; Associates,
- Inc., 1995. ISBN 1-56592-127-5</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Hunt, Craig. <emphasis>TCP/IP Network Administration</emphasis>,
- 2a Ed. O'Reilly &amp; Associates, Inc., 1997. ISBN
- 1-56592-322-7</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Nemeth, Evi. <emphasis>UNIX System Administration
- Handbook</emphasis>. 3a Ed. Prentice Hall, 2000. ISBN
- 0-13-020601-6</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Stern, Hal <emphasis>Managing NFS and NIS</emphasis> O'Reilly
- &amp; Associates, Inc., 1991. ISBN 0-937175-75-7</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.jp.FreeBSD.org/">Jpman Project, Japan
- FreeBSD Users Group</link>. <link xlink:href="http://www.pc.mycom.co.jp/FreeBSD/sam.html">FreeBSD System
- Administrator's Manual</link> (traduzione giapponese). <link xlink:href="http://www.pc.mycom.co.jp/">Mainichi Communications
- Inc.</link>, 1998. ISBN 4-8399-0109-0 P3300E.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Dreyfus, Emmanuel. <link xlink:href="http://www.eyrolles.com/Informatique/Livre/9782212114638/">Cahiers
- de l'Admin: BSD</link> 2nd Ed. (in French), Eyrolles, 2004.
- ISBN 2-212-11463-X</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-programmers">
- <title>Guide per i Programmatori</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Asente, Paul, Converse, Diana, e Swick, Ralph.
- <emphasis>X Window System Toolkit</emphasis>. Digital Press,
- 1998. ISBN 1-55558-178-1</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Computer Systems Research Group, UC Berkeley. <emphasis>4.4BSD
- Programmer's Reference Manual</emphasis>. O'Reilly &amp;
- Associates, Inc., 1994. ISBN 1-56592-078-3</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Computer Systems Research Group, UC Berkeley. <emphasis>4.4BSD
- Programmer's Supplementary Documents</emphasis>. O'Reilly &amp;
- Associates, Inc., 1994. ISBN 1-56592-079-1</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Harbison, Samuel P. e Steele, Guy L. Jr. <emphasis>C: A
- Reference Manual</emphasis>. 4a ed. Prentice Hall, 1995.
- ISBN 0-13-326224-3</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Kernighan, Brian e Dennis M. Ritchie. <emphasis>The C
- Programming Language</emphasis>. 2nd Ed. PTR Prentice Hall, 1988.
- ISBN 0-13-110362-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Lehey, Greg. <emphasis>Porting UNIX Software</emphasis>.
- O'Reilly &amp; Associates, Inc., 1995. ISBN 1-56592-126-7</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Plauger, P. J. <emphasis>The Standard C Library</emphasis>.
- Prentice Hall, 1992. ISBN 0-13-131509-9</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Spinellis, Diomidis. <link xlink:href="http://www.spinellis.gr/codereading/"><emphasis>Code
- Reading: The Open Source Perspective</emphasis></link>.
- Addison-Wesley, 2003. ISBN 0-201-79940-5</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Spinellis, Diomidis. <link xlink:href="http://www.spinellis.gr/codequality/"><emphasis>Code
- Quality: The Open Source Perspective</emphasis></link>.
- Addison-Wesley, 2006. ISBN 0-321-16607-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Stevens, W. Richard and Stephen A. Rago.
- <emphasis>Advanced Programming in the UNIX
- Environment</emphasis>. 2nd Ed.
- Reading, Mass. : Addison-Wesley, 2005.
- ISBN 0-201-43307-9</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Stevens, W. Richard. <emphasis>UNIX Network
- Programming</emphasis>. 2a Ed, PTR Prentice Hall, 1998. ISBN
- 0-13-490012-X</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Wells, Bill. <quote>Writing Serial Drivers for UNIX</quote>.
- <emphasis>Dr. Dobb's Journal</emphasis>. 19(15), Dicembre 1994.
- pp68-71, 97-99.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-osinternals">
- <title>Architettura del Sistema Operativo</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Andleigh, Prabhat K. <emphasis>UNIX System
- Architecture</emphasis>. Prentice-Hall, Inc., 1990. ISBN
- 0-13-949843-5</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Jolitz, William. <quote>Porting UNIX to the 386</quote>.
- <emphasis>Dr. Dobb's Journal</emphasis>. Gennaio 1991-Luglio
- 1992.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Leffler, Samuel J., Marshall Kirk McKusick, Michael J Karels e
- John Quarterman <emphasis>The Design and Implementation of the
- 4.3BSD UNIX Operating System</emphasis>. Reading, Mass. :
- Addison-Wesley, 1989. ISBN 0-201-06196-1</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Leffler, Samuel J., Marshall Kirk McKusick, <emphasis>The Design
- and Implementation of the 4.3BSD UNIX Operating System: Answer
- Book</emphasis>. Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1991. ISBN
- 0-201-54629-9</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>McKusick, Marshall Kirk, Keith Bostic, Michael J Karels, e
- John Quarterman. <emphasis>The Design and Implementation of the
- 4.4BSD Operating System</emphasis>. Reading, Mass. :
- Addison-Wesley, 1996. ISBN 0-201-54979-4</para>
-
- <para>(Il capitolo 2 di questo libro disponibile <link xlink:href="&url.books.design-44bsd;/book.html">online</link>
- come parte del FreeBSD Documentation Project, mentre il capitolo 9
- consultabile <link xlink:href="http://www.netapp.com/tech_library/nfsbook.html">qui</link>.)</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Marshall Kirk McKusick, George V.
- Neville-Neil <emphasis>The Design and Implementation of the
- FreeBSD Operating System</emphasis>.
- Boston, Mass. : Addison-Wesley, 2004. ISBN 0-201-70245-2</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Stevens, W. Richard. <emphasis>TCP/IP Illustrated, Volume 1:
- The Protocols</emphasis>. Reading, Mass. : Addison-Wesley,
- 1996. ISBN 0-201-63346-9</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Schimmel, Curt. <emphasis>Unix Systems for Modern
- Architectures</emphasis>. Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1994.
- ISBN 0-201-63338-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Stevens, W. Richard. <emphasis>TCP/IP Illustrated, Volume 3:
- TCP for Transactions, HTTP, NNTP and the UNIX Domain
- Protocols</emphasis>. Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1996.
- ISBN 0-201-63495-3</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Vahalia, Uresh. <emphasis>UNIX Internals -- The New
- Frontiers</emphasis>. Prentice Hall, 1996. ISBN
- 0-13-101908-2</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Wright, Gary R. and W. Richard Stevens. <emphasis>TCP/IP
- Illustrated, Volume 2: The Implementation</emphasis>. Reading,
- Mass. : Addison-Wesley, 1995. ISBN 0-201-63354-X</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-security">
- <title>Riferimenti sulla Sicurezza</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Cheswick, William R. e Steven M. Bellovin. <emphasis>Firewalls
- and Internet Security: Repelling the Wily Hacker</emphasis>.
- Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1995. ISBN
- 0-201-63357-4</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Garfinkel, Simson e Gene Spafford.
- <emphasis>Practical UNIX &amp; Internet Security</emphasis>.
- 2a Ed. O'Reilly &amp; Associates, Inc., 1996. ISBN
- 1-56592-148-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Garfinkel, Simson. <emphasis>PGP Pretty Good
- Privacy</emphasis> O'Reilly &amp; Associates, Inc., 1995. ISBN
- 1-56592-098-8</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-hardware">
- <title>Riferimenti sull'Hardware</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Anderson, Don e Tom Shanley. <emphasis>Pentium Processor
- System Architecture</emphasis>. 2a Ed. Reading, Mass. :
- Addison-Wesley, 1995. ISBN 0-201-40992-5</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ferraro, Richard F. <emphasis>Programmer's Guide to the EGA,
- VGA, and Super VGA Cards</emphasis>. 3a ed. Reading, Mass. :
- Addison-Wesley, 1995. ISBN 0-201-62490-7</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Intel Corporation pubblica la documentazione sulle sue CPU,
- chipsets e standards sul suo <link xlink:href="http://developer.intel.com/">sito web per gli
- sviluppatori</link>, solitamente come files PDF.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Shanley, Tom. <emphasis>80486 System Architecture</emphasis>.
- 3a ed. Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1995. ISBN
- 0-201-40994-1</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Shanley, Tom. <emphasis>ISA System Architecture</emphasis>.
- 3a ed. Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1995. ISBN
- 0-201-40996-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Shanley, Tom. <emphasis>PCI System Architecture</emphasis>.
- 4a ed. Reading, Mass. : Addison-Wesley, 1999. ISBN
- 0-201-30974-2</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Van Gilluwe, Frank. <emphasis>The Undocumented PC</emphasis>, 2a
- Ed. Reading, Mass: Addison-Wesley Pub. Co., 1996. ISBN
- 0-201-47950-8</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Messmer, Hans-Peter. <emphasis>The Indispensable PC Hardware
- Book</emphasis>, 4a Ed. Reading, Mass: Addison-Wesley Pub. Co.,
- 2002. ISBN 0-201-59616-4</para>
- </listitem>
-
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-history">
- <title>Storia di &unix;</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Lion, John <emphasis>Lion's Commentary on UNIX, 6th Ed. With
- Source Code</emphasis>. ITP Media Group, 1996. ISBN
- 1573980137</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Raymond, Eric S. <emphasis>The New Hacker's Dictionary, 3rd
- edition</emphasis>. MIT Press, 1996. ISBN
- 0-262-68092-0. Conosciuto anche come il <link xlink:href="http://www.catb.org/~esr/jargon/html/index.html">Jargon
- File</link></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Salus, Peter H. <emphasis>A quarter century of UNIX</emphasis>.
- Addison-Wesley Publishing Company, Inc., 1994. ISBN
- 0-201-54777-5</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Simon Garfinkel, Daniel Weise, Steven Strassmann. <emphasis>The
- UNIX-HATERS Handbook</emphasis>. IDG Books Worldwide, Inc.,
- 1994. ISBN 1-56884-203-1. Fuori stampa, ma disponibile <link xlink:href="http://research.microsoft.com/~daniel/unix-haters.html">online</link>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Don Libes, Sandy Ressler <emphasis>Life with UNIX</emphasis>
- &mdash; edizione speciale. Prentice-Hall, Inc., 1989. ISBN
- 0-13-536657-7</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>The BSD family tree</emphasis>. <uri xlink:href="http://www.FreeBSD.org/cgi/cvsweb.cgi/src/share/misc/bsd-family-tree">http://www.FreeBSD.org/cgi/cvsweb.cgi/src/share/misc/bsd-family-tree</uri>
- o <link xlink:href="file://localhost/usr/share/misc/bsd-family-tree"><filename>/usr/share/misc/bsd-family-tree</filename></link>
- su una macchina FreeBSD.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>The BSD Release Announcements collection</emphasis>.
- 1997. <uri xlink:href="http://www.de.FreeBSD.org/de/ftp/releases/">http://www.de.FreeBSD.org/de/ftp/releases/</uri></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Networked Computer Science Technical Reports
- Library</emphasis>.
- <uri xlink:href="http://www.ncstrl.org/">http://www.ncstrl.org/</uri></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Old BSD releases from the Computer Systems Research
- group (CSRG)</emphasis>.
- <uri xlink:href="http://www.mckusick.com/csrg/">http://www.mckusick.com/csrg/</uri>: Il set di 4 CD
- comprende tutte le versioni di BSD dalla 1BSD alla 4.4BSD e
- 4.4BSD-Lite2 (ma non la 2.11BSD, sfortunatamente). Inoltre, l'ultimo
- disco contiene i sorgenti finali pi i file SCCS.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="bibliography-journals">
- <title>Riviste e Giornali</title>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><emphasis>The C/C++ Users Journal</emphasis>. R&amp;D
- Publications Inc. ISSN 1075-2838</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Sys Admin &mdash; The Journal for UNIX System
- Administrators</emphasis> Miller Freeman, Inc., ISSN
- 1061-2688</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>freeX &mdash; Das Magazin f&uuml;r Linux - BSD -
- UNIX</emphasis> (in tedesco) Computer- und Literaturverlag GmbH,
- ISSN 1436-7033</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-</appendix>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.xml
deleted file mode 100644
index 35bdad6818..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/book.xml
+++ /dev/null
@@ -1,310 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!DOCTYPE book PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook XML V5.0-Based Extension//EN"
- "http://www.FreeBSD.org/XML/share/xml/freebsd50.dtd" [
-<!ENTITY % chapters SYSTEM "chapters.ent">
-%chapters;
-
-<!ENTITY % txtfiles SYSTEM "txtfiles.ent">
-%txtfiles;
-]>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.172
--->
-<book xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:lang="it">
- <info><title>Manuale di FreeBSD</title>
-
-
- <author><orgname>The FreeBSD Italian Documentation Project</orgname></author>
-
- <pubdate>Febbraio 1999</pubdate>
-
- <releaseinfo>$FreeBSD$</releaseinfo>
-
- <copyright>
- <year>1995</year>
-
- <year>1996</year>
-
- <year>1997</year>
-
- <year>1998</year>
-
- <year>1999</year>
-
- <year>2000</year>
-
- <year>2001</year>
-
- <year>2002</year>
-
- <year>2003</year>
-
- <year>2004</year>
-
- <year>2005</year>
-
- <year>2006</year>
-
- <year>2007</year>
-
- <year>2008</year>
-
- <holder>The FreeBSD Italian Documentation Project</holder>
- </copyright>
-
- &legalnotice;
-
- <legalnotice xml:id="trademarks" role="trademarks">
- &tm-attrib.freebsd;
- &tm-attrib.3com;
- &tm-attrib.3ware;
- &tm-attrib.arm;
- &tm-attrib.adaptec;
- &tm-attrib.adobe;
- &tm-attrib.apple;
- &tm-attrib.corel;
- &tm-attrib.creative;
- &tm-attrib.cvsup;
- &tm-attrib.heidelberger;
- &tm-attrib.ibm;
- &tm-attrib.ieee;
- &tm-attrib.intel;
- &tm-attrib.intuit;
- &tm-attrib.linux;
- &tm-attrib.lsilogic;
- &tm-attrib.m-systems;
- &tm-attrib.macromedia;
- &tm-attrib.microsoft;
- &tm-attrib.netscape;
- &tm-attrib.nexthop;
- &tm-attrib.opengroup;
- &tm-attrib.oracle;
- &tm-attrib.powerquest;
- &tm-attrib.realnetworks;
- &tm-attrib.redhat;
- &tm-attrib.sap;
- &tm-attrib.sun;
- &tm-attrib.symantec;
- &tm-attrib.themathworks;
- &tm-attrib.thomson;
- &tm-attrib.usrobotics;
- &tm-attrib.vmware;
- &tm-attrib.waterloomaple;
- &tm-attrib.wolframresearch;
- &tm-attrib.xfree86;
- &tm-attrib.xiph;
- &tm-attrib.general;
- </legalnotice>
-
- <abstract>
- <para>Benvenuto in FreeBSD! Questo manuale copre l'installazione e l'uso
- giorno per giorno di <emphasis>FreeBSD
- &rel2.current;-RELEASE</emphasis> e <emphasis>FreeBSD
- &rel.current;-RELEASE</emphasis>.
- Questo manuale un <emphasis>progetto in evoluzione</emphasis>
- ed il frutto del lavoro di molti singoli. Come tale alcune
- sezioni potrebbero richiedere degli aggiornamenti poich datate.
- Se sei interessato ad aiutare questo progetto, invia
- un'email alla &a.doc;. L'ultima versione di questo documento
- sempre disponibile sul <link xlink:href="http://www.FreeBSD.org/">sito web di FreeBSD</link>
- (versioni precedenti di questo manuale possono essere trovate
- all'indirizzo seguente <uri xlink:href="http://docs.FreeBSD.org/doc/">http://docs.FreeBSD.org/doc/</uri>).
- Inoltre pu essere scaricata in una
- variet di formati e tipi di compressione dal <link xlink:href="ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/doc/">server FTP di
- FreeBSD</link> o da uno dei numerosi <link linkend="mirrors-ftp">siti
- mirror</link>. Se preferisci avere una copia rilegata del manuale,
- puoi comprarne una su <link xlink:href="http://www.freebsdmall.com/">FreeBSD
- Mall</link>. Puoi anche voler <link xlink:href="&url.base;/search/index.html">cercare nel manuale</link>.</para>
- </abstract>
- </info>
-
- &chap.preface;
-
- <part xml:id="getting-started">
- <title>Per Cominciare</title>
-
- <partintro>
- <para>Questa parte del Manuale di FreeBSD per gli utenti e gli
- amministratori che si affacciano a FreeBSD. Questi capitoli:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Ti introdurranno a FreeBSD.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti guideranno attraverso il processo di installazione.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti insegneranno le basi e i fondamenti di &unix;.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti mostreranno come installare la variet delle
- applicazioni di terze parti disponibili per FreeBSD.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti introdurranno a X, il sistema a finestre di &unix;, e ti
- spiegheranno come configurare un ambiente desktop che ti renda
- pi produttivo.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Abbiamo cercato di mantenere il numero di riferimenti in avanti nel
- testo al minimo cos che tu possa leggere questa sezione del
- Manuale dall'inizio alla fine con il minimo scorrimento di pagine
- possibile.</para>
- </partintro>
-
- &chap.introduction;
- &chap.install;
- &chap.basics;
- &chap.ports;
- &chap.x11;
- </part>
-
- <part xml:id="common-tasks">
- <title>Compiti Ordinari</title>
-
- <partintro>
- <para>Ora che sono stati trattati gli elementi di base, questa parte
- del Manuale di FreeBSD verter su alcune funzionalit
- di FreeBSD che sono usate di frequente. Questi capitoli:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Ti introdurranno utili e conosciute applicazioni desktop:
- browser, strumenti produttivi, visualizzatori di
- documenti, ecc.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti mostreranno vari strumenti multimediali disponibili per
- FreeBSD.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti spiegheranno il processo di costruzione e di
- personalizzazione del kernel di FreeBSD, al fine di abilitare
- funzionalit extra sul tuo sistema.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti descriveranno in dettaglio il sistema di stampa, sia per
- setup di stampanti desktop che per quelle in rete.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ti mostreranno come eseguire applicazioni Linux sul tuo sistema
- FreeBSD.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Alcuni di questi capitoli raccomandano di leggere prima altri
- capitoli per una migliore comprensione degli stessi, e questo
- segnalato nella sinossi all'inizio di ogni capitolo.</para>
- </partintro>
-
- &chap.desktop;
- &chap.multimedia;
- &chap.kernelconfig;
- &chap.printing;
- &chap.linuxemu;
- </part>
-
- <part xml:id="system-administration">
- <title>Amministrazione del Sistema</title>
-
- <partintro>
- <para>I rimanenti capitoli del Manuale di FreeBSD coprono tutti gli
- aspetti dell'amministrazione di un sistema FreeBSD. Ogni capitolo
- inizia descrivendo quello che imparerai dopo aver letto il capitolo, e
- specifica anche quello che dovresti sapere prima di affrontare il
- materiale.</para>
-
- <para>Questi capitoli sono studiati per essere letti quando si ha
- bisogno di un'informazione. Non devi leggerli in un ordine
- particolare, n devi leggerli tutti prima di poter usare
- FreeBSD.</para>
- </partintro>
-
- &chap.config;
- &chap.boot;
- &chap.users;
- &chap.security;
- &chap.jails;
- &chap.mac;
- &chap.audit;
- &chap.disks;
- &chap.geom;
- &chap.vinum;
- &chap.virtualization;
- &chap.l10n;
- &chap.cutting-edge;
- </part>
-
- <part xml:id="network-communication">
- <title>Comunicazione di Rete</title>
-
- <partintro>
- <para>FreeBSD uno dei maggiori sistemi operativi schierati verso
- alte performance dei servizi di rete. I capitoli di questa parte
- trattano:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Comunicazioni Seriali</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>PPP e PPP over Ethernet</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Posta Elettronica</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Esecuzione di Servizi di Rete</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Firewall</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Altri Argomenti di Networking Avanzato</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Questi capitoli sono studiati per essere letti quando si ha
- bisogno di un'informazione. Non devi leggerli in un ordine
- particolare, n devi leggerli tutti prima di poter usare
- FreeBSD in rete.</para>
- </partintro>
-
- &chap.serialcomms;
- &chap.ppp-and-slip;
- &chap.mail;
- &chap.network-servers;
- &chap.firewalls;
- &chap.advanced-networking;
- </part>
-
- <part xml:id="appendices">
- <title>Appendici</title>
-
- &chap.mirrors;
- &chap.bibliography;
- &chap.eresources;
- &chap.pgpkeys;
- </part>
- &chap.freebsd-glossary;
- &chap.index;
- &chap.colophon;
-</book>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/Makefile
deleted file mode 100644
index 873b2f0824..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= boot/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 3c1e06bbcf..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,823 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.65
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="boot">
- <title>La Procedura di Avvio di FreeBSD</title>
-
- <sect1 xml:id="boot-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <indexterm><primary>avvio</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>avviamento</primary></indexterm>
-
- <para>Il processo di accensione di un computer e caricamento del sistema
- operativo viene detto <quote>processo di avviamento</quote>, o
- semplicemente <quote>avvio</quote>. La procedura di avvio di FreeBSD
- fornisce un alto grado di flessibilit nel personalizzare quello
- che succede quando avvii il sistema, dandoti la possibilit di
- scegliere tra diversi sistemi operativi installati sullo stesso computer,
- o anche tra diverse versioni dello stesso sistema operativo o tra diversi
- kernel installati.</para>
-
- <para>Questo capitolo fornisce i dettagli sulle opzioni di configurazione
- che puoi impostare per personalizzare il processo di avvio di FreeBSD.
- Ci comprende tutto quello che avviene fino a quando il kernel
- viene lanciato, vengono controllate le periferiche, e viene avviato
- &man.init.8;. Se non sei sicuro di sapere quando tutto questo accada, si
- tratta del momento in cui il colore del testo a video cambia da bianco
- brillante a grigio.</para>
-
- <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Quali sono i componenti del sistema di avvio di FreeBSD, e come
- interagiscono.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Le opzioni che puoi impostare per i componenti durante
- l'avviamento di FreeBSD per controllare il processo di avvio.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Le basi dei &man.device.hints.5;.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <note>
- <title>Solo per x86</title>
-
- <para>Questo capitolo descrive la procedura di avvio di FreeBSD su sistemi
- Intel x86.</para>
- </note>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="boot-introduction">
- <title>Il Problema dell'Avvio</title>
-
- <para>Accendere un computer e far partire il sistema operativo pone un
- dilemma interessante. Per definizione, il computer non sa fare
- nulla finch non viene avviato il sistema operativo. Questo
- include anche l'esecuzione dei programmi dal disco. Dunque se il computer
- non pu eseguire un programma da disco senza il sistema operativo,
- ed i programmi del sistema operativo sono sul disco, come viene avviato il
- sistema operativo?</para>
-
- <para>Questo un problema analogo a quello descritto nel
- libro <citetitle>Le Avventure del Barone di Munchausen</citetitle>. Un
- personaggio era caduto in una botola, e ne era uscito tirandosi su da
- s (in inglese <quote>bootstrap</quote>), riuscendo nell'intento
- solo con i propri sforzi. Nei primi giorni dei calcolatori al meccanismo
- usato per caricare il sistema operativo fu applicato il termine
- <firstterm>bootstrap</firstterm>, ed in seguito venne abbreviato in
- <quote>booting</quote> (in italiano <quote>avvio</quote>).</para>
-
- <indexterm><primary>BIOS</primary></indexterm>
- <indexterm>
- <primary>Basic Input/Output System</primary>
- <see>BIOS</see>
- </indexterm>
-
- <para>Su sistemi con hardware x86 il BIOS (Basic Input/Output System)
- il responsabile del caricamento del sistema operativo. Per fare
- ci, il BIOS cerca nel disco rigido il Master Boot Record (MBR),
- che deve essere in una specifica posizione sul disco. Il BIOS ha
- abbastanza conoscenze per caricare ed eseguire l'MBR, ed assume che l'MBR
- possa portare avanti il resto dei compiti relativi al caricamento del
- sistema operativo, possibilmente con l'aiuto del BIOS.</para>
-
- <indexterm><primary>Master Boot Record (MBR)</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>Boot Manager</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>Boot Loader</primary></indexterm>
-
- <para>Il codice all'interno del MBR di solito riferito come
- <emphasis>boot manager</emphasis>, specialmente quando interagisce
- con l'utente. In questo caso la maggior parte del suo codice
- nella prima <emphasis>traccia</emphasis> del disco o direttamente
- nel file system dell'OS. (Il boot manager qualche volta viene chiamato
- anche <emphasis>boot loader</emphasis>, ma gli utenti di FreeBSD
- usano questo termine per una successiva fase di avvio.) Boot
- manager popolari sono <application>boot0</application> (a.k.a.
- <application>Boot Easy</application>, il boot manager standard di &os;),
- <application>Grub</application>, <application>GAG</application>, e
- <application>LILO</application>.
- (Solo <application>boot0</application> all'interno del
- MBR.)</para>
-
- <para>Se hai solo un sistema operativo installato sui tuoi dischi allora
- sar sufficiente il MBR standard del PC. Questo MBR cerca la prima
- slice avviabile (a.k.a. attiva) sul disco, e quindi esegue il codice
- in quella slice per caricare il resto del sistema operativo. Il
- MBR installato da &man.fdisk.8;, di default, come un MBR.
- basato su <filename>/boot/mbr</filename>.</para>
-
- <para>Se hai installato pi sistemi operativi sui tuoi dischi allora
- puoi installare un boot manager diverso, che mostra una lista dei diversi
- sistemi operativi, e ti permette di scegliere quale avviare. Nella
- prossima sezione ne vengono presentati due.</para>
-
- <para>Il resto del sistema di avvio di FreeBSD diviso in tre stadi.
- Il primo stadio viene eseguito dall'MBR, che sa solo il necessario per
- mettere il computer in un certo stato ed eseguire il secondo stadio.
- Quest'ultimo pu fare poco di pi, prima di eseguire il
- terzo. Il terzo stadio esaurisce il compito di caricare il sistema
- operativo. Il lavoro diviso in queste tre parti perch
- gli standard dei PC pongono dei limiti alla dimensione dei programmi che
- possono essere eseguiti nei primi due stadi. Concatenando i compiti
- si permette a FreeBSD di fornire un loader pi flessibile.</para>
-
- <indexterm><primary>kernel</primary></indexterm>
- <indexterm><primary><command>init</command></primary></indexterm>
-
- <para>A questo punto viene avviato il kernel ed esso comincia a verificare i
- dispositivi e ad inizializzarli. Una volta che la procedura di avvio del
- kernel finita, il kernel passa il controllo al processo utente
- &man.init.8;, che si assicura che i dischi siano in uno stato usabile.
- Poi &man.init.8; avvia la configurazione delle risorse a livello utente
- che monta i file system, imposta le schede di rete per comunicare via
- rete, ed in generale fa partire tutti i processi che generalmente sono in
- esecuzione su un sistema FreeBSD all'avvio.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="boot-blocks">
- <title>Il Boot Manager e le Fasi di Boot</title>
-
- <indexterm><primary>Boot Manager</primary></indexterm>
-
- <sect2 xml:id="boot-boot0">
- <title>Il Boot Manager</title>
-
- <indexterm><primary>Master Boot Record (MBR)</primary></indexterm>
-
- <para>Il codice nel MBR o nel boot manager solitamente
- riferito alla <emphasis>fase zero</emphasis> del processo di boot.
- Questa sezione discute dei due boot manager menzionati in
- precedenza: <application>boot0</application> e
- <application>LILO</application>.</para>
-
- <formalpara>
- <title>Il Boot Manager <application>boot0</application>:</title>
-
- <para>Il MBR installato dall'installer di FreeBSD o da &man.boot0cfg.8;,
- di default, si basa su <filename>/boot/boot0</filename>.
- (Il programma <application>boot0</application> molto
- semplice, poich il programma nel <abbrev>MBR</abbrev>
- pu essere al pi di 446 byte a causa della tabella
- della slice e dell'identificatore <literal>0x55AA</literal>
- alla fine del MBR.)
- Se hai installato <application>boot0</application> e hai pi di
- un sistema operativo sui tuoi dischi, allora vedrai
- una schermata simile alla seguente nella fase di avvio:</para>
- </formalpara>
-
- <example xml:id="boot-boot0-example">
- <title>Screenshot di <filename>boot0</filename></title>
-
- <screen>F1 DOS
-F2 FreeBSD
-F3 Linux
-F4 ??
-F5 Drive 1
-
-Default: F2</screen>
- </example>
-
- <para>Altri sistemi operativi, in particolare &windows;, sono noti
- per l'abitudine di sovrascrivere l'MBR esistente con il proprio.
- Se accade questo, o se vuoi rimpiazzare l'MBR pre-esistente con quello
- di FreeBSD puoi usare il seguente comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>fdisk -B -b /boot/boot0 dispositivo</userinput></screen>
-
- <para>dove <replaceable>dispositivo</replaceable> il dispositivo
- dal quale vuoi avviare, come <filename>ad0</filename> per il primo
- disco IDE, <filename>ad2</filename> per il primo disco ide sul
- secondo canale, <filename>da0</filename> per il primo disco SCSI,
- e cos via. Se vuoi una configurazione ad hoc dell'MBR,
- usa &man.boot0cfg.8;.</para>
-
- <formalpara>
- <title>Il Boot Manager LILO:</title>
-
- <para>Per installare questo boot manager affinch possa avviare
- anche FreeBSD, avvia Linux e aggiungi le seguenti cose nel
- tuo file di configurazione
- <filename>/etc/lilo.conf</filename>:</para>
- </formalpara>
-
- <programlisting>other=/dev/hdXY
-table=/dev/hdX
-loader=/boot/chain.b
-label=FreeBSD</programlisting>
-
- <para>Specifica la partizione primaria di FreeBSD e il disco usando le
- direttive di Linux, rimpiazzando <replaceable>X</replaceable> con
- la lettera del dispositivo di Linux e <replaceable>Y</replaceable> con
- il numero della partizione primaria di Linux. Se stai usando un
- dispositivo <acronym>SCSI</acronym>, devi modificare
- <replaceable>/dev/hd</replaceable> in qualcosa simile a
- <replaceable>/dev/sd</replaceable>. La linea
- <option>loader=/boot/chain.b</option> pu essere omessa
- se hai entrambi i sistemi operativi sullo stesso disco. Esegui
- <command>/sbin/lilo&nbsp;-v</command> per apportare le modifiche al
- sistema; verificando il relativo messaggio a video.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="boot-boot1">
- <title>Stadio Uno, <filename>/boot/boot1</filename>, e Stadio Due,
- <filename>/boot/boot2</filename></title>
-
- <para>Concettualmente il primo ed il secondo stadio sono parte dello
- stesso programma, sulla stessa area del disco. Per limitazioni di
- spazio sono stati divisi in due, ma li installerai sempre
- insieme. Sono copiati dal file
- <filename>/boot/boot</filename> dall'installer o da
- <application>bsdlabel</application> (vedi sotto).</para>
-
- <para>Questi sono posizionati fuori dai file system, nella prima
- traccia della slice di boot, a partire dal primo settore.
- Questo il posto dove <link linkend="boot-boot0">boot0</link>, o qualsiasi altro boot manager,
- si aspetta di trovare un programma da avviare per continuare il
- processo di boot. Il numero di settori usati facilmente
- determinabile dalla dimensione di
- <filename>/boot/boot</filename>.</para>
-
- <para><filename>boot1</filename> molto semplice, poich
- pu essere lungo solo 512 byte, e conosce solo lo stretto
- necessario del <firstterm>bsdlabel</firstterm> di FreeBSD, il quale
- memorizza le informazioni sulle slice, per trovare ed eseguire
- <filename>boot2</filename>.</para>
-
- <para><filename>boot2</filename> leggermente pi
- sofisticato, e conosce il file system di FreeBSD abbastanza da potervi
- trovare dei file, e pu fornire una semplice interfaccia per
- scegliere quale kernel o loader eseguire.</para>
-
- <para>Poich il <link linkend="boot-loader">loader</link>
- molto pi complesso, e fornisce una gradevole interfaccia di
- facile utilizzo alla configurazione di avvio, <filename>boot2</filename>
- in genere lo esegue, ma in precedenza era incaricato di lanciare il
- kernel direttamente.</para>
-
- <example xml:id="boot-boot2-example">
- <title>Screenshot di <filename>boot2</filename></title>
- <screen>&gt;&gt; FreeBSD/i386 BOOT
-Default: 0:ad(0,a)/boot/loader
-boot:</screen>
- </example>
-
- <para>Se mai avrai bisogno di rimpiazzare il <filename>boot1</filename> ed
- il <filename>boot2</filename> installati, usa &man.bsdlabel.8;:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>bsdlabel -B discoslice</userinput></screen>
-
- <para>dove <replaceable>discoslice</replaceable> sono il disco e la slice
- dal quale vuoi effettuare l'avvio, come ad esempio
- <filename>ad0s1</filename> per la prima slice sul primo disco
- IDE.</para>
-
- <warning>
- <title>Modalit Pericolosamente Dedicata</title>
-
- <para>Se nella sintassi del comando &man.bsdlabel.8; usi solo il
- nome del disco, come <filename>ad0</filename>, creerai un disco
- pericolosamente dedicato, senza slice. Quasi sicuramente non
- questo quello che vuoi fare, quindi controlla due volte il comando
- &man.bsdlabel.8; prima di premere <keycap>Invio</keycap>.</para>
- </warning>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="boot-loader">
- <title>Stadio Tre, <filename>/boot/loader</filename></title>
-
- <indexterm><primary>boot-loader</primary></indexterm>
-
- <para>Il loader l'ultimo stadio della procedura di avvio divisa
- in tre, e si trova sul file system, generalmente come
- <filename>/boot/loader</filename>.</para>
-
- <para>Il loader deve essere inteso come un metodo user-friendly per la
- configurazione di avvio, tramite l'uso di un insieme di comandi
- integrati facili da usare, sostenuto da un potente interprete, con un
- insieme di comandi pi complessi.</para>
-
- <sect3 xml:id="boot-loader-flow">
- <title>Sequenza di Operazioni del Loader</title>
-
- <para>Durante l'inizializzazione, il loader controller
- la console e i dischi, e cercher di capire da quale disco si
- stia avviando. Imposter le variabili di conseguenza, ed
- avvier un interprete al quale potranno essere passati i
- comandi dell'utente in maniera interattiva o attraverso uno
- script.</para>
-
- <indexterm><primary>loader</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>configurazione del loader</primary></indexterm>
-
- <para>Poi il loader legger <filename>/boot/loader.rc</filename>,
- che di default legge i settaggi di
- <filename>/boot/defaults/loader.conf</filename> il quale imposta
- dei valori di default ragionevoli per le variabili e inoltre
- <filename>/boot/loader.rc</filename> legge
- <filename>/boot/loader.conf</filename> per i cambiamenti locali a
- quelle variabili. In base a queste variabili
- <filename>loader.rc</filename> carica i moduli ed il kernel
- prescelti.</para>
-
- <para>Infine, di default, il loader attende per 10 secondi la pressione
- di un tasto, ed avvia il kernel se non viene interrotto. Se invece
- viene interrotto, viene presentato all'utente un prompt in grado di
- comprendere un semplice insieme di comandi, dal quale l'utente
- pu impostare precisamente le variabili, scaricare dalla
- memoria tutti i moduli, o caricarli, ed infine avviare o
- ri-avviare.</para>
- </sect3>
-
- <sect3 xml:id="boot-loader-commands">
- <title>Comandi Integrati nel Loader</title>
-
- <para>Questi sono i comandi usati pi comunemente. Per una
- discussione completa su tutti i comandi disponibili, guarda
- &man.loader.8;.</para>
-
- <variablelist>
- <varlistentry>
- <term>autoboot <replaceable>secondi</replaceable></term>
-
- <listitem>
- <para>Procede all'avvio del kernel se non viene interrotto
- nell'intervallo di tempo specificato, in secondi. Mostra un
- conto alla rovescia, e l'intervallo predefinito di
- 10 secondi.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>boot
- <optional>-opzioni</optional>
- <optional>nomekernel</optional></term>
-
- <listitem>
- <para>Procede immediatamente all'avvio del kernel, con le opzioni
- date, se ce ne sono, e con il nome del kernel specificato, se
- fornito.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>boot-conf</term>
-
- <listitem>
- <para>Va avanti con la stessa configurazione automatica di moduli
- basati sulle variabili come accade al boot. Questo ha senso
- solo se prima usi <command>unload</command>, e cambi delle
- variabili, in generale <envar>kernel</envar>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>help
- <optional>argomento</optional></term>
-
- <listitem>
- <para>Mostra un messaggio d'aiuto letto da
- <filename>/boot/loader.help</filename>. Se l'argomento dato
- <literal>index</literal>, allora elenca tutti gli
- argomenti disponibili.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>include <replaceable>nomefile</replaceable> &hellip;</term>
-
- <listitem>
- <para>Processa il file specificato. Il file viene letto, e
- interpretato riga per riga. Un errore blocca il comando include
- immediatamente.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>load <optional>-t
- tipo</optional>
- <replaceable>nomefile</replaceable></term>
-
- <listitem>
- <para>Carica il kernel, il modulo del kernel, o il file
- del tipo specificato, con il nome specificato. Ogni argomento
- dopo <replaceable>nomefile</replaceable> viene passato al
- file.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>ls <optional>-l</optional>
- <optional>percorso</optional></term>
-
- <listitem>
- <para>Mostra un elenco dei file nel percorso dato, o nella
- directory root, se non ne viene specificato uno. Se
- specificato <option>-l</option>, verranno mostrate anche le
- dimensioni dei file.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>lsdev <optional>-v</optional></term>
-
- <listitem>
- <para>Elenca tutti i dispositivi dai quali potrebbe essere
- possibile caricare moduli. Se viene specificata l'opzione
- <option>-v</option>, verranno stampati dettagli maggiori.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>lsmod <optional>-v</optional></term>
-
- <listitem>
- <para>Mostra i moduli caricati. Se viene specificato
- <option>-v</option>, verranno stampati dettagli maggiori.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>more <replaceable>nomefile</replaceable></term>
-
- <listitem>
- <para>Mostra i file specificati, con una pausa ad ogni
- pagina visualizzata.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>reboot</term>
-
- <listitem>
- <para>Riavvia immediatamente il sistema.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>set <replaceable>variabile</replaceable></term>
- <term>set
- <replaceable>variabile</replaceable>=<replaceable>valore</replaceable></term>
-
- <listitem>
- <para>Imposta le variabili di ambiente del loader.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>unload</term>
-
- <listitem>
- <para>Rimuove tutti i moduli caricati.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
- </sect3>
-
- <sect3 xml:id="boot-loader-examples">
- <title>Esempi sul Loader</title>
-
- <para>Qui ci sono alcuni esempi pratici sull'uso del loader:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Per avviare semplicemente il vostro kernel abituale,
- ma in modalit singolo utente:<indexterm><primary>modalit singolo utente</primary></indexterm></para>
-
- <screen><userinput>boot -s</userinput></screen>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Per scaricare dalla memoria i moduli e il kernel usuali,
- e poi caricare solo il vecchio (o un altro) kernel:</para>
-
- <screen><userinput>unload</userinput>
-<userinput>load kernel.old</userinput></screen>
-
- <para>Puoi usare <filename>kernel.GENERIC</filename> per riferirti
- al kernel generico che viene fornito nel disco d'installazione, o
- <filename>kernel.old</filename><indexterm><primary><filename>kernel.old</filename></primary></indexterm> per riferirti al kernel installato
- precedentemente (quando hai aggiornato o configurato il kernel, ad
- esempio).</para>
-
- <note>
- <para>Usa il comando seguente per caricare i tuoi soliti moduli
- con un altro kernel:</para>
-
- <screen><userinput>unload</userinput>
-<userinput>set kernel="kernel.old"</userinput>
-<userinput>boot-conf</userinput></screen></note>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Per caricare uno script di configurazione del kernel
- (uno script automatizzato che faccia le cose che faresti tu
- normalmente configurando il kernel all'avvio):</para>
-
- <screen><userinput>load -t userconfig_script /boot/kernel.conf</userinput></screen>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="boot-kernel">
- <title>Interazione con il Kernel Durante l'Avvio</title>
-
- <indexterm>
- <primary>kernel</primary>
- <secondary>interazione all'avvio</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Una volta che il kernel stato caricato dal <link linkend="boot-loader">loader</link> (come di consueto) o da <link linkend="boot-boot1">boot2</link> (scavalcando il loader), esso
- esamina i suoi flag di avvio, se ce ne sono, e aggiusta il suo
- comportamento come necessario.</para>
-
- <sect2 xml:id="boot-kernel-bootflags">
- <title>I Flag di Avvio del Kernel</title>
-
- <indexterm>
- <primary>kernel</primary>
- <secondary>flag di boot</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Qui ci sono alcuni dei pi comuni flag di avvio:</para>
-
- <variablelist xml:id="boot-kernel-bootflags-list">
- <varlistentry>
- <term><option>-a</option></term>
-
- <listitem>
- <para>durante l'inizializzazione del kernel, chiede il dispositivo
- da montare come file system di root.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-C</option></term>
-
- <listitem>
- <para>avvia da CDROM.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-c</option></term>
-
- <listitem>
- <para>esegue UserConfig, il programma di configurazione del kernel
- all'avvio</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-s</option></term>
-
- <listitem>
- <para>avvia in modalit singolo utente</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term><option>-v</option></term>
-
- <listitem>
- <para>aumenta la verbosit durante l'avvio del kernel</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
- </variablelist>
-
- <note>
- <para>Ci sono altri flag di avvio, leggi &man.boot.8; per maggiori
- informazioni su di essi.</para></note>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="device-hints">
- <info><title>Device Hints</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <indexterm><primary>device.hints</primary></indexterm>
-
- <note>
- <para>Questa una caratteristica di FreeBSD&nbsp;5.0 e successive
- che non esiste nelle versioni precedenti.</para>
- </note>
-
- <para>Durante l'avvio iniziale del sistema, il boot &man.loader.8;
- legger il file &man.device.hints.5;. Questo file contiene
- informazioni di avvio per il kernel dette variabili, e talvolta indicate
- come <quote>device hints</quote>, suggerimenti per i dispositivi.
- Questi <quote>device hints</quote> vengono usati dai driver per la
- configurazione delle varie periferiche.</para>
-
- <para>I device hints possono essere specificati anche nel prompt del terzo
- stadio <link linkend="boot-loader">del boot loader</link>.
- Le variabili possono essere aggiunte usando il comando
- <command>set</command>, rimosse con <command>unset</command>, e
- visualizzate con <command>show</command>. Inoltre, in questo modo,
- le variabili impostate nel file <filename>/boot/device.hints</filename>
- possono essere scavalcate. I device hint inseriti in questo modo non sono
- permanenti e verranno dimenticati al riavvio seguente.</para>
-
- <para>Una volta che il sistema stato avviato, pu essere
- usato il comando &man.kenv.1; per mostrare tutte le variabili.</para>
-
- <para>La sintassi per il file <filename>/boot/device.hints</filename>
- una variabile per riga, usando il solito cancelletto
- <quote>#</quote> per indicare i commenti. Le linee sono costruite come
- segue:</para>
-
- <screen><userinput>hint.driver.unit.keyword="valore"</userinput></screen>
-
- <para>La sintassi nel terzo stadio del boot loader :</para>
-
- <screen><userinput>set hint.driver.unit.keyword=valore</userinput></screen>
-
- <para><literal>driver</literal> il nome del driver per il
- dispositivo, <literal>unit</literal> il numero di unit
- per quel driver, e <literal>keyword</literal> la parola chiave
- per quell'hint. La parola chiave pu essere:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><literal>at</literal>: specifica il bus sul quale
- collegato il dispositivo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>port</literal>: specifica l'indirizzo iniziale di
- <acronym>I/O</acronym> che deve essere usato.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>irq</literal>: specifica il numero di interrupt request
- che deve essere usato.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>drq</literal>: specifica il numero del canale DMA.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>maddr</literal>: specifica l'indirizzo di memoria fisico
- occupato dal dispositivo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>flags</literal>: imposta vari bit di flag per il
- dispositivo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><literal>disabled</literal>: se impostato a <quote>1</quote> il
- dispositivo disabilitato.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>I driver possono accettare (o richiedere) pi hints di quelli
- elencati qui, si raccomanda quindi di verificare la loro pagina di
- manuale. Per maggiori informazioni, consulta le pagine man
- &man.device.hints.5;, &man.kenv.1;, &man.loader.conf.5;, e
- &man.loader.8;.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="boot-init">
- <title>Init: Inizializzazione del Controllo dei Processi</title>
-
- <indexterm><primary><command>init</command></primary></indexterm>
-
- <para>Una volta che il kernel ha finito di avviarsi, trasferisce il
- controllo al processo utente <command>init</command>, che si trova in
- <filename>/sbin/init</filename>, o al programma specificato
- nella variabile <envar>init_path</envar> nel
- <command>loader</command>.</para>
-
- <sect2 xml:id="boot-autoreboot">
- <title>Sequenza di Riavvio Automatica</title>
-
- <para>La sequenza di riavvio automatica assicura che i file system
- disponibili sul sistema siano consistenti. Se qualcuno non lo ,
- e &man.fsck.8; non pu risolvere le inconsistenze, &man.init.8;
- abbandona il sistema in <link linkend="boot-singleuser">modalit
- singolo utente</link> per permettere all'amministratore di sistema di
- occuparsi dei problemi direttamente.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="boot-singleuser">
- <title>Modalit Singolo Utente</title>
-
- <indexterm><primary>modalit singolo utente</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>console</primary></indexterm>
-
- <para>Questa modalit pu essere raggiunta attraverso la
- <link linkend="boot-autoreboot">sequenza di riavvio automatica</link>,
- o tramite l'avvio da parte dell'utente con l'opzione
- <option>-s</option> o impostando la variabile <envar>boot_single</envar>
- nel <command>loader</command>.</para>
-
- <para>Si pu arrivare ad essa anche richiamando &man.shutdown.8;
- senza l'opzione per il riavvio (<option>-r</option>) o per l'arresto
- (<option>-h</option>), dalla <link linkend="boot-multiuser">modalit multi utente</link>.</para>
-
- <para>Se la <literal>console</literal> del sistema settata come
- <literal>insecure</literal> in <filename>/etc/ttys</filename>,
- allora il sistema richiede la password di <systemitem class="username">root</systemitem>
- prima di entrare in modalit singolo utente.</para>
-
- <example xml:id="boot-insecure-console">
- <title>Una Console Insicura in <filename>/etc/ttys</filename></title>
-
- <programlisting># name getty type status comments
-#
-# Se la console settata come "insecure", allora init chieder
-# la password di root per andare in modalit singolo utente .
-console none unknown off insecure</programlisting>
- </example>
-
- <note>
- <para>Avere una console <literal>insecure</literal> significa
- ritenere insicura la sicurezza fisica della console, ed assicurarsi
- che solo chi conosce la password di <systemitem class="username">root</systemitem> possa
- usare la modalit singolo utente, non significa voler eseguire
- la console in maniera insicura. Dunque, se vuoi avere sicurezza,
- scegli <literal>insecure</literal>, non
- <literal>secure</literal>.</para>
- </note>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="boot-multiuser">
- <title>Modalit Multi Utente</title>
-
- <indexterm><primary>modalit multi utente</primary></indexterm>
-
- <para>Se &man.init.8; ritiene che i tuoi file system siano in ordine,
- o quando l'utente ha terminato il lavoro in <link linkend="boot-singleuser">modalit singolo utente</link>, il
- sistema entra in modalit multi utente, nella quale inizia la
- configurazione delle risorse del sistema.</para>
-
- <sect3 xml:id="boot-rc">
- <title>Configurazione delle Risorse (rc)</title>
-
- <indexterm><primary>file rc</primary></indexterm>
-
- <para>Il sistema di configurazione delle risorse legge i valori
- predefiniti della configurazione da
- <filename>/etc/defaults/rc.conf</filename>, e
- i dettagli specifici del sistema da
- <filename>/etc/rc.conf</filename>, e poi procede al montaggio dei
- file system del sistema elencati in
- <filename>/etc/fstab</filename>, avvia i servizi di rete,
- avvia vari demoni di sistema, ed infine esegue gli script di avvio dei
- pacchetti installati localmente.</para>
-
- <para>La pagina man di &man.rc.8; un buon riferimento per la
- configurazione delle risorse del sistema, poich esamina gli
- script stessi.</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="boot-shutdown">
- <title>Sequenza di Spegnimento</title>
-
- <indexterm><primary><command>spegnimento</command></primary></indexterm>
-
- <para>Al momento di uno spegnimento controllato, tramite &man.shutdown.8;,
- &man.init.8; cercher di eseguire lo script
- <filename>/etc/rc.shutdown</filename>, e poi proceder ad inviare
- a tutti i processi il segnale <literal>TERM</literal>, e successivamente
- il segnale <literal>KILL</literal> a quelli che non sono terminati in
- tempo.</para>
-
- <para>Per spegnere una macchina FreeBSD su architetture e sistemi
- che supportano la gestione dell'energia, usa semplicemente il comando
- <command>shutdown -p now</command> per disattivare immediatamente
- l'alimentazione. Per riavviare semplicemente un sistema FreeBSD, usa solo
- <command>shutdown -r now</command>. Avrai bisogno di essere
- <systemitem class="username">root</systemitem> o un membro del gruppo
- <systemitem class="groupname">operator</systemitem> per eseguire &man.shutdown.8;.
- Possono essere usati anche i comandi &man.halt.8; e &man.reboot.8;,
- fai riferimento alle loro pagine di man ed a quella di &man.shutdown.8;
- per maggiori informazioni.</para>
-
- <note>
- <para>La gestione dell'energia richiede il supporto &man.acpi.4; nel
- kernel o caricato come modulo.</para>
- </note>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/chapters.ent b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/chapters.ent
deleted file mode 100644
index 828634d7af..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/chapters.ent
+++ /dev/null
@@ -1,73 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- Crea le entities per ogni capitolo del Manuale di FreeBSD.
- Ogni entity chiamata chap.foo, dove foo il valore
- dell'attributo id di quel capitolo, e corrisponde al nome della directory
- nella quale il file sgml del capitolo salvato.
-
- I capitoli devono essere listati nell'ordine in cui sono referenziati.
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.37
--->
-
-<!ENTITY chap.preface SYSTEM "preface/preface.xml">
-<!ENTITY % pgpkeys SYSTEM "../../../share/pgpkeys/pgpkeys.ent"> %pgpkeys;
-
-<!-- Part One -->
- <!ENTITY chap.introduction SYSTEM "introduction/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.install SYSTEM "install/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.basics SYSTEM "basics/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.ports SYSTEM "ports/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.x11 SYSTEM "x11/chapter.xml">
-
-<!-- Part Two -->
- <!ENTITY chap.desktop SYSTEM "desktop/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.multimedia SYSTEM "multimedia/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.kernelconfig SYSTEM "kernelconfig/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.printing SYSTEM "printing/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.linuxemu SYSTEM "linuxemu/chapter.xml">
-
-<!-- Part Three -->
- <!ENTITY chap.config SYSTEM "config/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.boot SYSTEM "boot/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.users SYSTEM "users/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.security SYSTEM "security/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.jails SYSTEM "jails/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.mac SYSTEM "mac/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.audit SYSTEM "audit/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.disks SYSTEM "disks/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.geom SYSTEM "geom/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.filesystems SYSTEM "filesystems/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.vinum SYSTEM "vinum/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.virtualization SYSTEM "virtualization/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.l10n SYSTEM "l10n/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.cutting-edge SYSTEM "cutting-edge/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.dtrace SYSTEM "dtrace/chapter.xml">
-
-<!-- Part Four -->
- <!ENTITY chap.serialcomms SYSTEM "serialcomms/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.ppp-and-slip SYSTEM "ppp-and-slip/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.mail SYSTEM "mail/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.network-servers SYSTEM "network-servers/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.firewalls SYSTEM "firewalls/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.advanced-networking SYSTEM "advanced-networking/chapter.xml">
-
-<!-- Part Five (appendices) -->
- <!ENTITY chap.mirrors SYSTEM "mirrors/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.mirrors.lastmod.inc SYSTEM "mirrors.lastmod.inc">
- <!ENTITY chap.mirrors.ftp.index.inc SYSTEM "mirrors.xml.ftp.index.inc">
- <!ENTITY chap.mirrors.ftp.inc SYSTEM "mirrors.xml.ftp.inc">
- <!ENTITY chap.mirrors.cvsup.index.inc SYSTEM "mirrors.xml.cvsup.index.inc">
- <!ENTITY chap.mirrors.cvsup.inc SYSTEM "mirrors.xml.cvsup.inc">
- <!ENTITY chap.bibliography SYSTEM "bibliography/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.eresources SYSTEM "eresources/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.eresources.www.index.inc SYSTEM "eresources.xml.www.index.inc">
- <!ENTITY chap.eresources.www.inc SYSTEM "eresources.xml.www.inc">
- <!ENTITY chap.pgpkeys SYSTEM "pgpkeys/chapter.xml">
- <!ENTITY chap.freebsd-glossary SYSTEM "../../share/xml/glossary.ent">
- <!ENTITY chap.index "<index xmlns='http://docbook.org/ns/docbook'/>">
-
-<!ENTITY chap.colophon SYSTEM "colophon.xml">
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/colophon.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/colophon.xml
deleted file mode 100644
index bce5baeaee..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/colophon.xml
+++ /dev/null
@@ -1,22 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.9
--->
-<colophon xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="colophon">
- <para>Questo libro frutto del lavoro combinato di centinaia di
- persone che hanno contribuito al <quote>FreeBSD Documentation
- Project</quote>. Il testo stato scritto in SGML seguendo le
- specifiche del DocBook DTD ed stato formattato dall'SGML in molti
- formati di presentazione differenti usando <application>Jade</application>,
- un motore DSSSL open source. Sono stati usati i fogli di stile DSSSL di
- Norm Walsh con un livello aggiuntivo di personalizzazione per fornire a
- <application>Jade</application> le istruzioni di presentazione.
- La versione stampata di questo documento
- non sarebbe stata possibile senza il linguaggio di composizione
- &tex; di Donald Knuth,
- <application>LaTeX</application> di Leslie Lamport, o il pacchetto di macro
- <application>JadeTeX</application> di Sebastian Rahtz.</para>
-</colophon>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/Makefile
deleted file mode 100644
index e8c56adcdf..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= config/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/chapter.xml
deleted file mode 100644
index e372b6b0df..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/config/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,3341 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.228
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="config-tuning">
- <info><title>Configurazione e Messa a Punto</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Chern</firstname><surname>Lee</surname></personname><contrib>Scritto da </contrib></author>
- </authorgroup>
-
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Mike</firstname><surname>Smith</surname></personname><contrib>Basato su un tutorial scritto da </contrib></author>
- </authorgroup>
-
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Matt</firstname><surname>Dillon</surname></personname><contrib>Basato anche su tuning(7) scritto da </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <sect1 xml:id="config-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <indexterm><primary>configurazione di sistema</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>ottimizzazione di sistema</primary></indexterm>
-
- <para>Uno degli aspetti importanti di &os; la configurazione del
- sistema. Una corretta configurazione del sistema aiuter a
- prevenire mal di testa durante futuri aggiornamenti. Questo capitolo
- spiegher molti dei processi di configurazione di &os;, inclusi
- alcuni parametri che possono essere impostati per ottimizzare un sistema
- &os;.</para>
-
- <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Come lavorare in maniera efficiente con i file system e le
- partizioni di swap.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Le basi dei sistemi di configurazione <filename>rc.conf</filename>
- e di avvio <filename>/usr/local/etc/rc.d</filename>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come configurare e provare una scheda di rete.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come configurare host virtuali sui dispositivi di rete.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come usare i vari file di configurazione in
- <filename>/etc</filename>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come mettere a punto &os; usando le variabili
- <command>sysctl</command>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come ottimizzare la prestazioni del disco e modificare le
- limitazioni del kernel.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Prima di leggere questo capitolo, dovresti:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Comprendere le basi di &unix; e di &os; (<xref linkend="basics"/>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Avere dimestichezza nella configurazione/compilazione
- del kernel (<xref linkend="kernelconfig"/>).</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-initial">
- <title>Configurazione Iniziale</title>
-
- <sect2>
- <title>Disposizione delle Partizioni</title>
-
- <indexterm><primary>disposizione delle partizioni</primary></indexterm>
- <indexterm><primary><filename>/etc</filename></primary></indexterm>
- <indexterm><primary><filename>/var</filename></primary></indexterm>
- <indexterm><primary><filename>/usr</filename></primary></indexterm>
-
- <sect3>
- <title>Partizioni di Base</title>
-
- <para>Nel disegnare il tuo file system con &man.bsdlabel.8; o
- &man.sysinstall.8;, ricorda che i dischi rigidi possono trasferire
- dati ad un ritmo maggiore dalle tracce esterne rispetto a quelle
- interne. Quindi i file system pi piccoli e con un gran
- numero di accessi dovrebbero essere pi vicini alla parte
- esterna del disco, mentre le partizioni pi ampie, come
- <filename>/usr</filename>, dovrebbero essere posizionate verso
- l'interno. una buona idea creare le partizioni in un ordine
- simile al seguente: root, swap, <filename>/var</filename>,
- <filename>/usr</filename>.</para>
-
- <para>Le dimensioni della partizione <filename>/var</filename>
- riflettono l'uso che intendi fare della macchina.
- <filename>/var</filename> viene usata per mantenere le
- caselle di posta, i file di log, e gli spool della stampante. Le
- caselle di posta e file di log potrebbero crescere in
- maniera imprevedibile in relazione al numero di utenti presenti sul
- tuo sistema e da quanto a lungo manterrai i file di log. La
- maggior parte degli utenti non avr mai bisogno di un gigabyte,
- ma ricorda che <filename>/var/tmp</filename>
- deve essere abbastanza ampia da contenere tutti i pacchetti.</para>
-
- <para>La partizione <filename>/usr</filename> contiene molti
- dei file richiesti per far funzionare il sistema, la collezioni dei
- &man.ports.7; (raccomandata) e il codice sorgente (opzionale).
- Entrambi sono opzionali al momento dell'installazione.
- Almeno 2 gigabyte sono raccomandati per questa partizione.</para>
-
- <para>Quando decidi le dimensioni delle partizioni, tieni a mente le
- richieste di spazio. Esaurire lo spazio in una partizione mentre ne
- usi poco in un'altra pu essere molto fastidioso.</para>
-
- <note>
- <para>Alcuni utenti hanno scoperto che il dimensionamento
- <literal>auto-predefinito</literal> di &man.sysinstall.8; a volte
- crea partizioni <filename>/var</filename> o <filename>/</filename>
- pi piccole del necessario. Partiziona saggiamente e
- generosamente.</para>
- </note>
- </sect3>
-
- <sect3 xml:id="swap-design">
- <title>Partizione di Swap</title>
-
- <indexterm><primary>dimensionamento dello swap</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>partizione di swap</primary></indexterm>
-
- <para>Come regola generale, la partizione di swap dovrebbe essere
- tipicamente il doppio della quantit di memoria principale
- (RAM). Ad esempio, se la macchina avesse 128&nbsp;megabyte di
- memoria, il file di swap dovrebbe essere di 256&nbsp;megabyte.
- Sistemi con meno memoria potrebbero funzionare meglio con uno swap
- maggiore. Meno di 256&nbsp;megabyte di swap non raccomandato
- e dovresti pensare ad una espansione della memoria.
- Gli algoritmi di paginazione sono ottimizzati per funzionare
- al meglio quando la partizione di swap almeno due volte la
- dimensione della memoria principale.
- Configurare uno swap troppo piccolo potrebbe portare ad una
- inefficienza nel codice di scansione della VM e potrebbe creare
- problemi in seguito, nel caso di aggiunta di memoria alla
- macchina.</para>
-
- <para>Su sistemi pi grandi con dischi SCSI multipli
- (o dischi IDE multipli collegati a diversi controller)
- consigliabile che ci sia uno swap per ogni disco (fino a
- quattro dischi). Le partizioni di swap dovrebbero avere
- approssimativamente le stesse dimensioni.
- Il kernel pu gestire dimensioni arbitrarie ma internamente le
- strutture dati scalano meglio fino a quattro volte la dimensione della
- partizione di swap pi ampia. Avere partizioni di swap con
- dimensioni simili permetter al kernel di distribuire al meglio
- lo spazio di swap tra i dischi. Partizioni di swap grandi vanno bene,
- anche se non vengono usate molto. Potrebbe essere pi semplice
- recuperare il sistema da un programma impazzito prima di essere
- costretti a riavviare.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Perch Partizionare?</title>
-
- <para>Molti utenti pensano che un'unica grande partizione vada bene, ma
- ci sono molte ragioni per cui questa una cattiva idea.
- Primo, ogni partizione ha differenti caratteristiche
- operative e separarle permette ai file system di ottimizzare se stessi
- di conseguenza. Ad esempio, le partizioni root e
- <filename>/usr</filename> sono per lo pi usate in lettura,
- senza molte operazioni di scrittura. Un sacco di
- letture e scritture potrebbero esserci in <filename>/var</filename> e
- <filename>/var/tmp</filename>.</para>
-
- <para>Partizionando in maniera appropriata il sistema, la
- frammentazione introdotta nelle partizioni pi piccole,
- con pi carico in scrittura, non incider sulle
- partizioni per lo pi di lettura.
- Mantenere le partizioni con maggiore carico in scrittura
- vicine al bordo del disco aumenter le prestazioni di I/O
- nelle partizioni dove ne hai pi bisogno. Ora, sebbene
- potresti avere bisogno di prestazioni di I/O anche nelle partizioni
- pi ampie, spostarle verso il bordo del disco non
- porterebbe nessun miglioramento significativo delle prestazioni, al
- contrario dello spostamento di <filename>/var</filename> all'esterno.
- Infine, ci sono problemi riguardanti la sicurezza.
- Una piccola, simpatica partizione di root che essenzialmente
- di sola lettura ha ottime possibilit di sopravvivere intatta a
- un brutto crash.</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-core-configuration">
- <title>Configurazione Principale</title>
-
- <indexterm>
- <primary>i file rc</primary>
- <secondary><filename>rc.conf</filename></secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il posto principale per le informazioni di configurazione del sistema
- in <filename>/etc/rc.conf</filename>. Questo file contiene
- un'ampia gamma di informazioni di configurazione, usate principalmente
- all'avvio della macchina per la configurazione del sistema.
- Il suo nome autoesplicativo; si tratta di informazioni
- di configurazione per i file <filename>rc*</filename>.</para>
-
- <para>Un amministratore dovrebbe aggiungere dei campi nel file
- <filename>rc.conf</filename> per cambiare le impostazioni
- predefinite di <filename>/etc/defaults/rc.conf</filename>.
- Il file predefinito non dovrebbe essere semplicemente copiato in
- <filename>/etc</filename> - esso contiene valori di default, non esempi.
- Tutti i cambiamenti specifici del sistema dovrebbero essere effettuati
- nel file <filename>rc.conf</filename> stesso.</para>
-
- <para>Nelle applicazioni cluster possono essere adottate differenti
- strategie per separare le configurazioni generali da quelle specifiche del
- sistema in maniera da mantenere basso l'impegno di amministrazione.
- L'approccio raccomandato di porre le configurazioni generali in
- un altro file, ad esempio <filename>/etc/rc.conf.site</filename>, e poi
- includerlo in <filename>/etc/rc.conf</filename>, che conterr solo
- le informazioni specifiche del sistema.</para>
-
- <para>Visto che <filename>rc.conf</filename> viene letto da &man.sh.1;
- semplice farlo. Ad esempio:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>rc.conf:</para>
-
- <programlisting> . /etc/rc.conf.site
- hostname="node15.example.com"
- network_interfaces="fxp0 lo0"
- ifconfig_fxp0="inet 10.1.1.1"</programlisting>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>rc.conf.site:</para>
-
- <programlisting> defaultrouter="10.1.1.254"
- saver="daemon"
- blanktime="100"</programlisting>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Il file <filename>rc.conf.site</filename> potr poi essere
- distribuito su ogni sistema usando <command>rsync</command> o un programma
- simile, mentre il file <filename>rc.conf</filename> rimarr
- unico.</para>
-
- <para>L'aggiornamento del sistema tramite &man.sysinstall.8;
- o <command>make world</command> non sovrascriver il file
- <filename>rc.conf</filename>, quindi le configurazioni del sistema non
- andranno perse.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-appconfig">
- <title>Configurazione delle Applicazioni</title>
-
- <para>Tipicamente, le applicazioni installate hanno i propri file di
- configurazione, con la loro sintassi, ecc. importante che questi
- file siano tenuti separati dal sistema di base, in maniera da essere
- facilmente individuati e gestiti dagli strumenti di gestione dei
- pacchetti.</para>
-
- <indexterm><primary>/usr/local/etc</primary></indexterm>
-
- <para>In genere, questi file vengono installati in
- <filename>/usr/local/etc</filename>. Nel caso in cui un'applicazione
- abbia un grande numero di file di configurazione, verr creata una
- sottodirectory per contenerli.</para>
-
- <para>Normalmente, quando viene installato un pacchetto, vengono installati
- anche file di configurazione d'esempio. In genere questi vengono
- identificati da un suffisso <filename>.default</filename>. Se non ci sono
- file di configurazione esistenti per l'applicazione, verranno creati
- copiando i file <filename>.default</filename>.</para>
-
- <para>Ad esempio, considera il contenuto della directory
- <filename>/usr/local/etc/apache</filename>:</para>
-
- <literallayout class="monospaced">-rw-r--r-- 1 root wheel 2184 May 20 1998 access.conf
--rw-r--r-- 1 root wheel 2184 May 20 1998 access.conf.default
--rw-r--r-- 1 root wheel 9555 May 20 1998 httpd.conf
--rw-r--r-- 1 root wheel 9555 May 20 1998 httpd.conf.default
--rw-r--r-- 1 root wheel 12205 May 20 1998 magic
--rw-r--r-- 1 root wheel 12205 May 20 1998 magic.default
--rw-r--r-- 1 root wheel 2700 May 20 1998 mime.types
--rw-r--r-- 1 root wheel 2700 May 20 1998 mime.types.default
--rw-r--r-- 1 root wheel 7980 May 20 1998 srm.conf
--rw-r--r-- 1 root wheel 7933 May 20 1998 srm.conf.default</literallayout>
-
- <para>Le differenze nelle dimensioni dei file mostrano che solo
- <filename>srm.conf</filename> stato modificato.
- Una successiva installazione di <application>Apache</application> dai port
- non sovrascriver questo file modificato.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-starting-services">
- <info><title>Avvio dei Servizi</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <indexterm><primary>servizi</primary></indexterm>
-
- <para>Molti utenti scelgono di installare software di terze parti
- in &os; attraverso la collezione dei port. Nell magior parte dei
- casi potrebbe essere necessario configurare il software
- in un modo tale che sia avviato all'inizializzazione
- di sistema. Servizi, come
- <package>mail/postfix</package>
- o <package>www/apache13</package> sono solo due fra
- i molti pacchetti software che possono essere avviati durante
- l'inizializzazione di sistema. Questa sezione spiega le procedure
- disponibili per avviare software di terze parti.</para>
-
- <para>In &os;, molti servizi inclusi, come &man.cron.8;, sono
- avviati attraverso gli script di startup. Questi script possono
- differire a seconda della verione di &os; o del produttore; comunque
- il pi importante aspetto da considerare che la
- configurazione di startup pu essere gestita tramite semplici
- script di inizializzazione.</para>
-
- <para>Prima dell'avvento di <filename>rc.d</filename>, gli
- applicativi lasciavano un semplice
- script di avvio nella directory <filename>/usr/local/etc/rc.d</filename> che sarebbe stato poi
- letto dagli script di inizializzazione di sistema. Questi script
- sarebbero poi eseguiti durante la fase di avvio del
- sistema.</para>
-
- <para>Mentre molti individui hanno speso ore cercando di integrare
- il vecchio stile di configurazione nel nuovo sistema, resta il fatto
- che qualche utility di terze parti necessita ancora di uno script
- semplicemente lasciato nella succitata directory. Le sottili differenze
- negli script dipendono dal fatto se <filename>rc.d</filename> sia
- usato o meno. Prima
- di &os;&nbsp;5.1 viene usato il vecchio metodo di configurazione
- ed in quasi tutti i casi uno script di nuovo tipo funzionerebbe
- perfettamente.</para>
-
- <para>Mentre ogni script deve rispettare alcuni requisiti minimi,
- il pi delle volte questi requisiti sono indipendenti
- dalla versioni di &os;. Ogni script deve avere una estensione
- <filename>.sh</filename> appesa alla fine ed ogni script deve essere
- eseguibile dal sistema. L'ultima richiesta pu essere soddisfatta
- usando il comando <command>chmod</command> e impostando i permessi
- a <literal>755</literal>. Ci dovrebbe essere, come minimo,
- un'opzione per fare lo <literal>start</literal> dell'applicativo
- ed un'opzione per farne lo <literal>stop</literal>.</para>
-
- <para>Il pi semplice script di avvio probabilmente sembrerebbe
- simile al seguente:</para>
-
- <programlisting>#!/bin/sh
-echo -n ' utility'
-
-case "$1" in
-start)
- /usr/local/bin/utility
- ;;
-stop)
- kill -9 `cat /var/run/utility.pid`
- ;;
-*)
- echo "Usage: `basename $0` {start|stop}" &gt;&amp;2
- exit 64
- ;;
-esac
-
-exit 0</programlisting>
-
- <para>Questo script fornisce un'opzione <literal>stop</literal>
- e <literal>start</literal> per l'applicazione a cui ci riferiamo
- semplicemente come <literal>utility</literal>.</para>
-
- <para>Potrebbe essere avviata manualmente con:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/etc/rc.d/utility.sh start</userinput></screen>
-
- <para>Mentre non tutto il software di terze parti richiede la linea
- in <filename>rc.conf</filename>, quasi ogni giorno un nuovo port
- viene modificato per accettare questa configurazione. Controlla
- l'output finale dell'installazione per maggiori informazioni su un
- applicativo specifico. Ci sar del software di terze parti
- che fornisce script di avvio che permettono all'applicativo di
- essere usato con <filename>rc.d</filename>; tuttavia, questo
- sar discusso nella successiva sezione.</para>
-
- <sect2>
- <title>Configurazione Estesa degli Applicativi</title>
-
- <para>Ora che &os; include <filename>rc.d</filename>, la
- configurazione dell'avvio degli applicativi
- diventata pi semplice, e pi flessibile.
- Usando le parole chiave discusse nella sezione <link linkend="configtuning-rcd">rc.d</link>, gli applicativi ora possono
- essere configurati dopo certi altri servizi come ad esempio il
- <acronym>DNS</acronym>; possono permettere che siano passati flag extra
- nel codice attraverso <filename>rc.conf</filename> al posto
- di flag statici negli script di avvio, e molto altro.
- Uno script basilare potrebbe assomigliare al seguente:</para>
-
- <programlisting>#!/bin/sh
-#
-# PROVIDE: utility
-# REQUIRE: DAEMON
-# KEYWORD: shutdown
-
-. /etc/rc.subr
-
-name=utility
-rcvar=utility_enable
-
-command="/usr/local/sbin/utility"
-
-load_rc_config $name
-
-#
-# DO NOT CHANGE THESE DEFAULT VALUES HERE
-# SET THEM IN THE /etc/rc.conf FILE
-#
-utility_enable=${utility_enable-"NO"}
-pidfile=${utility_pidfile-"/var/run/utility.pid"}
-
-run_rc_command "$1"</programlisting>
-
- <para>Questo script assicurer che
- <application>utility</application> partir dopo
- il servizio <literal>daemon</literal>.
- Fornisce inoltre un metodo per settare e tracciare il
- <acronym>PID</acronym>, o il file dell'<acronym>ID</acronym> di
- processo.</para>
-
- <para>Questa applicazione potrebbe avere le seguenti linee piazzate
- in <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
-
- <programlisting>utility_enable="YES"</programlisting>
-
- <para>Questo metodo permette inoltre una semplice
- manipolazione degli argomenti di linea di comando, incluse
- le funzioni di default definite in <filename>/etc/rc.subr</filename>,
- compatibilit con l'utility &man.rcorder.8; e fornisce una
- pi semplice configurazione attraverso il file
- <filename>rc.conf</filename>.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Usare i Servizi per Avviare i Servizi</title>
-
- <para>Altri servizi, come i demoni <acronym>POP</acronym>3,
- <acronym>IMAP</acronym>, etc. potrebbero essere avviati
- usando &man.inetd.8;. Questo implica l'installazione del servizio
- dalla collezione dei port e l'aggiunta di una linea di
- configurazione al file <filename>/etc/inetd.conf</filename>
- o togliendo dei commenti in una delle linee di configurazione
- del file stesso.
- L'uso di <application>inetd</application> e la
- sua configurazione
- descritto in dettaglio nella sezione
- <link linkend="network-inetd">inetd</link>.</para>
-
- <para>In alcuni casi, potrebbe essere pi plausibile usare
- il demone &man.cron.8; per avviare i servizi di sistema. Questo
- approccio ha alcuni vantaggi poich <command>cron</command>
- esegue questi processi come l'utente proprietario del file
- <filename>crontab</filename>. Questo permette ad utenti regolari
- di avviare e mantenere alcuni applicativi.</para>
-
- <para>Il comando <command>cron</command> fornisce una caratteristica unica,
- <literal>@reboot</literal>, che potrebbe essere usato al posto della
- specifica del tempo. Questo far s che il job sia
- eseguito quando &man.cron.8; avviato, normalmente durante
- l'inizializzazione di sistema.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-cron">
- <info><title>Configurare l'Utility <command>cron</command> </title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <indexterm>
- <primary>cron</primary>
- <secondary>configurazione</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Uno dei comandi pi utili presenti in &os;
- &man.cron.8;.
- L'utility <command>cron</command> viene eseguita in background
- e controlla costantemente
- il file <filename>/etc/crontab</filename>. <command>cron</command>
- controlla anche la directory <filename>/var/cron/tabs</filename>,
- alla ricerca di nuovi file <filename>crontab</filename>. Questi file
- <filename>crontab</filename> contengono informazioni sulle
- specifiche funzioni che ci si aspetta vengano
- compiute da <command>cron</command> a determinati intervalli
- temporali.</para>
-
- <para>L'utility <command>cron</command> usa due differenti
- tipi di file di configurazione, il crontab di sistema ed il crontab
- utente. La sola differenza fra questi due file nel sesto campo.
- Nel crontab di sistema, il sesto campo il nome dell'utente
- sotto il quale viene eseguito il comando. Questo d al crontab
- di sistema la capacit di eseguire comandi come ogni utente.
- Nel crontab utente, il sesto campo il comando da eseguire,
- e tutti i comandi vengono eseguiti come l'utente che ha creato il crontab;
- questa un'importante caratteristica di sicurezza.</para>
-
- <note>
- <para>I crontab utenti permettono ad utenti individuali di schedulare
- task senza i privilegi di <systemitem class="username">root</systemitem>. I comandi
- in un crontab utente vengono eseguiti con i permessi dell'utente
- che posseggono il file crontab.</para>
-
- <para>L'utente <systemitem class="username">root</systemitem> pu possedere
- il crontab proprio come ogni altro utente. Qui c' una
- differenza rispetto a <filename>/etc/crontab</filename> (il crontab
- di sistema). Per via del crontab di sistema, di solito non c'
- bisogno di creare un crontab per <systemitem class="username">root</systemitem>.</para>
- </note>
-
- <para>Diamo un'occhiata al file <filename>/etc/crontab</filename>
- (il crontab di sistema):</para>
-
- <programlisting># /etc/crontab - il crontab di root per &os;
-#
-# &dollar;&os;: src/etc/crontab,v 1.32 2002/11/22 16:13:39 tom Exp &dollar;
-# <co xml:id="co-comments"/>
-#
-SHELL=/bin/sh
-PATH=/etc:/bin:/sbin:/usr/bin:/usr/sbin <co xml:id="co-env"/>
-HOME=/var/log
-#
-#
-#minute hour mday month wday who command <co xml:id="co-field-descr"/>
-#
-#
-*/5 * * * * root /usr/libexec/atrun <co xml:id="co-main"/>
-</programlisting>
-
- <calloutlist>
- <callout arearefs="co-comments">
- <para>Come in molti file di configurazione di
- &os;, il carattere <literal>#</literal>
- rappresenta un commento. Un commento pu essere posto nel
- file come una nota su cosa si desidera fare con un certo comando.
- I commenti non possono essere nella stessa linea di un comando
- o saranno interpretati come parte di un comando; devono trovarsi su
- una linea a s. Le linee vuote vengono ignorate.</para>
- </callout>
-
- <callout arearefs="co-env">
- <para>Anzitutto, deve essere definito l'ambiente. I segni di uguale
- (<literal>=</literal>) vengono usati per definire ogni impostazione
- dell'ambiente, come viene fatto in questo esempio per
- <envar>SHELL</envar>, <envar>PATH</envar>, e <envar>HOME</envar>.
- Se la linea relativa alla shell viene omessa, <command>cron</command>
- user quella di default, che
- <command>sh</command>. Se si omette la variabile
- <option>PATH</option>, non verr usato nessun default e le
- locazioni dei file dovranno essere assolute. Se viene omessa
- <option>HOME</option>, <command>cron</command>
- user la home directory dello user che lo ha richiamato.</para>
- </callout>
-
- <callout arearefs="co-field-descr">
- <para>Questa linea definisce un totale di sette campi. Qui sono
- elencati i valori <literal>minute</literal>, <literal>hour</literal>,
- <literal>mday</literal>, <literal>month</literal>,
- <literal>wday</literal>, <literal>who</literal>, e
- <literal>command</literal>. Questi nomi sono pi o meno
- autoesplicativi. <literal>minute</literal> il tempo in
- minuti al quale dovr essere eseguito il comando.
- <literal>hour</literal> uguale, ma per le ore.
- <literal>mday</literal> rappresenta il giorno del mese.
- <literal>month</literal> simile ad <literal>hour</literal>
- e <literal>minute</literal>, ma rappresenta il mese.
- L'opzione <literal>wday</literal> rappresenta il
- giorno della settimana. Tutti questi campi devono avere un valore
- numerico, e seguire l'orario di ventiquattro ore. Il campo
- <literal>who</literal> speciale, ed esiste solo nel file
- <filename>/etc/crontab</filename>.
- Questo campo specifica l'utente con il quale deve essere eseguito
- il comando. Quando un utente installa il suo file
- <filename>crontab</filename>, non avr a disposizione questa
- opzione. Infine, viene elencata l'opzione <literal>command</literal>.
- Questo l'ultimo campo, e naturalmente indica il comando che
- deve essere eseguito.</para>
- </callout>
-
- <callout arearefs="co-main">
- <para>Quest'ultima linea definir i valori discussi prima.
- Notate che abbiamo un <literal>*/5</literal>, seguito da parecchi
- caratteri <literal>*</literal>. Questi caratteri <literal>*</literal>
- significano <quote>dalla prima all'ultima volta</quote>,
- e possono essere interpretati come
- <emphasis>ogni</emphasis> volta. Dunque, basandosi su questa linea,
- sembra che il comando <command>atrun</command> debba essere invocato
- da <systemitem class="username">root</systemitem> ogni cinque minuti, prescindendo da quale
- giorno o mese sia. Per maggiori informazioni sul comando
- <command>atrun</command>,
- vedere la pagina di manuale &man.atrun.8;.</para>
-
- <para>I comandi possono essere richiamati con qualsiasi numero di
- flag; i comandi che si estendono per pi righe potrebbero
- per avere bisogno di essere spezzati
- con il carattere di continuazione
- <quote>\</quote>.</para>
- </callout>
- </calloutlist>
-
- <para>Questa l'impostazione di base per ogni file
- <filename>crontab</filename>, anche se c' qualcosa di
- particolare in questo.
- Il sesto campo, dove abbiamo specificato il nome utente,
- esiste solo nel file di sistema <filename>/etc/crontab</filename>.
- Questo campo dovrebbe venire omesso nei <filename>crontab</filename>
- dei vari utenti.</para>
-
- <sect2 xml:id="configtuning-installcrontab">
- <title>Installare un Crontab</title>
-
- <important>
- <para>Non devi usare la procedura descritta qui
- per editare/installare il crontab di sistema. Semplicemente
- usa il tuo editor favorito: l'utility <command>cron</command>
- noter che il file cambiato e immediatamente
- inizier ad usare la versione aggiornata. Vedi
- <link xlink:href="&url.books.faq;/admin.html#ROOT-NOT-FOUND-CRON-ERRORS">queste
- FAQ</link> per maggiori informazioni.</para>
- </important>
-
- <para>Per installare un <filename>crontab</filename>
- appena scritto, prima usa il tuo editor preferito
- per creare un file nel formato corretto, e poi
- usa l'utility <command>crontab</command>. L'uso
- pi corretto :</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>crontab crontab-file</userinput></screen>
-
- <para>In questo esempio, <filename>crontab-file</filename>
- il nome di un file <filename>crontab</filename> che era stato
- creato in precedenza.</para>
-
- <para>C' anche un'opzione per elencare i file
- <filename>crontab</filename> gi installati: passate
- semplicemente <option>-l</option> a <command>crontab</command> e date
- un'occhiata all'output.</para>
-
- <para>Per gli utenti che desiderino scrivere il proprio file crontab
- da zero, senza usare un template, disponibile
- <command>crontab -e</command>.
- Questa opzione permetter loro di invocare l'editor
- prescelto su un file vuoto. Quando il file verr salvato,
- esso verr automaticamente installato
- dal comando <command>crontab</command>.</para>
-
- <para>Se successivamente vuoi rimuovere il tuo
- <filename>crontab</filename>
- completamente, usa <command>crontab</command>
- con l'opzione <option>-r</option>.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-rcd">
- <info><title>Usare rc con &os;</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <para>Nel 2002 &os; ha integrato il sistema di inizializzazione
- <filename>rc.d</filename> di NetBSD.
- Gli utenti dovrebbero aver notato i file elencati nella cartella
- <filename>/etc/rc.d</filename>. Molti di questi file
- sono servizi di base che possono essere controllati
- con opzioni <option>start</option>, <option>stop</option>,
- e <option>restart</option>.
- Ad esempio, &man.sshd.8; pu essere riavviato
- con il comando seguente:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/sshd restart</userinput></screen>
-
- <para>Questa procedura simile a quella per altri
- servizi. Naturalmente, i servizi in genere vengono avviati
- automaticamente in fase di avvio secondo quanto specificato in
- &man.rc.conf.5;. Ad esempio, per abilitare il demone per il
- NAT (Network Address Translation) all'avvio basta aggiungere la linea
- seguente a <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>
-
- <programlisting>natd_enable="YES"</programlisting>
-
- <para>Se esiste gi una linea <option>natd_enable="NO"</option>,
- allora basta cambiare il valore da <option>NO</option> a
- <option>YES</option>. Gli script rc caricheranno automaticamente
- ogni altro servizio durante il riavvio seguente, come
- descritto pi avanti.</para>
-
- <para>Poich il sistema di <filename>rc.d</filename>
- inteso prevalentemente per avviare/bloccare i servizi al
- momento dell'accensione/spegnimento, le opzioni standard
- <option>start</option>, <option>stop</option> e <option>restart</option>
- avranno il comportamento appropriato solo se stata impostata
- la variabile appropriata in <filename>/etc/rc.conf</filename>.
- Ad esempio il comando precedente <command>sshd restart</command>
- funzioner solo se in <filename>/etc/rc.conf</filename>
- stata impostata l'opzione <varname>sshd_enable</varname>
- a <option>YES</option>. Per avviare
- (<option>start</option>), fermare (<option>stop</option>) o
- riavviare (<option>restart</option>) un servizio, ignorandole impostazioni
- in <filename>/etc/rc.conf</filename>, i comandi devono avere il prefisso
- <quote>one</quote>. Ad esempio per riavviare
- <command>sshd</command> trascurando le impostazioni esistenti in
- <filename>/etc/rc.conf</filename>, impartite il comando seguente:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/sshd onerestart</userinput></screen>
-
- <para> semplice controllare se un servizio stato abilitato
- in <filename>/etc/rc.conf</filename> eseguendo lo script appropriato in
- <filename>rc.d</filename> con l'opzione
- <option>rcvar</option>. Dunque, un amministratore pu
- controllare che
- <command>sshd</command> sia effettivamente abilitato in
- <filename>/etc/rc.conf</filename> eseguendo:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/sshd rcvar</userinput>
-# sshd
-$sshd_enable=YES</screen>
-
- <note>
- <para>La seconda linea (<literal># sshd</literal>) l'output
- del comando
- <command>sshd</command>; non una console di
- <systemitem class="username">root</systemitem>.</para>
- </note>
-
- <para>Per determinare se un servizio attivo,
- disponibile l'opzione
- <option>status</option>. Ad esempio per
- verificare che <command>sshd</command> sia effettivamente avviato:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/sshd status</userinput>
-sshd is running as pid 433.</screen>
-
- <para>In alcuni case anche possibile effettuare il
- <option>reload</option> di un servizio.
- Questo tenter di inviare un segnale al servizio,
- per fargli ricaricare il suo file di configurazione. Nella maggior
- parte dei casi si tratter del segnale
- <literal>SIGHUP</literal>.
- Il supporto per questa caratteristica non garantito per
- tutti i servizi.</para>
-
- <para>La struttura di <filename>rc.d</filename> non viene
- usata solo per i servizi di rete, ma contribuisce anche per
- buona parte all'inizializzazione del sistema.
- Ad esempio, considerate il file
- <filename>bgfsck</filename>. Quando lo script viene
- eseguito, esso stamper il seguente messaggio:</para>
-
- <screen>Starting background file system checks in 60 seconds.</screen>
-
- <para>Dunque questo file viene usato per il controllo del
- file system in background,
- che avviene solo durante l'inizializzazione del sistema.</para>
-
- <para>Molti servizi di sistema dipendono da altri servizi per
- poter funzionare in maniera appropriata. Ad esempio, il NIS ed altri
- servizi basati sulle RPC potrebbero non funzionare in assenza
- di <command>rpcbind</command> (portmapper). Per risolvere il problema,
- nei commenti all'inizio di ogni script di avvio ci sono
- informazioni sulle dipendenze ed altri metadati. Il programma
- &man.rcorder.8; viene poi utilizzato per effettuare il
- parsing di questi commenti durante l'inizializzazione di sistema e per
- determinare l'ordine con il quale questi servizi devono essere avviati
- per avere le proprie dipendenze soddisfatte.
- In cima ad ogni file di avvio possono essere incluse le seguenti
- parole:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>PROVIDE: Specifica i servizi forniti dal file.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>REQUIRE: Elenca i servizi richiesti per far
- funzionare correttamente questo servizio. Questo file verr
- eseguito <emphasis>dopo</emphasis>
- i tali servizi.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>BEFORE: Elenca i servizi che dipendono da questo.
- Questo file verr lanciato <emphasis>prima</emphasis>
- dei servizi specificati.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Usando questo metodo, un amministratore pu controllare
- facilmente i servizi di sistema senza il fastidio dei
- <quote>runlevel</quote> come
- alcuni altri sistemi operativi &unix;.</para>
-
- <para>Informazioni addizionali sul sistema
- <filename>rc.d</filename> possono essere trovate
- nelle pagine man di
- &man.rc.8; e &man.rc.subr.8;. Se sei interessato
- a scrivere un tuo script <filename>rc.d</filename> o
- a migliorarne uno esisente, ti pu essere utile
- <link xlink:href="&url.articles.rc-scripting;">questo
- articolo</link>.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="config-network-setup">
- <info><title>Configurazione delle Interfacce di Rete</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Marc</firstname><surname>Fonvieille</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <indexterm>
- <primary>scheda di rete</primary>
- <secondary>configurazione</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Al giorno d'oggi non riusciamo a pensare ad un computer senza pensare
- ad una connessione di rete. Aggiungere e configurare una scheda di rete
- un compito comune per ogni amministratore di &os;.</para>
-
- <sect2>
- <title>Individuazione del Driver Corretto</title>
-
- <indexterm>
- <primary>schede di rete</primary>
- <secondary>driver</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Prima di cominciare, dovresti conoscere il modello della scheda di
- rete che possiedi, il chip che usa, e se si tratta di una scheda PCI o
- ISA. &os; supporta un'ampia variet sia di schede PCI che
- ISA. Verifica l'Hardware Compatibility List della tua release per
- vedere se la scheda supportata.</para>
-
- <para>Una volta sicuro che la tua scheda sia supportata, hai bisogno di
- determinare il driver appropriato per la scheda. I file
- <filename>/usr/src/conf/NOTES</filename> e
- <filename>/usr/src/sys/arch/conf/NOTES</filename>
- ti forniranno un elenco di driver per le interfacce di rete con alcune
- informazioni su chipset/schede supportate. Se hai dubbi su quale sia
- il driver corretto, leggi la pagina man del driver.
- La pagina man fornir ulteriori informazioni sull'hardware
- supportato ed anche sui possibili problemi che potrebbero
- capitare.</para>
-
- <para>Se sei in possesso di una scheda comune, la maggior parte delle
- volte non dovrai cercare molto per trovare un driver. I driver per le
- schede di reti comuni sono presenti nel kernel
- <filename>GENERIC</filename>, quindi la tua scheda dovrebbe presentarsi
- durante l'avvio, in questo modo:</para>
-
- <screen>dc0: &lt;82c169 PNIC 10/100BaseTX&gt; port 0xa000-0xa0ff mem 0xd3800000-0xd38
-000ff irq 15 at device 11.0 on pci0
-dc0: Ethernet address: 00:a0:cc:da:da:da
-miibus0: &lt;MII bus&gt; on dc0
-ukphy0: &lt;Generic IEEE 802.3u media interface&gt; on miibus0
-ukphy0: 10baseT, 10baseT-FDX, 100baseTX, 100baseTX-FDX, auto
-dc1: &lt;82c169 PNIC 10/100BaseTX&gt; port 0x9800-0x98ff mem 0xd3000000-0xd30
-000ff irq 11 at device 12.0 on pci0
-dc1: Ethernet address: 00:a0:cc:da:da:db
-miibus1: &lt;MII bus&gt; on dc1
-ukphy1: &lt;Generic IEEE 802.3u media interface&gt; on miibus1
-ukphy1: 10baseT, 10baseT-FDX, 100baseTX, 100baseTX-FDX, auto</screen>
-
- <para>In questo esempio, vediamo che nel sistema sono presenti due schede
- che usano il driver &man.dc.4;.</para>
-
- <para>Se il driver per la tua NIC non presente in
- <filename>GENERIC</filename>, dovrai caricare i driver appropriati
- per usare la tua NIC. Questo dovr essere fatto in
- uno di questi due modi:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Il modo pi semplice caricare un modulo
- del kernel con &man.kldload.8; o caricarlo automaticamente
- al momento del boot aggiungendo le linee appropriate
- a <filename>/boot/loader.conf</filename>. Non tutti i driver NIC
- sono disponibili come moduli; esempi notevoli di driver
- per i quali non esistono moduli sono schede ISA.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Alternativamente, puoi compilare staticamente il supporto
- per la tua scheda nel kernel. Controlla
- <filename>/usr/src/sys/conf/NOTES</filename>,
- <filename>/usr/src/sys/arch/conf/NOTES</filename>
- e la pagina di manuale del driver per sapere cosa aggiungere
- nel tuo file di configurazione del kernel. Per maggiori
- informazioni sul modo di ricompilare il kernel, per favore consulta il
- <xref linkend="kernelconfig"/>. Se la tua scheda era riconosciuta
- al boot dal tuo kernel (<filename>GENERIC</filename>) non devi
- ricompilare un nuovo kernel.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <sect3 xml:id="config-network-ndis">
- <title>Usare driver NDIS &windows;</title>
-
- <indexterm><primary>NDIS</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>NDISulator</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>&windows; drivers</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>Microsoft Windows</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>Microsoft Windows</primary>
- <secondary>device drivers</secondary></indexterm>
- <indexterm><primary>KLD (oggetti del kernel caricabili)</primary></indexterm>
-<!-- We should probably omit the expanded name, and add a <see> entry
-for it. Whatever is done must also be done to the same indexterm in
-linuxemu/chapter.xml -->
-
- <para>Sfortunatamente, ci sono ancora molti venditori
- di hardware che non forniscono specifiche dei loro
- driver alla comunit open source perch
- ritengono che tale informazione sia un segreto commerciale.
- Conseguentemente, gli sviluppatori di &os; e di altri sistemi
- operativi hanno due scelte: sviluppare i driver con un lungo
- ed arduo processo di reverse engineering o usare i driver binari
- disponibili per le piattaforme &microsoft.windows;. La maggior
- parte degli sviluppatori, inclusi quelli coinvolti in &os;, ha preso
- la seconda strada.</para>
-
- <para>Grazie al contributo di Bill Paul (wpaul), a partire
- da &os;&nbsp;5.3-RELEASE c' supporto <quote>nativo</quote>
- per Network Driver Interface Specification (NDIS).
- Il NDISulator di &os; (anche noto come Progetto Evil)
- prende un driver binario per &windows; e sostanzialmente
- crea un inganno fingendo di eseguirlo in &windows;. Poich
- il driver &man.ndis.4; sta usando un binario &windows;,
- usabile solo su sistemi &i386; e amd64.</para>
-
- <note>
- <para>Il driver &man.ndis.4; designato per supportare
- principalmente device PCI, CardBus e PCMCIA, i device USB non
- sono ancora supportati.</para>
- </note>
-
- <para>Per usare il NDISulator, hai bisogno sostanzialmente
- di tre cose:</para>
-
- <orderedlist>
- <listitem>
- <para>Sorgenti del kernel</para>
- </listitem>
- <listitem>
- <para>binari dei driver di &windowsxp;
- (estensione <filename>.SYS</filename>)</para>
- </listitem>
- <listitem>
- <para>file di configurazione dei driver per &windowsxp;
- (estensione <filename>.INF</filename>)</para>
- </listitem>
- </orderedlist>
-
- <para>Localizza i file per la tua carta specifica.
- Generalmente, posso essere trovati nel CD incluso o sui siti web
- dei venditori. Nei seguenti esempi, useremo
- <filename>W32DRIVER.SYS</filename> e
- <filename>W32DRIVER.INF</filename>.</para>
-
- <note>
- <para>Non puoi usare un driver &windows;/i386
- con &os;/amd64, devi trovare un driver &windows;/amd64
- per farlo funzionare correttamente.</para>
- </note>
-
- <para>Il prossimo passo compilare il binario
- del driver in un modulo caricabile dal kernel.
- Per fare questo, come <systemitem class="username">root</systemitem>, usa
- &man.ndisgen.8;:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>ndisgen /path/to/W32DRIVER.INF /path/to/W32DRIVER.SYS</userinput></screen>
-
- <para>L'utility &man.ndisgen.8; interattiva e chieder
- altre informazioni di cui necessita; produrr un modulo
- del kernel nella presente directory che pu essere caricato
- in questo modo:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>kldload ./W32DRIVER.ko</userinput></screen>
-
- <para>In aggiunta al modulo del kernel generato,
- devi caricare i moduli <filename>ndis.ko</filename> e
- <filename>if_ndis.ko</filename>.
- Questo dovrebbe avvenire automaticamente quando uno carica
- un modulo che dipende da &man.ndis.4;. Se vuoi caricarli
- manualmente, usa il seguente comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>kldload ndis</userinput>
-&prompt.root; <userinput>kldload if_ndis</userinput></screen>
-
- <para>Il primo comando carica il wrapper del driver
- miniport NDIS, il secondo carica l'interfaccia di rete
- in questione.</para>
-
- <para>Ora controlla &man.dmesg.8; per vedere se c'era qualche errore
- durante il caricamento. Se tutto andato bene,
- dovresti ottenere dell'output che somiglia a questo:</para>
-
- <screen>ndis0: &lt;Wireless-G PCI Adapter&gt; mem 0xf4100000-0xf4101fff irq 3 at device 8.0 on pci1
-ndis0: NDIS API version: 5.0
-ndis0: Ethernet address: 0a:b1:2c:d3:4e:f5
-ndis0: 11b rates: 1Mbps 2Mbps 5.5Mbps 11Mbps
-ndis0: 11g rates: 6Mbps 9Mbps 12Mbps 18Mbps 36Mbps 48Mbps 54Mbps</screen>
-
- <para>D'ora in poi, puoi trattare il device
- <filename>ndis0</filename> come ogni altra
- scheda di rete (ad esempio <filename>dc0</filename>).</para>
-
- <para>Puoi configurare il sistema perch carichi
- il modulo NDIS al momento del boot nello stesso modo
- di ogni altro modulo. Per prima cosa, copia il modulo generato
- <filename>W32DRIVER.ko</filename>, nella directory
- <filename>/boot/modules</filename>.
- Quindi, aggiungi le seguenti linee a <filename>/boot/loader.conf</filename>:</para>
-
- <programlisting>W32DRIVER_load="YES"</programlisting>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Configurazione della Scheda di Rete</title>
-
- <indexterm>
- <primary>schede di rete</primary>
- <secondary>configurazione</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Una volta che il driver giusto per la scheda di rete stato
- caricato, la scheda ha bisogno di essere configurata. Come molte altre
- cose, la scheda di rete potrebbe essere gi stata configurata al
- momento dell'installazione tramite
- <application>sysinstall</application>.</para>
-
- <para>Per mostrare la configurazione delle interfacce di rete sul tuo
- sistema, immetti il seguente comando:</para>
-
-<screen>&prompt.user; <userinput>ifconfig</userinput>
-dc0: flags=8843&lt;UP,BROADCAST,RUNNING,SIMPLEX,MULTICAST&gt; mtu 1500
- inet 192.168.1.3 netmask 0xffffff00 broadcast 192.168.1.255
- ether 00:a0:cc:da:da:da
- media: Ethernet autoselect (100baseTX &lt;full-duplex&gt;)
- status: active
-dc1: flags=8843&lt;UP,BROADCAST,RUNNING,SIMPLEX,MULTICAST&gt; mtu 1500
- inet 10.0.0.1 netmask 0xffffff00 broadcast 10.0.0.255
- ether 00:a0:cc:da:da:db
- media: Ethernet 10baseT/UTP
- status: no carrier
-lp0: flags=8810&lt;POINTOPOINT,SIMPLEX,MULTICAST&gt; mtu 1500
-lo0: flags=8049&lt;UP,LOOPBACK,RUNNING,MULTICAST&gt; mtu 16384
- inet 127.0.0.1 netmask 0xff000000
-tun0: flags=8010&lt;POINTOPOINT,MULTICAST&gt; mtu 1500</screen>
-
- <note>
- <para>Vecchie versioni di &os; potrebbero richiedere l'opzione
- <option>-a</option> dopo &man.ifconfig.8;, per maggiori
- dettagli sulla sintassi corretta di &man.ifconfig.8;, fai riferimento
- alla pagina man. Nota anche che le voci relative all'IPv6
- (<literal>inet6</literal> ecc.) sono state omesse in questo
- esempio.</para>
- </note>
-
- <para>In questo esempio, vengono mostrati i seguenti dispositivi:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para><filename>dc0</filename>: La prima interfaccia
- Ethernet</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>dc1</filename>: La seconda interfaccia
- Ethernet</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>lp0</filename>: L'interfaccia della porta
- parallela</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>lo0</filename>: Il dispositivo di loopback</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><filename>tun0</filename>: Il dispositivo tunnel usato da
- <application>ppp</application></para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>&os; usa il nome del driver seguito dall'ordine nel quale
- la scheda stata rilevata all'avvio del kernel per dare un nome
- alla scheda di rete. Ad esempio <filename>sis2</filename> sarebbe
- la terza scheda di rete nel sistema che usa il driver
- &man.sis.4;.</para>
-
- <para>In questo esempio, il dispositivo <filename>dc0</filename>
- attivo. Gli indicatori chiave sono:</para>
-
- <orderedlist>
- <listitem>
- <para><literal>UP</literal> significa che la scheda pronta e
- configurata.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>La scheda ha un indirizzo Internet (<literal>inet</literal>)
- (in questo caso <systemitem class="ipaddress">192.168.1.3</systemitem>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ha una maschera di sotto-rete valida
- (<literal>netmask</literal>; <systemitem class="netmask">0xffffff00</systemitem> lo stesso di
- <systemitem class="netmask">255.255.255.0</systemitem>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Ha un indirizzo di broadcast valido (in questo caso,
- <systemitem class="ipaddress">192.168.1.255</systemitem>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>L'indirizzo MAC della scheda (<literal>ether</literal>)
- <systemitem class="etheraddress">00:a0:cc:da:da:da</systemitem>.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>La selezione del mezzo fisico in modalit
- auto selezione (<literal>media: Ethernet autoselect (100baseTX
- &lt;full-duplex&gt;)</literal>). Vediamo che
- <filename>dc1</filename> stata configurata con un mezzo
- fisico <literal>10baseT/UTP</literal>. Per ulteriori informazioni
- sui tipi di mezzi disponibili per un driver, fai riferimento alla
- sua pagina man.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Lo stato del collegamento (<literal>status</literal>)
- <literal>active</literal>, ovvero stata rilevata
- la portante. Per <filename>dc1</filename>, vediamo
- <literal>status: no carrier</literal>. Questo normale
- quando un cavo Ethernet non stato inserito nella
- scheda.</para>
- </listitem>
- </orderedlist>
-
- <para>Se l'output di &man.ifconfig.8; avesse mostrato qualcosa di simile
- a:</para>
-
- <screen>dc0: flags=8843&lt;BROADCAST,SIMPLEX,MULTICAST&gt; mtu 1500
- ether 00:a0:cc:da:da:da</screen>
-
- <para>ci avrebbe indicato che la scheda non era stata ben
- configurata.</para>
-
- <para>Per configurare la tua scheda, avrai bisogno dei privilegi
- di <systemitem class="username">root</systemitem>. La configurazione della scheda di rete
- pu essere effettuata da riga di comando con &man.ifconfig.8;, ma
- avresti bisogno di farlo ad ogni riavvio del sistema. Il file
- <filename>/etc/rc.conf</filename> il posto giusto dove scrivere
- la configurazione della scheda di rete.</para>
-
- <para>Apri <filename>/etc/rc.conf</filename> con il tuo editor preferito.
- Avrai bisogno di aggiungere una riga per ogni scheda di rete presente
- nel sistema, ad esempio nel nostro caso, abbiamo aggiunto queste
- linee:</para>
-
- <programlisting>ifconfig_dc0="inet 192.168.1.3 netmask 255.255.255.0"
-ifconfig_dc1="inet 10.0.0.1 netmask 255.255.255.0 media 10baseT/UTP"</programlisting>
-
- <para>Dovrai sostituire <filename>dc0</filename>,
- <filename>dc1</filename>, e cos via, con i dispositivi
- corretti per la tua scheda, e gli indirizzi con quelli appropriati.
- Dovresti leggere le pagine man del driver e di &man.ifconfig.8; per
- maggiori dettagli sulle opzioni permesse ed anche la pagina man di
- &man.rc.conf.5; per maggiori informazioni sulla sintassi di
- <filename>/etc/rc.conf</filename>.</para>
-
- <para>Se hai configurato la rete durante l'installazione, alcune
- linee relative alle schede di rete potrebbero essere gi
- presenti. Controlla due volte <filename>/etc/rc.conf</filename> prima
- di aggiungere ogni linea.</para>
-
- <para>Avrai anche bisogno di modificare il file
- <filename>/etc/hosts</filename> per aggiungere i nomi e gli IP
- delle varie macchine della LAN, se non sono gi l.
- Per maggiori informazioni, fai riferimento a &man.hosts.5;
- ed a <filename>/usr/share/examples/etc/hosts</filename>.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Verifica e Risoluzione dei Problemi</title>
-
- <para>Una volta che hai effettuato i cambiamenti necessari a
- <filename>/etc/rc.conf</filename>, dovresti riavviare la macchina.
- Ci far s che i cambiamenti alle interfacce
- vengano applicati, e verificher che il sistema si riavvii senza
- nessun errore di configurazione.</para>
-
- <para>Una volta che il sistema stato riavviato, dovresti testare
- le interfacce di rete.</para>
-
- <sect3>
- <title>Test della Scheda Ethernet</title>
-
- <indexterm>
- <primary>schede di rete</primary>
- <secondary>test</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Per verificare che una scheda Ethernet sia configurata
- correttamente, si devono provare due cose. Prima, effettuare un ping
- verso l'interfaccia stessa, e poi un ping verso un'altra macchina
- sulla LAN.</para>
-
- <para>Prima proviamo l'interfaccia:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>ping -c5 192.168.1.3</userinput>
-PING 192.168.1.3 (192.168.1.3): 56 data bytes
-64 bytes from 192.168.1.3: icmp_seq=0 ttl=64 time=0.082 ms
-64 bytes from 192.168.1.3: icmp_seq=1 ttl=64 time=0.074 ms
-64 bytes from 192.168.1.3: icmp_seq=2 ttl=64 time=0.076 ms
-64 bytes from 192.168.1.3: icmp_seq=3 ttl=64 time=0.108 ms
-64 bytes from 192.168.1.3: icmp_seq=4 ttl=64 time=0.076 ms
-
---- 192.168.1.3 ping statistics ---
-5 packets transmitted, 5 packets received, 0% packet loss
-round-trip min/avg/max/stddev = 0.074/0.083/0.108/0.013 ms</screen>
-
- <para>Ora dobbiamo effettuare un ping verso un'altra macchina della
- LAN:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>ping -c5 192.168.1.2</userinput>
-PING 192.168.1.2 (192.168.1.2): 56 data bytes
-64 bytes from 192.168.1.2: icmp_seq=0 ttl=64 time=0.726 ms
-64 bytes from 192.168.1.2: icmp_seq=1 ttl=64 time=0.766 ms
-64 bytes from 192.168.1.2: icmp_seq=2 ttl=64 time=0.700 ms
-64 bytes from 192.168.1.2: icmp_seq=3 ttl=64 time=0.747 ms
-64 bytes from 192.168.1.2: icmp_seq=4 ttl=64 time=0.704 ms
-
---- 192.168.1.2 ping statistics ---
-5 packets transmitted, 5 packets received, 0% packet loss
-round-trip min/avg/max/stddev = 0.700/0.729/0.766/0.025 ms</screen>
-
- <para>Puoi usare il nome della macchina invece di
- <systemitem class="ipaddress">192.168.1.2</systemitem> se hai sistemato il file
- <filename>/etc/hosts</filename>.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Risoluzione dei Problemi</title>
-
- <indexterm>
- <primary>schede di rete</primary>
- <secondary>risoluzione dei problemi</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Risolvere i problemi delle varie configurazioni hardware e
- software sempre una faticaccia, ma una fatica che
- pu essere diminuita controllando da subito le cose semplici.
- Avete collegato il cavo di rete? Avete configurato i servizi di rete?
- Avete configurato il firewall correttamente?
- La scheda di rete che state usando supportata da &os;?
- Controllate sempre le note sul vostro hardware prima di
- inviare un bug report. Aggiornate la vostra versione di &os;
- all'ultima versione STABLE disponibile. Controllate
- gli archivi delle mailing list, o magari cercate su Internet.</para>
-
- <para>Se la scheda funziona, ma le prestazioni sono scadenti, potrebbe
- esservi utile la lettura della pagina man &man.tuning.7;. Potreste
- anche verificare la vostra configurazione della rete,
- poich una configurazione
- scorretta pu essere la causa di connessioni lente.</para>
-
- <para>Alcuni utenti riscontrano dei <errorname>device
- timeouts</errorname>, il che normale per alcune
- schede. Se questi continuano, o se sono fastidiosi,
- potreste voler ricontrollare che non ci
- siano conflitti con altri dispositivi. Controllate due volte
- la connessione di rete. Forse dovreste procurarvi un'altra
- scheda.</para>
-
- <para>Alcune volte, gli utenti notano alcuni errori
- <errorname>watchdog timeout</errorname>.
- La prima cosa da fare controllare il cavo di rete.
- Alcune schede di rete richiedono uno slot PCI che supporti il Bus
- Mastering. Su alcune vecchie schede madri, ci
- permesso solo per uno slot PCI (tipicamente lo slot 0). Controllate
- la documentazione della scheda di rete e della scheda madre
- per determinare se possa essere quello il problema.</para>
-
- <para>Messaggi <errorname>No route to host</errorname> vengono generati
- se il sistema non in grado di effettuare il routing
- di un pacchetto verso una certa destinazione.
- Ci pu accadere se non specificata
- una route di default, o se il cavo
- scollegato. Controllate l'output di <command>netstat
- -rn</command> ed assicuratevi che ci sia una route valida per l'host
- che state cercando di raggiungere. Se non c', leggete il <xref linkend="advanced-networking"/>.</para>
-
- <para>I messaggi d'errore <errorname>ping: sendto:
- Permission denied</errorname>
- sono spessi causati da un firewall mal configurato.
- Se <command>ipfw</command> abilitato nel kernel ma
- non ci sono regole definite, allora la politica di default di
- negare tutto il traffico,
- comprese le richieste di ping! Leggete il <xref linkend="firewalls"/> per maggiori informazioni.</para>
-
- <para>Talvolta le prestazioni della scheda di rete sono
- scadenti, o sotto la media.
- In questi casi preferibile cambiare la selezione
- del media da <literal>autoselect</literal> ad una
- selezione corretta.
- Anche se questo sistema funziona con la maggior parte dell'hardware,
- potrebbe non risolvere il problema per tutti.
- Ancora una volta, controllate tutte le impostazioni di rete,
- e leggete la pagina man &man.tuning.7; .</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-virtual-hosts">
- <title>Host Virtuali</title>
-
- <indexterm><primary>host virtuali</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>alias IP</primary></indexterm>
-
- <para>Un uso piuttosto comune di &os; come hosting di siti
- virtuali, dove un solo server appare alla rete come molti server distinti.
- Ci viene effettuato assegnando indirizzi di rete multipli ad una
- sola interfaccia.</para>
-
- <para>Una data interfaccia di rete ha un solo indirizzo
- <quote>reale</quote>, e pu avere un numero qualsiasi di indirizzi
- <quote>alias</quote>. Questi alias vengono normalmente aggiunti mettendo
- dei campi alias in <filename>/etc/rc.conf</filename>.</para>
-
- <para>Un campo alias per l'interfaccia <filename>fxp0</filename>
- appare cos:</para>
-
- <programlisting>ifconfig_fxp0_alias0="inet xxx.xxx.xxx.xxx netmask xxx.xxx.xxx.xxx"</programlisting>
-
- <para>Nota che il campo alias deve iniziare con <literal>alias0</literal> e
- aumentare in ordine, (ad esempio, <literal>_alias1</literal>,
- <literal>_alias2</literal>, e cos via). Il processo di
- configurazione si fermer al primo numero mancante.</para>
-
- <para>Il calcolo delle maschere di sotto-rete degli alias
- importante, ma, fortunatamente, anche abbastanza semplice.
- Per una data interfaccia, deve esserci un indirizzo che rappresenta
- correttamente la maschera di sotto-rete.
- Ogni altro indirizzo che ricada in questa rete deve avere una maschera di
- sotto-rete con tutti <literal>1</literal> (espressi
- come <systemitem class="netmask">255.255.255.255</systemitem> o
- <systemitem class="netmask">0xffffffff</systemitem>).</para>
-
- <para>Ad esempio, considera il caso in cui l'interfaccia
- <filename>fxp0</filename> sia connessa a due reti, la rete <systemitem class="ipaddress">10.1.1.0</systemitem> con maschera di sotto-rete
- <systemitem class="netmask">255.255.255.0</systemitem> e la rete
- <systemitem class="ipaddress">202.0.75.16</systemitem> con maschera di
- sotto-rete <systemitem class="netmask">255.255.255.240</systemitem>.
- Vogliamo che il sistema sia
- visibile come <systemitem class="ipaddress">10.1.1.1</systemitem> fino a
- <systemitem class="ipaddress">10.1.1.5</systemitem> e come
- <systemitem class="ipaddress">202.0.75.17</systemitem> fino a
- <systemitem class="ipaddress">202.0.75.20</systemitem>.
- Come notato sopra, solo il primo indirizzo in un dato range
- di sotto-rete (in questo caso, <systemitem class="ipaddress">10.0.1.1</systemitem> e
- <systemitem class="ipaddress">202.0.75.17</systemitem>) dovrebbe
- avere una vera netmask; tutto il resto (
- <systemitem class="ipaddress">10.1.1.2</systemitem> fino a
- <systemitem class="ipaddress">10.1.1.5</systemitem> e
- <systemitem class="ipaddress">202.0.75.18</systemitem> fino a
- <systemitem class="ipaddress">202.0.75.20</systemitem>) dovrebbe
- essere configurato con una netmask di
- <systemitem class="netmask">255.255.255.255</systemitem>.</para>
-
- <para>Le seguenti righe configurano il dispositivo correttamente per questo
- scopo:</para>
-
- <programlisting> ifconfig_fxp0="inet 10.1.1.1 netmask 255.255.255.0"
- ifconfig_fxp0_alias0="inet 10.1.1.2 netmask 255.255.255.255"
- ifconfig_fxp0_alias1="inet 10.1.1.3 netmask 255.255.255.255"
- ifconfig_fxp0_alias2="inet 10.1.1.4 netmask 255.255.255.255"
- ifconfig_fxp0_alias3="inet 10.1.1.5 netmask 255.255.255.255"
- ifconfig_fxp0_alias4="inet 202.0.75.17 netmask 255.255.255.240"
- ifconfig_fxp0_alias5="inet 202.0.75.18 netmask 255.255.255.255"
- ifconfig_fxp0_alias6="inet 202.0.75.19 netmask 255.255.255.255"
- ifconfig_fxp0_alias7="inet 202.0.75.20 netmask 255.255.255.255"</programlisting>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-configfiles">
- <title>File di Configurazione</title>
-
- <sect2>
- <title>Struttura di <filename>/etc</filename></title>
-
- <para>Ci sono molte directory nelle quali vengono tenute le informazioni
- di configurazione. Tra queste ci sono:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <colspec colwidth="1*"/>
-
- <colspec colwidth="2*"/>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><filename>/etc</filename></entry>
-
- <entry>Informazioni generiche sulla configurazione del sistema;
- questi dati sono specifici del sistema.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/defaults</filename></entry>
-
- <entry>Versioni di default dei file di configurazione del
- sistema.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/mail</filename></entry>
-
- <entry>Configurazioni extra di &man.sendmail.8;, o file di
- configurazione di altri MTA.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/ppp</filename></entry>
-
- <entry>Configurazione ppp sia per i programmi a livello utente che
- a livello kernel.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/etc/namedb</filename></entry>
-
- <entry>Posizione predefinita per i dati di &man.named.8;.
- Normalmente qui si trova <filename>named.conf</filename> insieme
- ai file di zona.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/local/etc</filename></entry>
-
- <entry>File di configurazione per le applicazioni installate.
- Pu contenere sottodirectory.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/usr/local/etc/rc.d</filename></entry>
-
- <entry>Script start/stop per i programmi installati.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><filename>/var/db</filename></entry>
-
- <entry>File di dati specifici del sistema generati
- automaticamente, come il database dei package, il database di
- locate, e cos via.</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Nomi degli Host</title>
-
- <indexterm><primary>nomi degli host</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>DNS</primary></indexterm>
-
- <sect3>
- <title><filename>/etc/resolv.conf</filename></title>
-
- <indexterm>
- <primary><filename>resolv.conf</filename></primary>
- </indexterm>
-
- <para><filename>/etc/resolv.conf</filename> detta il modo in cui il
- sistema di risoluzione dei nomi di &os; accede al DNS
- (Internet Domain Name System).</para>
-
- <para>I campi pi comuni in <filename>resolv.conf</filename>
- sono:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <colspec colwidth="1*"/>
-
- <colspec colwidth="2*"/>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><literal>nameserver</literal></entry>
-
- <entry>L'indirizzo IP di un name server al quale dovr
- rivolgersi il sistema di risoluzione. I server vengono
- interrogati nell'ordine in cui sono elencati, fino a un
- massimo di tre.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><literal>search</literal></entry>
-
- <entry>Lista di ricerca per i nomi degli host. Normalmente
- questo viene determinato dal dominio dell'host locale.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><literal>domain</literal></entry>
-
- <entry>Il nome del dominio locale.</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <para>Un <filename>resolv.conf</filename> tipico:</para>
-
- <programlisting>search example.com
-nameserver 147.11.1.11
-nameserver 147.11.100.30</programlisting>
-
- <note>
- <para>Si dovrebbe usare solo una tra le due opzioni
- <literal>search</literal> e <literal>domain</literal>.</para>
- </note>
-
- <para>Se stai usando DHCP, &man.dhclient.8; generalmente
- sovrascriver <filename>resolv.conf</filename> con le
- informazioni ricevute dal server DHCP.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><filename>/etc/hosts</filename></title>
-
- <indexterm><primary>hosts</primary></indexterm>
-
- <para><filename>/etc/hosts</filename> un semplice database
- testuale, reminiscenza della vecchia rete Internet.
- Esso lavora in congiunzione con DNS e NIS fornendo una mappatura da
- nome a indirizzo IP. Computer locali connessi ad una LAN possono
- essere messi in questo file per una gestione semplice dei nomi, invece
- di mettere su un server &man.named.8;.
- Inoltre, <filename>/etc/hosts</filename> pu essere usato per
- fornire un registro locale dei nomi di Internet, riducendo la
- necessit di effettuare richieste esternamente per i nomi ad
- accesso frequente.</para>
-
- <programlisting># &dollar;&os;&dollar;
-#
-# Host Database
-# Questo file dovrebbe contenere gli indirizzi e gli alias
-# per gli host locali che condividono questo file.
-# In presenza di DNS o NIS, questo file potrebbe non essere consultato affatto;
-# guarda /etc/nsswitch.conf per l'ordine di risoluzione.
-#
-#
-::1 localhost localhost.my.domain myname.my.domain
-127.0.0.1 localhost localhost.my.domain myname.my.domain
-
-#
-# Rete immaginaria.
-#10.0.0.2 myname.my.domain myname
-#10.0.0.3 myfriend.my.domain myfriend
-#
-# In accordo all'RFC 1918, puoi usare le seguenti classi di IP per reti private
-# che non verranno mai connesse ad Internet:
-#
-# 10.0.0.0 - 10.255.255.255
-# 172.16.0.0 - 172.31.255.255
-# 192.168.0.0 - 192.168.255.255
-#
-# In caso volessi essere in grado di collegarti ad Internet, avrai bisogno
-# di veri numeri ufficiali assegnati. PER FAVORE PER FAVORE PER FAVORE
-# non tentare di inventarti i numeri della tua rete ma fattene assegnare
-# uno dal tuo provider (se ne hai uno) o dall'Internet Registry (ftp su
-# rs.internic.net, directory `/templates').
-#</programlisting>
-
- <para><filename>/etc/hosts</filename> accetta il semplicissimo
- formato:</para>
-
- <programlisting>[Indirizzo Internet ] [nome host ufficiale] [alias1] [alias2] ...</programlisting>
-
- <para>Ad esempio:</para>
-
- <programlisting>10.0.0.1 myRealHostname.example.com myRealHostname foobar1 foobar2</programlisting>
-
- <para>Consulta &man.hosts.5; per maggiori informazioni.</para>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Configurazione dei File di Log</title>
-
- <indexterm><primary>file di log</primary></indexterm>
-
- <sect3>
- <title><filename>syslog.conf</filename></title>
-
- <indexterm><primary>syslog.conf</primary></indexterm>
-
- <para><filename>syslog.conf</filename> il file di
- configurazione per il programma &man.syslogd.8;. Indica quale tipo di
- messaggi <command>syslog</command> verranno scritti su ogni file di
- log.</para>
-
- <programlisting># &dollar;&os;&dollar;
-#
-# Gli spazi SONO validi separatori dei campi in questo file. Ad ogni modo,
-# altri sistemi *nix-like insistono ancora nell'usare tab come separatori
-# di campo. Se condividi questo file tra pi sistemi, potresti
-# voler usare solo dei tab come separatori.
-# Consulta la pagina man di syslog.conf(5).
-*.err;kern.debug;auth.notice;mail.crit /dev/console
-*.notice;kern.debug;lpr.info;mail.crit;news.err /var/log/messages
-security.* /var/log/security
-mail.info /var/log/maillog
-lpr.info /var/log/lpd-errs
-cron.* /var/log/cron
-*.err root
-*.notice;news.err root
-*.alert root
-*.emerg *
-# togli il commento a questo per loggare tutte le scritture su /dev/console
-# in /var/log/console.log
-#console.info /var/log/console.log
-# togli il commento a questo per abilitare il logging di tutti i messaggi di log
-# su /var/log/all.log
-#*.* /var/log/all.log
-# togli il commento a questo per abilitare il logging su un host remoto di nome
-# loghost
-#*.* @loghost
-# togli i commenti a questi se hai inn in funzione
-# news.crit /var/log/news/news.crit
-# news.err /var/log/news/news.err
-# news.notice /var/log/news/news.notice
-!startslip
-*.* /var/log/slip.log
-!ppp
-*.* /var/log/ppp.log</programlisting>
-
- <para>Consulta la pagina man di &man.syslog.conf.5; per maggiori
- informazioni.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><filename>newsyslog.conf</filename></title>
-
- <indexterm><primary>newsyslog.conf</primary></indexterm>
-
- <para><filename>newsyslog.conf</filename> il file di
- configurazione di &man.newsyslog.8;, un programma che normalmente
- viene eseguito da &man.cron.8;. &man.newsyslog.8; determina quando i
- file di log richiedono un'archiviazione o un riordinamento.
- <filename>logfile</filename> viene rinominato in
- <filename>logfile.0</filename>, <filename>logfile.0</filename> in
- <filename>logfile.1</filename> e cos via.
- Alternativamente, i file potranno essere archiviati in formato
- &man.gzip.1;, e quindi diventeranno:
- <filename>logfile.0.gz</filename>, <filename>logfile.1.gz</filename>,
- e cos via.</para>
-
- <para><filename>newsyslog.conf</filename> indica quali file di log
- devono essere gestiti, quanti devono essere mantenuti, e quando devono
- essere toccati. I file di log possono essere riordinati e/o
- archiviati quando raggiungono una certa dimensione, o a una certa
- data/ora periodica.</para>
-
- <programlisting># file di configurazione per newsyslog
-# &dollar;&os;&dollar;
-#
-# filename [owner:group] mode count size when [ZB] [/pid_file] [sig_num]
-/var/log/cron 600 3 100 * Z
-/var/log/amd.log 644 7 100 * Z
-/var/log/kerberos.log 644 7 100 * Z
-/var/log/lpd-errs 644 7 100 * Z
-/var/log/maillog 644 7 * @T00 Z
-/var/log/sendmail.st 644 10 * 168 B
-/var/log/messages 644 5 100 * Z
-/var/log/all.log 600 7 * @T00 Z
-/var/log/slip.log 600 3 100 * Z
-/var/log/ppp.log 600 3 100 * Z
-/var/log/security 600 10 100 * Z
-/var/log/wtmp 644 3 * @01T05 B
-/var/log/daily.log 640 7 * @T00 Z
-/var/log/weekly.log 640 5 1 $W6D0 Z
-/var/log/monthly.log 640 12 * $M1D0 Z
-/var/log/console.log 640 5 100 * Z</programlisting>
-
- <para>Consulta la pagina man di &man.newsyslog.8; per maggiori
- informazioni.</para>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="configtuning-sysctlconf">
- <title><filename>sysctl.conf</filename></title>
-
- <indexterm><primary>sysctl.conf</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>sysctl</primary></indexterm>
-
- <para><filename>sysctl.conf</filename> assomiglia molto a
- <filename>rc.conf</filename>. I valori vengono impostati nella forma
- <literal>variabile=valore</literal>. I valori specificati vengono
- impostati dopo che il sistema entrato in modalit
- multiutente. Non tutte le variabili sono gestibili in questo
- modo.</para>
-
- <para>Per disabilitare il log sulle uscite dei processi per segnale
- fatale ed impedire agli utenti di vedere che i processi sono avviati
- con altre utenze, puoi settare in <filename>sysctl.conf</filename>
- la riga seguente:</para>
-
- <programlisting># Do not log fatal signal exits (e.g. sig 11)
-kern.logsigexit=0
-
-# Prevent users from seeing information about processes that
-# are being run under another UID.
-security.bsd.see_other_uids=0</programlisting>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-sysctl">
- <title>Messa a Punto con sysctl</title>
-
- <indexterm><primary>sysctl</primary></indexterm>
- <indexterm>
- <primary>tuning</primary>
- <secondary>con sysctl</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>&man.sysctl.8; un'interfaccia che permette di effettuare
- cambiamenti ad un sistema &os; gi attivo. Questo include molte
- opzioni avanzate dello stack TCP/IP e del sistema di memoria virtuale che
- possono permettere di migliorare drammaticamente le prestazioni ad un
- sistemista che abbia esperienza. Pi di cinquecento variabili di
- sistema possono essere lette e modificate usando &man.sysctl.8;.</para>
-
- <para>In sostanza, &man.sysctl.8; serve a due cose: a leggere e a modificare
- le impostazioni di sistema.</para>
-
- <para>Per visualizzare tutte le variabili leggibili:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>sysctl -a</userinput></screen>
-
- <para>Per leggere una particolare variabile, ad esempio,
- <varname>kern.maxproc</varname>:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>sysctl kern.maxproc</userinput>
-kern.maxproc: 1044</screen>
-
- <para>Per impostare una particolare variabile, usa l'intuitiva sintassi
- <replaceable>variabile</replaceable>=<replaceable>valore</replaceable>:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>sysctl kern.maxfiles=5000</userinput>
-kern.maxfiles: 2088 -&gt; 5000</screen>
-
- <para>I valori validi per le variabili di sysctl sono generalmente o
- stringhe, o numeri, o valori booleani (un valore booleano pu
- valere <literal>1</literal> per s o <literal>0</literal> per
- no).</para>
-
- <para>Se vuoi settare in modo automatico alcune variabile ad ogni
- avvio della macchina, usa il file <filename>/etc/sysctl.conf</filename>.
- Per maggiori informazioni guarda la pagina man
- di &man.sysctl.conf.5; e la
- <xref linkend="configtuning-sysctlconf"/>.</para>
-
- <sect2 xml:id="sysctl-readonly">
- <info><title>&man.sysctl.8; in sola lettura</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <para>In alcuni casi pu essere desiderabile modificare i valori di
- &man.sysctl.8; in sola lettura. Anche se questo talvolta
- inevitabile, pu essere fatto solo con un riavvio.</para>
-
- <para>Ad esempio in alcuni modelli di laptop il dispositivo
- &man.cardbus.4; non effettuer il controllo sugli intervalli di
- memoria, e fallir con errori che assomigliano a questi:</para>
-
- <screen>cbb0: Could not map register memory
-device_probe_and_attach: cbb0 attach returned 12</screen>
-
- <para>Casi come il precedente richiedono tipicamente la modifica di alcuni
- valori predefiniti di &man.sysctl.8; che sono impostati come sola
- lettura. Per superare queste situazioni
- un utente pu mettere degli <quote>OID</quote> di &man.sysctl.8;
- nel proprio <filename>/boot/loader.conf.local</filename>. I valori
- predefiniti sono indicati nel file
- <filename>/boot/defaults/loader.conf</filename>.</para>
-
- <para>Per risolvere i problemi menzionati qui sopra sar necessario
- modificare <option>hw.pci.allow_unsupported_io_range=1</option> nel file
- suddetto. Ora &man.cardbus.4; funzioner correttamente.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-disk">
- <title>Messa a Punto dei Dischi</title>
-
- <sect2>
- <title>Variabili Sysctl</title>
-
- <sect3>
- <title><varname>vfs.vmiodirenable</varname></title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>vfs.vmiodirenable</varname></primary>
- </indexterm>
-
- <para>La variabile sysctl <varname>vfs.vmiodirenable</varname>
- pu essere impostata a 0 (inattivo) o 1 (attivo); di default
- 1. Questa variabile controlla il modo in cui le directory
- vengono messe nella cache dal sistema. La maggior parte delle
- directory sono piccole, e usano solo un singolo frammento
- (tipicamente 1&nbsp;K) nel file system e meno (tipicamente
- 512&nbsp;byte) nella cache.
- Con questa variabile impostata a 0, il buffer manterr soltanto
- un numero fissato di directory nella cache anche se hai una
- quantit enorme di memoria.
- Attivando questa sysctl si permette al buffer di usare la VM Page
- Cache per immagazzinare le directory, rendendo disponibile tutta la
- memoria disponibile per il caching delle directory. In ogni caso, la
- minima quantit di memoria usata per memorizzare una directory
- sar la dimensione della pagina fisica (in genere 4&nbsp;K)
- invece di 512&nbsp;byte.
- Noi consigliamo di attivare questa opzione se si hanno in
- esecuzione dei servizi che manipolano un grosso numero file. Servizi
- di questo tipo sono le cache web, i grandi sistemi di posta, e quelli
- di news. Attivare questa opzione in generale non ridurr le
- prestazioni nonostante la memoria sprecata, ma dovresti sperimentare
- tu stesso per verificare.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><varname>vfs.write_behind</varname></title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>vfs.write_behind</varname></primary>
- </indexterm>
-
- <para>La variabile sysctl <varname>vfs.write_behind</varname>
- ha il valore predefinito di <literal>1</literal> (attivo).
- Essa dice al file system
- di effettuare le scritture sul media quando vengono raccolti
- cluster completi, il che accade tipicamente
- quando si scrivono grossi file sequenziali. L'idea di
- evitare la saturazione del buffer cache con buffer
- <quote>sporchi</quote> quando le prestazioni dell'I/O non ne
- trarrebbero giovamento. Ad ogni modo, questo pu causare uno
- stallo dei processi, ed in alcune circostanze potreste desiderare di
- disabilitarlo.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><varname>vfs.hirunningspace</varname></title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>vfs.hirunningspace</varname></primary>
- </indexterm>
-
- <para>La variabile sysctl <varname>vfs.hirunningspace</varname>
- determina quanto grande deve essere la coda I/O in tutti i controller
- dei dischi nel sistema in un dato momento. Il valore predefinito in
- genere sufficiente ma su macchine con molti dischi
- potreste voler aumentarlo a quattro o cinque
- <emphasis>megabyte</emphasis>.
- Notate che impostandolo ad un valore troppo alto (superando i limiti
- della cache) potreste avere delle performance peggiori.
- Non impostate un valore troppo alto arbitrariamente!
- Valori pi alti aumentano la latenza nelle letture
- contemporanee.</para>
-
- <para>Ci sono altre sysctl relative alla buffer-cache ed alle cache
- delle pagine VM. Non vi consigliamo di cambiare questi valori,
- il sistema di VM fa gi un ottimo lavoro
- di messa a punto automatica.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><varname>vm.swap_idle_enabled</varname></title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>vm.swap_idle_enabled</varname></primary>
- </indexterm>
-
- <para>La variabile sysctl <varname>vm.swap_idle_enabled</varname>
- utile in grossi sistemi multiutente dove si hanno molti
- utenti che entrano ed escono lasciando molti processi inattivi.
- Questi sistemi tendono a generare un grande pressione sulle riserve
- di memoria libera. Attivando questa caratteristica e manipolando
- l'isteresi di swap (in secondi di inattivit) tramite
- <varname>vm.swap_idle_threshold1</varname> e
- <varname>vm.swap_idle_threshold2</varname> potete abbassare
- la priorit delle pagine di memoria associate con i processi
- inattivi pi velocemente che con il normale algoritmo di
- paginazione.
- Ci d una mano al demone di paginazione. Non attivate
- questa opzione a meno che non ne abbiate bisogno,
- poich il compromesso che state accettando
- essenzialmente di pre-paginare la memoria in anticipo piuttosto che
- in ritardo, consumando dunque pi
- swap e banda di trasmissione verso il disco. In un piccolo sistema
- questa opzione avr un effetto ridotto
- ma in un grosso sistema che gi sottoposto a un
- moderato carico di paginazione questa opzione permette al sistema VM
- di spostare facilmente interi processi dentro e fuori la
- memoria.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><varname>hw.ata.wc</varname></title>
-
- <indexterm><primary><varname>hw.ata.wc</varname></primary></indexterm>
-
- <para>&os;&nbsp;4.3 ha giocato un p con l'idea di disattivare il
- caching IDE in scrittura. Questo ha ridotto la larghezza di banda in
- scrittura verso i dischi IDE ma stato considerato necessario
- a causa di gravi problemi di consistenza dei dati introdotti dai
- venditori di dischi rigidi. Il problema che il disco IDE
- rimane inattivo dopo che una scrittura stata completata. Con
- il caching in scrittura attivo, i dischi IDE non scrivono soltanto i
- dati sui dischi in maniera disordinata, ma talvolta rimandano la
- scrittura indefinitamente sotto carichi di lavoro del disco pesanti.
- Un crash o un calo di tensione possono condurre a seri problemi di
- corruzione del file system. L'impostazione predefinita di &os; fu
- cambiata in favore della sicurezza. Sfortunatamente, il risultato
- stato una perdita di prestazioni talmente tremenda che
- abbiamo dovuto reinserire il caching in scrittura di default dopo
- quella release. Dovresti verificare il valore di default sul tuo
- sistema osservando la variabile sysctl <varname>hw.ata.wc</varname>.
- Se il caching IDE in scrittura disattivato, potete attivarlo
- reimpostando la variabile del kernel a 1. Questo dovrebbe essere
- effettuato dal boot loader all'avvio. Tentare di effettuare questo
- cambiamento dopo che il kernel stato avviato non avr
- nessun effetto.</para>
-
- <para>Per maggiori informazioni, guarda &man.ata.4;.</para>
- </sect3>
-
-
- <sect3>
- <title><option>SCSI_DELAY</option>
- (<varname>kern.cam.scsi_delay</varname>)</title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>kern.cam.scsi_delay</varname></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary><option>kernel options</option></primary>
- <secondary><literal>SCSI_DELAY</literal></secondary>
- </indexterm>
-
- <para>La configurazione del kernel <option>SCSI_DELAY</option>
- pu ridurre il tempo di avvio del sistema. I valori di default
- sono piuttosto alti e possono essere responsabili
- anche di <literal>15</literal> secondi di ritardo
- nel processo di avvio. Ridurre il valore a <literal>5</literal>
- secondi funziona in molti casi (specialmente con i dispositivi
- moderni). Nuove versioni di &os; (5.0 e superiori) dovrebbero essere
- in grado di usare <varname>kern.cam.scsi_delay</varname>
- come un'opzione da boot. Quest'ultima e l'opzione di
- configurazione del kernel accettano valori in
- <emphasis>millisecondi</emphasis> , e
- <emphasis>non</emphasis> in <emphasis>secondi</emphasis>.</para>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="soft-updates">
- <title>Soft Update</title>
-
- <indexterm><primary>Soft Update</primary></indexterm>
- <indexterm><primary>tunefs</primary></indexterm>
-
- <para>Il programma &man.tunefs.8; pu essere usato per mettere a
- punto con accuratezza un file system. Questo programma ha molte opzioni
- differenti, ma per ora noi ci preoccuperemo solo di attivare e
- disattivare i Soft Update, che verr effettuato tramite:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>tunefs -n enable /filesystem</userinput>
-&prompt.root; <userinput>tunefs -n disable /filesystem</userinput></screen>
-
- <para>Un file system non potr essere modificato con &man.tunefs.8;
- mentre montato. Un buon momento per attivare i Soft Update
- prima che le partizioni siano montate, in modalit
- singolo utente.</para>
-
- <para>I Soft Update migliorano drasticamente le prestazioni dei
- meta-dati, principalmente la creazione e la cancellazione di file,
- attraverso l'uso di una memoria cache. Consigliamo di attivare i Soft
- Update su tutti i file system. Ci sono due lati negativi relativi ai
- Soft Update dei quali dovresti essere a conoscenza: primo, i Soft
- Update garantiscono la consistenza del file system in caso di crash ma
- pi che probabile che passino molti secondi (anche un
- minuto!) prima che venga aggiornato fisicamente il disco. Se il
- sistema va in crash potresti perdere molto pi lavoro in questo
- modo. Secondo, i Soft Update rallentano la liberazione dei blocchi
- liberi del file system. Se hai un file system (come il file system
- root) che quasi pieno, la realizzazione di un grosso
- aggiornamento, come un <command>make installworld</command>, potrebbe
- essere causa di un superamento dei limiti di spazio del file system e
- di un fallimento dell'aggiornamento.</para>
-
- <sect3>
- <title>Maggiori Dettagli sui Soft Update</title>
-
- <indexterm>
- <primary>Soft Updates</primary>
- <secondary>dettagli</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Ci sono due approcci tradizionalmente nella scrittura dei
- meta-dati del file system su disco. (Gli aggiornamenti dei meta-dati
- sono aggiornamenti ai dati che non sono contenuto, come gli inode o
- le directory.)</para>
-
- <para>Storicamente, il comportamento predefinito era di scrivere gli
- aggiornamenti dei meta-dati in maniera sincrona. Se una directory
- veniva modificata, il sistema attendeva finch il cambiamento
- venisse effettivamente scritto su disco. I buffer con i dati dei file
- (i contenuti dei file) venivano passati attraverso la cache e salvati
- su disco in seguito, in maniera asincrona. Il vantaggio di questa
- implementazione che avviene in maniera sicura. Se si
- verifica un problema durante un aggiornamento, i meta-dati sono sempre
- in uno stato consistente. Un file viene creato completamente o non
- viene creato affatto. Se i blocchi dati di un file non sono riusciti
- ad uscire dalla cache e arrivare al disco prima del crash,
- &man.fsck.8; in grado di capirlo e riparare il file system
- impostando a zero la lunghezza del file. Inoltre, l'implementazione
- chiara e semplice. Lo svantaggio che i cambiamenti
- dei meta-dati sono lenti. Un <command>rm -r</command>, ad esempio,
- tocca tutti i file in una directory consecutivamente, ma ogni
- cambiamento della directory (la cancellazione del file) verr
- scritto su disco in maniera sincrona. Questo include gli
- aggiornamenti alla directory stessa, alla tabella degli inode, e
- magari anche ai blocchi indiretti allocati dal file. Simili
- considerazioni si applicano nell'elenco di grosse gerarchie
- (<command>tar -x</command>).</para>
-
- <para>Il secondo caso l'aggiornamento asincrono dei meta-dati.
- Questo il comportamento predefinito per Linux/ext2fs e
- <command>mount -o async</command> per *BSD/ufs. Anche tutti gli
- aggiornamenti dei meta-dati vengono semplicemente fatti passare
- attraverso la cache, cio vengono mescolati con gli
- aggiornamenti dei dati contenuti nel file. Il vantaggio di questa
- implementazione che non c' bisogno di attendere che
- ogni aggiornamento dei meta-dati venga scritto su disco, dunque tutte
- le operazioni che causano enormi quantit di aggiornamenti dei
- meta-dati lavorano molto pi velocemente che nel caso sincrono.
- Inoltre, l'implementazione ancora semplice e chiara, dunque
- c' un basso rischio che si annidino dei bug nel codice.
- Lo svantaggio che non c' nessuna garanzia di uno
- stato consistente del file system. Se si verifica un problema durante
- un'operazione che ha aggiornato grandi quantit di meta-dati
- (ad esempio un abbassamento di tensione, o qualcuno che preme il tasto
- reset), il file system verr lasciato in uno stato
- imprevedibile. Non c' opportunit di esaminare lo
- stato del file system quando il sistema viene riavviato; i blocchi
- dati di un file potrebbero essere gi stati scritti sul disco
- mentre gli aggiornamenti della tabella degli inode o la directory
- associata non lo sono.
- praticamente impossibile implementare un
- <command>fsck</command> che sia in grado di ripulire il caos
- risultante (perch i dati necessari non sono disponibili sul
- disco). Se il file system stato danneggiato pi del
- riparabile, la sola scelta di usare &man.newfs.8;
- per ricrearlo e recuperarlo da un backup.</para>
-
- <para>La soluzione comune di questo problema era implementare
- <emphasis>la registrazione delle regioni sporche</emphasis>, a cui
- spesso si fa riferimento come <emphasis>journaling</emphasis>, anche
- se questo termine non viene usato coerentemente e talvolta viene
- applicato ad altre forme di logging delle transazioni. Gli
- aggiornamenti dei meta-dati sono ancora scritti in maniera sincrona,
- ma solo in una piccola regione del disco. In seguito vengono spostati
- nella posizione appropriata. Poich l'area di registrazione
- una piccola regione contigua sul disco, non ci sono lunghe
- distanze da percorrere per le testine del disco, anche durante le
- operazioni pesanti, dunque queste operazioni sono pi veloci
- degli aggiornamenti sincroni. Inoltre la complessit
- dell'implementazione piuttosto limitata, dunque il rischio
- che si presentino dei bug basso. Uno svantaggio che
- tutti i meta-dati vengono scritti due volte (una volta nella regione
- di logging ed un'altra nella posizione appropriata) e quindi per un
- lavoro normale si pu avere un <quote>peggioramento</quote>
- delle prestazioni. D'altro canto, in caso di crash, tutte le
- operazioni sui meta-dati in sospeso possono essere velocemente
- annullate o recuperate dall'area di registrazione quando il sistema
- di nuovo attivo, e come risultato si ha un avvio veloce del
- file system.</para>
-
- <para>Kirk McKusick, lo sviluppatore del Berkeley FFS, ha risolto questo
- problema con i Soft Update: tutti gli aggiornamenti dei meta-dati
- vengono tenuti in memoria e vengono scritti su disco in sequenza
- ordinata (<quote>aggiornamenti ordinati dei meta-dati</quote>).
- Ci porta all'effetto che, in caso di operazioni pesanti sui
- meta-dati, gli ultimi aggiornamenti ad un elemento
- <quote>recuperano</quote> i precedenti se questi sono ancora in
- memoria e non sono gi stati scritti su disco. Dunque tutte le
- operazioni, diciamo su una directory, vengono effettuate
- principalmente in memoria prima che l'aggiornamento sia scritto su
- disco (i blocchi dei dati vengono ordinati in relazione alla loro
- posizione, in modo che non vengano scritti su disco prima dei loro
- meta-dati). Se il sistema va in crash, ci causa un implicito
- <quote>riavvolgimento del log</quote>: tutte le operazioni che non
- hanno ancora trovato posto sul disco appariranno come mai effettuate.
- Viene mantenuto uno stato consistente del file system che sar
- quello di 30 o 60 secondi prima. L'algoritmo usato garantisce anche
- che tutte le risorse in uso siano marcate come tali nelle appropriate
- tabelle di bit: blocchi e inode. Dopo un crash, il solo errore di
- allocazione che vengono marcate come <quote>usate</quote>
- anche risorse che sono effettivamente <quote>libere</quote>.
- &man.fsck.8; riconosce questa situazione, e libera le risorse che non
- sono pi in uso. Non c' pericolo nell'ignorare lo
- stato di <emphasis>sporcizia</emphasis> del file system dopo un crash
- montandolo di forza con <command>mount -f</command>. Per poter
- liberare le risorse che potrebbero essere non usate, &man.fsck.8;
- ha bisogno di essere avviato in seguito. Questa l'idea di un
- <emphasis>fsck in background</emphasis>: all'avvio del sistema, viene
- registrata solo una <emphasis>immagine</emphasis> del file system.
- <command>fsck</command> pu essere eseguito in seguito. Tutti
- i file system possono essere montati <quote>sporchi</quote>, quindi il
- processo di avvio del sistema procede in modalit multiutente.
- In seguito, <command>fsck</command> viene avviato in background su
- tutti i file system dove necessario, per liberare le risorse
- che potrebbero essere inutilizzate. (I file system che non usano i
- Soft Updates hanno ancora bisogno del solito <command>fsck</command>,
- comunque.)</para>
-
- <para>Il vantaggio che le operazioni sui meta-dati sono veloci
- quasi come gli aggiornamenti asincroni (cio pi veloci
- che con il <emphasis>logging</emphasis>, che deve scrivere i meta-dati
- due volte). Gli svantaggi sono nella complessit del codice
- (che implica un maggiore rischio di trovare bug in un'area molto
- sensibile, essendo legata alla perdita dei dati degli utenti),
- ed un consumo di memoria maggiore. Inoltre ci sono alcune
- idiosincrasie alle quali ci si deve abituare.
- Dopo un crash, lo stato del file system appare in qualche modo
- <quote>vecchio</quote>. In situazioni dove l'approccio
- sincrono avrebbe causato la permanenza di alcuni file di lunghezza
- zero dopo un <command>fsck</command>, questi file non esistono affatto
- con un file system con Soft Update, perch n i
- meta-dati n i contenuti dei file sono mai stati scritti su
- disco. Lo spazio su disco non viene rilasciato finch gli
- aggiornamenti non sono stati scritti su disco, il che pu
- avvenire qualche tempo dopo che stato eseguito
- <command>rm</command>. Questo potrebbe causare problemi durante
- l'installazione di grandi quantit di dati su un file system
- che non avesse abbastanza spazio per contenere tutti i file due
- volte.</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="configtuning-kernel-limits">
- <title>Messa a Punto dei Limiti del Kernel</title>
-
- <indexterm>
- <primary>messa a punto</primary>
- <secondary>limiti del kernel </secondary>
- </indexterm>
-
- <sect2 xml:id="file-process-limits">
- <title>Limiti dei File/Processi</title>
-
- <sect3 xml:id="kern-maxfiles">
- <title><varname>kern.maxfiles</varname></title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>kern.maxfiles</varname></primary>
- </indexterm>
-
- <para><varname>kern.maxfiles</varname> pu essere aumentato o
- abbassato a seconda dei requisiti del tuo sistema. Questa variabile
- indica il numero massimo di descrittori di file sul tuo sistema.
- Quando la tabella dei descrittori di file piena,
- apparir ripetutamente la scritta <errorname>file: table is
- full</errorname> nel buffer dei messaggi di sistema, che pu
- essere visualizzato con il comando <command>dmesg</command>.</para>
-
- <para>Ogni file, socket, o fifo aperta usa un descrittore di file.
- Un server di produzione di larga scala pu richiedere
- facilmente molte migliaia di descrittori di file, in relazione al tipo
- e al numero di servizi in esecuzione insieme.</para>
-
- <para>Nelle vecchie release di &os;, il valore predefinito
- di <varname>kern.maxfile</varname> viene
- dettato dall'opzione <option>maxusers</option> nel file di
- configurazione del kernel. <varname>kern.maxfiles</varname> cresce
- proporzionalmente al valore di <option>maxusers</option>. Quando si
- compila un kernel personalizzato, una buona idea impostare
- questa opzione di configurazione del kernel in base agli usi del
- proprio sistema. Da questo numero, dipendono molti dei limiti
- predefiniti del kernel. Anche se una macchina in produzione potrebbe
- non avere effettivamente 256 utenti connessi contemporaneamente, le
- risorse necessarie potrebbero essere simili a quelle di un server web
- su larga scala.</para>
-
- <para>A partire da FreeBSD 4.5, <varname>kern.maxusers</varname>
- automaticamente dimensionato sulla base della memoria
- disponibile nel sistema, e pu essere determinato a run-time
- leggendo il valore del sysctl read-only <varname>kern.maxusers</varname>.
- Alcuni siti richiedono valori minori o maggiori di <varname>kern.maxusers</varname>
- e questo pu essere impostato come un parametro modificabile
- dal loader; valori di 64, 128 o 256 non sono fuori dal comune.
- Non raccomandiamo di andare oltre i 256 a meno che non si necessiti
- di un numero esagerato di file descriptor; molti dei valori modificati
- nel loro default da <varname>kern.maxusers</varname> possono essere
- singolarmente sovrascritti a boot-time o a run-time in
- <filename>/boot/loader.conf</filename> (leggi la pagina di manuale
- &man.loader.conf.5; o il file <filename>/boot/defaults/loader.conf</filename>
- per alcuni suggerimenti) o come descritto altrove in questo documento.
- Sistemi precedenti a FreeBSD&nbsp;4.4 devono invece impostare questo valore
- attraverso l'opzione di &man.config.8; <option>maxusers</option>.</para>
-
- <para>Nelle release precedenti, il sistema setter
- in modo automatico <literal>maxusers</literal> se lo imposti a
- <literal>0</literal><footnote>
- <para>L'algoritmo di impostazione automatica setta
- <literal>maxusers</literal> pari alla quantit della
- memoria del sistema, con un minimo di 32, fino a un massimo
- di 384.</para></footnote>.
- Quando usi quest'opzione, impostalo
- almeno a 4, specialmente se stai usando il sistema a finestre X o se
- compili software. Questo dovuto al fatto che la tabella
- pi importante settata da <literal>maxusers</literal>
- quella relativa al numero massimo di processi, risultato di
- <literal>20 + 16 * maxusers</literal>, e quindi se setti
- <literal>maxusers</literal> a 1, puoi avere solo 36 processi in modo
- simultaneo, inclusi i 18 o pi di avvio del sistema e i 15
- o pi che verranno creati all'avvio del sistema a finestre X.
- Perfino una semplice attivit come la lettura di una pagina
- man avvia fino a 9 processi per filtrare, decomprimere, e visualizzare
- la pagina. Settando <literal>maxusers</literal> a 64 avrai fino a
- 1044 processi simultanei, che dovrebbero essere sufficienti per quasi
- tutti gli utenti. Ad ogni modo, se vedi il temuto errore
- <errortype>proc table full</errortype> quando tenti di avviare
- un programma, o se stai usando un server con molti utenti simultanei
- (come <systemitem class="fqdomainname">ftp.FreeBSD.org</systemitem>), puoi sempre
- incrementare il numero e ricompilare.</para>
-
- <note>
- <para><literal>maxusers</literal> <emphasis>non</emphasis>
- limita il numero degli utenti che possono loggarsi sulla tua
- macchina. Semplicemente setta la dimensione di alcune tabelle
- a un valore ragionevole considerando il numero massimo di
- utenti che probabilmente avrai sul tuo sistema e quanti
- processi ognuno di loro avranno in esecuzione. Un'opzione
- che limita il numero di login remoti simultanei e di terminali
- windows <link linkend="kernelconfig-ptys"><literal>pseudo-device pty
- 16</literal></link>. Con &os;&nbsp;5.X, non ti devi
- preoccupare di questo numero poich il driver
- &man.pty.4; <quote>auto-cloning</quote>; semplicemente
- usa la linea <literal>device pty</literal> nel tuo file di
- configurazione.</para>
- </note>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title><varname>kern.ipc.somaxconn</varname></title>
-
- <indexterm>
- <primary><varname>kern.ipc.somaxconn</varname></primary>
- </indexterm>
-
- <para>La variabile sysctl <varname>kern.ipc.somaxconn</varname>
- limita la dimensione della coda in ascolto per le connessioni TCP.
- Il valore predefinito di <literal>128</literal>,
- generalmente troppo basso per una gestione robusta di nuove
- connessioni in ambienti come i web server molto carichi. Per tali
- ambienti, consigliato aumentare questo valore a
- <literal>1024</literal> o maggiore. Il demone di servizio pu
- a sua volta limitare la dimensione della coda (e.g. &man.sendmail.8;,
- o <application>Apache</application>) ma spesso avr una
- direttiva nel proprio file di configurazione per correggere la
- dimensione della coda. Grosse code di ascolto aiutano anche ad
- evitare attacchi di tipo Denial of Service
- (<abbrev>DoS</abbrev>).</para>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="nmbclusters">
- <title>Limiti di Rete</title>
-
- <para>L'opzione di configurazione del kernel <option>NMBCLUSTERS</option>
- decide la quantit di Mbuf di rete disponibili al sistema.
- Un server molto trafficato con un numero basso di Mbuf
- ostacolerebbe le possibilit di &os;. Ogni cluster
- rappresenta approssimativamente 2&nbsp;K di memoria, dunque un valore di
- 1024 rappresenta 2 megabyte di memoria del kernel riservata per i
- buffer di rete.
- Pu essere effettuato un semplice calcolo per capire
- quanti ne siano necessari. Se hai un web server che arriva al massimo
- a 1000 connessioni simultanee, ed ogni connessione consuma un buffer di
- 16&nbsp;K in ricezione e un altro di 16&nbsp;K in trasmissione, avrai
- bisogno approssimativamente di 32&nbsp;MB di buffer di rete per coprire
- il web server.
- Una buona regola generale di moltiplicare per 2, dunque
- 2x32&nbsp;MB&nbsp;/&nbsp;2&nbsp;KB&nbsp;=
- 64&nbsp;MB&nbsp;/&nbsp;2&nbsp;KB&nbsp;= 32768.
- Consigliamo valori compresi tra
- 4096 e 32768 per macchine con grandi quantit di memoria.
- In nessun caso dovreste specificare un valore alto arbitrario
- per questo parametro, poich potrebbe portare ad un crash
- all'avvio. L'opzione <option>-m</option> di
- &man.netstat.1; pu essere usata per osservare l'uso della
- rete.</para>
-
- <para>L'opzione del loader
- <varname>kern.ipc.nmbclusters</varname> pu essere usata per
- impostare questi valori all'avvio. Solo versioni vecchie di &os;
- richiedono l'uso dell'opzione <option>NMBCLUSTERS</option> come
- configurazione del kernel (&man.config.8;).</para>
-
- <para>Per server sotto carico che fanno un uso massiccio della chiamata
- di sistema &man.sendfile.2;, potrebbe essere necessario
- aumentare il numero di buffer &man.sendfile.2; tramite l'opzione di
- configurazione del kernel <option>NSFBUFS</option> o impostando il suo
- valore in <filename>/boot/loader.conf</filename>
- (vedere &man.loader.8; per maggiori dettagli). Un indicatore comune
- che questo parametro deve essere corretto la comparsa di
- processi nello stato <errorname>sfbufa</errorname>. La variabile sysctl
- <varname>kern.ipc.nsfbufs</varname> solo un riferimento
- read-only alla variabile configurata nel kernel. Questo parametro
- aumenta nominalmente con <varname>kern.maxusers</varname>,
- in ogni caso potrebbe essere necessario effettuare piccole correzioni
- per farli concordare.</para>
-
- <important>
- <para>Anche se un socket stato segnalato come non-bloccante,
- richiamando &man.sendfile.2; su di esso si potrebbe avere un blocco
- della chiamata &man.sendfile.2; fino a quando non sono disponibili
- delle <literal>struct sf_buf</literal>.</para>
- </important>
-
- <sect3>
- <title><varname>net.inet.ip.portrange.*</varname></title>
-
- <indexterm><primary>net.inet.ip.portrange.*</primary></indexterm>
-
- <para>La variabili sysctl <varname>net.inet.ip.portrange.*</varname>
- controllano i numeri di porta automaticamente assegnate a socket TCP
- ed UDP. Ci sono tre intervalli: uno basso, uno predefinito,
- ed uno alto. La maggior parte dei programmi usa l'intervallo
- predefinito che controllato da
- <varname>net.inet.ip.portrange.first</varname> e
- <varname>net.inet.ip.portrange.last</varname>, che hanno valori
- predefiniti di 1024 e 5000. Questi intervalli sono usati per le
- connessioni in uscita, ed possibile che il sistema esaurisca
- le porte in alcune circostanze. Ci accade per lo pi
- quando avete un web proxy molto carico. L'intervallo di porte
- non un problema quando si usano server che abbiano
- per lo pi connessioni in ingresso, come i normali
- web server, o un numero limitato di connessioni in
- uscita, come i relay di posta. Per situazioni
- nelle quali potreste terminare le porte, consigliato
- aumentare leggermente <varname>net.inet.ip.portrange.last</varname>.
- Un valore di <literal>10000</literal>, <literal>20000</literal> o
- <literal>30000</literal> pu essere ragionevole.
- Dovreste anche considerare gli effetti relativi ad un firewall
- nel cambiare il range di porte. Alcuni
- firewall potrebbero bloccare grandi intervalli di porte (tipicamente
- le porte basse) ed aspettarsi che i sistemi usino porte pi
- alte per le connessioni in uscita &mdash; per questa ragione si
- consiglia di non abbassare il valore di
- <varname>net.inet.ip.portrange.first</varname>.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Prodotto del Ritardo di Banda TCP</title>
-
- <indexterm>
- <primary>limite del Prodotto del Ritardo di Banda TCP</primary>
- <secondary><varname>net.inet.tcp.inflight.enable</varname></secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il limite del Prodotto del Ritardo di Banda TCP simile a
- TCP/Vegas in NetBSD. Pu
- essere abilitato impostando la variabile sysctl
- <varname>net.inet.tcp.inflight_enable</varname>
- ad <literal>1</literal>. Il sistema tenter di
- calcolare il prodotto del ritardo di banda per ogni connessione
- e limiter l'ammontare di dati accodati per la trasmissione su
- rete al livello migliore per garantire il massimo throughput.</para>
-
- <para>Questa funzionalit utile quando si inviano dati
- su modem multipli, su Ethernet Gigabit, o su collegamenti WAN ad alta
- velocit (o qualsiasi altro collegamento con un alto prodotto
- a banda di ritardo), in particolar modo se state usando anche il
- window scaling o se avete configurato una finestra TCP molto ampia.
- Se abilitate questa opzione, dovreste anche assicurarvi di impostare
- a <literal>0</literal> <varname>net.inet.tcp.inflight_debug</varname>
- (per disabilitare il debugging), e per un uso di produzione
- pu essere utile impostare
- <varname>net.inet.tcp.inflight_min</varname> ad almeno
- <literal>6144</literal>. Notate comunque che
- impostando dei livelli minimi alti pu in pratica disabilitare
- la limitazione di banda, su alcuni tipi di collegamento.
- La funzionalit di limitazione della banda riduce la
- quantit di dati creati in rotte intermedie
- e fa circolare le code di pacchetti cos come riduce la
- quantit di dati creati nella coda di interfaccia dell'host
- locale. Con meno pacchetti accodati, le connessioni interattive,
- specialmente sopra modem lenti, opereranno con lenti
- <emphasis>Round Trip Times</emphasis> (tempi di andata e ritorno).
- Comunque, nota che questa feature ha effetto solo sulla trasmissione
- dati (uploading / lato server). Non ha effetto sulla ricezione
- (downloading).</para>
-
- <para>Modificare <varname>net.inet.tcp.inflight.stab</varname> non
- raccomandato.
- Questo parametro di default a 20, rappresentando
- 2 pacchetti massimi aggiunti al ritardo del prodotto della banda
- della finestra. La finestra addizionale richiesta per
- stabilizzare l'algoritmo e migliorare la risposta alle condizioni che
- cambiano ma pu risultare in tempi lunghi sui ping
- sopra link lenti (anche se molto pi lento di quello che
- otterresti senza l'algoritmo di inflight). In questi casi, puoi voler
- ridurre questo parametro a 15, 10 o 5; e puoi anche ridurre
- <varname>net.inet.tcp.inflight.min</varname> (per esempio, a 3500)
- per ottenere l'effetto desiderato. Ridurre questi parametri
- dovrebbe essere fatto solo come ultima spiaggia.</para>
-
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Memoria Virtuale</title>
-
- <sect3>
- <title><varname>kern.maxvnodes</varname></title>
-
- <para>Un vnode la rappresentazione di un file o una directory.
- Aumentare il numero di vnodi disponibili sul sistema
- operativo aumenter l'I/O di disco. Normalmente questo viene
- gestito dal sistema operativo e non deve essere cambiato.
- In pochi casi dove l'I/O di disco
- un collo di bottiglia ed il sistema sta finendo i suoi vnodi,
- questo parametro sar aumentato. L'aumento di RAM libera ed
- inattiva sar tenuto in conto.</para>
-
- <para>Per vedere il numero corrente di vnodi in uso:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>sysctl vfs.numvnodes</userinput>
-vfs.numvnodes: 91349</screen>
-
- <para>Per vedere il numero massimo di vnodi:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>sysctl kern.maxvnodes</userinput>
-kern.maxvnodes: 100000</screen>
-
- <para>Se l'uso del nodo corrente vicino alla fine,
- aumentare <varname>kern.maxvnodes</varname> di un valore di 1.000
- probabilmente una buona idea. Tenete un occhio sul numero
- di <varname>vfs.numvnodes</varname>. Se scala al massimo,
- <varname>kern.maxvnodes</varname> dovr essere incrementato
- ancora. Dovrebbe essere visibile con &man.top.1;
- uno spostamento nell'uso della memoria. Molta memoria dovrebbe essere
- attiva.</para>
- </sect3>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="adding-swap-space">
- <title>Aggiunta di Spazio di Swap</title>
-
- <para>Non importa con quanta cura pianifichi tutto, a volte un sistema non
- funziona come ti aspetti. Se ti trovi ad avere bisogno di maggiore spazio
- di swap, abbastanza semplice aggiungerlo. Ci sono tre modi per
- aumentare lo spazio di swap: aggiungere un nuovo disco rigido, abilitare
- lo swap su NFS, e creare un file di swap su una partizione
- esistente.</para>
-
- <para>Per informazioni su come criptare lo spazio di swap, quali opzioni
- esistono e perch dovrebbe essere fatto, vedere la
- sezione swap-encrypting del Manuale.</para>
-
- <sect2 xml:id="new-drive-swap">
- <title>Swap su un Nuovo Disco Rigido</title>
-
- <para>Il modo migliore per aggiungere dello swap, ovviamente,
- usare questa come scusa per aggiungere un altro disco rigido. Puoi
- sempre aggiungere un nuovo disco, dopo tutto. Se puoi fare cos,
- vai a rileggere la discussione sullo spazio di swap nella <xref linkend="configtuning-initial"/> del
- Manuale per alcuni suggerimenti su come organizzare al meglio lo spazio
- di swap.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="nfs-swap">
- <title>Swap su NFS</title>
-
- <para>Lo swap su NFS consigliato solo se non hai un disco locale
- su cui realizzare lo swap. Lo swap via
- NFS limitato dalla larghezza di banda disponibile sulla rete e
- aggiunge ulteriore lavoro per il server NFS.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="create-swapfile">
- <title>File di Swap</title>
-
- <para>Puoi creare un file delle dimensioni specifiche per usarlo come file
- di swap. In questo nostro esempio useremo un file di 64MB chiamato
- <filename>/usr/swap0</filename>. Puoi usare qualsiasi nome vuoi,
- ovviamente.</para>
-
- <example>
- <title>Creare un file di Swap su &os;</title>
-
- <orderedlist>
- <listitem><para>Accertati che il tuo file di configurazione
- del kernel includa il memory disk driver (&man.md.4;).
- di default nel kernel <filename>GENERIC</filename>.</para>
-
- <programlisting>device md # Memory "disks"</programlisting>
- </listitem>
-
- <listitem><para>Crea un file di swap
- (<filename>/usr/swap0</filename>):</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>dd if=/dev/zero of=/usr/swap0 bs=1024k count=64</userinput></screen>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Imposta i permessi appropriati su
- (<filename>/usr/swap0</filename>):</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>chmod 0600 /usr/swap0</userinput></screen>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Riavvia la macchina o per abilitare il file di swap immediatamente
- scrivi:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>mdconfig -a -t vnode -f /usr/swap0 -u 0 &amp;&amp; swapon /dev/md0</userinput></screen>
- </listitem>
- </orderedlist>
- </example>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="acpi-overview">
- <info><title>Gestione dell'Energia e delle Risorse</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Hiten</firstname><surname>Pandya</surname></personname><contrib>Scritto da </contrib></author>
-
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <para> importante utilizzare le risorse hardware
- in maniera efficiente. Prima che <acronym>ACPI</acronym>
- fosse introdotto era difficile e per nulla flessibile per il
- sistema operativo gestire l'energia e le propriet
- termiche del sistema. L'hardware era controllato dal
- <acronym>BIOS</acronym> e quindi l'utente aveva meno controllo
- e visibilit per il settaggio della gestione dell'energia.
- Una configurazione limitata era disponibile tramite
- <emphasis>Advanced Power Management (APM)</emphasis>.
- La gestione dell'energia e delle risorse uno dei concetti
- fondamentali di un moderno sistema operativo. Per esempio, puoi
- far s che un sistema operativo faccia il monitoraggio dei limiti
- di sistema (e possibilmente ti avvisi) in caso la temperatura del sistema
- cresca in maniera incontrollata.</para>
-
- <para>In questa sezione del Manuale di &os;, ti forniremo informazioni
- esaustive circa <acronym>ACPI</acronym>. Alla fine saranno forniti
- maggiori riferimenti per ulteriori letture.</para>
-
- <sect2 xml:id="acpi-intro">
- <title>Cos' ACPI?</title>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>APM</primary>
- </indexterm>
-
- <para><acronym>ACPI</acronym> (Advanced Configuration and Power Interface)
- uno standard scritto da un gruppo di venditori per fornire
- un'interfaccia standard per risorse hardware e gestione
- dell'energia (da qui il nome). un elemento
- centrale nella <emphasis>configurazione diretta del sistema
- operativo e nella gestione dell'energia</emphasis>, ad esempio:
- fornisce pi controllo e flessibilit
- al sistema operativo (<acronym>OS</acronym>).
- I sistemi moderni <quote>stressano</quote> i limiti
- delle interfacce correnti Plug and Play,
- prima della introduzione
- di <acronym>ACPI</acronym>. <acronym>ACPI</acronym>
- il diretto successore di <acronym>APM</acronym> (Advanced
- Power Management).</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="acpi-old-spec">
- <title>Riassunto della Gestione Avanzata dell'Energia (APM)</title>
-
- <para>La tecnologia <emphasis>Advanced Power Management (APM)</emphasis>
- controlla l'uso dell'energia di un sistema basandosi sulla sua
- attivit. Il BIOS APM fornito dal venditore del sistema
- ed specifico alla piattaforma hardware. Un driver APM nell'OS
- media l'accesso all'<emphasis>Interfaccia Software APM</emphasis> che
- permette la gestione dei livelli di energia. APM dovrebbe essere
- usato per sistemi prodotti nel o prima dell'anno 2000.</para>
-
- <para>Ci sono quattro problemi maggiori in APM. Primo,
- la gestione dell'energia fatta dal BIOS (specifico
- del venditore) e l'OS non ne ha conoscenza. Un esempio
- di questo quando l'utente imposta i valori di pausa
- per un disco nell'APM BIOS, che quando vengono ecceduti, il BIOS
- rallenta il disco, senza il consenso dell'OS. Secondo, la logica
- di APM integrata nel BIOS, e opera al di fuori lo scopo
- dell'OS. Questo significa
- che gli utenti possono riparare i problemi nel loro BIOS APM
- facendo un flash di una nuova memoria nel ROM; il che
- una procedura molto difficile con il pericolo potenziale
- di lasciare il sistema in uno stato irrecuperabile se fallisce.
- Terzo, APM una tecnologia specifica del venditore
- il che significa che c' un sacco di duplicazione degli
- sforzi e bachi trovati nel BIOS di un venditore
- che non possono essere risolti in altri. In ultima analisi,
- il BIOS APM non ha abbastanza spazio per implementare una politica
- sofisticata, o una che pu adattarsi molto bene
- allo scopo della macchina.</para>
-
- <para><emphasis>Plug and Play BIOS (PNPBIOS)</emphasis> era inaffidabile
- in molte situazioni. PNPBIOS era una tecnologia a 16 bit, cos
- il sistema operativo doveva usare l'emulazione a 16 bit per
- <quote>interfacciarsi</quote> con i metodi PNPBIOS.</para>
-
- <para>Il driver <acronym>APM</acronym> di &os; documentato
- nella pagina di manuale &man.apm.4;.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="acpi-config">
- <title>Configurare <acronym>ACPI</acronym></title>
-
- <para>Il driver <filename>acpi.ko</filename> caricato
- di default all'avvio dal &man.loader.8; e
- <emphasis>non</emphasis> dovrebbe essere compilato nel kernel.
- Il ragionamento dietro a questo che pi
- facile lavorare coi moduli, ad esempio se si passa ad un altro
- <filename>acpi.ko</filename> senza fare un rebuild del kernel.
- Questo ha il vantaggio di rendere il testing pi facile.
- Un altro motivo che avviare <acronym>ACPI</acronym>
- dopo che un sistema stato riavviato spesso non funziona
- bene. Se incontri dei problemi, puoi disabilitare completamente
- <acronym>ACPI</acronym>. Questo driver non dovrebbe e non
- pu essere scaricato perch il bus di sistema
- lo usa per diverse interazioni hardware.
- <acronym>ACPI</acronym> pu essere disabilitato
- settando <literal>hint.acpi.0.disabled="1"</literal> in
- <filename>/boot/loader.conf</filename> o al prompt del
- &man.loader.8;.</para>
-
- <note>
- <para><acronym>ACPI</acronym> ed <acronym>APM</acronym> non
- possono coesistere e dovrebbero essere usati separatamente.
- L'ultimo ad essere caricato terminer se il driver nota che
- l'altro gi in funzione.</para>
- </note>
-
- <para><acronym>ACPI</acronym> pu essere usato per
- mettere il sistema in modalit
- sleep con &man.acpiconf.8;, l'opzione <option>-s</option> ed un'opzione
- <option>1-5</option>. La maggior parte degli utenti avranno bisogno
- solo di <literal>1</literal> o <literal>3</literal> (sospensione della
- RAM). L'opzione <literal>5</literal>
- far un morbido shutdown che la stessa azione
- di:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>halt -p</userinput></screen>
-
- <para>Sono disponibili altre opzioni via &man.sysctl.8;.
- Controlla la pagina man di &man.acpi.4; e &man.acpiconf.8;
- per maggiori informazioni.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="ACPI-debug">
- <info><title>Usare e Debuggare <acronym>ACPI</acronym> di &os;</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Nate</firstname><surname>Lawson</surname></personname><contrib>Scritto da </contrib></author>
- </authorgroup>
-
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Peter</firstname><surname>Schultz</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
-
- <author><personname><firstname>Tom</firstname><surname>Rhodes</surname></personname></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>problemi</secondary>
- </indexterm>
-
- <para><acronym>ACPI</acronym> un modo fondamentalmente
- nuovo di utilizzare dispositivi, gestire le risorse elettriche,
- e fornire accesso standardizzato all'hardware gestito
- precedentemente dal <acronym>BIOS</acronym>. Si stanno facendo
- progressi per far funzionare <acronym>ACPI</acronym> su tutti i
- sistemi, ma continuano ad apparire bachi nel codice
- del <firstterm>Linguaggio Macchina <acronym>ACPI</acronym></firstterm>
- (<acronym>AML</acronym>), incompletezza
- nel sottosistema kernel di &os;, e bachi nell'interprete
- <acronym>ACPI-CA</acronym> di &intel;.</para>
-
- <para>Questo documento creato per aiutarti ad assistere
- i manutentori di <acronym>ACPI</acronym> di &os; nell'identificare
- le cause primarie dei problemi che riscontri e debuggare e sviluppare
- una soluzione. Grazie per l'attenzione e speriamo di poter
- risolvere i problemi del tuo sistema.</para>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-submitdebug">
- <title>Fornire Informazione di Debug</title>
-
- <note>
- <para>Prima di sottomettere un problema, accertati di
- avere in esecuzione l'ultima versione del
- <acronym>BIOS</acronym> e, se disponibile,
- la versione del firmware del controller integrato.</para>
- </note>
-
- <para>Per quelli di voi che vogliono sottomettere un problema
- subito, per favore inviate la seguente informazione a
- <link xlink:href="mailto:freebsd-acpi@FreeBSD.org">
- freebsd-acpi@FreeBSD.org</link>:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Descrizione del comportamento affetto da bachi, inclusi
- il tipo di sistema ed il modello e tutto quello che fa
- s che il baco appaia. Inoltre, per favore
- annotati il pi accuratamente possibile quando
- il baco iniziato ad apparire se nuovo per
- il tuo sistema.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>L'output del comando &man.dmesg.8; dopo
- <command>boot -v</command>, incluso ogni messaggio di errore
- generato dal tuo sistema mentre investigavi questo baco.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>L'output del comando &man.dmesg.8; dopo
- <command>boot -v</command> con <acronym>ACPI</acronym>
- disabilitato, se disabitarlo ti aiuta a rimettere
- a posto il sistema.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>L'output di <command>sysctl hw.acpi</command>.
- Anche questo un buon modo di figurarti
- quali caratteristiche il tuo sistema offre.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><acronym>URL</acronym> dove il tuo
- <firstterm><acronym>ACPI</acronym> Source Language</firstterm>
- (<acronym>ASL</acronym>) risiede. <emphasis>Non</emphasis>
- inviare la <acronym>ASL</acronym> direttamente
- alla lista dato che pu essere molto grande. Generate
- una copia della vostra <acronym>ASL</acronym> eseguendo
- questo comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>acpidump -dt &gt; name-system.asl</userinput></screen>
-
- <para>(Sostituite <replaceable>name</replaceable>
- con la vostra login ed il modello/manifattura
- del <replaceable>sistema</replaceable>. Ad esempio
- <filename>njl-FooCoo6000.asl</filename>)</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Molti degli sviluppatori seguono la &a.current; ma per favore
- sottomettete i vostri problemi a &a.acpi.name; per essere sicuri
- che siano visti. Per favore siate pazienti, abbiamo tutti
- lavori full-time altrove. Se i vostri bachi non sono
- chiarissimi, vi chiederemo di sottomettere un <acronym>PR</acronym>
- attraverso &man.send-pr.1;. Quando si invia
- un <acronym>PR</acronym>, per favore includete le stesse informazioni
- sopracitate. Questo aiuter a tracciare il problema e
- risolverlo.
- Non inviare un <acronym>PR</acronym> senza prima inviare una email
- a &a.acpi.name;, dato che noi usiamo <acronym>PR</acronym>
- come promemoria di problemi esistenti, non come meccanismo
- di reporting. probabile che i vostri problemi siano
- stati riportati da qualcun altro prima.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-background">
- <title>Background</title>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- </indexterm>
-
- <para><acronym>ACPI</acronym> presente su tutti i computer
- moderni che conformi all'architettura ia32(x86),
- ia64 (Itanium), e amd64 (AMD). L'intero standard ha molte
- caratteristiche che includono la gestione della
- performance della <acronym>CPU</acronym>, il controllo dei piani
- energetici, delle zone termiche, delle batterie del sistema, controller
- incorporati, ed enumerazione dei bus. Molti sistemi implementano
- meno dello standard completo. Per esempio, un sistema desktop
- di solito implementa le parti di enumerazione dei bus mentre
- un laptop potrebbe avere il raffreddamento ed anche il supporto
- alla gestione della batteria. I laptop hanno anche
- sospensioni e riavvii, con la loro complessit
- associata.</para>
-
- <para>Un sistema <acronym>ACPI</acronym>-compliant ha molte
- componenti. Il <acronym>BIOS</acronym> ed i venditori
- di chipset forniscono varie tabelle fisse in memoria
- (ad esempio <acronym>FADT</acronym>) che specificano cose
- come la mappa <acronym>APIC</acronym> (usata per
- <acronym>SMP</acronym>), i registri di configurazione, e semplici
- valori di configurazione. Inoltre viene fornita una tabella
- di codici di byte
- (la <firstterm>Differentiated System Description Table</firstterm>
- <acronym>DSDT</acronym>)
- per specificare uno spazio dei nomi ad albero
- di dispositivi e metodi.</para>
-
- <para>Il driver <acronym>ACPI</acronym> deve fare il
- parse delle tabelle fisse, implementare un interprete
- per il codice di byte, e modificare i device driver ed
- il kernel per accettare informazioni dal sottosistema
- <acronym>ACPI</acronym>. Per &os;, &intel; ha fornito
- un interprete (<acronym>ACPI-CA</acronym>) che
- condiviso fra Linux e NetBSD. Il path al codice
- sorgente <acronym>ACPI-CA</acronym>
- <filename>src/sys/contrib/dev/acpica</filename>.
- Il codice che permette ad <acronym>ACPI-CA</acronym> di lavorare
- con &os; in <filename>src/sys/dev/acpica/Osd</filename>.
- Finalmente, i driver che implementano vari dispositivi
- <acronym>ACPI</acronym> si trovano in
- <filename>src/sys/dev/acpica</filename>.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-comprob">
- <title>Problemi Comuni</title>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>problemi</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Affinc <acronym>ACPI</acronym> funzioni
- correttamente tutte le parti devono funzionare correttamente.
- Ci sono alcuni problemi comuni, in ordine di frequenza
- di apparizione, ed alcuni possibili workaround o mezzi
- per aggiustarli.</para>
-
- <sect3>
- <title>Questioni di Mouse</title>
-
- <para>In alcuni casi, ripartire dopo una operazione di
- sospensione, fa s che il mouse non riparta.
- Un noto workaround aggiungere
- <literal>hint.psm.0.flags="0x3000"</literal>
- al file <filename>/boot/loader.conf</filename>.
- Se questo non funziona allora per favore considera
- l'invio di un report del baco come descritto
- in precedenza.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Sospensione/Riavvio</title>
-
- <para><acronym>ACPI</acronym> ha tre stati di sospensione
- <acronym>RAM</acronym> (<acronym>STR</acronym>),
- <literal>S1</literal>-<literal>S3</literal> ed un
- stato di sospensione disco (<literal>STD</literal>),
- chiamato <literal>S4</literal>. <literal>S5</literal>
- il <quote>soft off</quote> ed
- il normale stato in cui il tuo sistema
- si trova quando collegato ma non acceso.
- <literal>S4</literal> pu essere implementato
- in due modi separati. <literal>S4</literal>
- <acronym>BIOS</acronym> una
- sospensione <acronym>BIOS</acronym>-assistita
- da disco. <literal>S4</literal><acronym>OS</acronym>
- implementato direttamente
- dal sistema operativo.</para>
-
- <para>Inizia a controllare
- <command>sysctl hw.acpi</command> per
- le entry relative alla sospensione.
- Questi sono i risultati per un Thinkpad:</para>
-
- <screen>hw.acpi.supported_sleep_state: S3 S4 S5
-hw.acpi.s4bios: 0</screen>
-
- <para>Questo significa che possiamo usare
- <command>acpiconf -s</command> per testare
- <literal>S3</literal>, <literal>S4</literal><acronym>OS</acronym>,
- <literal>S5</literal>. Se <option>s4bios</option>
- fosse stato uno (<literal>1</literal>), avremmo supporto a
- <literal>S4</literal><acronym>BIOS</acronym>
- invece di <literal>S4</literal><acronym>OS</acronym>.</para>
-
- <para>Quando si testa la sospensione/riavvio, inizia con
- <literal>S1</literal>, se supportato.
- pi probabile che funzioni questo stato
- dato che non richiede molto supporto dal driver.
- Nessuno ha implementato <literal>S2</literal>,
- ma se tu lo hai, simile a <literal>S1</literal>.
- La prossima cosa da provare <literal>S3</literal>.
- Questo lo stato pi profondo
- <acronym>STR</acronym> e richiede molto supporto
- dal driver per reinizializzare il tuo hardware.
- Se hai problemi a riavviarlo, sentiti libero
- di segnalarlo via mail alla lista &a.acpi.name; ma non
- aspettarti che il problema sia risolto dato che ci
- sono molti driver/hardware che hanno bisogno
- di test e di lavoro aggiuntivo.</para>
-
- <para>Per aiutare ad isolare il problema, rimuovi quanti
- pi driver possibile dal tuo kernel. Se funziona,
- puoi scoprire quale driver causa il problema
- caricando dei driver fino a che il problema si
- ripresenta. Tipicamente i driver binari come
- <filename>nvidia.ko</filename>, i driver di display
- di X11, e <acronym>USB</acronym> avranno la maggior parte
- dei problemi mentre interfacce Ethernet funzioneranno bene.
- Se puoi caricare/scaricare driver correttamente, puoi
- automatizzare questo piazzando i comandi appropriati
- in <filename>/etc/rc.suspend</filename> e
- <filename>/etc/rc.resume</filename>. C'
- un esempio commentato su come caricare e scaricare un driver.
- Prova a impostare <option>hw.acpi.reset_video</option> a zero
- (<literal>0</literal>) se il tuo display confuso
- dopo il riavvio. Prova a impostare valori pi lunghi
- o corti per <option>hw.acpi.sleep_delay</option> per
- vedere se aiuta.</para>
-
- <para>Un'altra cosa da provare caricare una distribuzione
- Linux recente con supporto <acronym>ACPI</acronym> e testare
- il loro supporto sospensione/riavvio sullo stesso hardware.
- Se funziona su Linux, probabile che sia un problema
- driver relativo a &os; e restringere il campo di indagine su quale
- driver causi il problema pu aiutare a risolvere
- il problema. Notate che i manutentori di <acronym>ACPI</acronym>
- non mantengono altri driver (ad esempio suono, <acronym>ATA</acronym>,
- etc.) cos ogni lavoro fatto sull'identificazione
- del problema del driver dovrebbe alla fine essere risolto dalla lista
- &a.current.name; e inviato via mail al manutentore del driver.
- Se ti senti avventuroso, vai avanti e inizia a porre qualche
- &man.printf.3; in un driver che d problemi per tracciare
- in quale driver nella sua funzione di resume vada in palla.</para>
-
- <para>Alla fine, cerca di disabilitare <acronym>ACPI</acronym> ed
- ad abilitare <acronym>APM</acronym> invece. Se la sospensione ed il
- riavvio funziona con <acronym>APM</acronym>, meglio che tu
- continui con <acronym>APM</acronym>, specialmente su hardware vecchio
- (pre-2000). Ci vuole un p di tempo per i venditori per
- ottenere un supporto corretto all'<acronym>ACPI</acronym> e
- l'hardware pi vecchio pi probabile che abbia
- problemi <acronym>BIOS</acronym> con <acronym>ACPI</acronym>.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Blocco del Sistema (temporanea o permanente)</title>
-
- <para>La maggior parte dei blocchisono causati da interrupt
- persi o da una tempesta di interrupt. I chipset hanno un sacco
- di problemi su come il <acronym>BIOS</acronym> configuri gli
- interrupt prima del boot, la correttezza delle tabelle
- <acronym>ACPI</acronym> (<acronym>MADT</acronym>) ed il routing del
- <firstterm>System Control Interrupt</firstterm>
- (<acronym>SCI</acronym>).</para>
-
- <indexterm><primary>tempesta di interrupt</primary></indexterm>
-
- <para>Le tempeste di interrupt possono essere distinte
- da interrupt persi controllando l'output di
- <command>vmstat -i</command> e guardando alla linea che
- riguarda <literal>acpi0</literal>. Se il contatore
- sta avanzando pi di un paio di secondi per volta,
- hai una tempesta di interrupt. Se il sistema si blocca,
- cerca di di entrare in <acronym>DDB</acronym>
- (<keycombo action="simul"><keycap>CTRL</keycap>
- <keycap>ALT</keycap><keycap>ESC</keycap></keycombo> sulla
- console) e digita <literal>show interrupts</literal>.</para>
-
- <indexterm>
- <primary>APIC</primary>
- <secondary>disabilitare</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il modo migliore in caso di problemi di interrupt
- provare a disabilitare il supporto <acronym>APIC</acronym>
- con <literal>hint.apic.0.disabled="1"</literal> in
- <filename>loader.conf</filename>.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Panici</title>
-
- <para>I panici sono relativamente rari per <acronym>ACPI</acronym>
- e sono il primo problema ad essere
- corretto. Il primo passo da fare riprodurre
- il panico (se possibile) ed ottenere un backtrace. Segui
- l'avvertimento per abilitare <literal>options DDB</literal>
- e imposta una console seriale (vedi la <xref linkend="serialconsole-ddb"/>)
- o imposta una partizione di &man.dump.8;. Puoi ottenere
- un backtrace in <acronym>DDB</acronym> con <literal>tr</literal>.
- Se hai scritto a mano il backtrace, accertati di ottenere
- le ultime cinque (5) e le prime cinque (5) linee nella
- traccia.</para>
-
- <para>Poi, prova ad isolare il problema facendo boot con
- <acronym>ACPI</acronym> disabilitato. Se funziona, puoi
- isolare il sottosistema <acronym>ACPI</acronym> usando vari valori
- di <option>debug.acpi.disable</option>. Leggi la pagina di
- manuale di &man.acpi.4; per alcuni esempi.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Riavvii di sistema dopo Sospensioni o Spegnimenti</title>
-
- <para>Prima, cerca di impostare
- <literal>hw.acpi.disable_on_poweroff="0"</literal> in
- &man.loader.conf.5;.
- Questo fa s che <acronym>ACPI</acronym> abbia disabilitato
- alcuni eventi durante il processo di shutdown. Alcuni sistemi
- hanno bisogno di impostare questo valore a <literal>1</literal>
- (il default) per la stessa ragione. Questo di solito aggiusta
- il problema di un sistema che si accende spontaneamente dopo
- una sospensione o uno spegnimento.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Altri problemi</title>
-
- <para>Se hai altri problemi con <acronym>ACPI</acronym>
- (lavorare con un docking station, dispositivi non trovati, ecc.),
- per favore invia via mail una descrizione anche alla mailing list;
- comunque, alcune di queste questioni possono essere correlate
- a parti del sottosistema <acronym>ACPI</acronym> cos
- pu volerci un p prima che siano implementate.
- Per favore sii paziente e preparato a testare le patch
- che ti vengono inviate.</para>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-aslanddump">
- <title><acronym>ASL</acronym>, <command>acpidump</command>, e
- <acronym>IASL</acronym></title>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>ASL</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il pi comune problema il <acronym>BIOS</acronym>
- di venditori che forniscono bytecode incorretto (o addirittura
- con bachi). Questo si deduce usualmente da messaggi del kernel come
- questo:</para>
-
- <screen>ACPI-1287: *** Error: Method execution failed [\\_SB_.PCI0.LPC0.FIGD._STA] \\
-(Node 0xc3f6d160), AE_NOT_FOUND</screen>
-
- <para>Spesso puoi risolvere questi problemi aggiornando il tuo
- <acronym>BIOS</acronym> all'ultima versione. La maggior parte
- dei messaggi di console non indica nulla di notevole, ma se hai
- altri problemi come lo stato della batteria non funzionante, questi sono
- un buon inizio per iniziare a cercare problemi in
- <acronym>AML</acronym>.
- Il bytecode, noto come <acronym>AML</acronym>, compilato da
- un insieme di codici sorgenti chiamato <acronym>ASL</acronym>.
- L'<acronym>AML</acronym>, trovato nella
- tabella nota come come <acronym>DSDT</acronym>. Per trovare una
- copia del tuo <acronym>ASL</acronym> usa &man.acpidump.8;. Dovresti
- usare entrambe le opzioni <option>-t</option> (mostra i
- contenuti della tabella fissa) e la <option>-d</option> (disassembla
- <acronym>AML</acronym> ad <acronym>ASL</acronym>).
- Vedi la sezione <link linkend="ACPI-submitdebug">Fornire
- Informazione di Debug</link> per un esempio della sintassi.</para>
-
- <para>Il tuo primo controllo che puoi fare ricompilare
- il tuo <acronym>ASL</acronym> per controllare errori.
- Possono essere ignorati i 'warning' ma gli errori sono
- bachi che impediranno all'<acronym>ACPI</acronym> di
- funzionare correttamente. Per ricompilare il tuo
- <acronym>ASL</acronym>, usa il comando seguente:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>iasl your.asl</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-fixasl">
- <title>Aggiustare il tuo <acronym>ASL</acronym></title>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>ASL</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Alla lunga, il nostro obiettivo avere
- <acronym>ACPI</acronym> che funzioni per tutti senza intervento. A
- questo punto, comunque stiamo ancora sviluppando workaround per errori
- comuni fatti dal venditore del <acronym>BIOS</acronym>.
- L'interprete &microsoft; (<filename>acpi.sys</filename> e
- <filename>acpiec.sys</filename>) non strettamente conforme
- agli standard, e cos molti venditori
- <acronym>BIOS</acronym> che testano solo <acronym>ACPI</acronym>
- sotto &windows; non aggiustano mai il loro <acronym>ASL</acronym>.
- Vogliamo continuare a identificare e documentare esattamente
- quali comportamenti non standard sono concessi dall'interprete
- &microsoft; e replicarlo cosicch &os; pu
- funzionare senza forzare gli utenti ad usare <acronym>ASL</acronym>.
- Come workaround e per aiutarci ad identificare il comportamento
- puoi fissare la <acronym>ASL</acronym> manualmente.
- Se questo funziona per favore invia un &man.diff.1;
- del vecchio e del nuovo <acronym>ASL</acronym>,
- cosicch possiamo lavorare attorno al
- comportamento bacato di <acronym>ACPI-CA</acronym> e cos
- rimettere a posto il necessario.</para>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>messaggi di errore</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Qui c' una lista di messaggi di errori comuni,
- le loro cause e come fissarli:</para>
-
- <sect3>
- <title>Dipendenze OS</title>
-
- <para>Alcuni <acronym>AML</acronym> assumono che il mondo
- consiste di varie versioni &windows;. Puoi far s che
- &os; simuli qualsiasi <acronym>OS</acronym> per vedere se questo
- risolve il problema che hai. Un modo facile per sovrascrivere
- questo porre <literal>hw.acpi.osname="Windows 2001"</literal>
- in <filename>/boot/loader.conf</filename> o altre stringhe simili
- che trovi nella <acronym>ASL</acronym>.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Valori di Ritorno Mancanti</title>
-
- <para>Alcuni metodi non ritornano esplicitamente un valore
- come i requisiti standard. Mentre <acronym>ACPI-CA</acronym>
- non gestisce questo, &os; ha un workaround che permette
- di ritornare i valori implicitamente. Puoi anche aggiungere
- espliciti Valori di Ritorno dove si richiede se sai quale
- valore dovrebbe essere ritornato. Per forzare
- <command>iasl</command> a compilare l'<acronym>ASL</acronym>
- usa il flag <option>-f</option>.</para>
- </sect3>
-
- <sect3>
- <title>Sovrascrivere il Default <acronym>AML</acronym></title>
-
- <para>Dopo che personalizzi il tuo <filename>your.asl</filename>,
- potresti volerlo compilare, esegui:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>iasl your.asl</userinput></screen>
-
- <para>Puoi aggiungere il flag <option>-f</option> per forzare
- la creazione dell'<acronym>AML</acronym>, anche se ci
- sono errori durante la compilazione. Ricorda che alcuni
- errori (ad esempio valori di Ritorno mancanti) sono
- automaticamente riaggiustati dall'interprete.</para>
-
- <para><filename>DSDT.aml</filename> il nome del file
- di default del comando <command>iasl</command>.
- Puoi caricare questo invece della copia
- difettosa del tuo <acronym>BIOS</acronym> (che
- ancora presente in memoria) editando il file
- <filename>/boot/loader.conf</filename> come segue:</para>
-
- <programlisting>acpi_dsdt_load="YES"
-acpi_dsdt_name="/boot/DSDT.aml"</programlisting>
-
- <para>Assicurati di copiare il tuo file <filename>DSDT.aml</filename>
- nella directory <filename>/boot</filename>.</para>
- </sect3>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-debugpoint">
- <title>Ottenere Output di Debug da <acronym>ACPI</acronym></title>
-
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>problemi</secondary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>ACPI</primary>
- <secondary>debug</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Il driver <acronym>ACPI</acronym> ha una facility di debug
- molto utile. Permette di specificare un insieme di
- sottosistemi come anche un livello di verbosit.
- I sottosistemi che desideri debuggare sono specificati
- come <quote>strati</quote> e sono divisi in componenti
- <acronym>ACPI-CA</acronym> (ACPI_ALL_COMPONENTS)
- e supporto hardware <acronym>ACPI</acronym> (ACPI_ALL_DRIVERS).
- La verbosit dell'output di debug specificata
- come <quote>livello</quote> e varia da ACPI_LV_ERROR (riporta solo
- gli errori) ad ACIP_LV_VERBOSE (tutto). Il <quote>livello</quote>
- una bitmask che fa s che molte opzioni
- possano essere impostate una alla volta, separate da spazi.
- In pratica, puoi usare una console seriale per loggare
- l'output se cos lungo da riempire
- il buffer di messaggi della console. Una lista completa
- degli strati individuali e dei livelli disponibile nella pagina
- man &man.acpi.4;.</para>
-
- <para>L'output di debug non abilitato di default.
- Per abilitarlo, aggiungi <literal>options ACPI_DEBUG</literal>
- al tuo file di configurazione del kernel se <acronym>ACPI</acronym>
- compilato nel kernel. Puoi aggiungere
- <literal>ACPI_DEBUG=1</literal> al tuo
- <filename>/etc/make.conf</filename> per abilitarlo in modo globale.
- Se un modulo, puoi ricompilare soltanto il tuo modulo
- <filename>acpi.ko</filename> come segue:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /sys/modules/acpi/acpi
-&amp;&amp; make clean &amp;&amp;
-make ACPI_DEBUG=1</userinput></screen>
-
- <para>Installa <filename>acpi.ko</filename> in
- <filename>/boot/kernel</filename>
- ed aggiungi il tuo livello desiderato e gli strati
- in <filename>loader.conf</filename>.
- Questo esempio abilita i messaggi per tutti i
- componenti <acronym>ACPI-CA</acronym> e tutti i driver
- hardware <acronym>ACPI</acronym> (<acronym>CPU</acronym>,
- <acronym>LID</acronym>, etc.). Produrr solo
- messaggi di errore, i meno verbosi.</para>
-
- <programlisting>debug.acpi.layer="ACPI_ALL_COMPONENENTS ACPI_ALL_DRIVERS"
-debug.acpi.level="ACPI_LV_ERROR"</programlisting>
-
- <para>Se l'informazione che vuoi ottenere prodotta da
- un evento specifico (ad esempio, una sospensione ed un riavvio),
- puoi tralasciare i cambiamenti di <filename>loader.conf</filename>
- ed invece usare <command>sysctl</command> per specificare lo
- strato ed il livello dopo il boot e preparare il tuo sistema
- per l'evento specifico. I <command>sysctl</command> sono nominati
- allo stesso modo dei parametri in
- <filename>loader.conf</filename>.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="ACPI-References">
- <title>Riferimenti</title>
-
- <para>Maggiori informazioni su <acronym>ACPI</acronym> possono essere
- trovate nei seguenti posti:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>La &a.acpi;</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Gli archivi della mailing list <acronym>ACPI</acronym>
- <uri xlink:href="http://lists.freebsd.org/pipermail/freebsd-acpi/">http://lists.freebsd.org/pipermail/freebsd-acpi/</uri></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>I vecchi archivi della mailing list <acronym>ACPI</acronym>
- <uri xlink:href="http://home.jp.FreeBSD.org/mail-list/acpi-jp/">http://home.jp.FreeBSD.org/mail-list/acpi-jp/</uri></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>La specificazione <acronym>ACPI</acronym> 2.0
- <uri xlink:href="http://acpi.info/spec.htm">http://acpi.info/spec.htm</uri></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Le pagine man di &os;: &man.acpi.4;,
- &man.acpi.thermal.4;, &man.acpidump.8;, &man.iasl.8;,
- &man.acpidb.8;</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para><link xlink:href="http://www.cpqlinux.com/acpi-howto.html#fix_broken_dsdt">
- Le risorse di debugging di <acronym>DSDT</acronym></link>.
- (Usa Compaq come esempio ma sempre utile.)</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </sect2>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/Makefile
deleted file mode 100644
index 89072448ed..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= cutting-edge/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 227ca97558..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/cutting-edge/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,49 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="cutting-edge">
- <title>Lo Stato dell'Arte</title>
-
- <sect1>
- <title>Sinossi</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="current-stable">
- <title>&os.current; vs. &os.stable;</title>
-
- <sect2 xml:id="current">
- <title>Staying Current with &os;</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="stable">
- <title>Staying Stable with &os;</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="synching">
- <title>Synchronizing Your Source</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="makeworld">
- <title>Using <command>make world</command></title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="small-lan">
- <title>Tracking for multiple machines</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/Makefile
deleted file mode 100644
index 826714edfe..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= desktop/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 98b95702d7..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/desktop/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,1248 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.75
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="desktop">
- <info><title>Applicazioni Desktop</title>
- <authorgroup>
- <author><personname><firstname>Christophe</firstname><surname>Juniet</surname></personname><contrib>Contributo di </contrib></author>
- </authorgroup>
- </info>
-
-
-
- <sect1 xml:id="desktop-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <para>FreeBSD pu far girare una gran variet di applicazioni
- desktop, come ad esempio browser per la navigazione ed editor di testi.
- La maggior parte di questi sono disponibili in pacchetti o possono
- essere automaticamente installati dalla collezione di port. Molti nuovi
- utenti si aspettano di trovare questo tipo di applicazioni nei loro
- desktop. Questo capitolo ti mostrer come installare alcune
- popolari applicazioni desktop, dai package o dalla collezione
- dei port.</para>
-
- <para>Da notare che quando installiamo programmi dalla collezione dei
- port, questi sono compilati dai sorgenti. Questa operazione potrebbe
- durare molto tempo, dipende da cosa stai compilando e dalla potenza della
- tua macchina. Se per te compilare i sorgenti occupa un arco di tempo
- troppo lungo, puoi installare la maggior parte dei programmi
- della collezione dei port da pacchetti precompilati.</para>
-
- <para>Visto che FreeBSD compatibile con i binari di Linux, molte
- applicazione originariamente scritte per Linux sono disponibili
- per il tuo desktop. fortemente raccomandata la lettura del
- <xref linkend="linuxemu"/> prima di installare qualsiasi
- applicazione per Linux. La maggior parte dei port che sfruttano la
- compatibilit con Linux iniziano con <quote>linux-</quote>.
- Ricordatelo quando cerchi un port in particolare, per esempio con
- &man.whereis.1;. Nella parte seguente, si presuppone che tu abbia
- installato il supporto per la compatibilit con i binari di Linux
- prima di installare qualsiasi applicazione per Linux.</para>
-
- <para>Queste sono le categorie software trattate in questo capitolo:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Browser (come ad es. <application>Mozilla</application>,
- <application>Opera</application>,
- <application>Firefox</application>,
- <application>Konqueror</application>)</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Produttivit (come ad es.
- <application>KOffice</application>,
- <application>AbiWord</application>,
- <application>The GIMP</application>,
- <application>OpenOffice.org</application>)</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Visualizzatori di documenti (come ad es.
- <application>&acrobat.reader;</application>,
- <application>gv</application>,
- <application>Xpdf</application>,
- <application>GQview</application>)</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Finance (come ad es. <application>GnuCash</application>,
- <application>Gnumeric</application>,
- <application>Abacus</application>)</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Prima di leggere questo capitolo, dovresti:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Essere in grado di installare altro software di terze parti
- (<xref linkend="ports"/>).</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Essere in grado di installare altro software per Linux
- (<xref linkend="linuxemu"/>).</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para>Per informazioni su come avere un ambiente multimediale, leggi il
- <xref linkend="multimedia"/>. Se vuoi installare e usare l'e-mail, sono
- presenti riferimenti nel <xref linkend="mail"/>.</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="desktop-browsers">
- <title>Browser</title>
-
- <indexterm>
- <primary>browser</primary>
- <secondary>web</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>In FreeBSD non viene preinstallato nessun browser in particolare.
- Invece, la directory <link xlink:href="http://www.FreeBSD.org/ports/www.html">www</link> della collezione
- dei port contiene molti browser pronti per essere installati. Se non hai
- il tempo di compilare tutto (in alcuni casi potrebbe occupare molto tempo)
- molti di questi sono disponibili come package.</para>
-
- <para><application>KDE</application> e anche
- <application>GNOME</application> hanno dei browser HTML.
- Guarda la <xref linkend="x11-wm"/> per avere informazioni
- su come installare questi ambienti desktop.</para>
-
- <para>Se stai cercando dei browser leggeri, dovresti
- controllare la collezione dei port per
- <package>www/dillo</package>,
- <package>www/links</package>, oppure
- <package>www/w3m</package>.</para>
-
- <para>Questa sezione riguarda le seguenti applicazioni:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="4">
- <thead>
- <row>
- <entry>Nome dell'applicazione</entry>
-
- <entry>Livello di risorse necessarie</entry>
-
- <entry>Installazione dai port</entry>
-
- <entry>Principali dipendenze</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><application>Mozilla</application></entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>Gtk+</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Opera</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>Versione FreeBSD e versione per Linux. La
- versione per Linux ha come dipendenze la
- Compatibilit binaria con Linux e
- <application>linux-openmotif</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Firefox</application></entry>
-
- <entry>medio</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>Gtk+</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Konqueror</application></entry>
-
- <entry>medio</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry>Librerie <application>KDE</application></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <sect2>
- <title>Mozilla</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Mozilla</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>Mozilla</application> un browser moderno,
- stabile, e completamente supportato da FreeBSD: tra le caratteristiche
- un motore di visualizzazione di pagine che segue completamente lo
- standard HTML; ha inoltre un lettore di mail e news. Presenta anche un
- editor HTML se vuoi comporre della pagine web. Gli utenti di
- <application>&netscape;</application> riconosceranno
- le somiglianze con la suite <application>Communicator</application>,
- in quanto entrambi i browser condividono parte dello sviluppo.</para>
-
- <para>Su macchine lente, con una velocit di CPU minore di 233MHz o
- con meno di 64MB di RAM, <application>Mozilla</application>
- potrebbe utilizzare troppe risorse per essere eseguito al meglio.
- Potresti invece dare un'occhiata al browser
- <application>Opera</application> descritto poco pi avanti
- in questo capitolo.</para>
-
- <para>Se non puoi o non vuoi compilare
- <application>Mozilla</application>, per qualsiasi ragione, il FreeBSD
- GNOME team l'ha gi fatto per te. Devi solo installare
- il pacchetto dalla rete con:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r mozilla</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile, e hai abbastanza tempo
- e spazio su disco, puoi prelevare i sorgenti di
- <application>Mozilla</application>, compilarli e installarli
- sul tuo sistema. Questo pu essere fatto con:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/www/mozilla</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
-
- <para>Puoi assicurarti una corretta inizializzazione del port di
- <application>Mozilla</application> attraverso l'esecuzione dell'utility
- chrome registry setup con i privilegi di <systemitem class="username">root</systemitem>. In
- ogni caso se vuoi prelevare alcuni add-ons come ad esempio gestori del
- mouse, dovresti eseguire <application>Mozilla</application> come
- <systemitem class="username">root</systemitem> per installarli correttamente.</para>
-
- <para>Una volta completata l'installazione di
- <application>Mozilla</application>, non necessiti di essere ancora
- <systemitem class="username">root</systemitem>. Puoi avviare
- <application>Mozilla</application> come browser digitando:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>mozilla</userinput></screen>
-
- <para>Puoi avviarlo direttamente come lettore di mail e news come
- mostrato qui sotto:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>mozilla -mail</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Firefox</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Firefox</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>Firefox</application> il browser
- di nuova generazione basato sul codice di
- <application>Mozilla</application>.
- <application>Mozilla</application> una suite di
- applicazioni completa, includendo un browser, un client di
- posta elettronica, un client per chat e altro ancora.
- <application>Firefox</application> solo un browser,
- e ci lo rende di piccole dimensioni e veloce.</para>
-
- <para>Installa il package con:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r firefox</userinput></screen>
-
- <para>Puoi usare anche la collezione dei port se preferisci compilare il
- codice sorgente:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/www/firefox</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="moz-java-plugin">
- <title>Firefox, Mozilla e il plugin &java;</title>
-
- <note>
- <para>In questa sezione e nella prossima, si presuppone
- che <application>Firefox</application> o
- <application>Mozilla</application> siano gi
- installati.</para>
- </note>
-
- <para>La &os; Foundation ha una licenza con Sun Microsystems
- per distribuire i binari di &os; relativi alla Java Runtime
- Environment (&jre;) e al Java Development Kit (&jdk;).
- I package binari per &os; sono disponibili sul sito web della
- <link xlink:href="http://www.freebsdfoundation.org/downloads/java.shtml">&os;
- Foundation</link>.</para>
-
- <para>Per aggiungere il supporto &java; a
- <application>Firefox</application> o a
- <application>Mozilla</application>, devi prima installare
- il port <package>java/javavmwrapper</package>. Quindi,
- scarica il package <application>Diablo &jre;</application>
- da <uri xlink:href="http://www.freebsdfoundation.org/downloads/java.shtml">http://www.freebsdfoundation.org/downloads/java.shtml</uri>,
- e installalo con &man.pkg.add.1;.</para>
-
- <para>Avvia il tuo browser, digita
- <literal>about:plugins</literal> nella barra degli indirizzi e premi
- <keycap>Invio</keycap>. Verr visualizzata una pagina con
- un riepilogo dei plugin installati, tra i quali dovrebbe comparire
- il plugin di <application>&java;</application>.
- Se questo non accade, come <systemitem class="username">root</systemitem>,
- dai il comando seguente:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>ln -s /usr/local/diablo-jre1.5.0/plugin/i386/ns7/libjavaplugin_oji.so \
- /usr/local/lib/browser_plugins/</userinput></screen>
-
- <para>quindi riavvia il tuo browser.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="moz-flash-plugin">
- <title>Firefox, Mozilla e il plugin &flash; della &macromedia;</title>
-
- <para>Il plugin &flash; della &macromedia; non disponibile
- per &os;. Tuttavia, esiste uno strato applicativo (wrapper) per
- eseguire una versione Linux del plugin. Questo wrapper inoltre
- supporta i plugin &adobe; &acrobat;, il plugin &realplayer; e
- altri.</para>
-
- <para>Installa il port <package>www/linuxpluginwrapper</package>.
- Questo port richiede <package>emulators/linux_base</package> che un
- port di notevoli dimensioni. Segui le istruzioni a video per inizializzare
- correttamente il tuo <filename>/etc/libmap.conf</filename>! Esempi
- di configurazione sono installati nella directory
- <filename>/usr/local/share/examples/linuxpluginwrapper/</filename>.</para>
-
- <para>Il prossimo passo installare il port <package>www/linux-flashplugin7</package>.
- Quando hai installato il plugin, avvia il tuo browser, digita
- <literal>about:plugins</literal> nella barra degli indirizzi e premi
- <keycap>Invio</keycap>.
- Dovrebbe comparire una lista con tutti i plugin disponibili.</para>
-
- <para>Se il plugin di &flash; non viene elencato, nella maggior parte dei casi
- si tratta di un link simbolico mancante. Digita i seguenti comandi come
- <systemitem class="username">root</systemitem>:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>ln -s /usr/local/lib/npapi/linux-flashplugin/libflashplayer.so \
- /usr/local/lib/browser_plugins/</userinput>
-&prompt.root; <userinput>ln -s /usr/local/lib/npapi/linux-flashplugin/flashplayer.xpt \
- /usr/local/lib/browser_plugins/</userinput></screen>
-
- <para>Se fai ripartire il browser il plugin dovrebbe ora
- comparire nella lista menzionata in precedenza.</para>
-
- <note>
- <para><application>linuxpluginwrapper</application> funziona solo su
- architetture &i386;.</para>
- </note>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Opera</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Opera</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>Opera</application> un browser
- pieno di funzionalit, basato sugli standard attuali.
- Tra le altre cose include un client di posta, di news, un
- client IRC e un lettore RSS/Atom.
- <application>Opera</application> relativamente leggero
- e molto veloce. disponibile in due versioni: una
- <quote>nativa</quote> per FreeBSD
- e una che gira sotto emulazione Linux.</para>
-
- <para>Per navigare nel web con la versione per FreeBSD di
- <application>Opera</application>, installa il package:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r opera</userinput></screen>
-
- <para>Alcuni siti FTP non hanno tutti i pacchetti, ma possibile
- ottenere <application>Opera</application> con la collezione dei port
- digitando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/port/www/opera</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
-
- <para>Per installare la versione Linux di
- <application>Opera</application>, sostituisci
- <literal>linux-opera</literal> al posto di
- <literal>opera</literal> nell'esempio sopra. La versione Linux
- utile in situazioni che richiedono l'uso di plugin
- che sono disponibili solo per Linux, come ad esempio <application>Adobe
- &acrobat.reader;</application>. In tutti gli altri casi, le versioni
- per FreeBSD e Linux dovrebbero funzionare all stesso modo.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Konqueror</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Konqueror</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>Konqueror</application> fa parte di
- <application>KDE</application> ma anche possibile usarlo senza
- <application>KDE</application> installando
- <package>x11/kdebase3</package>.
- <application>Konqueror</application> molto pi che
- un browser, anche un file manager e un lettore
- multimediale.</para>
-
- <para>Esistono alcuni plugin per <application>Konqueror</application>,
- disponibili in <package>misc/konq-plugins</package>.</para>
-
- <para><application>Konqueror</application> supporta
- <application>&flash;</application>; un <quote>How To</quote>
- per ottenere supporto a <application>&flash;</application> con
- <application>Konqueror</application>
- disponibile al link <uri xlink:href="http://freebsd.kde.org/howto.php">http://freebsd.kde.org/howto.php</uri>.</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="desktop-productivity">
- <title>Produttivit</title>
-
- <para>Quando si parla di produttivit, i nuovi utenti spesso cercano
- un buon pacchetto office o un facile e completo editor di testi.
- Non ci sono applicativi di produttivit di default, mentre alcuni
- <link linkend="x11-wm">ambienti desktop</link> come
- <application>KDE</application> sono muniti di un pacchetto office.
- FreeBSD dispone di tutto ci che necessario,
- indipendentemente dal tuo ambiente desktop.</para>
-
- <para>Questa sezione riguarda le seguenti applicazioni:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="4">
- <thead>
- <row>
- <entry>Nome dell'applicazione</entry>
-
- <entry>Livello di risorse necessarie</entry>
-
- <entry>Installazione dai port</entry>
-
- <entry>Principali dipendenze</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><application>KOffice</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>KDE</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>AbiWord</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry><application>Gtk+</application> o
- <application>GNOME</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>The Gimp</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>Gtk+</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>OpenOffice.org</application></entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry>molto pesante</entry>
-
- <entry><application>&jdk; 1.4</application>,
- <application>Mozilla</application></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <sect2>
- <title>KOffice</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>KOffice</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>suite per ufficio</primary>
- <secondary><application>KOffice</application></secondary>
- </indexterm>
-
- <para>La comunit KDE ha fornito il suo ambiente desktop
- di un pacchetto office che pu essere usato all'esterno
- dell'ambiente <application>KDE</application>. Questo include le
- quattro principali componenti che sono presenti nelle altre
- principale suite di office.
- <application>KWord</application> l'editor di testi,
- <application>KSpread</application> il foglio di calcolo
- elettronico, <application>KPresenter</application> gestisce
- presentazioni a slide e <application>Kontour</application> ti permette
- di disegnare documenti grafici.</para>
-
- <para>Prima di installare l'ultima release di
- <application>KOffice</application>, assicurati di avere una
- versione aggiornata di <application>KDE</application>.</para>
-
- <para>Per installare <application>KOffice</application> come
- pacchetto, inserisci il seguente comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r koffice</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile puoi usare la collezione
- dei port. Per esempio, per installare
- <application>KOffice</application> per
- <application>KDE3</application>, digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/editors/koffice-kde3</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>AbiWord</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>AbiWord</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>AbiWord</application> un editor di testi
- gratuito simile in aspetto e non solo a <application>&microsoft;
- Word</application>.
- adatto per la digitazione di documenti, lettere, reports,
- appunti e cos via. molto veloce, contiene molte
- funzioni, ed molto facile da usare.</para>
-
- <para><application>AbiWord</application> pu importare ed esportare
- file di molti tipi, compreso alcuni formati proprietari come i
- <filename>.doc</filename> di &microsoft;.</para>
-
- <para><application>AbiWord</application> disponibile come
- package. Puoi installarlo digitando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r abiword</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile puoi recuperarlo dalla
- collezione dei port. La collezione dei port dovrebbe essere molto
- pi aggiornata. Puoi fare come segue:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/editors/abiword</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>GIMP</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>GIMP</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para>Per il disegno o il ritocco delle immagini,
- <application>GIMP</application> un programma di
- manipolazione immagini molto sofisticato.
- Pu essere usato come un semplice
- programma di disegno o come un programma di foto-ritocco professionale.
- Supporta un grande numero di plug-in, funzioni e un'interfaccia di
- scripting.
- <application>GIMP</application> pu leggere e scrivere
- una enorme quantit di formati di file.
- Offre supporto di interfacce per scanner o tavolette.</para>
-
- <para>Puoi installare il pacchetto con il seguente
- comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r gimp</userinput></screen>
-
- <para>Se il tuo sito FTP non ha il pacchetto, puoi usare
- la collezione dei port. La directory
- <link xlink:href="http://www.FreeBSD.org/ports/graphics.html">graphics</link>
- della collezione dei port contiene anche
- <application>Il Manuale di Gimp</application>.
- Di seguito riportiamo come installarli:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/graphics/gimp</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput>
-&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/graphics/gimp-manual-pdf</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
-
- <note>
- <para>La directory <link xlink:href="http://www.FreeBSD.org/ports/graphics.html">graphics</link>
- della collezione dei port contiene la versione di sviluppo
- di <application>GIMP</application> in
- <package>graphics/gimp-devel</package>.
- La versione in formato HTML del
- <application>Manuale di Gimp</application> disponibile in
- <package>graphics/gimp-manual-html</package>.</para>
- </note>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>OpenOffice.org</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>OpenOffice.org</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>suite per ufficio</primary>
- <secondary><application>OpenOffice.org</application></secondary>
- </indexterm>
-
- <para><application>OpenOffice.org</application> unisce tutte
- le applicazioni necessarie in un completo pacchetto office di
- produttivit personale: un editor di testi, un foglio di calcolo,
- un software per le presentazioni e uno di disegno. La sua interfaccia
- utente molto simile alle altre suite di office, pu
- inoltre importare ed esportare file in diversi popolari formati.
- disponibile in un gran numero di differenti lingue
- &mdash; l'internazionalizzazione stata estesa alle interfacce,
- ai correttori ortografici, e ai dizionari.</para>
-
- <para>L'editor di testi di
- <application>OpenOffice.org</application> usa come formato di file
- nativo il formato XML per incrementare la portabilit e la
- flessibilit. Il foglio di calcolo elettronico incorpora un
- linguaggio per le macro che pu essere interfacciato con
- un database esterno.
- <application>OpenOffice.org</application> stabile e
- e gira nativamente sotto &windows;, &solaris;, Linux, FreeBSD, e
- &macos;&nbsp;X. Altre informazioni riguardo
- <application>OpenOffice.org</application> possono essere trovate sul
- <link xlink:href="http://www.openoffice.org/">sito web di OpenOffice.org</link>.
- Per informazioni specifiche su FreeBSD, e per scaricare direttamente i
- package, usa il sito web del <link xlink:href="http://porting.openoffice.org/freebsd/">FreeBSD OpenOffice.org
- Porting Team</link>.</para>
-
- <para>Per installare <application>OpenOffice.org</application>,
- digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r openoffice.org</userinput></screen>
-
- <note>
- <para>Questo potrebbe funzionare quando hai una versione -RELEASE di &os;.
- Altrimenti, dovresti dare un'occhiata al sito web del
- <application>OpenOffice.org</application> Porting Team per scaricare
- ed installare con &man.pkg.add.1;
- il package appropriato. Sul sito sono disponibili sia la release corrente
- che la versione di sviluppo.</para>
- </note>
-
- <para>Una volta installato il pacchetto, devi digitare il comando
- seguente per avviare
- <application>OpenOffice.org</application>:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>openoffice.org</userinput></screen>
-
- <note>
- <para>Al primo avvio ti verrano poste alcune questioni e verr
- creata la cartella <filename>.openoffice.org2</filename> nella
- tua directory home.</para>
- </note>
-
- <para>Se il pacchetto <application>OpenOffice.org</application>
- non disponibile hai ancora la possibilit di compilare il
- port. Come sempre, devi tenere presente che necessiterai di molto spazio
- nel tuo hard disk e di molto tempo per la compilazione.</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/editors/openoffice.org-2</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
-
- <note>
- <para>Se vuoi compilare una versione localizzata, sostituisci
- la linea di comando precedente con questa:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>make LOCALIZED_LANG=il_tuo_linguaggio install clean</userinput></screen>
-
- <para>Sostituisci
- <replaceable>il_tuo_linguaggio</replaceable> con il codice
- ISO-code corretto. Una lista di codici di linguaggi supportati
- disponibile nel file
- <filename>files/Makefile.localized</filename>, posto nella
- directory del port.</para>
- </note>
-
- <para>Fatto ci,
- <application>OpenOffice.org</application> pu essere avviato con
- il comando:</para>
-
- <screen>&prompt.user; <userinput>openoffice.org</userinput></screen>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="desktop-viewers">
- <title>Visualizzatori di Documenti</title>
-
- <para>Alcuni nuovi formati di documenti hanno recentemente guadagnato
- popolarit dall'avvento di &unix;; i visualizzatori standard
- che richiedono potrebbero non essere inclusi nel sistema base.
- Vedremo come installare questi visualizzatori in questa sezione.</para>
-
- <para>Questa sezione riguarda le seguenti applicazioni:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="4">
- <thead>
- <row>
- <entry>Nome dell'applicazone</entry>
-
- <entry>Livello di risorse necessarie</entry>
-
- <entry>Installazione dai port</entry>
-
- <entry>Maggiori dipendenze</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><application>&acrobat.reader;</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>Supporto per la compatibilit per i binari
- Linux</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>gv</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry><application>Xaw3d</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Xpdf</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry><application>FreeType</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>GQview</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry><application>Gtk+</application> o
- <application>GNOME</application></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <sect2>
- <title>&acrobat.reader;</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Acrobat Reader</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>PDF</primary>
- <secondary>visualizzatore</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Molti documenti sono ora distribuiti come documenti in PDF,
- che significa <quote>Portable Document Format</quote>. Uno
- dei visualizzatori raccomandati per file di questo tipo
- <application>&acrobat.reader;</application>, rilasciato da Adobe
- per Linux. Visto che FreeBSD pu eseguire binari per Linux,
- disponibile anche per FreeBSD.</para>
-
- <para>Per installare <application>&acrobat.reader; 7</application>
- dalla collezione dei port, digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/print/acroread7</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
-
- <para>Il package non disponibile a causa di restrizioni
- di licenza.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>gv</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>gv</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>PDF</primary>
- <secondary>visualizzatore</secondary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>PostScript</primary>
- <secondary>visualizzatore</secondary>
- </indexterm>
-
- <para><application>gv</application> un visualizzatore per file
- &postscript; e PDF. Era originariamente basato su
- <application>ghostview</application> ma ha un look pi gradevole
- grazie alle librerie <application>Xaw3d</application>.
- veloce e l'interfaccia pulita. <application>gv</application>
- ha molte funzioni, come orientamento, dimensione del foglio, scala,
- o antialias. Molte di queste operazioni possono essere eseguite sia
- dalla tastiera che dal mouse.</para>
-
- <para>Per installare <application>gv</application> come pacchetto,
- digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r gv</userinput></screen>
-
- <para>Se non puoi scaricare il pacchetto puoi utilizzare la collezione
- dei port:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/print/gv</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Xpdf</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Xpdf</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>PDF</primary>
- <secondary>visualizzatore</secondary>
- </indexterm>
-
- <para>Se vuoi un piccolo visualizzatore di PDF per FreeBSD,
- <application>Xpdf</application> un leggero ed
- efficiente visualizzatore. Ha bisogno di veramente poche risorse ed
- molto stabile. Usa i font standard di X e non ha bisogno di
- <application>&motif;</application> o di altri toolkit di X.</para>
-
- <para>Per installare il pacchetto <application>Xpdf</application>
- usa questo comando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r xpdf</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile o preferisci usare
- la collezione dei port digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/graphics/xpdf</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
-
- <para>Una volta completata l'installazione, puoi avviare
- <application>Xpdf</application> e puoi usare il tasto destro del mouse
- per visualizzare il men.</para>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>GQview</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>GQview</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>GQview</application> un manager di immagini.
- Puoi visualizzare un file con un solo click, avviare un editor esterno,
- visualizzare l'anteprima e molto altro. Consente inoltre
- di visualizzare l'anteprima delle immagini come diapositive ed
- alcune basilari operazioni sui file. Puoi
- gestire le tue collezioni di immagini e trovare facilmente i duplicati.
- <application>GQview</application> pu lavorare in modalit
- full-screen e ha il supporto internazionale.</para>
-
- <para>Se vuoi installare il pacchetto
- <application>GQview</application>, digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r gqview</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile o preferisci usare la
- collezione di port digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/graphics/gqview</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="desktop-finance">
- <title>Bilancio</title>
-
- <para>Se per qualsiasi ragione vorresti gestire il tuo bilancio
- personale sul tuo desktop FreeBSD, ci sono alcune applicazioni potenti e
- facili da usare pronti per essere installate. Alcuni di questi sono
- compatibili con i formati di file pi utilizzati, come ad esempio
- i formati usati da <application>Quicken</application> o
- <application>Excel</application> per i documenti.</para>
-
- <para>Questa sezione copre questi programmi:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="4">
- <thead>
- <row>
- <entry>Nome dell'applicazione</entry>
-
- <entry>Livello di risorse necessarie</entry>
-
- <entry>Installazione dai port</entry>
-
- <entry>Maggiori dipendenze</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><application>GnuCash</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>GNOME</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Gnumeric</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>GNOME</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Abacus</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry><application>Tcl/Tk</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>KMyMoney</application></entry>
-
- <entry>leggero</entry>
-
- <entry>pesante</entry>
-
- <entry><application>KDE</application></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <sect2>
- <title>GnuCash</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>GnuCash</application></primary>
- </indexterm>
-
- <para><application>GnuCash</application> parte del progetto
- di <application>GNOME</application> per
- mettere a disposizione degli utenti finali applicazioni facili da
- usare e potenti. Con <application>GnuCash</application>, puoi
- tenere traccie delle tue spese e dei tuoi guadagni, del conto
- bancario, o delle tue attivit. Dispone di una interfaccia
- intuitiva pur rimanendo molto professionale.</para>
-
- <para><application>GnuCash</application> dispone di un ottimo
- registro, un sistema di account gerarchico, molte combinazioni di
- scelta rapida e tecniche di auto completamento. Pu dividere
- una transazione singola in molte parti pi dettagliate.
- <application>GnuCash</application> pu importare e unire
- i file QIF di <application>Quicken</application>. Gestisce inoltre
- diversi formati esteri di valuta e data.</para>
-
- <para>Per installare <application>GnuCash</application> nel tuo
- sistema, digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r gnucash</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile, puoi usare la
- collezione dei port:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/finance/gnucash</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Gnumeric</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Gnumeric</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>foglio di calcolo</primary>
- <secondary><application>Gnumeric</application></secondary>
- </indexterm>
-
- <para><application>Gnumeric</application> un programma per
- foglio di calcolo elettronico, fa parte dell'ambiente desktop
- <application>GNOME</application>.
- Dispone di molti automatismi utili, <quote>auto completamento</quote>
- in base al formato della cella con un sistema di formattazione
- automatica per molte operazioni. Pu importare i files in un
- gran numero di formati popolari come quelli di
- <application>Excel</application>,
- <application>Lotus 1-2-3</application>, o <application>Quattro
- Pro</application>.
- <application>Gnumeric</application> supporta l'utilizzo di grafici
- attraverso il programma di grafica <package>math/guppi</package>.
- Ha un gran numero di funzioni e permette l'utilizzo di celle formattate
- come ad esempio nel formato data, valuta, numero, ora, e molti
- altri.</para>
-
- <para>Per installare <application>Gnumeric</application> come un
- un pacchetto, digita:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r gnumeric</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non risulta disponibile puoi usare la collezione
- dei port con:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/math/gnumeric</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>Abacus</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>Abacus</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>foglio di calcolo</primary>
- <secondary><application>Abacus</application></secondary>
- </indexterm>
-
- <para><application>Abacus</application> un programma per
- foglio di calcolo leggero e facile da usare. Include molte funzioni
- utili in molti campi diversi come ad esempio in statistica, finanza, e
- matematica. Pu importare ed esportare i file in formato
- <application>Excel</application>. <application>Abacus</application>
- pu esportare anche in formato &postscript;.</para>
-
- <para>Per installare <application>Abacus</application> come pacchetto
- digitare:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r abacus</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile puoi utilizzare la
- collezione dei port digitando:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/deskutils/abacus</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
-
- <sect2>
- <title>KMyMoney</title>
-
- <indexterm>
- <primary><application>KMyMoney</application></primary>
- </indexterm>
- <indexterm>
- <primary>foglio di calcolo</primary>
- <secondary><application>KMyMoney</application></secondary>
- </indexterm>
-
- <para><application>KMyMoney</application> un gestore
- delle finanze personali sviluppato per <application>KDE</application>.
- <application>KMyMoney</application> intende
- fornire ed incorporare tutte quelle funzionalit importanti che
- si possono trovare nelle applicazioni commerciali di
- gestione delle finanze personali. Inoltre tra le sue
- caratteristiche pone in risalto la facilit di utilizzo
- e la caratteristica contabilit di credito e debito.
- <application>KMyMoney</application> importa file dello standard Quicken
- Interchange Format (QIF),
- traccia investimenti, gestisce valute multiple, e fornisce molti report.
- Tramite un plugin separato anche possibile importare formati
- OFX.</para>
-
- <para>Per installare <application>KMyMoney</application> come un
- pacchetto:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>pkg_add -r kmymoney2</userinput></screen>
-
- <para>Se il pacchetto non disponibile, puoi usare la collezione
- dei port:</para>
-
- <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/finance/kmymoney2</userinput>
-&prompt.root; <userinput>make install clean</userinput></screen>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="desktop-summary">
- <title>Sommario</title>
-
- <para>Anche se FreeBSD molto popolare tra gli ISP per le sue
- performance e la sua stabilit, completamente
- pronto ad essere usato come desktop per l'utilizzo quotidiano.
- Con diverse migliaia di applicazioni disponibili sotto forma di
- <link xlink:href="http://www.FreeBSD.org/where.html">pacchetti</link> o
- <link xlink:href="http://www.FreeBSD.org/ports/index.html">port</link>,
- puoi avere un desktop perfetto che soddisfi tutte le tue
- necessit.</para>
-
- <para>Qui di seguito un piccolo riassunto delle applicazioni trattate
- in questo capitolo:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="3">
- <thead>
- <row>
- <entry>Nome dell'applicazione</entry>
-
- <entry>Nome del pacchetto</entry>
-
- <entry>Nome del port</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry><application>Mozilla</application></entry>
-
- <entry><literal>mozilla</literal></entry>
-
- <entry><package>www/mozilla</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Opera</application></entry>
-
- <entry><literal>opera</literal></entry>
-
- <entry><package>www/opera</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Firefox</application></entry>
-
- <entry><literal>firefox</literal></entry>
-
- <entry><package>www/firefox</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>KOffice</application></entry>
-
- <entry><literal>koffice-kde3</literal></entry>
-
- <entry><package>editors/koffice-kde3</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>AbiWord</application></entry>
-
- <entry><literal>abiword</literal></entry>
-
- <entry><package>editors/abiword</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>The GIMP</application></entry>
-
- <entry><literal>gimp</literal></entry>
-
- <entry><package>graphics/gimp</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>OpenOffice.org</application></entry>
-
- <entry><literal>openoffice</literal></entry>
-
- <entry><package>editors/openoffice-1.1</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>&acrobat.reader;</application></entry>
-
- <entry><literal>acroread</literal></entry>
-
- <entry><package>print/acroread7</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>gv</application></entry>
-
- <entry><literal>gv</literal></entry>
-
- <entry><package>print/gv</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Xpdf</application></entry>
-
- <entry><literal>xpdf</literal></entry>
-
- <entry><package>graphics/xpdf</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>GQview</application></entry>
-
- <entry><literal>gqview</literal></entry>
-
- <entry><package>graphics/gqview</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>GnuCash</application></entry>
-
- <entry><literal>gnucash</literal></entry>
-
- <entry><package>finance/gnucash</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Gnumeric</application></entry>
-
- <entry><literal>gnumeric</literal></entry>
-
- <entry><package>math/gnumeric</package></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry><application>Abacus</application></entry>
-
- <entry><literal>abacus</literal></entry>
-
- <entry><package>deskutils/abacus</package></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/Makefile
deleted file mode 100644
index b8273f04a3..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= disks/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/chapter.xml
deleted file mode 100644
index f12ddda8b1..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/disks/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,109 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
--->
-<chapter xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="disks">
- <title>Archiviazione dei Dati</title>
-
- <sect1 xml:id="disks-synopsis">
- <title>Sinossi</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="disks-naming">
- <title>Device Names</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="disks-adding">
- <title>Adding Disks</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="raid">
- <title>RAID</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="creating-cds">
- <title>Creating and Using Optical Media (CDs &amp; DVDs)</title>
-
- <sect2 xml:id="burncd">
- <title>burncd</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="cdrecord">
- <title>cdrecord</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="duplicating-audiocds">
- <title>Duplicating Audio CDs</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect2>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="floppies">
- <title>Creating and Using Floppy Disks</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="backups-tapebackups">
- <title>Creating and Using Data Tapes</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="backups-floppybackups">
- <title>Backups to Floppies</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="backup-basics">
- <title>Backup Basics</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="disks-virtual">
- <title>Network, Memory, and File-Based File Systems</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="snapshots">
- <title>File System Snapshots</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="quotas">
- <title>File System Quotas</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="disks-encrypting">
- <title>Encrypting Disk Partitions</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-
- <sect1 xml:id="swap-encrypting">
- <title>Encrypting Swap Space</title>
-
- <para>Traduzione in corso</para>
- </sect1>
-</chapter>
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/Makefile b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/Makefile
deleted file mode 100644
index ec27e622dc..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/Makefile
+++ /dev/null
@@ -1,15 +0,0 @@
-#
-# Crea il Manuale con il contenuto di solo questo capitolo.
-#
-# $FreeBSD$
-#
-
-CHAPTERS= eresources/chapter.xml
-
-VPATH= ..
-
-MASTERDOC= ${.CURDIR}/../${DOC}.${DOCBOOKSUFFIX}
-
-DOC_PREFIX?= ${.CURDIR}/../../../..
-
-.include "../Makefile"
diff --git a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.xml b/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.xml
deleted file mode 100644
index 86de23318b..0000000000
--- a/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/eresources/chapter.xml
+++ /dev/null
@@ -1,1950 +0,0 @@
-<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
-<!--
- The FreeBSD Italian Documentation Project
-
- $FreeBSD$
- Original revision: 1.183
--->
-<appendix xmlns="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink" version="5.0" xml:id="eresources">
- <title>Risorse su Internet</title>
-
- <para>Il rapido sviluppo di FreeBSD rende la carta stampata un mezzo non
- pratico per poterne seguire l'evoluzione. Le risorse in rete sono il
- migliore, se non l'unico, modo per tenersi informati sulle novit di
- questo sistema.
- Dal momento che FreeBSD il prodotto del lavoro di volontari, la
- comunit degli utenti generalmente si presta anche ad una funzione di
- <quote>supporto tecnico</quote> di varia natura, con l'email e le news
- USENET come il mezzo pi efficace per entrare in contatto con
- queste comunit.</para>
-
- <para>I pi frequentati punti di ritrovo della comunit
- FreeBSD sono esposti di seguito. Se aveste conoscenza di altre risorse
- non menzionate in questa sede, vi preghiamo di darne informazione a
- &a.doc; cosicch possano essere incluse.</para>
-
- <sect1 xml:id="eresources-mail">
- <title>Mailing Lists</title>
-
- <para>Anche se molti sviluppatori di FreeBSD leggono USENET, non pu
- esservi garanzia di ottenere risposta alle proprie domande in tempi brevi
- (e in generale non pu esservi garanzia di ottenere alcuna
- risposta) semplicemente scrivendo ad uno dei mail-group di
- <literal>comp.unix.bsd.freebsd.*</literal>.
- Indirizzando i propri messaggi alla mailing list appropriata si
- raggiunger una audience pi concentrata ed informata,
- permettendo risposte pi precise (o quanto meno pi
- sollecite).</para>
-
- <para>Gli argomenti delle varie liste sono elencati all'inizio del
- documento. <emphasis>Si prega di leggere gli argomenti</emphasis>
- prima di unirsi o scrivere ad una lista. La maggior parte dei
- sottoscrittori di liste ricevono ogni giorno svariate centinaia di
- messaggi, e mantenendo argomenti e regole di comportamento
- cerchiamo di tenere alto il rapporto segnale/rumore della lista. Venir
- meno a queste regole vorrebbe dire il fallimento della mailing list
- come mezzo efficace di comunicazione per il progetto.</para>
-
- <note>
- <para><emphasis>Se vuoi verificare la tua abilit nel spedire
- alle liste di &os;, manda un messaggio testuale
- a &a.test.name;.</emphasis>
- Per favore non mandare messaggi di prova a altre liste.</para>
- </note>
-
- <para>Se hai alcuni dubbi su quale lista postare una questione, leggi <link xlink:href="&url.articles.freebsd-questions;">Come ottenere i migliori risultati dalla
- mailing list FreeBSD-questions</link>.</para>
-
- <para>Prima di postare su qualsiasi lista, per favore impara a come usare al
- meglio le mailing list, ad esempio come evitare discussioni che vengono
- richieste di frequente, leggendo il documento (FAQ) <link xlink:href="&url.articles.mailing-list-faq;">Le Questioni Maggiormente Richieste
- sulle Mailing List</link>.</para>
-
- <para>Vengono tenuti archivi per tutte le mailing list, e questi possono
- essere esplorati usando il <link xlink:href="&url.base;/search/index.html">FreeBSD World Wide Web
- server</link>. L'archivio esplorabile per parole chiave
- costituisce un mezzo eccellente per trovare risposte a domande poste di
- frequente e dovrebbe essere consultato prima di spedire una
- domanda.</para>
-
- <sect2 xml:id="eresources-summary">
- <title>Sommario delle liste</title>
-
- <para><emphasis>Liste generiche:</emphasis> Le seguenti sono liste
- generiche a cui tutti sono invitati (e incoraggiati) a
- partecipare:</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <thead>
- <row>
- <entry>Lista</entry>
-
- <entry>Argomento</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>&a.cvsall.name;</entry>
-
- <entry>Cambiamenti apportati all'albero dei sorgenti di
- FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.advocacy.name;</entry>
-
- <entry>Evangelismo FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.announce.name;</entry>
-
- <entry>Eventi importanti e annunci di progetti</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.arch.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sull'architettura ed il design</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.bugbusters.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni incentrate sul mantenimento del database
- dei report dei problemi di FreeBSD e progetti correlati</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.bugs.name;</entry>
-
- <entry>Report sui bug</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.chat.name;</entry>
-
- <entry>Argomenti non-tecnici di interesse della comunit
- FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.current.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sull'utilizzo di &os.current;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.isp.name;</entry>
-
- <entry>Argomenti di interesse degli Internet Service Providers che
- usano FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.jobs.name;</entry>
-
- <entry>Opportunit di lavoro e consulenza
- relative a FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.policy.name;</entry>
-
- <entry>Le decisioni sulla politica da adottare del core degli
- sviluppatori FreeBSD. Toni pacati e sola lettura</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.questions.name;</entry>
-
- <entry>Domande degli utenti e assistenza tecnica</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.security-notifications.name;</entry>
-
- <entry>Notifiche sulla sicurezza</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.stable.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sull'uso di &os.stable;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.test.name;</entry>
-
- <entry>Dove spedire i tuoi messaggi di test, lasciando in pace
- le altre liste</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <para><emphasis>Liste tecniche:</emphasis> le seguenti liste sono a
- carattere tecnico. Dovreste leggere attentamente gli argomenti elencati
- di seguito prima di unirvi o spedirvi mail, poich ci sono
- strette linee di condotta per il loro uso ed il loro contenuto.</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <thead>
- <row>
- <entry>Lista</entry>
-
- <entry>Argomento</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>&a.acpi.name;</entry>
-
- <entry>Sviluppo di ACPI e della gestione dell'energia</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.afs.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di AFS su FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.aic7xxx.name;</entry>
-
- <entry>Sviluppare drivers per &adaptec; AIC 7xxx</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.alpha.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD su Alpha</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.amd64.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD sui sistemi AMD64</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.apache.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sui port relativi ad
- <application>Apache</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.arm.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD su processori &arm;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.atm.name;</entry>
-
- <entry>Usare reti ATM con FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.audit.name;</entry>
-
- <entry>Il progetto di audit del codice sorgente</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.binup.name;</entry>
-
- <entry>Il design e lo sviluppo del sistema di aggiornamento dei
- binari</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.bluetooth.name;</entry>
-
- <entry>Usare la tecnologia &bluetooth; su FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.cluster.name;</entry>
-
- <entry>Usare FreeBSD in cluster</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.cvsweb.name;</entry>
-
- <entry>Il mantenimento di CVSweb</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.database.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sull'uso e lo sviluppo di database sotto
- FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.doc.name;</entry>
-
- <entry>Creare documenti su FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.drivers.name;</entry>
-
- <entry>Scrivere driver di dispositivi per &os;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.eclipse.name;</entry>
-
- <entry>Utenti FreeBSD di Eclipse IDE, strumenti, applicazioni
- client e port.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.embedded.name;</entry>
-
- <entry>Come usare FreeBSD in applicazioni
- embedded</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.emulation.name;</entry>
-
- <entry>L'emulazione di altri sistemi operativi come
- Linux/&ms-dos;/&windows;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.eol.name;</entry>
-
- <entry>Supporto per il software relativo a FreeBSD che
- non pi supportato dal progetto
- FreeBSD.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.firewire.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni tecniche sui FreeBSD &firewire;
- (iLink, IEEE 1394)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.fs.name;</entry>
-
- <entry>I file system</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.geom.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni e implementazioni riguardanti GEOM</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.gnome.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di <application>GNOME</application>
- e delle applicazioni <application>GNOME</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.hackers.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni tecniche generiche</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.hardware.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni tecniche generiche sull'hardware e
- FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.i18n.name;</entry>
-
- <entry>L'internazionalizzazione di FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.ia32.name;</entry>
-
- <entry>FreeBSD sulla piattaforma IA-32 (&intel; x86)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.ia64.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD ai futuri sistemi &intel; IA64</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.ipfw.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni tecniche sul redesign del codice del
- firewall</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.isdn.name;</entry>
-
- <entry>Sviluppatori ISDN</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.jail.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sul metodo &man.jail.8;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.java.name;</entry>
-
- <entry>Sviluppatori &java; e persone coinvolte nel port
- delle &jdk; sotto FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.kde.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di <application>KDE</application> e delle
- applicazioni <application>KDE</application></entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.lfs.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di LFS sotto FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.libh.name;</entry>
-
- <entry>Il sistema di installazione e di gestione dei pacchetti
- di seconda generazione</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.mips.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD su &mips;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.mobile.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sui portatili</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.mozilla.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di <application>Mozilla</application> sotto
- FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.multimedia.name;</entry>
-
- <entry>Applicazioni multimediali</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.newbus.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni tecniche sull'architettura bus</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.net.name;</entry>
-
- <entry>Discussione sul networking e codice sorgente TCP/IP</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.openoffice.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di <application>OpenOffice.org</application> e
- <application>&staroffice;</application> su FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.performance.name;</entry>
-
- <entry>Questioni relative alla calibrazione delle
- prestazioni per installazioni a ad alta performance
- o carico elevato</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.perl.name;</entry>
-
- <entry>Mantenimento di un numero di port relativi a
- perl</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.pf.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sul sistema di firewall packet
- filter</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.platforms.name;</entry>
-
- <entry>Riguardo al porting di FreeBSD su architetture
- non &intel;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.ports.name;</entry>
-
- <entry>Discussione sulla collezione dei port</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.ports-bugs.name;</entry>
-
- <entry>Discussione sui bug/PR relativi ai port</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.ppc.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD su &powerpc;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.proliant.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni tecniche di FreeBSD su
- piattaforme server HP ProLiant</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.python.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni riguardo
- Python su FreeBSD.</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.qa.name;</entry>
-
- <entry>Discussione su certificati di qualit, solitamente
- sotto una release</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.rc.name;</entry>
-
- <entry>Discussione sul sistema <filename>rc.d</filename> e relativo sviluppo</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.realtime.name;</entry>
-
- <entry>Sviluppo di estensioni realtime su FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.scsi.name;</entry>
-
- <entry>Il sottosistema SCSI</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.security.name;</entry>
-
- <entry>Questioni relative alla sicurezza di FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.small.name;</entry>
-
- <entry>L'uso di FreeBSD in applicazioni embedded
- (obsoleto; usare al suo posto &a.embedded.name;)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.smp.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni di design per sistemi a multiprocessore
- [a]simmetrico</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.sparc.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD su architetture &sparc;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.standards.name;</entry>
-
- <entry>La coerenza di FreeBSD agli standards C99 e &posix;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.sun4v.name;</entry>
-
- <entry>Il porting di FreeBSD su sistemi T1 &ultrasparc;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.testing.name;</entry>
-
- <entry>Test di stabilit e performance di FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.threads.name;</entry>
-
- <entry>Threading in FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.tokenring.name;</entry>
-
- <entry>Supporto per il token-ring in FreeBSD</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.usb.name;</entry>
-
- <entry>Supporto USB in &os;</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.vuxml.name;</entry>
-
- <entry>Discussioni sull'infrastruttura VuXML</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.x11.name;</entry>
-
- <entry>Mantenimento e supporto di X11 su FreeBSD</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <para><emphasis>Liste limitate:</emphasis> Le seguenti liste sono adatte
- ad un audience pi specializzata (ed esigente) e probabilmente
- non sono di interesse del pubblico generico. inoltre buona
- norma frequentare le liste tecniche prima di unirsi ad una di queste
- liste cos da comprendere l'etichetta di comunicazione
- richiesta.</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="2">
- <thead>
- <row>
- <entry>Lista</entry>
-
- <entry>Argomento</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>&a.hubs.name;</entry>
-
- <entry>Per coloro che gestiscono mirrors (supporto
- infrastrutturale)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.usergroups.name;</entry>
-
- <entry>Coordinamento dei gruppi utenti</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.vendors.name;</entry>
-
- <entry>Coordinamento dei venditori pre-release</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.www.name;</entry>
-
- <entry>Coloro che mantengono il sito <link xlink:href="&url.base;/it/index.html">www.FreeBSD.org</link></entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
-
- <para><emphasis>Liste digest:</emphasis> Tutte le liste sopracitate
- sono anche consultabili come digest. Una volta iscritto a una lista,
- puoi cambiare le tue opzioni digest nella sezione delle opzioni del tuo
- account.</para>
-
- <para><emphasis>Liste CVS:</emphasis> Le liste seguenti sono per le
- persone interessate a vedere i messaggi di log delle modifiche alle
- varie aree dell'albero dei sorgenti. Sono liste a <emphasis>Sola
- Lettura</emphasis> e non si dovrebbero inviare messaggi ad
- esse.</para>
-
- <informaltable frame="none" pgwide="1">
- <tgroup cols="3">
- <thead>
- <row>
- <entry>Lista</entry>
-
- <entry>Area dei sorgenti</entry>
-
- <entry>Descrizione dell'area</entry>
- </row>
- </thead>
-
- <tbody>
- <row>
- <entry>&a.cvsall.name;</entry>
-
- <entry><filename>/usr/(CVSROOT|doc|ports|projects|src)</filename></entry>
-
- <entry>Tutte le modifiche in ogni parte dell'albero (unione di
- tutte le altre liste di commit CVS)</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.cvs-doc.name;</entry>
-
- <entry><filename>/usr/(doc|www)</filename></entry>
-
- <entry>Tutte le modifiche all'albero doc e www</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.cvs-ports.name;</entry>
-
- <entry><filename>/usr/ports</filename></entry>
-
- <entry>Tutte le modifiche all'albero ports</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.cvs-projects.name;</entry>
-
- <entry><filename>/usr/projects</filename></entry>
-
- <entry>Tutte le modifiche all'albero projects</entry>
- </row>
-
- <row>
- <entry>&a.cvs-src.name;</entry>
-
- <entry><filename>/usr/src</filename></entry>
-
- <entry>Tutte le modifiche all'albero src</entry>
- </row>
- </tbody>
- </tgroup>
- </informaltable>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="eresources-subscribe">
- <title>Come iscriversi</title>
-
- <para>Per iscriverti ad una lista, clicca sul nome della lista qui sopra
- o vai su &a.mailman.lists.link; e clicca sulla lista a cui sei
- interessato. La pagina delle liste dovrebbe contenere tutte le
- informazioni necessarie all'iscrizione.</para>
-
- <para>Per mandare un messaggio ad una lista basta inviare
- una mail a <email><replaceable>listname</replaceable>@FreeBSD.org</email>.
- Sar poi redisribuita a tutti i membri della lista.</para>
-
- <para>Per disiscriverti da una lista, clicca sull'URL che trovi in fondo
- a ogni email ricevuta dalla lista. anche possibile inviare
- un'email a
- <email><replaceable>listname</replaceable>-unsubscribe@FreeBSD.org</email>
- per disiscriverti.</para>
-
- <para>A costo di ripeterci, vorremmo che i membri della lista
- tecnica tenessero la discussione su un tono tecnico. Se sei solo
- interessato ad annunci importanti, allora preferibile che
- ti iscrivi alla &a.announce;, creata apposta per traffico non
- frequente.</para>
- </sect2>
-
- <sect2 xml:id="eresources-charters">
- <title>Argomenti delle liste</title>
-
- <para><emphasis>Tutte</emphasis> le mailing list FreeBSD hanno alcune
- regole base che tutti gli utenti devono seguire. La mancata aderenza
- a queste regole comporter due (2) avvisi scritti dal PostMaster
- FreeBSD <email>postmaster@FreeBSD.org</email>, dopo dei quali,
- ad una terza trasgressione, il membro sar espulso da tutte
- le mailing list di FreeBSD e gli sar impedita qualsiasi futura
- iscrizione. Siamo mortificati del fatto che queste
- regole e misure siano necessarie, ma al giorno d'oggi Internet
- diventato, a quanto pare, un'ambiente alquanto disordinato, e
- molti paiono scordarsi di quanto siano fragili alcuni suoi
- meccanismi.</para>
-
- <para>Regole della strada:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>L'argomento di ogni messaaggio dovrebbe aderire all'argomento
- della lista a cui inviato, ad esempio se la lista
- a carattere tecnico, i vostri messaggi dovrebbero contenere
- discussioni tecniche.
- Chiacchiericci continui ed irrilevanti vanno a discapito del valore
- della lista per tutti i suoi membri e non saranno tollerati.
- Per discussioni libere senza restrizioni sull'argomento, la &a.chat;
- liberamente fruibile e dovrebbe essere usata per
- questo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Non bisognerebbe scrivere a pi di due mailing list,
- ed anche a due solo e soltanto se un motivo reale e concreto esiste.
- Per molte liste, esiste gi un grande traffico di messaggi
- che si sovrappongono ed eccetto per i mix pi esoterici (ad
- esempio <quote>-stable &amp; -scsi</quote>), non c' alcun
- motivo di scrivere a pi di una lista alla volta.
- Se un messaggio inviato in modo tale che molte mailing list
- appaiono nella linea <literal>Cc</literal>, allora la linea
- <literal>Cc</literal> dovrebbe essere suddivisa prima di inviare
- nuovi messaggi. <emphasis>Voi siete del tutto responsabili per
- i vostri messaggi inviati in modo errato, non importa di chi sia
- la causa.</emphasis></para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Attacchi personali ed insulti (nel contesto di una discussione)
- non sono permessi, e questa regola comprende membri e
- sviluppatori.
- Gravi violazioni della netiquette, come citare o inviare messaggi
- altrui quando il permesso a farlo non c'era e non sarebbe giunto
- sono altamente disapprovate ma non sanzionate direttamente.
- <emphasis>Comunque</emphasis>, ci sono pochissimi casi in cui
- questi messaggi sarebbero pertinenti all'argomento della lista,
- quindi tali comportamenti probabilmente otterrebbero un avviso (o
- un espulsione) del Postmaster, solo per quel motivo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Pubblicit di prodotti non-FreeBSD altamente
- proibita e comportert un'espulsione immediata
- se chiaro che il trasgressore sta inviando
- pubblicit spam.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
-
- <para><emphasis>Argomenti delle singole liste:</emphasis></para>
-
- <variablelist>
- <varlistentry>
- <term>&a.acpi.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Sviluppo di ACPI e della gestione
- dell'energia</emphasis></para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.afs.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Andrew File System</emphasis></para>
-
- <para>Questa la lista per le discussioni sul porting e
- l'uso dell' AFS da CMU/Transarc.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.announce.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Eventi importanti/pietre miliari</emphasis></para>
-
- <para>Questa la mailing list per le persone interessate
- soltanto in annunci occasionali di eventi significativi
- riguardanti FreeBSD.
- Contiene annunci riguardo snapshots e altre release. Contiene
- annunci su nuove potenzialit di FreeBSD. Pu
- contenere richieste di volontari etc. una mailing list
- dal poco traffico, strettamente regolata.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.arch.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Discussione sull'architettura e la
- progettazione</emphasis></para>
-
- <para>Questa lista per la discussione dell'architettura
- FreeBSD.
- I messaggi saranno mantenuti strettamente tecnici di natura.
- Esempi di possibili argomenti:</para>
-
- <itemizedlist>
- <listitem>
- <para>Come modificare il processo di build per avere
- molti build personalizzati in funzione allo stesso
- tempo.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Cosa deve essere modificato nel VFS per far funzionare i
- layers Heimann.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come modificare l'interfaccia dei device driver
- per poter usare gli stessi driver senza problemi su molti
- buses e architetture.</para>
- </listitem>
-
- <listitem>
- <para>Come scrivere un driver di rete.</para>
- </listitem>
- </itemizedlist>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.audit.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Progetto di audit del sorgente</emphasis></para>
-
- <para>Questa la mailing list per il progetto di audit del
- codice FreeBSD. Anche se in origine era intesa per cambiamenti
- relativi alla sicurezza, le sue caratteristiche sono state
- estese per includere ogni cambiamento al codice.</para>
-
- <para>Questa lista piena di discussioni di patch, e
- probabilmente di non grandissimo interesse per l'utente medio
- FreeBSD. Discussioni sulla sicurezza non relative ad una
- particolare modifica del codice si tengono in FreeBSD-security.
- Nel frattempo tutti gli svilupatori sono incoraggiati a spedire
- le proprie patch a questa lista per correzioni, specialmente se
- toccano parte del sistema dove un bug pu influenzare
- negativamente l'integrit del sistema.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.binup.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Aggiornamento dei binari FreeBSD</emphasis></para>
-
- <para>Questa lista esiste per fornire un terreno di discussione
- per il sistema di aggiornamento dei binari, o
- <application>binup</application>.
- Sono consentite questioni di design, dettagli di implementazione,
- patch, report di bug, report di status, richieste di feature,
- log delle modifiche, e tutto ci che riguardi
- <application>binup</application>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.bluetooth.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>&bluetooth; su FreeBSD</emphasis></para>
-
- <para>Questo il forum dove si riuniscono gli utenti &bluetooth;
- di FreeBSD. Sono consentite aromentazioni su problemi di progettazione,
- dettagli implementativi, patch, report di bug, lo stato attuale, nuove
- caratteristiche, e altro materiale relativo a &bluetooth;.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.bugbusters.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Coordinamento dello sforzo di gestione dei Problem
- Report</emphasis></para>
-
- <para>Lo scopo di questa lista di servire come forum di
- coordinamento e discussione per il Bugmeister, i suoi Bugbuster,
- e ogni altra parte che abbia un genuino interesse nel database PR.
- Questa lista non per la discussione di bug specifici,
- patch, o PR.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.bugs.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Report di bug</emphasis></para>
-
- <para>Questa la lista per i report dei bug di FreeBSD.
- Quando possibile, i bug dovrebbero essere indicati usando il
- comando &man.send-pr.1; o tramite la sua <link xlink:href="&url.base;/send-pr.html">interfaccia WEB</link>.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.chat.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Argomenti non tecnici relativi alla comunit
- FreeBSD</emphasis></para>
-
- <para>Questa lista contiene ci che resta dalle altre liste
- riguardo ad informazioni non tecniche, sociali. Include
- discussioni sul fatto che Jordan sembri o meno un toon ferret,
- se scrivere o meno in maiuscolo, chi sta bevendo troppo
- caff, dove spillano la migliore birra, chi spilla birra
- in cantina, e cos via.
- Annunci occasionali di eventi importanti (party a venire,
- celebrazioni di matrimoni, nascite, nuovi lavori etc.) possono
- essere fatti alle liste non tecniche, ma i suddetti argomenti
- dovrebbero essere diretti a questa lista.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.core.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Il core team di FreeBSD</emphasis></para>
-
- <para>Questa una lista interna ad uso dei membri core.
- Messaggi possono esservi spediti quando una seria questione
- relativa a FreeBSD richiede un arbitrato da un alto
- scrutinio.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.current.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Discussioni sull'uso di
- &os.current;</emphasis></para>
-
- <para>Questa la mailing list di discussione di
- &os.current;. Contiene avvertimenti su nuove features in
- arrivo in -CURRENT che toccheranno gli utenti, ed istruzioni su
- passi che devono restare -CURRENT. Chiunque usi
- <quote>CURRENT</quote> deve sottoscrivere questa lista.
- una mailing list tecnica per la quale ci si attende
- materiale strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.cvsweb.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Progetto CVSweb di FreeBSD</emphasis></para>
-
- <para>Discussioni tecniche sull'uso, sviluppo e mantenimento di
- FreeBSD-CVSweb</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.doc.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Progetto di documentazione</emphasis></para>
-
- <para>Questa mailing list per la discussione di argomenti
- e progetti riguardanti la creazione della documentazione
- FreeBSD. I membri di questa mailing list sono noti in genere come
- <quote>The FreeBSD Documentation Project</quote>. una
- lista aperta, sentitevi liberi di unirla e contribuirvi.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.drivers.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Scrivere driver di dispositivi per
- &os;</emphasis></para>
-
- <para>Questo un forum per discussioni tecniche relative
- ai driver di dispositivi su &os;. sostanzialmente
- un posto per gli sviluppatori di driver di dispositivi su
- questioni su come scrivere driver di dispositivi usando le API
- del kernel di &os;.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.eclipse.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Utenti &os; di Eclipse IDE, strumenti,
- applicazioni client e port.</emphasis></para>
-
- <para>L'intenzione di questa lista di fornire un
- supporto reciproco per tutto ci che concerne
- la scelta, l'installazione, l'uso, lo sviluppo e il
- mantenimento di Eclipse IDE, gli strumenti, le applicazioni
- client sulla piattaforma &os; e l'assistenza al porting
- di Eclipse IDE nonch i plugin per l'ambiente di
- FreeBSD.</para>
-
- <para>L'intenzione anche quella di facilitare lo
- scambio di informazioni tra la comunit di Eclipse e
- la comunit di &os; per un reciproco
- beneficio.</para>
-
- <para>Bench questa lista si focalizzi principalmente
- sulle necessit degli utenti di Eclipse essa
- fornisce anche un forum per quelli ai quali piace
- sviluppare applicaizoni specifiche per &os; usando
- il framework Eclipse.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.embedded.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Come usare FreeBSD in applicazioni
- embedded.</emphasis></para>
-
- <para>In questa lista sono affrontati argomenti
- relativi all'uso di FreeBSD in sistemi embedded.
- Essendo questa una mailing list tecnica ci si
- aspetta contenuti tecnici. Per l'intento di questa
- lista definiamo i sistemi embedded come quei
- calcolatori che non sono desktop e che in genere
- sono utilizzati per un singolo fine al contrario
- dell'usuale concezione dei sistemi calcolatori.
- Esempi includono, senza limitazione alcuna, tutti
- i tipi di telefonini, strumenti di networking come
- i router, gli switch, i PBX, strumenti di misurazione
- remota, PDA, sistemi di punti vendita, e altri
- ancora.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.emulation.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Emulazione di altri sistemi come
- Linux/&ms-dos;/&windows;</emphasis></para>
-
- <para>Questo un forum per discussioni tecniche relative
- all'esecuzione su &os; di programmi scritti per altri sistemi
- operativi.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.eol.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Supporto per il software relativo a FreeBSD che
- non pi supportato dal progetto
- FreeBSD.</emphasis></para>
-
- <para>Questa lista rivolta a coloro che sono
- interessati a fornire o usufruire del supporto per software
- relativo a FreeBSD per il quale il progetto FreeBSD
- non fornisce pi un supporto ufficiale (es. avvisi
- di sicurezza e patch).</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.firewire.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>&firewire; (iLink, IEEE 1394)</emphasis></para>
-
- <para>Questa la mailing list per la discussione del
- design e l'implementazione di un sottosistema &firewire;
- (anche noto come IEEE 1394 o iLink) per FreeBSD.
- Argomenti rilevanti includono nello specifico gli standards, i
- bus devices, i loro protocolli, insiemi di adapter
- boards/cards/chips, e l'architettura e implementazione del
- codice per il loro pieno supporto.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.fs.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>File system</emphasis></para>
-
- <para>Discussioni riguardanti i file system FreeBSD. Questa
- una lista dalle caratteristiche tecniche per la quale
- ci si attende contenuto strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.geom.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>GEOM</emphasis></para>
-
- <para>Discussioni riguardanti GEOM e relative implementazioni.
- Questa una mailing list tecnica per la quale ci si
- attente contenuto strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.gnome.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>GNOME</emphasis></para>
-
- <para>Discussioni riguardanti The <application>Gnome</application>
- Desktop Environment per sistemi FreeBSD. Questa una
- mailing list tecnica per la quale ci si attende materiale
- strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.ipfw.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Firewall IP</emphasis></para>
-
- <para>Questo il forum di discussione riguardante il
- redesign del codice IP firewall di FreeBSD. Questa una
- mailing list tecnica per la quale ci si attende materiale
- strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.ia64.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Il porting di FreeBSD su IA64</emphasis></para>
-
- <para>Questa una mailing list tecnica per individui
- impegnati attivamente nel porting di FreeBSD alla piattaforma
- IA-64 dall'&intel;, nel sollevare problemi e nel proporre
- soluzioni. Individui interessati nel seguire le discussioni
- tecniche sono comunque benvenuti.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.isdn.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Sistema di comunicazione ISDN</emphasis></para>
-
- <para>Questa la mailing list per le persone che discutono
- lo sviluppo del supporto ISDN per FreeBSD.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.java.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Sviluppo &java;</emphasis></para>
-
- <para>Questa la mailing list per le persone impegnate
- nello sviluppo di applicazioni &java; significative per FreeBSD
- ed il porting ed il mantenimento delle &jdk;.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry xml:id="eresources-charters-jobs">
- <term>&a.jobs.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Cercasi e offresi opportunit di
- lavoro</emphasis></para>
-
- <para>Questo un forum dove inviare avvisi di impiego e
- curriculum vitae relativi specificatamente a &os;, ad esempio se
- stai cercando un impiego relativo a &os; o hai un posto di lavoro
- da pubblicizzare che coinvolge &os; allora questo il
- posto giusto. Questa <emphasis>non</emphasis> una
- mailing list sui problemi di occupazione in generale visto che
- forum appropriati esistono gi da altre parti.</para>
-
- <para>Nota che questa lista, come le altre mailing list di
- <systemitem class="fqdomainname">FreeBSD.org</systemitem>,
- distribuita in tutto il mondo. Di conseguenza, devi essere
- chiaro sul luogo e sulle possibilt di telelavoro o
- assistenza nel cambiare abitazione, se disponibili.</para>
-
- <para>Le email dovrebbero usare solo formati aperti &mdash;
- preferibilmente testo semplice, ma molti lettori accettano anche
- Portable Document Format (<acronym>PDF</acronym>), HTML, e alcuni
- altri. Formati chiusi come &microsoft; Word
- (<filename>.doc</filename>) saranno respinti dal server delle
- mailing list.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.kde.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>KDE</emphasis></para>
-
- <para>Discussioni concernenti <application>KDE</application> su
- sistemi FreeBSD.
- una mailing list a carattere tecnico per la quale ci si
- attende materiale strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.hackers.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Discussioni tecniche</emphasis></para>
-
- <para>Questo un forum per discussioni tecniche relative a
- FreeBSD. Questa la mailing list tecnica principale.
- per individui che lavorano attivamente a FreeBSD per
- sollevare problemi o discutere soluzioni alternative. Individui
- interessati nel seguire le discussioni tecniche sono comunque
- benvenuti. una mailing list tecnica per la quale ci si
- attende contenuto strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.hardware.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Discussione generale sull'hardware e
- FreeBSD</emphasis></para>
-
- <para>Discussione generica sui vari tipi di hardware che FreeBSD
- supporta, vari problemi e suggerimenti riguardo a cosa convenga
- acquistare e cosa evitare.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.hubs.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Siti mirror</emphasis></para>
-
- <para>Annunci e discussioni per persone che mantengono siti mirror
- FreeBSD.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.isp.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis>Questioni riguardanti gli Internet Service
- Provider</emphasis></para>
-
- <para>Questa mailing list per la discussione di argomenti
- riguardanti gli Internet Service Provider (ISP) che usano
- FreeBSD. una mailing list tecnica per a quale ci si
- attende materiale strettamente tecnico.</para>
- </listitem>
- </varlistentry>
-
- <varlistentry>
- <term>&a.openoffice.name;</term>
-
- <listitem>
- <para><emphasis