aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/articles/new-users/article.xml
blob: b11c21bbdf5caffc88adcb951b5e54d5cd80fb12 (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
636
637
638
639
640
641
642
643
644
645
646
647
648
649
650
651
652
653
654
655
656
657
658
659
660
661
662
663
664
665
666
667
668
669
670
671
672
673
674
675
676
677
678
679
680
681
682
683
684
685
686
687
688
689
690
691
692
693
694
695
696
697
698
699
700
701
702
703
704
705
706
707
708
709
710
711
712
713
714
715
716
717
718
719
720
721
722
723
724
725
726
727
728
729
730
731
732
733
734
735
736
737
738
739
740
741
742
743
744
745
746
747
748
749
750
751
752
753
754
755
756
757
758
759
760
761
762
763
764
765
766
767
768
769
770
771
772
773
774
775
776
777
778
779
780
781
782
783
784
785
786
787
788
789
790
791
792
793
794
795
796
797
798
799
800
801
802
803
804
805
806
807
808
809
810
811
812
813
814
815
816
817
818
819
820
821
822
823
824
825
826
827
828
829
830
831
832
833
834
835
836
837
838
839
840
841
842
843
844
845
846
847
848
849
850
851
852
853
854
855
856
857
858
859
860
861
862
863
864
865
866
867
868
869
870
871
872
873
874
875
876
877
878
879
880
881
882
883
884
885
886
887
888
889
890
891
892
893
894
895
896
897
898
899
900
901
902
903
904
905
906
907
908
909
910
911
912
913
914
915
916
917
918
919
920
921
922
923
924
925
926
927
928
929
930
931
932
933
934
935
936
937
938
939
940
941
942
943
944
945
946
947
948
949
950
951
952
953
954
955
956
957
958
959
960
961
962
963
964
965
966
967
968
969
970
971
972
973
974
975
976
977
978
979
980
981
982
983
984
985
986
987
988
989
990
991
992
993
994
995
996
997
998
999
1000
1001
1002
1003
1004
1005
1006
1007
1008
1009
1010
1011
1012
1013
1014
1015
1016
1017
1018
1019
1020
1021
1022
1023
1024
1025
1026
1027
1028
1029
1030
1031
1032
1033
1034
1035
1036
1037
1038
1039
1040
1041
1042
1043
1044
1045
1046
1047
1048
1049
1050
1051
1052
1053
1054
1055
1056
1057
1058
1059
1060
1061
1062
1063
1064
1065
1066
1067
1068
1069
1070
1071
1072
1073
1074
1075
1076
1077
1078
1079
1080
1081
1082
1083
1084
1085
1086
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15" standalone="no"?>
<!DOCTYPE article PUBLIC "-//FreeBSD//DTD DocBook XML V4.2-Based Extension//EN"
	"../../../share/sgml/freebsd42.dtd" [
<!ENTITY % entities PUBLIC "-//FreeBSD//ENTITIES DocBook FreeBSD Entity Set//IT" "../../share/sgml/entities.ent">
%entities;
]>

<!--
     The FreeBSD Italian Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.48
-->

<article lang="it">
  <articleinfo>
    <title>Per chi  alle Prime Armi sia con FreeBSD che con
      &unix;</title>

    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Annelise</firstname>

        <surname>Anderson</surname>

        <affiliation>
          <address><email>andrsn@andrsn.stanford.edu</email></address>
        </affiliation>
      </author>
    </authorgroup>

    <pubdate>15 Agosto 1997</pubdate>

    <legalnotice id="trademarks" role="trademarks">
      &tm-attrib.freebsd;
      &tm-attrib.ibm;
      &tm-attrib.microsoft;
      &tm-attrib.netscape;
      &tm-attrib.opengroup;
      &tm-attrib.general;
    </legalnotice>

    <releaseinfo>$FreeBSD$</releaseinfo>

    <abstract>
      <para>Congratulazioni per aver installato FreeBSD! Questa introduzione
         per chi  alle prime armi con FreeBSD
        <emphasis>e</emphasis> &unix;&mdash;perci comincia dalle basi.
        Stai certamente usando la versione 2.0.5 o una pi recente di
        &os; distribuita da &os;.org, il tuo sistema ha (per il momento) un
        solo utente (te stesso)&mdash;e sei probabilmente abbastanza bravo
        con DOS/&windows; o &os2;.</para>

      &trans.it.max;
    </abstract>
  </articleinfo>

  <sect1>
    <title>Entrare ed Uscire dal Sistema</title>

    <para>Entra (quando vedi <prompt>login:</prompt>) come l'utente che
      hai creato durante l'installazione oppure come
      <username>root</username>.  (La tua installazione di FreeBSD dovrebbe
      gi avere un account di <username>root</username>; che pu
      andare ovunque e fare qualsiasi cosa, anche cancellare file essenziali,
      perci stai attento!)  I simboli &prompt.user; e &prompt.root;
      che incontrerai pi avanti simboleggiano il prompt (i tuoi
      potrebbero essere differenti), dove &prompt.user; indica un utente
      ordinario e &prompt.root; indica <username>root</username>.</para>

    <para>Per uscire (e ritrovarsi con un nuovo prompt <prompt>login:</prompt>)
      scrivi</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>exit</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>tante volte quanto serve. S, premi
      <keysym>invio</keysym> dopo ogni comando, e ricordati che &unix; fa
      distinzione tra maiuscole e minuscole&mdash;perci
      <command>exit</command>, non <command>EXIT</command>.</para>

    <para>Per spegnere il computer digita</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>/sbin/shutdown -h now</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>O per riavviarlo digita</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>/sbin/shutdown -r now</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>oppure</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>/sbin/reboot</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Puoi anche riavviarlo premendo
      <keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>Alt</keycap><keycap>Canc</keycap></keycombo>.
      Lasciagli un po' di tempo per compiere il suo lavoro.  Questo equivale a
      <command>/sbin/reboot</command> nelle versioni pi recenti di
      FreeBSD ed  molto meglio che premere il bottone di reset.
      Non vorrai mica reinstallare tutto da capo, vero?</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Aggiungere un Utente con Privilegi di Root</title>

    <para>Se non hai creato un utente durante l'installazione e quindi
      sei entrato nel sistema come <username>root</username>, dovresti
      probabilmente crearne uno ora tramite</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>adduser</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>La prima volta che aggiungi un utente, il sistema dovrebbe chiederti
      di inserire delle impostazioni di default da applicare.  Potresti volere
      come shell &man.csh.1; invece di &man.sh.1;, se ti viene consigliato
      <command>sh</command> come default.  Altrimenti premi solo invio
      per accettare i valori proposti.  Questi dati vengono salvati in
      <filename>/etc/adduser.conf</filename>, un file modificabile
      successivamente a mano.</para>

    <para>Supponiamo che tu voglia creare l'utente <username>jack</username> di
      nome reale <emphasis>Jack Benimble</emphasis>.  Assegna a
      <username>jack</username> una password per ragioni di sicurezza (anche i
      bambini che gironzolano per casa potrebbero mettere le mani sulla
      tastiera).  Quando ti viene chiesto se vuoi invitare
      <username>jack</username> in un altro gruppo, digita
      <groupname>wheel</groupname></para>

    <informalexample>
      <screen>Login group is ``jack''. Invite jack into other groups: <userinput>wheel</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Questo ti permetter di entrare come l'utente
      <username>jack</username> e usare il comando &man.su.1;
      per diventare <username>root</username>.  A quel punto non sarai
      pi preso in giro per essere entrato direttamente come
      <username>root</username>.</para>

    <para>Puoi uscire da <command>adduser</command> in qualsiasi momento
      premendo <keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>C</keycap></keycombo>,
      e alla fine avrai l'opportunit di approvare il nuovo utente oppure
      premere <keycap>n</keycap> per non farlo.  Potresti voler creare un
      secondo utente cosicch quando andrai a modificare i file
      di <username>jack</username> avrai un'ancora di salvezza in caso qualcosa
      vada male.</para>

    <para>Una volta fatto questo, usa <command>exit</command> per tornare al
      prompt di login ed entrare come <username>jack</username>.
      In generale  meglio cercare di lavorare da utente normale
      in modo da non avere il potere&mdash;e il rischio&mdash;di
      <username>root</username>.</para>

    <para>Se hai gi creato un utente e vuoi che quell'utente sia in
      grado di usare <command>su</command> per diventare
      <username>root</username>, puoi entrare come <username>root</username> e
      modificare il file <filename>/etc/group</filename>, aggiungendo
      <username>jack</username> alla prima linea (il gruppo
      <groupname>wheel</groupname>).  Ma prima devi fare pratica con
      &man.vi.1;, l'editor di testo&mdash;oppure usa il pi semplice
      &man.ee.1;, installato sulle recenti versioni di FreeBSD.</para>

    <para>Per cancellare un utente, usa il comando
      <command>rmuser</command>.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Diamoci un'occhiata in giro</title>

    <para>Una volta avuto accesso come utente normale, guardati in giro e prova
      alcuni dei comandi che ti daranno accesso alle fonti di aiuto e di
      informazioni su FreeBSD.</para>

    <para>Ecco qui una lista di comandi e le loro funzioni:</para>

    <variablelist>
      <varlistentry>
        <term><command>id</command></term>

        <listitem>
          <para>Ti dice chi sei!</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>pwd</command></term>

        <listitem>
          <para>Ti mostra dove sei&mdash;la directory in cui stai
            lavorando.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>ls</command></term>

        <listitem>
          <para>Ti mostra una lista dei file contenuti nella directory.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>ls <option>-F</option></command></term>

        <listitem>
          <para>Ti mostra un elenco dei file contenuti nella directory ponendo
            <literal>*</literal> dopo i file eseguibili,
            <literal>/</literal> dopo le directory, e
            <literal>@</literal> dopo i collegamenti simbolici.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>ls <option>-l</option></command></term>

        <listitem>
          <para>Mostra un elenco di file nel formato lungo&mdash;grandezza,
            data, permessi.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>ls <option>-a</option></command></term>

        <listitem>
          <para>Mostra una lista dei file nascosti, cio con un
            <quote>punto</quote> davanti al nome, insieme agli altri.
            Se sei <username>root</username>, i file <quote>puntati</quote>
            vengono mostrati anche senza l'opzione <option>-a</option>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>cd</command></term>

        <listitem>
          <para>Cambia la directory di lavoro.  <command>cd
              <parameter>..</parameter></command> torna alla directory
            superiore; nota lo spazio dopo <command>cd</command>.  <command>cd
              <parameter>/usr/local</parameter></command> va nella directory
            specificata.  <command>cd <parameter>~</parameter></command> va
            nella directory home dell'utente collegato in quel
            momento&mdash;per esempio, <filename>/usr/home/jack</filename>.
            Prova <command>cd <parameter>/cdrom</parameter></command>, e poi
            <command>ls</command>, per scoprire se il tuo CDROM 
            montato e funziona.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>view
            <replaceable>nomefile</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Mostra il contenuto del file (chiamato
            <replaceable>nomefile</replaceable>) senza modificarlo.
            Prova <command>view
            <parameter>/etc/fstab</parameter></command>.
            Digita <command>:q</command> per uscire.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>cat <replaceable>nomefile</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Mostra <replaceable>nomefile</replaceable> sullo schermo.
            Se  troppo lungo e ne puoi vedere solo la fine,
            premi <keycap>BlocScorr</keycap> e usa
            <keycap>freccia-su</keycap> per muoverti in alto; puoi usare
            <keycap>BlocScorr</keycap> anche con le pagine man.  Premi ancora
            <keycap>BlocScorr</keycap> per uscire dallo scorrimento.  Potresti
            provare <command>cat</command> con alcuni dei file
            nascosti presenti nella tua directory home&mdash;<command>cat
              <parameter>.cshrc</parameter></command>, <command>cat
              <parameter>.login</parameter></command>, <command>cat
              <parameter>.profile</parameter></command>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>
    </variablelist>

    <para>Noterai degli alias in <filename>.cshrc</filename> per
      alcuni dei comandi <command>ls</command> (sono molto
      convenienti).  Puoi creare degli altri alias modificando
      <filename>.cshrc</filename>.  Puoi far s che questi alias
      diventino disponibili a tutti gli utenti mettendoli nel file
      di configurazione generale di <command>csh</command>,
      <filename>/etc/csh.cshrc</filename>.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Ottenere Aiuto e Informazioni</title>

    <para>Ecco alcune risorse utili per ottenere aiuto.
      <replaceable>Testo</replaceable>  qualcosa che puoi
      digitare a tuo piacere&mdash;normalmente si tratta di un comando
      o del nome di un file.</para>

    <variablelist>
      <varlistentry>
        <term><command>apropos
            <replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Tutto ci che contiene la stringa
            <replaceable>testo</replaceable> nel <database>database
              whatis</database>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>man
            <replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Mostra la pagina man di <replaceable>testo</replaceable>,
            la maggior risorsa di documentazione per i sistemi Un*x.
            <command>man <parameter>ls</parameter></command> ti dir
            tutti i modi possibili per usare il comando <command>ls</command>.
            Premi <keycap>Invio</keycap> per muoverti nel testo,
            <keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>B</keycap></keycombo>
            per andare indietro di una pagina,
            <keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>F</keycap></keycombo>
            per andare avanti, <keycap>q</keycap> oppure
            <keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>C</keycap></keycombo>
            per uscire.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>which
            <replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Ti dice dove si trova il comando
            <replaceable>testo</replaceable> nel path dell'utente.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>locate
            <replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Ti dice tutte le directory nei path dell'utente in cui si trova
            il comando <replaceable>testo</replaceable>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>whatis
            <replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Ti dice che cosa fa il comando
            <replaceable>testo</replaceable> e la sua pagina man.
            Digitando <command>whatis *</command> ti verranno presentate tutte
            le pagine man associate agli eseguibili presenti nella directory
            corrente.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>whereis
            <replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>Trova il file <replaceable>testo</replaceable>, dandoti il suo
            percorso completo.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>
    </variablelist>

    <para>Potresti voler provare ad usare <command>whatis</command> con
      alcuni comandi utili come <command>cat</command>,
      <command>more</command>, <command>grep</command>,
      <command>mv</command>, <command>find</command>,
      <command>tar</command>, <command>chmod</command>,
      <command>chown</command>, <command>date</command>, e
      <command>script</command>.  <command>more</command> ti permette
      di leggere una pagina alla volta come in DOS, ad esempio, <command>ls -l |
        more</command> oppure <command>more
        <replaceable>nomefile</replaceable></command>.
      <literal>*</literal> ha valore assoluto&mdash;per esempio, <command>ls
        w*</command> mostra tutti i file che cominciano con
      <literal>w</literal>.</para>

    <para>Per caso alcuni di questi comandi non funzionano correttamente?  Sia
      &man.locate.1;, sia &man.whatis.1; dipendono da
      un database che viene ricostruito settimanalmente.  Se la tua macchina
      non sar lasciata accesa per il fine settimana (usando FreeBSD),
      pu darsi che tu voglia usare i comandi per la manutenzione
      giornaliera, settimanale, e mensile ogni tanto.  Falli partire come
      <username>root</username> e lascia loro il tempo di finire il lavoro
      prima di farne partire un altro.</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>periodic daily</userinput>
<lineannotation>output tralasciato</lineannotation>
&prompt.root; <userinput>periodic weekly</userinput>
<lineannotation>output tralasciato</lineannotation>
&prompt.root; <userinput>periodic monthly</userinput>
<lineannotation>output tralasciato</lineannotation></screen>
    </informalexample>

    <para>Se ti stufi di aspettare, premi
      <keycombo><keycap>Alt</keycap><keycap>F2</keycap></keycombo> per
      avere un'altra <firstterm>console virtuale</firstterm>, e poterti loggare
      nuovamente.  Dopotutto  un sistema multi-utente, e multi-tasking.
      Probabilmente questi comandi produrranno dei messaggi sullo
      schermo quando lavorano; puoi digitare
      <command>clear</command> per pulire lo schermo.
      Quando hanno finito, dovresti dare un'occhiata a
      <filename>/var/mail/root</filename> e
      <filename>/var/log/messages</filename>.</para>

    <para>Usare tali comandi fa parte dell'amministrazione di
      sistema&mdash;e come utente singolo di un sistema &unix;,
      sei tu l'amministratore del sistema.  Praticamente l'unica cosa
      per la quale  necessario che tu sia <username>root</username>
       l'amministrazione.  Queste responsabilit non vengono
      trattate bene nemmeno in quei grossi libri su &unix;, che sembrano
      dedicare troppo spazio all'uso dei menu nei windows manager.  Potresti
      voler leggere uno dei pi interessanti libri sull'amministrazione
      di sistema, come <citetitle>UNIX System Administration
        Handbook</citetitle> di Evi Nemeth et.al. (Prentice-Hall, 1995,
      ISBN 0-13-15051-7)&mdash;la seconda edizione con la copertina rossa;
      oppure <citetitle>Essential System Administration</citetitle> di
      &AElig;leen Frisch (O'Reilly &amp; Associates, 2002, ISBN 0-596-00343-9).
      Io ho usato quello di Nemeth.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Modificare File di Testo</title>

    <para>Per poter configurare il tuo sistema, devi modificare dei file.  Molti
      di questi saranno in <filename>/etc</filename>; e avrai bisogno
      del comando <command>su</command> per diventare <username>root</username>
      e poter cos modificarli.  Puoi usare il semplice editor
      <command>ee</command>, ma alla lunga risulta pi utile imparare
      <command>vi</command>.  C' un eccellente tutorial su
      <command>vi</command> in
      <filename>/usr/src/contrib/nvi/docs/tutorial</filename> se hai installato
      i sorgenti di sistema.</para>

    <para>Prima di modificare un file, dovresti farne una copia.
      Supponiamo tu voglia modificare <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Puoi
      semplicemente usare <command>cd /etc</command> per andare in
      <filename>/etc</filename> e fare:</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>cp rc.conf rc.conf.orig</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Questo copier <filename>rc.conf</filename> in
      <filename>rc.conf.orig</filename>, e potrai successivamente copiare
      <filename>rc.conf.orig</filename> in
      <filename>rc.conf</filename> per tornare all'originale.  Ma ancora meglio
      sar spostare (rinominare) il file per poi ricopiarlo con il nome
      originale:</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>mv rc.conf rc.conf.orig</userinput>
&prompt.root; <userinput>cp rc.conf.orig rc.conf</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>perch il comando <command>mv</command> mantiene
      la data e il proprietario originali del file.  Puoi ora modificare
      <filename>rc.conf</filename>.  Se vuoi tornare all'originale,
      potresti fare <userinput>mv rc.conf rc.conf.myedit</userinput>
      (assumendo che vuoi tenere la versione modificata) e
      quindi fare</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>mv rc.conf.orig rc.conf</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>per tornare allo stato iniziale.</para>

    <para>Per modificare un file, digita</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>vi <replaceable>nomefile</replaceable></userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Muoviti nel testo con i tasti freccia.
      <keycap>Esc</keycap> mette <command>vi</command>
      in modalit comando.  Ecco qui alcuni dei comandi:</para>

    <variablelist>
      <varlistentry>
        <term><command>x</command></term>

        <listitem>
          <para>cancella la lettera su cui si trova il cursore</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>dd</command></term>

        <listitem>
          <para>cancella l'intera riga (anche se va a capo sullo schermo)</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>i</command></term>

        <listitem>
          <para>inserisci del testo nella posizione del cursore</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>a</command></term>

        <listitem>
          <para>inserisci del testo dopo il cursore</para>
        </listitem>
      </varlistentry>
    </variablelist>

    <para>Quando digiti <command>i</command> o <command>a</command>,
      puoi inserire del testo.  <command>Esc</command> ti riporta in
      modalit comando dove puoi digitare</para>

    <variablelist>
      <varlistentry>
        <term><command>:w</command></term>

        <listitem>
          <para>per salvare le modifiche sul disco e continuare a
            modificare il file</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>:wq</command></term>

        <listitem>
          <para>per salvare le modifiche e uscire</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>:q!</command></term>

        <listitem>
          <para>per uscire senza salvare le modifiche</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>/<replaceable>testo</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>per spostare il cursore su <replaceable>testo</replaceable>;
            <command>/<keycap>Invio</keycap></command>
            per trovare la prossima occorrenza di
            <replaceable>testo</replaceable>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>G</command></term>

        <listitem>
          <para>per andare alla fine del file</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command><replaceable>n</replaceable>G</command></term>

        <listitem>
          <para>per andare alla riga <replaceable>n</replaceable> del
            file, dove <replaceable>n</replaceable>  un numero</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>L</keycap></keycombo></term>

        <listitem>
          <para>per ridisegnare lo schermo</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>b</keycap></keycombo> e
          <keycombo><keycap>Ctrl</keycap><keycap>f</keycap></keycombo></term>

        <listitem>
          <para>vai avanti e indietro di una pagina, come succede con
            <command>more</command> e <command>view</command>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>
    </variablelist>

    <para>Fai un po' di pratica con <command>vi</command> nella tua directory
      home creando un nuovo file digitando <command>vi
        <replaceable>nomefile</replaceable></command> e aggiungendo
      e cancellando del testo, salvando il file, e riaprendolo di nuovo.
      <command>vi</command>  pieno di sorprese perch 
      abbastanza complesso, e ti capiter di digitare un comando che
      far di sicuro qualcosa che non ti aspetti.  (Alcune persone
      preferiscono <command>vi</command>&mdash; pi potente
      dell'EDIT del DOS&mdash;scopri il comando <command>:r</command>)
      Usa <keycap>Esc</keycap> una o pi volte per essere sicuro di
      essere in modalit comando e continua da l quando hai dei
      problemi, salva spesso con <command>:w</command>, e usa
      <command>:q!</command> per uscire e ricominciare (dal tuo ultimo
      <command>:w</command>) quando ne hai bisogno.</para>

    <para>Ora puoi usare <command>cd</command> per andare in
      <filename>/etc</filename>, <command>su</command> per diventare
      <username>root</username>, <command>vi</command> per modificare il file
      <filename>/etc/group</filename>, e aggiungere un utente al gruppo
      <groupname>wheel</groupname> cosicch possa avere privilegi di
      <username>root</username>.  Aggiungi solo una virgola e il nome di login
      dell'utente alla fine della prima riga del file, premi
      <keycap>Esc</keycap>, e usa <command>:wq</command> per salvare
      il file su disco e uscire.  La modifica ha effetto immediato.  (Non hai
      lasciato uno spazio dopo la virgola, vero?)</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Stampa di File da DOS</title>

    <para>A questo punto la tua stampante non funzioner ancora sotto
      FreeBSD, ecco quindi un sistema per creare un file da una pagina man,
      metterlo su un floppy, e quindi stamparlo da DOS.  Supponiamo che tu
      voglia leggere attentamente come cambiare i permessi sui file (abbastanza
      importante). Puoi usare <command>man chmod</command> per leggere come
      fare. Il comando</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.user; <userinput>man chmod | col -b &gt; chmod.txt</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>toglier gli elementi di formattazione e mander il
      tutto sul file <filename>chmod.txt</filename> al posto di mostrare il
      contenuto sullo schermo.  Ora metti un dischetto formattato DOS nel
      lettore, digita <command>su</command> per diventare
      <username>root</username>, e scrivi</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>/sbin/mount -t msdos /dev/fd0 /mnt</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>per montare il floppy su <filename>/mnt</filename>.</para>

    <para>Ora (non hai pi bisogno di essere <username>root</username>,
      e puoi digitare <command>exit</command> per tornare ad essere l'utente
      <username>jack</username>) puoi andare nella directory in cui hai creato
      <filename>chmod.txt</filename> e copiare il file sul floppy
      digitando:</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.user; <userinput>cp chmod.txt /mnt</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>e usare <command>ls /mnt</command> per vedere il
      contenuto di <filename>/mnt</filename>, che dovrebbe contenere il file
      <filename>chmod.txt</filename>.</para>

    <para>In particolare potresti voler creare un file con l'output di
      <filename>/sbin/dmesg</filename> digitando</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.user; <userinput>/sbin/dmesg &gt; dmesg.txt</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>e copiare <filename>dmesg.txt</filename> sul floppy.
      <command>/sbin/dmesg</command>  il file di log di avvio, ed
       importante comprenderlo perch ti mostra cosa ha trovato
      FreeBSD all'avvio.  Se poni delle domande sulla &a.questions;
      o su un gruppo USENET&mdash;del tipo <quote>FreeBSD non trova il mio drive
        per i nastri, che cosa faccio?</quote>&mdash;la gente vorr
      sapere cosa mostra il tuo <command>dmesg</command>.</para>

    <para>Ora devi smontare il floppy (da <username>root</username>) per poter
      togliere il disco</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>/sbin/umount /mnt</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>e riavviare per tornare in DOS.  Copia questo file in una
      directory DOS, richiamali con l'EDIT del DOS, Notepad o Wordpad di
      &windows;, o un editor di testi, fai una piccola modifica in modo che
      il file debba essere salvato, e stampa come faresti da DOS o
      &windows;.  Spera che funzioni!  Le pagine man vengono meglio se
      stampate con il comando DOS <command>print</command>.  (Copiare i file
      da FreeBSD su una partizione DOS montata  ancora in alcuni casi
      rischioso.)</para>

    <para>Far funzionare la stampante sotto FreeBSD consiste nel creare
      un opportuno elemento in <filename>/etc/printcap</filename> e
      creare una directory di spool corrispondente in
      <filename>/var/spool/output</filename>.  Se la tua stampante  su
      <hardware>lpt0</hardware> (ci che DOS chiama
      <hardware>LPT1</hardware>), devi solo andare in
      <filename>/var/spool/output</filename> e (da <username>root</username>)
      creare la directory <filename>lpd</filename> digitando: <command>mkdir
        lpd</command>, se non  gi presente.  A quel punto la
      stampante dovrebbe rispondere quando il sistema parte, e
      <command>lp</command> o <command>lpr</command> dovrebbero mandare un
      file alla stampante.  Che il file venga stampato o meno  solo
      questione di configurazione, che  discussa nel <ulink
        url="&url.books.handbook;/index.html">Manuale di FreeBSD</ulink>.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Altri Comandi Utili</title>

    <variablelist>
      <varlistentry>
        <term><command>df</command></term>

        <listitem>
          <para>mostra lo spazio disponibile e tutte le partizioni
            montate.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>ps aux</command></term>

        <listitem>
          <para>mostra i processi in esecuzione.  <command>ps ax</command>
             una forma contratta.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>rm <replaceable>nomefile</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>cancella <replaceable>nomefile</replaceable>.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>rm -R <replaceable>dir</replaceable></command></term>

        <listitem>
          <para>cancella la directory <replaceable>dir</replaceable> e tutte le
            sottodirectory&mdash;attenzione!</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>ls -R</command></term>

        <listitem>
          <para>mostra il contenuto della directory e delle sue
            sottodirectory; io usavo una variante, <command>ls -AFR &gt;
              where.txt</command>, per avere una lista dei file in
            <filename>/</filename> e (separatamente)
            <filename>/usr</filename> prima che scoprissi dei metodi migliori
            per cercare i file.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>passwd</command></term>

        <listitem>
          <para>per cambiare la password dell'utente (o di
            <username>root</username>)</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>man hier</command></term>

        <listitem>
          <para>pagina man sul file system di &unix;</para>
        </listitem>
      </varlistentry>
    </variablelist>

    <para>Usa <command>find</command> per trovare <filename>nomefile</filename>
      in <filename>/usr</filename> o nelle sue sottodirectory digitando</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.user; <userinput>find /usr -name "<replaceable>nomefile</replaceable>"</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Puoi usare <literal>*</literal> come identificatore universale in
      <parameter>"<replaceable>nomefile</replaceable>"</parameter>
      (che dovrebbe essere tra virgolette).  Se dici a
      <command>find</command> di cercare in <filename>/</filename>
      anzich <filename>/usr</filename> cercher il/i file su
      tutti i file system montati, inclusi i CDROM e le partizioni DOS.</para>

    <para>Un libro eccellente che tratta i comandi e le utility di &unix;
       <citetitle>Unix for the Impatient</citetitle> di Abrahams &amp;
      Larson (2nd ed., Addison-Wesley, 1996).
      Ci sono anche un sacco di informazioni su &unix; su Internet.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Prossimi Passi</title>

    <para>Dovresti ora avere gli strumenti necessari per girare nel sistema e
      modificare i file, cos da poter rendere tutto funzionante.  Ci
      sono un sacco di informazioni nel Manuale di FreeBSD (che 
      probabilmente sul tuo disco rigido) e sul <ulink
        url="&url.base;/it/index.html">sito web di FreeBSD</ulink>.  Una
      grande scelta di package e port  presente sul CDROM cos
      come sul sito web.  Il manuale ti spiega come usarli
      (prendi il package se esiste, con <command>pkg_add
      /cdrom/packages/All/<replaceable>nomepackage</replaceable></command>,
      dove <replaceable>nomepackage</replaceable>  il nome del file del
      package).  Il CDROM ha una lista di package e di port
      con delle brevi descrizioni in <filename>cdrom/packages/index</filename>,
      <filename>cdrom/packages/index.txt</filename>, e
      <filename>cdrom/ports/index</filename>, e con descrizioni pi ampie
      in <filename>/cdrom/ports/*/*/pkg/DESCR</filename>, dove
      <literal>*</literal> rappresenta rispettivamente sottodirectory di tipi di
      programmi e nomi di programmi.</para>

    <para>Se trovi il manuale troppo difficile su come installare i port dal
      CDROM (con il sistema di <command>lndir</command> e altro), ecco come
      funziona normalmente:</para>

    <para>Trova il port che vuoi, supponiamo <command>kermit</command>.
      Ci sar una directory per lui sul CDROM.  Copia la
      sottodirectory in <filename>/usr/local</filename> (un buon posto
      perch il software che aggiungi sia disponibile a tutti gli utenti)
      con:</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>cp -R /cdrom/ports/comm/kermit /usr/local</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Questo dovrebbe portarti ad avere la sottodirectory
      <filename>/usr/local/kermit</filename> che contiene tutti i file
      presenti nella sottodirectory <command>kermit</command> del CDROM.</para>

    <para>Ora, crea la directory
      <filename>/usr/ports/distfiles</filename> se non esiste ancora,
      usando <command>mkdir</command>.  Poi controlla
      <filename>/cdrom/ports/distfiles</filename> cercando un file
      con il nome che indica che si tratta del port esatto.  Copia quel file in
      <filename>/usr/ports/distfiles</filename>; nelle versioni pi
      recenti puoi saltare questo passo, perch FreeBSD lo far
      per te.  Nel caso di <command>kermit</command>, non c' nessun
      distfile.</para>

    <para>Quindi entra con <command>cd</command> nella sottodirectory di
      <filename>/usr/local/kermit</filename> che contiene il file
      <filename>Makefile</filename>.  Digita</para>

    <informalexample>
      <screen>&prompt.root; <userinput>make all install</userinput></screen>
    </informalexample>

    <para>Durante questo processo il port user FTP per scaricare
      i file compressi che non ha trovato sul CDROM o in
      <filename>/usr/ports/distfiles</filename>.  Se la tua connessione
      non funziona ancora e non c' nessun file per il port in
      <filename>/cdrom/ports/distfiles</filename>, dovrai
      recuperare il distfile usando un'altra macchina e poi copiarlo in
      <filename>/usr/ports/distfiles</filename> da un dischetto o dalla
      partizione DOS.  Leggi <filename>Makefile</filename> (usando
      <command>cat</command> o <command>more</command> oppure
      <command>view</command>) per scoprire dove andare (il sito principale
      di distribuzione) per trovare il file e conoscere il suo nome.  Il nome
      verr troncato quando scaricato da DOS, e dopo averlo trasferito
      in <filename>/usr/ports/distfiles</filename> dovrai
      rinominarlo (usando il comando <command>mv</command>) nel suo
      nome originale cosicch possa essere trovato.  (Usa il
      trasferimento di file binario!)
      Quindi torna in <filename>/usr/local/kermit</filename>, trova la
      directory contenente <filename>Makefile</filename>, e digita
      <command>make all install</command>.</para>

    <para>Un'altra cosa che pu succedere quando si installa un port o un
      package  che questi abbiano bisogno di un altro programma.  Se
      l'installazione si ferma con un messaggio <errorname>can't find
        unzip</errorname> o simile, potresti dover installare il
      package o il port di unzip prima di proseguire.</para>

    <para>Una volta installato, digita <command>rehash</command> per far
      s che FreeBSD rilegga i file contenuti nel path e sappia quali
      sono presenti.
      (Se trovi un sacco di messaggi <errorname>path not found</errorname>
      quando usi <command>whereis</command> o which, dovresti
      fare delle aggiunte all'elenco delle directory nel
      file <filename>.cshrc</filename> nella tua directory home.
      L'elenco dei path in &unix; fa la stessa
      cosa che fa in DOS, tranne che la directory corrente (di
      default) non si trova nel path per ragioni di sicurezza; se il comando
      che vuoi eseguire  nella directory in cui ti trovi, devi digitare
      <filename>./</filename> prima del nome del comando; niente
      spazio dopo la barra.)</para>

    <para>Potresti volere la versione pi recente di &netscape;
      dal loro <ulink url="ftp://ftp.netscape.com/">sito FTP</ulink>.
      (&netscape; necessita dell'X Window System.)  Ora c' una versione
      per FreeBSD, quindi d un'occhiata in giro.  Usa solo
      <command>gunzip <replaceable>nomefile</replaceable></command> e
      <command>tar xvf <replaceable>nomefile</replaceable></command> sul file,
      sposta il binario in <filename>/usr/local/bin</filename> o qualche altro
      posto in cui vengono tenuti i binari, esegui <command>rehash</command>, e
      quindi aggiungi le seguenti linee a <filename>.cshrc</filename> in tutte
      le directory home degli utenti oppure (pi semplicemente) in
      <filename>/etc/csh.cshrc</filename>, il file di configurazione globale di
      <command>csh</command>:</para>

    <informalexample>
      <programlisting>setenv XKEYSYMDB /usr/X11R6/lib/X11/XKeysymDB
setenv XNLSPATH /usr/X11R6/lib/X11/nls</programlisting>
    </informalexample>

    <para>Questo assume che il file <filename>XKeysymDB</filename>
      e la directory <filename>nls</filename> siano in
      <filename>/usr/X11R6/lib/X11</filename>; se non lo sono, trovale
      e mettile l.</para>

    <para>Se hai originariamente installato &netscape; dal CDROM (o via
      FTP), non sostituire <filename>/usr/local/bin/netscape</filename>
      con il nuovo binario di netscape; questo  solo uno script di shell
      che imposta le variabili di ambiente per te.  Rinomina invece
      il nuovo binario in <filename>netscape.bin</filename> e rimpiazza il
      vecchio binario, che dovrebbe essere
      <filename>/usr/local/netscape/netscape</filename>.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Il tuo Ambiente di Lavoro</title>

    <para>La shell  la parte pi importante del tuo ambiente
      di lavoro.  In DOS, la shell  solitamente command.com.  La shell
       ci che interpreta i comandi che digiti sulla linea di
      comando, e quindi comunica con il resto del sistema operativo.
      Puoi anche scrivere script di shell, che sono come i file batch di
      DOS: una serie di comandi che devono essere eseguiti senza il tuo
      intervento.</para>

    <para>Due shell vengono normalmente installate con FreeBSD:
      <command>csh</command> e <command>sh</command>.
      <command>csh</command>  buona per lavoro da linea di comando, ma
      gli script dovrebbero essere scritti usando <command>sh</command> (o
      <command>bash</command>).  Puoi scoprire che shell hai
      digitando <command>echo $SHELL</command>.</para>

    <para><command>csh</command>  una buona shell, ma
      <command>tcsh</command> fa tutto ci che <command>csh</command>
      fa e anche altro.  Ti permette di richiamare i comandi usando
      le frecce e ti permette di modificarli.  Ha l'auto-completamento dei nomi
      di file con tab (<command>csh</command> usa <keycap>Esc</keycap>), e
      ti permette di tornare alla directory in cui eri digitando
      <command>cd -</command>.   anche pi semplice alterare il
      prompt con <command>tcsh</command>.  Ti rende la vita pi
      facile.</para>

    <para>Ecco tre semplici passi per installare una nuova shell:</para>

    <procedure>
      <step>
        <para>Installa la shell tramite port o package, come faresti
          con un qualsiasi altro port o package.  Usa
          <command>rehash</command> e <command>which tcsh</command>
          (assumendo che tu stia installando <command>tcsh</command>) per
          essere sicuro di averla installata.</para>
      </step>

      <step>
        <para>Da <username>root</username>, modifica
          <filename>/etc/shells</filename>, aggiungendo una riga nel file per
          la nuova shell, in questo caso
          <filename>/usr/local/bin/tcsh</filename>, e salva il file.
          (Alcuni port lo fanno per te.)</para>
      </step>

      <step>
        <para>Usa il comando <command>chsh</command> per cambiare
          permanentemente la tua shell in <command>tcsh</command>, o digita
          <command>tcsh</command> al prompt per cambiare la shell senza
          dover uscire dal sistema per poi rientrare.</para>
      </step>
    </procedure>

    <note>
      <para>Pu essere pericoloso cambiare la shell di
        <username>root</username> in qualcosa di diverso da
        <command>sh</command> o <command>csh</command> su versioni pi
        recenti di FreeBSD e di &unix;; potresti non avere una shell
        funzionante se il sistema entra in modalit singolo utente.
        La soluzione  usare <command>su -m</command> per diventare
        <username>root</username>, che ti d <command>tcsh</command> come
        shell di <username>root</username>, poich la shell 
        parte del tuo ambiente.  Puoi rendere tutto ci permanente
        aggiungendo al tuo <filename>.tcshrc</filename> un alias con:</para>
        <programlisting>alias su su -m</programlisting>
    </note>

    <para>Quando <command>tcsh</command> parte, legge i file
      <filename>/etc/csh.cshrc</filename> e
      <filename>/etc/csh.login</filename>, come farebbe
      <command>csh</command>.  Legger anche il file
      <filename>.login</filename> nella tua directory home ed anche
      <filename>.cshrc</filename>, a meno che tu non abbia un file
      <filename>.tcshrc</filename>.  Puoi crearlo copiando
      <filename>.cshrc</filename> in <filename>.tcshrc</filename>.</para>

    <para>Ora che hai installato <command>tcsh</command>, puoi sistemare
      il tuo prompt.  Puoi trovare i dettagli nella pagina man di
      <command>tcsh</command>, ma ecco qui una linea da mettere nel tuo
      <filename>.tcshrc</filename> che ti dir quanti comandi hai
      digitato, che ore sono, e in che directory
      ti trovi.  Produce anche un <literal>></literal> se sei un
      utente normale e un <literal>#</literal> se sei <username>root</username>,
      ma <command>tcsh</command> lo farebbe in ogni caso:</para>

    <para>set prompt = "%h %t %~ %# "</para>

    <para>Questa dovrebbe andare nella stessa posizione della linea di
      prompt corrente se ce n' una, o sotto "if($?prompt) then" in caso
      contrario.  Commenta la vecchia riga; cos potrai tornare a quella
      vecchia se la preferirai.  Non dimenticare gli spazi e le virgolette.
      Puoi far rileggere <filename>.tcshrc</filename> digitando
      <command>source .tcshrc</command>.</para>

    <para>Puoi avere una lista delle variabili di sistema che sono state
      impostate digitando <command>env</command> al prompt.
      Il risultato ti mostrer il tuo editor di default, il pager, e il
      tipo di terminale, tra le altre possibili variabili.  Un comando
      utile se ti connetti al sistema da una postazione remota e non riesci ad
      eseguire un programma perch il terminale non ne  capace
       <command>setenv TERM vt100</command>.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>Altro</title>

    <para>Da <command>tcsh</command> puoi smontare il CDROM con
      <command>/sbin/umount /cdrom</command>, toglilo dal lettore,
      inseriscine un altro, e montalo con
      <command>/sbin/mount_cd9660 /dev/cd0a /cdrom</command> assumendo che
      <hardware>cd0a</hardware> sia il nome di dispositivo del tuo lettore di
      CDROM.  La versione pi recente di FreeBSD ti permette di montare
      il CDROM solo con <command>/sbin/mount /cdrom</command>.</para>

    <para>Usare il <quote>live file system</quote>&mdash;il secondo cd del set
      di FreeBSD&mdash;
      utile se hai poco spazio a disposizione.  Ci che si trova
      sul live file system cambia da release a release.  Potresti
      provare ad eseguire dei giochi dal CDROM.  Questo comporta l'uso di
      <command>lndir</command>, che viene installato con l'X Window
      System, per dire ai programmi dove trovare i file necessari, poich
      questi si trovano nel file system <filename>/cdrom</filename>
      anzich <filename>/usr</filename> e le sue
      sottodirectory, che  dove dovrebbero essere.  Leggi
      <command>man lndir</command> per avere pi informazioni.</para>
  </sect1>

  <sect1>
    <title>I Commenti sono Benvenuti</title>

    <para>Se usi questa guida, sarei interessata a sapere dove non 
      chiara, ci che  stato tralasciato e che vorresti venisse
      incluso, e sapere se tutto ci  stato utile.  I miei
      ringraziamenti vanno a Eugene W. Stark, professore di informatica a
      SUNY-Stony Brook, e John Fieber per i suoi utili commenti.</para>

    <para>Annelise Anderson, <email>andrsn@andrsn.stanford.edu</email></para>

    <para>Per questioni legate alla traduzione, o se avete commenti da poter
      esprimere solo in italiano, non esitate a contattarmi.  Come per l'autrice
      originale, ogni genere di commenti  ben accetto.</para>

    <para>Massimiliano Stucchi, <email>stucchi@willystudios.com</email></para>
  </sect1>
</article>