aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/articles/explaining-bsd/article.xml
blob: a5309b04373e4f39b1495c7662081dc39e221859 (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15" standalone="no"?>
<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook XML V4.2-Based Extension//EN"
	"../../../share/sgml/freebsd42.dtd" [
<!ENTITY % entities PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook FreeBSD Entity Set//IT" "../../share/sgml/entities.ent">
%entities;
]>

<!--
     The FreeBSD Italian Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.22
-->

<article lang="it">
  <articleinfo>
    <title>Panoramica su BSD</title>

    <author>
      <firstname>Greg</firstname>

      <surname>Lehey</surname>

      <affiliation>
        <address><email>grog@FreeBSD.org</email></address>
      </affiliation>
    </author>

    <legalnotice id="trademarks" role="trademarks">
      &tm-attrib.freebsd;
      &tm-attrib.amd;
      &tm-attrib.apple;
      &tm-attrib.linux;
      &tm-attrib.opengroup;
      &tm-attrib.sun;
      &tm-attrib.xfree86;
      &tm-attrib.general;
    </legalnotice>

    <pubdate>$FreeBSD$</pubdate>

    <releaseinfo>$FreeBSD$</releaseinfo>

    <abstract>
      <para>Nel mondo open source, la parola <quote>Linux</quote>  quasi
        sinonimo di <quote>Sistema Operativo</quote>, ma non si tratta del solo
        sistema operativo &unix; open source.  Secondo
        l'<ulink url="http://www.leb.net/hzo/ioscount/data/r.9904.txt">Internet
          Operating System Counter</ulink>, ad Aprile del 1999 il 31.3% delle
        macchine connesse in rete ha in esecuzione Linux.
        Il 14.6% fa girare BSD &unix;.
        Alcuni dei pi grandi operatori del web, come <ulink
          url="http://www.yahoo.com/">Yahoo!</ulink>, usano BSD.  Il server
        FTP pi affollato del mondo nel 1999 (ora defunto), <ulink
          url="ftp://ftp.cdrom.com/">ftp.cdrom.com</ulink>, usa BSD per
        trasferire 1.4 TB di dati al giorno.   Chiaramente questo non 
        un mercato di nicchia: BSD  un segreto ben mantenuto.</para>

      <para>Dunque, qual  il segreto?  Perch BSD non 
      conosciuto meglio?  Questo documento risponde a questa e ad altre
      domande.</para>

      <para>In questo documento, le differenze tra BSD e Linux verranno
        evidenziate <emphasis>cos</emphasis>.</para>

      &trans.it.surrender;
    </abstract>
  </articleinfo>

  <sect1 id="what-is-bsd">
    <title>Cos' BSD?</title>

    <para>BSD sta per <quote>Berkeley Software Distribution</quote>.  
      il nome delle distribuzioni di codice sorgente dell'Universit
      della California, Berkeley, che erano originariamente estensioni al
      sistema operativo &unix; del settore Ricerca della AT&amp;T.
      Molti progetti open source di sistemi operativi sono basati
      su una versione di questo codice sorgente noto come
      4.4BSD-Lite.  Inoltre, essi comprendono un gran numero di
      pacchetti provenienti da altri progetti Open Source, incluso, in
      particolare, il progetto GNU.  L'intero sistema operativo
      comprende:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Il kernel BSD, che gestisce lo scheduling dei processi, l'utilizzo
          della memoria, il supporto multiprocessore (SMP), i driver dei
          vari dispositivi, ecc.</para>

        <para><emphasis>Diversamente dal kernel Linux, ci sono differenti
            kernel BSD con differenti caratteristiche.</emphasis></para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>La libreria C, le API di base per il sistema.</para>

        <para><emphasis>La libreria C BSD  basata su codice proveniente
            da Berkeley, non dal progetto GNU.</emphasis></para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Utilit come shell, file manager, compilatori e
          linker.</para>

        <para><emphasis>Alcune delle applicazioni derivano dal
            progetto GNU, altre no.</emphasis></para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>L'X Window System, che gestisce la visualizzazione grafica.</para>

        <para>L'X Window System usato nella maggior parte delle versioni di
          BSD viene mantenuto da uno dei due progetti separati, il
          <ulink url="http://www.XFree86.org/">progetto &xfree86;</ulink> e il
          <ulink url="http://www.X.org/">progetto X.Org</ulink>.
          Questo  lo stesso codice usato da Linux.  BSD in genere non
          specifica un <quote>desktop grafico</quote> come GNOME o KDE,
          anche se questi sono disponibili.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Molti altri programmi ed utilit.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>
  </sect1>

  <sect1 id="what-a-real-unix">
    <title>Cosa, un vero &unix;?</title>

    <para>I sistemi operativi BSD non sono cloni, ma derivati open source
      del sistema operativo &unix; dell'AT&amp;T Research, che  anche
      l'antenato del moderno &unix; System V.  Questo potrebbe sorprendere.
      Come  potuto accadere questo, se la AT&amp;T non ha mai rilasciato
      il suo codice come open source?</para>

    <para> vero che lo &unix; AT&amp;T non  open source, e nel
      senso del copyright BSD in definitiva <emphasis>non </emphasis>
      &unix;, ma d'altro canto l'AT&amp;T ha importato sorgenti da altri
      progetti, in maniera rilevante dal Computer Sciences Research Group
      dell'Universit della California a Berkeley, CA.  Iniziato nel
      1976, il CSRG ha iniziato a rilasciare nastri con il loro software,
      chiamandolo <emphasis>Berkeley Software Distribution</emphasis> o
      <emphasis>BSD</emphasis>.</para>

    <para>Le versioni iniziali di BSD consistevano principalmente di programmi
      utente, ma questo cambi drammaticamente quando il CSRG
      sottoscrisse un contratto con la
      Defense Advanced Projects Research Agency (DARPA) per migliorare
      i protocolli di comunicazione della loro rete, ARPANET.  I nuovi
      protocolli furono conosciuti come <emphasis>Internet Protocols</emphasis>,
      e in seguito come <emphasis>TCP/IP</emphasis>, ai nomi dei protocolli
      pi importanti.  La prima implementazione distribuita in maniera
      estesa fu parte di 4.2BSD, nel 1982.</para>

    <para>Nel corso degli '80, sorsero un certo numero di compagnie
      che producevano workstation.  Molti preferirono usare &unix; su licenza
      piuttosto che sviluppare da soli un nuovo sistema operativo.
      In particolare, la Sun Microsystems rilicenzi &unix; ed
      implement una versione commerciale di 4.2BSD, che chiam
      SunOS.  Quando alla AT&amp;T stessa fu permesso di vendere &unix;
      commercialmente, cominciarono con una implementazione ridotta all'osso
      nota come System III, presto seguita da System V.
      Il codice fondamentale di System V non comprendeva la parte di rete,
      dunque tutte le implementazioni includevano software addizionale tratto
      da BSD, incluso il software legato al TCP/IP, ma anche utilit come
      la shell <emphasis>csh</emphasis> e l'editor <emphasis>vi</emphasis>.
      Complessivamente, questi miglioramenti furono conosciuti
      come le <emphasis>Estensioni Berkeley</emphasis>.</para>

    <para>Il nastro BSD conteneva codice AT&amp;T e dunque richiedeva
      una licenza per il sorgente &unix;.  Dal 1990, il finanziamento del CSRG
      si stava esaurendo, e se ne stava per affrontare la chiusura.
      Alcuni membri del gruppo decisero di rilasciare il codice BSD,
      che era Open Source, senza il codice proprietario della AT&amp;T.
      Ci accadde infine con il <emphasis>Networking Tape 2</emphasis>,
      in genere noto come <emphasis>Net/2</emphasis>.  Net/2 non era un sistema
      operativo completo: mancava circa il 20% del codice del kernel.  Uno dei
      membri del CSRG, William F. Jolitz, scrisse il codice rimanente e lo
      rilasci all'inizio del 1992 come <emphasis>386BSD</emphasis>.
      Allo stesso tempo, un altro gruppo di ex membri del CSRG form una
      compagnia chiamata <ulink url="http://www.bsdi.com/">Berkeley Software
        Design Inc.</ulink> e rilasci una versione beta di un sistema
      operativo chiamato <ulink url="http://www.bsdi.com/">BSD/386</ulink>,
      che era basato sugli stessi sorgenti.  Il nome del sistema operativo
       cambiato di recente in BSD/OS.</para>

    <para>386BSD non divenne mai un sistema operativo stabile.  Invece, due
      altri progetti se ne distaccarono nel 1993:
      <ulink url="http://www.NetBSD.org/">NetBSD</ulink> e
      <ulink url="&url.base;/index.html">FreeBSD</ulink>.
      I due progetti presero inizialmente direzioni divergenti, a causa della
      differente pazienza nell'attendere miglioramenti a
      386BSD: la gente di NetBSD cominci all'inizio dell'anno,
      e la prima versione di FreeBSD non fu pronta fino alla fine
      dell'anno. Nel frattempo, i codici erano diventati abbastanza differenti
      da renderne difficile la fusione.  Inoltre, i progetti avevano obiettivi
      differenti, come vedremo in seguito.  Nel 1996,
      <ulink url="http://www.OpenBSD.org/">OpenBSD</ulink> si ramific
      da NetBSD, e nel 2003,
      <ulink url="http://www.dragonflybsd.org/">DragonFlyBSD</ulink> si
      ramific da FreeBSD.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="why-is-bsd-not-better-known">
    <title>Perch BSD non  pi conosciuto?</title>

    <para>Per un certo numero di ragioni, BSD  relativamente
      sconosciuto:</para>

    <orderedlist>
      <listitem>
        <para>Gli sviluppatori BSD sono spesso pi interessati
          a ripulire il loro codice che a fagli pubblicit.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Molta della popolarit di Linux  dovuta a fattori
          esterni al progetto Linux, come la stampa, e le compagnie formate per
          fornire servizi relativi a Linux.  Fino a poco tempo fa,
          la varie versioni di BSD open source non avevano tali spinte.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Gli sviluppatori BSD tendono ad avere pi esperienza
          di quelli di Linux, ed hanno meno interesse nel rendere il sistema
          facile da usare.
          I nuovi arrivati tendono a sentirsi pi a loro agio con
          Linux.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Nel 1992, l'AT&amp;T cit in giudizio
          <ulink url="http://www.bsdi.com/">BSDI</ulink>,
          il produttore di BSD/386, sostenendo che il prodotto conteneva
          codice sotto copyright della AT&amp;T.  Il caso fu risolto in
          tribunale nel 1994, ma lo spettro della causa continua a perseguitare
          alcune persone.  Nel marzo 2000 un articolo pubblicato sul web
          sosteneva che il caso era stato <quote>concluso
            recentemente</quote>.</para>

        <para>Un dettaglio che venne chiarito dall'azione legale fu il nome:
          negli anni '80, BSD era stato conosciuto come <quote>BSD
            &unix;</quote>.
          Con l'eliminazione delle ultima vestigia del codice AT&amp;T da BSD,
          si era perso anche il diritto di usare il nome &unix;.  Per questo
          noterete riferimenti nei libri al <quote>sistema operativo 4.3BSD
            &unix;</quote> ed al <quote>sistema operativo 4.4BSD</quote>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>C' una certa percezione che il progetto BSD sia
          frammentato e belligerante.  Il <ulink
            url="http://interactive.wsj.com/bin/login?Tag=/&amp;URI=/archive/retrieve.cgi%253Fid%253DSB952470579348918651.djm&amp;">Wall
            Street Journal</ulink> parl di
          <quote>balcanizzazione</quote> dei progetti BSD.  Come per l'azione
          legale, questa percezione si basa principalmente su vecchie
          storie.</para>
      </listitem>
    </orderedlist>
  </sect1>

  <sect1 id="comparing-bsd-and-linux">
    <title>Paragone tra BSD e Linux</title>

    <para>Dunque qual' l'effettiva differenza tra, diciamo, Debian
      Linux e FreeBSD?  Per l'utente medio, la differenza 
      sorprendentemente piccola: entrambi sono sistemi operativi tipo &unix;.
      Entrambi vengono sviluppati da progetti non commerciali (questo non si
      applica a molte altre distribuzioni di Linux, ovviamente).  Nella sezione
      seguente, daremo un'occhiata a BSD e lo paragoneremo a Linux.
      La descrizione si applica molto da vicino a FreeBSD, che conta per un 80%
      delle installazioni BSD, ma le differenza da NetBSD, OpenBSD e DragonFlyBSD
      sono piccole.</para>

    <sect2>
      <title>Chi possiede BSD?</title>

      <para>Nessuna persona o societ possiede BSD. Esso  creato
        e distribuito da una comunit di persone con grande preparazione
        tecnica e voglia di fare che contribuiscono da tutto il mondo.
        Alcuni dei componenti di BSD sono progetti open source a se stanti gestiti
        da diversi responsabili.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Come viene sviluppato ed aggiornato BSD?</title>

      <para>I kernel BSD vengono sviluppati ed aggiornati
        seguendo il modello di sviluppo open source.  Ogni progetto mantiene
        un <emphasis>albero dei sorgenti</emphasis> liberamente accessibile in
        un <ulink url="http://www.cvshome.org/">Concurrent Versions
          System</ulink>, un sistema di gestione delle versioni concorrenti,
        che contiene tutti i file sorgenti del progetto,
        inclusa la documentazione ed altri file inerenti.  Il CVS
        permette agli utenti di <quote>estrarre</quote> (in sostanza,
        estrarre una copia di) ogni versione desiderata del sistema.</para>

      <para>Un grande numero di sviluppatori da tutto il mondo contribuisce al
        miglioramento di BSD.  Essi sono divisi in tre grandi gruppi:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>I <firstterm>contributor</firstterm> scrivono codice o
            documentazione. Non gli  permesso di effettuare il commit
            (aggiungere codice) direttamente all'albero dei sorgenti.
            Affinch il loro codice sia incluso nel sistema, esso
            deve essere rivisto e controllato da uno sviluppatore registrato,
            noto come <emphasis>committer</emphasis>.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>I <firstterm>committer</firstterm> sono sviluppatori
            con accesso in scrittura all'albero dei sorgenti.
            Per poter divenire un committer, un individuo deve dimostrare
            abilit nell'area nella quale  attivo.</para>

          <para>
             a discrezione del committer la volont di
            confrontarsi con qualcuno prima di effettuare cambiamenti.  In
            generale, un committer con esperienza pu effettuare
            cambiamenti che sono ovviamente corretti senza interrogare nessuno.
            Ad esempio, un committer del progetto di documentazione pu
            correggere errori tipografici o grammaticali senza un confronto con
            altri. D'altro canto, dagli sviluppatori che stanno per effettuare
            cambiamenti profondi o complessi ci si aspetta che sottopongano i
            cambiamenti a revisione prima di renderli effettivi.  In casi
            estremi, un membro del core team, con una funzione simile a un Capo
            Architetto, pu ordinare che i cambiamenti siano rimossi
            dall'albero, un processo noto come <firstterm>marcia
              indietro</firstterm>.
            Tutti i committer ricevono una lettera che descrive ogni
            modifica individuale, dunque non  possibile effettuare un
            commit segretamente.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Il <firstterm>Core Team</firstterm>.  FreeBSD e NetBSD
            hanno ognuno un core team che gestisce il progetto.  I
            core team si sono modificati nel corso del progetto, ed i loro
            ruoli non sempre sono ben definiti.  Non  necessario essere
            uno sviluppatore per far parte del core team, anche se 
            normale che sia cos.  Le regole
            per il core team variano da un progetto ad un altro, ma in
            generale chi ne fa parte ha pi autorit
            nell'indirizzamento del progetto rispetto agli altri membri.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Questa organizzazione differisce da Linux in vari modi:</para>

      <orderedlist>
        <listitem>
          <para>Nessuna persona controlla il contenuto del sistema. In
            pratica, questa differenza  sopravvalutata, poich
            il Capo Architetto pu richiedere che il codice sia
            rimosso, ed anche nel progetto Linux viene permesso a
            molte persone di effettuare cambiamenti.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>D'altra parte, <emphasis>c'</emphasis> un deposito
            centrale, un punto singolo dove  possibile trovare i
            sorgenti dell'intero sistema, incluse tutte le vecchie
            versioni.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>I progetti BSD mantengono l'intero <quote>Sistema
            Operativo</quote>, non solo il kernel. Questa distinzione
             utile solo marginalmente: n BSD n Linux
            sono utili senza applicazioni.  Le applicazioni usate su BSD sono
            spesso le stesse usate su Linux.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Come risultato di un mantenimento formalizzato
            di un singolo CVS per l'albero dei sorgenti, lo sviluppo di BSD
             chiaro, ed  possibile accedere ad ogni versione del
            sistema dal numero di release o dalla data.
            Il CVS permette anche aggiornamenti incrementali del sistema: ad
            esempio, il repository di FreeBSD viene aggiornato pi o meno
            100 volte al giorno.  La maggior parte dei cambiamenti sono
            piccoli.</para>
        </listitem>
      </orderedlist>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Release di BSD</title>

      <para>FreeBSD, NetBSD and OpenBSD forniscono il sistema in tre
        <quote>release</quote> differenti.  Come per Linux, alle release
        vengono assegnati dei numeri come 1.4.1 o 3.5.  Inoltre, il numero di
        versione ha un suffisso che indica il suo scopo:</para>

      <orderedlist>
        <listitem>
          <para>la versione di sviluppo del sistema  chiamata
            <firstterm>CURRENT</firstterm>.  FreeBSD assegna un numero
            alla CURRENT, ad esempio FreeBSD 5.0-CURRENT.  NetBSD usa uno
            schema di denominazione leggermente differente
            ed aggiunge un suffisso di una singola lettera che indica
            i cambiamenti nell'interfaccia interna, ad esempio NetBSD
            1.4.3G.  OpenBSD non assegna un numero
            (<quote>OpenBSD-current</quote>).
            Tutti gli sviluppi del sistema vanno in questo ramo.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>A intervalli regolari, tra le due e le quattro volte all'anno, i
            progetti fanno uscire una versione <firstterm>RELEASE</firstterm>
            del sistema, disponibile su CD-ROM e come libero download da siti
            FTP, ad esempio OpenBSD 2.6-RELEASE o NetBSD 1.4-RELEASE.
            La versione RELEASE  intesa per gli utenti finali ed
             la versione normale del sistema.  NetBSD fornisce anche
            <emphasis>patch release</emphasis>, versioni con solo piccole
            correzioni, con una terza cifra, ad esempio NetBSD 1.4.2.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Quando vengono trovati dei bug in una versione RELEASE,
            vengono corretti, e le correzioni vengono aggiunte all'albero del
            CVS.  In FreeBSD, la versione risultante viene detta
            <firstterm>STABLE</firstterm>, mentre in NetBSD ed OpenBSD continua
            a chiamarsi RELEASE.  Caratteristiche minori possono essere aggiunte
            a questo ramo dopo un periodo di test nel ramo CURRENT.</para>
        </listitem>
      </orderedlist>

      <para><emphasis>In contrasto, Linux mantiene due alberi di codice
          differenti: la versione stabile e la versione di sviluppo.
          Le versioni stabili hanno un numero di versione pari, come 2.0, 2.2 o
          2.4.  Le versioni di sviluppo hanno numero di versione dispari, come
          2.1, 2.3 o 2.5.  In ogni caso, il numero  seguito da un
          ulteriore numero che indica la versione esatta.  Inoltre, ogni
          venditore aggiunge i suoi programmi utente o le sue utilit,
          dunque anche il nome della distribuzione  importante.  Ogni
          venditore di distribuzione assegna anche un numero di versione alla
          distribuzione, dunque una descrizione completa dovrebbe essere una
          cosa del tipo <quote>TurboLinux 6.0 con kernel
            2.2.14</quote></emphasis></para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Quali versioni di BSD sono disponibili?</title>

      <para>In contrasto alle numerose distribuzioni Linux, ci sono solo
        quattro BSD open source.  Ogni progetto BSD mantiene il suo albero dei
        sorgenti ed il suo kernel.  In pratica, comunque, ci sono meno
        divergenze tra i codici dei programmi utente dei vari progetti di quante
        ce ne siano in Linux.</para>

      <para> difficile catalogare gli obiettivi di ogni progetto:
        le differenze sono molto soggettive.  Di base,</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>FreeBSD punta alle alte prestazioni e alla facilit d'uso
            per l'utente finale, ed  molto usato dai fornitori di
            contenuti web.  Funziona su diverse piattaforme, inclusi i sistemi
            basati su i386 (<quote>PC</quote>), i sistemi basati sui processori
            AMD a 64-bit, i sistemi basati su &ultrasparc;, i sistemi basati su
            processori Alpha della Compaq e i sistemi basati sulle specifiche
            NEC PC-98.  Il progetto FreeBSD ha nettamente pi utenti degli
            altri.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>NetBSD punta alla massima portabilit: <quote>of course
              it runs NetBSD</quote>, ovviamente ci gira NetBSD.
            Funziona su macchine che vanno dai palmtop ai grossi
            server, ed  anche stato usato dalla NASA in alcune missioni
            spaziali.   una scelta particolarmente buona per il vecchio
            hardware non Intel.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>OpenBSD punta alla sicurezza e alla purezza del codice: usa una
            combinazione dei concetti open source e un rigoroso controllo
            del codice per creare un sistema la cui correttezza sia
            dimostrabile, rendendolo la scelta di organizzazioni attente alla
            sicurezza come banche, borse e dipartimenti del governo
            statunitense.
            Come NetBSD, funziona su un gran numero di piattaforme.</para>
        </listitem>

       <listitem>
         <para>DragonFlyBSD punta ad alte prestazioni e scalabilit sotto
           qualsiasi sistema dal singolo sistema mono-processore al sistema
           massicciamente clasterizzato.  DragonFlyBSD ha diversi obbiettivi a
           lungo termine, anche se  concentrato nel fornire un'infrastruttura
           SMP facile da capire, mantenere e sviluppare.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Ci sono anche altri due sistemi operativi BSD che non sono open
        source, BSD/OS e il &macos; X della Apple:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>BSD/OS fu il p antico dei derivati di 4.4BSD.
            Non fu open source, anche se le licenze per il codice sorgente
            erano disponibili ad un costo relativamente basso.
            Per molti aspetti assomiglia a FreeBSD.  Due anni dopo
            l'acquisizione di BSDi da parte di Wind River Systems,
            BSD/OS non riuscii a sopravvivere come prodotto indipendete.
            Supporto e codice sorgente sono ancora disponibili da Wind River,
            anche se tutto il nuovo sviluppo  concentrato sul
            sistema operativo embedded VxWorks.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><ulink url="http://www.apple.com/macosx/server/">&macos;
              X</ulink>  l'ultima versione del sistema operativo per
            la linea &macintosh; della <ulink url="http://www.apple.com/">Apple
              Computer Inc.</ulink>.  L'anima BSD &unix; di questo sistema
            operativo, <ulink
              url="http://developer.apple.com/darwin/">Darwin</ulink>, 
            disponibile come un sistema operativo open source completamente
            funzionante per computer x86 e PPC.  Il sistema grafico Aqua/Quartz
            e molti altri aspetti proprietari di &macos; X rimangono comunque
            closed source.  Numerosi sviluppatori di Darwin sono anche
            committer di FreeBSD, e viceversa.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Come differisce la licenza BSD dalla GNU Public?</title>

      <para>Linux  disponibile con licenza <ulink
          url="http://www.fsf.org/copyleft/gpl.html">GNU General Public
          License</ulink> (GPL), che  pensata per eliminare il software
        closed source.  In particolare, ogni lavoro derivante da un prodotto
        rilasciato sotto GPL deve essere fornito anche con il codice sorgente,
        se richiesto.  Al contrario, la <ulink
          url="http://www.opensource.org/licenses/bsd-license.html">licenza
          BSD</ulink>  meno restrittiva: le distribuzioni dei soli
        binari sono permesse.  Ci  particolarmente attraente per
        le applicazioni embedded.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Cos'altro dovrei sapere?</title>

      <para>Poich sono disponibili meno applicazioni per BSD che per
        Linux, gli sviluppatori BSD hanno creato un pacchetto di
        compatibilit con Linux, che permette ai programmi per Linux di
        funzionare su BSD.  Il pacchetto include sia modifiche al kernel, in
        modo da permettere l'esecuzione corretta di chiamate di sistema
        Linux, che file di compatibilit, come la libreria C.  Non
        c' una differenza notevole nella velocit di esecuzione
        tra una applicazione in esecuzione su una macchina Linux ed una
        applicazione in esecuzione su una macchina BSD con pari
        caratteristiche.</para>

      <para>La natura <quote>tutto da una sola fonte</quote> di BSD fa s
        che gli aggiornamenti siano molto pi semplici da gestire
        rispetto alla maggior parte dei casi in Linux.  BSD gestisce gli
        aggiornamenti della versione di libreria fornendo moduli di
        compatibilit per le versioni precedenti, dunque 
        possibile eseguire binari di parecchi anni prima senza problemi.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Cosa dovrei usare, BSD o Linux?</title>

      <para>Cosa significa tutto questo in pratica?  Chi dovrebbe usare BSD, chi
        dovrebbe usare Linux?</para>

      <para>Questa  una domanda molto difficile a cui rispondere.  Qui
        ci sono alcune linee guida:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para><quote>Se non  rotto, non aggiustarlo</quote>: se usi
            gi un sistema operativo open source, e ne sei soddisfatto,
            probabilmente non c' ragione di cambiare.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>I sistemi BSD, in particolare FreeBSD, possono avere prestazioni
            notevolmente migliori di Linux.  Ma questo non avviene in tutti i
            campi.  In molti casi, c' una differenza minima nelle
            prestazioni.  In alcuni casi, Linux pu comportarsi meglio di
            FreeBSD.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>In generale, i sistemi BSD hanno una reputazione migliore di
            affidabilit, principalmente come risultato di una base di
            codice pi maturo.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>I progetti BSD hanno una reputazione migliore per quanto
            concerne qualit e completezza della loro documentazione.
            I diversi progetti di documentazione mirano a fornire attivamente
            documentazione aggiornata, in molte lingue, e coprendo tutti
            gli aspetti del sistema.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>La licenza BSD pu essere pi attraente della
            GPL.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>BSD pu eseguire la maggior parte dei binari Linux,
            mentre Linux non pu eseguire i binari BSD.  Molte
            implementazioni di BSD possono anche eseguire i binari di altri
            sistemi di tipo &unix;. Come risultato, BSD pu
            rappresentare un percorso di migrazione pi semplice da
            altri sistemi rispetto a Linux.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Chi fornisce supporto, servizi, e training su BSD?</title>

      <para>BSDi / <ulink url="http://www.freebsdmall.com">FreeBSD
          Mall, Inc.</ulink> forniscono contratti di supporto per
       FreeBSD da quasi un decennio.</para>

      <para>Inoltre, ognuno dei progetti ha una lista di consulenti a pagamento:
        <ulink
          url="&url.base;/commercial/consult_bycat.html">FreeBSD</ulink>,
        <ulink
          url="http://www.netbsd.org/gallery/consultants.html">NetBSD</ulink>,
        e <ulink
          url="http://www.openbsd.org/support.html">OpenBSD</ulink>.</para>
    </sect2>
  </sect1>
</article>