aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/introduction/chapter.xml
blob: 14df612ca5d60e4854fc8370888710f024d3ae78 (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
636
637
638
639
640
641
642
643
644
645
646
647
648
649
650
651
652
653
654
655
656
657
658
659
660
661
662
663
664
665
666
667
668
669
670
671
672
673
674
675
676
677
678
679
680
681
682
683
684
685
686
687
688
689
690
691
692
693
694
695
696
697
698
699
700
701
702
703
704
705
706
707
708
709
710
711
712
713
714
715
716
717
718
719
720
721
722
723
724
725
726
727
728
729
730
731
732
733
734
735
736
737
738
739
740
741
742
743
744
745
746
747
748
749
750
751
752
753
754
755
756
757
758
759
760
761
762
763
764
765
766
767
768
769
770
771
772
773
774
775
776
777
778
779
780
781
782
783
784
785
786
787
788
789
790
791
792
793
794
795
796
797
798
799
800
801
802
803
804
805
806
807
808
809
810
811
812
813
814
815
816
817
818
819
820
821
822
823
824
825
826
827
828
829
830
831
832
833
834
835
836
837
838
839
840
841
842
843
844
845
846
847
848
849
850
851
852
853
854
855
856
857
858
859
860
861
862
863
864
865
866
867
868
869
870
871
872
873
874
875
876
877
878
879
880
881
882
883
884
885
886
887
888
889
890
891
892
893
894
895
896
897
898
899
900
901
902
903
904
905
906
907
908
909
910
911
912
913
914
915
916
917
918
919
920
921
922
923
924
925
926
927
928
929
930
931
932
933
934
935
936
937
938
939
940
941
942
943
944
945
946
947
948
949
950
951
952
953
954
955
956
957
958
959
960
961
962
963
964
965
966
967
968
969
970
971
972
973
974
975
976
977
978
979
980
981
982
983
984
985
986
987
988
989
990
991
992
993
994
995
996
997
998
999
1000
1001
1002
1003
1004
1005
1006
1007
1008
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15" standalone="no"?>
<!--
     The FreeBSD Italian Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.123
-->

<chapter id="introduction">
  <chapterinfo>
    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Jim</firstname>

        <surname>Mock</surname>

        <contrib>Ristrutturato, riorganizzato, e in parte riscritto
          da </contrib>
      </author>
    </authorgroup>
  </chapterinfo>

  <title>Introduzione</title>

  <sect1 id="introduction-synopsis">
    <title>Sinossi</title>

    <para>Grazie per il tuo interesse per FreeBSD! Il seguente capitolo
      tratta vari aspetti del FreeBSD Project, come la sua storia,
      gli obiettivi, il modello di sviluppo e cos via.</para>

    <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Come si relazione FreeBSD rispetto agli altri sistemi operativi
          per computer.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>La storia del FreeBSD Project.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Gli obiettivi del FreeBSD Project.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Le basi del modello di sviluppo open source di FreeBSD.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>E naturalmente: da dove deriva il nome
          <quote>FreeBSD</quote>.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>
  </sect1>

  <sect1 id="nutshell">
    <title>Benvenuto in FreeBSD!</title>

    <indexterm><primary>4.4BSD-Lite</primary></indexterm>

    <para>FreeBSD  un sistema operativo basato su 4.4BSD-Lite per
      computer Intel (x86 e &itanium;), DEC <trademark>Alpha</trademark>, e Sun
      &ultrasparc;.  Port verso altre architetture sono stati avviati.
      Puoi anche leggere <link linkend="history">la storia di FreeBSD</link>,
      o la <link linkend="relnotes">release corrente</link>.  Se sei
      interessato a contribuire in qualche modo al progetto (codice,
      hardware, fondi), leggi l'articolo <ulink
        url="&url.articles.contributing.en;/index.html">Contribuire a
        FreeBSD</ulink>.</para>

    <sect2 id="os-overview">
      <title>Cosa pu fare FreeBSD?</title>

      <para>FreeBSD ha molte caratteristiche degne di nota.  Alcune di queste
        sono:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
	  <indexterm><primary>multitasking preemptive</primary></indexterm>

          <para><emphasis>Multitasking preemptive</emphasis> con
            adattamento dinamico della priorit per assicurare una
            condivisione regolare ed equa del computer ad applicazioni
            e utenti, persino sotto i carichi pi pesanti.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>facility multiutente</primary></indexterm>

          <para><emphasis>Facility multiutente</emphasis> che permettono a
            molte persone di usare un sistema FreeBSD contemporaneamente per
            cose diverse.  Questo significa, per esempio, che le periferiche di
            sistema come stampanti e unit a nastro sono correttamente
            condivise tra tutti gli utenti sul sistema o sulla rete e che
            possono essere posti limiti individuali ad utenti o gruppi di utenti
            sulla risorsa, proteggendo le risorse di sistema critiche dall'uso
            eccessivo.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>networking TCP/IP</primary></indexterm>

          <para>Un solido <emphasis>sistema di rete TCP/IP</emphasis> con
            supporto a standard industriali quali SCTP, DHCP, NFS, NIS, PPP,
            SLIP, IPsec, e IPv6.  Questo significa che la tua macchina FreeBSD
            pu interagire facilmente con altri sistemi ed anche agire
            come server aziendale, fornendo funzioni vitali come NFS (accesso
            remoto ai file) e servizi e-mail oppure mettere la tua
            organizzazione su Internet con servizi WWW, FTP, routing e firewall
            (sicurezza).</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>protezione della memoria</primary></indexterm>

          <para>La <emphasis>protezione della memoria</emphasis> assicura che
            le applicazioni (o gli utenti) non possano interferire l'una con
            l'altra.
            Una applicazione che andr in crash non influir
            sulle altre in alcun modo.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>FreeBSD  un sistema operativo a <emphasis>32
              bit</emphasis> (<emphasis>64 bit</emphasis> su Alpha &itanium;,
            AMD64, e &ultrasparc;) ed  stato progettato come tale sin
            dall'inizio.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm>
	    <primary>X Window System</primary>
	    <seealso>XFree86</seealso>
	  </indexterm>

          <para>Lo standard industriale <emphasis>X Window System</emphasis>
            (X11R7) fornisce una interfaccia grafica utente (GUI) al costo
            di una comune scheda VGA ed un monitor e viene fornito con i
            sorgenti.</para>
        </listitem>

	<listitem>
        <indexterm>
          <primary>compatibilit binaria</primary>
          <secondary>Linux</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>compatibilit binaria</primary>
          <secondary>SCO</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>compatibilit binaria</primary>
          <secondary>SVR4</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>compatibilit binaria</primary>
          <secondary>BSD/OS</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>compatibilit binaria</primary>
          <secondary>NetBSD</secondary>
        </indexterm>

          <para><emphasis>Compatibilit binaria</emphasis> con molti
            programmi sviluppati per Linux, SCO, SVR4, BSDI e NetBSD.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Nella collezione di <emphasis>port</emphasis> e
            <emphasis>package</emphasis> per FreeBSD sono disponibili
            migliaia di applicazioni <emphasis>pronte a partire</emphasis>.
            Perch cercare sulla rete quando puoi trovare qui tutto
            quello che ti serve?</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Su Internet sono disponibili migliaia di applicazioni
            aggiuntive e <emphasis>facili da portare</emphasis>.
            FreeBSD  compatibile a livello di codice sorgente con
            la maggior parte dei sistemi &unix; commerciali e cos la
            maggior parte delle applicazioni richiedono poche modifiche per
            essere compilate, se non nessuna.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>memoria virtuale</primary></indexterm>

          <para>La <emphasis>memoria virtuale</emphasis> paginata
            su richiesta e il progetto con <quote>VM/buffer cache</quote>
            integrati soddisfa efficientemente le applicazioni con grandi
            appetiti di memoria mantenendo ancora la risposta interattiva per
            altri utenti.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm>
	    <primary>Symmetric Multi-Processing (SMP)</primary>
	  </indexterm>

          <para>Il supporto <emphasis>SMP</emphasis> per macchine con
            CPU multiple.</para>
        </listitem>

	<listitem>
        <indexterm>
          <primary>compilatori</primary>
          <secondary>C</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>compilatori</primary>
          <secondary>C++</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>compilatori</primary>
          <secondary>FORTRAN</secondary>
        </indexterm>

          <para>una dotazione completa di strumenti di sviluppo per
            <emphasis>C</emphasis>, <emphasis>C++</emphasis>,
            e <emphasis>Fortran</emphasis>.
            Sono inoltre disponibili molti linguaggi aggiuntivi per
            ricerca avanzata e sviluppo nella collezione di port e
            package.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>codice sorgente</primary></indexterm>

          <para>Avere il <emphasis>codice sorgente</emphasis> dell'intero
            sistema significa avere un alto grado di controllo sull'ambiente.
            Perch essere vincolati ad una soluzione proprietaria alla
            merc del tuo fornitore quando puoi avere un sistema
            veramente aperto?</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Estesa <emphasis>documentazione online</emphasis>.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><emphasis>E molto altro!</emphasis></para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <indexterm><primary>4.4BSD-Lite</primary></indexterm>
      <indexterm>
        <primary>Computer Systems Research Group (CSRG)</primary>
      </indexterm>
      <indexterm><primary>U.C. Berkeley</primary></indexterm>

      <para>FreeBSD  basato sulla release 4.4BSD-Lite del Computer
        Systems Research Group (CSRG) dell'Universit della California di
        Berkeley, e porta avanti l'inconfondibile tradizione di sviluppo
        dei sistemi BSD.  In aggiunta all'ottimo lavoro fornito dal CSRG, il
        FreeBSD Project ha speso molte centinaia di ore nella fine regolazione
        del sistema per le massime prestazioni e affidabilit nelle
        situazioni di carico che si possono trovare nella vita reale.
        Mentre molti giganti commerciali hanno difficolt nel campo
        dei sistemi operativi per PC con queste caratteristiche, prestazioni e
        affidabilit, FreeBSD le pu offrire
        <emphasis>ora</emphasis>!</para>

      <para>Le applicazioni nelle quali FreeBSD pu essere impiegato
        sono veramente limitate solo dalla tua immaginazione.  Dallo sviluppo
        software all'automazione in fabbrica, dal controllo dell'inventario alla
        correzione dell'azimut delle antenne remote dei satelliti; se pu
        essere fatto con un prodotto &unix; commerciale allora 
        pi che probabile che puoi farlo anche con FreeBSD!
        FreeBSD beneficia significativamente anche da letteralmente migliaia di
        applicazioni di alta qualit sviluppate da centri di ricerca e
        universit di tutto il mondo, spesso disponibili a poco prezzo o
        gratuite.
        Sono anche disponibili applicazioni commerciali e compaiono
        in numero maggiore ogni giorno.</para>

      <para>Poich il codice sorgente dello stesso FreeBSD 
        normalmente disponibile, il sistema pu anche essere
        personalizzato ad un livello inimmaginabile per applicazioni o progetti
        particolari, e in modi non generalmente possibili con i sistemi
        operativi della maggior parte dei produttori commerciali.  Ecco solo
        alcuni esempi di alcune delle applicazioni nelle quali attualmente la
        gente sta usando FreeBSD:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para><emphasis>Servizi Internet:</emphasis> Il robusto sistema di
            rete TCP/IP di FreeBSD lo rende una piattaforma ideale per una
            variet di servizi Internet quali:</para>

          <itemizedlist>
            <listitem>
	      <indexterm><primary>server FTP</primary></indexterm>

              <para>server FTP</para>
            </listitem>

            <listitem>
	      <indexterm><primary>server web</primary></indexterm>

              <para>server World Wide Web (standard o sicuri [SSL])</para>
            </listitem>

            <listitem>
              <para>instradamento IPv4 e IPv6</para>
            </listitem>

            <listitem>
	      <indexterm><primary>firewall</primary></indexterm>
	      <indexterm><primary>NAT</primary></indexterm>

              <para>Firewall e gateway NAT (<quote>mascheramento
                  dell'IP</quote>).</para>
            </listitem>

            <listitem>
	      <indexterm>
		<primary>posta elettronica</primary>
		<see>email</see>
	      </indexterm>

              <para>server di Posta Elettronica</para>
            </listitem>

            <listitem>
	      <indexterm><primary>USENET</primary></indexterm>

              <para>USENET News o Bulletin Board Systems</para>
            </listitem>

            <listitem>
              <para>E altro...</para>
            </listitem>
          </itemizedlist>

          <para>Con FreeBSD, puoi facilmente partire in piccolo con
            un PC a buon mercato della classe 386 e aggiornare poi
            ad un quadri-processore Xeon con dischi RAID se la tua
            azienda cresce.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><emphasis>Insegnamento:</emphasis>  Sei uno studente di
            informatica o legato al campo dell'ingegneria?  Non c'
            miglior modo di imparare i sistemi operativi, l'architettura
            dei computer e il networking che l'esperienza pratica e in
            profondit che FreeBSD pu fornire.
            Il numero di pacchetti di CAD, di progettazione grafica e matematica
            disponibili gratuitamente lo rendono anche estremamente
            utile per coloro il cui interesse principale nei computer
             vedere <emphasis>altro</emphasis> lavoro svolto!</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><emphasis>Ricerca:</emphasis>  Con il codice sorgente
            disponibile per l'intero sistema, FreeBSD  una
            eccellente piattaforma per la ricerca nei sistemi operativi
            come pure per altre branche dell'informatica.  La natura di
            libera circolazione di FreeBSD rende anche possibile a
            gruppi distanti di collaborare sulle idee o condividere lo
            sviluppo senza aver da preoccuparsi di accordi di licenza
            speciali o limitazioni su quello che pu essere
            discusso in un forum pubblico.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>router</primary></indexterm>
	  <indexterm><primary>server DNS</primary></indexterm>

          <para><emphasis>Networking:</emphasis>  Ti serve un nuovo router?
            Un server dei nomi (DNS)? Un firewall per tenere la gente fuori
            dalla tua rete interna?  FreeBSD pu facilmente tramutare
            quel 386 inutilizzato o quel PC 486 che giace nell'angolo in un
            router avanzato con sofisticate capacit di filtraggio dei
            pacchetti.</para>
        </listitem>

	<listitem>
        <indexterm>
          <primary>Sistema X Window</primary>
          <secondary>XFree86</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm>
          <primary>Sistema X Window</primary>
          <secondary>Accelerated-X</secondary>
        </indexterm>

          <para><emphasis>Stazione di lavoro con X Window:</emphasis> FreeBSD
             un'ottima scelta come soluzione per un terminale X
            economico, usando il server X11 liberamente disponibile.
            Diversamente da un terminale X, FreeBSD permette a molte
            applicazioni di girare localmente se desiderato, sollevando
            cos il carico da un server centrale.  FreeBSD pu
            anche partire <quote>senza disco</quote>, rendendo le stazioni
            individuali persino pi economiche e facili da
            amministrare.</para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>GNU Compiler Collection</primary></indexterm>

          <para><emphasis>Sviluppo Software:</emphasis>  Di base FreeBSD arriva
            con un pieno complemento di strumenti di sviluppo incluso il
            rinnovato compilatore GNU C/C++ e il debugger.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>FreeBSD  disponibile sia in forma sorgente che binaria
        su CDROM, DVD e via FTP anonimo.  Guarda l'<xref linkend="mirrors"/> per
        maggiori informazioni su come ottenere FreeBSD.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Chi Usa FreeBSD?</title>

      <indexterm>
        <primary>utenti</primary>
        <secondary>grandi siti dove gira FreeBSD</secondary>
      </indexterm>

      <para>FreeBSD  usato per far funzionare alcuni dei pi
        grossi siti su Internet, inclusi:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
	  <indexterm><primary>Yahoo!</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.yahoo.com/">Yahoo!</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Apache</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.apache.org/">Apache</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Blue Mountain Arts</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.bluemountain.com/">Blue Mountain
            Arts</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Pair Networks</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.pair.com/">Pair
            Networks</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Sony Japan</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.sony.co.jp/">Sony
            Japan</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Netcraft</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.netcraft.com/">Netcraft</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Weathernews</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.wni.com/">Weathernews</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Supervalu</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.supervalu.com/">Supervalu</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>TELEHOUSE America</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.telehouse.com/">TELEHOUSE
            America</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>Sophos Anti-Virus</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.sophos.com/">Sophos
            Anti-Virus</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
	  <indexterm><primary>JMA Wired</primary></indexterm>

          <para><ulink url="http://www.jmawired.com/">JMA Wired</ulink></para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>e molti altri.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="history">
    <title>Informazioni sul FreeBSD Project</title>

    <para>La sezione seguente fornisce alcune informazioni relative al
        progetto, includendo una breve storia, gli obiettivi, e
        il modello di sviluppo.</para>

    <sect2 id="intro-history">
      <sect2info role="firstperson">
        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>Jordan</firstname>

            <surname>Hubbard</surname>

            <contrib>Contributo di </contrib>
          </author>
        </authorgroup>
      </sect2info>

      <title>Breve storia di FreeBSD</title>

      <indexterm><primary>386BSD Patchkit</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Hubbard, Jordan</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Williams, Nate</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Grimes, Rod</primary></indexterm>
      <indexterm>
        <primary>FreeBSD Project</primary>
        <secondary>storia</secondary>
      </indexterm>

      <para>Il FreeBSD Project ebbe la sua genesi nella prima parte del 1993,
        come una sorta di crescita oltremisura del <quote>Patchkit Non Ufficiale
          di 386BSD</quote> dagli ultimi tre coordinatori del patchkit: Nate
        Williams, Rod Grimes e me stesso.</para>

      <indexterm><primary>386BSD</primary></indexterm>

      <para>Il nostro obiettivo originario era di produrre uno snapshot
        intermedio di 386BSD allo scopo di risolvere una serie di problemi
        che il meccanismo del patchkit non era semplicemente in grado di
        risolvere.
        Alcuni di voi potranno ricordare che il primo titolo funzionante per il
        progetto fu <quote>386BSD 0.5</quote> o <quote>386BSD Interim</quote> in
        riferimento a quel fatto.</para>

      <indexterm><primary>Jolitz, Bill</primary></indexterm>

      <para>386BSD era il sistema operativo di Bill Jolitz, che era arrivato a
        questo punto soffrendo piuttosto pesantemente di quasi un anno
        di disinteresse.  Visto che il patchkit si gonfiava sempre pi
        scomodamente con il passare dei giorni, fummo d'accordo
        all'unanimit che doveva essere fatto qualcosa e
        decidemmo di provare ad assistere Bill fornendo questo snapshot
        ad interim <quote>ripulito</quote>.  Questi piani
        ebbero un brusco arresto quando Bill Jolitz improvvisamente decise
        di ritirare la sua approvazione al progetto senza nessuna chiara
        indicazione di cosa invece doveva essere fatto.</para>

      <indexterm><primary>Greenman, David</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Walnut Creek CDROM</primary></indexterm>

      <para>Non ci volle molto per decidere che l'obiettivo rimaneva
        utile, persino senza il supporto di Bill, e cos
        adottammo il nome <quote>FreeBSD</quote>, coniato da David Greenman.
        I nostri obiettivi iniziali furono decisi dopo esserci consultati
        con gli utenti dell'epoca del sistema e, una volta che divenne chiaro
        che il progetto era sulla strada giusta e forse stava persino diventando
        una realt, contattai la Walnut Creek CDROM con un occhio verso
        il miglioramento dei canali distributivi di FreeBSD per quei molti
        sfortunati che non avevano facile accesso a Internet.
        La Walnut Creek CDROM non solo support l'idea di distribuire
        FreeBSD su CD ma and anche pi lontano fornendo al
        progetto una macchina per lavorarci su e una connessione ad Internet
        veloce.  Senza il grado di fiducia quasi senza precedenti della Walnut
        Creek CDROM in quello che era, a quel tempo, un progetto completamente
        sconosciuto,  abbastanza improbabile che FreeBSD sarebbe andato
        cos lontano, cos velocemente, come  oggi.</para>

      <indexterm><primary>4.3BSD-Lite</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Net/2</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>U.C. Berkeley</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>386BSD</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Free Software Foundation</primary></indexterm>

      <para>La prima distribuzione su CDROM (e largamente disponibile sulla
        rete) fu FreeBSD&nbsp;1.0, rilasciata nel dicembre del 1993.  Questa era
        basata su un nastro della 4.3BSD-Lite (<quote>Net/2</quote>) della
        U.C. Berkeley, con molti componenti forniti anche da 386BSD e dalla Free
        Software Foundation.  Fu un successo abbastanza ragionevole per una
        prima offerta, e lo seguimmo dal grande successo di FreeBSD release
        1.1 nel maggio del 1994.</para>

      <indexterm><primary>Novell</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>U.C. Berkeley</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Net/2</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>AT&amp;T</primary></indexterm>

      <para>Circa in questo periodo si formarono all'orizzonte alcune nuvole
        temporalesche piuttosto inaspettate allorch Novell e
        U.C. Berkeley risolsero la loro lunga causa civile sullo stato legale
        del nastro di Berkeley Net/2.  Una condizione di quell'accordo era la
        concessione di U.C. Berkeley che vaste parti di Net/2 erano codice
        <quote>ingombrante</quote> e di propriet di Novell, che lo aveva
        infine acquistato da AT&amp;T qualche tempo addietro.
        Quello che Berkeley ottenne in cambio fu la
        <quote>benedizione</quote> di Novell che la release 4.4BSD-Lite, quando
        fu finalmente rilasciata, fosse dichiarata non ingombrante e che tutti
        gli utenti Net/2 esistenti fossero fortemente incoraggiati a cambiare.
        Questo incluse FreeBSD, e al progetto fu dato tempo fino alla fine di
        luglio 1994 per fermare la spedizione del proprio prodotto basato su
        Net/2.  Sotto i termini di quell'accordo, fu permesso al progetto
        un ultimo rilascio prima della scadenza, e quella release fu
        FreeBSD&nbsp;1.1.5.1</para>

      <para>FreeBSD allora si accinse nell'arduo compito di letteralmente
        reinventare se stesso da un insieme di bit di 4.4BSD-Lite
        completamente nuovo e piuttosto incompleto.  Le release
        <quote>Lite</quote> erano light (leggere) in parte perch
        il CSRG di Berkeley aveva rimosso grandi sezioni di codice richiesto
        per costruire effettivamente un sistema funzionante in grado di partire
        (dovuto a varie richieste legali) e in parte al fatto che il port per
        Intel della 4.4 era altamente incompleto.  Al progetto ci volle fino al
        novembre del 1994 per fare questa transizione; a quel punto
        rilasci FreeBSD&nbsp;2.0 sulla rete e su CDROM (nel tardo
        dicembre).  A dispetto del fatto di essere ancora pi che un po'
        ruvida ai bordi, la release fu un successo significativo e fu
        seguita dalla release FreeBSD&nbsp;2.0.5 pi robusta e
        semplice da installare nel giugno del 1995.</para>

      <para>Rilasciammo FreeBSD&nbsp;2.1.5 nell'agosto del 1996, e parve essere
        abbastanza popolare tra gli ISP e le comunit commerciali tanto
        che si merit un'altra release nel corso del ramo 2.1-STABLE.
        Questa era FreeBSD&nbsp;2.1.7.1, rilasciata nel febbraio 1997 e apoteosi
        dello sviluppo principale sulla 2.1-STABLE.  Attualmente in
        modalit di manutenzione, su questo ramo (RELENG_2_1_0) verranno
        sviluppati solo miglioramenti della sicurezza e correzioni degli
        errori.</para>

      <para>FreeBSD&nbsp;2.2 fu derivato dallo sviluppo della linea principale
        (<quote>-CURRENT</quote>) nel novembre 1996 come ramo RELENG_2_2,
        e la prima release completa (2.2.1) fu rilasciata nell'aprile 1997.
        Furono rilasciate ulteriori release del ramo 2.2 nell'estate e
        nell'autunno del '97, l'ultima delle quali (2.2.8) apparve nel
        novembre 1998.  La prima release 3.0 ufficiale apparve
        nell'ottobre 1998 e segn l'inizio della fine per il ramo
        2.2.</para>

      <para>L'albero si ramific ancora il 20 gennaio 1999, dividendosi
        nei rami 4.0-CURRENT e 3.X-STABLE.  Dalla 3.X-STABLE, la 3.1 fu
        rilasciata il 15 febbraio 1999, la 3.2 il 15 maggio 1999, la 3.3 il 16
        settembre 1999, la 3.4 il 20 dicembre 1999 e la 3.5 il 24 giugno 2000,
        seguita pochi giorni dopo da un aggiornamento di punto inferiore alla
        release 3.5.1 per incorporare alcune correzioni dell'ultimo minuto
        a Kerberos sulla sicurezza.
        Questa sar l'ultima release del ramo 3.X.</para>

      <para>Ci fu un'altra ramificazione il 13 marzo 2000, che vide
        l'apparizione del ramo 4.X-STABLE.  Ci sono state numerose release da
        allora: la 4.0-RELEASE fu introdotta nel marzo 2000, e l'ultima
        4.11-RELEASE  stata rilasciata nel gennaio 2005.</para>

      <para>La tanto attesa 5.0-RELEASE  stata annunciata il 19 gennaio
        2003.  Il culmine di quasi tre anni di lavoro, questa release ha
        iniziato FreeBSD nel percorso del supporto avanzato al multiprocessore e
        ai thread nelle applicazioni e ha introdotto il supporto per le
        piattaforme &ultrasparc; e <literal>ia64</literal>.
        Questa release  stata seguita dalla 5.1 nel giugno del 2003.
        La pi recente release 5.X dal ramo -CURRENT  5.2.1-RELEASE,
        introdotta nel Febbraio del 2004.</para>

      <para>Il ramo RELENG_5, creato in Agosto del 2004, seguito da quello 5.3-RELEASE,
        segna l'inizio del ramo delle release 5-STABLE.  Il pi recente ramo
        &rel2.current;-RELEASE  uscito in data &rel2.current.date;.
        Non ci saranno ulteriori release per il ramo RELENG_5.</para>

      <para>Nel giugno 2005 l'albero  stato taggato per la RELENG_6.
        6.0-RELEASE, la prima release del ramo 6.X  stata rilasciata
        nel novembre del 2005.  La pi recente &rel.current;-RELEASE
         stata rilasciata nel &rel.current.date;.
        Ci saranno ulteriori release per il ramo RELENG_6.</para>

      <para>Per ora, lo sviluppo dei progetti a lungo termine continua ad aver
        luogo nell'albero 7.X-CURRENT, e release SNAPshot della 7.X su CDROM
        (e, naturalmente, sulla rete) sono continuamente rese disponibili
        sul <ulink url="ftp://current.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/snapshots/">
          server snapshot</ulink> mentre il lavoro procede.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="goals">
      <sect2info>
        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>Jordan</firstname>

            <surname>Hubbard</surname>

            <contrib>Contributo di </contrib>
          </author>
        </authorgroup>
      </sect2info>

      <title>Obiettivi del FreeBSD Project</title>

      <indexterm>
        <primary>FreeBSD Project</primary>
        <secondary>obiettivi</secondary>
      </indexterm>

      <para>Gli obiettivi del FreeBSD Project sono di fornire software
        che pu essere usato per qualunque scopo senza vincoli.
        Molti di noi hanno fatto un investimento significativo nel codice (e nel
        progetto) e certamente non dovrebbero essere interessati ad un piccolo
        compenso finanziario qua e l, ma non siamo sicuramente preparati
        ad insistere su questo.  Noi crediamo che la nostra prima e prioritaria
        <quote>missione</quote> sia di fornire codice a tutti i partecipanti,
        presenti e futuri, e per qualunque scopo, cos che il codice
        abbia un uso il pi possibile ampio e fornisca i pi
        ampi benefici.  Questo , io credo, uno degli obiettivi
        fondamentali del Software Libero (Free Software) e che noi supportiamo
        entusiasticamente.</para>

      <indexterm>
        <primary>GNU General Public Licence (GPL)</primary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary>GNU Lesser General Public License (LGPL)</primary>
      </indexterm>
      <indexterm><primary>Copyright BSD</primary></indexterm>

      <para>Quel codice nel nostro albero dei sorgenti che cade sotto
        la GNU General Public Licence (GPL) o la GNU Lesser General Public
        License (LGPL) ha un po' pi&ugrave di vincoli, sebbene
        almeno dal lato di rafforzare l'accesso piuttosto che l'opposto.
        Date le complessit aggiuntive che possono
        risultare dall'uso commerciale di software GPL noi preferiamo,
        tuttavia, software rilasciato sotto il pi rilassato copyright
        BSD quando  una scelta ragionevole farlo.</para>
      </sect2>

    <sect2 id="development">
      <sect2info>
        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>Satoshi</firstname>

            <surname>Asami</surname>

            <contrib>Contributo di </contrib>
          </author>
        </authorgroup>
      </sect2info>

      <title>Il Modello di Sviluppo di FreeBSD</title>

      <indexterm>
        <primary>FreeBSD Project</primary>
        <secondary>modello di sviluppo</secondary>
      </indexterm>

      <para>Lo sviluppo di FreeBSD  un processo molto aperto
        e flessibile, essendo costruito dal contributo di centinaia
        di persone di tutto il mondo, come puoi vedere dalla nostra
        <ulink url="&url.articles.contributors.en;/article.html">lista dei
          collaboratori</ulink>.  L'infrastruttura di sviluppo di FreeBSD
        permette a queste centinaia di sviluppatori di collaborare su Internet.
        Siamo costantemente alla ricerca di nuovi
        sviluppatori e idee, e quelli interessati a essere coinvolti
        maggiormente nel progetto devono semplicemente contattarci sulla
        &a.hackers;.  La &a.announce;  anche disponibile a quelli
        che vogliono informare altri utenti FreeBSD delle principali aree
        di lavoro.</para>

      <para>Cose utili da sapere sul FreeBSD Project e il suo processo di
        sviluppo, sia lavorando in modo indipendente che in stretta
        cooperazione:</para>

      <variablelist>
        <varlistentry>
          <term>Il repository CVS<anchor id="development-cvs-repository"/></term>

	  <listitem>
          <indexterm>
            <primary>CVS</primary>
            <secondary>repository</secondary>
          </indexterm>
          <indexterm>
            <primary>Concurrent Versions System</primary>
            <see>CVS</see>
          </indexterm>

            <para>L'albero centrale dei sorgenti FreeBSD  mantenuto
              tramite <ulink url="http://ximbiot.com/cvs/wiki/">CVS</ulink>
              (Concurrent Versions System, ovvero Sistema di Versioni
              Concorrenti), uno strumento di controllo dei codici sorgenti
              liberamente disponibile che viene distribuito con FreeBSD.
              Il principale <ulink
                url="http://www.FreeBSD.org/cgi/cvsweb.cgi">repository
                CVS</ulink> risiede su una macchina a Santa Clara CA, USA
              da dove  replicato su numerose macchine speculari in
              tutto il mondo.  L'albero CVS, che contiene gli alberi <link
                linkend="current">-CURRENT</link> e <link
                linkend="stable">-STABLE</link>,
              possono essere facilmente replicati anche sulla tua macchina.
              Fai riferimento alla sezione <link
                linkend="synching">Sincronizzazione dei Tuoi Sorgenti</link> per
              maggiori informazioni su come fare.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>La lista dei committer<anchor
              id="development-committers"/></term>

          <listitem>
	    <indexterm><primary>committers</primary></indexterm>

            <para>I <firstterm>committer</firstterm> sono persone che hanno
              permesso di <emphasis>scrivere</emphasis> nell'albero CVS, e sono
              autorizzate ad apportare modifiche ai sorgenti di
              FreeBSD (il termine <quote>committer</quote> viene dal comando
              <command>commit</command> di &man.cvs.1;, che  usato per
              portare i nuovi cambiamenti al repository CVS).  Il modo migliore
              di sottoporre modifiche alla revisione da parte della lista dei
              committer  usare il comando &man.send-pr.1;.
              Se qualcosa appare inceppato nel sistema, allora puoi anche
              raggiungerli mandando un messaggio alla &a.committers;.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>Il core team di FreeBSD<anchor id="development-core"/></term>

          <listitem>
	    <indexterm><primary>core team</primary></indexterm>

            <para>Il <firstterm>core team di FreeBSD</firstterm>
              dovrebbe essere equivalente al consiglio dirigente se
              il FreeBSD Project fosse una azienda.  Il compito principale
              del core team  assicurarsi che il progetto, nella sua
              interezza, sia in buona salute e sia diretto nella
              giusta direzione.  Una delle funzioni del core team 
              invitare sviluppatori responsabili e dedicati a unirsi al nostro
              gruppo di committer come altri ne escono.  L'attuale core team
               stato eletto da un insieme di candidati committer nel
              giugno 2006.
              Le elezioni vengono tenute ogni 2 anni.</para>

            <para>Alcuni membri del core team hanno anche aree specifiche di
              responsabilit, significando che sono impegnati ad
              assicurare che grandi porzioni del sistema funzionino come
              annunciato.  Per una lista completa degli sviluppatori di FreeBSD
              e le loro aree di responsabilit, guarda la <ulink
                url="&url.articles.contributors.en;/article.html">Contributors
                List</ulink></para>

            <note>
              <para>Molti membri del core team sono volontari per quanto
                riguarda lo sviluppo di FreeBSD e non beneficiano
                finanziariamente dal progetto, cos pure
                l'<quote>impegno</quote> non dovrebbe essere frainteso come
                <quote>supporto garantito</quote>.  Allo stesso modo; l'analogia
                con il <quote>consiglio direttivo</quote> non 
                molto calzante, e pu essere pi corretto dire che
                queste sono persone che hanno rinunciato alle loro vite in
                favore di FreeBSD, contro il loro senso del giudizio!</para>
            </note>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>Collaboratori esterni</term>

          <listitem>
	    <indexterm><primary>collaboratori</primary></indexterm>

            <para>Non da ultimo, il pi grande gruppo di sviluppatori
              sono gli stessi utenti che ci forniscono feedback e correzioni di
              bug quasi costantemente.  Il modo principale di tenersi in
              contatto con lo sviluppo non centralizzato di FreeBSD 
              iscriversi alla &a.hackers; dove queste cose vengono discusse.
              Guarda il <xref linkend="eresources"/> per maggiori informazioni
              sulle varie mailing list di FreeBSD.</para>

            <para><citetitle><ulink
                  url="&url.articles.contributors.en;/article.html">La
                  Lista dei Collaboratori di FreeBSD</ulink></citetitle>
               lunga e cresce continuamente, quindi perch non
              entri a far parte di essa contribuendo e dando tu qualcosa a
              FreeBSD?</para>

            <para>Fornire codice non  il solo modo di contribuire al
              progetto, per una lista completa di cose che serve fare, fai
              riferimento al <ulink url="&url.base;/it/index.html">sito web del
                FreeBSD Project</ulink>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>
      </variablelist>

      <para>In conclusione, il nostro modello di sviluppo  organizzato
        come un insieme sciolto di cerchi concentrici.  Il modello centralizzato
         progettato per agevolare gli <emphasis>utenti</emphasis> di
        FreeBSD, ai quali viene fornito un modo semplice per tenere traccia di
        una base di codice centrale, non per tenere fuori potenziali
        collaboratori!  nostro desiderio presentare un sistema operativo
        stabile con un ampio insieme di <link linkend="ports">programmi
          applicativi</link> coerenti che gli utenti possono facilmente
        installare ed usare &mdash; questo modello funziona molto bene per
        realizzare ci.</para>

      <para>Tutto quello che chiediamo a quelli che vogliono unirsi a noi come
        sviluppatori di FreeBSD  un po' della stessa dedizione che
        hanno le attuali persone al suo continuo successo!</para>
    </sect2>

    <sect2 id="relnotes">
      <title>La Release Corrente di FreeBSD</title>

      <indexterm><primary>NetBSD</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>OpenBSD</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>386BSD</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Free Software Foundation</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>U.C. Berkeley</primary></indexterm>
      <indexterm>
        <primary>Computer Systems Research Group (CSRG)</primary>
      </indexterm>

      <para>FreeBSD  liberamente disponibile,  basato tutto su
        sorgenti 4.4BSD-Lite,  rilasciato per computer Intel &i386;,
        &i486;, &pentium;, &pentium;&nbsp;Pro, &celeron;, &pentium;&nbsp;II,
        &pentium;&nbsp;III, &pentium;&nbsp;4 (o compatibili), &xeon;, DEC
        <trademark>Alpha</trademark> e Sun &ultrasparc;.
        &Egrave basato principalmente su software del gruppo CSRG della
        U.C. Berkeley, con alcuni miglioramenti presi da NetBSD, OpenBSD,
        386BSD, e dalla Free Software Foundation.</para>

      <para>Dalla nostra release di FreeBSD&nbsp;2.0 nel lontano 1994, le
        prestazioni, l'insieme di caratteristiche, e la stabilit di
        FreeBSD sono migliorate notevolmente.
        Il pi grande cambiamento 
        stato la riscrittura del sistema di memoria virtuale con una VM/file
        buffer cache integrata che non solo incrementa le prestazioni, ma anche
        riduce la richiesta di memoria di FreeBSD, rendendo una configurazione
        con 5&nbsp;MB un minimo accettabile.  Altri miglioramenti includono il
        completo supporto a client e server NIS, il supporto delle transazioni
        TCP, la chiamata-su-richiesta di PPP, il supporto integrato del DHCP, un
        sottosistema SCSI migliorato, il supporto ISDN, il supporto per ATM,
        FDDI, per gli adattatori Fast e Gigabit Ethernet (1000&nbsp;Mbit), un
        supporto migliorato degli ultimi controller Adaptec, e molte migliaia
        di correzioni di bug.</para>

      <para>In aggiunta alla distribuzione di base, FreeBSD offre una
        collezione di software portato con migliaia di programmi
        comunemente cercati.  Alla data di stampa, ci sono oltre
        &os.numports; port! La lista dei port comprende server http (WWW),
        giochi, linguaggi, editor e quasi tutto quello che sta in mezzo.
        L'intera collezione dei port richiede approssimativamente &ports.size;
        di spazio, essendo tutti i port espressi come <quote>delta</quote>
        dei loro sorgenti originari.  Questo rende pi facile per
        noi aggiornare i port, e riduce di molto la domanda di spazio su
        disco dalla vecchia collezione 1.0 dei port.  Per compilare un port,
        vai semplicemente nella directory che vuoi installare, digita
        <command>make install</command> e lascia che il sistema faccia il
        resto.  La distribuzione originale completa per ogni port che compili
        viene presa dinamicamente dal CDROM o da un sito FTP locale, cos
        hai bisogno solo lo spazio su disco sufficiente per compilare il
        port che vuoi.  Quasi ogni port viene fornito di un
        <quote>package</quote> precompilato che pu
        essere installato con un semplice comando (<command>pkg_add</command>)
        da coloro che non vogliono compilare i propri port dai sorgenti.
        Maggiori informazioni sui package e sui port possono essere trovate
        nel <xref linkend="ports"/>.</para>

      <para>Un numero di documenti aggiuntivi che puoi trovare molto utili nel
        processo di installazione e di utilizzo di FreeBSD ora pu essere
        trovato anche nella directory <filename>/usr/share/doc</filename> su
        ogni recente macchina FreeBSD.  Puoi vedere i
        manuali installati localmente con qualsiasi browser HTML usando i
        seguenti URL:</para>

      <variablelist>
        <varlistentry>
          <term>Il Manuale di FreeBSD</term>

          <listitem>
            <para><ulink type="html"
                url="file://localhost/usr/share/doc/handbook/index.html"><filename>/usr/share/doc/handbook/index.html</filename></ulink></para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>Domande Comuni su FreeBSD</term>

          <listitem>
            <para><ulink type="html"
                url="file://localhost/usr/share/doc/faq/index.html"><filename>/usr/share/doc/faq/index.html</filename></ulink></para>
          </listitem>
        </varlistentry>
      </variablelist>

      <para>Puoi vedere anche le copie originali (e aggiornate pi
        frequentemente) su <ulink
          url="http://www.FreeBSD.org/"></ulink>.</para>
    </sect2>
  </sect1>
</chapter>