aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/boot/chapter.xml
blob: 4e0ad5bb7563863c29bc4376cad782f0a79d7388 (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
636
637
638
639
640
641
642
643
644
645
646
647
648
649
650
651
652
653
654
655
656
657
658
659
660
661
662
663
664
665
666
667
668
669
670
671
672
673
674
675
676
677
678
679
680
681
682
683
684
685
686
687
688
689
690
691
692
693
694
695
696
697
698
699
700
701
702
703
704
705
706
707
708
709
710
711
712
713
714
715
716
717
718
719
720
721
722
723
724
725
726
727
728
729
730
731
732
733
734
735
736
737
738
739
740
741
742
743
744
745
746
747
748
749
750
751
752
753
754
755
756
757
758
759
760
761
762
763
764
765
766
767
768
769
770
771
772
773
774
775
776
777
778
779
780
781
782
783
784
785
786
787
788
789
790
791
792
793
794
795
796
797
798
799
800
801
802
803
804
805
806
807
808
809
810
811
812
813
814
815
816
817
818
819
820
821
822
823
824
825
826
827
828
829
830
831
832
833
834
835
836
837
838
839
840
841
842
843
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
<!--
     The FreeBSD Italian Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.65
-->

<chapter id="boot">
  <title>La Procedura di Avvio di FreeBSD</title>

  <sect1 id="boot-synopsis">
    <title>Sinossi</title>

    <indexterm><primary>avvio</primary></indexterm>
    <indexterm><primary>avviamento</primary></indexterm>

    <para>Il processo di accensione di un computer e caricamento del sistema
      operativo viene detto <quote>processo di avviamento</quote>, o
      semplicemente <quote>avvio</quote>.  La procedura di avvio di FreeBSD
      fornisce un alto grado di flessibilit nel personalizzare quello
      che succede quando avvii il sistema, dandoti la possibilit di
      scegliere tra diversi sistemi operativi installati sullo stesso computer,
      o anche tra diverse versioni dello stesso sistema operativo o tra diversi
      kernel installati.</para>

    <para>Questo capitolo fornisce i dettagli sulle opzioni di configurazione
      che puoi impostare per personalizzare il processo di avvio di FreeBSD.
      Ci comprende tutto quello che avviene fino a quando il kernel
      viene lanciato, vengono controllate le periferiche, e viene avviato
      &man.init.8;.  Se non sei sicuro di sapere quando tutto questo accada, si
      tratta del momento in cui il colore del testo a video cambia da bianco
      brillante a grigio.</para>

    <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Quali sono i componenti del sistema di avvio di FreeBSD, e come
          interagiscono.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Le opzioni che puoi impostare per i componenti durante
          l'avviamento di FreeBSD per controllare il processo di avvio.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Le basi dei &man.device.hints.5;.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <note>
      <title>Solo per x86</title>

      <para>Questo capitolo descrive la procedura di avvio di FreeBSD su sistemi
        Intel x86.</para>
    </note>
  </sect1>

  <sect1 id="boot-introduction">
    <title>Il Problema dell'Avvio</title>

    <para>Accendere un computer e far partire il sistema operativo pone un
      dilemma interessante.  Per definizione, il computer non sa fare
      nulla finch non viene avviato il sistema operativo.  Questo
      include anche l'esecuzione dei programmi dal disco.  Dunque se il computer
      non pu eseguire un programma da disco senza il sistema operativo,
      ed i programmi del sistema operativo sono sul disco, come viene avviato il
      sistema operativo?</para>

    <para>Questo  un problema analogo a quello descritto nel
      libro <citetitle>Le Avventure del Barone di Munchausen</citetitle>.  Un
      personaggio era caduto in una botola, e ne era uscito tirandosi su da
      s (in inglese <quote>bootstrap</quote>), riuscendo nell'intento
      solo con i propri sforzi.  Nei primi giorni dei calcolatori al meccanismo
      usato per caricare il sistema operativo fu applicato il termine
      <firstterm>bootstrap</firstterm>, ed in seguito venne abbreviato in
      <quote>booting</quote> (in italiano <quote>avvio</quote>).</para>

    <indexterm><primary>BIOS</primary></indexterm>
    <indexterm>
      <primary>Basic Input/Output System</primary>
      <see>BIOS</see>
    </indexterm>

    <para>Su sistemi con hardware x86 il BIOS (Basic Input/Output System)
       il responsabile del caricamento del sistema operativo.  Per fare
      ci, il BIOS cerca nel disco rigido il Master Boot Record (MBR),
      che deve essere in una specifica posizione sul disco.  Il BIOS ha
      abbastanza conoscenze per caricare ed eseguire l'MBR, ed assume che l'MBR
      possa portare avanti il resto dei compiti relativi al caricamento del
      sistema operativo, possibilmente con l'aiuto del BIOS.</para>

    <indexterm><primary>Master Boot Record (MBR)</primary></indexterm>
    <indexterm><primary>Boot Manager</primary></indexterm>
    <indexterm><primary>Boot Loader</primary></indexterm>

    <para>Il codice all'interno del MBR  di solito riferito come
      <emphasis>boot manager</emphasis>, specialmente quando interagisce
      con l'utente.  In questo caso la maggior parte del suo codice 
      nella prima <emphasis>traccia</emphasis> del disco o direttamente
      nel file system dell'OS.  (Il boot manager qualche volta viene chiamato
      anche <emphasis>boot loader</emphasis>, ma gli utenti di FreeBSD
      usano questo termine per una successiva fase di avvio.)  Boot
      manager popolari sono <application>boot0</application> (a.k.a.
      <application>Boot Easy</application>, il boot manager standard di &os;),
      <application>Grub</application>, <application>GAG</application>, e
      <application>LILO</application>.
      (Solo <application>boot0</application>  all'interno del
      MBR.)</para>

    <para>Se hai solo un sistema operativo installato sui tuoi dischi allora
      sar sufficiente il MBR standard del PC.  Questo MBR cerca la prima
      slice avviabile (a.k.a. attiva) sul disco, e quindi esegue il codice
      in quella slice per caricare il resto del sistema operativo.  Il
      MBR installato da &man.fdisk.8;, di default,  come un MBR.
       basato su <filename>/boot/mbr</filename>.</para>

    <para>Se hai installato pi sistemi operativi sui tuoi dischi allora
      puoi installare un boot manager diverso, che mostra una lista dei diversi
      sistemi operativi, e ti permette di scegliere quale avviare.  Nella
      prossima sezione ne vengono presentati due.</para>

    <para>Il resto del sistema di avvio di FreeBSD  diviso in tre stadi.
      Il primo stadio viene eseguito dall'MBR, che sa solo il necessario per
      mettere il computer in un certo stato ed eseguire il secondo stadio.
      Quest'ultimo pu fare poco di pi, prima di eseguire il
      terzo.  Il terzo stadio esaurisce il compito di caricare il sistema
      operativo.  Il lavoro  diviso in queste tre parti perch
      gli standard dei PC pongono dei limiti alla dimensione dei programmi che
      possono essere eseguiti nei primi due stadi.  Concatenando i compiti
      si permette a FreeBSD di fornire un loader pi flessibile.</para>

    <indexterm><primary>kernel</primary></indexterm>
    <indexterm><primary><command>init</command></primary></indexterm>

    <para>A questo punto viene avviato il kernel ed esso comincia a verificare i
      dispositivi e ad inizializzarli.  Una volta che la procedura di avvio del
      kernel  finita, il kernel passa il controllo al processo utente
      &man.init.8;, che si assicura che i dischi siano in uno stato usabile.
      Poi &man.init.8; avvia la configurazione delle risorse a livello utente
      che monta i file system, imposta le schede di rete per comunicare via
      rete, ed in generale fa partire tutti i processi che generalmente sono in
      esecuzione su un sistema FreeBSD all'avvio.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="boot-blocks">
    <title>Il Boot Manager e le Fasi di Boot</title>

    <indexterm><primary>Boot Manager</primary></indexterm>

    <sect2 id="boot-boot0">
      <title>Il Boot Manager</title>

      <indexterm><primary>Master Boot Record (MBR)</primary></indexterm>

      <para>Il codice nel MBR o nel boot manager  solitamente
        riferito alla <emphasis>fase zero</emphasis> del processo di boot.
        Questa sezione discute dei due boot manager menzionati in
        precedenza: <application>boot0</application> e
        <application>LILO</application>.</para>

      <formalpara>
        <title>Il Boot Manager <application>boot0</application>:</title>

        <para>Il MBR installato dall'installer di FreeBSD o da &man.boot0cfg.8;,
          di default, si basa su <filename>/boot/boot0</filename>.
          (Il programma <application>boot0</application>  molto
          semplice, poich il programma nel <abbrev>MBR</abbrev>
          pu essere al pi di 446 byte a causa della tabella
          della slice e dell'identificatore <literal>0x55AA</literal>
          alla fine del MBR.)
          Se hai installato <application>boot0</application> e hai pi di
          un sistema operativo sui tuoi dischi, allora vedrai
          una schermata simile alla seguente nella fase di avvio:</para>
      </formalpara>

      <example id="boot-boot0-example">
        <title>Screenshot di <filename>boot0</filename></title>

        <screen>F1 DOS
F2 FreeBSD
F3 Linux
F4 ??
F5 Drive 1

Default: F2</screen>
      </example>

      <para>Altri sistemi operativi, in particolare &windows;, sono noti
        per l'abitudine di sovrascrivere l'MBR esistente con il proprio.
        Se accade questo, o se vuoi rimpiazzare l'MBR pre-esistente con quello
        di FreeBSD puoi usare il seguente comando:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>fdisk -B -b /boot/boot0 <replaceable>dispositivo</replaceable></userinput></screen>

      <para>dove <replaceable>dispositivo</replaceable>  il dispositivo
        dal quale vuoi avviare, come <devicename>ad0</devicename> per il primo
        disco IDE, <devicename>ad2</devicename> per il primo disco ide sul
        secondo canale, <devicename>da0</devicename> per il primo disco SCSI,
        e cos via.  Se vuoi una configurazione ad hoc dell'MBR,
        usa &man.boot0cfg.8;.</para>

      <formalpara>
        <title>Il Boot Manager LILO:</title>

        <para>Per installare questo boot manager affinch possa avviare
          anche FreeBSD, avvia Linux e aggiungi le seguenti cose nel
          tuo file di configurazione
          <filename>/etc/lilo.conf</filename>:</para>
      </formalpara>

      <programlisting>other=/dev/hdXY
table=/dev/hdX
loader=/boot/chain.b
label=FreeBSD</programlisting>

      <para>Specifica la partizione primaria di FreeBSD e il disco usando le
        direttive di Linux, rimpiazzando <replaceable>X</replaceable> con
        la lettera del dispositivo di Linux e <replaceable>Y</replaceable> con
        il numero della partizione primaria di Linux.  Se stai usando un
        dispositivo <acronym>SCSI</acronym>, devi modificare
        <replaceable>/dev/hd</replaceable> in qualcosa simile a
        <replaceable>/dev/sd</replaceable>.  La linea
        <option>loader=/boot/chain.b</option> pu essere omessa
        se hai entrambi i sistemi operativi sullo stesso disco.  Esegui
        <command>/sbin/lilo&nbsp;-v</command> per apportare le modifiche al
        sistema; verificando il relativo messaggio a video.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="boot-boot1">
      <title>Stadio Uno, <filename>/boot/boot1</filename>, e Stadio Due,
        <filename>/boot/boot2</filename></title>

      <para>Concettualmente il primo ed il secondo stadio sono parte dello
        stesso programma, sulla stessa area del disco.  Per limitazioni di
        spazio sono stati divisi in due, ma li installerai sempre
        insieme.  Sono copiati dal file
        <filename>/boot/boot</filename> dall'installer o da
        <application>bsdlabel</application> (vedi sotto).</para>

      <para>Questi sono posizionati fuori dai file system, nella prima
        traccia della slice di boot, a partire dal primo settore.
        Questo  il posto dove <link
          linkend="boot-boot0">boot0</link>, o qualsiasi altro boot manager,
        si aspetta di trovare un programma da avviare per continuare il
        processo di boot.  Il numero di settori usati  facilmente
        determinabile dalla dimensione di
        <filename>/boot/boot</filename>.</para>

      <para><filename>boot1</filename>  molto semplice, poich
        pu essere lungo solo 512 byte, e conosce solo lo stretto
        necessario del <firstterm>bsdlabel</firstterm> di FreeBSD, il quale
        memorizza le informazioni sulle slice, per trovare ed eseguire
        <filename>boot2</filename>.</para>

      <para><filename>boot2</filename>  leggermente pi
        sofisticato, e conosce il file system di FreeBSD abbastanza da potervi
        trovare dei file, e pu fornire una semplice interfaccia per
        scegliere quale kernel o loader eseguire.</para>

      <para>Poich il <link linkend="boot-loader">loader</link> 
        molto pi complesso, e fornisce una gradevole interfaccia di
        facile utilizzo alla configurazione di avvio, <filename>boot2</filename>
        in genere lo esegue, ma in precedenza era incaricato di lanciare il
        kernel direttamente.</para>

      <example id="boot-boot2-example">
        <title>Screenshot di <filename>boot2</filename></title>
        <screen>&gt;&gt; FreeBSD/i386 BOOT
Default: 0:ad(0,a)/boot/loader
boot:</screen>
      </example>

      <para>Se mai avrai bisogno di rimpiazzare il <filename>boot1</filename> ed
        il <filename>boot2</filename> installati, usa &man.bsdlabel.8;:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>bsdlabel -B <replaceable>discoslice</replaceable></userinput></screen>

      <para>dove <replaceable>discoslice</replaceable> sono il disco e la slice
        dal quale vuoi effettuare l'avvio, come ad esempio
        <devicename>ad0s1</devicename> per la prima slice sul primo disco
        IDE.</para>

      <warning>
        <title>Modalit Pericolosamente Dedicata</title>

        <para>Se nella sintassi del comando &man.bsdlabel.8; usi solo il
          nome del disco, come <devicename>ad0</devicename>, creerai un disco
          pericolosamente dedicato, senza slice.  Quasi sicuramente non 
          questo quello che vuoi fare, quindi controlla due volte il comando
          &man.bsdlabel.8; prima di premere <keycap>Invio</keycap>.</para>
      </warning>
    </sect2>

    <sect2 id="boot-loader">
      <title>Stadio Tre, <filename>/boot/loader</filename></title>

      <indexterm><primary>boot-loader</primary></indexterm>

      <para>Il loader  l'ultimo stadio della procedura di avvio divisa
        in tre, e si trova sul file system, generalmente come
        <filename>/boot/loader</filename>.</para>

      <para>Il loader deve essere inteso come un metodo user-friendly per la
        configurazione di avvio, tramite l'uso di un insieme di comandi
        integrati facili da usare, sostenuto da un potente interprete, con un
        insieme di comandi pi complessi.</para>

      <sect3 id="boot-loader-flow">
        <title>Sequenza di Operazioni del Loader</title>

        <para>Durante l'inizializzazione, il loader controller
          la console e i dischi, e cercher di capire da quale disco si
          stia avviando.  Imposter le variabili di conseguenza, ed
          avvier un interprete al quale potranno essere passati i
          comandi dell'utente in maniera interattiva o attraverso uno
          script.</para>

        <indexterm><primary>loader</primary></indexterm>
        <indexterm><primary>configurazione del loader</primary></indexterm>

        <para>Poi il loader legger <filename>/boot/loader.rc</filename>,
          che di default legge i settaggi di
          <filename>/boot/defaults/loader.conf</filename> il quale imposta
          dei valori di default ragionevoli per le variabili e inoltre
          <filename>/boot/loader.rc</filename> legge
          <filename>/boot/loader.conf</filename> per i cambiamenti locali a
          quelle variabili.  In base a queste variabili
          <filename>loader.rc</filename> carica i moduli ed il kernel
          prescelti.</para>

        <para>Infine, di default, il loader attende per 10 secondi la pressione
          di un tasto, ed avvia il kernel se non viene interrotto.  Se invece
          viene interrotto, viene presentato all'utente un prompt in grado di
          comprendere un semplice insieme di comandi, dal quale l'utente
          pu impostare precisamente le variabili, scaricare dalla
          memoria tutti i moduli, o caricarli, ed infine avviare o
          ri-avviare.</para>
      </sect3>

      <sect3 id="boot-loader-commands">
        <title>Comandi Integrati nel Loader</title>

        <para>Questi sono i comandi usati pi comunemente.  Per una
          discussione completa su tutti i comandi disponibili, guarda
          &man.loader.8;.</para>

        <variablelist>
          <varlistentry>
            <term>autoboot <replaceable>secondi</replaceable></term>

            <listitem>
              <para>Procede all'avvio del kernel se non viene interrotto
                nell'intervallo di tempo specificato, in secondi.  Mostra un
                conto alla rovescia, e l'intervallo predefinito  di
                10 secondi.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>boot
              <optional><replaceable>-opzioni</replaceable></optional>
              <optional><replaceable>nomekernel</replaceable></optional></term>

            <listitem>
              <para>Procede immediatamente all'avvio del kernel, con le opzioni
                date, se ce ne sono, e con il nome del kernel specificato, se
                fornito.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>boot-conf</term>

            <listitem>
              <para>Va avanti con la stessa configurazione automatica di moduli
                basati sulle variabili come accade al boot.  Questo ha senso
                solo se prima usi <command>unload</command>, e cambi delle
                variabili, in generale <envar>kernel</envar>.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>help
              <optional><replaceable>argomento</replaceable></optional></term>

            <listitem>
              <para>Mostra un messaggio d'aiuto letto da
                <filename>/boot/loader.help</filename>.  Se l'argomento dato
                 <literal>index</literal>, allora elenca tutti gli
                argomenti disponibili.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>include <replaceable>nomefile</replaceable> &hellip;</term>

            <listitem>
              <para>Processa il file specificato.  Il file viene letto, e
                interpretato riga per riga.  Un errore blocca il comando include
                immediatamente.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>load <optional><option>-t</option>
                <replaceable>tipo</replaceable></optional>
              <replaceable>nomefile</replaceable></term>

            <listitem>
              <para>Carica il kernel, il modulo del kernel, o il file
                del tipo specificato, con il nome specificato.  Ogni argomento
                dopo <replaceable>nomefile</replaceable> viene passato al
                file.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>ls <optional><option>-l</option></optional>
              <optional><replaceable>percorso</replaceable></optional></term>

            <listitem>
              <para>Mostra un elenco dei file nel percorso dato, o nella
                directory root, se non ne viene specificato uno.  Se 
                specificato <option>-l</option>, verranno mostrate anche le
                dimensioni dei file.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>lsdev <optional><option>-v</option></optional></term>

            <listitem>
              <para>Elenca tutti i dispositivi dai quali potrebbe essere
                possibile caricare moduli.  Se viene specificata l'opzione
                <option>-v</option>, verranno stampati dettagli maggiori.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>lsmod <optional><option>-v</option></optional></term>

            <listitem>
              <para>Mostra i moduli caricati.  Se viene specificato
                <option>-v</option>, verranno stampati dettagli maggiori.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>more <replaceable>nomefile</replaceable></term>

            <listitem>
              <para>Mostra i file specificati, con una pausa ad ogni
                pagina visualizzata.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>reboot</term>

            <listitem>
              <para>Riavvia immediatamente il sistema.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>set <replaceable>variabile</replaceable></term>
            <term>set
              <replaceable>variabile</replaceable>=<replaceable>valore</replaceable></term>

            <listitem>
              <para>Imposta le variabili di ambiente del loader.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>unload</term>

            <listitem>
              <para>Rimuove tutti i moduli caricati.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>
        </variablelist>
      </sect3>

      <sect3 id="boot-loader-examples">
        <title>Esempi sul Loader</title>

        <para>Qui ci sono alcuni esempi pratici sull'uso del loader:</para>

        <itemizedlist>
          <indexterm>
            <primary>modalit singolo utente</primary>
          </indexterm>

          <listitem>
            <para>Per avviare semplicemente il vostro kernel abituale,
            ma in modalit singolo utente:</para>

            <screen><userinput>boot -s</userinput></screen>
          </listitem>

          <listitem>
            <para>Per scaricare dalla memoria i moduli e il kernel usuali,
              e poi caricare solo il vecchio (o un altro) kernel:</para>

            <indexterm>
              <primary><filename>kernel.old</filename></primary>
            </indexterm>

            <screen><userinput>unload</userinput>
<userinput>load <replaceable>kernel.old</replaceable></userinput></screen>

            <para>Puoi usare <filename>kernel.GENERIC</filename> per riferirti
              al kernel generico che viene fornito nel disco d'installazione, o
              <filename>kernel.old</filename> per riferirti al kernel installato
              precedentemente (quando hai aggiornato o configurato il kernel, ad
              esempio).</para>

            <note>
              <para>Usa il comando seguente  per caricare i tuoi soliti moduli
                con un altro kernel:</para>

              <screen><userinput>unload</userinput>
<userinput>set kernel="<replaceable>kernel.old</replaceable>"</userinput>
<userinput>boot-conf</userinput></screen></note>
          </listitem>

          <listitem>
            <para>Per caricare uno script di configurazione del kernel
              (uno script automatizzato che faccia le cose che faresti tu
              normalmente configurando il kernel all'avvio):</para>

            <screen><userinput>load -t userconfig_script <replaceable>/boot/kernel.conf</replaceable></userinput></screen>
          </listitem>
        </itemizedlist>
      </sect3>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="boot-kernel">
    <title>Interazione con il Kernel Durante l'Avvio</title>

    <indexterm>
      <primary>kernel</primary>
      <secondary>interazione all'avvio</secondary>
    </indexterm>

    <para>Una volta che il kernel  stato caricato dal <link
        linkend="boot-loader">loader</link> (come di consueto) o da <link
        linkend="boot-boot1">boot2</link> (scavalcando il loader), esso
      esamina i suoi flag di avvio, se ce ne sono, e aggiusta il suo
      comportamento come necessario.</para>

    <sect2 id="boot-kernel-bootflags">
      <title>I Flag di Avvio del Kernel</title>

      <indexterm>
        <primary>kernel</primary>
        <secondary>flag di boot</secondary>
      </indexterm>

      <para>Qui ci sono alcuni dei pi comuni flag di avvio:</para>

      <variablelist id="boot-kernel-bootflags-list">
        <varlistentry>
          <term><option>-a</option></term>

          <listitem>
            <para>durante l'inizializzazione del kernel, chiede il dispositivo
              da montare come file system di root.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><option>-C</option></term>

          <listitem>
            <para>avvia da CDROM.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><option>-c</option></term>

          <listitem>
            <para>esegue UserConfig, il programma di configurazione del kernel
              all'avvio</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><option>-s</option></term>

          <listitem>
            <para>avvia in modalit singolo utente</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><option>-v</option></term>

          <listitem>
            <para>aumenta la verbosit durante l'avvio del kernel</para>
          </listitem>
        </varlistentry>
      </variablelist>

      <note>
        <para>Ci sono altri flag di avvio, leggi &man.boot.8; per maggiori
          informazioni su di essi.</para></note>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="device-hints">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Tom</firstname>

          <surname>Rhodes</surname>

          <contrib>Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Device Hints</title>

    <indexterm><primary>device.hints</primary></indexterm>

    <note>
      <para>Questa  una caratteristica di FreeBSD&nbsp;5.0 e successive
        che non esiste nelle versioni precedenti.</para>
    </note>

    <para>Durante l'avvio iniziale del sistema, il boot &man.loader.8;
      legger il file &man.device.hints.5;.  Questo file contiene
      informazioni di avvio per il kernel dette variabili, e talvolta indicate
      come <quote>device hints</quote>, suggerimenti per i dispositivi.
      Questi <quote>device hints</quote> vengono usati dai driver per la
      configurazione delle varie periferiche.</para>

    <para>I device hints possono essere specificati anche nel prompt del terzo
      stadio <link linkend="boot-loader">del boot loader</link>.
      Le variabili possono essere aggiunte usando il comando
      <command>set</command>, rimosse con <command>unset</command>, e
      visualizzate con <command>show</command>.  Inoltre, in questo modo,
      le variabili impostate nel file <filename>/boot/device.hints</filename>
      possono essere scavalcate.  I device hint inseriti in questo modo non sono
      permanenti e verranno dimenticati al riavvio seguente.</para>

    <para>Una volta che il sistema  stato avviato, pu essere
      usato il comando &man.kenv.1; per mostrare tutte le variabili.</para>

    <para>La sintassi per il file <filename>/boot/device.hints</filename>
       una variabile per riga, usando il solito cancelletto
      <quote>#</quote> per indicare i commenti.  Le linee sono costruite come
      segue:</para>

    <screen><userinput>hint.driver.unit.keyword="<replaceable>valore</replaceable>"</userinput></screen>

    <para>La sintassi nel terzo stadio del boot loader :</para>

    <screen><userinput>set hint.driver.unit.keyword=<replaceable>valore</replaceable></userinput></screen>

    <para><literal>driver</literal>  il nome del driver per il
      dispositivo, <literal>unit</literal>  il numero di unit
      per quel driver, e <literal>keyword</literal>  la parola chiave
      per quell'hint.  La parola chiave pu essere:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para><literal>at</literal>: specifica il bus sul quale 
          collegato il dispositivo.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para><literal>port</literal>: specifica l'indirizzo iniziale di
          <acronym>I/O</acronym> che deve essere usato.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para><literal>irq</literal>: specifica il numero di interrupt request
          che deve essere usato.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para><literal>drq</literal>: specifica il numero del canale DMA.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para><literal>maddr</literal>: specifica l'indirizzo di memoria fisico
          occupato dal dispositivo.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para><literal>flags</literal>: imposta vari bit di flag per il
          dispositivo.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para><literal>disabled</literal>: se impostato a <quote>1</quote> il
          dispositivo  disabilitato.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <para>I driver possono accettare (o richiedere) pi hints di quelli
      elencati qui, si raccomanda quindi di verificare la loro pagina di
      manuale.  Per maggiori informazioni, consulta le pagine man
      &man.device.hints.5;, &man.kenv.1;, &man.loader.conf.5;, e
      &man.loader.8;.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="boot-init">
    <title>Init: Inizializzazione del Controllo dei Processi</title>

    <indexterm><primary><command>init</command></primary></indexterm>

    <para>Una volta che il kernel ha finito di avviarsi, trasferisce il
      controllo al processo utente <command>init</command>, che si trova in
      <filename>/sbin/init</filename>, o al programma specificato
      nella variabile <envar>init_path</envar> nel
      <command>loader</command>.</para>

    <sect2 id="boot-autoreboot">
      <title>Sequenza di Riavvio Automatica</title>

      <para>La sequenza di riavvio automatica assicura che i file system
        disponibili sul sistema siano consistenti.  Se qualcuno non lo ,
        e &man.fsck.8; non pu risolvere le inconsistenze, &man.init.8;
        abbandona il sistema in <link linkend="boot-singleuser">modalit
          singolo utente</link> per permettere all'amministratore di sistema di
        occuparsi dei problemi direttamente.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="boot-singleuser">
      <title>Modalit Singolo Utente</title>

      <indexterm><primary>modalit singolo utente</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>console</primary></indexterm>

      <para>Questa modalit pu essere raggiunta attraverso la
        <link linkend="boot-autoreboot">sequenza di riavvio automatica</link>,
        o tramite l'avvio da parte dell'utente con l'opzione
        <option>-s</option> o impostando la variabile <envar>boot_single</envar>
        nel <command>loader</command>.</para>

      <para>Si pu arrivare ad essa anche richiamando &man.shutdown.8;
        senza l'opzione per il riavvio (<option>-r</option>) o per l'arresto
        (<option>-h</option>), dalla <link
          linkend="boot-multiuser">modalit multi utente</link>.</para>

      <para>Se la <literal>console</literal> del sistema  settata come
        <literal>insecure</literal> in <filename>/etc/ttys</filename>,
        allora il sistema richiede la password di <username>root</username>
        prima di entrare in modalit singolo utente.</para>

      <example id="boot-insecure-console">
        <title>Una Console Insicura in <filename>/etc/ttys</filename></title>

        <programlisting># name  getty                           type    status          comments
#
# Se la console  settata come  "insecure", allora init chieder
# la password di root per andare in modalit singolo utente .
console none                            unknown off insecure</programlisting>
      </example>

      <note>
        <para>Avere una console <literal>insecure</literal> significa
          ritenere insicura la sicurezza fisica della console, ed assicurarsi
          che solo chi conosce la password di <username>root</username> possa
          usare la modalit singolo utente, non significa voler eseguire
          la console in maniera insicura.  Dunque, se vuoi avere sicurezza,
          scegli <literal>insecure</literal>, non
          <literal>secure</literal>.</para>
      </note>
    </sect2>

    <sect2 id="boot-multiuser">
      <title>Modalit Multi Utente</title>

      <indexterm><primary>modalit multi utente</primary></indexterm>

      <para>Se &man.init.8; ritiene che i tuoi file system siano in ordine,
        o quando l'utente ha terminato il lavoro in <link
          linkend="boot-singleuser">modalit singolo utente</link>, il
        sistema entra in modalit multi utente, nella quale inizia la
        configurazione delle risorse del sistema.</para>

      <sect3 id="boot-rc">
        <title>Configurazione delle Risorse (rc)</title>

        <indexterm><primary>file rc</primary></indexterm>

        <para>Il sistema di configurazione delle risorse legge i valori
          predefiniti della configurazione da
          <filename>/etc/defaults/rc.conf</filename>, e
          i dettagli specifici del sistema da
          <filename>/etc/rc.conf</filename>, e poi procede al montaggio dei
          file system del sistema elencati in
          <filename>/etc/fstab</filename>, avvia i servizi di rete,
          avvia vari demoni di sistema, ed infine esegue gli script di avvio dei
          pacchetti installati localmente.</para>

        <para>La pagina man di &man.rc.8;  un buon riferimento per la
          configurazione delle risorse del sistema, poich esamina gli
          script stessi.</para>
      </sect3>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="boot-shutdown">
    <title>Sequenza di Spegnimento</title>

    <indexterm><primary><command>spegnimento</command></primary></indexterm>

    <para>Al momento di uno spegnimento controllato, tramite &man.shutdown.8;,
      &man.init.8; cercher di eseguire lo script
      <filename>/etc/rc.shutdown</filename>, e poi proceder ad inviare
      a tutti i processi il segnale <literal>TERM</literal>, e successivamente
      il segnale <literal>KILL</literal> a quelli che non sono terminati in
      tempo.</para>

    <para>Per spegnere una macchina FreeBSD su architetture e sistemi
      che supportano la gestione dell'energia, usa semplicemente il comando
      <command>shutdown -p now</command> per disattivare immediatamente
      l'alimentazione.  Per riavviare semplicemente un sistema FreeBSD, usa solo
      <command>shutdown -r now</command>.  Avrai bisogno di essere
      <username>root</username> o un membro del gruppo
      <groupname>operator</groupname> per eseguire &man.shutdown.8;.
      Possono essere usati anche i comandi &man.halt.8; e &man.reboot.8;,
      fai riferimento alle loro pagine di man ed a quella di &man.shutdown.8;
      per maggiori informazioni.</para>

    <note>
      <para>La gestione dell'energia richiede il supporto &man.acpi.4; nel
        kernel o caricato come modulo.</para>
    </note>
  </sect1>
</chapter>