aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/kernelconfig/chapter.sgml
blob: ed2eb3a398b748aab9cd73827b05a3a30bbcaaf5 (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
636
637
638
639
640
641
642
643
644
645
646
647
648
649
650
651
652
653
654
655
656
657
658
659
660
661
662
663
664
665
666
667
668
669
670
671
672
673
674
675
676
677
678
679
680
681
682
683
684
685
686
687
688
689
690
691
692
693
694
695
696
697
698
699
700
701
702
703
704
705
706
707
708
709
710
711
712
713
714
715
716
717
718
719
720
721
722
723
724
725
726
727
728
729
730
731
732
733
734
735
736
737
738
739
740
741
742
743
744
745
746
747
748
749
750
751
752
753
754
755
756
757
758
759
760
761
762
763
764
765
766
767
768
769
770
771
772
773
774
775
776
777
778
779
780
781
782
783
784
785
786
787
788
789
790
791
792
793
794
795
796
797
798
799
800
801
802
803
804
805
806
807
808
809
810
811
812
813
814
815
816
817
818
819
820
821
822
823
824
825
826
827
828
829
830
831
832
833
834
835
836
837
838
839
840
841
842
843
844
845
846
847
848
849
850
851
852
853
854
855
856
857
858
859
860
861
862
863
864
865
866
867
868
869
870
871
872
873
874
875
876
877
878
879
880
881
882
883
884
885
886
887
888
889
890
891
892
893
894
895
896
897
898
899
900
901
902
903
904
905
906
907
908
909
910
911
912
913
914
915
916
917
918
919
920
921
922
923
924
925
926
927
928
929
930
931
932
933
934
935
936
937
938
939
940
941
942
943
944
945
946
947
948
949
950
951
952
953
954
955
956
957
958
959
960
961
962
963
964
965
966
967
968
969
970
971
972
973
974
975
976
977
978
979
980
981
982
983
984
985
986
987
988
989
990
991
992
993
994
995
996
997
998
999
1000
1001
1002
1003
1004
1005
1006
1007
1008
1009
1010
1011
1012
1013
1014
1015
1016
1017
1018
1019
1020
1021
1022
1023
1024
1025
1026
1027
1028
1029
1030
1031
1032
1033
1034
1035
1036
1037
1038
1039
1040
1041
1042
1043
1044
1045
1046
1047
1048
1049
1050
1051
1052
1053
1054
1055
1056
1057
1058
1059
1060
1061
1062
1063
1064
1065
1066
1067
1068
1069
1070
1071
1072
1073
1074
1075
1076
1077
1078
1079
1080
1081
1082
1083
1084
1085
1086
1087
1088
1089
1090
1091
1092
1093
1094
1095
1096
1097
1098
1099
1100
1101
1102
1103
1104
1105
1106
1107
1108
1109
1110
1111
1112
1113
1114
1115
1116
1117
1118
1119
1120
1121
1122
1123
1124
1125
1126
1127
1128
1129
1130
1131
1132
1133
1134
1135
1136
1137
1138
1139
1140
1141
1142
1143
1144
1145
1146
1147
1148
1149
1150
1151
1152
1153
1154
1155
1156
1157
1158
1159
1160
1161
1162
1163
1164
1165
1166
1167
1168
1169
1170
1171
1172
1173
1174
1175
1176
1177
1178
1179
1180
1181
1182
1183
1184
1185
1186
1187
1188
1189
1190
1191
1192
1193
1194
1195
1196
1197
1198
1199
1200
1201
1202
1203
1204
1205
1206
1207
1208
1209
1210
1211
1212
1213
1214
1215
1216
1217
1218
1219
1220
1221
1222
1223
1224
1225
1226
1227
1228
1229
1230
1231
1232
1233
1234
1235
1236
1237
1238
1239
1240
1241
1242
1243
1244
1245
1246
1247
1248
1249
1250
1251
1252
1253
1254
1255
1256
1257
1258
1259
1260
1261
1262
1263
1264
1265
1266
1267
1268
1269
1270
1271
1272
1273
1274
1275
1276
1277
1278
1279
1280
1281
1282
1283
1284
1285
1286
1287
1288
1289
1290
1291
1292
1293
1294
1295
1296
1297
1298
1299
1300
1301
1302
1303
1304
1305
1306
1307
1308
1309
1310
1311
1312
1313
1314
1315
1316
1317
1318
1319
1320
1321
1322
1323
1324
1325
1326
1327
1328
1329
1330
1331
1332
1333
1334
1335
1336
1337
1338
1339
1340
1341
1342
1343
1344
1345
1346
1347
1348
1349
1350
1351
1352
1353
1354
1355
1356
1357
1358
1359
1360
1361
1362
1363
1364
1365
1366
1367
1368
1369
1370
1371
1372
1373
1374
1375
1376
1377
1378
1379
1380
1381
1382
1383
1384
1385
1386
1387
1388
1389
1390
1391
1392
1393
1394
1395
1396
1397
1398
1399
1400
1401
1402
1403
1404
1405
1406
1407
1408
1409
1410
1411
1412
1413
1414
1415
1416
1417
1418
1419
1420
1421
1422
1423
1424
1425
1426
1427
1428
1429
1430
1431
1432
1433
1434
1435
1436
1437
1438
1439
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15" standalone="no"?>
<!--
     The FreeBSD Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.176
-->

<chapter id="kernelconfig">
  <chapterinfo>
    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Jim</firstname>

        <surname>Mock</surname>

        <contrib>Modificato e rivisto da </contrib>
      </author>
    </authorgroup>

    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Jake</firstname>

        <surname>Hamby</surname>

        <contrib>Grazie al contributo originale di </contrib>
      </author>
    </authorgroup>
  </chapterinfo>

  <title>Configurazione del Kernel di FreeBSD</title>

  <sect1 id="kernelconfig-synopsis">
    <title>Synopsis</title>

    <indexterm>
      <primary>kernel</primary>
      <secondary>compilare un kernel custom</secondary>
    </indexterm>

    <para>Il kernel  una componente fondamentale del sistema
      operativo &os;.   responsabile di gestire la memoria,
      applicare controlli di sicurezza, gestire la rete, accesso
      ai dischi e molto altro.  Anche se sempre pi parti di
      &os; diventano configurabili dinamicamente,  ancora
      necessario talvolta riconfigurare e ricompilare il kernel.</para>

    <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Perch potresti aver bisogno di
          ricompilare un kernel.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come scrivere un file di configurazione del kernel,
          o come alterarne uno esistente.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come usare il file di configurazione del kernel
          per creare un nuovo kernel.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come installare il nuovo kernel.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come fare del troubleshooting se qualcosa
          va storto.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <para>Tutti i comandi elencati in questo capitolo negli esempi
      dovrebbero essere eseguiti come <username>root</username>
      affinch abbiano successo.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="kernelconfig-custom-kernel">
    <title>Perch creare un kernel custom?</title>

    <para>Tradizionalmente, &os; ha sempre avuto quello che si chiama
      un kernel <quote>monolitico</quote>.  Questo significa che
      il kernel era un programma di grandi dimensioni, supportava una
      lista fissa di device, e se tu avessi voluto cambiare il
      comportamento del kernel avresti dovuto compilarne uno nuovo,
      quindi fare il reboot del tuo computer per caricare il
      nuovo kernel.</para>

    <para>Oggi come oggi, &os; si sta muovendo rapidamente verso un
      modello dove gran parte delle funzionalit del kernel
      sono contenute in moduli che possono essere caricati
      e scaricati dal kernel a seconda delle necessit.
      Questo permette al kernel di adattarsi a nuovo hardware
      appena questo diventa disponibile (come ad esempio
      le carte PCMCIA in un laptop), oppure fa s che
      nuove funzionalit siano portate nel kernel,
      funzionalit che non erano necessarie quando il kernel
      fu compilato inizialmente.  Questo  noto come kernel
      modulare.</para>

    <para>Nonostante questo,  ancora necessario portare
      avanti delle compilazioni statiche del kernel.  In alcuni
      casi questo  necessario perch la
      funzionalit  cos legata al kernel che
      non pu essere resa caricabile dinamicamente.
      In altri casi pu essere necessario semplicemente perch
      nessuno si  ancora preso il tempo di scrivere un modulo
      caricabile dinamicamente per quella funzionalit.</para>

    <para>Compilare un kernel custom  uno dei pi comuni riti
      di passaggio che quasi ogni utente BSD deve superare.  Questo
      processo, anche se  dispendioso di tempo, offrir
      molti benefici al tuo sistema &os;.  A differenza del kernel
      <filename>GENERIC</filename>, che deve supportare un
      gran numero di dispositivi hardware, un kernel custom contiene
      supporto solo per l'hardware del <emphasis>tuo</emphasis> PC.
      Questo presenta dei vantaggi, fra cui:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Tempo di boot pi veloce.  Dato che il kernel
          cercher di riconoscere solo l'hardware che hai sul
          tuo sistema, il tempo che ci vuole al tuo sistema per fare boot
          diminuir drammaticamente.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Minore uso della memoria.  Un kernel custom spesso
          usa meno memoria del kernel <filename>GENERIC</filename>,
          il che  importante dato che il kernel deve sempre
          essere presente nella memoria reale.  Per questo motivo
          un kernel custom  particolarmente utile su sistemi
          con poca RAM.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Supporto per hardware addizionale.  Un kernel custom
          ti permette di aggiungere supporto per device che non sono
          presenti nel kernel <filename>GENERIC</filename>, come ad
          esempio sound card.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>
  </sect1>

  <sect1 id="kernelconfig-building">
    <title>Compilare ed installare un Kernel Custom</title>

    <indexterm>
      <primary>kernel</primary>
      <secondary>compilare / installare</secondary>
    </indexterm>

    <para>Per prima cosa, facciamo un breve giro nella directory
      di compilazione del kernel.  Tutte le directory menzionate
      saranno relative alla directory principale
      <filename>/usr/src/sys</filename>, che  accessibile
      attraverso il path <filename>/sys</filename>.  Ci sono
      un certo numero di sottodirectory qua che rappresentano
      parti differenti del kernel, ma la pi importante
      per i nostri scopi 
      <filename><replaceable>arch</replaceable>/conf</filename>,
      dove editerai il tuo file
      di configurazione del kernel, e <filename>compile</filename>,
      che  l'area di passaggio dove il tuo kernel sar
      compilato.  <replaceable>arch</replaceable> rappresenta uno
      fra <filename>i386</filename>, <filename>alpha</filename>,
      <filename>amd64</filename>, <filename>ia64</filename>,
      <filename>powerpc</filename>, <filename>sparc64</filename>,
      o <filename>pc98</filename> (un tipo di sviluppo alternativo
      di hardware PC in Giappone).  Tutto ci che 
      all'interno di particolare directory di architettura ha a che fare
      solo con quell'architettura; il resto  codice
      indipendente dalla macchina, comune a tutte le piattaforme
      sulle quali &os; potrebbe potenzialmente essere portato.
      Nota l'organizzazione logica della struttura dele directory,
      con ogni device supportato, file system e opzioni nelle proprie
      sottodirectory.</para>

    <para>Questo capitolo assume che tu stia usando la architettura
      i386 negli esempi.  Se questo non  il caso, fai gli appropriati
      aggiustamenti per correggere i percorsi alla tua architettura.</para>

    <note>
      <para>Se <emphasis>non</emphasis> c' una directory
        <filename>/usr/src/sys</filename> sul tuo sistema,
        significa che i sorgenti del kernel non sono stati installati.
        Il modo pi semplice per farlo  eseguire
        <command>sysinstall</command>
        come <username>root</username>, scegliendo
        <guimenuitem>Configure</guimenuitem>, poi
        <guimenuitem>Distributions</guimenuitem>, poi
        <guimenuitem>src</guimenuitem>, poi <guimenuitem>base</guimenuitem>
        e <guimenuitem>sys</guimenuitem>.  Se hai un'avversione
        verso <application>sysinstall</application> e hai accesso
        ad un CDROM <quote>ufficiale</quote> &os;, allora puoi installare
        i sorgenti dalla linea di comando:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>mount /cdrom</userinput>
&prompt.root; <userinput>mkdir -p /usr/src/sys</userinput>
&prompt.root; <userinput>ln -s /usr/src/sys /sys</userinput>
&prompt.root; <userinput>cat /cdrom/src/ssys.[a-d]* | tar -xzvf -</userinput>
&prompt.root; <userinput>cat /cdrom/src/sbase.[a-d]* | tar -xzvf -</userinput></screen>
    </note>

    <para>Quindi, entra nella directory
      <filename><replaceable>arch</replaceable>/conf</filename>
      e copia il file di configurazione del kernel con il nome
      che vuoi dare al kernel.  Ad esempio:</para>

    <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/src/sys/<replaceable>i386</replaceable>/conf</userinput>
&prompt.root; <userinput>cp GENERIC MYKERNEL</userinput></screen>

    <para>Tradizionalmente, questo nome  tutto in lettere
      maiuscole e, se stai mantenendo molte macchine &os; con hardware
      differente,  una buona idea dargli il nome della macchina.
      Noi lo chiamemeremo <filename>MYKERNEL</filename> a titolo di
      esempio.</para>

    <tip>
      <para>Conservare il tuo file di configurazione del kernel
        direttamente sotto <filename>/usr/src</filename> pu
        essere una cattiva idea.  Se stai incontrando problemi
        puoi essere tentato di cancellare <filename>/usr/src
        </filename> e partire da zero.  Dopo averlo fatto,
        di solito ci vogliono pochi secondi per realizzare
        che hai appena cancellato il tuo file di configurazione del
        kernel.  Inoltre, non editare <filename>GENERIC</filename>
        direttamente, dato che potrebbe essere sovrascritto
        la prossima volta che <link linkend="cutting-edge">
        aggiorni i tuoi sorgenti</link>, e le tue modifiche
        andranno perse.</para>

      <para>Piuttosto tieni il tuo file di configurazione
        del kernel da qualche altra parte, e crea un link simbolico
        al file nella directory <filename><replaceable>i386
        </replaceable></filename>.</para>

      <para>Ad esempio:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/src/sys/<replaceable>i386</replaceable>/conf</userinput>
&prompt.root; <userinput>mkdir /root/kernels</userinput>
&prompt.root; <userinput>cp GENERIC /root/kernels/<replaceable>MYKERNEL</replaceable></userinput>
&prompt.root; <userinput>ln -s /root/kernels/<replaceable>MYKERNEL</replaceable></userinput></screen>
    </tip>

    <para>Ora edita <filename>MYKERNEL</filename> con il tuo
      editor favorito.  Se stai partendo da zero, il solo editor
      disponibile sa&grave; probabilmente <application>vi</application>,
      che  troppo complesso per essere spiegato in questa sede,
      ma  trattato estesamente in molti libri nella
      <link linkend="bibliography">bibliografia</link>.  Comunque,
      &os; offre un semplice editor chiamato <application>ee
      </application> che, se sei un principiante, dovrebbe essere
      il tuo editor favorito.  Sentiti libero di cambiare le linee
      di commento in cima al file di configurazione per riflettere
      le tue configurazioni o i cambiamenti che hai fatto rispetto a
      <filename>GENERIC</filename>.</para>

    <indexterm><primary>SunOS</primary></indexterm>

    <para>Se hai compilato un kernel sotto &sunos; o qualche altro
      sistema BSD, gran parte di questo file ti sar noto.
      Se stai arrivando da qualche altro sistema operativo tipo
      DOS, d'altro canto, il file di configurazione
      <filename>GENERIC</filename> ti potrebbe sembrare troppo
      complesso, cos  meglio che segui le descrizioni
      della sezione <link linkend="kernelconfig-config">File di
      Configurazione</link> attentamente.</para>

    <note>
      <para>Se tu <link
        linkend="cutting-edge">sincronizzi il tuo albero dei sorgenti
        </link> con i pi recenti sorgenti del progetto  &os;,
        accertati sempre di controllare il file
        <filename>/usr/src/UPDATING</filename> prima di eseguire
        una qualsiasi operazione di aggiornamento.
        <filename>/usr/src/UPDATING</filename> viene aggiornato
        con ogni versione dei sorgenti di &os;, e quindi 
        pi aggiornato di questo manuale.</para>
    </note>

    <para>A questo punto devi compilare i sorgenti del kernel.</para>

    <procedure>
      <title>Compilare il Kernel</title>

      <step>
        <para>Entra nella directory <filename
          role="directory">/usr/src</filename>:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/src</userinput></screen>
      </step>

      <step>
        <para>Compila il kernel:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>make buildkernel KERNCONF=<replaceable>MYKERNEL</replaceable></userinput></screen>
      </step>

      <step>
        <para>Installa il nuovo kernel:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>make installkernel KERNCONF=<replaceable>MYKERNEL</replaceable></userinput></screen>
      </step>
    </procedure>

    <note>
      <para>Si richede la presenza dell'intera struttura dei sorgenti
        di &os; per compilare il kernel.
      </para>
    </note>

    <tip>
      <para>Di default, quando compili un kernel custom, anche
        <emphasis>tutti</emphasis> i moduli del kernel sono
        ricompilati.  Se vuoi aggiornare il kernel in modo spiccio
        o se vuoi compilare solo alcuni moduli, dovresti editare
        <filename>/etc/make.conf</filename> prima di iniziare
        la compilazione del kernel:</para>

      <programlisting>MODULES_OVERRIDE = linux acpi sound/sound sound/driver/ds1 ntfs</programlisting>

      <para>Questa variabile contiene una lista dei moduli che saranno
        ricompilati.</para>

      <programlisting>WITHOUT_MODULES = linux acpi sound/sound sound/driver/ds1 ntfs</programlisting>

      <para>Questa variabile contiene una lista dei moduli che saranno
        esclusi dal processo di compilazione.  Per altre variabili che potresti
        trovare utili per il processo di compilazione del kernel, consulta la
        pagina man &man.make.conf.5;.</para>
    </tip>

    <indexterm>
      <primary><filename class="directory">/boot/kernel.old</filename></primary>
    </indexterm>

    <para>Il nuovo kernel sar copiato nella directory
      <filename class="directory">/boot/kernel</filename>
      come <filename>/boot/kernel/kernel</filename> e il kernel
      precedente sar copiato in <filename>
      /boot/kernel.old/kernel</filename>.  Ora, riavvia il sistema
      e riparti per usare il tuo nuovo kernel.  Se qualcosa
      va storto, ci sono alcune istruzioni di
      <link linkend="kernelconfig-trouble">troubleshooting</link>
      alla fine del capitolo che puoi trovare utili.
      Accertati di leggere la sezione in cui si spiega
      cosa fare in caso il tuo nuovo kernel
      <link linkend="kernelconfig-noboot">non faccia il boot</link>.</para>

    <note>
      <para>Altri file relativi al processo di boot, come il boot
        &man.loader.8; e la configurazione sono conservati in
        <filename>/boot/</filename>.  Moduli di terze parti o custom
        possono essere piazzati in <filename class="directory">/boot/kernel/
        </filename>, anche se gli utenti dovrebbero avere conoscenza
        del fatto che tenere i moduli sincronizzati col kernel compilato
         molto importante.  I moduli non creati per
        interagire col kernel compilato possono risultare in
        instabilit o comportamenti anomali.</para>
    </note>
  </sect1>

  <sect1 id="kernelconfig-config">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Joel</firstname>

          <surname>Dahl</surname>

          <contrib>Modificato per &os; 6.X da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Il File di Configurazione</title>

    <indexterm>
      <primary>kernel</primary>
      <secondary>NOTES</secondary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary>NOTES</primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary>kernel</primary>
      <secondary>file di configurazione</secondary>
    </indexterm>

    <para>Il formato generale di un file di configurazione 
      abbastanza semplice.  Ogni linea contiene una parola chiave
      ed uno o pi argomenti.  Per semplicit, la maggior
      parte delle linee contiene solo un argomento.  Tutto quello
      che segue un <literal>#</literal>  considerato un
      commento ed ignorato.  Le seguenti sezioni descrivono
      ogni parola chiave, nell'ordine di presenza in
      <filename>GENERIC</filename>.
      <anchor id="kernelconfig-options"/>Per una lista esaustiva
      delle opzioni dipendenti dall'architettura e dei devices,
      leggi il file <filename>NOTES</filename> nella stessa directory
      del file <filename>GENERIC</filename>.  Per opzioni
      indipendenti dall'architettura, leggi
      <filename>/usr/src/sys/conf/NOTES</filename>.</para>

    <note>
      <para>Per creare un file che contenga tutte le opzioni
        disponibili, ad esempio per usi di testing,
        esegui il seguente comando come <username>root</username>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/src/sys/<replaceable>i386</replaceable>/conf &amp;&amp; make LINT</userinput></screen>
    </note>

    <indexterm>
      <primary>kernel</primary>
      <secondary>configuration file</secondary>
    </indexterm>

    <para>Il seguente  un esempio del file di configurazione
      del kernel <filename>GENERIC</filename> con vari commenti
      addizionali ove necessari ai fini della chiarezza.  Questo esempio
      dovrebbe corrispondere abbastanza da vicino alla tua copia in
      <filename>/usr/src/sys/<replaceable>i386</replaceable>/conf/GENERIC</filename>.
    </para>

    <indexterm>
      <primary>opzioni  del kernel</primary>
      <secondary>macchina</secondary>
    </indexterm>

    <programlisting>machine   i386</programlisting>

    <para>Questa &egrave la architettura della macchina.  Deve essere
      una fra <literal>alpha</literal>, <literal>amd64</literal>,
      <literal>i386</literal>, <literal>ia64</literal>,
      <literal>pc98</literal>, <literal>powerpc</literal>, o
      <literal>sparc64</literal>.</para>

    <indexterm>
      <primary>opzioni del kernel</primary>
      <secondary>cpu</secondary>
    </indexterm>

    <programlisting>cpu          I486_CPU
cpu          I586_CPU
cpu          I686_CPU</programlisting>

    <para>Quanto riportato sopra specifica il tipo di CPU che hai nella
      tua macchina.  Puoi avere molte istanze di linee di CPU (se, per
      esempio, non sei sicuro se devi usare la
      <literal>I586_CPU</literal> o la <literal>I686_CPU</literal>),
      ma per un kernel custom  meglio specificare solo la CPU
      che hai.  Se non sei sicuro di quale sia il tipo della tua CPU,
      controlla il file <filename>/var/run/dmesg.boot</filename> per leggere
      i messaggi di boot.</para>

    <indexterm>
      <primary>opzioni del kernel</primary>
      <secondary>ident</secondary>
    </indexterm>

    <programlisting>ident          GENERIC</programlisting>

    <para>Questo  l'identificativo del kernel.  Dovresti cambiarlo
      nel nome che hai dato al kernel, ad esempio <literal>MYKERNEL</literal>
      se hai seguito le istruzioni degli esempi precedenti.  Il valore che poni
      nella stringa <literal>ident</literal>, sar emesso a video
      quando fai il boot del kernel, cos  utile dare al
      nuovo kernel un nome differente se vuoi tenerlo separato dal tuo kernel
      usuale (ad esempio se vuoi creare un kernel sperimentale).</para>

    <programlisting>#To statically compile in device wiring instead of /boot/device.hints
#hints          "GENERIC.hints"         # Default places to look for devices.</programlisting>

    <para>L'opzione &man.device.hints.5; 
      usato per configurare le opzioni dei device driver.  La posizione
      di default che &man.loader.8; cercher al momento del boot
       <filename>/boot/device.hints</filename>.  Usando l'opzione
      <literal>hints</literal> puoi compilare queste direttive direttamente
       nel kernel.  Se fai cos non c' bisogno di creare
       un file <filename>device.hints</filename> in <filename>/boot</filename>.</para>

    <programlisting>makeoptions     DEBUG=-g          # Build kernel with gdb(1) debug symbols</programlisting>

    <para>Il processo normale di compilazione di &os; include
      informazioni di debugging quando si compila il kernel
      con l'opzione <option>-g</option>, che abilita il debugging
      quando passato a &man.gcc.1;.</para>

    <programlisting>options          SCHED_4BSD         # 4BSD scheduler</programlisting>

    <para>Lo schedulatore tradizionale per &os;.  Tienilo.
    </para>

    <programlisting>options          PREEMPTION         # Enable kernel thread preemption</programlisting>

    <para>Permette ai thread del kernel di essere interrotti
      da altri thread a priorit pi alta.
      Aiuta con l'interattivit e permette ai thread
      degli interrupt di essere eseguiti prima rispetto invece che attendere.
    </para>

    <programlisting>options          INET              # InterNETworking</programlisting>

    <para>Supporto per la rete.  Lascia questa opzione, anche se non intendi
      connettere il computer ad una rete.  La maggior parte dei programmi
      richiedono almeno rete di loopback (ad esempio fare connessioni di rete
      dal tuo pc al tuo pc stesso), cos questa opzione in sostanza 
      obbligatoria.</para>

    <programlisting>options          INET6             # IPv6 communications protocols</programlisting>

    <para>Questo abilita il protocollo di comunicazione IPv6.</para>

    <programlisting>options          FFS               # Berkeley Fast Filesystem</programlisting>

    <para>Questo  il file system di dischi di base.  Lascialo nel kernel
      se fai il boot da hard disk.</para>

    <programlisting>options          SOFTUPDATES       # Enable FFS Soft Updates support</programlisting>

    <para>Questa opzione abilita le Soft Updates nel kernel, aiuter
      a velocizzare accesso di scrittura ai dischi.  Anche quando questa
      funzionalit  fornita dal kernel, deve essere
      attivata per dischi specifici.  Rileggi l'output da &man.mount.8;
      per vedere se Soft Updates sono abilitate per i tuoi dischi di sistema.
      Se non vedi l'opzione <literal>soft-updates</literal> potrai
      abilitarla usando &man.tunefs.8; (per file system gi
      esistenti) o &man.newfs.8; (per nuovi file system).</para>

    <programlisting>options          UFS_ACL           # Support for access control lists</programlisting>

    <para>Questa opzione abilita supporto
      nel kernel per le liste di controllo di accesso.  Questo poggia sull'uso
      degli attributi estesi e <acronym>UFS2</acronym>, questa opzione viene
      descritta in dettaglio in <xref linkend="security"/>.  <acronym>ACL</acronym>
      sono abilitate di default e non dovrebbero essere disabilitate nel kernel
      se sono state usate precedentemente su un file system, dato che questo
      rimuover le liste di controllo di accesso, cambiando il modo
      in cui i file sono protetti in modo non predicibile.</para>

    <programlisting>options          UFS_DIRHASH       # Improve performance on big directories</programlisting>

    <para>Quest'opzione include funzionalit per accelerare
      operazioni sui dischi su larghe directory, a costo di uso
      di memoria.  Lo dovresti tenere per un server molto trafficato
      o workstation interattive, e rimuoverlo se stai usando
      &os; su piccoli sistemi dove la memoria  scarsa e
      l'accesso ai dischi  meno importante, come un firewall.</para>

    <programlisting>options          MD_ROOT           # MD is a potential root device</programlisting>

    <para>Questa opzione abilita il supporto per un disco virtuale
      basato sulla memoria da usare come device di root.</para>

    <indexterm>
      <primary>opzioni del kernel</primary>
      <secondary>NFS</secondary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary>opzioni del kernel</primary>
      <secondary>NFS_ROOT</secondary>
    </indexterm>

    <programlisting>options          NFSCLIENT         # Network Filesystem Client
options          NFSSERVER         # Network Filesystem Server
options          NFS_ROOT          # NFS usable as /, requires NFSCLIENT</programlisting>

    <para>Il file system di rete.  A meno che tu non intenda montare
      partizioni da un file server &unix; sopra TCP/IP, puoi commentare
      queste righe.</para>

    <indexterm>
      <primary>opzioni del kernel</primary>
      <secondary>MSDOSFS</secondary>
    </indexterm>

    <programlisting>options          MSDOSFS           # MSDOS Filesystem</programlisting>

    <para>Il filesystem &ms-dos;.  A meno che non intendi montare un
      disco formattato DOS al momento del boot, puoi tranquilamente
      commentare queste opzioni.  Sar automaticamente caricato
      la prima volta che monti una partizione DOS, come descritto in seguito.
      Inoltre, l'eccellente software <filename role="package">emulators/mtools</filename>
      ti permette di accedere a floppy DOS senza dover montarli e smontarli
      (e non richiede assolutamente <literal>MSDOSFS</literal>).</para>

    <programlisting>options          CD9660            # ISO 9660 Filesystem</programlisting>

    <para>Il file system ISO 9660 per CDROM.  Commentalo se non hai
      un drive CDROM o monti CD di dati solo occasionalmente (dato
      che sar caricato dinamicamente la prima volta che monti
      un CD di dati).  CD audio non necessitano di questo file system.</para>

    <programlisting>options          PROCFS            # Process filesystem (requires PSUEDOFS)</programlisting>

    <para>Il file system dei processi.  Questo  un <quote>fittizio</quote>
      file system montato su <filename>/proc</filename> che permette
      a programmi come &man.ps.1; di darti maggiori informazioni
      su quali processi sono in esecuzione.  L'uso di <literal>PROCFS</literal> non  richiesto
      nella maggior parte dei casi, dato che la maggior parte
      dei tool di debugging e di monitoring  stato adattato per
      funzionare senza <literal>PROCFS</literal>: la procedura di
      installazione non monter questo file system
      di default.</para>

    <programlisting>options          PSEUDOFS          # Pseudo-filesystem framework</programlisting>

      <para>I  kernel 6.X che fanno uso del filesystem <literal>PROCFS</literal>
        devono anche includere supporto per <literal>PSEUDOFS</literal>.</para>

    <programlisting>options          GEOM_GPT          # GUID Partition Tables.</programlisting>

    <para>Questa opzione fornisce la possibilit di avere
      un gran numero di partizioni su un singolo disco.</para>

    <programlisting>options          COMPAT_43         # Compatible with BSD 4.3 [KEEP THIS!]</programlisting>

    <para>Compatibilit con 4.3BSD.  Lasciala; alcuni programmi
      si comporteranno in maniera strana se la commenti.</para>

    <programlisting>options          COMPAT_FREEBSD4   # Compatible with &os;4</programlisting>

    <para>Questa opzione  richiesta su &os;&nbsp;5.X su sistemi
      &i386; e Alpha per supportare applicazioni compilate su versioni
      precedenti di &os; che usano vecchie interfacce di system call.
      Si raccomanda che questa opzione sia usata su tutte le &i386;
      ed Alpha che possano eseguire vecchie applicazioni; piattaforme
      che hanno ottenuto supporto solo dall 5.X, come ia64 e &sparc64;
      non richiedono questa opzione.</para>

    <programlisting>options          COMPAT_FREEBSD5   # Compatible with &os;5</programlisting>

    <para>Questa opzione  richiesta per &os;&nbsp;6.X e superiori per
      supportare applicazioni compilate su os;&nbsp;5.X che fanno uso di chiamate di sistema
      di &os;&nbsp;5.X.</para>

    <programlisting>options          SCSI_DELAY=5000  # Delay (in ms) before probing SCSI</programlisting>

    <para>Questa opzione fa s che il kernel faccia una pausa
      di 5 secondi prima di controllare ogni device SCSI sul tuo sistema.
      Se hai solo dischi IDE, puoi ignorarla, altrimenti potresti
      voler diminuire il numero per accelerare
      il boot.  Ovviamente, se fai ci e &os; ha problemi
      a riconoscere i tuoi device SCSI, dovrai alzarla di nuovo.</para>

    <programlisting>options          KTRACE            # ktrace(1) support</programlisting>

    <para>Questo abilita il tracciamento dei processi nel kernel,
      che  utile per il debugging.</para>

    <programlisting>options          SYSVSHM           # SYSV-style shared memory</programlisting>

    <para>Questa opzione fornisce memoria condivisa di tipo System&nbsp;V.
      L'uso pi comune di questa opzione  l'estensione
      XSHM in X, grazie alla quale molti programmi ad alta
      intensit grafica ne trarranno vantaggio per maggior
      velocit.  Se usi X, vorrai sicuramente includere questa opzione.
    </para>

    <programlisting>options          SYSVMSG           # SYSV-style message queues</programlisting>

    <para>Supporto per messaggi stile System&nbsp;V.  Questa opzione aggiunge
      solo poche centinaia di byte al kernel.</para>

    <programlisting>options          SYSVSEM           # SYSV-style semaphores</programlisting>

    <para>Supporto per semafori stile System&nbsp;V.  Usato meno di frequente
      ma aggiunge solo poche centinaia di byte al kernel.</para>

    <note>
      <para>L'opzione <option>-p</option> del comando &man.ipcs.1; mostrer
        ogni processo che usa uno di queste opzione System&nbsp;V.</para>
    </note>

    <programlisting>options        _KPOSIX_PRIORITY_SCHEDULING # POSIX P1003_1B real-time extensions</programlisting>

    <para>Estensioni real-time aggiunte al &posix; 1993.  Alcune
      applicazioni nella collezione dei Ports usano questa opzione
      (come <application>&staroffice;</application>).</para>

    <programlisting>options          KBD_INSTALL_CDEV  # install a CDEV entry in /dev</programlisting>

    <para>Questa opzione  relativa ala tastiera.  Aggiunge una entry CDEV
      nella directory <filename>/dev</filename>.</para>

    <programlisting>options          ADAPTIVE_GIANT    # Giant mutex is adaptive.</programlisting>

    <para>Giant  il nome di un meccanismo di esclusione reciproca
      (uno sleep mutex) che protegge gran parte delle risorse del kernel.
      Al giorno d'oggi  un inaccettabile rallentamento delle performance
      che si sta attivamente sostituendo con locks che proteggono risorse
      individuali.  L'opzione <literal>ADAPTIVE_GIANT</literal> fa s
      che Giant sia incluso nell'insieme dei mutex da scegliere.  Cio
      quando un thread vuole fare un lock sul mutex Giant, ma  gi
      bloccato da un thread su un'altra CPU, il primo thread continuer
      a girare ed aspetter che il lock sia rilasciato.  Normalmente
      invece, il thread tornerebbe a dormire e aspetter la sua prossima
      occasione per girare.  Se non sei sicuro, lascialo dentro.</para>

    <indexterm>
      <primary>kernel options</primary>
      <secondary>SMP</secondary>
    </indexterm>

    <programlisting>device          apic               # I/O APIC</programlisting>

    <para>Il device apic abilita l'uso dell'APIC I/O per inviare
      gli interrupt.  Il device apic pu essere usato sia su kernel
      UP che su SMP, ma  richiesto per kernel SMP.  Aggiungi
      <literal>option SMP</literal> per includere supporto per processori
      multipli.</para>

    <note>
      <para>Il dispositivo apic esiste sono per l'architettura i386, questa
        riga di configurazione non deve essere usata per altre
        architetture.</para>
    </note>

    <programlisting>device          eisa</programlisting>

    <para>Includilo se hai una motherboard EISA.  Questo abilita
      supporto per l'auto-rilevazione e configurazione per tutti i device
      sul bus EISA.</para>

    <programlisting>device          pci</programlisting>

    <para>Includilo se hai una motherboard PCI.  Questo abilita
      l'auto-rilevazione delle carte PCI e operazioni di gateway
      dal bus PCI al bus ISA.</para>

    <programlisting># Floppy drives
device          fdc</programlisting>

    <para>Questo abilita il supporto al controller del floppy drive.</para>

    <programlisting># ATA and ATAPI devices
device          ata</programlisting>

    <para>Questo driver supporta tutti i device ATA e ATAPI.  Hai bisogno
      solo di una linea <literal>device ata</literal> per il kernel
      affinch rilevi tutti i device PCI ATA/ATAPI su macchine moderne.</para>

    <programlisting>device          atadisk                 # ATA disk drives</programlisting>

    <para>Questo  necessario assieme a <literal>device ata</literal>
      per disk drive ATA.</para>

    <programlisting>device          ataraid                 # ATA RAID drives</programlisting>

    <para>Questo  necessario assieme a <literal>device ata</literal> per drive
      ATA RAID.</para>

    <programlisting><anchor id="kernelconfig-atapi"/>
device          atapicd                 # ATAPI CDROM drives</programlisting>

    <para>Questo  necessario assieme a <literal>device ata</literal> per
      drive CDROM ATAPI.</para>

    <programlisting>device          atapifd                 # ATAPI floppy drives</programlisting>

    <para>Questo  necessario assieme a <literal>device ata</literal> per
      drive floppy ATAPI.</para>

    <programlisting>device          atapist                 # ATAPI tape drives</programlisting>

    <para>Questo  necessario assieme a <literal>device ata</literal> per
      drive tape ATAPI.</para>

    <programlisting>options         ATA_STATIC_ID           # Static device numbering</programlisting>

    <para>Questo rende il numero di controller statico; senza questo
      i numeri di device sono allocati dinamicamente.</para>

    <programlisting># SCSI Controllers
device          ahb        # EISA AHA1742 family
device          ahc        # AHA2940 and onboard AIC7xxx devices
options         AHC_REG_PRETTY_PRINT    # Print register bitfields in debug
                                        # output.  Adds ~128k to driver.
device          ahd        # AHA39320/29320 and onboard AIC79xx devices
options         AHD_REG_PRETTY_PRINT    # Print register bitfields in debug
                                        # output.  Adds ~215k to driver.
device          amd        # AMD 53C974 (Teckram DC-390(T))
device          isp        # Qlogic family
#device         ispfw      # Firmware for QLogic HBAs- normally a module
device          mpt        # LSI-Logic MPT-Fusion
#device         ncr        # NCR/Symbios Logic
device          sym        # NCR/Symbios Logic (newer chipsets + those of `ncr')
device          trm        # Tekram DC395U/UW/F DC315U adapters

device          adv        # Advansys SCSI adapters
device          adw        # Advansys wide SCSI adapters
device          aha        # Adaptec 154x SCSI adapters
device          aic        # Adaptec 15[012]x SCSI adapters, AIC-6[23]60.
device          bt         # Buslogic/Mylex MultiMaster SCSI adapters

device          ncv        # NCR 53C500
device          nsp        # Workbit Ninja SCSI-3
device          stg        # TMC 18C30/18C50</programlisting>

    <para>Controller SCSI.  Commentali tutti se non ne hai nessuno
      sul tuo sistema.  Se hai un sistema solo IDE, puoi rimuoverli
      tutti.  Le righe <literal>*_REG_PRETTY_PRINT</literal> sono opzioni
      di debug per i loro rispettivi dispositivi.</para>

    <programlisting># SCSI peripherals
device          scbus      # SCSI bus (required for SCSI)
device          ch         # SCSI media changers
device          da         # Direct Access (disks)
device          sa         # Sequential Access (tape etc)
device          cd         # CD
device          pass       # Passthrough device (direct SCSI access)
device          ses        # SCSI Environmental Services (and SAF-TE)</programlisting>

    <para>Periferiche SCSI.  Ancora, commentali se non ne hai nessuna
      o se il tuo sistema  solo IDE.</para>

    <note>
      <para>Il driver USB &man.umass.4; e pochi altri driver usano
        il sottosistema SCSI anche se non sono veri device SCSI.
        Quindi accertati di non rimuovere il supporto a SCSI,
        se qualche driver del genere  incluso nella tua
        configurazione del kernel.</para>
    </note>

    <programlisting># RAID controllers interfaced to the SCSI subsystem
device          amr        # AMI MegaRAID
device          arcmsr     # Areca SATA II RAID
device          asr        # DPT SmartRAID V, VI and Adaptec SCSI RAID
device          ciss       # Compaq Smart RAID 5*
device          dpt        # DPT Smartcache III, IV - See NOTES for options
device          hptmv      # Highpoint RocketRAID 182x
device          rr232x     # Highpoint RocketRAID 232x
device          iir        # Intel Integrated RAID
device          ips        # IBM (Adaptec) ServeRAID
device          mly        # Mylex AcceleRAID/eXtremeRAID
device          twa        # 3ware 9000 series PATA/SATA RAID

# RAID controllers
device          aac        # Adaptec FSA RAID
device          aacp       # SCSI passthrough for aac (requires CAM)
device          ida        # Compaq Smart RAID
device          mfi        # LSI MegaRAID SAS
device          mlx        # Mylex DAC960 family
device          pst        # Promise Supertrak SX6000
device          twe        # 3ware ATA RAID</programlisting>

    <para>Controller RAID supportati.  Se non ne hai nessuno,
      puoi commentarli o rimuoverli.</para>

    <programlisting># atkbdc0 controls both the keyboard and the PS/2 mouse
device          atkbdc     # AT keyboard controller</programlisting>

    <para>Il controller della tastiera (<literal>atkbdc</literal>) fornisce
      servizi I/O per la tastiera AT ed il device PS/2.  Questo controller
       richiesto dal driver della tastiera
      (<literal>atkbd</literal>) e dal driver del dispositivo di puntamento
      PS/2 (<literal>psm</literal>).</para>

    <programlisting>device          atkbd      # AT keyboard</programlisting>

    <para>Il driver <literal>atkbd</literal> assieme al controller
      <literal>atkbdc</literal>, fornisce accesso alla tastiera AT 84
       o la tastiera AT migliorata che  connesso al controller
       della tastiera AT.</para>

    <programlisting>device          psm        # PS/2 mouse</programlisting>

    <para>Usa questo device se il tuo mouse si inserisce nella porta
      PS/2.</para>

    <programlisting>device          kbdmux        # keyboard multiplexer</programlisting>

    <para>Supporto base per il multiplexing della tastiera.
      Se non hai intenzione di usare pi di una tastiera sul sistema,
      puoi tranquillamente rimuovere quella riga.</para>

    <para>Supporto base per il multiplexing della tastiera.</para>

    <programlisting>device          vga        # VGA video card driver</programlisting>

    <para>Il driver della video card.</para>

    <programlisting># splash screen/screen saver
device          splash     # Splash screen and screen saver support</programlisting>

    <para>Schermata slapsh all'avvio! Anche gli screensaver lo
      richiedono.</para>

    <programlisting># syscons is the default console driver, resembling an SCO console
device          sc</programlisting>

    <para><literal>sc</literal>  il driver di default della console,
      assomiglia ad una console SCO.  Dato che molti programmi a schermo
      intero accedono alla console attraverso una libreria di database di
      terminali come <filename>termcap</filename>, non dovrebbe fare differenza
      se usi questo o <literal>vt</literal>, il driver compatibile con una
      console <literal>VT220</literal>.  Quando ti logghi, imposta la tua
      variabile d'ambiente <envar>TERM</envar> a <literal>scoansi</literal> se
      programmi a schermo intero hanno problemi a girare sotto questa
      console.</para>

    <programlisting># Enable this for the pcvt (VT220 compatible) console driver
#device          vt
#options         XSERVER          # support for X server on a vt console
#options         FAT_CURSOR       # start with block cursor</programlisting>

    <para>Questo  un driver di console compatibile con VT-220,
      compatibile all'indietro con VT100/102.  Funziona bene su alcuni laptop
      che hanno incompatibilit hardware con <literal>sc</literal>.
      Inoltre imposta la tua variabile <envar>TERM</envar> a
      <literal>vt100</literal> o <literal>vt220</literal> quando ti logghi.
      Questo driver pu essere utile quando ci si connette
      ad un grande numero di macchine diverse sulla rete,
      dove le entry <filename>termcap</filename> o
      <filename>terminfo</filename> per il device <literal>sc</literal>
      spesso non sono disponibili &mdash; <literal>vt100</literal>
      dovrebbe essere disponibile virtualmente su ogni piattaforma.</para>

    <programlisting>device          agp</programlisting>

    <para>Includilo se hai una scheda AGP nel tuo sistema.  Questo
      abiliter il supporto per AGP, e AGP GART per le motherboard
      che hanno queste caratteristiche.</para>

    <indexterm>
      <primary>APM</primary>
    </indexterm>

    <programlisting># Power management support (see NOTES for more options)
#device          apm</programlisting>

    <para>Supporto Advanced Power Management.  Utile per laptop,
      anche se in &os; 5.X e successivo questo  disabilitato
      in <filename>GENERIC</filename> di default.</para>

    <programlisting># Add suspend/resume support for the i8254.
device           pmtimer</programlisting>

    <para>Device driver per eventi di power management, come APM
      ed ACPI.</para>

    <programlisting># PCCARD (PCMCIA) support
# PCMCIA and cardbus bridge support
device          cbb               # cardbus (yenta) bridge
device          pccard            # PC Card (16-bit) bus
device          cardbus           # CardBus (32-bit) bus</programlisting>

    <para>Supporto PCMCIA.  Includilo se usi un laptop.</para>

    <programlisting># Serial (COM) ports
device          sio               # 8250, 16[45]50 based serial ports</programlisting>

    <para>Queste sono le porte seriali chiamate
      <devicename>COM</devicename> nel mondo &ms-dos;/&windows;.</para>

    <note>
      <para>Se hai un modem interno sulla <devicename>COM4</devicename>
        ed una porta seriale sulla <devicename>COM2</devicename>, dovrai
        cambiare l'IRQ del modem a 2 (per ragioni tecniche oscure
        IRQ 2=IRQ 9) affinch tu ci possa accedere da &os;.
        Se hai una carta seriale multiporta, controlla la pagina di manuale
        per &man.sio.4; per maggiori informazioni sui valori corretti
        da aggiungere al tuo <filename>/boot/device.hints</filename>.
        Alcune video card (in particolare quelle basate su chip S3)
        usano indirizzi IO della forma <literal>0x*2e8</literal> e dato che
        molte carte seriali non codificano l'intero spazio degli indirizzi
        IO a 16 bit, hanno conflitti con queste carte, rendendo la porta
        <literal>COM4</literal> praticamente non disponibile.</para>

      <para>Ogni porta seriale deve avere un IRQ unico (a meno che non stia usando
        una delle carte multicard dove sono supportati interrupt condivisi),
        cos gli IRQ di default per <devicename>COM3</devicename> e
        <devicename>COM4</devicename> non possono essere usati.</para>
    </note>

    <programlisting># Parallel port
device          ppc</programlisting>

    <para>Questo  l'interfaccia al bus ISA parallelo.</para>

    <programlisting>device          ppbus      # Parallel port bus (required)</programlisting>

    <para>Fornisce supporto per il bus della porta parallela.</para>

    <programlisting>device          lpt        # Printer</programlisting>

    <para>Supporto per la stampante a porta parallela.</para>

    <note>
      <para>Tutte quest tre sono necessarie per abilitare supporto
        alla stampante parallela.</para>
    </note>

    <programlisting>device          plip       # TCP/IP over parallel</programlisting>

    <para>Questo  il driver della interfaccia di rete parallela.</para>

    <programlisting>device          ppi        # Parallel port interface device</programlisting>

    <para>L'I/O a scopo generico (<quote>geek port</quote>) + IEEE1284
      I/O.</para>

    <programlisting>#device         vpo        # Requires scbus and da</programlisting>

    <indexterm><primary>zip drive</primary></indexterm>

    <para>Questo  per uno IOMEGA zip drive.  Richiede
      supporto <literal>scbus</literal> e <literal>da</literal>.  La migliore
      performance  raggiunta con porte in modo EPP 1.9.</para>

    <programlisting>#device         puc</programlisting>

    <para>Scommenta questo device se ha una seriale <quote>dumb</quote>
      o carta PCI parallela che  supportata dal driver glue
      &man.puc.4;.</para>

    <programlisting># PCI Ethernet NICs.
device          de         # DEC/Intel DC21x4x (<quote>Tulip</quote>)
device          em         # Intel PRO/1000 adapter Gigabit Ethernet Card
device          ixgb       # Intel PRO/10GbE Ethernet Card
device          txp        # 3Com 3cR990 (<quote>Typhoon</quote>)
device          vx         # 3Com 3c590, 3c595 (<quote>Vortex</quote>)</programlisting>

    <para>Vari driver di schede di rete PCI.  Commentalo o rimuovilo
      se nessuno di questi  presente nel tuo sistema.</para>

    <programlisting># PCI Ethernet NICs that use the common MII bus controller code.
# NOTE: Be sure to keep the 'device miibus' line in order to use these NICs!
device          miibus     # MII bus support</programlisting>

    <para>Supporto bus MII  richiesto per alcune NIC Ethernet 10/100 PCI,
      in particolare quelle che usano transricevitori compatibili con MII
      o implementano interfacce di controllo che operano su MII.  Aggiungere
      <literal>device miibus</literal> al kernel porta con s il supporto
      per la generica API miibus e tutti i driver PHY, incluso un
      generico per PHY che non  specificamente gestito da driver
      individuali.</para>

    <programlisting>device          bce        # Broadcom BCM5706/BCM5708 Gigabit Ethernet
device          bfe        # Broadcom BCM440x 10/100 Ethernet
device          bge        # Broadcom BCM570xx Gigabit Ethernet
device          dc         # DEC/Intel 21143 and various workalikes
device          fxp        # Intel EtherExpress PRO/100B (82557, 82558)
device          lge        # Level 1 LXT1001 gigabit ethernet
device          msk        # Marvell/SysKonnect Yukon II Gigabit Ethernet
device          nge        # NatSemi DP83820 gigabit ethernet
device          nve        # nVidia nForce MCP on-board Ethernet Networking
device          pcn        # AMD Am79C97x PCI 10/100 (precedence over 'lnc')
device          re         # RealTek 8139C+/8169/8169S/8110S
device          rl         # RealTek 8129/8139
device          sf         # Adaptec AIC-6915 (<quote>Starfire</quote>)
device          sis        # Silicon Integrated Systems SiS 900/SiS 7016
device          sk         # SysKonnect SK-984x &amp; SK-982x gigabit Ethernet
device          ste        # Sundance ST201 (D-Link DFE-550TX)
device          stge       # Sundance/Tamarack TC9021 gigabit Ethernet
device          ti         # Alteon Networks Tigon I/II gigabit Ethernet
device          tl         # Texas Instruments ThunderLAN
device          tx         # SMC EtherPower II (83c170 <quote>EPIC</quote>)
device          vge        # VIA VT612x gigabit ethernet
device          vr         # VIA Rhine, Rhine II
device          wb         # Winbond W89C840F
device          xl         # 3Com 3c90x (<quote>Boomerang</quote>, <quote>Cyclone</quote>)</programlisting>

    <para>Driver che usano il codice del controller MII.</para>

    <programlisting># ISA Ethernet NICs.  pccard NICs included.
device          cs         # Crystal Semiconductor CS89x0 NIC
# 'device ed' requires 'device miibus'
device          ed         # NE[12]000, SMC Ultra, 3c503, DS8390 cards
device          ex         # Intel EtherExpress Pro/10 and Pro/10+
device          ep         # Etherlink III based cards
device          fe         # Fujitsu MB8696x based cards
device          ie         # EtherExpress 8/16, 3C507, StarLAN 10 etc.
device          lnc        # NE2100, NE32-VL Lance Ethernet cards
device          sn         # SMC's 9000 series of Ethernet chips
device          xe         # Xircom pccard Ethernet

# ISA devices that use the old ISA shims
#device         le</programlisting>

    <para>Driver ISA Ethernet.  Vedi
      <filename>/usr/src/sys/<replaceable>i386</replaceable>/conf/NOTES</filename>
      per dettagli su quali carte siano supportate da quali driver.</para>

    <programlisting># Wireless NIC cards
device          wlan            # 802.11 support</programlisting>

    <para>Supporto generico al 802.11.  Questa riga  richiesta per
      la rete wireless.</para>

    <programlisting>device          wlan_wep        # 802.11 WEP support
device          wlan_ccmp       # 802.11 CCMP support
device          wlan_tkip       # 802.11 TKIP support</programlisting>

    <para>Supporto di crittografia per i dispositivi 802.11.
      Queste righe sono necessarie se intenti usare la codificazione
      e i protocolli di sicurezza 802.11i.</para>

    <programlisting>device          an         # Aironet 4500/4800 802.11 wireless NICs.
device          ath             # Atheros pci/cardbus NIC's
device          ath_hal         # Atheros HAL (Hardware Access Layer)
device          ath_rate_sample # SampleRate tx rate control for ath
device          awi        # BayStack 660 and others
device          ral        # Ralink Technology RT2500 wireless NICs.
device          wi         # WaveLAN/Intersil/Symbol 802.11 wireless NICs.
#device         wl         # Older non 802.11 Wavelan wireless NIC.</programlisting>

    <para>Supporto per varie carte wireless.</para>

    <programlisting># Pseudo devices
device   loop          # Network loopback</programlisting>

    <para>Questo  il generico device loopback per TCP/IP.  Se fai telnet
      o FTP a <hostid>localhost</hostid> (anche conosciuto come
      <hostid role="ipaddr">127.0.0.1</hostid>) la connessione ritorner
      alla tua stessa macchina attraverso questo device.  Questo 
      <emphasis>obbligatorio</emphasis>.</para>

    <programlisting>device   random        # Entropy device</programlisting>

    <para>Generatore casuale sicuro di numeri random.</para>

    <programlisting>device   ether         # Ethernet support</programlisting>

    <para><literal>ether</literal>  necessario solo se hai una
      carta Ethernet.  Include un codice di protocollo Ethernet.</para>

    <programlisting>device   sl            # Kernel SLIP</programlisting>

    <para><literal>sl</literal>  per supporto slip.   stato
      interamente soppiantato da PPP, che  pi semplice da
      installare, pi adatto per connessioni modem-to-modem e pi
      potente.</para>

    <programlisting>device   ppp           # Kernel PPP</programlisting>

    <para>Questo  per supporto kernel PPP per connessioni dial-up.
      C' anche una versione di PPP implementata come applicazione
      userland che usa <literal>tun</literal> e offre pi flessibilit
      e caratteristiche aggiuntive come dialing a domanda.</para>

    <programlisting>device   tun           # Packet tunnel.</programlisting>

    <para>Questo  usato per software userland PPP.
      Vedi la sezione
      <link linkend="userppp">PPP</link> di questo libro per maggiori
      informazioni.</para>

    <programlisting><anchor id="kernelconfig-ptys"/>
device   pty           # Pseudo-ttys (telnet etc)</programlisting>

    <para>Questo  uno <quote>pseudo-terminal</quote> o porta di login
      simulato.   usato da sessioni <command>telnet</command> e
      <command>rlogin</command>, <application>xterm</application> e qualche altra
      applicazione come <application>Emacs</application>.</para>

    <programlisting>device   md            # Memory <quote>disks</quote></programlisting>

    <para>Pseudo-device di disco di memoria.</para>

    <programlisting>device   gif           # IPv6 and IPv4 tunneling</programlisting>

    <para>Questo implementa il tunneling IPv6 su IPv4, IPv4 su IPv6,
      IPv4 su IPv4 e IPv6 su IPv6.  Il device
      <literal>gif</literal>  <quote>autoclonante</quote>,
      e creer gli altri node come richiesto.
    </para>

    <programlisting>device   faith         # IPv6-to-IPv4 relaying (translation)</programlisting>

    <para>Questo pseudo-device cattura i pacchetti che sono inviati a lui
      e li distoglie verso il demone di traslazione IPv4/IPv6.
    </para>

    <programlisting># The `bpf' device enables the Berkeley Packet Filter.
# Be aware of the administrative consequences of enabling this!
# Note that 'bpf' is required for DHCP.
device   bpf           # Berkeley packet filter</programlisting>

    <para>Questo  il Berkeley Packet Filter.  Questo pseduo-device
      permette alle interfacce di rete di essere configurate
      in modo promiscuo, catturando ogni pacchetto su una rete broadcast
      (ad esempio una Ethernet).  Questi pacchetti possono essere
      catturati su disco e o esaminati con il programma
      &man.tcpdump.1;.</para>

    <note>
      <para>Il device &man.bpf.4;  anche usato da
        &man.dhclient.8; per ottenere l'indirizzo IP del default router
        (gateway) eccetera.  Se usi DHCP, lascia questa riga
        scommentata.</para>
    </note>

    <programlisting># USB support
device          uhci          # UHCI PCI-&gt;USB interface
device          ohci          # OHCI PCI-&gt;USB interface
device          ehci          # EHCI PCI-&gt;USB interface (USB 2.0)
device          usb           # USB Bus (required)
#device         udbp          # USB Double Bulk Pipe devices
device          ugen          # Generic
device          uhid          # <quote>Human Interface Devices</quote>
device          ukbd          # Keyboard
device          ulpt          # Printer
device          umass         # Disks/Mass storage - Requires scbus and da
device          ums           # Mouse
device          ural          # Ralink Technology RT2500USB wireless NICs
device          urio          # Diamond Rio 500 MP3 player
device          uscanner      # Scanners
# USB Ethernet, requires mii
device          aue           # ADMtek USB Ethernet
device          axe           # ASIX Electronics USB Ethernet
device          cdce          # Generic USB over Ethernet
device          cue           # CATC USB Ethernet
device          kue           # Kawasaki LSI USB Ethernet
device          rue           # RealTek RTL8150 USB Ethernet</programlisting>

    <para>Supporto per vari device USB.</para>

    <programlisting># FireWire support
device          firewire      # FireWire bus code
device          sbp           # SCSI over FireWire (Requires scbus and da)
device          fwe           # Ethernet over FireWire (non-standard!)</programlisting>

    <para>Supporto per vari device FireWire.</para>

    <para>Per maggiori informazioni e device addizionali supportati
      da &os;, controlla
      <filename>/usr/src/sys/<replaceable>i386</replaceable>/conf/NOTES</filename>.</para>

      <sect2>
        <title>Configurazioni a Memoria Estesa (<acronym>PAE</acronym>)</title>

        <indexterm>
          <primary>Physical Address Extensions
          (<acronym>PAE</acronym>)</primary>
          <secondary>memoria estesa</secondary>
        </indexterm>

        <para>Macchine con configurazione a memoria estesa richiedono pi
          di 4 gigabyte di limite nello spazio degli indirizzi Virtuale
          User+Kernel (<acronym>KVA</acronym>).  A causa di questa limitazione,
          Intel ha aggiunto supporto per lo spazio degli indirizzi fisico
          a 36-bit nel &pentium; Pro e linee successive di CPU.</para>

        <para>La caratteristica di
          Physical Address Extension (<acronym>PAE</acronym>)
          dell' &intel; &pentium; Pro e CPU successive permette
          configurazioni della memoria fino a 64 gigabyte.
          &os; fornisce supporto per questa caratteristica attraverso
          l'opzione di configurazione del kernel <option>PAE</option>,
          disponibile in tutte le versioni correnti di &os;.
          A causa della limitazione della architettura
          della memoria Intel, nessuna distinzione 
          fatta per memorie sopra o sotto i 4 gigabyte.  Memoria allocata
          oltre i 4 gigabyte  semplicemente aggiunta al pool
          della memoria disponibile.</para>

        <para>Per abilitare il supporto <acronym>PAE</acronym> nel
          kernel, aggiungi semplicemente la seguente linea nel tuo
          file di configurazione del kernel:</para>

        <programlisting>options       PAE</programlisting>

        <note>
          <para>Il supporto <acronym>PAE</acronym> in &os;
             disponibile solo per processori &intel; IA-32.
            Bisogna notare inoltre che il supporto <acronym>PAE</acronym>
            non ha ricevuto test esteso, e dovrebbe essere considerato
            di qualit beta rispetto alle altre carateristiche
            stabili di &os;.</para>
        </note>

        <para>Il supporto per <acronym>PAE</acronym> in &os; ha qualche limitazione:</para>

        <itemizedlist>
          <listitem>
            <para>Un processo non  in grado di accedere
              a pi di 4 gigabte di spazio VM.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para>I moduli <acronym>KLD</acronym> non possono essere caricati
              in un kernel con abilitato <acronym>PAE</acronym>, a causa
              delle differenze nell'ambiente di compilazione di un modulo
              e del kernel.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para>Device driver che non usano l'interfaccia
              &man.bus.dma.9; causeranno corruzione dei dati
              in un kernel abilitato <acronym>PAE</acronym>, e non
              se ne raccomanda l'uso.  Per questo motivo,
              viene fornito un file di configurazione del kernel <filename>PAE</filename>,
              che esclude tutti i driver per i quali
              non  stato testato il funzionamento in un kernel
              abilitato <acronym>PAE</acronym>.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para>Alcuni parametri che possono essere settati determinano
              l'uso delle risorse di memoria a partire dalla quantit
              di memoria fisica disponibile.  Questi parametri
              possono allocare troppo spazio rispetto alle necessit
              a causa della dimensione della memoria di un sistema
              <acronym>PAE</acronym>.  Un esempio simile 
              il sysctl <option>kern.maxvnodes</option>, che controlla
              il massimo numero di vnodes permessi nel kernel.  
              concesso di aggiustare questo ed altri parametri ad un
              valore ragionevole.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para>Pu essere necessario aumentare lo spazio degli
              indirizzi di memoria virtuale del kernel (<acronym>KVA</acronym>)
              o ridurre la quantit di risorse specifiche che sono
              pesantemente usate (vedi oltre) per evitare
              esaurimenti di <acronym>KVA</acronym>.  L'opzione del kernel
              <acronym>KVA_PAGES</acronym> pu essere usata per
              aumentare lo spazio <acronym>KVA</acronym>.</para>
          </listitem>
        </itemizedlist>

        <para>Per motivi di stabilit e di performance,
          si consiglia di consultare le pagine di manuale &man.tuning.7;.
          La pagina di manuale &man.pae.4; contiene informazioni
          aggiornate sul supporto <acronym>PAE</acronym>.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="kernelconfig-trouble">
    <title>Se Qualcosa Va Male</title>

    <para>Ci sono cinque categorie di problemi che si possono
      presentare quando si crea un nuovo kernel.  Sono:</para>

    <variablelist>
      <varlistentry>
        <term><command>config</command> fallisce:</term>

        <listitem>
          <para>Se il comando &man.config.8; fallisce quando
            gli passi la descrizione del tuo kernel, hai fatto
            probabilmente un semplice errore da qualche parte.
            Fortunatamente &man.config.8; scriver il numero della linea
            che ha dato errore, cos puoi facilmente trovare
            la linea errata.  Ad esempio, se vedi:</para>

        <screen>config: line 17: syntax error</screen>

        <para>Accertati che la parola chiave
            sia scritta correttamente confrontandola con quella
            del kernel <filename>GENERIC</filename> o un altro
            riferimento.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term><command>make</command> fallisce:</term>

        <listitem>
          <para>Se il comando <command>make</command> fallisce, di solito
            segnala un errore nella descrizione del kernel che non 
            abbastanza grave per &man.config.8;.  Ancora, controlla la tua configurazione
            e se ancora non riesci a risolvere il problema, invia una mail
            a &a.questions; con la tua configurazione del kernel, e dovrebbe
            essere diagnosticato velocemente.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term>Il kernel non fa il boot:<anchor id="kernelconfig-noboot"/></term>

        <listitem>
          <para>Se il tuo kernel non fa il boot, o fallisce nel
            riconoscimento dei tuoi device, non andare in panico!
            Fortunatamente &os; ha un ottimo meccanismo per
            ricominciare in questo caso.  Semplicemente scegli il kernel
            da cui vuoi fare il boot dal boot loader &os;.  Puoi accedere ad esso
            quando appare il menu del boot.
            Seleziona l'opzione <quote>Escape to a loader prompt</quote>,
            la numero sei.  Al prompt digita
            <command>unload kernel</command> e poi digita
            <command>boot /boot/<replaceable>kernel.old</replaceable>/kernel</command>
            o il nome del file di un altro kernel da cui puoi bootare
            correttamente.  Quando configuri un kernel,  sempre
            una buona idea tenere un kernel che si sa che funzioni
            a portata di mano.</para>

          <para>Dopo aver fatto il boot con un kernel funzionante
            puoi controllare il tuo file di configurazione e cercare
            di ricompilarlo.  Una risorsa utile  il file
            <filename>/var/log/messages</filename> che, fra le altre cose,
            registra tutti messaggi del kernel da ogni boot riuscito.
            Inoltre, il comando &man.dmesg.8; scriver i messaggi
            del kernel dall'ultimo boot.</para>

          <note>
            <para>Se hai problemi a compilare un kernel, accertati di
              tenere un kernel <filename>GENERIC</filename>, o qualche
              altro kernel che sai che funzioni a portata di mano,con un
              nome diverso cosich non sia cancellato dalla successiva
              compilazione.  Non puoi affidarti su <filename>kernel.old</filename>
              perch quando installi un nuovo kernel, <filename>kernel.old
              </filename> viene cancellato dall'ultimo kernel installato, che poteva
              essere non funzionanante.  Inoltre, appena possibile, sposta il
              kernel funzionanante nella directory corretta <filename class="directory">
              /boot/kernel</filename> o comandi come &man.ps.1; potrebbero non
              funzionare bene.  Per farlo, semplicemente rinomina la directory
              contenente il kernel funzionante:</para>

            <screen>&prompt.root; <userinput>mv /boot/kernel /boot/kernel.bad</userinput>
              &prompt.root; <userinput>mv /boot/<replaceable>kernel.good</replaceable> /boot/kernel</userinput></screen>

          </note>
        </listitem>
      </varlistentry>

      <varlistentry>
        <term>Il kernel funziona, ma &man.ps.1; non funziona pi.</term>

        <listitem>
          <para>Se hai installato una versione del kernel differente
            da quella delle utilities di sistema, per esempio un kernel -CURRENT
            ed un sistema -RELEASE, molti comandi di stato del sistema
            come &man.ps.1; e &man.vmstat.8; non funzioneranno pi.
            Dovresti <link linkend="makeworld">ricompilare ed installare
            world</link> con la stessa versione dei sorgenti del tuo kernel.
            Questa  una ragione per non usare una versione del kernel
            diversa dal sistema operativo.</para>
        </listitem>
      </varlistentry>
    </variablelist>
  </sect1>
</chapter>