aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/mail/chapter.xml
blob: b64a9580fd2b35e8b3be64d7dae6fa54bb8de087 (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
636
637
638
639
640
641
642
643
644
645
646
647
648
649
650
651
652
653
654
655
656
657
658
659
660
661
662
663
664
665
666
667
668
669
670
671
672
673
674
675
676
677
678
679
680
681
682
683
684
685
686
687
688
689
690
691
692
693
694
695
696
697
698
699
700
701
702
703
704
705
706
707
708
709
710
711
712
713
714
715
716
717
718
719
720
721
722
723
724
725
726
727
728
729
730
731
732
733
734
735
736
737
738
739
740
741
742
743
744
745
746
747
748
749
750
751
752
753
754
755
756
757
758
759
760
761
762
763
764
765
766
767
768
769
770
771
772
773
774
775
776
777
778
779
780
781
782
783
784
785
786
787
788
789
790
791
792
793
794
795
796
797
798
799
800
801
802
803
804
805
806
807
808
809
810
811
812
813
814
815
816
817
818
819
820
821
822
823
824
825
826
827
828
829
830
831
832
833
834
835
836
837
838
839
840
841
842
843
844
845
846
847
848
849
850
851
852
853
854
855
856
857
858
859
860
861
862
863
864
865
866
867
868
869
870
871
872
873
874
875
876
877
878
879
880
881
882
883
884
885
886
887
888
889
890
891
892
893
894
895
896
897
898
899
900
901
902
903
904
905
906
907
908
909
910
911
912
913
914
915
916
917
918
919
920
921
922
923
924
925
926
927
928
929
930
931
932
933
934
935
936
937
938
939
940
941
942
943
944
945
946
947
948
949
950
951
952
953
954
955
956
957
958
959
960
961
962
963
964
965
966
967
968
969
970
971
972
973
974
975
976
977
978
979
980
981
982
983
984
985
986
987
988
989
990
991
992
993
994
995
996
997
998
999
1000
1001
1002
1003
1004
1005
1006
1007
1008
1009
1010
1011
1012
1013
1014
1015
1016
1017
1018
1019
1020
1021
1022
1023
1024
1025
1026
1027
1028
1029
1030
1031
1032
1033
1034
1035
1036
1037
1038
1039
1040
1041
1042
1043
1044
1045
1046
1047
1048
1049
1050
1051
1052
1053
1054
1055
1056
1057
1058
1059
1060
1061
1062
1063
1064
1065
1066
1067
1068
1069
1070
1071
1072
1073
1074
1075
1076
1077
1078
1079
1080
1081
1082
1083
1084
1085
1086
1087
1088
1089
1090
1091
1092
1093
1094
1095
1096
1097
1098
1099
1100
1101
1102
1103
1104
1105
1106
1107
1108
1109
1110
1111
1112
1113
1114
1115
1116
1117
1118
1119
1120
1121
1122
1123
1124
1125
1126
1127
1128
1129
1130
1131
1132
1133
1134
1135
1136
1137
1138
1139
1140
1141
1142
1143
1144
1145
1146
1147
1148
1149
1150
1151
1152
1153
1154
1155
1156
1157
1158
1159
1160
1161
1162
1163
1164
1165
1166
1167
1168
1169
1170
1171
1172
1173
1174
1175
1176
1177
1178
1179
1180
1181
1182
1183
1184
1185
1186
1187
1188
1189
1190
1191
1192
1193
1194
1195
1196
1197
1198
1199
1200
1201
1202
1203
1204
1205
1206
1207
1208
1209
1210
1211
1212
1213
1214
1215
1216
1217
1218
1219
1220
1221
1222
1223
1224
1225
1226
1227
1228
1229
1230
1231
1232
1233
1234
1235
1236
1237
1238
1239
1240
1241
1242
1243
1244
1245
1246
1247
1248
1249
1250
1251
1252
1253
1254
1255
1256
1257
1258
1259
1260
1261
1262
1263
1264
1265
1266
1267
1268
1269
1270
1271
1272
1273
1274
1275
1276
1277
1278
1279
1280
1281
1282
1283
1284
1285
1286
1287
1288
1289
1290
1291
1292
1293
1294
1295
1296
1297
1298
1299
1300
1301
1302
1303
1304
1305
1306
1307
1308
1309
1310
1311
1312
1313
1314
1315
1316
1317
1318
1319
1320
1321
1322
1323
1324
1325
1326
1327
1328
1329
1330
1331
1332
1333
1334
1335
1336
1337
1338
1339
1340
1341
1342
1343
1344
1345
1346
1347
1348
1349
1350
1351
1352
1353
1354
1355
1356
1357
1358
1359
1360
1361
1362
1363
1364
1365
1366
1367
1368
1369
1370
1371
1372
1373
1374
1375
1376
1377
1378
1379
1380
1381
1382
1383
1384
1385
1386
1387
1388
1389
1390
1391
1392
1393
1394
1395
1396
1397
1398
1399
1400
1401
1402
1403
1404
1405
1406
1407
1408
1409
1410
1411
1412
1413
1414
1415
1416
1417
1418
1419
1420
1421
1422
1423
1424
1425
1426
1427
1428
1429
1430
1431
1432
1433
1434
1435
1436
1437
1438
1439
1440
1441
1442
1443
1444
1445
1446
1447
1448
1449
1450
1451
1452
1453
1454
1455
1456
1457
1458
1459
1460
1461
1462
1463
1464
1465
1466
1467
1468
1469
1470
1471
1472
1473
1474
1475
1476
1477
1478
1479
1480
1481
1482
1483
1484
1485
1486
1487
1488
1489
1490
1491
1492
1493
1494
1495
1496
1497
1498
1499
1500
1501
1502
1503
1504
1505
1506
1507
1508
1509
1510
1511
1512
1513
1514
1515
1516
1517
1518
1519
1520
1521
1522
1523
1524
1525
1526
1527
1528
1529
1530
1531
1532
1533
1534
1535
1536
1537
1538
1539
1540
1541
1542
1543
1544
1545
1546
1547
1548
1549
1550
1551
1552
1553
1554
1555
1556
1557
1558
1559
1560
1561
1562
1563
1564
1565
1566
1567
1568
1569
1570
1571
1572
1573
1574
1575
1576
1577
1578
1579
1580
1581
1582
1583
1584
1585
1586
1587
1588
1589
1590
1591
1592
1593
1594
1595
1596
1597
1598
1599
1600
1601
1602
1603
1604
1605
1606
1607
1608
1609
1610
1611
1612
1613
1614
1615
1616
1617
1618
1619
1620
1621
1622
1623
1624
1625
1626
1627
1628
1629
1630
1631
1632
1633
1634
1635
1636
1637
1638
1639
1640
1641
1642
1643
1644
1645
1646
1647
1648
1649
1650
1651
1652
1653
1654
1655
1656
1657
1658
1659
1660
1661
1662
1663
1664
1665
1666
1667
1668
1669
1670
1671
1672
1673
1674
1675
1676
1677
1678
1679
1680
1681
1682
1683
1684
1685
1686
1687
1688
1689
1690
1691
1692
1693
1694
1695
1696
1697
1698
1699
1700
1701
1702
1703
1704
1705
1706
1707
1708
1709
1710
1711
1712
1713
1714
1715
1716
1717
1718
1719
1720
1721
1722
1723
1724
1725
1726
1727
1728
1729
1730
1731
1732
1733
1734
1735
1736
1737
1738
1739
1740
1741
1742
1743
1744
1745
1746
1747
1748
1749
1750
1751
1752
1753
1754
1755
1756
1757
1758
1759
1760
1761
1762
1763
1764
1765
1766
1767
1768
1769
1770
1771
1772
1773
1774
1775
1776
1777
1778
1779
1780
1781
1782
1783
1784
1785
1786
1787
1788
1789
1790
1791
1792
1793
1794
1795
1796
1797
1798
1799
1800
1801
1802
1803
1804
1805
1806
1807
1808
1809
1810
1811
1812
1813
1814
1815
1816
1817
1818
1819
1820
1821
1822
1823
1824
1825
1826
1827
1828
1829
1830
1831
1832
1833
1834
1835
1836
1837
1838
1839
1840
1841
1842
1843
1844
1845
1846
1847
1848
1849
1850
1851
1852
1853
1854
1855
1856
1857
1858
1859
1860
1861
1862
1863
1864
1865
1866
1867
1868
1869
1870
1871
1872
1873
1874
1875
1876
1877
1878
1879
1880
1881
1882
1883
1884
1885
1886
1887
1888
1889
1890
1891
1892
1893
1894
1895
1896
1897
1898
1899
1900
1901
1902
1903
1904
1905
1906
1907
1908
1909
1910
1911
1912
1913
1914
1915
1916
1917
1918
1919
1920
1921
1922
1923
1924
1925
1926
1927
1928
1929
1930
1931
1932
1933
1934
1935
1936
1937
1938
1939
1940
1941
1942
1943
1944
1945
1946
1947
1948
1949
1950
1951
1952
1953
1954
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
2018
2019
2020
2021
2022
2023
2024
2025
2026
2027
2028
2029
2030
2031
2032
2033
2034
2035
2036
2037
2038
2039
2040
2041
2042
2043
2044
2045
2046
2047
2048
2049
2050
2051
2052
2053
2054
2055
2056
2057
2058
2059
2060
2061
2062
2063
2064
2065
2066
2067
2068
2069
2070
2071
2072
2073
2074
2075
2076
2077
2078
2079
2080
2081
2082
2083
2084
2085
2086
2087
2088
2089
2090
2091
2092
2093
2094
2095
2096
2097
2098
2099
2100
2101
2102
2103
2104
2105
2106
2107
2108
2109
2110
2111
2112
2113
2114
2115
2116
2117
2118
2119
2120
2121
2122
2123
2124
2125
2126
2127
2128
2129
2130
2131
2132
2133
2134
2135
2136
2137
2138
2139
2140
2141
2142
2143
2144
2145
2146
2147
2148
2149
2150
2151
2152
2153
2154
2155
2156
2157
2158
2159
2160
2161
2162
2163
2164
2165
2166
2167
2168
2169
2170
2171
2172
2173
2174
2175
2176
2177
2178
2179
2180
2181
2182
2183
2184
2185
2186
2187
2188
2189
2190
2191
2192
2193
2194
2195
2196
2197
2198
2199
2200
2201
2202
2203
2204
2205
2206
2207
2208
2209
2210
2211
2212
2213
2214
2215
2216
2217
2218
2219
2220
2221
2222
2223
2224
2225
2226
2227
2228
2229
2230
2231
2232
2233
2234
2235
2236
2237
2238
2239
2240
2241
2242
2243
2244
2245
2246
2247
2248
2249
2250
2251
2252
2253
2254
2255
2256
2257
2258
2259
2260
2261
2262
2263
2264
2265
2266
2267
2268
2269
2270
2271
2272
2273
2274
2275
2276
2277
2278
2279
2280
2281
2282
2283
2284
2285
2286
2287
2288
2289
2290
2291
2292
2293
2294
2295
2296
2297
2298
2299
2300
2301
2302
2303
2304
2305
2306
2307
2308
2309
2310
2311
2312
2313
2314
2315
2316
2317
2318
2319
2320
2321
2322
2323
2324
2325
2326
2327
2328
2329
2330
2331
2332
2333
2334
2335
2336
2337
2338
2339
2340
2341
2342
2343
2344
2345
2346
2347
2348
2349
2350
2351
2352
2353
2354
2355
2356
2357
2358
2359
2360
2361
2362
2363
2364
2365
2366
2367
2368
2369
2370
2371
2372
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
<!--
     The FreeBSD Italian Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.136
-->

<chapter id="mail">
  <chapterinfo>
    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Bill</firstname>

        <surname>Lloyd</surname>

        <contrib>Lavoro originale di </contrib>
      </author>
    </authorgroup>

    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Jim</firstname>

        <surname>Mock</surname>

        <contrib>Rielaborato da </contrib>
      </author>
    </authorgroup>
  </chapterinfo>

  <title>Posta Elettronica</title>

  <sect1 id="mail-synopsis">
    <title>Sinossi</title>

    <indexterm><primary>email</primary></indexterm>

    <para>La <quote>Posta Elettronica</quote>, meglio conosciuta come email,
       una delle forme di comunicazione maggiormente utilizzate
      tutt'oggi.  Questo capitolo fornisce un'introduzione di base per
      eseguire un server di posta su &os;, come pure un'introduzione per inviare
      e ricevere la posta elettronica usando &os;; comunque, questo non 
      un riferimento completo e infatti molte considerazioni importanti sono
      omesse.  Per coprire questo argomento in modo pi completo, si
      rimanda il lettore alla moltitudine di eccellenti libri elencati
      nell'<xref linkend="bibliography"/>.</para>

    <para>Dopo aver letto questo capitolo, saprai:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Quali componenti software vengono coinvolti nell'invio e
          nella ricezione della posta elettronica.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Dove sono collocati in FreeBSD i file di configurazione
          fondamentali di <application>sendmail</application>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Le differenze tra casella di posta remota e locale.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come impedire agli spammer di usare illegalmente il tuo server di
          posta come un relay.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come installare e configurare un mail transfer agent alternativo
          sul tuo sistema, sostituendo
          <application>sendmail</application>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come risolvere i problemi pi frequenti legati al
          server di posta.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come usare SMTP con UCCP.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come configurare il sistema solo per inviare la posta.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come usare la posta con una connessione dialup.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come configurare l'Autenticazione SMTP per aumentare la
          sicurezza.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come installare e usare un Mail User Agent (MUA), come
          <application>mutt</application> per inviare e ricevere la
          posta.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come scaricare la tua posta da un server remoto
          <acronym>POP</acronym> o <acronym>IMAP</acronym>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Come applicare in modo automatico filtri e regole sulla posta
          in entrata.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <para>Prima di leggere questo capitolo, dovresti:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Aver configurato correttamente la tua connessione di rete
          (<xref linkend="advanced-networking"/>).</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Aver configurato correttamente le informazioni DNS
          relative alla tua macchina server di posta
          (<xref linkend="network-servers"/>).</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Sapere come installare software aggiuntivo di terze parti
          (<xref linkend="ports"/>).</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-using">
    <title>Utilizzo della Posta Elettronica</title>

    <indexterm><primary>POP</primary></indexterm>
    <indexterm><primary>IMAP</primary></indexterm>
    <indexterm><primary>DNS</primary></indexterm>

    <para>Ci sono cinque parti principali impegnate in uno scambio di email.
      Queste sono: <link linkend="mail-mua">il programma client</link>, <link
        linkend="mail-mta">quello server</link>, <link
        linkend="mail-dns">il DNS</link>, <link linkend="mail-receive">una
        casella di posta remota o locale</link>, e naturalmente <link
        linkend="mail-host">la macchina server di posta</link>.</para>

    <sect2 id="mail-mua">
      <title>Il Programma Client</title>

      <para>Questo include programmi a riga di comando quali
        <application>mutt</application>, <application>pine</application>,
        <application>elm</application>, e <application>mail</application>,
        e programmi con un'interfaccia grafica (<acronym>GUI</acronym>) quali
        <application>balsa</application>, <application>xfmail</application>
        per citarne alcuni, e qualcosa di pi <quote>raffinato</quote>
        simile a un browser WWW.  Questi programmi semplicemente fanno passare
        le transazioni email alla <link linkend="mail-host"><quote>macchina
          server di posta</quote></link> locale, chiamando uno dei
        <link linkend="mail-mta">programmi server</link> disponibili o
        inoltrando queste transazioni via TCP.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="mail-mta">
      <title>Il Programma Server</title>

      <indexterm>
        <primary>server di posta</primary>
        <secondary><application>sendmail</application></secondary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary>server di posta</primary>
        <secondary><application>postfix</application></secondary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary>server di posta</primary>
        <secondary><application>qmail</application></secondary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary>server di posta</primary>
        <secondary><application>exim</application></secondary>
      </indexterm>

      <para>&os; incorpora di default <application>sendmail</application>,
        ma supporta anche altri programmi server di posta elettronica, alcuni
        dei quali sono:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para><application>exim</application>;</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><application>postfix</application>;</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><application>qmail</application>.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Di solito il programma server svolge due funzioni&mdash;si occupa
        di ricevere la posta in arrivo e di consegnare quella in partenza.
        Questo programma <emphasis>non</emphasis> permette di prelevare la posta
        usando protocolli come <acronym>POP</acronym> o <acronym>IMAP</acronym>,
        ne tanto meno di <quote>collegarsi</quote> alle caselle di posta locali
        <filename>mbox</filename> o di tipo Maildir.  Per far questo hai
        bisogno di un altro <link linkend="mail-receive">demone</link>.</para>

      <warning>
        <para>Vecchie versioni di <application>sendmail</application> contengono
          alcuni seri problemi di sicurezza che possono dare la
          possibilit ad un attaccante di guadagnarsi un accesso locale
          e/o remote sulla tua macchina.  Assicurati di eseguire una versione
          aggiornata per evitare questi problemi.  In alternativa, installa
          un altro <acronym>MTA</acronym> dalla <link linkend="ports">&os;
            Ports Collection</link>.</para>
      </warning>
    </sect2>

    <sect2 id="mail-dns">
      <title>Email e DNS</title>

      <para>Il <acronym>DNS</acronym> (Domain Name System) e il suo demone
        <command>named</command> giocano un ruolo fondamentale nella consegna
        della posta.  Per consegnare la posta dal tuo host a un altro, il
        programma server cercher l'host remoto nel DNS per determinare
        la macchina server che ricever la posta per il destinatario.
        Lo stesso processo avviene quando un host remoto invia dei messaggi di
        posta alla tua macchina server di posta.</para>

      <indexterm><primary>record MX</primary></indexterm>

      <para>Il <acronym>DNS</acronym>  responsabile della corrispondenza
        tra nomi host ed indirizzi IP, e memorizza anche informazioni specifiche
        per la consegna della posta, informazioni conosciute come record MX.
        Il record MX (Mail eXchanger) specifica quale/i host dovranno ricevere
        la posta per un particolare dominio.  Se non hai un record MX per il tuo
        nome host o per il tuo dominio, la posta sar consegnata
        direttamente al tuo host a condizione di avere un record A che mappa
        il tuo nome host al tuo indirizzo IP.</para>

      <para>Puoi vedere i record MX per un dominio usando il comando
        &man.host.1;, come mostrato nel seguente esempio:</para>

      <screen>&prompt.user; <userinput>host -t mx FreeBSD.org</userinput>
FreeBSD.org mail is handled (pri=10) by mx1.FreeBSD.org</screen>
    </sect2>

    <sect2 id="mail-receive">
      <title>Ricezione della Posta</title>

      <indexterm>
        <primary>email</primary>
        <secondary>ricezione</secondary>
      </indexterm>

      <para>La ricezione della posta per il tuo dominio viene gestita dalla
        macchina server di posta.  Questa raccoglier la posta
        indirizzata al tuo dominio e la salver nel formato
        <filename>mbox</filename> (metodo per la memorizzazione della posta di
        default) o Maildir, a seconda delle tua configurazione.  Una volta
        memorizzata, la posta pu essere sia letta in modo locale usando
        applicazioni come &man.mail.1; o <application>mutt</application>, sia
        prelevata in modo remoto usando protocolli come <acronym>POP</acronym>
        e <acronym>IMAP</acronym>.  Ci significa che se vuoi solo
        leggere la posta localmente, non hai bisogno di installare un server
        <acronym>POP</acronym> o <acronym>IMAP</acronym>.</para>

      <sect3 id="pop-and-imap">
        <title>Accedere a caselle di posta remote usando <acronym>POP</acronym>
          o <acronym>IMAP</acronym></title>

        <indexterm><primary>POP</primary></indexterm>
        <indexterm><primary>IMAP</primary></indexterm>

        <para>Per accedere a caselle di posta in modo remoto, devi avere
          l'accesso a un server <acronym>POP</acronym> o
          <acronym>IMAP</acronym>.  Questi protocolli permettono agli utenti
          di collegarsi con facilit alle loro caselle di posta da
          locazioni remote.  Bench sia <acronym>POP</acronym> che
          <acronym>IMAP</acronym> permettono agli utenti di accedere alle
          caselle di posta in modo remoto, <acronym>IMAP</acronym> offre
          alcuni vantaggi, alcuni dei quali sono:</para>

        <itemizedlist>
          <listitem>
            <para><acronym>IMAP</acronym> pu memorizzare e prelevare
              i messaggi di posta su un server remoto.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><acronym>IMAP</acronym> supporta aggiornamenti
              simultanei.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><acronym>IMAP</acronym> pu essere estremamente utile
              con connessioni lente poich permette agli utenti di
              prelevare la struttura dei messaggi senza scaricarli
              completamente; pu inoltre realizzare compiti come la
              ricerca su un server al fine di minimizzare il trasferimento dei
              dati tra client e server.</para>
          </listitem>
        </itemizedlist>

        <para>Per installare un server <acronym>POP</acronym> o
          <acronym>IMAP</acronym>, devi seguire i seguenti passi:</para>

        <procedure>
          <step>
            <para>Scegli un server <acronym>IMAP</acronym> o
              <acronym>POP</acronym> che meglio soddisfa le tue
              necessit.  I seguenti server <acronym>POP</acronym> e
              <acronym>IMAP</acronym> sono ben noti e si prestano come degli
              ottimi esempi:</para>

            <itemizedlist>
              <listitem>
                <para><application>qpopper</application>;</para>
              </listitem>

              <listitem>
                <para><application>teapop</application>;</para>
              </listitem>

              <listitem>
                <para><application>imap-uw</application>;</para>
              </listitem>

              <listitem>
                <para><application>courier-imap</application>;</para>
              </listitem>
            </itemizedlist>
          </step>

          <step>
            <para>Installa il demone <acronym>POP</acronym> o
              <acronym>IMAP</acronym> di tua scelta dalla collezione dei
              port.</para>
          </step>

          <step>
            <para>Se necessario, modifica il file
              <filename>/etc/inetd.conf</filename> per avviare il server
              <acronym>POP</acronym> o <acronym>IMAP</acronym>.</para>
          </step>
        </procedure>

        <warning>
          <para>Nota che sia <acronym>POP</acronym> che <acronym>IMAP</acronym>
            trasmettono informazioni, inclusi il nome utente e la password in
            chiaro.  Ci significa che se vuoi mettere al sicuro la
            trasmissione di informazioni su questi protocolli, potresti
            considerare di effettuare tunnel di sessioni con &man.ssh.1;.
            La creazione di tunnel di sessioni  descritta nella
            <xref linkend="security-ssh-tunneling"/>.</para>
        </warning>
      </sect3>

      <sect3 id="local">
        <title>Accesso alle caselle di posta locali</title>

        <para>Si pu accedere localmente alla casella di posta
          utilizzando un <acronym>MUA</acronym> sul server nel quale risiede la
          casella di posta.  Questo pu essere fatto usando applicazioni
          come <application>mutt</application> o &man.mail.1;.</para>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2 id="mail-host">
      <title>La Macchina Server di Posta</title>

      <indexterm><primary>macchina server di posta</primary></indexterm>

      <para>La macchina server di posta  il nome del server
        che  responsabile della consegna e del ricevimento della posta
        per il tuo host, ed eventualmente per la tua rete.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="sendmail">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Christopher</firstname>

          <surname>Shumway</surname>

          <contrib>Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Configurazione di <application>sendmail</application></title>

    <indexterm>
      <primary><application>sendmail</application></primary>
    </indexterm>

    <para>&man.sendmail.8;  il Mail Transfer Agent (MTA) di default su
      FreeBSD.  Il compito di <application>sendmail</application>  di
      accettare posta dai Mail User Agent (<acronym>MUA</acronym>), e
      consegnarla al server di posta appropriato come definito nel suo file di
      configurazione.  Inoltre <application>sendmail</application> pu
      accettare connessioni via rete e consegnare i messaggi a caselle di posta
      locali o ad un altro programma.</para>

    <para><application>sendmail</application> utilizza i seguenti file di
      configurazione:</para>

    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/access</filename></primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/aliases</filename></primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/local-host-names</filename></primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/mailer.conf</filename></primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/mailertable</filename></primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/sendmail.cf</filename></primary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary><filename>/etc/mail/virtusertable</filename></primary>
    </indexterm>

    <informaltable frame="none" pgwide="1">
      <tgroup cols="2">
        <thead>
          <row>
            <entry>File</entry>

            <entry>Funzione</entry>
          </row>
        </thead>

        <tbody>
          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/access</filename></entry>

            <entry>File database di accesso di
              <application>sendmail</application></entry>
          </row>

          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/aliases</filename></entry>

            <entry>Alias delle caselle di posta</entry>
          </row>

          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/local-host-names</filename></entry>

            <entry>Lista di host per i quali
              <application>sendmail</application> accetta posta</entry>
          </row>

          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/mailer.conf</filename></entry>

            <entry>File di configurazione del programma di posta</entry>
          </row>

          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/mailertable</filename></entry>

            <entry>Tabella di consegna del programma di posta</entry>
          </row>

          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/sendmail.cf</filename></entry>

            <entry>File di configurazione principale di
              <application>sendmail</application></entry>
          </row>

          <row>
            <entry><filename>/etc/mail/virtusertable</filename></entry>

            <entry>Tabelle degli utenti e dei domini virtuali</entry>
          </row>
        </tbody>
      </tgroup>
    </informaltable>

    <sect2>
      <title><filename>/etc/mail/access</filename></title>

      <para>Il database di accesso definisce quali host o indirizzi
        IP hanno accesso al server di posta locale e quale tipo di accesso
        hanno.  Gli host possono essere catalogati come <option>OK</option>,
        <option>REJECT</option>, <option>RELAY</option> o possono semplicemente
        essere passati alla procedura di gestione degli errori di
        <application>sendmail</application> con un preciso errore.  Gli host
        che sono definiti <option>OK</option>, che  il valore di
        default, possono spedire posta a questo host sempre che la destinazione
        finale della posta sia la macchina locale.  Gli host che sono definiti
        <option>REJECT</option> vengono rifiutati per qualsiasi connessione di
        posta.  Gli host che hanno l'opzione <option>RELAY</option> per i loro
        nomi host possono utilizzare questo server per spedire posta verso
        qualsiasi destinazione.</para>

      <example>
        <title>Configurazione del Database di Accesso di
          <application>sendmail</application></title>

        <programlisting>cyberspammer.com                550 Non accettiamo posta dagli spammer
FREE.STEALTH.MAILER@            550 Non accettiamo posta dagli spammer
altra.sorgente.di.spam          REJECT
okay.cyberspammer.com           OK
128.32                          RELAY</programlisting>
      </example>

      <para>In questo esempio abbiamo cinque elementi.  Gli host mittenti
        che corrispondono a quelli posti sul lato sinistro della tabella sono
        condizionati dall'azione posta sul lato destro della tabella.
        I primi due esempi passano un codice di errore alla procedura di
        <application>sendmail</application> che gestisce gli errori.  Il
        messaggio viene restituito all'host remoto quando viene trovata una
        corrispondenza sul lato sinistro della tabella.  Il terzo esempio
        rifiuta la posta da un host specifico su Internet,
        <hostid>altra.sorgente.di.spam</hostid>.  Il quarto esempio accetta
        connessioni di posta da un host, <hostid
          role="fqdn">okay.cyberspammer.com</hostid>, che  pi
        preciso rispetto a <hostid role="domainname">cyberspammer.com</hostid>
        della prima linea.  Le corrispondenze pi precise sovrascrivono
        quelle meno precise.  L'ultimo esempio permette il relay della posta
        elettronica agli host che hanno un indirizzo IP che inizia con
        <hostid>128.32</hostid>.  Questi host possono spedire messaggi destinati
        ad altri server di posta attraverso questo server.</para>

      <para>Quando modifichi questo file, devi eseguire <command>make</command>
        in <filename>/etc/mail/</filename> per aggiornare il database.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title><filename>/etc/mail/aliases</filename></title>

      <para>Il database degli alias contiene una lista di caselle di posta
        virtuali che sono espanse in altri utenti, file, programmi o in altri
        alias.  Seguono alcuni esempi che possono essere usati in
        <filename>/etc/mail/aliases</filename>:</para>

      <example>
        <title>Alias di Posta</title>

        <programlisting>root: utentelocale
ftp-bugs: joe,eric,paul
bit.bucket: /dev/null
procmail: "|/usr/local/bin/procmail"</programlisting>
      </example>

      <para>Il formato del file  semplice: il nome della casella di
        posta che si trova a sinistra dei due punti viene espanso negli elementi
        posti a destra dei due punti.  Il primo esempio semplicemente espande la
        casella di posta <username>root</username> nella casella di posta
        <username>utentelocale</username>, che  di nuovo ricercata
        nel database degli alias.  Se non viene trovata, allora il messaggio
        viene consegnato all'utente locale <username>utentelocale</username>.
        L'esempio successivo mostra una mailing list.  La posta indirizzata
        alla casella di posta <username>ftp-bugs</username> viene espansa nelle
        tre caselle di posta locali <username>joe</username>,
        <username>eric</username>, e <username>paul</username>.  Nota che una
        casella di posta remota pu essere specificata come
        <email>user@example.com</email>.  Il terzo esempio mostra come
        scrivere la posta su un file, in questo caso
        <filename>/dev/null</filename>.  L'ultimo esempio mostra come mandare
        la posta a un programma, in questo caso il messaggio di posta diventa
        lo standard input di <filename>/usr/local/bin/procmail</filename>
        tramite una pipe &unix;.</para>

      <para>Quando modifichi questo file, devi eseguire <command>make</command>
        in <filename>/etc/mail/</filename> per aggiornare il database.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title><filename>/etc/mail/local-host-names</filename></title>

      <para>Questo file  una lista di nomi host che &man.sendmail.8;
        accetta come se fossero l'host locale.  Metti i domini o gli host
        per i quali <application>sendmail</application> deve ricevere posta.
        Per esempio, se questo server di posta dovesse essere in grado di
        accettare posta per il dominio
        <hostid role="domainname">example.com</hostid> e per l'host
        <hostid role="fqdn">mail.example.com</hostid>, il suo
        <filename>local-host-names</filename> potrebbe assomigliare a
        questo:</para>

      <programlisting>example.com
mail.example.com</programlisting>

      <para>Quando modifichi questo file, devi riavviare &man.sendmail.8; per
        attivare i cambiamenti.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title><filename>/etc/mail/sendmail.cf</filename></title>

      <para>Il file di configurazione principale di
        <application>sendmail</application>, <filename>sendmail.cf</filename>
        controlla l'intero comportamento di <application>sendmail</application>,
        inclusa ogni cosa, dalla rielaborazione degli indirizzi e-mail alla
        stampa del messaggio di rifiuto per i server di posta remoti.
        Naturalmente, avendo svariati compiti, questo file di configurazione
         alquanto complesso e i suoi dettagli vanno oltre lo scopo di
        questa sezione.  Fortunatamente, questo file necessita raramente di
        essere modificato per server di posta standard.</para>

      <para>Il file di configurazione principale di
        <application>sendmail</application> pu essere costruito
        a partire da macro &man.m4.1; che definiscono le caratteristiche e il
        comportamento di <application>sendmail</application>.  Guarda
        <filename>/usr/src/contrib/sendmail/cf/README</filename> per ulteriori
        dettagli.</para>

      <para>Quando modifichi questo file, devi riavviare &man.sendmail.8; per
        attivare i cambiamenti.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title><filename>/etc/mail/virtusertable</filename></title>

      <para>Il file <filename>virtusertable</filename> mappa indirizzi di posta
        relativi a domini e caselle di posta virtuali in caselle di posta reali.
        Queste caselle di posta possono essere locali, remote, alias definiti in
        <filename>/etc/mail/aliases</filename> o file.</para>

      <example>
        <title>Esempio di Mappatura per la Posta di un Dominio Virtuale</title>

        <programlisting>root@example.com                root
postmaster@example.com          postmaster@noc.example.net
@example.com                    joe</programlisting>
      </example>

      <para>Nell'esempio precedente, abbiamo una mappatura per il dominio
        <hostid role="domainname">example.com</hostid>.  Questo file viene
        processato dall'alto verso il basso fermandosi alla prima corrispondenza
        trovata.  Il primo elemento mappa <email>root@example.com</email>
        nella casella di posta locale <username>root</username>.  Il secondo
        elemento mappa <email>postmaster@example.com</email> nella casella
        di posta <username>postmaster</username> sull'host <hostid
          role="fqdn">noc.example.net</hostid>.  Infine, se non sono state
        trovate corrispondenze per <hostid role="fqdn">example.com</hostid>
        fino a questo punto, verr verificata l'ultima mappatura, che
        corrisponde a tutti gli altri messaggi di posta indirizzati a qualche
        utente di <hostid role="domainname">example.com</hostid>.
        Questo verr mappato nella casella di posta locale
        <username>joe</username>.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-changingmta">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Andrew</firstname>

          <surname>Boothman</surname>

          <contrib>Scritto da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>

      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Gregory</firstname>

          <surname>Neil Shapiro</surname>

          <contrib>Informazioni prese da e-mail scritte da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Sostituzione del proprio Mail Transfer Agent</title>

    <indexterm>
      <primary>email</primary>
      <secondary>cambiare mta</secondary>
    </indexterm>

    <para>Come gi menzionato, l'MTA (Mail Transfer Agent, agente di
      trasferimento della posta elettronica) installato di default su FreeBSD
       <application>sendmail</application>.  Di conseguenza
      <application>sendmail</application>  responsabile della tua posta
      in partenza e di quella in arrivo.</para>

    <para>Comunque, per vari motivi, alcuni amministratori necessitano di
      cambiare l'MTA dei loro sistemi.  Questi motivi spaziano dal voler
      semplicemente provare un altro MTA all'aver bisogno di una caratteristica
      o di un pacchetto specifico ritrovabile in un altro MTA.  Fortunatamente,
      per qualsiasi motivo, FreeBSD semplifica il processo di
      sostituzione.</para>

    <sect2>
      <title>Installazione di un nuovo MTA</title>

      <para>Hai un'ampia scelta di MTA utilizzabili.  Un buon punto di partenza
         la <link linkend="ports">FreeBSD Ports Collection</link> dove
        puoi trovarne molti.  Naturalmente sei libero di usare qualunque
        MTA proveniente da qualche sito, a condizione che tu riesca ad eseguirlo
        sotto FreeBSD.</para>

      <para>Inizia installando il tuo nuovo MTA.  Una volta installato devi
        valutare se realmente soddisfa le tue necessit, inoltre devi
        avere la possibilit di configurare il tuo nuovo programma prima
        che subentri a <application>sendmail</application>.  Valutato questo,
        devi essere sicuro che durante l'installazione del nuovo programma non
        ci siano stati tentativi di sovrascrivere binari di sistema come
        <filename>/usr/bin/sendmail</filename>.  Altrimenti, il tuo nuovo
        programma di posta  stato essenzialmente messo in
        attivit prima che tu l'abbia configurato.</para>

      <para>Per cortesia fai riferimento alla documentazione dell'MTA che hai
        scelto per informazioni su come configurarlo.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="mail-disable-sendmail">
      <title>Disabilitazione di <application>sendmail</application></title>

      <para>La procedura usata per avviare <application>sendmail</application>
        cambia significativamente tra la 4.5-RELEASE e la 4.6-RELEASE.
        Di conseguenza, la procedura usata per disabilitarlo 
        leggermente differente a seconda della versione di FreeBSD
        utilizzata.</para>

        <warning>
          <para>Se disabiliti il servizio di consegna della posta di
            <application>sendmail</application> in questo modo, 
            importante che questo venga rimpiazzato con un altro sistema
            di consegna della posta.  Se non lo farai,
            le funzioni di sistema come &man.periodic.8; saranno incapaci di
            inviare i loro risultati tramite e-mail come normalmente prevedono
            di fare.  Molte parti del tuo sistema potrebbero presupporre di
            avere un sistema funzionante compatibile con
            <application>sendmail</application>.  Se le applicazioni continuano
            a usare i binari di <application>sendmail</application> per tentare
            di spedire e-mail dopo che tu l'hai disabilitato, la posta potrebbe
            finire in una coda inattiva di <application>sendmail</application>,
            senza che venga mai consegnata.</para>
        </warning>

      <sect3>
        <title>FreeBSD 4.5-STABLE prima del 4/4/2002 e precedenti (inclusa
          4.5-RELEASE e precedenti)</title>

        <para>Metti:</para>

        <programlisting>sendmail_enable="NO"</programlisting>

        <para>in <filename>/etc/rc.conf</filename>.  In questo modo si
          disabiliter il servizio di ricezione della posta
          di <application>sendmail</application>, ma se
          <filename>/etc/mail/mailer.conf</filename> (vedi sotto) non viene
          modificato, <application>sendmail</application> verr ancora
          usato per spedire e-mail.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>FreeBSD 4.5-STABLE dopo il 4/4/2002 (inclusa 4.6-RELEASE e
          successive)</title>

        <para>Per disabilitare completamente <application>sendmail</application>,
          incluso il servizio della posta in uscita, devi mettere</para>

        <programlisting>sendmail_enable="NONE"</programlisting>

        <para>in <filename>/etc/rc.conf.</filename></para>

        <para>Se vuoi solamente disabilitare il servizio di ricezione della
          posta di <application>sendmail</application>, devi mettere</para>

        <programlisting>sendmail_enable="NO"</programlisting>

        <para>in <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Comunque, se
          la ricezione della posta  disabilitata, la consegna locale
          funzioner ancora.  Maggiori informazioni sulle
          opzioni di avvio di <application>sendmail</application> sono
          disponibili nella pagina man di &man.rc.sendmail.8;.</para>
      </sect3>

      <sect3>
       <title>FreeBSD 5.0-STABLE e Successive</title>

       <para>Per disabilitare completamente
         <application>sendmail</application>, servizi di posta in
         ingresso e in uscita inclusi, devi usare</para>

         <programlisting>sendmail_enable="NO"
sendmail_submit_enable="NO"
sendmail_outbound_enable="NO"
sendmail_msp_queue_enable="NO"</programlisting>

         <para>in <filename>/etc/rc.conf.</filename></para>

        <para>Se vuoi solamente disabilitare il servizio di ricezione della
          posta di <application>sendmail</application>, devi mettere</para>

        <programlisting>sendmail_enable="NO"</programlisting>

        <para>in <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Molte informazioni sulle
          opzioni di avvio di <application>sendmail</application> sono
          disponibili nella pagina man di &man.rc.sendmail.8;.</para>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Esecuzione del nuovo MTA all'avvio</title>

      <para>Hai due possibili metodi per eseguire il tuo nuovo MTA all'avvio,
        a seconda della versione di FreeBSD utilizzata.</para>

      <sect3>
        <title>FreeBSD 4.5-STABLE prima del 11/4/2002 (inclusa 4.5-RELEASE e
          precedenti)</title>

        <para>Posiziona uno script in
          <filename>/usr/local/etc/rc.d/</filename> con estensione
          <filename>.sh</filename> ed eseguibile da <username>root</username>.
          Lo script deve accettare i parametri <literal>start</literal> e
          <literal>stop</literal>.  Nella fase di avvio di FreeBSD gli script
          di sistema eseguiranno il comando</para>

        <programlisting>/usr/local/etc/rc.d/supermailer.sh start</programlisting>

        <para>che puoi anche usare per avviare manualmente il
          server.  Nella fase di chiusura di FreeBSD, gli script di sistema
          useranno l'opzione <literal>stop</literal>, eseguendo il
          comando</para>

        <programlisting>/usr/local/etc/rc.d/supermailer.sh stop</programlisting>

        <para>che puoi anche usare per arrestare manualmente il
          server mentre il sistema  in funzione.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>FreeBSD 4.5-STABLE dopo il 11/4/2002 (inclusa 4.6-RELEASE e
          successive)</title>

        <para>Con le versioni recenti di FreeBSD, puoi usare il metodo
          precedente oppure puoi mettere</para>

        <programlisting>mta_start_script="nomefile"</programlisting>

        <para>in <filename>/etc/rc.conf</filename>, dove
          <replaceable>nomefile</replaceable>  il nome dello script
          che vuoi eseguire all'avvio per avviare il tuo MTA.</para>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Sostituzione di <application>sendmail</application> come programma
        di posta di default del sistema</title>

      <para><application>sendmail</application>  cos
        onnipresente come programma standard su sistemi &unix; che alcuni
        programmi lo suppongono gi installato e configurato.  Per questa
        ragione, molti degli altri MTA forniscono la loro compatibile
        implementazione dell'interfaccia a riga di comando di
        <application>sendmail</application>; questo agevola il loro utilizzo
        come sostituti <quote>drop-in</quote> di
        <application>sendmail</application>.</para>

      <para>Quindi, se usi un altro programma di posta, dovrai assicurarti
        che i programmi che tentano di eseguire i binari standard di
        <application>sendmail</application> come
        <filename>/usr/bin/sendmail</filename> in realt eseguano
        il programma di posta da te scelto.  Fortunatamente, FreeBSD fornisce
        un meccanismo chiamato &man.mailwrapper.8; che fa questo lavoro per
        te.</para>

      <para>Quando <application>sendmail</application>  operativo,
        dovresti vedere in <filename>/etc/mail/mailer.conf</filename> qualcosa
        di simile a questo:</para>

      <programlisting>sendmail    /usr/libexec/sendmail/sendmail
send-mail   /usr/libexec/sendmail/sendmail
mailq       /usr/libexec/sendmail/sendmail
newaliases  /usr/libexec/sendmail/sendmail
hoststat    /usr/libexec/sendmail/sendmail
purgestat   /usr/libexec/sendmail/sendmail</programlisting>

      <para>Questo significa che quando uno di questi comandi
        (come <filename>sendmail</filename> stesso) viene eseguito, in
        realt il sistema invoca una copia di mailwrapper di nome
        <filename>sendmail</filename>, la quale esamina
        <filename>mailer.conf</filename> ed esegue
        <filename>/usr/libexec/sendmail/sendmail</filename>.  Questo meccanismo
        facilita la sostituzione dei binari che sono realmente eseguiti quando
        vengono invocate queste funzioni di default di
        <filename>sendmail</filename>.</para>

      <para>Quindi se vuoi che
        <filename>/usr/local/supermailer/bin/sendmail-compat</filename> sia
        eseguito al posto di <application>sendmail</application>, devi
        modificare <filename>/etc/mail/mailer.conf</filename> in questo
        modo:</para>

      <programlisting>sendmail    /usr/local/supermailer/bin/sendmail-compat
send-mail   /usr/local/supermailer/bin/sendmail-compat
mailq       /usr/local/supermailer/bin/mailq-compat
newaliases  /usr/local/supermailer/bin/newaliases-compat
hoststat    /usr/local/supermailer/bin/hoststat-compat
purgestat   /usr/local/supermailer/bin/purgestat-compat</programlisting>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Conclusione</title>

      <para>Una volta che hai configurato ogni cosa a tuo piacimento, devi
        terminare i processi di <application>sendmail</application> di cui non
        hai pi bisogno e avviare i processi appartenenti al tuo nuovo
        programma, oppure puoi semplicemente riavviare il sistema.  Riavviando
        il sistema avrai la possibilit di verificare se il sistema sia
        stato configurato correttamente per eseguire il tuo nuovo MTA in modo
        automatico all'avvio.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-trouble">
    <title>Risoluzione dei Problemi</title>

    <indexterm>
      <primary>email</primary>
      <secondary>risoluzione dei problemi</secondary>
    </indexterm>

    <qandaset>
      <qandaentry>
        <question>
          <para>Perch devo usare nomi di dominio completi (FQDN) per gli
            host del mio dominio?</para>
        </question>

        <answer>
          <para>Probabilmente ti accorgerai che l'host  effettivamente
            in un dominio differente; per esempio, se sei in <hostid
              role="fqdn">foo.bar.edu</hostid> e desideri raggiungere un host
            chiamato <hostid>mumble</hostid> appartenente al dominio <hostid
              role="domainname">bar.edu</hostid>, dovrai riferirti a questo
            tramite un nome di dominio completo, <hostid
              role="fqdn">mumble.bar.edu</hostid>, invece del solo
            <hostid>mumble</hostid>.</para>

          <para>Tradizionalmente, questo era permesso dai resolver
	    BIND<indexterm><primary>BIND</primary></indexterm> di
            BSD.  Tuttavia la versione corrente di
            <application>BIND</application> equipaggiata con FreeBSD non
            prevede pi l'abbreviazione di default per nomi di dominio
            non completi all'infuori del dominio in cui sei.  Quindi l'host
            <hostid>mumble</hostid> sar giudicato come <hostid
              role="fqdn">mumble.foo.bar.edu</hostid>, oppure sar
            ricercato per il dominio radice.</para>

          <para>Questo differisce dal comportamento precedente, dove la ricerca
            continuava attraverso <hostid
              role="domainname">mumble.bar.edu</hostid>, e <hostid
              role="domainname">mumble.edu</hostid>.  Dai un'occhiata all'RFC
            1535 per i motivi per cui questa sia considerata una cattiva
            pratica, o persino un buco di sicurezza.</para>

          <para>Come buona soluzione al problema, puoi mettere la linea:
            <programlisting>search foo.bar.edu bar.edu</programlisting>
            al posto della precedente:
            <programlisting>domain foo.bar.edu</programlisting>
            nel tuo <filename>/etc/resolv.conf</filename>. Comunque, assicurati
            che l'ordine di ricerca non oltrepassi il
            <quote>confine tra amministrazione locale e pubblica</quote>, come
            definito nell'RFC 1535.</para>
        </answer>
      </qandaentry>

      <qandaentry>
        <question>
          <para><application>sendmail</application> riporta l'errore
            <errorname>mail loops back to myself</errorname></para>
        </question>

        <answer>
          <para>La risposta  contenuta nelle FAQ di
            <application>sendmail</application> come segue:</para>

          <programlisting>Ottengo messaggi di errore, come questo:

553 MX list for domain.net points back to relay.domain.net
554 &lt;user@domain.net&gt;... Local configuration error

Come posso risolvere questo problema?

Hai chiesto che la posta per il dominio (es., domain.net) sia inoltrata
a un host specifico (in questo caso, relay.domain.net) attraverso l'uso di
un record MX<indexterm><primary>record MX</primary></indexterm>,
ma la macchina di inoltro non si riconosce appartenente a
domain.net. Aggiungi domain.net in /etc/mail/local-host-names
[chiamato /etc/sendmail.cw nelle versioni precedenti alla 8.10]
(se stai usando FEATURE(use_cw_file)) oppure aggiungi <quote>Cw domain.net</quote>
in /etc/mail/sendmail.cf.</programlisting>

          <para>Le FAQ di <application>sendmail</application> possono essere
            trovate su <ulink url="http://www.sendmail.org/faq/"></ulink> ed
             raccomandato leggerle se vuoi <quote>perfezionare</quote>
            la tua configurazione di posta.</para>
        </answer>
      </qandaentry>

      <qandaentry>
        <question>
          <para>Come posso eseguire un server di posta su un host connesso in
            dial-up tramite PPP<indexterm><primary>PPP</primary>
	    </indexterm>?</para>
        </question>

        <answer>
          <para>Vuoi collegare ad Internet una macchina FreeBSD posta sulla tua
            LAN.  La macchina FreeBSD sar un gateway di posta per la
            LAN.  La connessione PPP non  molto indicata per questo
            scopo.</para>

          <para>Esistono almeno due modi per far questo. Un modo 
            usare UUCP<indexterm><primary>UUCP</primary></indexterm>.</para>

          <para>L'altro  trovare un server Internet a tempo pieno
            che fornisca un servizio MX<indexterm><primary>record MX</primary>
	    </indexterm> secondario per il tuo dominio.
            Per esempio, se il dominio della tua societ 
            <hostid role="domainname">example.com</hostid> e il tuo fornitore
            di servizi Internet ha attivato <hostid
              role="domainname">example.net</hostid> per fornire il servizio
            MX secondario al tuo dominio, allora:</para>

          <programlisting>example.com.         MX        10      example.com.
                     MX        20      example.net.</programlisting>

          <para>Solo un host deve essere specificato come ultimo
            ricevente (aggiungi <literal>Cw example.com</literal> in
            <filename>/etc/mail/sendmail.cf</filename> su <hostid
              role="domainname">example.com</hostid>).</para>

          <para>Quando <command>sendmail</command> tenter di consegnare
            la posta prover a connettersi alla tua connessione modem
            (<hostid role="domainname">example.com</hostid>).  Molto
            probabilmente finir in time out poich non sei
            online.  In modo automatico <command>sendmail</command>
            consegner la posta al server MX secondario, ad esempio il
            tuo provider Internet (<hostid
              role="domainname">example.net</hostid>).  Il server MX secondario
            tenter periodicamente di collegarsi al tuo host per
            consegnare la posta all'host MX primario (<hostid
              role="domainname">example.com</hostid>).</para>

          <para>Come script di login potresti usare qualcosa di simile a
            questo:</para>

          <programlisting>#!/bin/sh
# Mettimi in /usr/local/bin/pppmyisp
( sleep 60 ; /usr/sbin/sendmail -q ) &amp;
/usr/sbin/ppp -direct pppmyisp</programlisting>

          <para>Se hai intenzione di creare uno script di login separato per
            un utente potresti usare <command>sendmail -qRexample.com</command>
            nello script precedente.  Questo forzer a processare
            immediatamente tutta la posta per <hostid
              role="domainname">example.com</hostid> situata nella tua
            coda.</para>

          <para>Segue un'ulteriore sottigliezza della situazione:</para>

          <para>Messaggio rubato dalla &a.isp;.</para>

          <programlisting>&gt; forniamo l'MX secondario per un cliente. Il cliente si connette
&gt; automaticamente ai nostri servizi molte volte al giorno per ottenere la
&gt; posta per il suo MX primario (non chiamiamo il suo server quando arriva
&gt; posta per il suo dominio). Il nostro sendmail processa la posta in coda
&gt; ogni 30 minuti. Attualmente il cliente sta 30 minuti online per assicurarsi
&gt; che tutta la posta vada all'MX primario.
&gt;
&gt; Esiste un comando che permetta di configurare sendmail in modo tale da
&gt; spedire tutta la posta in quel momento? Naturalmente l'utente non ha
&gt; privilegi di root sulla nostra macchina.

Nella sezione <quote>privacy flags</quote> di sendmail.cf, c' una
definizione Opgoaway,restrictqrun

Rimuovi restrictqrun per permettere a utenti non root di avviare l'elaborazione
della coda. Inoltre potresti risistemare gli MX. Noi siamo l'MX primario per i
nostri clienti come questo, e abbiamo definito:

# Se siamo il miglior MX per un host, prova direttamente invece di generare
# errori di configurazione locale.
OwTrue

In questo modo un server remoto consegner direttamente a te, senza
tentare di connettersi al cliente. Dopodich tu spedisci al tuo cliente.
Funziona solamente con gli <quote>host</quote>, quindi hai bisogno che il tuo
cliente chiami la sua macchina di posta <quote>customer.com</quote> cos come
<quote>nomehost.customer.com</quote> nel DNS.
Basta mettere un record A nel DNS per <quote>customer.com</quote>.</programlisting>
        </answer>
      </qandaentry>

      <qandaentry>
        <question>
          <para>Perch continuo a ottenere l'errore <errorname>Relaying
            Denied</errorname> quando spedisco posta da altri host?</para>
        </question>

        <answer>
          <para>Con l'installazione di default di FreeBSD,
            <application>sendmail</application> viene configurato in modo tale
            da permettere di spedire posta solamente dall'host sul quale
             in esecuzione.  Per esempio, se c' installato un
            server <acronym>POP</acronym>, allora gli utenti saranno in grado di
            controllare la posta da scuola, dal lavoro, o da altre postazioni
            remote ma tuttavia non potranno inviare messaggi di posta
            all'esterno da postazioni esterne.  Tipicamente, pochi istanti dopo
            il tentativo, verr spedita una email da
            <application>MAILER-DAEMON</application> con il messaggio di errore
            <errorname>5.7 Relaying Denied</errorname>.</para>

          <para>Esistono diversi modi per aggirare questo problema.  La
            soluzione pi semplice  mettere il proprio
            indirizzo assegnato dall'ISP nel file che contiene i domini
            a cui viene permesso di effettuare il relay,
            <filename>/etc/mail/relay-domains</filename>.  Un modo veloce
            per far questo pu essere:</para>

          <screen>&prompt.root; <userinput>echo "your.isp.example.com" &gt; /etc/mail/relay-domains</userinput></screen>

          <para>Dopo aver creato o modificato questo file devi riavviare
            <application>sendmail</application>.  Questa soluzione 
            ideale se sei un amministratore del server e non desideri
            spedire posta localmente, o se vorresti usare un client/sistema
            punta e clicca su un'altra macchina o perfino su un altro ISP.
            Inoltre  molto utile se hai solo uno o due account
            di posta configurati.  Se ci sono molti indirizzi da aggiungere,
            puoi semplicemente aprire questo file con il tuo editor di testo
            preferito e aggiungere i domini, uno per riga:</para>

          <programlisting>your.isp.example.com
other.isp.example.net
users-isp.example.org
www.example.org</programlisting>

          <para>Ora l'invio della posta tramite il tuo sistema, da parte di
            qualche host in lista (a condizione che l'utente abbia un account
            sul tuo sistema), avr successo.  Questo  un buon
            metodo per permettere agli utenti di spedire posta dal tuo sistema
            in modo remoto senza dare la possibilit a qualcuno di
            spedire SPAM tramite il tuo sistema.</para>
        </answer>
      </qandaentry>
    </qandaset>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-advanced">
    <title>Argomenti Avanzati</title>

    <para>La seguente sezione tratta argomenti pi complicati come
      l'organizzazione e la configurazione della posta per tutto il tuo
      dominio.</para>

    <sect2 id="mail-config">
      <title>Configurazione di Base</title>

      <indexterm>
        <primary>email</primary>
        <secondary>configurazione</secondary>
      </indexterm>

      <para>Dalla macchina FreeBSD, dovresti essere in grado di spedire posta a
        host esterni a condizione di aver sistemato
        <filename>/etc/resolv.conf</filename> o di avere in esecuzione un
        proprio server dei nomi.  Se vuoi che la posta per il tuo host sia
        consegnata all'MTA (es., <application>sendmail</application>) in
        esecuzione sul tuo host FreeBSD, esistono due metodi per farlo:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>Eseguire un proprio server dei nomi e avere un proprio dominio.
            Per esempio, <hostid role="domainname">FreeBSD.org</hostid></para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Ricevere la posta direttamente sul tuo host.  Questo viene fatto
            consegnando la posta direttamente al nome DNS corrente della tua
            macchina.  Per esempio, <hostid
              role="fqdn">example.FreeBSD.org</hostid>.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <indexterm><primary>SMTP</primary></indexterm>

      <para>Indipendentemente dal metodo scelto, affinch la posta
        possa essere consegnata direttamente al tuo host, devi avere un
        indirizzo IP statico permanente (non un indirizzo dinamico, come avviene
        nella maggior parte delle configurazioni dial-up di PPP).  Se sei
        dietro a un firewall, devi abilitare il traffico SMTP in entrata.  Se
        vuoi ricevere la posta direttamente sul tuo host, devi verificare una di
        queste due cose:</para>

      <itemizedlist>
        <indexterm><primary>record MX</primary></indexterm>

        <listitem>
          <para>Assicurati che il record MX (con il numero pi basso)
            relativo al tuo host nel tuo DNS punti all'indirizzo IP del tuo
            host.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Assicurati che non ci siano record MX nel tuo DNS per il tuo
            host.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Entrambi questi due metodi ti permettono di ricevere posta
        direttamente sul tuo host.</para>

      <para>Prova questi comandi:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>hostname</userinput>
example.FreeBSD.org
&prompt.root; <userinput>host example.FreeBSD.org</userinput>
example.FreeBSD.org has address 204.216.27.XX</screen>

      <para>Se ottieni un risultato simile, l'invio diretto a
        <email role="nolink">yourlogin@example.FreeBSD.org</email> dovrebbe
        funzionare senza problemi (assumendo che
        <application>sendmail</application> sia correttamente in esecuzione
        su <hostid role="fqdn">example.FreeBSD.org</hostid>).</para>

      <para>Se invece vedi qualcosa di simile a questo:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>host example.FreeBSD.org</userinput>
example.FreeBSD.org has address 204.216.27.XX
example.FreeBSD.org mail is handled (pri=10) by hub.FreeBSD.org</screen>

      <para>Tutta la posta spedita al tuo host (<hostid
          role="fqdn">example.FreeBSD.org</hostid>) finir per essere
        raccolta su <hostid>hub</hostid> sotto lo stesso nome utente invece
        di essere spedita direttamente al tuo host.</para>

      <para>L'informazione precedente viene gestita dal tuo server DNS.  Il
        record DNS che riporta l'informazione di instradamento della posta
         l'elemento <emphasis>M</emphasis>ail
        e<emphasis>X</emphasis>change.  Se non esistono record MX, la posta
        sar consegnata direttamente all'host attraverso il suo
        indirizzo IP.</para>

      <para>L'elemento MX per <hostid role="fqdn">freefall.FreeBSD.org</hostid>
        in passato assomigliava a questo:</para>

      <programlisting>freefall        MX  30  mail.crl.net
freefall        MX  40  agora.rdrop.com
freefall        MX  10  freefall.FreeBSD.org
freefall        MX  20  who.cdrom.com</programlisting>

      <para>Come puoi vedere, <hostid>freefall</hostid> aveva molti elementi MX.
        Il numero MX pi basso  l'host che, se disponibile,
        riceve direttamente la posta; se per qualche ragione questo non 
        accessibile, gli altri (qualche volta chiamati
        <quote>MX di backup</quote>) accettano i messaggi temporaneamente,
        e li passano all'host attivo con numero inferiore, fino all'host
        con il numero pi basso.</para>

      <para>I server MX alternativi dovrebbero avere connessioni Internet
        indipendenti dalla propria al fine di risultare pi utili.
        Il tuo ISP o un tuo amico non dovrebbero avere problemi
        a darti questo servizio.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="mail-domain">
      <title>Posta per il Tuo Dominio</title>

      <para>Per organizzare un server di posta hai bisogno che la posta inviata
        alle stazioni di lavoro sia ricevuta direttamente sul server di posta.
        Sostanzialmente, hai bisogno di <quote>richiedere</quote> che la posta
        per i nomi host del tuo dominio (in questo caso <hostid
          role="fqdn">*.FreeBSD.org</hostid>) sia deviata al server di posta in
        modo tale che i tuoi utenti possono raccogliere la loro posta sul
        server di posta principale.</para>

      <indexterm><primary>DNS</primary></indexterm>

      <para>Per rendere la vita pi facile, dovrebbe esistere su
        entrambe le macchine un account utente con lo stesso <emphasis>nome
          utente</emphasis>.  Usa &man.adduser.8; per farlo.</para>

      <para>La macchina server di posta che utilizzerai deve essere
        designata come la macchina che scambia la posta per tutte le postazioni
        sulla rete.  Questo viene realizzato attraverso la configurazione del
        DNS in modo simile a quanto segue:</para>

      <programlisting>example.FreeBSD.org   A   204.216.27.XX       ; Stazione di lavoro
                      MX  10 hub.FreeBSD.org  ; Server di posta</programlisting>

      <para>In questo modo la posta per la stazione di lavoro sar
        reindirizzata al server di posta senza preoccuparsi dove punti il
        record A.  La posta viene inviata all'host MX.</para>

      <para>Non puoi effettuare queste modifiche da solo a meno che non hai in
        esecuzione un tuo server DNS.  Se non puoi eseguire un server DNS,
        consulta il tuo ISP o chiunque ti fornisca il servizio DNS.</para>

      <para>Se stai facendo dell'hosting di posta elettronica virtuale, le
        seguenti informazioni ti torneranno utili.  In questo esempio, assumiamo
        che hai un cliente con un proprio dominio, in questo caso <hostid
          role="domainname">customer1.org</hostid>, e vuoi che tutta la posta
        per <hostid role="domainname">customer1.org</hostid> sia spedita alla
        tua macchina server di posta <hostid
          role="fqdn">mail.myhost.com</hostid>.
        L'elemento nel tuo DNS dovrebbe assomigliare a questo:</para>

      <programlisting>customer1.org     MX  10  mail.myhost.com</programlisting>

      <para><emphasis>Non</emphasis> hai bisogno di un record A per <hostid
          role="domainname">customer1.org</hostid> se vuoi solamente gestire
        la posta per tale dominio</para>

      <note>
        <para>Sii consapevole che un ping su <hostid
            role="domainname">customer1.org</hostid> non funzioner se
          non esiste un record A per tale dominio.</para>
      </note>

      <para>L'ultima cosa che devi fare  indicare a
        <application>sendmail</application>, posto sulla tua macchina server,
        per quali domini e/o host deve accettare posta.  Esistono
        differenti modi per farlo.  I seguenti due funzionano entrambi:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>Se usi <literal>FEATURE(use_cw_file)</literal> aggiungi gli host
            al tuo file <filename>/etc/mail/local-host-names</filename>.  Se usi
            una versione di <application>sendmail</application> precedente
            alla 8.10, il file da usare 
            <filename>/etc/sendmail.cw</filename>.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Se usi la versione di <application>sendmail</application> 8.10
            o superiore aggiungi la riga <literal>Cwyour.host.com</literal> al
            tuo <filename>/etc/sendmail.cf</filename> o
            <filename>/etc/mail/sendmail.cf</filename>.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="SMTP-UUCP">
    <title>SMTP con UUCP</title>

    <para>La configurazione di <application>sendmail</application> di default
      su FreeBSD  designata per siti che si collegano direttamente a
      Internet.  I siti che vogliono scambiarsi lo loro posta tramite
      UUCP devono installare un altro file di configurazione di
      <application>sendmail</application>.</para>

    <para>Editare a mano il file <filename>/etc/mail/sendmail.cf</filename>
       materia da esperti.  La versione 8 di
      <application>sendmail</application> genera file di configurazione tramite
      la preelaborazione di &man.m4.1;, dove l'attuale configurazione avviene
      su un livello di astrazione pi alto.  I file di configurazione
      di &man.m4.1; possono essere trovati sotto
      <filename>/usr/share/sendmail/cf</filename>.  Il file
      <filename>README</filename> nella directory <filename>cf</filename>
      pu servire come introduzione di base alla configurazione
      di &man.m4.1;.</para>

    <para>Il miglior modo per supportare la consegna UUCP  usare la
      caratteristica <literal>mailertable</literal>.  Questa crea un database
      che <application>sendmail</application> pu usare per prendere le
      decisioni di instradamento.</para>

    <para>Prima di tutto, devi creare il tuo file <filename>.mc</filename>.
      La directory <filename>/usr/share/sendmail/cf/cf</filename>
      contiene alcuni esempi.  Assumendo che tu abbia chiamato il tuo file
      <filename>foo.mc</filename>, tutto quello che devi fare per convertirlo
      in un valido <filename>sendmail.cf</filename> :</para>

    <screen>&prompt.root; <userinput>cd /etc/mail</userinput>
&prompt.root; <userinput>make foo.cf</userinput>
&prompt.root; <userinput>cp foo.cf /etc/mail/sendmail.cf</userinput></screen>

    <para>Un tipico file <filename>.mc</filename> potrebbe assomigliare a
      questo:</para>

    <programlisting>VERSIONID(`<replaceable>Il tuo numero di versione</replaceable>') OSTYPE(bsd4.4)

FEATURE(accept_unresolvable_domains)
FEATURE(nocanonify)
FEATURE(mailertable, `hash -o /etc/mail/mailertable')

define(`UUCP_RELAY', <replaceable>il.tuo.relay.uucp</replaceable>)
define(`UUCP_MAX_SIZE', 200000)
define(`confDONT_PROBE_INTERFACES')

MAILER(local)
MAILER(smtp)
MAILER(uucp)

Cw    <replaceable>il.tuo.nome.host.alias</replaceable>
Cw    <replaceable>iltuonodouucp.UUCP</replaceable></programlisting>

    <para>Le righe contenenti le caratteristiche
      <literal>accept_unresolvable_domains</literal>,
      <literal>nocanonify</literal>, and
      <literal>confDONT_PROBE_INTERFACES</literal> impediscono l'uso del DNS
      durante la consegna della posta.  La clausola
      <literal>UUCP_RELAY</literal>  necessaria per supportare la
      consegna UUCP.  Metti semplicemente un nome host di Internet che 
      in grado di gestire indirizzi di pseudo-domini .UUCP; molto
      probabilmente, metterai il relay del tuo ISP.</para>

    <para>Una volta fatto questo, hai bisogno del file
      <filename>/etc/mail/mailertable</filename>.  Se hai solo un collegamento
      per l'esterno che viene usato per tutta la tua posta, la seguente riga
      sar sufficiente:</para>

    <programlisting>#
# makemap hash /etc/mail/mailertable.db &lt; /etc/mail/mailertable
.                             uucp-dom:<replaceable>il.tuo.relay.uucp</replaceable></programlisting>

    <para>Un esempio pi complesso potrebbe essere simile a
      questo:</para>

    <programlisting>#
# makemap hash /etc/mail/mailertable.db &lt; /etc/mail/mailertable
#
horus.interface-business.de   uucp-dom:horus
.interface-business.de        uucp-dom:if-bus
interface-business.de         uucp-dom:if-bus
.heep.sax.de                  smtp8:%1
horus.UUCP                    uucp-dom:horus
if-bus.UUCP                   uucp-dom:if-bus
.                             uucp-dom:</programlisting>

    <para>Le prime tre righe gestiscono dei casi speciali dove la posta
      indirizzata a quel dominio non dovrebbe essere spedita tramite
      l'instradamento di default, ma piuttosto tramite alcuni UUCP di confine
      al fine di <quote>accorciare</quote> il percorso di consegna.  La quarta
      riga gestisce la posta per il dominio Ethernet locale la quale pu
      essere consegnata usando SMTP.  Infine, gli UUCP di confine sono
      menzionati con la notazione a pseudo-dominio .UUCP, per permettere a un
      <literal><replaceable>uucp-diconfine
        </replaceable>!<replaceable>destinatario</replaceable></literal>
      di sovrascrivere le regole di default.  L'ultima riga  sempre un
      singolo punto, a cui corrisponde ogni altra cosa e che rappresenta la
      consegna UUCP tramite l'UUCP di confine che viene usato come il tuo
      gateway di posta universale verso il mondo.  Tutti i nomi dei nodi dietro
      alla parola <literal>uucp-dom:</literal> devono essere validi UUCP di
      confine, come puoi verificare usando il comando
      <literal>uuname</literal>.</para>

    <para>Si ricorda che questo file deve essere convertito in un file database
      DBM prima di essere usato.  La riga di comando che realizza ci
       messa come un commento in cima al file
      <filename>mailertable</filename>.
      Devi sempre eseguire quel comando ogni volta che modifichi il file
      <filename>mailertable</filename>.</para>

    <para>Ultimo suggerimento: se non sei sicuro che alcuni instradamenti di
      posta potrebbero funzionare, ricordati l'opzione <option>-bt</option>
      di <application>sendmail</application>.  Questa avvia
      <application>sendmail</application> in <emphasis>modalit test
        indirizzo</emphasis>; digita semplicemente <literal>3,0</literal>,
      seguito dall'indirizzo su cui vuoi verificare l'instradamento della posta.
      L'ultima riga ti informa quale agente di posta interno  stato
      utilizzato, quale host di destinazione questo agente contatter, e
      l'indirizzo (molto probabilmente tradotto).  Lascia questa modalit
      digitando <keycombo action="simul">
        <keycap>Ctrl</keycap>
        <keycap>D</keycap>
      </keycombo>.</para>

    <screen>&prompt.user; <userinput>sendmail -bt</userinput>
ADDRESS TEST MODE (ruleset 3 NOT automatically invoked)
Enter &lt;ruleset&gt; &lt;address&gt;
<prompt>&gt;</prompt> <userinput>3,0 foo@example.com</userinput>
canonify           input: foo @ example . com
...
parse            returns: $# uucp-dom $@ <replaceable>your.uucp.relay</replaceable> $: foo &lt; @ example . com . &gt;
<prompt>&gt;</prompt> <userinput>^D</userinput></screen>
  </sect1>

  <sect1 id="outgoing-only">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Bill</firstname>

          <surname>Moran</surname>

          <contrib>Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Configurazione del Sistema di Posta solo per l'Invio</title>

    <para>Esistono molti casi in cui vorresti avere la possibilit di
      inviare la posta attraverso un relay.  Alcuni esempi sono:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Il tuo computer  una macchina desktop, tuttavia vorresti
          essere in grado di usare programmi come &man.send-pr.1;.  Per fare
          ci, dovresti usare il relay di posta del tuo ISP.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Il computer  un server che non gestisce localmente la
          posta, ma demanda la gestione di tutta la posta ad un relay
          inoltrandola in modo opportuno.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <para>La maggior parte degli <acronym>MTA</acronym> sono in grado di
      soddisfare questa particolare richiesta.  Sfortunatamente, configurare
      in modo opportuno un <acronym>MTA</acronym> standard affinch
      permetta solo l'inoltro della posta pu essere un compito molto
      oneroso.  Usare applicazioni come <application>sendmail</application> e
      <application>postfix</application> per questo fine risulta spesso troppo
      eccessivo.</para>

    <para>Inoltre, alcuni servizi di accesso a Internet prevedono nel contratto
      l'impossibilit da parte del cliente di usare un <quote>server di
        posta</quote>.</para>

    <para>Il modo pi facile per colmare questa necessit 
      installare il port <filename role="package">mail/ssmtp</filename>.
      Esegui i seguenti comandi come <username>root</username>:</para>

    <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/ports/mail/ssmtp</userinput>
&prompt.root; <userinput>make install replace clean</userinput></screen>

    <para>Una volta installato, il port <filename
        role="package">mail/ssmtp</filename> pu essere configurato con
      quattro righe nel file
      <filename>/usr/local/etc/ssmtp/ssmtp.conf</filename>:</para>

    <programlisting>root=il_tuo_indirizzo_di_posta_reale
mailhub=mail.esempio.com
rewriteDomain=esempio.com
hostname=_HOSTNAME_</programlisting>

    <para>Assicurati di usare il tuo indirizzo di posta per la variabile
      <username>root</username>.  Inserisci il server di posta di inoltro del
      tuo ISP al posto di <hostid role="fqdn">mail.esempio.com</hostid> (alcuni
      ISP lo chiamano come il <quote>server di posta in uscita</quote> o il
      <quote>server SMTP</quote>).</para>

    <para>Assicurati di disabilitare <application>sendmail</application>,
      incluso il servizio di posta in uscita.  Guarda la
      <xref linkend="mail-disable-sendmail"/> per maggiori dettagli.</para>

    <para>Il port <filename role="package">mail/ssmtp</filename> ha altre
      opzioni disponibili.  Guarda il file di configurazione di esempio
      <filename>/usr/local/etc/ssmtp</filename> e la pagina man di
      <application>ssmtp</application> per alcuni esempi e maggiori
      informazioni.</para>

    <para>Configurando <application>ssmtp</application> in questo modo
      permetterai ai programmi sul tuo computer che necessitano di spedire posta
      di funzionare correttamente, senza violare le politiche del tuo ISP e
      senza permettere che il tuo computer sia utilizzato per l'inoltro di
      spam.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="SMTP-dialup">
    <title>Uso della Posta con una Connessione Dialup</title>

    <para>Se hai un indirizzo IP statico, non hai bisogno di adattare nulla alla
      configurazione di default.  Imposta come nome host il nome Internet che
      ti  stato assegnato e <application>sendmail</application>
      far il resto.</para>

    <para>Se hai un indirizzo IP assegnato in modo dinamico e usi una
      connessione PPP dialup per Internet, allora probabilmente avrai una
      casella di posta sul server di posta del tuo ISP.  Assumiamo che il
      dominio del tuo ISP sia <hostid role="domainname">example.net</hostid>,
      che il tuo nome utente sia <username>user</username>, che hai chiamato
      la tua macchina <hostid role="fqdn">bsd.home</hostid>, e che il tuo ISP
      ti ha detto che puoi usare <hostid
        role="fqdn">relay.example.net</hostid> come relay per la posta.</para>

    <para>Per ricevere la posta dalla tua casella, devi installare un agente
      di ricupero.  L'utility <application>fetchmail</application> 
      una buona scelta poich supporta diversi tipi di protocolli.
      Questo programma  disponibile come package o dalla collezione dei
      port (<filename role="package">mail/fetchmail</filename>).
      Di solito, il tuo <acronym>ISP</acronym> fornir
      <acronym>POP</acronym>.  Se stai usando <acronym>PPP</acronym> a livello
      utente, puoi prelevare automaticamente la tua posta quando viene stabilita
      una connessione a Internet mettendo la seguente riga in
      <filename>/etc/ppp/ppp.linkup</filename>:</para>

    <programlisting>MYADDR:
!bg su user -c fetchmail</programlisting>

    <para>Se stai usando <application>sendmail</application> (come mostrato
      sotto) per consegnare posta ad account non locali, probabilmente vorrai
      che <application>sendmail</application> processi la tua coda di posta
      non appena viene stabilita una connessione ad Internet.  Per far questo,
      metti il seguente comando dopo il comando <command>fetchmail</command> in
      <filename>/etc/ppp/ppp.linkup</filename>.</para>

    <programlisting>!bg su user -c "sendmail -q"</programlisting>

    <para>Assumiamo che tu abbia un account per <username>user</username> su
      <hostid role="fqdn">bsd.home</hostid>.  Nella directory home di
      <username>user</username> su <hostid role="fqdn">bsd.home</hostid>, crea
      il file <filename>.fetchmailrc</filename> cos composto:</para>

    <programlisting>poll example.net protocol pop3 fetchall pass MySecret</programlisting>

    <para>Questo file non dovrebbe essere leggibile da nessuno ad eccezione di
      <username>user</username> poich contiene la password
      <literal>MySecret</literal>.</para>

    <para>Per spedire la posta con il corretto header <literal>from:</literal>,
      devi indicare a <application>sendmail</application> di usare
      <email>user@example.net</email> piuttosto che
      <email role="nolink">user@bsd.home</email>.  Inoltre vorrai indicare a
      <application>sendmail</application> di spedire tutta la posta tramite
      <hostid role="fqdn">relay.example.net</hostid>, permettendo una veloce
      trasmissione della posta.</para>

    <para>Il seguente file <filename>.mc</filename> dovrebbe essere
      sufficiente:</para>

    <programlisting>VERSIONID(`bsd.home.mc version 1.0')
OSTYPE(bsd4.4)dnl
FEATURE(nouucp)dnl
MAILER(local)dnl
MAILER(smtp)dnl
Cwlocalhost
Cwbsd.home
MASQUERADE_AS(`example.net')dnl
FEATURE(allmasquerade)dnl
FEATURE(masquerade_envelope)dnl
FEATURE(nocanonify)dnl
FEATURE(nodns)dnl
define(`SMART_HOST', `relay.example.net')
Dmbsd.home
define(`confDOMAIN_NAME',`bsd.home')dnl
define(`confDELIVERY_MODE',`deferred')dnl</programlisting>

    <para>Fai riferimento alla precedente sezione per i dettagli su come
      trasformare questo file <filename>.mc</filename> nel file
      <filename>sendmail.cf</filename>.  Inoltre, non dimenticarti di riavviare
      <application>sendmail</application> dopo aver aggiornato il file
      <filename>sendmail.cf</filename>.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="SMTP-Auth">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>James</firstname>

          <surname>Gorham</surname>

          <contrib>Scritto da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Autenticazione SMTP</title>

    <para>Avere un'Autenticazione <acronym>SMTP</acronym> operativa sul tuo
      server di posta porta numerosi benefici.  L'Autenticazione
      <acronym>SMTP</acronym> aggiunge un ulteriore strato di sicurezza a
      <application>sendmail</application>, e ha il vantaggio di dare agli
      utenti mobili che cambiano host la possibilit di usare lo stesso
      server di posta senza avere la necessit di riconfigurare ogni
      volta i settaggi dei loro programmi client di posta.</para>

    <procedure>
      <step>
        <para>Installa dai port <filename
            role="package">security/cyrus-sasl2</filename>.  Puoi trovare questo
          port in <filename role="package">security/cyrus-sasl2</filename>.
          Il port <filename role="package">security/cyrus-sasl2</filename>
          ha diverse opzioni di compilazione.  Per il metodo di
          autenticazione SMTP che useremo, assicurati che l'opzione
          <option>LOGIN</option> non sia disabilitata.</para>
      </step>

      <step>
        <para>Dopo aver installato <filename
            role="package">security/cyrus-sasl2</filename>, edita
          <filename>/usr/local/lib/sasl2/Sendmail.conf</filename>
          (o crealo se non esiste) e aggiungi la seguente riga:</para>

        <programlisting>pwcheck_method: saslauthd</programlisting>
      </step>

      <step>
        <para>Quindi, installa <filename
            role="package">security/cyrus-sasl2-saslauthd</filename>,
          edita <filename>/etc/rc.conf</filename> aggiungendo la
          riga seguente:</para>

        <programlisting>saslauthd_enable="YES"</programlisting>

        <para>ed infine avvia il demone saslauthd:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/etc/rc.d/saslauthd start</userinput></screen>

        <para>Questo demone serve come mediatore con
          <application>sendmail</application> per autenticare gli utenti tramite
          il proprio database <filename>passwd</filename> di FreeBSD.  Questo
          procedimento evita di creare un nuovo set di nomi utenti e password
          per ogni utente che necessita di usare l'autenticazione
          <acronym>SMTP</acronym>, mantenendo la password di login uguale alla
          password di posta.</para>
      </step>

      <step>
        <para>Ora aggiungi le seguenti righe in
          <filename>/etc/make.conf</filename>:</para>

        <programlisting>SENDMAIL_CFLAGS=-I/usr/local/include/sasl -DSASL
SENDMAIL_LDFLAGS=-L/usr/local/lib
SENDMAIL_LDADD=-lsasl2</programlisting>

        <para>Queste righe daranno, in fase di compilazione di
          <application>sendmail</application>, le giuste opzioni di
          configurazione per linkare a <filename
            role="package">cyrus-sasl2</filename>.  Assicurati che <filename
            role="package">cyrus-sasl2</filename> sia installato prima di
          ricompilare <application>sendmail</application>.</para>
      </step>

      <step>
        <para>Ricompila <application>sendmail</application> eseguendo i
          seguenti comandi:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>cd /usr/src/lib/libsmutil</userinput>
&prompt.root; <userinput>make cleandir &amp;&amp; make obj &amp;&amp; make</userinput>
&prompt.root; <userinput>cd /usr/src/lib/libsm</userinput>
&prompt.root; <userinput>make cleandir &amp;&amp; make obj &amp;&amp; make</userinput>
&prompt.root; <userinput>cd /usr/src/usr.sbin/sendmail</userinput>
&prompt.root; <userinput>make cleandir &amp;&amp; make obj &amp;&amp; make &amp;&amp; make install</userinput></screen>

        <para>Se <filename>/usr/src</filename> non ha subito enormi cambiamenti
          e se le librerie condivise di cui si ha bisogno sono disponibili, la
          compilazione di <application>sendmail</application> non dovrebbe
          avere problemi.</para>
      </step>

      <step>
        <para>Dopo aver compilato e reinstallato
          <application>sendmail</application>, edita il tuo file
          <filename>/etc/mail/freebsd.mc</filename> (o qualunque altro file che
          usi come file <filename>.mc</filename>.  Molti amministratori
          preferiscono usare, per unicit, l'output di &man.hostname.1;
          come nome del file <filename>.mc</filename>).  Aggiungi le seguenti
          righe:</para>

        <programlisting>dnl set SASL options
TRUST_AUTH_MECH(`GSSAPI DIGEST-MD5 CRAM-MD5 LOGIN')dnl
define(`confAUTH_MECHANISMS', `GSSAPI DIGEST-MD5 CRAM-MD5 LOGIN')dnl</programlisting>

        <para>Queste opzioni configurano i vari metodi che
          <application>sendmail</application> ha a disposizione per autenticare
          gli utenti.  Se vuoi usare un metodo diverso da
          <application>pwcheck</application>, guarda la documentazione inclusa
          nel package.</para>
      </step>

      <step>
        <para>Per finire, esegui &man.make.1; in <filename>/etc/mail</filename>.
          Questo eseguir il tuo nuovo file <filename>.mc</filename> e
          creer un file <filename>.cf</filename> di nome
          <filename>freebsd.cf</filename> (o con il nome che hai usato per il
          file <filename>.mc</filename>).  Quindi esegui il comando
          <command>make install restart</command>, che copier il file in
          <filename>sendmail.cf</filename>, e riavvier correttamente
          <application>sendmail</application>.  Per maggiori informazioni su
          questa procedura, dovresti prendere come riferimento
          <filename>/etc/mail/Makefile</filename>.</para>
      </step>
    </procedure>

    <para>Se tutto  andato per il verso giusto, dovresti essere in grado
      di inviare un messaggio di prova dopo aver inserito le informazioni di
      login nel programma client di posta.  Per ulteriori indagini, setta il
      <option>LogLevel</option> di <application>sendmail</application> a 13 e
      guarda il file <filename>/var/log/maillog</filename> per eventuali
      errori.</para>

    <para>Per ulteriori informazioni, guarda la pagina riguardante <ulink
        url="http://www.sendmail.org/~ca/email/auth.html">l'autenticazione
        <acronym>SMTP</acronym></ulink> di
      <application>sendmail</application>.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-agents">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Marc</firstname>

          <surname>Silver</surname>

          <contrib>Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Mail User Agent</title>

    <indexterm>
      <primary>Mail User Agent</primary>
    </indexterm>

    <para>Un Mail User Agent (<acronym>MUA</acronym>)  un'applicazione
      che viene usata per inviare e ricevere la posta elettronica.  Man mano
      che la posta <quote>evolve</quote> e diventa pi complessa,
      gli <acronym>MUA</acronym> diventano sempre pi potenti nel modo
      in cui essi interagiscono con la posta elettronica; ci fornisce
      agli utenti maggiori funzionalit e flessibilit.
      &os; supporta svariati mail user agent, che possono essere facilmente
      installati usando la <link linkend="ports">FreeBSD Ports
        Collection</link>.  Gli utenti possono scegliere tra client di posta
      con un'interfaccia grafica come <application>evolution</application> o
      <application>balsa</application>, client basati sulla console come
      <application>mutt</application>, <application>pine</application>
      e <command>mail</command>, oppure interfacce web utilizzate da alcune
      grandi organizzazioni.</para>

    <sect2 id="mail-command">
      <title>mail</title>

      <para>&man.mail.1;  il Mail User Agent (<acronym>MUA</acronym>)
        di default su &os;.  Si tratta di un <acronym>MUA</acronym> basato sulla
        console che offre tutte le funzionalit di base richieste per
        inviare e ricevere messaggi di posta testuali, anche se 
        limitato nelle capacit di gestione degli allegati, e pu
        solo supportare caselle di posta locali.</para>

      <para>Sebbene <command>mail</command> non supporta in modo nativo
        interazioni con server <acronym>POP</acronym> o <acronym>IMAP</acronym>,
        queste caselle di posta possono essere scaricate nel file
        <filename>mbox</filename> locale usando un'applicazione come
        <application>fetchmail</application>, che verr discussa
        pi tardi in questo capitolo (<xref
        linkend="mail-fetchmail"/>).</para>

      <para>Al fine di inviare o ricevere la posta, invoca semplicemente il
        comando <command>mail</command> come nel seguente esempio:</para>

      <screen>&prompt.user; <userinput>mail</userinput></screen>

      <para>I contenuti delle caselle di posta degli utenti in
        <filename class="directory">/var/mail</filename> sono letti
        automaticamente dall'utility <command>mail</command>.  Se la casella
        di posta  vuota, l'utility esce con un messaggio che indica che
        non  stato trovato nessun messaggio di posta.  Una volta che
        la casella di posta  stata letta, viene avviata l'interfaccia
        dell'applicazione, e vengono visualizzati una lista di messaggi.
        I messaggi sono numerati in modo automatico, come nel seguente
        esempio:</para>

      <screen>Mail version 8.1 6/6/93.  Type ? for help.
"/var/mail/marcs": 3 messages 3 new
>N  1 root@localhost        Mon Mar  8 14:05  14/510   "test"
 N  2 root@localhost        Mon Mar  8 14:05  14/509   "user account"
 N  3 root@localhost        Mon Mar  8 14:05  14/509   "sample"</screen>

      <para>I messaggi possono ora essere letti usando il comando
        <keycap>t</keycap> di <command>mail</command>, seguito dal numero
        del messaggio che si vuole visualizzare.  In questo esempio, leggeremo
        il primo messaggio di posta:</para>

      <screen>&amp; <userinput>t 1</userinput>
Message 1:
From root@localhost  Mon Mar  8 14:05:52 2004
X-Original-To: marcs@localhost
Delivered-To: marcs@localhost
To: marcs@localhost
Subject: test
Date: Mon,  8 Mar 2004 14:05:52 +0200 (SAST)
From: root@localhost (Charlie Root)

Questo  un messaggio di prova, per favore rispondi se lo ricevi.</screen>

      <para>Come puoi vedere nell'esempio precedente, il tasto
        <keycap>t</keycap> visualizza il messaggio completo di tutte le sue
        intestazioni (header).  Per visualizzare ancora la lista dei messaggi,
        puoi usare il tasto <keycap>h</keycap>.</para>

      <para>Se il messaggio di posta richiede una replica, puoi usare
        <command>mail</command> per rispondere, usando il tasto
        <keycap>R</keycap> o <keycap>r</keycap> di <command>mail</command>.
        Il tasto <keycap>R</keycap> dice a <command>mail</command> di rispondere
        solamente al mittente del messaggio, mentre <keycap>r</keycap> replica
        non solo al mittente, ma anche agli altri eventuali destinatari del
        messaggio originario.  Puoi anche impartire quei comandi con un
        suffisso relativo al numero di messaggio per il quale intendi
        rispondere.  Fatto ci, inserisci la tua risposta, segnalando la
        fine del messaggio con un singolo punto (<keycap>.</keycap>) su una
        nuova linea.  Ecco un esempio:</para>

      <screen>&amp; <userinput>R 1</userinput>
To: root@localhost
Subject: Re: test

<userinput>Thank you, I did get your email.
.</userinput>
EOT</screen>

      <para>Per inviare un nuovo messaggio, puoi usare il tasto
        <keycap>m</keycap>, seguito dall'indirizzo di posta elettronica del
        destinatario.  Puoi specificare pi destinatari separando ogni
        indirizzo da una virgola (<keycap>,</keycap>).  Quindi si inserisce
        il soggetto del messaggio (il subject), seguito dal contenuto del
        messaggio stesso.  La fine del messaggio deve essere specificata da un
        singolo punto (<keycap>.</keycap>) su una nuova linea.</para>

      <screen>&amp; <userinput>mail root@localhost</userinput>
Subject: <userinput>Ho imparato ad usare mail

Ora posso inviare e ricevere posta usando mail ... :)
.</userinput>
EOT</screen>

      <para>Anche se in <command>mail</command>, il comando <keycap>?</keycap>
        pu essere usato per invocare l'help in linea, la pagina man
        &man.mail.1; dovrebbe essere consultata per ottenere maggiori
        informazioni.</para>

      <note>
        <para>Come menzionato in precedenza, il comando &man.mail.1; non
           stato originariamente progettato per gestire gli allegati, e
          quindi il supporto per essi  proprio misero.  Nuovi
          <acronym>MUA</acronym> come <application>mutt</application> gestiscono
          gli allegati in un modo pi intelligente.  Tuttavia se desideri
          comunque usare il comando <command>mail</command>, dovresti
          considerare l'uso del port <filename
            role="package">converters/mpack</filename>.</para>
      </note>
    </sect2>

    <sect2 id="mutt-command">
      <title>mutt</title>

      <para><application>mutt</application>  un Mail User Agent leggero
        ma molto potente, con caratteristiche eccellenti, alcune delle
        quali sono:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>Abilit nella gestione di thread di messaggi;</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Supporto PGP per la firma digitale e per criptare i messaggi di
            posta;</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Supporto al MIME;</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Supporto del formato Maildir;</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Altamente personalizzabile.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Tutte queste caratteristiche fanno di
        <application>mutt</application> uno dei maggiori user agent avanzati
        oggi disponibili.  Guarda <ulink url="http://www.mutt.org"></ulink> per
        maggiori informazioni su <application>mutt</application>.</para>

      <para>La versione stabile di <application>mutt</application> pu
        essere installata usando il port <filename
          role="package">mail/mutt</filename>, mentre la versione corrente
        di sviluppo pu essere installata tramite il port <filename
          role="package">mail/mutt-devel</filename>.  Una volta che il port
         stato installato, <application>mutt</application> pu
        essere avviato usando il seguente comando:</para>

      <screen>&prompt.user; <userinput>mutt</userinput></screen>

      <para><application>mutt</application> in modo automatico legge il
        contenuto della casella di posta dell'utente in <filename
          class="directory">/var/mail/</filename> e ne visualizza il contenuto.
        Se non ci sono messaggi nella casella di posta dell'utente, allora
        <application>mutt</application> si mette in attesa di comandi da parte
        dell'utente.  L'esempio qui sotto mostra <application>mutt</application>
        che visualizza una lista di messaggi:</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/mutt1"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para>Per leggere un messaggio, selezionalo usando i tasti cursore, e
        premi il tasto <keycap>Invio</keycap>.  Segue un esempio di come
        <application>mutt</application> visualizza un messaggio:</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/mutt2"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para>Come con il comando &man.mail.1;, <application>mutt</application>
        permette agli utenti di rispondere al solo mittente del messaggio come
        pure a tutti i suoi destinatari.  Per rispondere solo al mittente
        del messaggio, usa il tasto <keycap>r</keycap>.  Per inviare una
        risposta di gruppo, che invier la risposta sia al mittente
        originario sia a tutti i destinatari del messaggio, usa il tasto
        <keycap>g</keycap>.</para>

      <note>
        <para><application>mutt</application> si serve del comando &man.vi.1;
          come editor per la creazione o risposta dei messaggi di posta
          elettronica.  Il tipo di editor pu essere personalizzato
          dall'utente creando o editando il proprio file di configurazione
          <filename>.muttrc</filename> nella propria directory home e settando
          in modo opportuno la variabile <literal>editor</literal> o
          impostando la variabile di ambiente <envar>EDITOR</envar>.
          Guarda <ulink url="http://www.mutt.org/"></ulink> per
          ulteriori informazioni sulla configurazione di
          <application>mutt</application>.</para>
      </note>

      <para>Per comporre un nuovo messaggio, premi il tasto <keycap>m</keycap>.
        Dopo aver digitato un valido soggetto, <application>mutt</application>
        avvier &man.vi.1; con il quale comporre il corpo del messaggio.
        Fatto ci, salvando e uscendo da <command>vi</command>,
        <application>mutt</application> visualizzar una schermata
        riassuntiva del messaggio che sta per essere consegnato.  Per inviare il
        messaggio, premi il tasto <keycap>y</keycap>.  Segue un esempio di una
        schermata riassuntiva di un messaggio:</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/mutt3"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para><application>mutt</application> contiene un ottimo help in linea,
        che pu essere accessibile nella maggior parte dei men
        digitando il tasto <keycap>?</keycap>.  Inoltre, in alcuni casi, nella
        parte superiore delle finestra vengono elencati i tasti funzioni
        principali.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="pine-command">
      <title>pine</title>

      <para><application>pine</application>  rivolto agli utenti novizi,
        tuttavia include alcune caratteristiche avanzate.</para>

      <warning>
        <para>Il software <application>pine</application> ha avuto svariate
          vulnerabilit remote scoperte in passato, che permettevano ad
          attaccanti remoti di eseguire del codice arbitrario come se fossero
          degli utenti locali del sistema, tramite l'invio di un messaggio di
          posta preparato ad doc.  Tutti questi <emphasis>noti</emphasis>
          problemi sono stati rattoppati, ma il codice di
          <application>pine</application>  stato scritto in un modo
          insicuro e il Servizio di Sicurezza di &os; crede che probabilmente
          esistono altre vulnerabilit non ancora scoperte o divulgate.
          Installa <application>pine</application> a tuo rischio e
          pericolo.</para>
      </warning>

      <para>L'attuale versione di <application>pine</application> pu
        essere installata usando il port <filename
          role="package">mail/pine4</filename>.  Una volta che il port 
        stato installato, <application>pine</application> pu essere
        avviato con il comando seguente:</para>

      <screen>&prompt.user; <userinput>pine</userinput></screen>

      <para>La prima volta che <application>pine</application> viene avviato
        viene visualizza una pagina di presentazione con una breve introduzione,
        e un sollecito del team di sviluppo di <application>pine</application>
        ad inviare un messaggio anonimo che permette di constatare quanti sono
        gli utenti che usano la loro applicazione.  Per inviare questo messaggio
        anonimo, premi <keycap>Invio</keycap>, oppure premi il tasto
        <keycap>E</keycap> per uscire dalla presentazione senza inviare il
        messaggio anonimo.  Ecco un esempio della pagina di
        presentazione:</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/pine1"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para>All'utente viene quindi presentato il men principale, che
        pu essere facilmente esplorato con i tasti cursore.  Questo
        men principale fornisce le scorciatoie per comporre nuovi
        messaggi di posta, per esplorare le directory di posta e perfino per
        amministrare l'agenda degli indirizzi.  Sotto al men
        principale, sono mostrati i tasti funzione utili per realizzare azioni
        specifiche, attinenti all'attuale contesto d'uso.</para>

      <para>La directory di default aperta da <application>pine</application>
         <filename class="directory">inbox</filename>.  Per visualizzare
        l'indice dei messaggi, premi il tasto <keycap>I</keycap>, o seleziona
        l'opzione <guimenuitem>MESSAGE INDEX</guimenuitem> come da
        esempio:</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/pine2"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para>L'indice dei messaggi mostra i messaggi nella directory corrente,
        e pu essere esplorato con i tasti cursore.  I messaggi
        selezionati possono essere letti premendo il tasto
        <keycap>Invio</keycap>.</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/pine3"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para>Nello screenshot seguente, viene visualizzato un semplice messaggio
        in <application>pine</application>.  I tasti funzione sono visualizzati
        come riferimento nella parte superiore della finestra.  Un esempio di
        uno di questi tasti funzioni  il tasto <keycap>r</keycap>,
        che dice al <acronym>MUA</acronym> di rispondere al messaggio
        attualmente visualizzato.</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/pine4"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para>In <application>pine</application> la risposta ad un messaggio viene
        realizzata con l'editor <application>pico</application>, che 
        installato di default con <application>pine</application>.  L'utility
        <application>pico</application> permette una semplice esplorazione del
        messaggio ed  pi permissivo con i nuovi utenti rispetto
        a &man.vi.1; o &man.mail.1;.  Una volta completata la risposta, il
        messaggio pu essere inviato con <keycombo
          action="simul"><keycap>Ctrl</keycap><keycap>X</keycap></keycombo>.
        L'applicazione <application>pine</application> chieder una
        conferma.</para>

      <mediaobject>
        <imageobject>
          <imagedata fileref="mail/pine5"/>
        </imageobject>
      </mediaobject>

      <para><application>pine</application> pu essere personalizzato
        usando l'opzione <guimenuitem>SETUP</guimenuitem> del men
        principale.  Consulta <ulink
          url="http://www.washington.edu/pine/"></ulink> per maggiori
        informazioni.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-fetchmail">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Marc</firstname>

          <surname>Silver</surname>

          <contrib>Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Usare fetchmail</title>

    <indexterm><primary>fetchmail</primary></indexterm>

    <para><application>fetchmail</application>  un client
      <acronym>IMAP</acronym> e <acronym>POP</acronym> super attrezzato che
      da la possibilit agli utenti di scaricare automaticamente la posta
      da server remoti <acronym>IMAP</acronym> e <acronym>POP</acronym> e di
      salvarla nelle proprie caselle di posta locali; in questo modo la posta
       pi accessibile.  <application>fetchmail</application>
      pu essere installato usando il port <filename
        role="package">mail/fetchmail</filename>, e offre diverse
      caratteristiche, alcune delle quali sono:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Supporto dei protocolli <acronym>POP3</acronym>,
          <acronym>APOP</acronym>, <acronym>KPOP</acronym>,
          <acronym>IMAP</acronym>, <acronym>ETRN</acronym> e
          <acronym>ODMR</acronym>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Capacit di inoltrare la posta usando
          <acronym>SMTP</acronym>, permettendo di filtrare, inoltrare, e usare
          la funzionalit alias come di consueto.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Pu essere eseguito in modalit demone per
          verificare in modo periodico la presenza di nuovi messaggi.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Pu recuperare pi caselle di posta e inoltrare
          i relativi messaggi a diversi utenti locali, a seconda della sua
          configurazione.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <para>Bench la spiegazione di tutte le caratteristiche di
      <application>fetchmail</application> vada oltre lo scopo di questo
      documento, verranno presentate alcune funzionalit di base.
      <application>fetchmail</application> richiede un file di configurazione
      <filename>.fetchmailrc</filename>, al fine di poter essere avviato in modo
      corretto.  Questo file include informazioni sui server come pure le
      credenziali per il login.  Data la natura sensibile del contenuto di
      questo file,  consigliabile renderlo accessibile in sola lettura
      dal proprietario, usando il seguente comando:</para>

    <screen>&prompt.user; <userinput>chmod 600 .fetchmailrc</userinput></screen>

    <para>La seguente configurazione di <filename>.fetchmailrc</filename> serve
      come esempio per scaricare una singola casella di posta usando
      <acronym>POP</acronym>.  Essa indica a
      <application>fetchmail</application> di connettersi a <hostid
        role="fqdn">example.com</hostid> usando come nome utente
      <username>joesoap</username> e come password <literal>XXX</literal>.
      Questo esempio assume che l'utente <username>joesoap</username> 
      anche un utente del sistema locale.</para>

    <programlisting>poll example.com protocol pop3 username "joesoap" password "XXX"</programlisting>

    <para>Il prossimo esempio si connette a pi server
      <acronym>POP</acronym> e <acronym>IMAP</acronym> e redirige i vari
      messaggi a diversi nomi utenti locali quando necessario:</para>

    <programlisting>poll example.com proto pop3:
user "joesoap", with password "XXX", is "jsoap" here;
user "andrea", with password "XXXX";
poll example2.net proto imap:
user "john", with password "XXXXX", is "myth" here;</programlisting>

    <para>L'utility <application>fetchmail</application> pu essere
      eseguita in modalit demone con l'opzione <option>-d</option>,
      seguita da un intervallo (in secondi) in base al quale
      <application>fetchmail</application> sonder i server elencati nel
      file <filename>.fetchmailrc</filename>.  Il seguente esempio indica a
      <application>fetchmail</application> di sondare i server ogni 600
      secondi:</para>

    <screen>&prompt.user; <userinput>fetchmail -d 600</userinput></screen>

    <para>Maggiori informazioni su <application>fetchmail</application> possono
      essere trovate all'indirizzo <ulink
        url="http://fetchmail.berlios.de/"></ulink>.</para>
  </sect1>

  <sect1 id="mail-procmail">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Marc</firstname>

          <surname>Silver</surname>

          <contrib>Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Usare procmail</title>

    <indexterm><primary>procmail</primary></indexterm>

    <para>L'utility <application>procmail</application>  un'applicazione
      molto potente usata per filtrare la posta in ingresso.  Permette agli
      utenti di definire delle <quote>regole</quote> che sono confrontate con la
      posta in ingresso per realizzare funzioni specifiche o per inoltrare la
      posta ad una casella di posta alternativa e/o ad altri indirizzi di posta.
      <application>procmail</application> pu essere installato usando
      il port <filename role="package">mail/procmail</filename>.  Una volta
      installato, pu essere integrato direttamente nella maggior parte
      degli <acronym>MTA</acronym>; consulta la documentazione del tuo
      <acronym>MTA</acronym> per maggiori informazioni.  Altrimenti,
      <application>procmail</application> pu essere integrato
      aggiungendo la seguente linea nel file <filename>.forward</filename> nella
      home directory dell'utente, potendo cos utilizzare le
      funzionalit di <application>procmail</application>:</para>

    <programlisting>"|exec /usr/local/bin/procmail || exit 75"</programlisting>

    <para>La seguente sezione mostra alcune regole base di
      <application>procmail</application>, cos come una breve
      descrizione di ci che fanno.  Queste ed eventualmente altre
      regole, devono essere inserite nel file <filename>.procmailrc</filename>,
      posto nella home directory dell'utente.</para>

    <para>La maggior parte di queste regole possono essere trovate anche nella
      pagina man di &man.procmailex.5;.</para>

    <para>Per inoltrare la posta inviata da <email>user@example.com</email>
      all'indirizzo di posta <email
        role="nolink">goodmail@example2.com</email>:</para>

    <programlisting>:0
* ^From.*user@example.com
! goodmail@example2.com</programlisting>

    <para>Per inoltrare tutti i messaggi di posta con dimensioni inferiori a
      1000 bytes verso l'indirizzo di posta esterno
      <email role="nolink">goodmail@example2.com</email>:</para>

    <programlisting>:0
* &lt; 1000
! goodmail@example2.com</programlisting>

    <para>Per inoltrare tutta la posta inviata a
      <email>alternate@example.com</email> in una casella di posta chiamata
      <filename>alternate</filename>:</para>

    <programlisting>:0
* ^TOalternate@example.com
alternate</programlisting>

    <para>Per inviare tutti messaggi di posta con soggetto <quote>Spam</quote>
      in <filename>/dev/null</filename>:</para>

    <programlisting>:0
^Subject:.*Spam
/dev/null</programlisting>

    <para>Ecco una ricetta utile che analizza i messaggi di posta in ingresso
      delle liste di <hostid role="domainname">&os;.org</hostid> e li posiziona
      in base alla lista in una opportuna casella di posta:</para>

    <programlisting>:0
* ^Sender:.owner-freebsd-\/[^@]+@FreeBSD.ORG
{
  LISTNAME=${MATCH}
  :0
  * LISTNAME??^\/[^@]+
  FreeBSD-${MATCH}
}</programlisting>
  </sect1>
</chapter>