aboutsummaryrefslogtreecommitdiff
path: root/it_IT.ISO8859-15/books/handbook/network-servers/chapter.xml
blob: b5763842a98905e64c9c15a3dfd516063d32176b (plain) (blame)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
418
419
420
421
422
423
424
425
426
427
428
429
430
431
432
433
434
435
436
437
438
439
440
441
442
443
444
445
446
447
448
449
450
451
452
453
454
455
456
457
458
459
460
461
462
463
464
465
466
467
468
469
470
471
472
473
474
475
476
477
478
479
480
481
482
483
484
485
486
487
488
489
490
491
492
493
494
495
496
497
498
499
500
501
502
503
504
505
506
507
508
509
510
511
512
513
514
515
516
517
518
519
520
521
522
523
524
525
526
527
528
529
530
531
532
533
534
535
536
537
538
539
540
541
542
543
544
545
546
547
548
549
550
551
552
553
554
555
556
557
558
559
560
561
562
563
564
565
566
567
568
569
570
571
572
573
574
575
576
577
578
579
580
581
582
583
584
585
586
587
588
589
590
591
592
593
594
595
596
597
598
599
600
601
602
603
604
605
606
607
608
609
610
611
612
613
614
615
616
617
618
619
620
621
622
623
624
625
626
627
628
629
630
631
632
633
634
635
636
637
638
639
640
641
642
643
644
645
646
647
648
649
650
651
652
653
654
655
656
657
658
659
660
661
662
663
664
665
666
667
668
669
670
671
672
673
674
675
676
677
678
679
680
681
682
683
684
685
686
687
688
689
690
691
692
693
694
695
696
697
698
699
700
701
702
703
704
705
706
707
708
709
710
711
712
713
714
715
716
717
718
719
720
721
722
723
724
725
726
727
728
729
730
731
732
733
734
735
736
737
738
739
740
741
742
743
744
745
746
747
748
749
750
751
752
753
754
755
756
757
758
759
760
761
762
763
764
765
766
767
768
769
770
771
772
773
774
775
776
777
778
779
780
781
782
783
784
785
786
787
788
789
790
791
792
793
794
795
796
797
798
799
800
801
802
803
804
805
806
807
808
809
810
811
812
813
814
815
816
817
818
819
820
821
822
823
824
825
826
827
828
829
830
831
832
833
834
835
836
837
838
839
840
841
842
843
844
845
846
847
848
849
850
851
852
853
854
855
856
857
858
859
860
861
862
863
864
865
866
867
868
869
870
871
872
873
874
875
876
877
878
879
880
881
882
883
884
885
886
887
888
889
890
891
892
893
894
895
896
897
898
899
900
901
902
903
904
905
906
907
908
909
910
911
912
913
914
915
916
917
918
919
920
921
922
923
924
925
926
927
928
929
930
931
932
933
934
935
936
937
938
939
940
941
942
943
944
945
946
947
948
949
950
951
952
953
954
955
956
957
958
959
960
961
962
963
964
965
966
967
968
969
970
971
972
973
974
975
976
977
978
979
980
981
982
983
984
985
986
987
988
989
990
991
992
993
994
995
996
997
998
999
1000
1001
1002
1003
1004
1005
1006
1007
1008
1009
1010
1011
1012
1013
1014
1015
1016
1017
1018
1019
1020
1021
1022
1023
1024
1025
1026
1027
1028
1029
1030
1031
1032
1033
1034
1035
1036
1037
1038
1039
1040
1041
1042
1043
1044
1045
1046
1047
1048
1049
1050
1051
1052
1053
1054
1055
1056
1057
1058
1059
1060
1061
1062
1063
1064
1065
1066
1067
1068
1069
1070
1071
1072
1073
1074
1075
1076
1077
1078
1079
1080
1081
1082
1083
1084
1085
1086
1087
1088
1089
1090
1091
1092
1093
1094
1095
1096
1097
1098
1099
1100
1101
1102
1103
1104
1105
1106
1107
1108
1109
1110
1111
1112
1113
1114
1115
1116
1117
1118
1119
1120
1121
1122
1123
1124
1125
1126
1127
1128
1129
1130
1131
1132
1133
1134
1135
1136
1137
1138
1139
1140
1141
1142
1143
1144
1145
1146
1147
1148
1149
1150
1151
1152
1153
1154
1155
1156
1157
1158
1159
1160
1161
1162
1163
1164
1165
1166
1167
1168
1169
1170
1171
1172
1173
1174
1175
1176
1177
1178
1179
1180
1181
1182
1183
1184
1185
1186
1187
1188
1189
1190
1191
1192
1193
1194
1195
1196
1197
1198
1199
1200
1201
1202
1203
1204
1205
1206
1207
1208
1209
1210
1211
1212
1213
1214
1215
1216
1217
1218
1219
1220
1221
1222
1223
1224
1225
1226
1227
1228
1229
1230
1231
1232
1233
1234
1235
1236
1237
1238
1239
1240
1241
1242
1243
1244
1245
1246
1247
1248
1249
1250
1251
1252
1253
1254
1255
1256
1257
1258
1259
1260
1261
1262
1263
1264
1265
1266
1267
1268
1269
1270
1271
1272
1273
1274
1275
1276
1277
1278
1279
1280
1281
1282
1283
1284
1285
1286
1287
1288
1289
1290
1291
1292
1293
1294
1295
1296
1297
1298
1299
1300
1301
1302
1303
1304
1305
1306
1307
1308
1309
1310
1311
1312
1313
1314
1315
1316
1317
1318
1319
1320
1321
1322
1323
1324
1325
1326
1327
1328
1329
1330
1331
1332
1333
1334
1335
1336
1337
1338
1339
1340
1341
1342
1343
1344
1345
1346
1347
1348
1349
1350
1351
1352
1353
1354
1355
1356
1357
1358
1359
1360
1361
1362
1363
1364
1365
1366
1367
1368
1369
1370
1371
1372
1373
1374
1375
1376
1377
1378
1379
1380
1381
1382
1383
1384
1385
1386
1387
1388
1389
1390
1391
1392
1393
1394
1395
1396
1397
1398
1399
1400
1401
1402
1403
1404
1405
1406
1407
1408
1409
1410
1411
1412
1413
1414
1415
1416
1417
1418
1419
1420
1421
1422
1423
1424
1425
1426
1427
1428
1429
1430
1431
1432
1433
1434
1435
1436
1437
1438
1439
1440
1441
1442
1443
1444
1445
1446
1447
1448
1449
1450
1451
1452
1453
1454
1455
1456
1457
1458
1459
1460
1461
1462
1463
1464
1465
1466
1467
1468
1469
1470
1471
1472
1473
1474
1475
1476
1477
1478
1479
1480
1481
1482
1483
1484
1485
1486
1487
1488
1489
1490
1491
1492
1493
1494
1495
1496
1497
1498
1499
1500
1501
1502
1503
1504
1505
1506
1507
1508
1509
1510
1511
1512
1513
1514
1515
1516
1517
1518
1519
1520
1521
1522
1523
1524
1525
1526
1527
1528
1529
1530
1531
1532
1533
1534
1535
1536
1537
1538
1539
1540
1541
1542
1543
1544
1545
1546
1547
1548
1549
1550
1551
1552
1553
1554
1555
1556
1557
1558
1559
1560
1561
1562
1563
1564
1565
1566
1567
1568
1569
1570
1571
1572
1573
1574
1575
1576
1577
1578
1579
1580
1581
1582
1583
1584
1585
1586
1587
1588
1589
1590
1591
1592
1593
1594
1595
1596
1597
1598
1599
1600
1601
1602
1603
1604
1605
1606
1607
1608
1609
1610
1611
1612
1613
1614
1615
1616
1617
1618
1619
1620
1621
1622
1623
1624
1625
1626
1627
1628
1629
1630
1631
1632
1633
1634
1635
1636
1637
1638
1639
1640
1641
1642
1643
1644
1645
1646
1647
1648
1649
1650
1651
1652
1653
1654
1655
1656
1657
1658
1659
1660
1661
1662
1663
1664
1665
1666
1667
1668
1669
1670
1671
1672
1673
1674
1675
1676
1677
1678
1679
1680
1681
1682
1683
1684
1685
1686
1687
1688
1689
1690
1691
1692
1693
1694
1695
1696
1697
1698
1699
1700
1701
1702
1703
1704
1705
1706
1707
1708
1709
1710
1711
1712
1713
1714
1715
1716
1717
1718
1719
1720
1721
1722
1723
1724
1725
1726
1727
1728
1729
1730
1731
1732
1733
1734
1735
1736
1737
1738
1739
1740
1741
1742
1743
1744
1745
1746
1747
1748
1749
1750
1751
1752
1753
1754
1755
1756
1757
1758
1759
1760
1761
1762
1763
1764
1765
1766
1767
1768
1769
1770
1771
1772
1773
1774
1775
1776
1777
1778
1779
1780
1781
1782
1783
1784
1785
1786
1787
1788
1789
1790
1791
1792
1793
1794
1795
1796
1797
1798
1799
1800
1801
1802
1803
1804
1805
1806
1807
1808
1809
1810
1811
1812
1813
1814
1815
1816
1817
1818
1819
1820
1821
1822
1823
1824
1825
1826
1827
1828
1829
1830
1831
1832
1833
1834
1835
1836
1837
1838
1839
1840
1841
1842
1843
1844
1845
1846
1847
1848
1849
1850
1851
1852
1853
1854
1855
1856
1857
1858
1859
1860
1861
1862
1863
1864
1865
1866
1867
1868
1869
1870
1871
1872
1873
1874
1875
1876
1877
1878
1879
1880
1881
1882
1883
1884
1885
1886
1887
1888
1889
1890
1891
1892
1893
1894
1895
1896
1897
1898
1899
1900
1901
1902
1903
1904
1905
1906
1907
1908
1909
1910
1911
1912
1913
1914
1915
1916
1917
1918
1919
1920
1921
1922
1923
1924
1925
1926
1927
1928
1929
1930
1931
1932
1933
1934
1935
1936
1937
1938
1939
1940
1941
1942
1943
1944
1945
1946
1947
1948
1949
1950
1951
1952
1953
1954
1955
1956
1957
1958
1959
1960
1961
1962
1963
1964
1965
1966
1967
1968
1969
1970
1971
1972
1973
1974
1975
1976
1977
1978
1979
1980
1981
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1989
1990
1991
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
2018
2019
2020
2021
2022
2023
2024
2025
2026
2027
2028
2029
2030
2031
2032
2033
2034
2035
2036
2037
2038
2039
2040
2041
2042
2043
2044
2045
2046
2047
2048
2049
2050
2051
2052
2053
2054
2055
2056
2057
2058
2059
2060
2061
2062
2063
2064
2065
2066
2067
2068
2069
2070
2071
2072
2073
2074
2075
2076
2077
2078
2079
2080
2081
2082
2083
2084
2085
2086
2087
2088
2089
2090
2091
2092
2093
2094
2095
2096
2097
2098
2099
2100
2101
2102
2103
2104
2105
2106
2107
2108
2109
2110
2111
2112
2113
2114
2115
2116
2117
2118
2119
2120
2121
2122
2123
2124
2125
2126
2127
2128
2129
2130
2131
2132
2133
2134
2135
2136
2137
2138
2139
2140
2141
2142
2143
2144
2145
2146
2147
2148
2149
2150
2151
2152
2153
2154
2155
2156
2157
2158
2159
2160
2161
2162
2163
2164
2165
2166
2167
2168
2169
2170
2171
2172
2173
2174
2175
2176
2177
2178
2179
2180
2181
2182
2183
2184
2185
2186
2187
2188
2189
2190
2191
2192
2193
2194
2195
2196
2197
2198
2199
2200
2201
2202
2203
2204
2205
2206
2207
2208
2209
2210
2211
2212
2213
2214
2215
2216
2217
2218
2219
2220
2221
2222
2223
2224
2225
2226
2227
2228
2229
2230
2231
2232
2233
2234
2235
2236
2237
2238
2239
2240
2241
2242
2243
2244
2245
2246
2247
2248
2249
2250
2251
2252
2253
2254
2255
2256
2257
2258
2259
2260
2261
2262
2263
2264
2265
2266
2267
2268
2269
2270
2271
2272
2273
2274
2275
2276
2277
2278
2279
2280
2281
2282
2283
2284
2285
2286
2287
2288
2289
2290
2291
2292
2293
2294
2295
2296
2297
2298
2299
2300
2301
2302
2303
2304
2305
2306
2307
2308
2309
2310
2311
2312
2313
2314
2315
2316
2317
2318
2319
2320
2321
2322
2323
2324
2325
2326
2327
2328
2329
2330
2331
2332
2333
2334
2335
2336
2337
2338
2339
2340
2341
2342
2343
2344
2345
2346
2347
2348
2349
2350
2351
2352
2353
2354
2355
2356
2357
2358
2359
2360
2361
2362
2363
2364
2365
2366
2367
2368
2369
2370
2371
2372
2373
2374
2375
2376
2377
2378
2379
2380
2381
2382
2383
2384
2385
2386
2387
2388
2389
2390
2391
2392
2393
2394
2395
2396
2397
2398
2399
2400
2401
2402
2403
2404
2405
2406
2407
2408
2409
2410
2411
2412
2413
2414
2415
2416
2417
2418
2419
2420
2421
2422
2423
2424
2425
2426
2427
2428
2429
2430
2431
2432
2433
2434
2435
2436
2437
2438
2439
2440
2441
2442
2443
2444
2445
2446
2447
2448
2449
2450
2451
2452
2453
2454
2455
2456
2457
2458
2459
2460
2461
2462
2463
2464
2465
2466
2467
2468
2469
2470
2471
2472
2473
2474
2475
2476
2477
2478
2479
2480
2481
2482
2483
2484
2485
2486
2487
2488
2489
2490
2491
2492
2493
2494
2495
2496
2497
2498
2499
2500
2501
2502
2503
2504
2505
2506
2507
2508
2509
2510
2511
2512
2513
2514
2515
2516
2517
2518
2519
2520
2521
2522
2523
2524
2525
2526
2527
2528
2529
2530
2531
2532
2533
2534
2535
2536
2537
2538
2539
2540
2541
2542
2543
2544
2545
2546
2547
2548
2549
2550
2551
2552
2553
2554
2555
2556
2557
2558
2559
2560
2561
2562
2563
2564
2565
2566
2567
2568
2569
2570
2571
2572
2573
2574
2575
2576
2577
2578
2579
2580
2581
2582
2583
2584
2585
2586
2587
2588
2589
2590
2591
2592
2593
2594
2595
2596
2597
2598
2599
2600
2601
2602
2603
2604
2605
2606
2607
2608
2609
2610
2611
2612
2613
2614
2615
2616
2617
2618
2619
2620
2621
2622
2623
2624
2625
2626
2627
2628
2629
2630
2631
2632
2633
2634
2635
2636
2637
2638
2639
2640
2641
2642
2643
2644
2645
2646
2647
2648
2649
2650
2651
2652
2653
2654
2655
2656
2657
2658
2659
2660
2661
2662
2663
2664
2665
2666
2667
2668
2669
2670
2671
2672
2673
2674
2675
2676
2677
2678
2679
2680
2681
2682
2683
2684
2685
2686
2687
2688
2689
2690
2691
2692
2693
2694
2695
2696
2697
2698
2699
2700
2701
2702
2703
2704
2705
2706
2707
2708
2709
2710
2711
2712
2713
2714
2715
2716
2717
2718
2719
2720
2721
2722
2723
2724
2725
2726
2727
2728
2729
2730
2731
2732
2733
2734
2735
2736
2737
2738
2739
2740
2741
2742
2743
2744
2745
2746
2747
2748
2749
2750
2751
2752
2753
2754
2755
2756
2757
2758
2759
2760
2761
2762
2763
2764
2765
2766
2767
2768
2769
2770
2771
2772
2773
2774
2775
2776
2777
2778
2779
2780
2781
2782
2783
2784
2785
2786
2787
2788
2789
2790
2791
2792
2793
2794
2795
2796
2797
2798
2799
2800
2801
2802
2803
2804
2805
2806
2807
2808
2809
2810
2811
2812
2813
2814
2815
2816
2817
2818
2819
2820
2821
2822
2823
2824
2825
2826
2827
2828
2829
2830
2831
2832
2833
2834
2835
2836
2837
2838
2839
2840
2841
2842
2843
2844
2845
2846
2847
2848
2849
2850
2851
2852
2853
2854
2855
2856
2857
2858
2859
2860
2861
2862
2863
2864
2865
2866
2867
2868
2869
2870
2871
2872
2873
2874
2875
2876
2877
2878
2879
2880
2881
2882
2883
2884
2885
2886
2887
2888
2889
2890
2891
2892
2893
2894
2895
2896
2897
2898
2899
2900
2901
2902
2903
2904
2905
2906
2907
2908
2909
2910
2911
2912
2913
2914
2915
2916
2917
2918
2919
2920
2921
2922
2923
2924
2925
2926
2927
2928
2929
2930
2931
2932
2933
2934
2935
2936
2937
2938
2939
2940
2941
2942
2943
2944
2945
2946
2947
2948
2949
2950
2951
2952
2953
2954
2955
2956
2957
2958
2959
2960
2961
2962
2963
2964
2965
2966
2967
2968
2969
2970
2971
2972
2973
2974
2975
2976
2977
2978
2979
2980
2981
2982
2983
2984
2985
2986
2987
2988
2989
2990
2991
2992
2993
2994
2995
2996
2997
2998
2999
3000
3001
3002
3003
3004
3005
3006
3007
3008
3009
3010
3011
3012
3013
3014
3015
3016
3017
3018
3019
3020
3021
3022
3023
3024
3025
3026
3027
3028
3029
3030
3031
3032
3033
3034
3035
3036
3037
3038
3039
3040
3041
3042
3043
3044
3045
3046
3047
3048
3049
3050
3051
3052
3053
3054
3055
3056
3057
3058
3059
3060
3061
3062
3063
3064
3065
3066
3067
3068
3069
3070
3071
3072
3073
3074
3075
3076
3077
3078
3079
3080
3081
3082
3083
3084
3085
3086
3087
3088
3089
3090
3091
3092
3093
3094
3095
3096
3097
3098
3099
3100
3101
3102
3103
3104
3105
3106
3107
3108
3109
3110
3111
3112
3113
3114
3115
3116
3117
3118
3119
3120
3121
3122
3123
3124
3125
3126
3127
3128
3129
3130
3131
3132
3133
3134
3135
3136
3137
3138
3139
3140
3141
3142
3143
3144
3145
3146
3147
3148
3149
3150
3151
3152
3153
3154
3155
3156
3157
3158
3159
3160
3161
3162
3163
3164
3165
3166
3167
3168
3169
3170
3171
3172
3173
3174
3175
3176
3177
3178
3179
3180
3181
3182
3183
3184
3185
3186
3187
3188
3189
3190
3191
3192
3193
3194
3195
3196
3197
3198
3199
3200
3201
3202
3203
3204
3205
3206
3207
3208
3209
3210
3211
3212
3213
3214
3215
3216
3217
3218
3219
3220
3221
3222
3223
3224
3225
3226
3227
3228
3229
3230
3231
3232
3233
3234
3235
3236
3237
3238
3239
3240
3241
3242
3243
3244
3245
3246
3247
3248
3249
3250
3251
3252
3253
3254
3255
3256
3257
3258
3259
3260
3261
3262
3263
3264
3265
3266
3267
3268
3269
3270
3271
3272
3273
3274
3275
3276
3277
3278
3279
3280
3281
3282
3283
3284
3285
3286
3287
3288
3289
3290
3291
3292
3293
3294
3295
3296
3297
3298
3299
3300
3301
3302
3303
3304
3305
3306
3307
3308
3309
3310
3311
3312
3313
3314
3315
3316
3317
3318
3319
3320
3321
3322
3323
3324
3325
3326
3327
3328
3329
3330
3331
3332
3333
3334
3335
3336
3337
3338
3339
3340
3341
3342
3343
3344
3345
3346
3347
3348
3349
3350
3351
3352
3353
3354
3355
3356
3357
3358
3359
3360
3361
3362
3363
3364
3365
3366
3367
3368
3369
3370
3371
3372
3373
3374
3375
3376
3377
3378
3379
3380
3381
3382
3383
3384
3385
3386
3387
3388
3389
3390
3391
3392
3393
3394
3395
3396
3397
3398
3399
3400
3401
3402
3403
3404
3405
3406
3407
3408
3409
3410
3411
3412
3413
3414
3415
3416
3417
3418
3419
3420
3421
3422
3423
3424
3425
3426
3427
3428
3429
3430
3431
3432
3433
3434
3435
3436
3437
3438
3439
3440
3441
3442
3443
3444
3445
3446
3447
3448
3449
3450
3451
3452
3453
3454
3455
3456
3457
3458
3459
3460
3461
3462
3463
3464
3465
3466
3467
3468
3469
3470
3471
3472
3473
3474
3475
3476
3477
3478
3479
3480
3481
3482
3483
3484
3485
3486
3487
3488
3489
3490
3491
3492
3493
3494
3495
3496
3497
3498
3499
3500
3501
3502
3503
3504
3505
3506
3507
3508
3509
3510
3511
3512
3513
3514
3515
3516
3517
3518
3519
3520
3521
3522
3523
3524
3525
3526
3527
3528
3529
3530
3531
3532
3533
3534
3535
3536
3537
3538
3539
3540
3541
3542
3543
3544
3545
3546
3547
3548
3549
3550
3551
3552
3553
3554
3555
3556
3557
3558
3559
3560
3561
3562
3563
3564
3565
3566
3567
3568
3569
3570
3571
3572
3573
3574
3575
3576
3577
3578
3579
3580
3581
3582
3583
3584
3585
3586
3587
3588
3589
3590
3591
3592
3593
3594
3595
3596
3597
3598
3599
3600
3601
3602
3603
3604
3605
3606
3607
3608
3609
3610
3611
3612
3613
3614
3615
3616
3617
3618
3619
3620
3621
3622
3623
3624
3625
3626
3627
3628
3629
3630
3631
3632
3633
3634
3635
3636
3637
3638
3639
3640
3641
3642
3643
3644
3645
3646
3647
3648
3649
3650
3651
3652
3653
3654
3655
3656
3657
3658
3659
3660
3661
3662
3663
3664
3665
3666
3667
3668
3669
3670
3671
3672
3673
3674
3675
3676
3677
3678
3679
3680
3681
3682
3683
3684
3685
3686
3687
3688
3689
3690
3691
3692
3693
3694
3695
3696
3697
3698
3699
3700
3701
3702
3703
3704
3705
3706
3707
3708
3709
3710
3711
3712
3713
3714
3715
3716
3717
3718
3719
3720
3721
3722
3723
3724
3725
3726
3727
3728
3729
3730
3731
3732
3733
3734
3735
3736
3737
3738
3739
3740
3741
3742
3743
3744
3745
3746
3747
3748
3749
3750
3751
3752
3753
3754
3755
3756
3757
3758
3759
3760
3761
3762
3763
3764
3765
3766
3767
3768
3769
3770
3771
3772
3773
3774
3775
3776
3777
3778
3779
3780
3781
3782
3783
3784
3785
3786
3787
3788
3789
3790
3791
3792
3793
3794
3795
3796
3797
3798
3799
3800
3801
3802
3803
3804
3805
3806
3807
3808
3809
3810
3811
3812
3813
3814
3815
3816
3817
3818
3819
3820
3821
3822
3823
3824
3825
3826
3827
3828
3829
3830
3831
3832
3833
3834
3835
3836
3837
3838
3839
3840
3841
3842
3843
3844
3845
3846
3847
3848
3849
3850
3851
3852
3853
3854
3855
3856
3857
3858
3859
3860
3861
3862
3863
3864
3865
3866
3867
3868
3869
3870
3871
3872
3873
3874
3875
3876
3877
3878
3879
3880
3881
3882
3883
3884
3885
3886
3887
3888
3889
3890
3891
3892
3893
3894
3895
3896
3897
3898
3899
3900
3901
3902
3903
3904
3905
3906
3907
3908
3909
3910
3911
3912
3913
3914
3915
3916
3917
3918
3919
3920
3921
3922
3923
3924
3925
3926
3927
3928
3929
3930
3931
3932
3933
3934
3935
3936
3937
3938
3939
3940
3941
3942
3943
3944
3945
3946
3947
3948
3949
3950
3951
3952
3953
3954
3955
3956
3957
3958
3959
3960
3961
3962
3963
3964
3965
3966
3967
3968
3969
3970
3971
3972
3973
3974
3975
3976
3977
3978
3979
3980
3981
3982
3983
3984
3985
3986
3987
3988
3989
3990
3991
3992
3993
3994
3995
3996
3997
3998
3999
4000
4001
4002
4003
4004
4005
4006
4007
4008
4009
4010
4011
4012
4013
4014
4015
4016
4017
4018
4019
4020
4021
4022
4023
4024
4025
4026
4027
4028
4029
4030
4031
4032
4033
4034
4035
4036
4037
4038
4039
4040
4041
4042
4043
4044
4045
4046
4047
4048
4049
4050
4051
4052
4053
4054
4055
4056
4057
4058
4059
4060
4061
4062
4063
4064
4065
4066
4067
4068
4069
4070
4071
4072
4073
4074
4075
4076
4077
4078
4079
4080
4081
4082
4083
4084
4085
4086
4087
4088
4089
4090
4091
4092
4093
4094
4095
4096
4097
4098
4099
4100
4101
4102
4103
4104
4105
4106
4107
4108
4109
4110
4111
4112
4113
4114
4115
4116
4117
4118
4119
4120
4121
4122
4123
4124
4125
4126
4127
4128
4129
4130
4131
4132
4133
4134
4135
4136
4137
4138
4139
4140
4141
4142
4143
4144
4145
4146
4147
4148
4149
4150
4151
4152
4153
4154
4155
4156
4157
4158
4159
4160
4161
4162
4163
4164
4165
4166
4167
4168
4169
4170
4171
4172
4173
4174
4175
4176
4177
4178
4179
4180
4181
4182
4183
4184
4185
4186
4187
4188
4189
4190
4191
4192
4193
4194
4195
4196
4197
4198
4199
4200
4201
4202
4203
4204
4205
4206
4207
4208
4209
4210
4211
4212
4213
4214
4215
4216
4217
4218
4219
4220
4221
4222
4223
4224
4225
4226
4227
4228
4229
4230
4231
4232
4233
4234
4235
4236
4237
4238
4239
4240
4241
4242
4243
4244
4245
4246
4247
4248
4249
4250
4251
4252
4253
4254
4255
4256
4257
4258
4259
4260
4261
4262
4263
4264
4265
4266
4267
4268
4269
4270
4271
4272
4273
4274
4275
4276
4277
4278
4279
4280
4281
4282
4283
4284
4285
4286
4287
4288
4289
4290
4291
4292
4293
4294
4295
4296
4297
4298
4299
4300
4301
4302
4303
4304
4305
4306
4307
4308
4309
4310
4311
4312
4313
4314
4315
4316
4317
4318
4319
4320
4321
4322
4323
4324
4325
4326
4327
4328
4329
4330
4331
4332
4333
4334
4335
4336
4337
4338
4339
4340
4341
4342
4343
4344
4345
4346
4347
4348
4349
4350
4351
4352
4353
4354
4355
4356
4357
4358
4359
4360
4361
4362
4363
4364
4365
4366
4367
4368
4369
4370
4371
4372
4373
4374
4375
4376
4377
4378
4379
4380
4381
4382
4383
4384
4385
4386
4387
4388
4389
4390
4391
4392
4393
4394
4395
4396
4397
4398
4399
4400
4401
4402
4403
4404
4405
4406
4407
4408
4409
4410
4411
4412
4413
4414
4415
4416
4417
4418
4419
4420
4421
4422
4423
4424
4425
4426
4427
4428
4429
4430
4431
4432
4433
4434
4435
4436
4437
4438
4439
4440
4441
4442
4443
4444
4445
4446
4447
4448
4449
4450
4451
4452
4453
4454
4455
4456
4457
4458
4459
4460
4461
4462
4463
4464
4465
4466
4467
4468
4469
4470
4471
4472
4473
4474
4475
4476
4477
4478
4479
4480
4481
4482
4483
4484
4485
4486
4487
4488
4489
4490
4491
4492
4493
4494
4495
4496
4497
4498
4499
4500
4501
4502
4503
4504
4505
4506
4507
4508
4509
4510
4511
4512
4513
4514
4515
4516
4517
4518
4519
4520
4521
4522
4523
4524
4525
4526
4527
4528
4529
4530
4531
4532
4533
4534
4535
4536
4537
4538
4539
4540
4541
4542
4543
4544
4545
4546
4547
4548
4549
4550
4551
4552
4553
4554
4555
4556
4557
4558
4559
4560
4561
4562
4563
4564
4565
4566
4567
4568
4569
4570
4571
4572
4573
4574
4575
4576
4577
4578
4579
4580
4581
4582
4583
4584
4585
4586
4587
4588
4589
4590
4591
4592
4593
4594
4595
4596
4597
4598
4599
4600
4601
4602
4603
4604
4605
4606
4607
4608
4609
4610
4611
4612
4613
4614
4615
4616
4617
4618
4619
4620
4621
4622
4623
4624
4625
4626
4627
4628
4629
4630
4631
4632
4633
4634
4635
4636
4637
4638
4639
4640
4641
4642
4643
4644
4645
4646
4647
4648
4649
4650
4651
4652
4653
4654
4655
4656
4657
4658
4659
4660
4661
4662
4663
4664
4665
4666
4667
4668
4669
4670
4671
4672
4673
4674
4675
4676
4677
4678
4679
4680
4681
4682
4683
4684
4685
4686
4687
4688
4689
4690
4691
4692
4693
4694
4695
4696
4697
4698
4699
4700
4701
4702
4703
4704
4705
4706
4707
4708
4709
4710
4711
4712
4713
4714
4715
4716
4717
4718
4719
4720
4721
4722
4723
4724
4725
4726
4727
4728
4729
4730
4731
4732
4733
4734
4735
4736
4737
4738
4739
4740
4741
4742
4743
4744
4745
4746
4747
4748
4749
4750
4751
4752
4753
4754
4755
4756
4757
4758
4759
4760
4761
4762
4763
4764
4765
4766
4767
4768
4769
4770
4771
4772
4773
4774
4775
4776
4777
4778
4779
4780
4781
4782
4783
4784
4785
4786
4787
4788
4789
4790
4791
4792
4793
4794
4795
4796
4797
4798
4799
4800
4801
4802
4803
4804
4805
4806
4807
4808
4809
4810
4811
4812
4813
4814
4815
4816
4817
4818
4819
4820
4821
4822
4823
4824
4825
4826
4827
4828
4829
4830
4831
4832
4833
4834
4835
4836
4837
4838
4839
4840
4841
4842
4843
4844
4845
4846
4847
4848
4849
4850
4851
4852
4853
4854
4855
4856
4857
4858
4859
4860
4861
4862
4863
4864
4865
4866
4867
4868
4869
4870
4871
4872
4873
4874
4875
4876
4877
4878
4879
4880
4881
4882
4883
4884
4885
4886
4887
4888
4889
4890
4891
4892
4893
4894
4895
4896
4897
4898
4899
4900
4901
4902
4903
4904
4905
4906
4907
4908
4909
4910
4911
4912
4913
4914
4915
4916
4917
4918
4919
4920
4921
4922
4923
4924
4925
4926
4927
4928
4929
4930
4931
4932
4933
4934
4935
4936
4937
4938
4939
4940
4941
4942
4943
4944
4945
4946
4947
4948
4949
4950
4951
4952
4953
4954
4955
4956
4957
4958
4959
4960
4961
4962
4963
4964
4965
4966
4967
4968
4969
4970
4971
4972
4973
4974
4975
4976
4977
4978
4979
4980
4981
4982
4983
4984
4985
4986
4987
4988
4989
4990
4991
4992
4993
4994
4995
4996
4997
4998
4999
5000
5001
5002
5003
5004
5005
5006
5007
5008
5009
5010
5011
5012
5013
5014
5015
5016
5017
5018
5019
5020
5021
5022
5023
5024
5025
5026
5027
5028
5029
5030
5031
5032
5033
5034
5035
5036
5037
5038
5039
5040
5041
5042
5043
5044
5045
5046
5047
5048
5049
5050
5051
5052
5053
5054
5055
5056
5057
5058
5059
5060
5061
5062
5063
5064
5065
5066
5067
5068
5069
5070
5071
5072
5073
5074
5075
5076
5077
5078
5079
5080
5081
5082
5083
5084
5085
5086
5087
5088
5089
5090
5091
5092
5093
5094
5095
5096
5097
5098
5099
5100
5101
5102
5103
5104
5105
5106
5107
5108
5109
5110
5111
5112
5113
5114
5115
5116
5117
5118
5119
5120
5121
5122
5123
5124
5125
5126
5127
5128
5129
5130
5131
5132
5133
5134
5135
5136
5137
5138
5139
5140
5141
5142
5143
5144
5145
5146
5147
5148
5149
5150
5151
5152
5153
5154
5155
5156
5157
5158
5159
5160
5161
5162
5163
5164
5165
5166
5167
5168
5169
5170
5171
5172
5173
5174
5175
5176
5177
5178
5179
5180
5181
5182
5183
5184
5185
5186
5187
5188
5189
5190
5191
5192
5193
5194
5195
5196
5197
5198
5199
5200
5201
5202
5203
5204
5205
5206
5207
5208
5209
5210
5211
5212
5213
5214
5215
5216
5217
5218
5219
5220
5221
5222
5223
5224
5225
5226
5227
5228
5229
5230
5231
5232
5233
5234
5235
5236
5237
5238
5239
5240
5241
5242
5243
5244
5245
5246
5247
5248
5249
5250
5251
5252
5253
5254
5255
5256
5257
5258
5259
5260
5261
5262
5263
5264
5265
5266
5267
5268
5269
5270
5271
5272
5273
5274
5275
5276
5277
5278
5279
5280
5281
5282
5283
5284
5285
5286
5287
5288
5289
5290
5291
5292
5293
5294
5295
5296
5297
5298
5299
5300
5301
5302
5303
5304
5305
5306
5307
5308
5309
5310
5311
5312
5313
5314
5315
5316
5317
5318
5319
5320
5321
5322
5323
5324
5325
5326
5327
5328
5329
5330
5331
5332
5333
5334
5335
5336
5337
5338
5339
5340
5341
5342
5343
5344
5345
5346
5347
5348
5349
5350
5351
5352
5353
5354
5355
5356
5357
5358
5359
5360
5361
5362
5363
5364
5365
5366
5367
5368
5369
5370
5371
5372
5373
5374
5375
5376
5377
5378
5379
5380
5381
5382
5383
5384
5385
5386
5387
5388
5389
5390
5391
5392
5393
5394
5395
5396
5397
5398
5399
5400
5401
5402
5403
5404
5405
5406
5407
5408
5409
5410
5411
5412
5413
5414
5415
5416
5417
5418
5419
5420
5421
5422
5423
5424
5425
5426
5427
5428
5429
5430
5431
5432
5433
5434
5435
5436
5437
5438
5439
5440
5441
5442
5443
5444
5445
5446
5447
5448
5449
5450
5451
5452
5453
5454
5455
5456
5457
5458
5459
5460
5461
5462
5463
5464
5465
5466
5467
5468
5469
5470
5471
5472
5473
5474
5475
5476
5477
5478
5479
5480
5481
5482
5483
5484
5485
5486
5487
5488
5489
5490
5491
5492
5493
5494
5495
5496
5497
5498
5499
5500
5501
5502
5503
5504
5505
5506
5507
5508
5509
5510
5511
5512
5513
5514
5515
5516
5517
5518
5519
5520
5521
5522
5523
5524
5525
5526
5527
5528
5529
5530
5531
5532
5533
5534
5535
5536
5537
5538
5539
5540
5541
5542
5543
5544
5545
5546
5547
5548
5549
5550
5551
5552
5553
5554
5555
5556
5557
5558
5559
5560
5561
5562
5563
5564
5565
5566
<?xml version="1.0" encoding="iso-8859-15"?>
<!--
     The FreeBSD Italian Documentation Project

     $FreeBSD$
     Original revision: 1.102
-->

<chapter id="network-servers">
  <chapterinfo>
    <authorgroup>
      <author>
        <firstname>Murray</firstname>

        <surname>Stokely</surname>

        <contrib>Riorganizzato da </contrib>
      </author>
    </authorgroup>
  </chapterinfo>

  <title>Server di rete</title>

  <sect1 id="network-servers-synopsis">
    <title>Sinossi</title>

    <para>Questo capitolo coprir alcuni dei servizi di rete usati
      pi di frequente sui sistemi &unix;.  Fra gli argomenti
      toccati, ci saranno l'installazione, la configurazione,
      il test ed la manutenzione di molti tipi diversi di
      servizi di rete.  Per vostro beneficio
      in tutto il capitolo saranno inclusi file di
      configurazione di esempio.</para>

    <para>Dopo aver letto questo capitolo, sarai in grado
      di:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Gestire il demone <application>inetd</application>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare un file system di rete.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare un server NIS per condividere
          account utenti.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare impostazioni automatiche di rete usando DHCP.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare un server di risoluzione dei nomi.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare il server HTTP
          <application>Apache</application>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare un File Transfer Protocol (FTP) Server.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Installare un file server e server di stampa per client
          &windows; usando <application>Samba</application>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Sincronizzare la data e l'ora ed installare un
          time server, col protocollo NTP.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <para>Prima di leggere questo capitolo, dovresti:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Comprendere le basi dell'organizzazione degli scripts
          <filename>/etc/rc</filename>.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Avere familiarit con la terminologia di rete di
          base.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Sapere come installare software aggiuntivo di terze parti
          (<xref linkend="ports"/>).</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>
  </sect1>

  <sect1 id="network-inetd">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Chern</firstname>

          <surname>Lee</surname>

          <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>

      <authorgroup>
        <author>
          <contrib>Aggiornato per &os; 6.1-RELEASE da </contrib>

          <othername>The &os; Documentation Project</othername>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Il
      <quote>Super-Server</quote> <application>inetd</application></title>

    <sect2 id="network-inetd-overview">
      <title>Uno sguardo d'insieme</title>

      <para>&man.inetd.8; viene talvolta definito l'<quote>Internet
        Super-Server</quote> perch gestisce le connessioni verso
        molti servizi.  Quando una connessione
        viene ricevuta da <application>inetd</application>, questo
        determina per quale programma la connessione sia
        destinata, esegue quel particolare processo e affida a
        lui la socket (il programma  invocato con la socket
        del servizio come descrittore di standard input, output
        ed error).  Eseguire <application>inetd</application>
        per server dal carico non troppo alto pu ridurre il carico
        complessivo di sistema, rispetto all'esecuzione individuale
        di ogni demone in modalit stand-alone.</para>

      <para>Principalmente, <application>inetd</application> 
        usato per lanciare altri demoni, ma molti protocolli
        triviali sono gestiti direttamente, come ad esempio
        i protocolli <application>chargen</application>,
        <application>auth</application>, e
        <application>daytime</application>.</para>

      <para>Questa sezione coprir le basi della configurazione
        di <application>inetd</application> attraverso le
        opzioni da linea di comando
        ed il suo file di configurazione,
        <filename>/etc/inetd.conf</filename>.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-inetd-settings">
      <title>Impostazioni</title>

      <para><application>inetd</application> viene inizializzato
        attraverso il sistema &man.rc.8;.
        L'opzione <literal>inetd_enable</literal> 
        impostata a <literal>NO</literal> di default, ma pu essere
        attivata da <application>sysinstall</application>
        durante l'installazione, a seconda della configurazione
        scelta dall'utente.  Inserendo:</para>

      <programlisting>inetd_enable="YES"</programlisting>

      <para>o</para>

      <programlisting>inetd_enable="NO"</programlisting>

      <para>in
        <filename>/etc/rc.conf</filename> si abiliter o meno
        la partenza di
        <application>inetd</application> al boot.
        Il comando:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/inetd rcvar</userinput></screen>

      <para>pu essere utilizzato per mostrare le impostazioni
        attive al momento.</para>

      <para>Inoltre, diverse opzioni di linea di comando possono
        essere passate a <application>inetd</application> attraverso
        l'opzione <literal>inetd_flags</literal>.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-inetd-cmdline">
      <title>Opzioni su linea di comando</title>

      <para>Come molti server di rete, <application>inetd</application>
        ha un numero di opzioni che possono essergli passate
        per modificare il suo comportamento.  La lista di tutte le opzioni :</para>

      <para><application>inetd</application> synopsis:</para>

      <para><option>inetd [-d] [-l] [-w] [-W] [-c maximum] [-C rate]
        [-a address | hostname] [-p filename] [-R rate] [configuration
          file]</option></para>

      <para>Si possono passare opzioni ad <application>inetd</application> usando
        l'opzione <literal>inetd_flags</literal> in
        <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Di default,
        <literal>inetd_flags</literal>  impostato a
        <literal>-wW -C 60</literal>, il che attiva il TCP wrapping per i servizi di
        <application>inetd</application>, ed impedisce ad ogni singolo
        indirizzo IP di richiedere qualsiasi servizio pidi 60 volte
        al minuto.</para>

      <para>Gli utenti novizi possono notare con piacere che
        questi parametri di solito non devono essere modificati,
        anche se bisogna menzionare il fatto che le opzioni di
        limitazione delle connessioni sono utili solo se ci si accorge
        di ricevere un numero eccessivo di connessioni.  L'intera lista
        delle opzioni di &man.inetd.8; pu essere trovata
        nel manuale di &man.inetd.8;.</para>

      <variablelist>
        <varlistentry>
          <term>-c maximum</term>

          <listitem>
            <para>Specifica il numero massimo di invocazioni simultanee
              per ogni servizio; il default  illimitato.
              Pu essere sovrascritto per ogni servizio dal
              parametro <option>max-child</option>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>-C rate</term>

          <listitem>
            <para>Specifica un numero massimo di volte in cui
              un servizio pu essere invocato da un singolo
              indirizzo IP in un
              minuto; il default  illimitato.  Pu essere
              sovrascritto per ogni servizio con il parametro
              <option>max-connections-per-ip-per-minute</option>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>-R rate</term>

          <listitem>
            <para>Specifica il numero massimo di volte che un servizio
              pu essere invocato in un minuto; il default 
              256.  L'impostazione 0 permette un numero illimitato di
              invocazioni.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>-s maximum</term>

          <listitem>
            <para>Specifica il numero massimo di volte
              che un servizio pu essere invocato per ogni periodo di
              tempo; il default  illimitato.  Pu essere sovrascritto
              per ogni singolo servizio con il parametro <option>max-child-per-ip</option>.
            </para>
          </listitem>
        </varlistentry>
      </variablelist>
    </sect2>

    <sect2 id="network-inetd-conf">
      <title><filename>inetd.conf</filename></title>

      <para> La configurazione di <application>inetd</application>
         fatta  attraverso il file
        <filename>/etc/inetd.conf</filename>.</para>

      <para>Quando viene apportata una modifica a
        <filename>/etc/inetd.conf</filename>,
        si pu forzare <application>inetd</application>
        a rileggere il suo file di configurazione
        eseguendo il comando:</para>

      <example id="network-inetd-reread">
        <title>Ricaricare il file di configurazione
          di <application>inetd</application>
        </title>

        <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/inetd reload </userinput></screen>
      </example>

      <para>Ogni linea del file di configurazione specifica un
        singolo demone.  I commenti nel file sono preceduti da un
        <quote>#</quote>.  Il formato di ogni riga del file
        <filename>/etc/inetd.conf</filename>  il seguente:</para>

      <programlisting>nome del servizio
tipo della socket
protocollo
{wait|nowait}[/max-child[/max-connections-per-ip-per-minute]]
utente[:gruppo][/classe-di-login]
programma-server
argomenti-del-programma-server</programlisting>

      <para>Un esempio di linea per il
        demone &man.ftpd.8;
        usando l'IPv4:</para>

      <programlisting>ftp     stream  tcp     nowait  root /usr/libexec/ftpd       ftpd -l</programlisting>

      <variablelist>
        <varlistentry>
          <term>nome-del-servizio</term>

          <listitem>
            <para> il nome del servizio per il demone.
              Deve corrispondere ad un servizio elencato in
              <filename>/etc/services</filename>.  Questo
              determina su quale porta
              <application>inetd</application> deve restare
              in ascolto.  Se viene creato un nuovo servizio,
              deve essere messo prima
              in <filename>/etc/services</filename>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>tipo-di-socket</term>

          <listitem>
            <para>Una a scelta fra <literal>stream</literal>,
              <literal>dgram</literal>, <literal>raw</literal>, o
              <literal>seqpacket</literal>.
              <literal>stream</literal>
              deve essere usata per demoni basati sulla
              connessione, tipo TCP, mentre
              <literal>dgram</literal>  usato per demoni che usano
              il protocollo di trasporto <acronym>UDP</acronym>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>protocollo</term>

          <listitem>
            <para>Uno dei seguenti:</para>

            <informaltable frame="none" pgwide="1">
              <tgroup cols="2">
                <thead>
                  <row>
                    <entry>Protocollo</entry>

                    <entry>Spiegazione</entry>
                  </row>
                </thead>

                <tbody>
                  <row>
                    <entry>tcp, tcp4</entry>

                    <entry>TCP IPv4</entry>
                  </row>

                  <row>
                    <entry>udp, udp4</entry>

                    <entry>UDP IPv4</entry>
                  </row>

                  <row>
                    <entry>tcp6</entry>

                    <entry>TCP IPv6</entry>
                  </row>

                  <row>
                    <entry>udp6</entry>

                    <entry>UDP IPv6</entry>
                  </row>

                  <row>
                    <entry>tcp46</entry>

                    <entry>Entrambi TCP IPv4 e v6</entry>
                  </row>

                  <row>
                    <entry>udp46</entry>

                    <entry>Entrambi UDP IPv4 e v6</entry>
                  </row>
                </tbody>
              </tgroup>
            </informaltable>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>{wait|nowait}[/max-child[/max-connections-per-ip-per-minute[/max-child-per-ip]]]</term>

          <listitem>
            <para><option>wait|nowait</option> indica se il demone
              invocato da <application>inetd</application> 
              in grado di gestire la sua socket o meno.
              Il tipo di socket <option>dgram</option> deve usare
              l'opzione <option>wait</option>, mentre i demoni
              con socket stream,
              che sono in genere multi-thread, devono usare
              <option>nowait</option>.  <option>wait</option> in
              genere fornisce socket multiple ad un singolo demone,
              mentre <option>nowait</option> lancia un demone figlio
              per ogni nuova socket.</para>

            <para>Il massimo numero di demoni figli che
              <application>inetd</application> pu lanciare si imposta
              attraverso l'opzione <option>max-child</option>.
              Se  richiesto un limite di dieci istanze per un
              particolare demone, un
              <literal>/10</literal> dovrebbe essere inserito
              dopo l'opzione <option>nowait</option>.  Specificando
              <literal>/0</literal> si lascia un numero illimitato di figli.</para>

            <para>Oltre all'opzione <option>max-child</option>,
              possono essere attivate due altre opzioni che limitano
              il massimo numero di connessioni da un singolo ip
              verso un particolare demone.
              <option>max-connections-per-ip-per-minute</option> limita
              il numero di connessioni da un particolare indirizzo IP per
              minuto, ad esempio un valore di dieci limiterebbe ogni
              singolo indirizzo IP a connettersi verso un certo servizio
              a dieci connessioni al minuto.
              <option>max-child-per-ip</option>
              limita il numero di figli che possono essere avviati su richiesta
              di un singolo indirizzo IP in ogni momento.
              Queste opzioni sono utili per prevenire
              eccessivo consumo delle risorse intenzionale o non intenzionale
              e attacchi Denial of Service (DoS) ad una macchina.</para>

            <para>In questo campo, <option>wait</option> o
              <option>nowait</option> sono obbligatorie.
              <option>max-child</option> e
              <option>max-connections-per-ip-per-minute</option>
              e <option>max-child-per-ip</option> sono
              opzionali.</para>

            <para>Un demone tipo-stream multi-thread senza
              i limiti <option>max-child</option> o
              <option>max-connections-per-ip-per-minute</option>
              dovrebbe essere semplicemente:
              <literal>nowait</literal>.</para>

            <para>Lo stesso demone con un limite massimo di
              dieci demoni dovrebbe avere:
              <literal>nowait/10</literal>.</para>

            <para>In aggiunta, la stessa impostazione con
              un limite di venti connessioni per IP al
              minuto ed un limite massimo di
              dieci demoni figli avrebbe:
              <literal>nowait/10/20</literal>.</para>

            <para>Queste opzioni sono tutte utilizzate
              di default nelle impostazioni del demone
              &man.fingerd.8; come si vede di seguito:</para>

            <programlisting>finger stream  tcp     nowait/3/10 nobody /usr/libexec/fingerd fingerd -s</programlisting>

            <para>Alla fine, un esempio di questo campo
              con 100 figli in tutto, con un massimo di 5 per singolo
              indirizzo IP sarebbe:
              <literal>nowait/100/0/5</literal>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>user</term>

          <listitem>
            <para>Questo  lo username sotto il quale un
              particolare demone dovrebbe girare.  Di
              frequente, i demoni girano
              come utente <username>root</username>.
              Per motivi di sicurezza,  normale
              trovare alcuni server che girano con l'utente
              <username>daemon</username>, o il meno privilegiato
              utente <username>nobody</username>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>server-program</term>

          <listitem>
            <para>Il percorso assoluto del demone che deve essere
              eseguito quando  ricevuta una connessione .  Se
              il demone  un servizio
              offerto da <application>inetd</application> internamente,
              bisogna usare <option>internal</option>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term>server-program-arguments</term>

          <listitem>
            <para>Questa opzione funziona in congiunzione con
              <option>server-program</option> specificando gli
              argomenti, cominciando con <literal>argv[0]</literal>,
              passati al demone al momento dell'invocazione.
              Se <command>mydaemon -d</command>  la linea di comando,
              <literal>mydaemon -d</literal> sar il valore
              dell'opzione <option>server-program-arguments</option>.
              Ancora, se un demone  un servizio interno,
              usa <option>internal</option>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>
      </variablelist>
    </sect2>

    <sect2 id="network-inetd-security">
      <title>Sicurezza</title>

      <para>A seconda delle scelte fatte all'installazione,
        molti servizi di <application>inetd</application>
        potrebbero essere attivi di default.  Se
        non c' necessit
        apparente per un particolare demone,
        considera di disabilitarlo.  Usa un <quote>#</quote> a capo della
        riga del demone in questione in <filename>/etc/inetd.conf</filename>,
        e quindi <link linkend="network-inetd-reread">ricarica la
        configurazione di inetd</link>.  Alcuni demoni, come
        <application>fingerd</application>, potrebbero
        non essere assolutamente desiderati,
        poich forniscono all'attaccante informazioni che gli potrebbero
        risultare utili.</para>

      <para>Alcuni demoni non sono stati creati coll'obiettivo
        della sicurezza ed hanno timeout lunghi, o non esistenti.
        Questo permette ad un attaccante di inviare
        lentamente connessioni
        ad un particolare demone, saturando in questo modo
        le risorse disponibile.  Pu essere una buona idea
        impostare le limitazioni
        <option>max-connections-per-ip-per-minute</option> e
        <option>max-child</option> o <option>max-child-per-ip</option> su certi
        demoni se scopri di avere troppe connessioni.</para>

      <para>Di default, il TCP wrapping  attivo.
        Consulta la pagina del manuale
        di &man.hosts.access.5; per impostare
        delle restrizioni TCP su certi demoni
        invocati da <application>inetd</application>.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-inetd-misc">
      <title>Miscellanei</title>

      <para><application>daytime</application>,
        <application>time</application>,
        <application>echo</application>,
        <application>discard</application>,
        <application>chargen</application>, e
        <application>auth</application> sono tutti servizi interni
        di <application>inetd</application>.</para>

      <para>Il servizio <application>auth</application>
        fornisce servizi di rete di identificazione
        ed  configurabile fino ad un certo punto,
        mentre gli altri possono solo essere accesi o spenti.</para>

      <para>Consulta la paigna di manuale di &man.inetd.8;
         per dettagli pi approfonditi.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-nfs">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Tom</firstname>

          <surname>Rhodes</surname>

          <contrib>Riorganizzato e migliorato da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>

      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Bill</firstname>

          <surname>Swingle</surname>

          <contrib>Scritto da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Network File System (NFS)</title>

    <indexterm><primary>NFS</primary></indexterm>

    <para>Fra i molti differenti file system che
      FreeBSD supporta c' il Network File System,
      conosciuto anche come <acronym role="Network
      File System">NFS</acronym>.  <acronym role="Network File
      System">NFS</acronym> permette ad un sistema di
      condividere directory
      e file con altri sistemi in rete.  Usando <acronym
      role="Network File System">NFS</acronym>,
      utenti e programmi possono
      accedere a file su sistemi remoti quasi
      come se fossero files locali.</para>

    <para>Alcuni dei pi notevoli benefici che
      <acronym>NFS</acronym> ci fornisce sono:</para>

    <itemizedlist>
      <listitem>
        <para>Workstation locali usano meno spazio su
          disco perch i dati usati in locale possono
          essere conservati su una singola
          macchina e restano accessibili agli altri sulla rete.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Non c' bisogno per gli utenti di avere
          home directory separate su ogni macchina in rete.
          Le home directory possono essere poste sul
          server <acronym>NFS</acronym> e
          rese disponibili attraverso la rete.</para>
      </listitem>

      <listitem>
        <para>Device di storage come floppy disk, drive
          CDROM, e drive &iomegazip; possono essere usati
          da altre macchine sulla rete.
          Questo pu ridurre il numero di device di
          storage rimuovibili sulla rete.</para>
      </listitem>
    </itemizedlist>

    <sect2>
      <title>Come Funziona <acronym>NFS</acronym></title>

      <para><acronym>NFS</acronym> consiste di almeno due parti:
        un server ed uno o pi client.  Il client
        accede da remoto ai dati conservati sulla macchina
        server.  Affinch questo funzioni, alcuni processi
        devono essere configurati
        e devono essere attivi.</para>

      <para>Il server deve avere attivi i seguenti demoni:</para>

      <indexterm>
        <primary>NFS</primary>
        <secondary>server</secondary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary>file server</primary>
        <secondary>UNIX clients</secondary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary><application>rpcbind</application></primary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary><application>mountd</application></primary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary><application>nfsd</application></primary>
      </indexterm>

      <informaltable frame="none" pgwide="1">
        <tgroup cols="2">
          <colspec colwidth="1*"/>

          <colspec colwidth="3*"/>

          <thead>
            <row>
              <entry>Demone</entry>

              <entry>Descrizione</entry>
            </row>
          </thead>

          <tbody>
            <row>
              <entry><application>nfsd</application></entry>

              <entry>Il demone <acronym>NFS</acronym> che serve
                richieste da client <acronym>NFS</acronym>.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>mountd</application></entry>

              <entry>Il demone di mount <acronym>NFS</acronym>
                che serve le richieste
                che &man.nfsd.8; gli passa.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>rpcbind</application></entry>

              <entry> Questo demone permette ai client
                <acronym>NFS</acronym> di scoprire quali porte il server
                <acronym>NFS</acronym> sta usando.</entry>
            </row>
          </tbody>
        </tgroup>
      </informaltable>

      <para>Il client pu anche eseguire un demone,
        noto come <application>nfsiod</application>.
        Il demone <application>nfsiod</application>
        serve le richieste dal server
        <acronym>NFS</acronym>.  E' opzionale, aiuta a
        migliorare le prestazioni ma non  indispensabile
        per operazioni corrette.  Consultare la pagina
        di manuale di &man.nfsiod.8;
        per pi informazioni.
      </para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-configuring-nfs">
      <title>Configurare <acronym>NFS</acronym></title>

      <indexterm>
        <primary>NFS</primary>
        <secondary>configurazione</secondary>
      </indexterm>

      <para>La configurazione di <acronym>NFS</acronym>
         un processo relativamente semplice.
        I processi che devono essere attivi
        possono essere tutti avviati al boot della macchina
        con poche modifiche al tuo file
        <filename>/etc/rc.conf</filename>.</para>

      <para>Sul server <acronym>NFS</acronym> assicurati
        che le seguenti opzioni sono configurati nel file
        <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>rpcbind_enable="YES"
nfs_server_enable="YES"
mountd_flags="-r"</programlisting>

      <para><application>mountd</application> viene
        eseguito automaticamente in caso il server
        <acronym>NFS</acronym> sia abilitato.</para>

      <para>Sul client, accertati che questa riga sia
        attiva nel file
        <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>nfs_client_enable="YES"</programlisting>

      <para>Il file <filename>/etc/exports</filename>
        specifica quali file system <acronym>NFS</acronym>
        dovrebbe esportare (talora
        chiamate anche <quote>share</quote>).  Ogni linea di
        <filename>/etc/exports</filename> specifica un
        file system che deve essere esportato e quali
        macchine hanno accesso a quel file system.
        Assieme alle macchine che hanno accesso a quel file system,
        possono esserci specificate anche opzioni.   Ci
        sono molte opzioni di questo tipo che possono essere
        usate in questo file ma solo poche saranno menzionate
        qui.  Puoi facilmente
        scoprire le altre opzioni leggendo la pagina di manuale
        di &man.exports.5;.</para>

      <para>Queste sono alcune linee di esempio del file
        <filename>/etc/exports</filename>:</para>

      <indexterm>
        <primary>NFS</primary>
        <secondary>esempi di export</secondary>
      </indexterm>

      <para>I seguenti esempi danno un'idea di
        come esportare file system, anche se le
        impostazioni possono essere diverse
        a seconda del tuo ambiente e della tua
        configurazione di rete.
        Ad esempio, per esportare la directory
        <filename>/cdrom</filename>
        a tre macchine di esempio che hanno lo
        stesso nome di dominio del server (da qui
        la mancanza di nome dominio per ognuno)
        o hanno delle linee nel vostro file
        <filename>/etc/hosts</filename>.
        L'opzione <option>-ro</option> rende il
        file system esportato read-only.  Con
        questo flag, il sistema remoto non sar in grado
        di scrivere alcun cambiamento sul file system
        esportato.</para>

      <programlisting>/cdrom -ro host1 host2 host3</programlisting>

      <para>La seguente linea esporta la directory
        <filename>/home</filename> a tre host
        identificati da indirizzo IP.  E' una
        impostazione utile in caso tu abbia
        una rete privata senza un <acronym>DNS</acronym> server
        configurato.  Opzionalmente il file
        <filename>/etc/hosts</filename>
        pu essere configurato per hostname interni.
        Per favore rileggi
        &man.hosts.5; per pi informazioni.  Il flag
        <option>-alldirs</option> permette alle sottodirectory
        di fungere da mount point.  In altre parole, non monter
        le sottodirectory ma permetter ai client di montare
        solo le directory che necessita o di cui ha bisogno.</para>

      <programlisting>/home  -alldirs  10.0.0.2 10.0.0.3 10.0.0.4</programlisting>

      <para>La linea seguente esporta <filename>/a</filename>
        cosicch due client da diversi domini possono accedere
        al file system.  L'opzione <option>-maproot=root</option>
        permette all'utente <username>root</username> sul
        sistema remoto di scrivere dati
        sul file system esportato come utente <username>root</username>.
        Se il flag <literal>-maproot=root</literal> non
         specificato, anche se l'utente ha accesso come
        <username>root</username> sul file system remoto,
        non sar in grado di modificare files sul file system
        esportato.</para>

      <programlisting>/a  -maproot=root  host.example.com box.example.org</programlisting>

      <para>Affinch un client abbia accesso ad
        un file system, questo deve avere permessi adeguati.
        Assicurati che il client sia elencato nel
        file <filename>/etc/exports</filename>.</para>

      <para>In <filename>/etc/exports</filename>, ogni
        linea rappresenta le informazioni per un
        file system esportato ad un host.  Un
        host remoto pu essere specificato solo
        una volta per file system, e pu
        avere solo una entry di default.  Ad esempio,
        supponi che <filename>/usr</filename> sia
        un singolo file system.  Il seguente
        <filename>/etc/exports</filename> sarebbe
        invalido:</para>

      <programlisting># Invalid when /usr is one file system
/usr/src   client
/usr/ports client</programlisting>

      <para>Un file system, <filename>/usr</filename>,
        ha due linee che specificano exports verso lo stesso
        host, <hostid>client</hostid>.
        Il formato corretto per questa situazione :</para>

      <programlisting>/usr/src /usr/ports  client</programlisting>

      <para>Le proprietdi un file system esportato
        ad un dato host devono essere tutte su una
        riga.  Linee senza un cliente specificato
        sono trattate come un singolo host.  Questo
        limita il modo di esportare file system, ma
        per la maggior parte delle persone
        non  un problema.</para>

      <para>Il seguente  un esempio di valida
        lista di esportazione, dove
        <filename>/usr</filename> e <filename>/exports</filename>
        <filename>/usr</filename> and <filename>/exports</filename>
        sono file system locali:</para>

      <programlisting># Export src and ports to client01 and client02, but
only
# client01 has root privileges on it
/usr/src /usr/ports -maproot=root    client01
/usr/src /usr/ports               client02
# The client machines have root and can mount anywhere
# on /exports. Anyone in the world can mount /exports/obj read-only
/exports -alldirs -maproot=root      client01 client02
/exports/obj -ro</programlisting>

      <para>Il demone <application>mountd</application> deve
        essere forzato a rileggere il file <filename>/etc/exports</filename>
        ogni volta che lo modifichi,
        cosicch i cambiamenti abbiano effetto.
        Questo pu essere ottenuto inviando un segnale HUP
        al processo <command>mountd</command>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>kill -HUP `cat /var/run/mountd.pid`</userinput></screen>

      <para>o invocando lo script <command>mountd</command> &man.rc.8;
        con i parametri appropriati:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/mountd onereload</userinput></screen>

      <para>Sei invitato a far riferimento a <xref linkend="configtuning-initial"/> per
        maggiori informazioni sugli script rc.</para>


      <para>Alternativamente, un reboot far s
        che FreeBSD imposti tutto
        correttamente.  Non  necessario tuttavia effettuare
        un reboot.  L'esecuzione del seguente comando da
        utente <username>root</username>
        dovrebbe avviare tutto.</para>

      <para>Sul server <acronym>NFS</acronym>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>rpcbind</userinput>
&prompt.root; <userinput>nfsd -u -t -n 4</userinput>
&prompt.root; <userinput>mountd -r</userinput></screen>

      <para>Sul client <acronym>NFS</acronym>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>nfsiod -n 4</userinput></screen>

      <para>Ora dovrebbe essere tutto pronto per montare
        un file system remoto.
        In questi esempi il nome del server
        sar <hostid>server</hostid> e quello del client
        sar <hostid>client</hostid>.  Se vuoi solo
        temporaneamente montare un file system remoto o
        anche testare la configurazione, basta che
        esegui un comando come questo
        come utente <username>root</username> sul client:</para>

      <indexterm>
        <primary>NFS</primary>
        <secondary>mounting</secondary>
      </indexterm>

      <screen>&prompt.root; <userinput>mount server:/home
/mnt</userinput></screen>

      <para>Questo monter la directory
        <filename>/home</filename> del server
        sopra <filename>/mnt</filename> sul client.  Se
        tutto  impostato correttamente dovresti
        essere in grado di entrare nella directory
        <filename>/mnt</filename> sul client e vedere
        tutti i file che sono sul server.</para>

      <para>Se vuoi montare automaticamente un
        file system remoto ogni volta che il
        computer fa boot, aggiungi il file system
        al file <filename>/etc/fstab</filename>.
        Questo  un esempio:</para>

      <programlisting>server:/home /mnt nfs rw 0 0</programlisting>

      <para>La pagina di manuale di &man.fstab.5;
        elenca tutte le possibili opzioni.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Locking</title>

      <para>Alcune applicazioni (es. <application>mutt</application>)
        richiedono il lock dei file per operare in modo corretto.
        In caso di <acronym>NFS</acronym>, pu essere utilizzato
        <application>rpc.lockd</application> per il lock dei file.
        Per abilitarlo, aggiungi la seguente riga al file
        <filename>/etc/rc.conf</filename> sia sul client che sul
        server (assumendo che il client e server <acronym>NFS</acronym>
        siano gi configurati):</para>

      <programlisting>rpc_lockd_enable="YES"
rpc_statd_enable="YES"</programlisting>

      <para>Avvia l'applicazione con:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/nfslocking start</userinput></screen>

      <para>Se non  richiesto un lock reale tra il server
       e il client <acronym>NFS</acronym>,  possibile
       dire al client <acronym>NFS</acronym>  di fare un lock locale
       passando l'opzione <option>-L</option> a &man.mount.nfs.8;.
       Ulteriori dettagli possono essere trovati nella pagina man di
       &man.mount.nfs.8;.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Usi Pratici</title>

      <para><acronym>NFS</acronym> ha molti usi
        pratici.  Alcuni
        dei pi usati sono elencati di seguito:</para>

      <indexterm>
        <primary>NFS</primary>
        <secondary>usi</secondary>
      </indexterm>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>Fa s che alcune macchine
            condividano un CDROM o un altro media
            fra di loro.  Questo  un metodo
            pi economico e spesso pi convieniente
            di installare software su molte macchine.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Su grandi reti, potrebbe essere pi
            conveniente configurare un server
            <acronym>NFS</acronym> centrale in cui
            conservare tutte le home directory degi utenti.
            Queste home directory
            possono essere esportate sulla rete cosicch
            gli utenti abbiano sempre la stessa directory,
            indipendentemente dalla workstation dalla quale
            effettuino il login.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Molte macchine potrebbero avere una
            directory comune
            <filename>/usr/ports/distfiles</filename>.
            In questo modo, quando hai bisogno di
            installare un port su molte macchine,
            puoi velocemente accedere al sorgente senza
            scaricarlo su ogni macchina.</para>
       </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>

    <sect2 id="network-amd">
      <sect2info>
        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>Wylie</firstname>

            <surname>Stilwell</surname>

            <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
          </author>
        </authorgroup>

        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>Chern</firstname>

            <surname>Lee</surname>

            <contrib>Riscritto da </contrib>
          </author>
        </authorgroup>
      </sect2info>

      <title>Mount automatici con <application>amd</application></title>

      <indexterm><primary>amd</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>demone di mount automatico</primary></indexterm>

      <para>&man.amd.8; (il demone di mount automatico)
        monta automaticamente un file system remoto
        ogni volta che un file o una directory in quel
        file system viene acceduto.  I file system che sono
        inattivi per un certo periodo di tempo possono
        anche essere smontati automaticamente da
        <application>amd</application>.  L'uso di
        <application>amd</application> fornisce una semplice
        alternativa a mount permanenti, dato che i mount
        permanenti sono di solito
        elencati in <filename>/etc/fstab</filename>.</para>

      <para><application>amd</application> opera connettendosi
        ad un server NFS sulle directory
        <filename>/host</filename> e
        <filename>/net</filename>.  Quando si accede ad un file
        all'interno di una di queste directory,
        <application>amd</application>
        fa una ricerca del mount remoto corrispondente e lo
        monta automaticamente.  <filename>/net</filename>
         usato per montare
        un file system esportato da un indirizzo IP,
        mentre <filename>/host</filename>
         usato per montare un export da un hostname remoto.</para>

      <para>Un accesso ad un file in
        <filename>/host/foobar/usr</filename> dovrebbe
        comunicare a <application>amd</application> di
        cercare di montare
        l'export <filename>/usr</filename> sull'host
        <hostid>foobar</hostid>.</para>

      <example>
        <title>Montare un export con
          <application>amd</application></title>

        <para>Puoi osservare i mount disponibili di un
          host remoto con il comando
          <command>showmount</command>.  Ad esempio, per
          vedere i mounts di un host chiamato
          <hostid>foobar</hostid>, puoi usare:</para>

        <screen>&prompt.user; <userinput>showmount -e foobar</userinput>
Exports list on foobar:
/usr                               10.10.10.0
/a                                 10.10.10.0
&prompt.user; <userinput>cd /host/foobar/usr</userinput></screen>
      </example>

      <para>Come si vede nell'esempio,
        il comando <command>showmount</command> mostra
        <filename>/usr</filename> come un export.
        Quando si cambia directory in
        <filename>/host/foobar/usr</filename>,
        <application>amd</application>
        cerca di risolvere <hostid>foobar</hostid> e
        automaticamente monta l'export desiderato.</para>

      <para><application>amd</application> pu essere
        avviato dagli scripts di startup inserendo le
        seguenti linee in
        <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>amd_enable="YES"</programlisting>

      <para>Inoltre, altri flags personalizzati possono essere
        ad <application>amd</application> con le opzioni
        <varname>amd_flags</varname>.  Di default,
        <varname>amd_flags</varname>  impostato a:</para>

      <programlisting>amd_flags="-a /.amd_mnt -l syslog /host /etc/amd.map
/net /etc/amd.map"</programlisting>

      <para>Il file <filename>/etc/amd.map</filename>
        definisce le opzioni di default con le quali
        gli export sono montati.  Il file
        <filename>/etc/amd.conf</filename> definisce
        alcune delle pi avanzate caratteristiche di
        <application>amd</application>.</para>

      <para>Consulta le pagine di manuale di &man.amd.8;
        e &man.amd.conf.5;
        per maggiori informazioni.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-nfs-integration">
      <sect2info>
        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>John</firstname>

            <surname>Lind</surname>

            <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
          </author>
        </authorgroup>
      </sect2info>

      <title>Problemi nell'integrazione con altri sistemi</title>

      <para>Alcuni adapter Ethernet per sistemi PC hanno
        limitazioni che possono portare a seri
        problemi seri di rete, in particolare con NFS.
        Questa difficolt non  specifica a FreeBSD,
        ma i sistemi FreeBSD ne sono affetti.</para>

      <para>I problemi avvengono quasi sempre
        quando sistemi PC (FreeBSD) sono
        connessi in rete con workstation ad alta
        performance, tipo quelli di
        Silicon Graphics, Inc., e Sun Microsystems, Inc.
        Il mount NFS funziona, ed alcune operazioni possono
        avere successo, ma d'improvviso sembra che il
        server non dia pi risposte al client,
        anche se le richieste da e verso altri sistemi
        continuano ad essere processate.
        Questo avviene sul sistema client, sia che
        il client sia il sistema
        FreeBSD sia che sia la workstation.  Su molti sistemi,
        non c' modo di effettuare lo shutdown del client
        in modo pulito una volta che questo problema si
        sia manifestato.  L'unica soluzione
         spesso quella di resettare il client,
        poich la situazione NFS
        non pu essere risolta.</para>

      <para>Anche se la soluzione <quote>corretta</quote>
         usare un adapter Ethernet dalle migliori
        prestazioni e capacit, c' un semplice
        workaround che permetter operazioni soddisfacenti.
        Se il sistem FreeBSD  il <emphasis>server</emphasis>,
        includi le opzioni <option>-w=1024</option> al
        mount dal client.  Se il sistema FreeBSD
         il <emphasis>client</emphasis>, allora monta
        il file system NFS con l'opzione <option>-r=1024</option>.
        Queste opzioni possono essere specificate usando
        il quarto campo della linea di
        <filename>fstab</filename> sul client per
        mount automatici, o usa il parametro <option>-o</option>
        del comando &man.mount.8; per mount manuali.</para>

      <para>Bisognerebbe notare che c' un problema diverso,
        a volte confuso con questo, quando il server NFS ed
        il client sono su reti diverse.  Se  questo
        il caso, <emphasis>accertatevi</emphasis>
        che i vostri router indirizzino correttamente l'informazione
        necessaria su <acronym>UDP</acronym>, o non andrai
        da nessuna parte, indipendentemente da cosa tu
        stia cercando di fare.</para>

      <para>Nei seguenti esempi, <hostid>fastws</hostid> 
        il nome host (interfaccia) di una workstation
        ad alte prestazioni, e <hostid>freebox</hostid>
         il nome host (interfaccia) di un sistema FreeBSD con
        un adapter Ethernet a basse prestazioni.  Inoltre,
        <filename>/sharedfs</filename> sar il file system esportato
        (vedi &man.exports.5;), e <filename>/project</filename>
        sar il mount point sul client per il file system
        montato.  In tutti i casi, nota che le opzioni
        <option>hard</option> o <option>soft</option> e
        <option>bg</option> possono essere utili
        nella tua applicazione.</para>

      <para>Esempi dal sistema FreeBSD (<hostid>freebox</hostid>)
        come client da <filename>/etc/fstab</filename> su
        <hostid>freebox</hostid>:</para>

      <programlisting>fastws:/sharedfs /project nfs rw,-r=1024 0 0</programlisting>

      <para>Come comando manuale di mount da
        <hostid>freebox</hostid>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>mount -t nfs -o -r=1024 fastws:/sharedfs /project</userinput></screen>

      <para>Esempi dal sistema FreeBSD come server in
        <filename>/etc/fstab</filename> su
        <hostid>fastws</hostid>:</para>

      <programlisting>freebox:/sharedfs /project nfs rw,-w=1024 0 0</programlisting>

      <para>Come comando di mount manuale su
        <hostid>fastws</hostid>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>mount -t nfs -o -w=1024 freebox:/sharedfs /project</userinput></screen>

      <para>Praticamente ogni Ethernet adapter a 16-bit permetter
        operazioni senza le succitate restrizioni sulla dimensione
        di lettura e scrittura.</para>

      <para>Per chiunque  interessato, ecco cosa succede quando
        occorre il problema, il che spiega anche perch sia
        non riparabile.  NFS tipicamente lavora con una dimensione
        di <quote>block</quote> di 8&nbsp;K (anche se pu creare
        frammenti di dimensione minore).  Dal momento che la
        massima dimensione dei pacchetti Ethernet  attorno
        a 1500&nbsp;bytes, il <quote>block</quote> NFS sar
        diviso in molti pacchetti Ethernet
        anche se  pur sempre una singola unit per il codice
        di pi alto livello e deve essere ricevuto, assemblato
        e <emphasis>riconosciuto</emphasis> come una unit.
        La workstation ad alta performance pu inviare
        pacchetti che comprendono le unit NFS una dietro l'altra,
        l'una vicino all'altra come permette lo standard.i
        Sulla scheda a minore capacit, gli ultimi pacchetti
        sovrascrivono i precedenti pacchetti della stessa
        unit prima che possano essere trasferiti all'host
        e l'unit nella
        sua interezza non pu essere ricostruita
        o riconosciuta.  Come risultato, la workstation andr
        in timeout e cercher ancora di ripetere l'operazione,
        ma cercher con la stessa unit da 8&nbsp;K, ed il
        processo sar ripetuto ancora, all'infinito.</para>

      <para>Mantenendo la dimensione dell'unit al di sotto
        della limitazione dei pacchetti Ethernet, ci assicuriamo che
        ogni completo pacchetto Ethernet ricevuto possa essere
        ricono sciuto individualmente, evitando cos la
        situazione deadlock.</para>

      <para>Sovrascritture possono anche capitare quando una
        workstation ad alte prestazioni riversi dati verso
        un sistema PC, ma con la scheda di rete migliore,
        sovrascritture di questo tipo non sono garantite su
        <quote>unit</quote> NFS.  Quando una sovrascrittura
        avviene, le unit affette saranno ritrasmesse,
        e c' una buona probabilit che saranno
        ricevute, assemblate, e riconosciute.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-nis">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Bill</firstname>

          <surname>Swingle</surname>

          <contrib>Scritto da </contrib>
         </author>
      </authorgroup>

      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Eric</firstname>

          <surname>Ogren</surname>

          <contrib>Migliorato da </contrib>
        </author>

        <author>
          <firstname>Udo</firstname>

          <surname>Erdelhoff</surname>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Network Information System (NIS/YP)</title>

    <sect2>
      <title>Cos'?</title>

      <indexterm><primary>NIS</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Solaris</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>HP-UX</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>AIX</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>Linux</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>NetBSD</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>OpenBSD</primary></indexterm>

      <para><acronym role="Network Information System">NIS</acronym>,
        che sta per Network Information Services, fu sviluppato
        da Sun Microsystems per centralizzare l'amministrazione
        di sistemi &unix; (in origine &sunos;).  Ora in sostanza
         diventato uno standard di settore; tutti i sistemi
        &unix; like (&solaris;, HP-UX, &aix;, Linux, NetBSD,
        OpenBSD, FreeBSD, etc) supportano
        <acronym role="Network Information
        System">NIS</acronym>.</para>

      <indexterm><primary>yellow pages</primary><see>NIS</see></indexterm>

      <para><acronym role="Network Information System">NIS</acronym>
        in precedenza era noto come Yellow Pages, ma per una questione
        di marchi, Sun ha cambiato il nome.  Il vecchio termine (e yp)
         ancora si incontra ancora spesso.</para>

      <indexterm>
        <primary>NIS</primary>
        <secondary>domini</secondary>
      </indexterm>

      <para>E' un sistema client/server basato su RPC che
        permette ad un gruppo di macchine in un dominio
        NIS di condividere un insieme comune di file di
        configurazione.  Questo permette ad un amministratore
        di sistema di installare sistemi client
        NIS con il minimo di dati di configurazione e di aggiungere,
        rimuovere o modificare dati di configurazione da una singola
        macchina.</para>

      <indexterm><primary>Windows NT</primary></indexterm>

      <para>E' simile al sistema di domini di &windowsnt;; anche
        se le implementazioni interne dei due sistemi sono del tutto
        diverse, le funzionalit base possono essere
        paragonate.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Termini/Processi che Dovresti Conoscere</title>

      <para>Ci sono parecchi termini e molti importanti processi
        utente che incontrerai quando cercherai di implementare
        NIS su FreeBSD, sia che cerchi di creare un server NIS
        sia che cerchi di installare un client NIS:</para>

      <indexterm>
        <primary><application>rpcbind</application></primary>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary><application>portmap</application></primary>
      </indexterm>

      <informaltable frame="none" pgwide="1">
        <tgroup cols="2">
          <colspec colwidth="1*"/>

          <colspec colwidth="3*"/>

          <thead>
            <row>
              <entry>Termine</entry>

              <entry>Descrizione</entry>
            </row>
          </thead>

          <tbody>
            <row>
              <entry>Nome dominio NIS</entry>

              <entry>Un server NIS master e tutti i suoi client
                (inclusi i suoi server slave) hanno un nome
                dominio NIS.  Analogamente al nome dominio di
                &windowsnt;, il nome dominio NIS non ha nulla
                a che fare
                con il <acronym>DNS</acronym>.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>rpcbind</application></entry>

              <entry>Deve essere in esecuzione al fine
                di abilitare <acronym>RPC</acronym> (Remote
                Procedure Call, un protocollo di rete usato da NIS).
                Se <application>rpcbind</application> non  attivo,
                sar impossibile portare in esecuzione un server NIS
                o fungere da client NIS
              </entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>ypbind</application></entry>

              <entry>Esegue il <quote>bind</quote> di un client NIS
                al suo server.  Prender il nome dominio NIS dal
                sistema, e, usando <acronym>RPC</acronym>, si
                connetter al server.
                <application>ypbind</application>
                 il fulcro di una comunicazione client-server in
                ambiente NIS; se <application>ypbind</application>
                muore su un client, questo non sar in grado di
                accedere il server NIS.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>ypserv</application></entry>

              <entry>Dovrebbe essere in esecuzione solo sui
                server NIS; il processo NIS vero e
                proprio.  Se &man.ypserv.8;
                muore, il server non sar pi in grado di
                rispondere a richieste NIS (si spera ci sia
                un server slave per sostituirlo).  Ci sono
                alcune implementazioni di NIS
                (ma non quello di FreeBSD) che non cerca di
                ricollegarsi ad un altro server se il server
                che stava usando muore.  Spesso, l'unica cosa
                che aiuta in questo caso  riavviare il
                processo server (o anche
                l'intero server o il processo
                <application>ypbind</application> sul client).</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>rpc.yppasswdd</application></entry>

              <entry>Un altro processo che dovrebbe essere in
                esecuzione solo sui server master NIS;  un demone
                che permette a client NIS di cambiare le proprie
                password NIS.  Se questo demone non  attivo,
                gli utenti dovranno loggarsi al server master NIS
                e cambiare le proprie password da l.</entry>
            </row>
          </tbody>
        </tgroup>
      </informaltable>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Come funziona?</title>

      <para>Ci sono tre tipi di host in ambiente NIS:
        master server, slave server e client.  I server
        fungono da magazzino centralizzato per le
        informazioni sulla configurazione degli host.  I
        server master mantengono la copia "ufficiale"
        di queste informazioni, mentre i server slave effettuano
        il mirror di queste informazioni per ridondanza.  I client
        si affidano al server per ottenere queste informazioni.</para>

      <para>Le informazioni in molti file possono essere
        condivise in questo modo.  I file
        <filename>master.passwd</filename>
        ,<filename>group</filename> e <filename>hosts</filename> sono
        in genere condivisi in questo modo via NIS.  Qualora un
        processo su un client necessiti di informazioni che
        normalmente sarebbero trovate in questi file in locale,
        fa una query al server NIS a cui  legato.</para>

      <sect3>
        <title>Tipi di macchine</title>

        <itemizedlist>
          <listitem>
            <para>Un <emphasis>server master NIS</emphasis><indexterm><primary>NIS</primary><secondary>master server</secondary></indexterm>. Questo
              server, analogamente a primary domain controller
              &windowsnt; , mantiene i file usati da tutti i client
              NIS.  Il file <filename>passwd</filename>,
              il file <filename>group</filename>, e vari altri
              file usati da client NIS vivono sul
              server master.</para>

            <note>
              <para>E' possibile per una macchina agire
              da master server NIS per pi di un dominio
              NIS.  Comunque, questo caso non sar
              coperto in questa introduzione,
              che presuppone un ambiente NIS relativamente piccolo.</para>
            </note>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><emphasis>NIS slave server</emphasis><indexterm><primary>NIS</primary><secondary>slave server</secondary></indexterm>.  Analogamente
              a backup domain controller &windowsnt;, i server
              slave NIS mantengono copie dei file di dati
              del server master NIS.  I server slave NIS garantiscono
              la ridondanza che viene richiesta in ambienti
              importanti.  Inoltre aiutano a bilanciare il carico
              del server master: i client NIS si legano sempre
              al NIS server che risponde per primo alla loro richiesta,
              compresi i server slave.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><emphasis>NIS client</emphasis><indexterm><primary>NIS</primary><secondary>client</secondary></indexterm>.  I client NIS,
              come la maggior parte delle workstation &windowsnt;
              , si autenticano nei confronti del NIS server
              (o del domain controller &windowsnt; nel caso di
              workstation &windowsnt;) per effettuare il login.
            </para>
          </listitem>
        </itemizedlist>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Usare NIS/YP</title>

      <para>Questa sezione riguarder l'installazione
        di un ambiente di esempio NIS.</para>

      <sect3>
        <title>Il Piano</title>

        <para>Supponiamo che tu sia l'amministratore di un piccolo
          laboratorio universitario.  Questo laboratorio, che
          consiste di 15 macchine FreeBSD, al momento non ha
          un sistema centralizzato di amministrazione; ogni
          macchina ha il suo <filename>/etc/passwd</filename> e
          <filename>/etc/master.passwd</filename>.  Questi file
          sono tenuti sincronizzati fra di loro attraverso
          intervento manuale; al momento, quando aggiungi un utente
          al laboratorio, devi eseguire <command>adduser</command>
          su tutte e 15 le macchine.  Chiaramente, questa situazione
           provvisoria, cos hai deciso di convertire il
          laboratorio a NIS, usando due delle macchine
          come server.</para>

        <para>Cos la configurazione del laboratorio adesso
          sembra questa:</para>

        <informaltable frame="none" pgwide="1">
          <tgroup cols="3">
            <thead>
              <row>
                <entry>Nome della macchina</entry>

                <entry>Indirizzo IP</entry>

                <entry>Ruolo della macchina</entry>
              </row>
            </thead>

            <tbody>
              <row>
                <entry><hostid>ellington</hostid></entry>

                <entry><hostid role="ipaddr">10.0.0.2</hostid></entry>

                <entry>NIS master</entry>
              </row>

              <row>
                <entry><hostid>coltrane</hostid></entry>

                <entry><hostid role="ipaddr">10.0.0.3</hostid></entry>

                <entry>NIS slave</entry>
              </row>

              <row>
                <entry><hostid>basie</hostid></entry>

                <entry><hostid role="ipaddr">10.0.0.4</hostid></entry>

                <entry>Workstation della facolt</entry>
              </row>

              <row>
                <entry><hostid>bird</hostid></entry>

                <entry><hostid role="ipaddr">10.0.0.5</hostid></entry>

                <entry>Macchina client</entry>
              </row>

              <row>
                <entry><hostid>cli[1-11]</hostid></entry>

                <entry><hostid role="ipaddr">10.0.0.[6-17]</hostid></entry>

                <entry>Altre macchine client</entry>
              </row>
            </tbody>
          </tgroup>
        </informaltable>

        <para>Se stai installando uno schema NIS per la
          prima volta,  una buona idea riflettere
          su come affrontarlo.  Indipendemente dalla
          dimensione della rete, ci sono alcune
          decisioni che devono essere prese.</para>

        <sect4>
          <title>Scegliere un nome dominio NIS</title>

          <indexterm>
            <primary>NIS</primary>
            <secondary>Nome dominio</secondary>
          </indexterm>

          <para>Questo pu non essere il
            <quote>nome dominio</quote> a
            cui sei abituato.  Per la precisione viene chiamato
            <quote>nome dominio NIS</quote>.  Quando un client
            fa il broadcast della sua richiesta per informazioni,
            include il nome del dominio NIS di cui fa parte.
            In questo modo molti server su una rete possono distinguere
            a quale server la richiesta  riferita.  Considerate
            il nome dominio NIS come il nome per un gruppo di host
            che sono collegati per qualche motivo.</para>

          <para>Alcune organizzazioni scelgono di usare il loro
            nome dominio Internet come nome dominio NIS.  Questo non
             raccomandabile in quanto pu causare confusione
            quando si cerchi di debuggare problemi di rete.
            Il nome dominio NIS dovrebbe essere unico all'interno
            della tua rete ed  utile che sia descrittivo
            del gruppo di macchine che rappresenta.  Per
            esempio, il dipartimento di Arte della Acme Inc. pu
            essere nel dominio <quote>acme-art</quote>.  Per questo
            esempio, si presume tu abbia scelto il nome
            <literal>test-domain</literal>.</para>

          <indexterm><primary>SunOS</primary></indexterm>

          <para>Comunque, alcuni sistemi operativi (principalmente
            &sunos;) usano il loro nome dominio NIS come loro nome
            dominio Internet.  Se una o pi macchine sulla tua rete
            hanno questa restrizione, tu <emphasis>devi</emphasis>
            usare il nome dominio Internet come il tuo
            nome dominio NIS.</para>
        </sect4>

        <sect4>
          <title>Requisiti fisici dei server</title>

          <para>Ci sono molte cose da tener in mente quando si
            sceglie quale macchina usare come server NIS.  Una
            delle caratteristiche pi sfortunate di NIS
             il livello di dipendenza che i client hanno
            verso il server.  Se un client non riesce a
            contattare il server per
            il suo dominio NIS, molto spesso la macchina risulta
            inutilizzabile.  La mancanza di informazioni utente e
            di gruppo fa s che molti sistemi si blocchino.  Tenendo
            questo in mente dovresti accertati di scegliere una
            macchina che non sia soggetta a reboot frequenti o
            una che non sia usata per sviluppo.  Il server
            NIS dovrebbe essere in teoria una macchina
            stand alone il cui unico
            scopo di esistenza  essere un server NIS.  Se hai una
            rete non pesantemente trafficata,
             accettabile installare
            il server NIS su una macchina che esegue altri servizi,
            basta ricordarsi che se il server NIS diventa
            irrangiungibile, <emphasis>tutti</emphasis> i tuoi
            client NIS ne saranno affetti in modo negativo.</para>
        </sect4>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Server NIS</title>

        <para> Le copie canoniche di tutte le informazioni NIS
          sono conservate su una singola macchina chiamata
          il server master NIS.  I database usati per conservare
          le informazioni sono chiamate mappe NIS.  In FreeBSD,
          queste mappe sono conservate in
          <filename>/var/yp/[nome-dominio]</filename> dove
          <filename>[nome-dominio]</filename>  il nome del dominio
          NIS che si server.  Un singolo server NIS pu supportare
          molti domini al tempo stesso, di conseguenza 
          possibile avere molte directory di questo tipo,
          una per ogni dominio supportato.  Ogni dominio
          avr il suo insieme indipendente di mappe.</para>

        <para>I server NIS master e slave gestiscono tutte le
          richieste NIS col demone <command>ypserv</command>.
          <command>ypserv</command>  responsabile per
          la ricezione delle richieste in entrata dai client NIS,
          traducendo il dominio richiesto e il nome mappa ad un
          percorso verso il file di database e trasmettendo
          i dati indietro al client.</para>

        <sect4>
          <title>Installare un server master NIS</title>

          <indexterm>
            <primary>NIS</primary>
            <secondary>configurazione del server</secondary>
          </indexterm>

          <para>Installare un server master NIS pu essere
            relativamente semplice, a seconda delle tue
            necessit.  FreeBSD presenta un supporto nativo
            per NIS.  Tutto quello che devi fare  aggiungere
            le seguenti linee a <filename>/etc/rc.conf</filename>,
            e FreeBSD far il resto.</para>

          <procedure>
            <step>
              <para><programlisting>nisdomainname="test-domain"</programlisting>
                Questa linea imposter il nome domino NIS a
                <literal>test-domain</literal>
                al momento della configurazione di rete
                (ad esempio dopo il reboot).</para>
            </step>

            <step>
              <para><programlisting>nis_server_enable="YES"</programlisting>
                Questa linea dir a FreeBSD di avviare i processi
                NIS server la prossima volta che la rete
                 riavviata.</para>
            </step>

            <step>
              <para><programlisting>nis_yppasswdd_enable="YES"</programlisting>
                Questo avvier il demone
                <command>rpc.yppasswd</command> che, come accennato
                prima, permetter agli utenti di cambiare la loro
                password NIS dalle macchine client.</para>
            </step>
          </procedure>

          <note>
            <para>A seconda delle tue impostazioni NIS, potresti
              aver bisogno di aggiungere altre linee.  Leggi
              la <link linkend="network-nis-server-is-client">
              sezione sui NIS server che sono anche NIS client
              </link>, di seguito, per dettagli.</para>
          </note>

          <para>Ora, tutto quello che devi fare  eseguire
             il comando <command>/etc/netstart</command>
             come super-utente.  Questo imposter
             il sistema, usando i valori che hai specificato
             in <filename>/etc/rc.conf</filename>.</para>
        </sect4>

        <sect4>
          <title>Inizializzare le mappe NIS</title>

          <indexterm>
            <primary>NIS</primary>
            <secondary>mappe</secondary>
          </indexterm>

          <para>Le <emphasis>mappe NIS</emphasis> sono file di
            database, che sono conservati nella directory
            <filename>/var/yp</filename>.  Sono generati
            da file di configurazione nella directory
            <filename>/etc</filename> del NIS master, con
            una eccezione: il file
            <filename>/etc/master.passwd</filename>.
            C' un buon motivo per questo, infatti
            normalmente non vuoi che siano
            propagate le password a <username>root</username>
            e ad altri account amministrativi a tutti gli
            altri server nel dominio NIS.  Cos prima
            di inizializzare le mappe
            NIS, dovresti:</para>

          <screen>&prompt.root; <userinput>cp /etc/master.passwd /var/yp/master.passwd</userinput>
&prompt.root; <userinput>cd /var/yp</userinput>
&prompt.root; <userinput>vi master.passwd</userinput></screen>

          <para>Dovresti rimuovere tutte le linee che riguardano
            account di sistema (<username>bin</username>,
            <username>tty</username>, <username>kmem</username>,
            <username>games</username>, etc.), cos come altri
            account che non vuoi siano propagate ai client NIS
            (per esempio <username>root</username> ed ogni altro
            account con UID 0 (super-utente)).</para>

          <note>
            <para>Accertati che il file
              <filename>/var/yp/master.passwd</filename> non
              sia n leggibile dal gruppo n dal resto
              del mondo (modo 600)!
              Usa il comando <command>chmod</command>, se
              appropriato.</para>
          </note>

          <indexterm><primary>Tru64 UNIX</primary></indexterm>

          <para>Quando hai finito,  il momento di inizializzare
            le mappe NIS!  FreeBSD include uno script chiamato
            <command>ypinit</command> che lo fa per te (leggi
            la sua pagina di manuale per dettagli).  Nota che
            questo script  disponibile sulla maggior parte dei
            sistemi operativi &unix; ma non su tutti.  Su
            Digital Unix/Compaq Tru64 UNIX  chiamato
            <command>ypsetup</command>.  Poich stiamo generando
            mappe per un NIS master, passeremo l'opzione
            <option>-m</option> al comando <command>ypinit</command>.
            Per generare le mappe NIS, supponendo che tu abbia gi
            eseguito i passi di cui sopra, esegui:</para>

          <screen>ellington&prompt.root; <userinput>ypinit -m test-domain</userinput>
Server Type: MASTER Domain: test-domain
Creating an YP server will require that you answer a few questions.
Questions will all be asked at the beginning of the procedure.
Do you want this procedure to quit on non-fatal errors? [y/n: n]
<userinput>n</userinput>
Ok, please remember to go back and redo manually whatever fails.
If you don't, something might not work.
At this point, we have to construct a list of this domains YP servers.
rod.darktech.org is already known as master server.
Please continue to add any slave servers, one per line. When you are
done with the list, type a &lt;control D&gt;.
master server   :  ellington
next host to add:  <userinput>coltrane</userinput>
next host to add:  <userinput>^D</userinput>
The current list of NIS servers looks like this:
ellington
coltrane
Is this correct?  [y/n: y] <userinput>y</userinput>

[..output from map generation..]

NIS Map update completed.
ellington has been setup as an YP master server without any errors.</screen>

          <para><command>ypinit</command> dovrebbe aver creato
            <filename>/var/yp/Makefile</filename> da
            <filename>/var/yp/Makefile.dist</filename>.
            Quando creato, questo file assume che tu stia operando
            su un ambiente NIS a server singolo con solo macchine
            FreeBSD.  Dal momento che <literal>test-domain</literal>
            ha anche un server slave, devi editare
            <filename>/var/yp/Makefile</filename>:</para>

          <screen>ellington&prompt.root; <userinput>vi /var/yp/Makefile</userinput></screen>

          <para>Dovresti commentare la linea che dice</para>

          <programlisting>NOPUSH = "True"</programlisting>

          <para>(se non  gi commentata).</para>
        </sect4>

        <sect4>
          <title>Impostare un server slave NIS</title>

          <indexterm>
            <primary>NIS</primary>
            <secondary>slave server</secondary>
          </indexterm>

          <para>Impostare un server NIS slave  anche
            pi semplice che impostare il master.  Loggati
            al server slave ed edita
            il file <filename>/etc/rc.conf</filename>
            esattamente come hai fatto col server master.
            L'unica differenza  che
            ora dobbiamo usare l'opzione <option>-s</option> quando
            eseguiamo <command>ypinit</command>.  L'opzione
            <option>-s</option> richiede che il nome del
            server NIS sia passato, cos la nostra linea
            di comando assomiglia
            alla seguente:</para>

          <screen>coltrane&prompt.root; <userinput>ypinit -s ellington
test-domain</userinput>

Server Type: SLAVE Domain: test-domain Master: ellington

Creating an YP server will require that you answer a few questions.
Questions will all be asked at the beginning of the procedure.

Do you want this procedure to quit on non-fatal errors? [y/n: n]
<userinput>n</userinput>

Ok, please remember to go back and redo manually whatever fails.
If you don't, something might not work.
There will be no further questions. The remainder of the procedure
should take a few minutes, to copy the databases from ellington.
Transferring netgroup...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring netgroup.byuser...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring netgroup.byhost...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring master.passwd.byuid...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring passwd.byuid...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring passwd.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring group.bygid...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring group.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring services.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring rpc.bynumber...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring rpc.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring protocols.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring master.passwd.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring networks.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring networks.byaddr...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring netid.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring hosts.byaddr...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring protocols.bynumber...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring ypservers...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred
Transferring hosts.byname...
ypxfr: Exiting: Map successfully transferred

coltrane has been setup as an YP slave server without any errors.
Don't forget to update map ypservers on ellington.</screen>

          <para>Ora dovresti avere una directory chiamata
            <filename>/var/yp/test-domain</filename>.  Copie
            delle mappe NIS del master server dovrebbero risiedere
            in questa directory.  Dovresti accertarti che siano
            aggiornate.  La seguente linea di
            <filename>/etc/crontab</filename> sul tuo server slave
            dovrebbe far ci:</para>

          <programlisting>20      *       *       *       *       root /usr/libexec/ypxfr passwd.byname
21      *       *       *       *       root   /usr/libexec/ypxfr passwd.byuid</programlisting>

          <para>Queste due linee forzano lo slave a sincronizzare
            le sue mappe con le mappe del server master.
            Anche se queste entry non sono obbligatorie,
            dal momento che il server
            master cerca di assicurarsi che tutte le modifiche
            alle sue mappe NIS siano comunicate ad i suoi slave
            e perch le informazioni sulle password sono vitali
            per i sistemi che dipendono dal server,  una buona idea
            forzare gli aggiornamenti.  Questo  ancora pi
            importante su reti trafficate dove gli aggiornamenti
            delle mappe potrebbero non essere completi.</para>

          <para>Adesso, esegui il comando
            <command>/etc/netstart</command> anche sullo slave,
            per avviare il server NIS.</para>
        </sect4>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Client NIS</title>

        <para>Un client NIS stabilisce quello che 
          chiamato un binding ad un particolare NIS
          server usando il demone
          <command>ypbind</command>.  <command>ypbind</command>
          controlla il dominio di default del sistema
          (impostato dal comando <command>domainname</command>),
          ed inizia a fare broadcast di richieste RPC sulla rete
          locale.  Queste richieste specificano il nome del
          dominio per il quale <command>ypbind</command> sta
          cercando di stabilire un binding.  Se un server  stato
          configurato a servire il dominio richiesto, risponder
          a <command>ypbind</command>, che registrer l'indirizzo
          del server.  Se ci sono molti server disponibili
          (ad esempio un master e molti slave),
          <command>ypbind</command> user l'indirizzo del primo
          che risponde.  Da quel momento in poi, il sistema client
          diriger tutte le sue richieste NIS a quel server.
          <command>ypbind</command> occasionalmente far un
          <quote>ping</quote> del server per accertarsi che sia su
          ed attivo.  Se non riceve una risposta di uno dei suoi
          ping in un tempo accettabile, <command>ypbind</command>
          segner il dominio come non connesso e inizier
          di nuovo a fare broadcasting nella speranza di
          localizzare un altro server.</para>

        <sect4>
          <title>Impostare un client NIS</title>

          <indexterm>
            <primary>NIS</primary>
            <secondary>configurazione del client</secondary>
          </indexterm>

          <para>Impostare una macchina FreeBSD perch sia un client
            NIS  abbastanza semplice.</para>

          <procedure>
            <step>
              <para>Edita il file <filename>/etc/rc.conf</filename> e
                aggiungi le seguenti linee per impostare il nome
                dominio NIS ed avviare <command>ypbind</command>
                all'avvio della rete:</para>

              <programlisting>nisdomainname="test-domain"
nis_client_enable="YES"</programlisting>
            </step>

            <step>
              <para>Per importare tutte le possibili linee di
                password dal server NIS, rimuovi tutti gli account
                utente dal tuo <filename>/etc/master.passwd</filename>
                ed usa <command>vipw</command> per aggiungere
                la seguente linea alla fine del file:</para>

              <programlisting>+:::::::::</programlisting>

              <note>
                <para>Questa linea permetter a chiunque con un
                  valido account nella mappa delle password
                  del server NIS di loggarsi sul client.  Ci
                  sono molti modi per
                  configurare il tuo client NIS cambiando questa
                  linea.  Leggi la
                  <link linkend="network-netgroups">sezione
                    sui netgroups</link> di seguito per maggiori
                  informazioni.  Per letture pi dettagliate vedere
                  il libro della O'Reilly
                  <literal>Managing NFS and NIS</literal>.</para>
              </note>

              <note>
                <para>Dovresti tenere almeno un account locale (non
                  importato via NIS) nel tuo file
                  <filename>/etc/master.passwd</filename> e questo
                  account dovrebbe essere anche un membro del gruppo
                  <groupname>wheel</groupname>.  Se c' qualche
                  problema con NIS, questo account pu essere usato
                  per loggarsi da remoto, diventare
                  <username>root</username> e riparare le cose.</para>
              </note>
            </step>

            <step>
              <para>Per impostare tutte le possibili linee dei gruppi
                dal server NIS, aggiungi questa linea al tuo file
                <filename>/etc/group</filename>:</para>

              <programlisting>+:*::</programlisting>
            </step>
          </procedure>

          <para>Dopo aver completato questi passi, dovresti
            essere in grado di eseguire <command>ypcat passwd</command>
            e vedere la mappa delle password del NIS server.</para>
        </sect4>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Sicurezza di NIS</title>

      <para>In generale, ogni utente remoto pu eseguire una RPC
        a &man.ypserv.8; ed ottenere i contenuti delle tue mappe NIS,
        ammesso che l'utente remoto conosca il tuo nome dominio.
        Per prevenire tali transazioni non autorizzate,
        &man.ypserv.8; supporta una caratteristica chiamata
        <quote>securenets</quote> che pu essere usata per
        restringere l'accesso ad un dato insieme di host.  All'avvio
        &man.ypserv.8; cercher di caricare le informazioni
        delle securenets da un file chiamato
        <filename>/var/yp/securenets</filename>.</para>

      <note>
        <para>Questo percorso varia a secondo del percorso
          specificato con l'opzione <option>-p</option>.  Questo
          file contiene linee che consistono di una
          specificazione della rete e di una maschera di
          rete separate da spazi vuoti.  Le linee che
          cominciano con <quote>#</quote> sono
          considerati commenti.  Un esempio di file securenets pu
          assomigliare al seguente:</para>
      </note>

      <programlisting># allow connections from local host -- mandatory
127.0.0.1     255.255.255.255
# allow connections from any host
# on the 192.168.128.0 network
192.168.128.0 255.255.255.0
# allow connections from any host
# between 10.0.0.0 to 10.0.15.255
# this includes the machines in the testlab
10.0.0.0      255.255.240.0</programlisting>

      <para>Se &man.ypserv.8; riceve una richiesta da un indirizzo
        che coincide con una di queste regole, processer
        la richiesta normalmente.  Se l'indirizzo non coincide
        la richiesta sar ignorata ed un messaggio di warning
        sar loggato.  Se il file
        <filename>/var/yp/securenets</filename> non esiste,
        <command>ypserv</command> permetter connessioni
        da ogni host.</para>

      <para>Il programma <command>ypserv</command> ha
        anche supporto per il pacchetto di Wietse Venema
        <application>TCP Wrapper</application>.  Questo
        permette all'amministratore di usare i file
        di configurazione di <application>TCP Wrapper</application>
        per controlli sull'accesso al posto di
        <filename>/var/yp/securenets</filename>.</para>

      <note>
        <para>Pur essendo entrambi questi meccanismi di accesso
          di controllo abbastanza sicuri,
          questi, come il test di porta privilegiata,
          sono vulnerabili agli attacchi
          <quote>IP spoofing</quote>.  Tutto il traffico
          relativo a NIS dovrebbe essere bloccato al firewall.</para>

        <para>I server che usano
          <filename>/var/yp/securenets</filename>
          possono non riuscire a servire client NIS legittimi che
          abbiano implementazioni TCP/IP obsolete.  Alcune
          di queste implementazioni impostano a zero tutti i
          bit degli host quando fanno broadcast e/o non
          riescono a osservare la maschera di sotto-rete
          quando calcolano l'indirizzo
          broadcast.  Mentre alcuni di questi problemi possono
          essere corretti cambiando la configurazione del client,
          altri problemi possono causare il ritiro dei client
          in questione o l'abbandono di
          <filename>/var/yp/securenets</filename>.</para>

        <para>Usando <filename>/var/yp/securenets</filename> su un
          server con una tale obsoleta implementazione del TCP/IP
           sicuramente una cattiva idea e causer alla
          perdita della funzionalit NIS per gran parte della tua
          rete.</para>

        <indexterm><primary>TCP Wrappers</primary></indexterm>

        <para>L'uso del pacchetto
          <application>TCP Wrapper</application>
          aumenta la latenza del tuo server NIS.  Il ritardo
          addizionale pu essere lungo a sufficienza tanto
          da causare dei timeout in programmi client, specialmente
          su reti trafficate o con server NIS lenti.  Se uno o
          pi client soffre di questi sintomi, dovresti convertire
          il sistema dei client in questione a server NIS slave
          e forzarli a non fare il binding a loro stessi.</para>
      </note>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Impedire ad Alcuni Utenti di Loggarsi</title>

      <para>Nel nostro laboratorio c' una macchina
        <hostid>basie</hostid> che si suppone sia una workstation
        solo della facolt.  Non vogliamo togliere questa
        macchina dal dominio NIS, tuttavia il file
        <filename>passwd</filename> sul server NIS master
        contiene account che sono sia della
        facolt sia degli studenti.  Cosa possiamo fare?</para>

      <para>C' un modo di impedire a specifici utenti di loggarsi
        ad una macchina, anche se sono presenti nel database NIS.
        Per farlo, tutto quello che devi fare 
        aggiungere
        <literal>-<replaceable>username</replaceable></literal>
        alla fine del file <filename>/etc/master.passwd</filename>
        sulla macchina client, dove
        <replaceable>username</replaceable>  lo username
        dell'utente di cui vuoi impedire l'accesso.
        E' meglio fare questo con
        <command>vipw</command> dato che <command>vipw</command>
        far un controllo di correttezza dei tuoi cambiamenti a
        <filename>/etc/master.passwd</filename>, e ricostruir
        automaticamente il database delle password quando hai finito
        di editarlo.  Ad esempio, se vogliamo impedire l'accesso
        all'utente <username>bill</username> verso l'host
        <hostid>basie</hostid> faremmo:</para>

      <screen>basie&prompt.root; <userinput>vipw</userinput>
<userinput>[aggiungi -bill alla fine del file, poi esci]</userinput>
vipw: rebuilding the database...
vipw: done

basie&prompt.root; <userinput>cat /etc/master.passwd</userinput>

root:[password]:0:0::0:0:The super-user:/root:/bin/csh
toor:[password]:0:0::0:0:The other super-user:/root:/bin/sh
daemon:*:1:1::0:0:Owner of many system processes:/root:/sbin/nologin
operator:*:2:5::0:0:System &amp;:/:/sbin/nologin
bin:*:3:7::0:0:Binaries Commands and Source,,,:/:/sbin/nologin
tty:*:4:65533::0:0:Tty Sandbox:/:/sbin/nologin
kmem:*:5:65533::0:0:KMem Sandbox:/:/sbin/nologin
games:*:7:13::0:0:Games pseudo-user:/usr/games:/sbin/nologin
news:*:8:8::0:0:News Subsystem:/:/sbin/nologin
man:*:9:9::0:0:Mister Man Pages:/usr/share/man:/sbin/nologin
bind:*:53:53::0:0:Bind Sandbox:/:/sbin/nologin
uucp:*:66:66::0:0:UUCP
pseudo-user:/var/spool/uucppublic:/usr/libexec/uucp/uucico
xten:*:67:67::0:0:X-10 daemon:/usr/local/xten:/sbin/nologin
pop:*:68:6::0:0:Post Office Owner:/nonexistent:/sbin/nologin
nobody:*:65534:65534::0:0:Unprivileged user:/nonexistent:/sbin/nologin
+:::::::::
-bill

basie&prompt.root;</screen>
    </sect2>

    <sect2 id="network-netgroups">
      <sect2info>
        <authorgroup>
          <author>
            <firstname>Udo</firstname>

            <surname>Erdelhoff</surname>

            <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
          </author>
        </authorgroup>
      </sect2info>

      <title>Usare i Netgroups</title>

      <indexterm><primary>netgroups</primary></indexterm>

      <para>Il metodo mostrato nella sezione precedente funziona
        ragionevolmente bene se hai bisogno di regole speciali
        per un numero molto piccolo di utenti e/o macchine.  Su
        reti pi grandi, <emphasis>certamente</emphasis> ti
        dimenticherai di impedire l'accesso di certi utenti
        a macchine dal ruolo critico, oppure potresti perfino
        finire a modificare ogni macchina separatamente, in questo
        modo perdendo il beneficio centrale di NIS:
        l'amministrazione <emphasis>centralizzata</emphasis>.</para>

      <para>La soluzione degli sviluppatori NIS a questo problema
         chiamata <emphasis>netgroups</emphasis>.  Il
        loro scopo e la loro semantica possono essere
        paragonate ai normali gruppi utenti usati dal
        file system &unix;.  L'unica differenza
         la mancanza di un ID numerico e l'abilit di
        definire un netgroup che includa sia gruppi utenti che altri
        netgroup.</para>

      <para>I netgroup furono sviluppati per gestire grandi reti
        complesse con centinaia di utenti e macchine.  Da un lato
        questa  una Buona Cosa se sei obbligato a gestire una
        simile situazione.  Dall'altro, questa complessit rende
        praticamente impossibile spiegare i netgroup con esempi
        relativamente semplici.  L'esempio usato nel resto di questa
        sezione dimostra questo problema.</para>

      <para>Assumiamo che la favorevole introduzione di NIS nei tuoi
        laboratori catturi l'interesse dei tuoi superiori.  Il tuo
        prossimo compito  di estendere il tuo dominio NIS per
        coprire alcune altre macchine del campo.  Le due tabelle contengono
        i nomi dei nuovi utenti e delle nuove macchine, con una breve
        descrizione.</para>

      <informaltable frame="none" pgwide="1">
        <tgroup cols="2">
          <thead>
            <row>
              <entry>User Name(s)</entry>

              <entry>Description</entry>
            </row>
          </thead>

          <tbody>
            <row>
              <entry><username>alpha</username>,
                <username>beta</username></entry>

              <entry>Impiegato normale del dipartimento IT</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><username>charlie</username>,
                <username>delta</username></entry>

              <entry>Il nuovo apprendista del dipartimento IT</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><username>echo</username>,
                <username>foxtrott</username>,
                <username>golf</username>, ...</entry>

              <entry>Impiegato ordinario</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><username>able</username>, <username>baker</username>,
                ...</entry>

              <entry>Gli interni correnti</entry>
            </row>
          </tbody>
        </tgroup>
      </informaltable>

      <informaltable frame="none" pgwide="1">
        <tgroup cols="2">
          <thead>
            <row>
              <entry>Machine Name(s)</entry>

              <entry>Description</entry>
            </row>
          </thead>

          <tbody>
            <row>
              <!--  Names taken from "Good Omens" by Neil Gaiman and Terry
                    Pratchett.  Many thanks for a brilliant book.  -->

              <entry><hostid>war</hostid>, <hostid>death</hostid>,
                <hostid>famine</hostid>,
                <hostid>pollution</hostid></entry>

              <entry>Il tuoi server pi importanti.  Solo
                gli impiegati IT hanno il permesso di loggarsi
                in queste macchine.</entry>
            </row>

            <row>
              <!-- gluttony was omitted because it was too fat -->

              <entry><hostid>pride</hostid>, <hostid>greed</hostid>,
                <hostid>envy</hostid>, <hostid>wrath</hostid>,
                <hostid>lust</hostid>, <hostid>sloth</hostid></entry>

              <entry>Server meno importanti.  Tutti i membri
                del dipartimento IT hanno il permesso di loggarsi
                a queste macchine.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><hostid>one</hostid>, <hostid>two</hostid>,
                <hostid>three</hostid>, <hostid>four</hostid>,
                ...</entry>

              <entry>Workstation normali.  Solo
                <emphasis>veri</emphasis> impiegati hanno permesso
                di accedere a queste macchine.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><hostid>trashcan</hostid></entry>

              <entry>Una macchina molto vecchia senza alcun dato
                critico.  Anche gli interni hanno permesso di usare
                questa macchina.</entry>
            </row>
          </tbody>
        </tgroup>
      </informaltable>

      <para>Se provi ad implementare queste restrizioni bloccando
        separatamente ogni utente, dovresti aggiungere una linea
        <literal>-<replaceable>user</replaceable></literal>
        ad ogni <filename>passwd</filename> per ogni utente che
        non ha il permesso di loggarsi in quel sistema.  Se ti
        dimentichi anche solo di una linea, potresti essere nei
        pasticci.  Pu essere ragionevole fare ci
        correttamente durante l'installazione iniziale, comunque
        <emphasis>certamente</emphasis> ti dimenticherai alla fine
        di aggiungere le linee per i nuovi utenti durante le
        operazioni giornaliere.  Dopo tutto, Murphy era un
        ottimista.</para>

      <para>Gestire questa situazione con i netgroup offre
        molti vantaggi.  Non c' bisogno di gestire
        separatamente ogni utente; basta assegnare un utente ad
        uno o pi netgroup e permettere o impedire il login
        a tutti i membri del netgroup.  Se aggiungi una
        nuova macchina, dovrai solo definire restrizioni di
        login per i netgroup.  Se un nuovo utente viene
        aggiunto, dovrai solo aggiungere l'utente
        ad uno o pi netgroup.  Questi cambiamenti sono indipendenti
        l'uno dall'altro: non pi <quote>per ogni combinazione di
        utenti e macchine fai ...</quote>Se la tua installazione
        NIS  pianificata con attenzione, dovrai solo modificare
        esattamente un file centrale di configurazione per garantire
        o negare l'accesso alle macchine.</para>

      <para>Il primo passo  l'inizializzazione della mappa NIS
        netgroup.  &man.ypinit.8; di FreeBSD non crea questa mappa
        di default, ma la sua implementazione NIS la supporter
        una volta che  stata creata.  Per aggiungere una linea alla
        mappa, semplicemente usa il comando</para>

      <screen>ellington&prompt.root; <userinput>vi /var/yp/netgroup</userinput></screen>

      <para>e poi inizia ad aggiungere contenuti.  Per i nostri esempi
        abbiamo bisogno di almeno quattro netgroup: impiegati IT,
        apprendisti IT, impiegati normali ed interni.</para>

      <programlisting>IT_EMP  (,alpha,test-domain)    (,beta,test-domain)
IT_APP  (,charlie,test-domain)  (,delta,test-domain)
USERS   (,echo,test-domain)     (,foxtrott,test-domain) \
        (,golf,test-domain)
INTERNS (,able,test-domain)     (,baker,test-domain)</programlisting>

      <para><literal>IT_EMP</literal>, <literal>IT_APP</literal> etc.
        sono i nomi dei netgroup.  Ogni gruppo fra parentesi tonde
        aggiunge uno o pi account utente.  I tre campi dentro il
        gruppo sono:</para>

      <orderedlist>
        <listitem>
          <para>Il nome degli host dove le seguenti caratteristiche
            sono valide.  Se non specifichi un nome host, la linea
             valida per tutti gli host.  Se specifichi un nome host,
            entrerai nel regno dell'oscurit, dell'orrore
            e della confusione assoluta.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Il nome dell'account che appartiene a questo
            netgroup.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Il dominio NIS per l'account.  Puoi
            importare account da altri domini NIS nel tuo netgroup
            se sei uno di quei ragazzi sfortunati con pi di
            un dominio NIS.</para>
        </listitem>
      </orderedlist>

      <para>Ognuno di questi campi pu contenere
        wildcards.  Leggi &man.netgroup.5; per dettagli.</para>

      <note>
        <indexterm><primary>netgroups</primary></indexterm>

        <para>Nomi netgroup pi lunghi di 8 caratteri
          non dovrebbero essere usati, specialmente se hai macchine
          che eseguono altri sistemi operativi all'interno del
          tuo dominio NIS.  I nomi sono case sensitive; usare
          le lettere maiuscole per il tuo netgroup 
          un modo semplice per distinguere fra utenti,
          macchine e nomi di netgroup.</para>

        <para>Alcuni client NIS (non FreeBSD) non possono
          gestire netgroup con un numero troppo grande di linee.
          Ad esempio, alcune vecchie versioni di &sunos; iniziano
          ad avere problemi se un netgroup contiene pi di 15
          <emphasis>linee</emphasis>.  Puoi superare questo
          limite creando molti sotto-netgroup con 15 o meno utenti
          ed un vero netgroup che consiste dei sotto-netgroup:</para>

        <programlisting>BIGGRP1  (,joe1,domain)  (,joe2,domain)
(,joe3,domain) [...]
BIGGRP2  (,joe16,domain)  (,joe17,domain) [...]
BIGGRP3  (,joe31,domain)  (,joe32,domain)
BIGGROUP  BIGGRP1 BIGGRP2 BIGGRP3</programlisting>

        <para>Puoi ripetere questo processo se hai bisogno di pi
          di 225 utenti all'interno di un singolo netgroup.</para>
      </note>

      <para>Attivare e distribuire la tua nuova mappa NIS
         facile:</para>

      <screen>ellington&prompt.root; <userinput>cd /var/yp</userinput>
ellington&prompt.root; <userinput>make</userinput></screen>

      <para>Questo generer le tre mappe NIS
        <filename>netgroup</filename>,
        <filename>netgroup.byhost</filename> e
        <filename>netgroup.byuser</filename>.  Usa
        &man.ypcat.1; per controllare che le tue
        nuove mappe NIS siano disponibili:</para>

      <screen>ellington&prompt.user; <userinput>ypcat -k
netgroup</userinput>
ellington&prompt.user; <userinput>ypcat -k netgroup.byhost</userinput>
ellington&prompt.user; <userinput>ypcat -k
netgroup.byuser</userinput></screen>

      <para>L'output del tuo primo comando dovrebbe assomigliare
        a <filename>/var/yp/netgroup</filename>.  Il secondo
        comando non produrr output se non hai specificato
        netgroup specifici agli host.  Il terzo comando pu
        essere usato per ottenere una lista dei netgroup di un
        utente.</para>

      <para>L'installazione del client  abbastanza semplice.
        Per configurare il server <hostid>war</hostid>, devi solo
        eseguire &man.vipw.8; e sostituire la linea</para>

      <programlisting>+:::::::::</programlisting>

      <para>con</para>

      <programlisting>+@IT_EMP:::::::::</programlisting>

      <para>Ora, solo i dati per l'utente definito nel netgroup
         <literal>IT_EMP</literal> sono importati nel
         database delle password di <hostid>war</hostid> e solo
         questi utenti hanno permesso di accesso.</para>

      <para>Sfortunatamente, questa limitazione si applica anche
        alla funzione della shell <literal>~</literal> ed a
        tutte le routine che convertono fra nomi utenti e user ID
        numerici.  In altre parole,<command>cd ~<replaceable>user
        </replaceable></command> non funzioner,
        <command>ls -l</command> mostrer gli ID numerici
        invece dello username e
        <command>find . -user joe -print</command>
        dar l'errore <errorname>No such user</errorname>.  Per
        riparare questo, dovrai importare tutte le linee dell'utente
        <emphasis>senza permettere a loro di loggarsi sui tuoi
        server</emphasis>.</para>

      <para>Questo pu essere ottenuto aggiungendo un'altra
        linea a <filename>/etc/master.passwd</filename>.  Questo
        dovrebbe contenere:</para>

      <para><literal>+:::::::::/sbin/nologin</literal>, dal significato
        <quote>Importa tutte le entry ma imposta la shell di
        login a <filename>/sbin/nologin</filename> nelle linee
        importate</quote>.  Puoi sostituire ogni campo nella linea
        <literal>passwd</literal> piazzando un valore di default
        nel tuo <filename>/etc/master.passwd</filename>.</para>

      <!-- Been there, done that, got the scars to prove it - ue -->
      <warning>
        <para>Accertati che la linea
          <literal>+:::::::::/sbin/nologin</literal> sia piazzata
          dopo <literal>+@IT_EMP:::::::::</literal>.  Altrimenti
          tutti gli account utente importati da NIS avranno
          <filename>/sbin/nologin</filename> come loro shell
          di login.</para>
      </warning>

      <para>Dopo questo cambiamento, dovrai solo cambiare
        una mappa NIS se un nuovo impiegato si unisce
        al dipartimento IT.  Puoi usare un simile
        approccio per i server meno importanti
        sostituendo <literal>+:::::::::</literal> nella tua versione
        locale di <filename>/etc/master.passwd</filename>
        con qualcosa del tipo:</para>

      <programlisting>+@IT_EMP:::::::::
+@IT_APP:::::::::
+:::::::::/sbin/nologin</programlisting>

      <para>Le linee corrispondenti per le workstation normali
        potrebbero essere:</para>

      <programlisting>+@IT_EMP:::::::::
+@USERS:::::::::
+:::::::::/sbin/nologin</programlisting>

      <para>E tutto sarebbe a posto fino a che non c' un
        cambiamento di policy dopo poche settimane:
        il dipartimento IT inizia ad assumere interni.
        Gli interni IT hanno permesso di usare le normali
        workstation ed i server meno importanti; e gli
        apprendisti IT hanno permesso di loggarsi ai
        server principali.  Aggiungi un nuovo netgroup
        <literal>IT_INTERN</literal>, aggiungi i nuovi interni IT
        a questo nuovo netgroup <literal>IT_INTERN</literal>,
        e inizia a cambiare la configurazione su ogni nuova macchina...
        Come il vecchio adagio dice:<quote>Errori nella pianificazione
        centralizzata porta a caos globale</quote>.</para>

      <para>L'abilit NIS di creare netgroup da altri netgroup
        pu essere usata per prevenire situazioni come queste.  Una
        possibilit  la creazione di netgroup basati sul
        ruolo.  Per esempio, potresti creare un netgroup chiamato
        <literal>BIGSRV</literal> per definire le restrizioni di login
        per i server importanti, un altro netgroup chiamato
        <literal>SMALLSRV</literal> per i server meno importanti
        ed un terzo netgroup chiamato <literal>USERBOX</literal>
        per le workstation normali.  Ognuna di questi netgroup
        contiene i netgroup che hanno permesso di accesso a
        queste macchine.  Le nuove linee della tua mappa NIS
        dovrebbero assomigliare a questa:</para>

      <programlisting>BIGSRV    IT_EMP  IT_APP
SMALLSRV  IT_EMP  IT_APP  ITINTERN
USERBOX   IT_EMP  ITINTERN USERS</programlisting>

      <para>Questo metodo di definire restrizioni di login
        funziona ragionevolmente bene se puoi definire gruppi
        di macchine con restrizioni identiche.  Sfortunatamente
        questa  l'eccezione, non la regola.  La maggior parte del
        tempo, avrai necessit di definire restrizioni di login
        macchina per macchina.</para>

      <para>Definizioni di netgroup specifiche per ogni
        macchina sono l'altra possibilit per gestire
        il cambiamento di policy delineato sopra.
        In questo scenario il
        <filename>/etc/master.passwd</filename> di ogni macchina
        deve contenere due linee che iniziano con
        <quote>+</quote>.  La prima di queste aggiunge un netgroup
        con l'account che ha il permesso di loggarsi alla macchina,
        il secondo aggiunge tutti gli altri account con
        <filename>/sbin/nologin</filename> come shell.  E' buona
        norma usare la versione <quote>MAIUSCOLA</quote> del nome
        macchina come nome del netgroup.  In altre parole, le linee
        dovrebbero assomigliare a questa:</para>

      <programlisting>+@<replaceable>BOXNAME</replaceable>:::::::::
+:::::::::/sbin/nologin</programlisting>

      <para>Una volta che hai completato questo task per tutte
        le macchine, non dovrai mai pi modificare la versione locale
        di <filename>/etc/master.passwd</filename>.  Tutti
        gli ulteriori cambiamenti possono essere
        gestiti modificando la mappa NIS.  Di
        seguito un esempio di una possibile
        mappa netgroup per questo scenario con altri vantaggi
        addizionali:</para>

      <programlisting># Define groups of users first
IT_EMP    (,alpha,test-domain)    (,beta,test-domain)
IT_APP    (,charlie,test-domain)  (,delta,test-domain)
DEPT1     (,echo,test-domain)     (,foxtrott,test-domain)
DEPT2     (,golf,test-domain)     (,hotel,test-domain)
DEPT3     (,india,test-domain)    (,juliet,test-domain)
ITINTERN  (,kilo,test-domain)     (,lima,test-domain)
D_INTERNS (,able,test-domain)     (,baker,test-domain)
#
# Now, define some groups based on roles
USERS     DEPT1   DEPT2     DEPT3
BIGSRV    IT_EMP  IT_APP
SMALLSRV  IT_EMP  IT_APP    ITINTERN
USERBOX   IT_EMP  ITINTERN  USERS
#
# And a groups for a special tasks
# Allow echo and golf to access our anti-virus-machine
SECURITY  IT_EMP  (,echo,test-domain)  (,golf,test-domain)
#
# machine-based netgroups
# Our main servers
WAR       BIGSRV
FAMINE    BIGSRV
# User india needs access to this server
POLLUTION  BIGSRV  (,india,test-domain)
#
# This one is really important and needs more access restrictions
DEATH     IT_EMP
#
# The anti-virus-machine mentioned above
ONE       SECURITY
#
# Restrict a machine to a single user
TWO       (,hotel,test-domain)
# [...more groups to follow]</programlisting>

      <para>Se stai usando qualche tipo di database per
        gestire i tuoi account utente, dovresti essere in
        grado di creare la prima parte della mappa con i
        tuoi tool di report del database.  In
        questo modo, i nuovi utenti avranno accesso automaticamente
        alle macchine.</para>

      <para>Un ultima nota di avvertimento: pu non essere sempre
        consigliabile usare netgroup basati sulle macchine.  Se
        stai per mettere in produzione qualche dozzina o perfino qualche
        centinaia di macchine identiche per laboratori studente,
        dovresti usare netgroup basati sul ruolo invece che netgroup
        basati sulla macchina, per tenere la dimensione della mappa
        NIS al di sotto di un limite ragionevole.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Cose Importanti da Ricordare</title>

      <para>Ci sono ancora un paio di cose che dovrai cambiare
        ora che operi in ambiente NIS.</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>Ogni volta che devi aggiungere un utente al
            laboratorio devi aggiungerlo
            <emphasis>solo</emphasis> al server
            master NIS e <emphasis>devi ricordarti di ricostruire
            le mappe NIS</emphasis>.  Se ti dimentichi di farlo
            il nuovo utente non sar in grado di loggarsi in alcuna
            macchina eccetto che sul server NIS master.  Per esempio,
            se abbiamo bisogno di aggiungere un nuovo utente
            <username>jsmith</username> al laboratorio,
            faremmo:</para>

          <screen>&prompt.root; <userinput>pw useradd jsmith</userinput>
&prompt.root; <userinput>cd /var/yp</userinput>
&prompt.root; <userinput>make test-domain</userinput></screen>

          <para>Puoi anche eseguire <command>adduser jsmith</command>
            invece di <command>pw useradd jsmith</command>.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><emphasis>Tieni gli account amministrativi fuori
            dalle mappe NIS</emphasis>.  Normalmente non vuoi che
            gli account amministrativ e le password si propaghino
            a macchine che avranno utenti che non dovrebbero avere
            accesso a quegli account.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><emphasis>Tieni al sicuro il NIS master e slave,
            e minimizza il tempo in cui sono gi</emphasis>.  Se
            qualcuno hackera o semplicemente spegne queste macchine
            riesce a privare molte persone della possibilit di
            loggarsi al laboratorio.</para>

          <para>Questa  la principale debolezza di ogni
            sistema centralizzato di amministrazione.  Se non proteggi
            il tuo server NIS, avrai un mucchio di utenti
            arrabbiati!</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Compatibilit con NIS v1</title>

      <para><application>ypserv</application> di FreeBSD supporta
        fino ad un certo punto client NIS v1.  L'implementazione
        di NIS di FreeBSD usa solo il protocollo NIS v2, comunque
        altre implementazioni includono supporto per il protocollo
        v1 per compatibilit all'indietro coi vecchi sistemi.  Il
        demone <application>ypbind</application> fornito con questi
        sistemi prover a stabilire un binding con un server
        NIS v1 anche se potrebbero non averne mai bisogno
        (e possono continuare a fare broadcast in ricerca di
        uno anche dopo che hanno ricevuto risposta da un
        server v2).  Nota che mentre il supporto per i
        client normali viene garantito, questa versione
        di <application>ypserv</application> non
        gestisce richieste di trasferimento di mappe v1; di
        conseguenza, non pu essere usato come master o slave in
        congiunzione con server NIS pi vecchi che
        supportano solo il protocollo v1.  Fortunatamente,
        probabilmente non ci sono
        server del genere in uso oggi.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-nis-server-is-client">
      <title>Server NIS che Sono Anche Client</title>

      <para> Bisogna prestare molta attenzione quando
        si esegue <application>ypserv</application> in
        un dominio multi-server dove le macchine server
        sono anche client NIS.
        E' generalmente una buona idea forzare i server
        ad effettuare il binding a s stessi piuttosto
        che permettere loro di effettuare il broadcast
        delle richieste binding e
        potenzialmente possono fare il bind una all'altra.
        Possono risultare strani errori quando un
        server va gi e gli altri sono dipendenti da
        lui.  Alla fine, tutti i client andranno in timeout
        e cercheranno di effettuare il bind ad altri server,
        ma il ritardo di questa operazione pu essere
        considerevole e l'uscita
        di errore  ancora presente dato che i server possono
        fare il binding fra di loro di nuovo.</para>

      <para>Puoi forzare un host a fare il binding ad un server
        in particolare usando <command>ypbind</command> con
        l'opzione <option>-S</option>.  Se non vuoi fare
        questa azione a mano ogni volta che fai il reboot
        del tuo server NIS, puoi aggiungere queste linee al tuo
        <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>nis_client_enable="YES"  # run client stuff as well
nis_client_flags="-S <replaceable>NIS
domain</replaceable>,<replaceable>server</replaceable>"</programlisting>

      <para>Consulta &man.ypbind.8; per ulteriori informazioni.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Formato delle Password</title>

      <indexterm>
        <primary>NIS</primary>
        <secondary>formato delle password</secondary>
      </indexterm>

      <para>Uno dei problemi pi comuni in cui la gente incappa
        quando tenta di implementare NIS  la compatibilit
        del formato delle password.  Se il tuo server NIS usa password
        criptate con DES, supporter solo client che usano anche loro
        DES.  Ad esempio, se hai client NIS &solaris; nella rete,
        dovrai quasi certamente usare password criptate
        con DES.</para>

      <para>Per controllare quale formato il tuo server
        e client usano, dai un'occhiata a
        <filename>/etc/login.conf</filename>.  Se l'host
         configurato per usare password criptate
        DES, la classe <literal>default</literal> conterr
        una linea simile a questa:</para>

      <programlisting>default:\
:passwd_format=des:\
:copyright=/etc/COPYRIGHT:\
[Further entries elided]</programlisting>

      <para>Altri valori possibili per l'opzione
        <literal>passwd_format</literal> includono
        <literal>blf</literal> e <literal>md5</literal>
        (per password criptate con Blowfish e con MD5,
        rispettivamente).</para>

      <para>Se hai fatto modifiche a
        <filename>/etc/login.conf</filename>,
        dovrai anche ricostruire il database
        delle possibilit di login, il che si
        ottiene eseguendo il seguente comando
        come <username>root</username>:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>cap_mkdb /etc/login.conf</userinput></screen>

      <note>
        <para>Il formato delle password che sono
          gi in <filename>/etc/master.passwd</filename> non
          sar aggiornato finch un utente cambia la
          sua password per la prima volta
          <emphasis>dopo</emphasis> che il
          database delle possibilit di login
           ricostruito.</para>
       </note>

      <para>Dopodich per assicurarti che le password siano
        criptate con il formato che hai scelto, dovresti
        anche controllare che <literal>crypt_default</literal>
        in <filename>/etc/auth.conf</filename> dia precedenza
        al formato delle password scelto.  Per farlo,
        inserisci il formato che hai scelto per primo
        nella lista.  Ad esempio, quando usi password
        criptate DES, la linea dovrebbe essere:</para>

      <programlisting>crypt_default  =  des blf md5</programlisting>

      <para>Seguendo i passi sopra citati su ognuno dei &os;
        basati su NIS server e client, puoi star sicuro che tutti
        siano d'accordo su quale formato delle password sia usato
        all'interno della rete.  Se hai problemi nell'identificazione
        su un client NIS, questo  un buon punto di partenza per
        cercare possibili problemi.  Ricordati: se vuoi mettere
        in produzione un server NIS per una rete eterogenea,
        dovrai probabilmente usare DES su tutti i sistemi
        poich questo  il minimo standard comune.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-dhcp">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Greg</firstname>

          <surname>Sutter</surname>

          <contrib>Scritto da </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Configurazione Automatica della Rete (DHCP)</title>

    <sect2>
      <title>Cos' il DHCP?</title>

      <indexterm>
        <primary>Dynamic Host Configuration Protocol</primary>
        <see>DHCP</see>
      </indexterm>
      <indexterm>
        <primary>Internet Software Consortium (ISC)</primary>
      </indexterm>

      <para>DHCP, il Protocollo di Configurazione Host Dinamico,
        descrive i passi attraverso i quali un sistema
        si pu connettere ad una rete ed ottenere
        l'informazione necessaria per comunicare attraverso
        quella rete.  Le versioni di FreeBSD prima della 6.0
        usano l'implementazione DHCP client (&man.dhclient.8;)
        dell'ISC (Internet Software Consortium).  Le ultime versioni
        usano il <command>dhclient</command> di OpenBSD preso
        da OpenBSD&nbsp;3.7.
        Tutte le informazioni specifiche all'implementazione
        di <command>dhclient</command> in questa sede
        sono riferite all'uso dei client DHCP sia di ISC che di OpenBSD.
        Il server DHCP  quello incluso nella
        distribuzione ISC.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Cosa Copre Questa Sezione</title>

      <para>Questa sezione descrive sia il lato client
        del sistema DHCP di ISC e di OpenBSD che il lato server del
        sistema DHCP ISC.  Il
        programma client, <command>dhclient</command>,
         gi
        integrato con FreeBSD, e la parte server 
        disponibile nel port <filename
        role="package">net/isc-dhcp3-server</filename>.  Le
        pagine di manuale &man.dhclient.8;, &man.dhcp-options.5;, e
        &man.dhclient.conf.5;, oltre ai riferimenti
        elencati oltre, sono risorse utili.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Come Funziona</title>

      <indexterm><primary>UDP</primary></indexterm>

      <para>Quando <command>dhclient</command>, il client
        DHCP, viene eseguito sulla macchina client, inizia
        a fare broadcasting di richieste per informazioni
        di configurazione.  Di default
        queste richieste sono sulla porta UDP 68.  Il server
        risponde sulla porta UDP 67, dando al client un
        indirizzo IP ed altre informazioni rilevanti di rete
        come la netmask, il router ed il DNS server.  Tutte
        queste informazioni
        arrivano sotto forma di un <quote>rilascio</quote> DHCP
        e sono valide sono per un certo periodo di tempo
        (configurato dall'amministratore del server DHCP).
        In questo modo, gli indirizzi IP bloccati da client
        che non sono pi connessi alla rete possono
        essere riutilizzati automaticamente.</para>

      <para>I client DHCP possono ottenere molti tipi
        di informazione dal server.  Una lista esauriente
        pu essere trovata in
        &man.dhcp-options.5;.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>L'Integrazione con FreeBSD</title>

      <para>&os; integra completamente il client
        DHCP ISC o OpenBSD, <command>dhclient</command>
        (a seconda della versione di &os; utilizzata).  Viene fornito
        supporto al client DHCP sia con l'installazione
        sia con il sistema base, rendendo inutile il bisogno
        di una conoscenza dettagliata della configurazione
        di rete su ogni rete che abbia un server DHCP.
        <command>dhclient</command>  stato incluso
        in tutte le distribuzioni FreeBSD a partire
        dalla 3.2.</para>

      <indexterm>
        <primary><application>sysinstall</application></primary>
      </indexterm>

      <para>DHCP  supportato da
        <application>sysinstall</application>.  Quando
        configuri una interfaccia di rete con
        <application>sysinstall</application>, la seconda
        domanda che ti pone :
        <quote> Vuoi provare a configurare
        l'interfaccia via DHCP?</quote>.  Una risposta
        affermativa eseguir <command>dhclient</command>,
        e, se ha successo, riempir le informazioni
        di configurazione della rete in automatico.</para>

      <para>Ci sono due cose che devi fare per far s
        che il tuo sistema usi il DHCP all'avvio:</para>

      <indexterm>
        <primary>DHCP</primary>
        <secondary>prerequisiti</secondary>
      </indexterm>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>Accertati che il device
            <devicename>bpf</devicename>
            sia compilato nel tuo kernel.  Per fare
            ci, aggiungi <literal>device bpf</literal>
            al tuo file di
            configurazione del kernel, e ricompilalo.
            Per maggiori informazioni su come ricompilare
            i kernel, vedi <xref
            linkend="kernelconfig"/>.</para> <para>Il device
            <devicename>bpf</devicename>  gi
            parte del kernel <filename>GENERIC</filename>
            che  fornito con FreeBSD, cos
            se non hai un kernel custom, non dovresti
            aver bisogno di crearne uno al fine di far funzionare
            il DHCP.</para>

          <note>
            <para>Quelli di voi che sono particolarmente
              attenti alla sicurezza, dovrebbero sapere che il
              device <devicename>bpf</devicename> 
              anche il device che permette agli sniffer di
              pacchetti di
              funzionare correttamente (anche se devono sempre
              essere eseguiti come <username>root</username>).
              <devicename>bpf</devicename>
              <emphasis></emphasis>
              richiesto per l'uso del DHCP, ma se siete molto
              attenti alla sicurezza, non dovreste probabilmente
              aggiungere <devicename>bpf</devicename> al
              vostro kernel in previsione di un uso
              futuro del DHCP.</para>
          </note>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>Edita il tuo <filename>/etc/rc.conf</filename>
            per includere la seguente linea:</para>

          <programlisting>ifconfig_fxp0="DHCP"</programlisting>

          <note>
            <para>Accertati di sostituire
              <literal>fxp0</literal> con il
              nome dell'interfaccia che intendi configurare
              dinamicamente, come descritto in
              <!--<xref linkend="config-network-setup"/>-->.</para>
          </note>

          <para>Se stai usando una locazione diversa
            per <command>dhclient</command>, o se desideri
            passare flags addizionali a
            <command>dhclient</command>
            includi anche le linee seguenti (editandole
            come necessario):</para>

          <programlisting>dhcp_program="/sbin/dhclient"
dhcp_flags=""</programlisting>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <indexterm>
        <primary>DHCP</primary>
        <secondary>server</secondary>
      </indexterm>

      <para>Il server DHCP, <application>dhcpd</application>,
         incluso come parte del port
        <filename role="package">net/isc-dhcp3-server</filename>
        nella collezione dei ports.  Questo port contiene il
        server DHCP ISC e la documentazione.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Files</title>

      <indexterm>
        <primary>DHCP</primary>
        <secondary>file di configurazione</secondary>
      </indexterm>

      <itemizedlist>
        <listitem><para><filename>/etc/dhclient.conf</filename></para>
          <para><command>dhclient</command> richiede
            un file di configurazione,
            <filename>/etc/dhclient.conf</filename>.  Tipicamente
            il file contiene solo commenti, essendo i default
            ragionevolmente corretti.  Questo file di
            configurazione  descritto dalla
            pagina di manuale &man.dhclient.conf.5;.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><filename>/sbin/dhclient</filename></para>

          <para><command>dhclient</command> 
            linkato staticamente e risiede in
            <filename>/sbin</filename>.
            Le pagine di manuale di &man.dhclient.8; danno
            maggiori informazioni su <command>dhclient</command>.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><filename>/sbin/dhclient-script</filename></para>

          <para><command>dhclient-script</command> 
            lo script di configurazione del client DHCP
            specifico di FreeBSD.  Viene descritto in
            &man.dhclient-script.8;
            ma non dovrebbe aver bisogno di nessuna
            modifica utente
            per funzionare correttamente.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><filename>/var/db/dhclient.leases</filename></para>

          <para>Il client DHCP mantiene un database di
            validi rilasci in questo file, che viene
            scritto come un log.
            &man.dhclient.leases.5; ne duna descrizione
            leggermente pi estesa.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Ulteriori Letture</title>

      <para>Il protocollo DHCP 
        descritto in maniera estesa in
        <ulink url="http://www.freesoft.org/CIE/RFC/2131/">RFC 2131</ulink>.
        Informazioni aggiuntive sono presenti a questo URL:
        <ulink url="http://www.dhcp.org/"></ulink>.</para>
    </sect2>

    <sect2 id="network-dhcp-server">
      <title>Installare e Configurare un Server DHCP</title>

      <sect3>
        <title>Cosa Copre Questa Sezione</title>

        <para>Questa sezione fornisce informazioni su come
          configurare un sistema FreeBSD che funzioni come
          un server DHCP usando l'implementazione del server
          DHCP dell'ISC (Internet Software Consortium).</para>

        <para>Il server non viene
          fornito come parte di FreeBSD, cos
          dovrai installare il port
          <filename role="package">net/isc-dhcp3-server</filename>
          per fornire questo servizio.  Vedi
          <xref linkend="ports"/> per
          pi informazioni su come usare la Collezione
          dei Port.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Installazione del DHCP Server</title>

        <indexterm>
          <primary>DHCP</primary>
          <secondary>installazione</secondary>
        </indexterm>

        <para>Per configurare il tuo sistema FreeBSD
          come un server DHCP, assicurati che il
          device &man.bpf.4; sia compilato nel
          kernel.  Per farlo, aggiungi
          <literal>device bpf</literal>
          al file di configurazione del kernel, e ricompilalo.  Per
          maggiori informazioni su come compilare un kernel,
          vedi <xref linkend="kernelconfig"/>.</para>

        <para>Il device <devicename>bpf</devicename>
           gi
          parte del kernel <filename>GENERIC</filename>
          che viene fornito con FreeBSD, cos
          non hai bisogno di creare
          un kernel custom per far funzionare il DHCP.</para>

        <note>
          <para>Quelli di voi che sono particolarmente
            attenti alla sicurezza, dovrebbero notare che
            <devicename>bpf</devicename>  anche il
            device che permette agli sniffer di pacchetti
            di funzionare correttamente (anche se tali
            programmi hanno bisogno di accesso privilegiato).
            <devicename>bpf</devicename> <emphasis>
            </emphasis> richiesto per il funzionamento del DHCP,
            ma se siete molto attenti alla sicurezza,
            probabilmente non dovreste includere
            <devicename>bpf</devicename>
            nel vostro kernel semplicemente perch vi
            aspettate di usare il DHCP in qualche momento.</para>
        </note>

        <para>La prossima cosa che devi fare 
          editare il file <filename>dhcpd.conf</filename> che
           stato installato dal port
          <filename role="package">net/isc-dhcp3-server</filename>.
          Di default, questo sar
          <filename>/usr/local/etc/dhcpd.conf.sample</filename>
          e dovresti copiare questo file in
          <filename>/usr/local/etc/dhcpd.conf</filename>
          prima di procedere con i cambiamenti.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Configurare il Server DHCP</title>

        <indexterm>
          <primary>DHCP</primary>
          <secondary>dhcpd.conf</secondary>
        </indexterm>

        <para><filename>dhcpd.conf</filename> 
          composto di dichiarazioni riguardanti
          sottoreti ed host, e forse lo si spiega
          meglio con un esempio:</para>

        <programlisting>option domain-name "example.com";<co id="domain-name"/>
option domain-name-servers 192.168.4.100;<co id="domain-name-servers"/>
option subnet-mask 255.255.255.0;<co id="subnet-mask"/>

default-lease-time 3600;<co id="default-lease-time"/>
max-lease-time 86400;<co id="max-lease-time"/>
ddns-update-style none;<co id="ddns-update-style"/>

subnet 192.168.4.0 netmask 255.255.255.0 {
  range 192.168.4.129 192.168.4.254;<co id="range"/>
  option routers 192.168.4.1;<co id="routers"/>
}

host mailhost {
  hardware ethernet 02:03:04:05:06:07;<co id="hardware"/>
  fixed-address mailhost.example.com;<co id="fixed-address"/>
}</programlisting>

        <calloutlist>
          <callout arearefs="domain-name">
            <para>Questa opzione specifica il dominio che
              verr servito ai client come il dominio
              di default di ricerca.  Si veda
              &man.resolv.conf.5; per pi informazioni.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="domain-name-servers">
            <para>Questa opzione specifica una lista di server
              DNS separata da virgole, che i client
              dovrebbero usare.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="subnet-mask">
            <para>La netmask che sar fornita ai client.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="default-lease-time">
            <para>Un client potrebbe richiedere una lunghezza di
              tempo specifica per la quale il rilascio sar
              valido.  Altrimenti il server assegner
              un tempo di rilascio con questa durata (in secondi).</para>
          </callout>

          <callout arearefs="max-lease-time">
            <para>Questa  la lunghezza massima di
              tempo per la quale un server effettuer
              un rilascio.  Se un client dovesse richiedere
              un rilascio pi lungo, sar effettuato
              un rilascio, anche se sar valido solo per
              <literal>max-lease-time</literal> secondi.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="ddns-update-style">
            <para>Questa opzione specifica se il server DHCP
              dovr cercare di modificare il DNS
              quando un rilascio  accettato o
              liberato.  Nella implementazione ISC
              questa opzione 
              <emphasis>richiesta</emphasis>.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="range">
           <para>Questo identifica quale indirizzo IP
              dovr essere usato nel pool riservato
              per l'allocazione ad i client.  Gli indirizzi
              IP fra, ed inclusi, quelli dichiarati sono
              assegnabili agli utenti.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="routers">
            <para>Dichiara il default gateway che sar
              assegnato ad i client.</para>
          </callout>

          <callout arearefs="hardware">
            <para>L'indirizzo hardware MAC di un host
              (cosicch il server DHCP
              possa riconoscere un host quando
              fa una richiesta).</para>
          </callout>

          <callout arearefs="fixed-address">
            <para>Specifica che all'host dovrebbe sempre
              essere fornito lo stesso indirizzo IP.
              Nota che usare un hostname 
              corretto in questo caso,
              dato che il DHCP server risolver
              l'hostname stesso prima di restituire
              l'informazione sul rilascio.</para>
          </callout>
        </calloutlist>

        <para>Una volta che hai finito di scrivere
          il tuo <filename>dhcpd.conf</filename>,
          puoi abilitare il server DHCP in
          <filename>/etc/rc.conf</filename>, aggiungendo:</para>

        <programlisting>dhcpd_enable="YES"
dhcpd_ifaces="dc0"</programlisting>

          <para>Sostituisci il nome dell'interfaccia
            <literal>dc0</literal> con l'interfaccia
            (o le interfacce, separate da spazi) su cui il tuo server DHCP
            dovrebbe stare in ascolto per le richieste DHCP dei client.</para>

          <para>Quindi, puoi procedere ad avviare il server con il
            seguente comando:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/etc/rc.d/isc-dhcpd.sh start</userinput></screen>

        <para>Se hai bisogno di fare altri cambiamenti
          alla configurazione del server in futuro,
           importante notare che l'invio di
          un segnale <literal>SIGHUP</literal>
          a <application>dhcpd</application>
          <emphasis>non</emphasis> fa s che il file
          di configurazione sia ricaricato, come avviene
          con la maggior parte dei demoni.  Dovrai inviare
          un segnale <literal>SIGTERM</literal> per fermare
          il processo, e poi riavviarlo usando il comando
          sopracitato.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Files</title>

        <indexterm>
          <primary>DHCP</primary>
          <secondary>file di configurazione</secondary>
        </indexterm>

        <itemizedlist>
          <listitem>
            <para><filename>/usr/local/sbin/dhcpd</filename></para>

            <para><application>dhcpd</application> 
              linkato staticamente e risiede in
              <filename>/usr/local/sbin
              </filename>.  La pagina di manuale di
              &man.dhcpd.8; installata con il port
              d pi informazioni
              su <application>dhcpd</application>.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><filename>/usr/local/etc/dhcpd.conf</filename></para>

            <para><application>dhcpd</application> richiede
              un file di configurazione,
              <filename>/usr/local/etc/dhcpd.conf
              </filename>, prima che possa iniziare a
              fornire il servizio ai client.  Questo
              file deve contenere tutte le informazioni
              che devono essere fornite ai client che
              sono serviti, oltre alle informazioni
              riguardanti le operazioni del server.  Questo
              file di configurazione  descritto
              dalla pagina di manuale &man.dhcpd.conf.5;
            installata dal port.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><filename>/var/db/dhcpd.leases</filename></para>

            <para>Il server DHCP mantiene un database dei
              rilasci che ha effettuato in questo file, che
              viene scritto come un log.  La pagina di manuale
              &man.dhcpd.leases.5;, installata dal port
              ne d una descrizione leggermente pi&grave;
              lunga.</para>
          </listitem>

          <listitem>
            <para><filename>/usr/local/sbin/dhcrelay</filename></para>

            <para><application>dhcrelay</application> 
              usata in ambienti avanzati dove un server
              DHCP reinvia le richieste da un client ad un
              altro server DHCP su una rete separata.  Se
              hai bisogno di questa
              funzionalit, installa il port
              <filename role="package">net/isc-dhcp3-relay</filename>.
              La pagina di manuale &man.dhcrelay.8; fornita
              col port contiene pi dettagli.</para>
          </listitem>
        </itemizedlist>
      </sect3>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-dns">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Chern</firstname>
          <surname>Lee</surname>

          <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
        </author>

        <author>
          <firstname>Tom</firstname>
          <surname>Rhodes</surname>
        </author>

        <author>
          <firstname>Daniel</firstname>
          <surname>Gerzo</surname>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Domain Name System (<acronym>DNS</acronym>)</title>

    <sect2>
      <title>Uno sguardo d'insieme</title>

      <indexterm><primary>BIND</primary></indexterm>

      <para>&os; utilizza, di default, una versione di
        BIND (Berkeley Internet Name Domain), che 
        la pi completa implementazione del protocollo
        <acronym>DNS</acronym>.  <acronym>DNS</acronym>  il protocollo
        attraverso il quale nomi sono mappati ad indirizzi <acronym>IP</acronym>,
        e viceversa.  Per esempio, una query per
        <hostid role="fqdn">www.FreeBSD.org
        </hostid> ricever una replica con l'indirizzo
        <acronym>IP</acronym> del web server del The &os; Project, mentre una
        query per <hostid role="fqdn">ftp.FreeBSD.org</hostid>
        ritorner l'indirizzo <acronym>IP</acronym> della corrispondente
        macchina <acronym>FTP</acronym>.  Allo stesso modo, pu
        avvenire l'opposto.  Una
        query per un indirizzo <acronym>IP</acronym> pu risolvere il suo
        nome host.  Non  necessario avere in esecuzione
        un name server per fare <acronym>DNS</acronym> lookups su un sistema.
      </para>

      <para>&os; al momento viene distribuito con software <acronym>DNS</acronym>
        <acronym>BIND</acronym>9 di default.  La nostra installazione fornisce
        caratteristiche di sicurezza migliorate, un nuovo layout del file
        system e configurazione &man.chroot.8; automatica.</para>

      <indexterm><primary>DNS</primary></indexterm>

      <para>DNS  coordinato su Internet attraverso
        un sistema alquanto complesso di name server autoritativi,
        ed altri name server di pi piccola scala che
        ospitano e gestiscono cache di informazioni individuali
        sui domini.</para>

      <para>Al momento corrente, BIND  mantenuto
        dall'Internet Software Consortium
        <ulink url="http://www.isc.org/"></ulink>.
      </para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Terminologia</title>

      <para>Per comprendere questo documento, alcuni termini
        relativi al <acronym>DNS</acronym> devono essere capiti.</para>

      <indexterm><primary>risolutore</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>DNS inverso</primary></indexterm>
      <indexterm><primary>zona root</primary></indexterm>

      <informaltable frame="none" pgwide="1">
        <tgroup cols="2">
          <colspec colwidth="1*"/>
          <colspec colwidth="3*"/>

          <thead>
            <row>
              <entry>Termine</entry>

              <entry>Definizione</entry>
            </row>
          </thead>

          <tbody>
            <row>
              <entry>Forward <acronym>DNS</acronym></entry>

              <entry>La mappa da hostname ad indirizzi IP.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry>Origine</entry>

                <entry>Si riferisce al dominio coperto in
                  un particolare file di zona.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>named</application>,
                BIND, name server</entry>

              <entry>Nomi comuni per il pacchetto name server BIND
                all'interno di &os;.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry>Risolutore</entry>

              <entry>Un processo di sistema attraverso il quale
                una macchina fa query su un name server
                per informazioni di zona.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><acronym>DNS</acronym> inverso</entry>

              <entry>L'opposto del forward <acronym>DNS</acronym>; mappare
                indirizzi <acronym>IP</acronym> su nomi host.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry>Zona root</entry>

              <entry>L'inizio della gerarchia della zona
                Internet.  Tutte le zone cadono sotto la
                zona root, analogamente
                a come tutti i file nel file system cadono sotto
                la directory root.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry>Zona</entry>

              <entry>Un dominio individuale, sottodominio, o
                porzione del <acronym>DNS</acronym> amministrato dalla stessa
                autorit</entry>
            </row>
          </tbody>
        </tgroup>
      </informaltable>

      <indexterm>
        <primary>zone</primary>
        <secondary>esempi</secondary>
      </indexterm>

      <para>Esempi di zone:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para><hostid>.</hostid>  la zona root</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><hostid>org.</hostid>  una zona
            Top Level Domain (<acronym>TLD</acronym>) sotto la zona root</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><hostid role="domainname">example.org.</hostid>
             una zona sotto la zona
            <hostid>org.</hostid> <acronym>TLD</acronym></para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>
            <hostid>1.168.192.in-addr.arpa</hostid>  una zona
            che referenzia tutti gli indirizzi <acronym>IP</acronym> che cadono
            sotto lo spazio <acronym>IP</acronym> <hostid role="ipaddr">192.168.1.*</hostid>.
          </para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Come si pu vedere, la parte pi
        specifica di un nome host appare a sinistra.  Per esempio
        <hostid role="domainname">example.org.</hostid> 
        pi specifico di <hostid>org.</hostid>, come
        <hostid>org.</hostid>  pi specifico
        della zona root.  La disposizione di ogni parte di un nome
        host  analoga ad un file system: la
        directory <filename>/dev</filename> cade
        all'interno della root, e cos via.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Ragioni per Avere in Esecuzione un Name Server</title>

      <para>Attualmente vengono usati due tipi di name server:
        un name server autoritativo, ed un name server cache.</para>

      <para>Un name server autoritativo  necessario
        quando:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>uno vuole servire informazioni <acronym>DNS</acronym> a tutto
            il mondo, rispondendo in maniera autoritativa
            alle query.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>un dominio, tipo
            <hostid role="domainname">example.org</hostid>, 
            registrato e gli indirizzi <acronym>IP</acronym> devono essere
            assegnati ad hostname sotto questo.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>un blocco di indirizzi <acronym>IP</acronym> richiede
            entry di <acronym>DNS</acronym> inverso (da <acronym>IP</acronym>
            ad hostname).</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>un name server di backup, chiamato uno
            slave, deve rispondere alle query.</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Un name server cache  necessario quando:</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para>un server locale DNS pu tenere in cache e
            rispondere pi velocemente rispetto ad effettuare
            query ad un name server all'esterno.</para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para>una riduzione nel traffico complessivo di
            rete  desiderato ( stato
            calcolato che il traffico DNS
            conta pi del 5% sul traffico totale di
            Internet).</para>
        </listitem>
      </itemizedlist>

      <para>Quando uno fa una query per risolvere
        <hostid role="fqdn">www.FreeBSD.org</hostid>, il
        risolutore di solito fa una query al name
        server dell'<acronym>ISP</acronym> a cui si  connessi,
        ed ottiene una risposta.  Con un server <acronym>DNS</acronym>
        locale, che fa cache,
        la query deve essere effettuata una volta sola dal
        server <acronym>DNS</acronym> che fa cache.  Ogni
        query aggiuntiva non dovr cercare all'esterno
        della rete locale, dato che l'informazione
         tenuta in cache localmente.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Come Funziona</title>

      <para>In &os;, il demone BIND  chiamato
        <application>named</application> per ovvie ragioni.</para>

      <informaltable frame="none" pgwide="1">
        <tgroup cols="2">
          <thead>
            <row>
              <entry>File</entry>

              <entry>Descrizione</entry>
            </row>
          </thead>

          <tbody>
            <row>
              <entry><application>&man.named.8;</application></entry>

              <entry>Il demone BIND.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><application>&man.rndc.8;</application></entry>

              <entry>Programma di controllo del name server.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><filename class="directory">/etc/namedb</filename></entry>

              <entry>Directory dove risiedono le
                informazioni di zona di BIND.</entry>
            </row>

            <row>
              <entry><filename>/etc/namedb/named.conf</filename></entry>

              <entry>File di configurazione del demone.</entry>
            </row>
          </tbody>
        </tgroup>
      </informaltable>

      <para>
        A seconda di come certe zone sono configurate
        sul server, i file relativi a quelle zone possono essere
        trovate nelle sottodirectory <filename
        class="directory">master</filename>, <filename
        class="directory">slave</filename>, or <filename
        class="directory">dynamic</filename> della directory
        <filename class="directory">/etc/namedb</filename>.
        Questi file contengono le informazioni <acronym>DNS</acronym>
        che saranno distribuite dal name server in risposta alle query.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Avviare BIND</title>

      <indexterm>
        <primary>BIND</primary>
        <secondary>avvio</secondary>
      </indexterm>

      <para>Dato che BIND  installato di default,
        configurarlo  relativamente semplice.</para>

      <para>La configurazione di default di <application>named</application>
         quella di un name server basilare, eseguito in
        ambiente &man.chroot.8;.  Per avviare il server una volta
        con questa configurazione, usa il seguente comando:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/etc/rc.d/named forcestart</userinput></screen>

      <para>Per assicurarsi che il demone
        <application>named</application>
        sia avviato alla partenza, metti la seguente riga
        in <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>named_enable="YES"</programlisting>

      <para>Ci sono ovviamente molte opzioni di configurazione
        per <filename>/etc/namedb/named.conf</filename> che sono al di l
        dello scopo di questo documento.  Comunque, se siete interessati
        nelle opzioni di avvio per <application>named</application> su &os;,
        dai un'occhiata ai flags <literal>named_</literal> in
        <filename>/etc/defaults/rc.conf</filename> e consulta la pagina
        di manuale &man.rc.conf.5;.  Anche la sezione <xref linkend="configtuning-initial"/>
         una buona base di partenza.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>File di Configurazione</title>

      <indexterm>
        <primary>BIND</primary>
        <secondary>file di configurazione</secondary>
      </indexterm>

      <para>I file di configurazione per <application>named</application>
        al corrente risiedono nella directory <filename class="directory">
        /etc/named</filename> e necessiteranno di modifiche prima
        dell'uso, a meno che non si voglia un semplice resolver.
        Qui  dove la maggior pare della configurazione viene
        effettuata.</para>

      <sect3>
        <title>Usando <command>make-localhost</command></title>

        <para>Per configurare una zona master per il localhost
          visita la directory <filename class="directory">/etc/namedb</filename>
          ed esegui il seguente comando:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>sh make-localhost</userinput></screen>

        <para>Se tutto  andato bene, un nuovo file dovrebbe
          esistere nella sottodirectory
          <filename class="directory">master</filename>.
          I nomi dei file dovrebbero essere <filename>localhost.rev</filename>
          per il local domain name e<filename>localhost-v6.rev</filename>
          per le configurazioni <acronym>IPv6</acronym>.
          Come il file di configurazione di default, l'informazione
          richiesta sar presente nel file <filename>named.conf</filename>.
        </para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title><filename>/etc/namedb/named.conf</filename></title>

        <programlisting>// &dollar;FreeBSD&dollar;
//
// Refer to the named.conf(5) and named(8) man pages, and the documentation
// in /usr/share/doc/bind9 for more details.
//
// If you are going to set up an authoritative server, make sure you
// understand the hairy details of how DNS works.  Even with
// simple mistakes, you can break connectivity for affected parties,
// or cause huge amounts of useless Internet traffic.

options {
  directory "/etc/namedb";
  pid-file  "/var/run/named/pid";
  dump-file "/var/dump/named_dump.db";
  statistics-file "/var/stats/named.stats";

// If named is being used only as a local resolver, this is a safe default.
// For named to be accessible to the network, comment this option, specify
// the proper IP address, or delete this option.
  listen-on { 127.0.0.1; };

// If you have IPv6 enabled on this system, uncomment this option for
// use as a local resolver.  To give access to the network, specify
// an IPv6 address, or the keyword "any".
//  listen-on-v6  { ::1; };

// In addition to the "forwarders" clause, you can force your name
// server to never initiate queries of its own, but always ask its
// forwarders only, by enabling the following line:
//
//  forward only;

// If you've got a DNS server around at your upstream provider, enter
// its IP address here, and enable the line below.  This will make you
// benefit from its cache, thus reduce overall DNS traffic in the Internet.
/*
  forwarders {
    127.0.0.1;
  };
*/</programlisting>

        <para>Proprio come dicono i commenti, per beneficiare
          di una cache di un server superiore, pu
          essere abilitato <literal>forwarders</literal>.
          Sotto circostanze normali, un name
          server far query ricorsive attraverso Internet
          cercando certi name server fino a ch non trova
          la risposta che sta cercando.  Averlo abilitato far
          s che sar fatta prima una query verso il
          name server superiore (o il name server fornito),
          avvantaggiandosi della sua cache.  Se il name
          server superiore  un name server molto
          trafficato e veloce, pu valere la pena di
          abilitarlo.</para>

        <warning>
          <para><hostid role="ipaddr">127.0.0.1</hostid>
              <emphasis>non</emphasis> funzioner qui.
            Cambia questo indirizzo <acronym>IP</acronym> in un name server
            superiore.</para>
        </warning>

    <programlisting>  /*
   * If there is a firewall between you and nameservers you want
   * to talk to, you might need to uncomment the query-source
   * directive below.  Previous versions of BIND always asked
   * questions using port 53, but BIND versions 8 and later
   * use a pseudo-random unprivileged UDP port by default.
   */
   // query-source address * port 53;
};

// If you enable a local name server, don't forget to enter 127.0.0.1
// first in your /etc/resolv.conf so this server will be queried.
// Also, make sure to enable it in /etc/rc.conf.

zone "." {
  type hint;
  file "named.root";
};

zone "0.0.127.IN-ADDR.ARPA" {
  type master;
  file "master/localhost.rev";
};

// RFC 3152
zone "1.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.0.IP6.ARPA" {
  type master;
  file "master/localhost-v6.rev";
};

// NB: Do not use the IP addresses below, they are faked, and only
// serve demonstration/documentation purposes!
//
// Example slave zone config entries.  It can be convenient to become
// a slave at least for the zone your own domain is in.  Ask
// your network administrator for the IP address of the responsible
// primary.
//
// Never forget to include the reverse lookup (IN-ADDR.ARPA) zone!
// (This is named after the first bytes of the IP address, in reverse
// order, with ".IN-ADDR.ARPA" appended.)
//
// Before starting to set up a primary zone, make sure you fully
// understand how DNS and BIND works.  There are sometimes
// non-obvious pitfalls.  Setting up a slave zone is simpler.
//
// NB: Don't blindly enable the examples below. :-)  Use actual names
// and addresses instead.

/* An example master zone
zone "example.net" {
  type master;
  file "master/example.net";
};
*/

/* An example dynamic zone
key "exampleorgkey" {
  algorithm hmac-md5;
  secret "sf87HJqjkqh8ac87a02lla==";
};

zone "example.org" {
  type master;
  allow-update {
    key "exampleorgkey";
  };
  file "dynamic/example.org";
};
*/

/* Examples of forward and reverse slave zones
zone "example.com" {
  type slave;
  file "slave/example.com";
  masters {
    192.168.1.1;
  };
};
zone "1.168.192.in-addr.arpa" {
  type slave;
  file "slave/1.168.192.in-addr.arpa";
  masters {
    192.168.1.1;
  };
};
*/</programlisting>

        <para>In <filename>named.conf</filename>, ci sono esempi
          di linee slave per zone di forward ed inverse.</para>

        <para>Per ogni nuova zona servita, una nuova linea di
           zona deve essere aggiunta a
           <filename>named.conf</filename>.</para>

        <para>Per esempio, la pi semplice entry  per
          <hostid role="domainname">example.org</hostid> pu
          assomigliare a:</para>

        <programlisting>zone "example.org" {
   type master;
   file "master/example.org";
};</programlisting>

       <para>La zona  una master, come indicato
          dall'entry <option>type</option>,
          e conserva le informazioni di zona su
          <filename>/etc/namedb/master/example.org</filename>
          indicata dalla entry
          <option>file</option>.</para>

        <programlisting>zone "example.org" {
   type slave;
   file "slave/example.org";
};</programlisting>

        <para>Nel caso slave, l'informazione di zona 
          trasferita dal name server master per quella zona
          particolare, e salvata nel file specificato.  Se e
          quando il master muore o  irraggiungibile,
          il name server slave avr le informazioni di
          zona trasferite e sar in grado di servirlo.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>File di Zona</title>

        <indexterm>
          <primary>BIND</primary>
          <secondary>zone files</secondary>
        </indexterm>

        <para>Un esempio di file di zona master per  <hostid
          role="domainname">example.org</hostid> (che esiste
          all'interno di <filename>/etc/namedb/master/example.org
          </filename>)  la seguente:</para>

<programlisting>&dollar;TTL 3600        ; 1 hour
example.org.    IN      SOA      ns1.example.org. admin.example.org. (
                                2006051501      ; Serial
                                10800           ; Refresh
                                3600            ; Retry
                                604800          ; Expire
                                86400           ; Minimum TTL
                        )

; DNS Servers
                IN      NS      ns1.example.org.
                IN      NS      ns2.example.org.

; MX Records
                IN      MX 10   mx.example.org.
                IN      MX 20   mail.example.org.

                IN      A       192.168.1.1

; Machine Names
localhost       IN      A       127.0.0.1
ns1             IN      A       192.168.1.2
ns2             IN      A       192.168.1.3
mx              IN      A       192.168.1.4
mail            IN      A       192.168.1.5

; Aliases
www             IN      CNAME   @</programlisting>

        <para>Nota che ogni hostname che finisce in
          un <quote>.</quote> 
          un nome esatto, mentre ogni entit senza un
          <quote>.</quote>  referenziato all'origine.
          Per esempio <literal>www</literal>  trasformato
          in <literal>www.<replaceable>origin</replaceable></literal>.
          Nel nostro file di zone fittizio, la nostra origine
           <hostid>example.org</hostid>, cos
          <literal>www</literal> si trasformerebbe in
          <hostid>www.example.org</hostid>.</para>

        <para>Il formato di un file di zona 
          il seguente:</para>

        <programlisting>recordname      IN recordtype
value</programlisting>

        <indexterm>
          <primary>DNS</primary>
          <secondary>records</secondary>
        </indexterm>

        <para>I record DNS usati pi di frequente:</para>

        <variablelist>
          <varlistentry>
            <term>SOA</term>

            <listitem>
              <para>inizio di una zona di
              autorit</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>NS</term>

            <listitem>
              <para>un name server
              autoritativo</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>A</term>

            <listitem>
              <para>un indirizzo host</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>CNAME</term>

            <listitem>
              <para>il nome canonico per un
              alias</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>MX</term>

            <listitem>
              <para>mail exchanger</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term>PTR</term>

            <listitem>
              <para>un puntatore a nome di dominio (usato nel
                DNS inverso)</para>
            </listitem>
          </varlistentry>
        </variablelist>

        <programlisting>
example.org. IN SOA ns1.example.org. admin.example.org. (
                        2006051501      ; Serial
                        10800           ; Refresh after 3 hours
                        3600            ; Retry after 1 hour
                        604800          ; Expire after 1 week
                        86400 )         ; Minimum TTL of 1
day</programlisting>



        <variablelist>
          <varlistentry>
            <term><hostid role="domainname">example.org.</hostid></term>

            <listitem>
              <para>il nome di dominio, inoltre 
                l'origine per questo file di zona.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term><hostid role="fqdn">ns1.example.org.</hostid></term>

            <listitem>
              <para>il name server primario/autoritativo
                per questa zona.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term><literal>admin.example.org.</literal></term>

            <listitem>
              <para>la persona responsabile per questa
                zona, un indirizzo email con <quote>@</quote>
                sostituito.  (<email>admin@example.org</email>
                diventa <literal>admin.example.org</literal>)</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term><literal>2006051501</literal></term>

            <listitem>
              <para>il numero di serie del file.  Questo
                deve essere aumentato ogni volta che il file di
                zona  modificato.  Al giorno d'oggi
                molti amministratori preferiscono un formato
                <literal>yyyymmddrr</literal> per il numero
                di serie.
                <literal>2006051501</literal> significherebbe
                modificato l'ultima volta il 05/15/2006, l'ultimo
                <literal>01</literal> essendo la prima volta che
                il file di zona  stato modificato in
                questo giorno.  Il numero di serie 
                importante dato che avverte
                name server slave per una zona quando questa
                &grave; modificata.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>
        </variablelist>

        <programlisting>
       IN NS           ns1.example.org.</programlisting>

        <para>Questa  una linea NS.  Ogni name server che
          replicher in maniera autoritativa la zona deve
          avere una di queste linee.  Il <literal>@</literal> come
          visto potrebbe essere stato <hostid role="domainname">
          example.org.</hostid>
          Il <literal>@</literal> si traduce nell'origine.</para>

        <programlisting>
localhost       IN      A       127.0.0.1
ns1             IN      A       192.168.1.2
ns2             IN      A       192.168.1.3
mx              IN      A       192.168.1.4
mail            IN      A       192.168.1.5</programlisting>

        <para>Il record A indica un nome macchina.  Come visto
          sopra, <hostid role="fqdn">ns1.example.org</hostid>
          risolverebbe in <hostid role="ipaddr">192.168.1.2</hostid>.
        </para>

        <programlisting>
                IN      A       192.168.1.1</programlisting>

        <para>Questa linea assegna l'indirizzo IP
          <hostid role="ipaddr">192.168.1.1</hostid> alla corrente origine,
          in questo caso <hostid role="domainname">example.org</hostid>.</para>

        <programlisting>
www             IN CNAME        @</programlisting>

        <para>Il record nome canonico  usato per dare alias
          ad una macchina.  Nell'esempio, <hostid>www</hostid>
           tramutato in alias nella macchina <quote>master</quote>
          che corrisponde al domain name <hostid role="domainname">example.org
          </hostid> (<hostid role="ipaddr">192.168.1.1</hostid>).
          CNAME possono essere usati per fornire alias
          ad hostname o distribuire in round robin un
          hostname fra molte macchine.</para>

        <indexterm>
          <primary>MX record</primary>
        </indexterm>

        <programlisting>
               IN MX   10      mail.example.org.</programlisting>

        <para>Il record MX &grave; usato per specificare quali
          mail server sono responsabili per gestire mail
          entranti per la zona.
          <hostid role="fqdn">mail.example.org
          </hostid>  l'hostname del mail
          server, e 10  la priorit di
          quel mail server.</para>

        <para>Uno pu avere molti mail server, con
          priorit di 10, 20 e cos via.  Un mail server che
          cerca di consegnare una mail a
          <hostid role="domainname">example.org</hostid>
          prover prima l'MX con la pi alta
          priorit (il record con il numero di priorita' minimo)
          poi il secondo, etc., fino a
          ch la mail non sia
          consegnata correttamente.</para>

        <para>Per file di zona in-addr.arpa (DNS inverso), lo stesso
          formato  usato, eccetto con linee PTR
          al posto di A o CNAME.</para>

        <programlisting>$TTL 3600
1.168.192.in-addr.arpa. IN SOA ns1.example.org. admin.example.org. (
                        2006051501      ; Serial
                        10800           ; Refresh
                        3600            ; Retry
                        604800          ; Expire
                        3600 )          ; Minimum

        IN      NS      ns1.example.org.
        IN      NS      ns2.example.org.

1       IN      PTR     example.org.
2       IN      PTR     ns1.example.org.
3       IN      PTR     ns2.example.org.
4       IN      PTR     mx.example.org.
5       IN      PTR     mail.example.org.</programlisting>

        <para>Questo file da la corretta mappa da indirizzi
          IP ad hostname per il nostro dominio fittizio.</para>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Caching Name Server</title>

      <indexterm>
        <primary>BIND</primary>
        <secondary>caching name server</secondary>
      </indexterm>

      <para>Un name server caching  un name server
        che non  autoritativo per nessuna zona.
        Fa semplicemente query, e ne memorizza le risposte
        per uso successivo.  Per impostarne uno, configura
        il name server come al solito, omettendo ogni
        inclusione di zona.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Sicurezza</title>

      <para>Anche se BIND  la pi comune
        implementazione del DNS, c' sempre la questione
        della sicurezza. Talvolta vengono trovati possibili
        e sfruttabili buchi di sicurezza.</para>

      <para>Mentre &os; tiene <application>named</application>
        automaticamente in un ambiente &man.chroot.8;,
        ci sono molti altri meccanismi di sicurezza che
        potrebbero essere sfruttati per attacchi al servizio
        <acronym>DNS</acronym>.</para>

      <para> una buona idea leggere
        gli avvisi sulla sicurezza di <ulink
        url="http://www.cert.org/">CERT</ulink> e
        sottoscrivere le &a.security-notifications;
        per stare aggiornato con le questioni
        correnti di sicurezza di Internet e FreeBSD.</para>

      <tip>
        <para>Se sorge un problema, tenere i
          sorgenti aggiornati e fare una compilazione
          al volo di <application>named
          </application> non farebbe male.</para>
      </tip>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Ulteriori letture</title>

      <para>Pagine di manuale di
        BIND/<application>named</application>:
        &man.rndc.8; &man.named.8; &man.named.conf.5;</para>

      <itemizedlist>
        <listitem>
          <para><ulink
              url="http://www.isc.org/products/BIND/">Official ISC BIND
              Page</ulink></para>
        </listitem>

     <listitem>
       <para><ulink
       url="http://www.isc.org/sw/guild/bf/">Official ISC BIND
       Forum</ulink></para>
    </listitem>

        <listitem>
          <para><ulink
              url="http://www.nominum.com/getOpenSourceResource.php?id=6">
              BIND FAQ</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><ulink url="http://www.oreilly.com/catalog/dns4/">O'Reilly
              DNS and BIND 4th Edition</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><ulink
              url="ftp://ftp.isi.edu/in-notes/rfc1034.txt">RFC1034
              - Domain Names - Concepts and Facilities</ulink></para>
        </listitem>

        <listitem>
          <para><ulink
              url="ftp://ftp.isi.edu/in-notes/rfc1035.txt">RFC1035
              - Domain Names - Implementation and Specification</ulink></para>
        </listitem>
      </itemizedlist>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-apache">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Murray</firstname>

          <surname>Stokely</surname>

          <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Apache HTTP Server</title>

    <indexterm>
      <primary>web server</primary>
      <secondary>installare</secondary>
    </indexterm>
    <indexterm><primary>Apache</primary></indexterm>

    <sect2>
      <title>Uno sguardo d'insieme</title>

      <para>&os;  usato per far girare
        alcuni dei siti web pi trafficati
        al mondo.  La maggioranza dei web server
        su Internet usano attualmene
        <application>Apache HTTP Server</application>.
        Il pacchetto software di
        <application>Apache</application>
        dovrebbe essere incluso nel tuo media di
        installazione di FreeBSD.  Se non hai
        installato <application>Apache</application>
        quando hai installato FreeBSD per la prima volta,
        lo puoi installare dal port
        <filename role="package">www/apache13</filename>
        o <filename role="package">www/apache22</filename>.</para>

      <para>Una volta che <application>Apache</application>
         stato installato con successo, deve essere
        configurato.</para>

      <note>
        <para>Questa sezione copre la versione 1.3.X
          di <application>Apache HTTP Server</application>
          dato che  la versione pi usata per
          &os;.  <application>Apache</application>&nbsp;2.X
          introduce molte nuove tecnologie ma queste non
          saranno discusse in questa sede.  Per maggiori
          informazioni  su
          <application>Apache</application>&nbsp;2.X, per favore
          consulta <ulink
            url="httpd://httpd.apache.org/"></ulink>.</para>
      </note>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Configurazione</title>

      <indexterm>
        <primary>Apache</primary>
        <secondary>file di configurazione</secondary>
      </indexterm>

      <para>Il principale file di configurazione
        di <application>Apache HTTP Server</application>
         installato in
        <filename>/usr/local/etc/apache/httpd.conf</filename>
        su &os;.  Questo file  un tipico file di testo
        di configurazione di &unix; con linee di commento
        che cominciano col carattere <literal>#</literal>.
        Una descrizione comprensiva di tutte le possibili
        opzioni di configurazione  al di fuori dello
        scopo di questo libro, cos solo le direttive
        usate pi di frequente saranno descritte
        di seguito.</para>

      <variablelist>
        <varlistentry>
          <term><literal>ServerRoot "/usr/local"</literal></term>

          <listitem>
            <para>Questo specifica la gerachia di directory
              di default per l'installazione di
              <application>Apache</application>.  I binari
              sono conservati nelle sottodirectory
              <filename class="directory">bin</filename> e
              <filename class="directory">sbin</filename>
              sotto la server root, ed i file di configurazione
              sono conservati sotto
              <filename class="directory">etc/apache</filename>.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><literal>ServerAdmin you@your.address</literal></term>

          <listitem>
            <para>L'indirizzo email al quale i problemi
              riguardanti il server dovrebbero essere
              inviati.  Questo indirizzo appare su alcune
              pagine generate dal server,
              come alcuni documenti di errore.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><literal>ServerName www.example.com</literal></term>

          <listitem>
            <para><literal>ServerName</literal> ti permette di
              impostare un nome host che viene inviato
              ai client per il tuo server, se questo
               differente da quello per il quale l'host
               configurato (ad esempio usi <hostid>www
              </hostid> invece del vero nome host).</para>
          </listitem>
        </varlistentry>

        <varlistentry>
          <term><literal>DocumentRoot "/usr/local/www/data"</literal></term>

          <listitem>
            <para><literal>DocumentRoot</literal>: La directory
            dalla quale servirai documenti.  Di default
            tutte le richieste sono girate a questa
            directory, ma link simbolici ed alias
            possono essere usati per puntare ad altre
            locazioni.</para>
          </listitem>
        </varlistentry>
      </variablelist>

      <para> sempre una buona idea fare copie di
        backup del tuo file di configurazione di
        <application>Apache</application> prima di
        modificarlo.  Una volta che sei soddisfatto dalla
        tua configurazione iniziale sei pronto per
        iniziare ad eseguire <application>Apache</application>.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Eseguire <application>Apache</application></title>

      <indexterm>
        <primary>Apache</primary>
        <secondary>avviarlo o fermarlo</secondary>
      </indexterm>

      <para><application>Apache</application> non viene eseguito
        dal super server <application>inetd</application>
        a differenza di molti altri server di
        rete.   configurato
        per girare standalone per migliori performance
        per gestire le richieste HTTP in entrata dai client
        web browser.  Un wrapper shell script 
        incluso per rendere il pi semplice
        possibile lo start, lo stop ed il restart del
        server.  Per avviare <application>Apache</application>
        per la prima volta, esegui:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/sbin/apachectl start</userinput></screen>

      <para>Puoi fermare il server in ogni istante
        digitando:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/sbin/apachectl stop</userinput></screen>

      <para>Dopo aver fatto modifiche al file
        di configurazione per una qualsiasi ragione,
        avrai bisogno di riavviare
        il server:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/sbin/apachectl restart</userinput></screen>

      <para>Per riavviare <application>Apache</application>
        senza mandare in abort le connessioni correnti,
        esegui.</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/sbin/apachectl graceful</userinput></screen>

      <para>Informazioni addizionali sono
        disponibili sulla pagina di manuale
        di &man.apachectl.8;.</para>

      <para>Per eseguire <application>Apache</application>
        all'avvio del sistema, aggiungi la seguente
        linea ad <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>apache_enable="YES"</programlisting>

      <para>o per <application>Apache</application> 2.2:</para>

      <programlisting>apache22_enable="YES"</programlisting>

      <para>Se volessi fornire opzioni addizionali
        di linea di comando al programma
        <application>Apache</application>
        <command>httpd</command>
        avviato al boot di sistema, puoi specificarle
        con una linea addizionale in
        <filename>rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>apache_flags=""</programlisting>

      <para>Ora che il web server  in esecuzione
        puoi navigare il tuo sito web puntando
        il tuo web browser ad
        <literal>http://localhost/</literal>.
        La pagina di default che viene mostrata
        
        <filename>/usr/local/www/data/index.html</filename>.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Virtual Hosting</title>

      <para><application>Apache</application> supporta due
        tipi diversi di Virtual Hosting.  Il primo metodo
         Virtual Hosting basato sul nome.  Il
        Virtual Hosting basato sul nome usa gli header
        HTTP/1.1 per scoprire l'hostname.  Questo permette
        a molti domini diversi di condividere lo stesso
        indirizzo IP.</para>

      <para>Per fare s che
        <application>Apache</application>
        usi Virtual Hosting basato sui nomi aggiungi una
        entry come la seguente al tuo file
        <filename>httpd.conf</filename>:</para>

      <programlisting>NameVirtualHost *</programlisting>

      <para>Se il tuo webserver era nominato
        <hostid role="fqdn">www.domain.tld</hostid> e
        tu avessi voluto installare un dominio virtuale
        per <hostid role="fqdn">www.someotherdomain.tld
        </hostid> avresti dovuto aggiungere le seguenti entry
        a <filename>httpd.conf</filename>:</para>

      <screen>&lt;VirtualHost *&gt;
ServerName www.domain.tld
DocumentRoot /www/domain.tld
&lt;/VirtualHost&gt;

&lt;VirtualHost *&gt;
ServerName www.someotherdomain.tld
DocumentRoot /www/someotherdomain.tld
&lt;/VirtualHost&gt;</screen>

      <para>Sostituisci gli indirizzi con gli indirizzi
        che vuoi usare ed i percorsi dei documenti con quelli
        che usi.</para>

      <para>Per maggiori informazioni sull'impostazione
        dei virtual host, per favore consulta la
        documentazione ufficiale a
        <ulink url="http://httpd.apache.org/docs/vhosts/">
        </ulink>.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Moduli Apache</title>

      <indexterm>
        <primary>Apache</primary>
        <secondary>moduli</secondary>
      </indexterm>

      <para>Ci sono molti diversi moduli
        <application>Apache</application> disponibili
        per aggiungere funzionalit al server base.
        La Collezione Port di FreeBSD fornisce un modo
        semplice di installare <application>Apache</application>
        assieme ad alcuni dei pi popolari moduli
        aggiuntivi.</para>

      <sect3>
        <title>mod_ssl</title>

        <indexterm>
          <primary>server web</primary>
          <secondary>sicuri</secondary>
        </indexterm>
        <indexterm><primary>SSL</primary></indexterm>
        <indexterm><primary>crittografia</primary></indexterm>

        <para>Il modulo <application>mod_ssl</application>
          usa la libreria OpenSSL per fornire una forte
          crittografia attraverso i protocolli Secure
          Sockets Layer (SSL v2/v3) e Transport Layer
          Security (TLS v1).  Questo modulo fornisce tutto
          il necessario per richiedere
          un certificato firmato da un'autorit fidata
          che emette certificati, cosicch puoi eseguire
          un web server sicuro su &os;.</para>

        <para>Se non hai ancora installato
          <application>Apache</application>, una versione
          di <application>Apache</application> 1.3.X
          che includa <application>mod_ssl</application>
          pu essere installata con il port
          <filename role="package">www/apache13-modssl</filename>.
          Il supporto ad SSL  anche disponibile per
          <application>Apache</application>&nbsp;2.X nel port
          <filename role="package">www/apache22</filename>,
          dove viene abilitato di default.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Siti web dinamici con Perl &amp; PHP</title>
        <para>Negli ultimi anni, molte aziende si sono rivolte a Internet
          per migliorare i loro ricavi e aumentare la loro esposizione.
          Questo ha anche aumentato il bisogno di contenuti interattivi
          web.  Mentre alcune societ come &microsoft; hanno introdotto
          soluzioni nei loro prodotti proprietari, la comunit
          open source ha risposto all'appello.  Due opzioni per contenuti
          web dinamici includono <application>mod_perl</application>
          &amp; <application>mod_php</application>.</para>

      <sect4>
        <title>mod_perl</title>

        <indexterm><primary>Perl</primary></indexterm>

        <para>Il progetto di integrazione
          <application>Apache</application>/Perl
          mette assieme la grande potenza del linguaggio
          di programmazione Perl e
          l'<application>Apache HTTP Server</application>.
          Con il modulo <application>mod_perl</application>
           possibile scrivere moduli <application>Apache
          </application> interamente in Perl.  In aggiunta
          l'interprete persistente integrato nel server
          evita l'overhead di avviare un interprete esterno
          e la penalizzazione del tempo di
          caricamento Perl.</para>

          <para><application>mod_perl</application>  disponibile
            in alcuni modi diversi.  Per usare <application>mod_perl
            </application> ricorda che <application>mod_perl</application>
            1.0 funziona solo con <application>Apache</application> 1.3
            e <application>mod_perl</application> 2.0 funziona solo
            con <application>Apache</application> 2.X.
            <application>mod_perl</application> 1.0  disponibile
            in <filename role="package">www/mod_perl</filename> ed una versione
            compilata staticamente  disponibile in
            <filename role="package">www/apache13-modperl</filename>.
            <application>mod_perl</application> 2.0  disponibile in
            <filename role="package">www/mod_perl2</filename>.</para>
        </sect4>


      <sect4>
        <sect4info>
          <authorgroup>
            <author>
              <firstname>Tom</firstname>

              <surname>Rhodes</surname>

              <contrib>Scritto da </contrib>
            </author>
          </authorgroup>
        </sect4info>

        <title>mod_php</title>

        <indexterm>
          <primary>mod_php</primary>
          <secondary>PHP</secondary>
        </indexterm>

        <para>PHP, anche noto come <quote>Hypertext Prepocessor</quote>
           un linguaggio di scripting di scopo generale che 
          particolarmente adatto per lo sviluppo Web.  Adatto ad essere
          usato all'interno dell'<acronym>HTML</acronym>, la sua sintassi
          deriva dal C, &java;, e Perl con l'intenzione di permettere agli
          sviluppatori web di scrivere pagine web generate dinamicamente
          in modo veloce.</para>

        <para>Per integrare supporto a <acronym>PHP</acronym>5 per
          il web server <application>Apache</application>, inizia
          con l'installare il port
          <filename role="package">lang/php5</filename>.
          </para>

        <para>Se il port <filename role="package">lang/php5</filename>
          viene installato per la prima volta, le <literal>OPTIONS</literal>
          disponibili saranno mostrate automaticamente.
          Se non viene mostrato un menu, ad esempio perch
          il port <filename role="package">lang/php5</filename>
           stato installato qualche volta in passato,
           sempre possibile rivedere il menu a dialogo
          con le opzioni eseguendo:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>make config</userinput></screen>

        <para>nella directory dei port.</para>

        <para>Nel menu a dialogo delle opzioni,
          flagga l'opzione <literal>APACHE</literal>
          per compilare <application>mod_php5</application>
          come modulo caricabile per il web server
          <application>Apache</application>.</para>

        <note>
        <para>Molti siti stanno ancora usando
            <acronym>PHP</acronym>4 per varie ragioni (ad esempio
            questioni di compatibilit o applicativi web gi
            costruiti).  Se si necessita del modulo <application>mod_php4</application>
            invece che di <application>mod_php5</application>, siete pregati
            di usare il port <filename role="package">lang/php4</filename>.
            Il port <filename role="package">lang/php4</filename> supporta
            molte delle configurazioni e delle opzioni di build-time
            del port <filename role="package">lang/php5</filename>.</para>
        </note>

        <para>Questo installer e
          configurer i moduli richiesti
          per supportare applicazioni web dinamiche <acronym>PHP</acronym>.
          Controlla che le seguenti linee siano state aggiunte al file
          <filename>/usr/local/etc/apache/httpd.conf</filename>:</para>

        <programlisting>LoadModule php5_module        libexec/apache/libphp5.so
AddModule mod_php5.c
    &lt;IfModule mod_php5.c&gt;
        DirectoryIndex index.php index.html
    &lt;/IfModule&gt;

    &lt;IfModule mod_php5.c&gt;
        AddType application/x-httpd-php .php
        AddType application/x-httpd-php-source .phps
    &lt;/IfModule&gt;</programlisting>

        <para>Una volta completato, una semplice chiamata
         al comando <command>apachectl</command> per un tranquillo
         restart  richiesto per caricare il modulo
         <acronym>PHP</acronym>:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>apachectl graceful</userinput></screen>

        <para>Per upgrade futuri di <acronym>PHP</acronym>, il comando
          <command>make config</command> non sar richiesto;
          le <literal>OPTIONS</literal> selezionate sono salvate automaticamente
          dal sistema dei Ports di &os;.</para>

        <para>Il supporto a <acronym>PHP</acronym> in &os; 
          estremamente modulare cos l'installazione
          base  molto limitata.   molto facile
          aggiungere supporto usando il port
          <filename role="package">lang/php5-extensions</filename>.
          Questo port fornisce un interfaccia a menu per l'installazione
          di estensioni a <acronym>PHP</acronym>.  Alternativamente
          le singole estensioni possono essere installate usando
          il port appropriato.</para>

        <para>Ad esempio, per aggiungere supporto al database
          <application>MySQL</application> a <acronym>PHP</acronym>5,
          semplicemente installa
          <filename role="package">databases/php5-mysql</filename>.</para>

          <para>Dopo aver installato un'estensione, il server
            <application>Apache</application> deve essere riavviato per
            caricare i cambiamenti della nuova configurazione:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>apachectl graceful</userinput></screen>

        </sect4>
      </sect3>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-ftp">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Murray</firstname>

          <surname>Stokely</surname>

          <contrib>Grazie al Contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>File Transfer Protocol (FTP)</title>

    <indexterm><primary>Server FTP</primary></indexterm>

    <sect2>
      <title>Uno sguardo d'insieme</title>

      <para>Il File Transfer Protocol (FTP) fornisce
        agli utenti un semplice modo di trasferire
        file da e verso un server
        <acronym role="File Transfer Protocol">FTP</acronym>.
        &os; include software per server
        <acronym role="File Transfer Protocol">FTP</acronym>
        nel sistema base.  Questo rende l'installazione
        e l'ammininistrazione di un server
        <acronym role="File Transfer Protocol">FTP</acronym>
        molto semplice.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Configurazione</title>

      <para>Il pi importante passo di
        configurazione  decidere a quali
        account sara permesso
        accedere al server FTP.  Un sistema normale
        FreeBSD ha un certo numero di account di sistema
        usati per vari demoni, ma agli utenti estranei
        non dovrebbe essere permesso di loggarsi con questi
        account.  Il file
        <filename>/etc/ftpusers</filename>  una lista
        di utenti a cui  negato l'accesso FTP.
        Di default include gli account di sistema sopra citati
        ma  possibile aggiungere utenti specifici
        che non dovrebbero avere accesso FTP.</para>

      <para>Pu essere che tu voglia restringere
        l'accesso ad alcuni utenti senza impedir loro
        di usare completamente FTP.  Ci
        pu essere ottenuto
        con il file <filename>/etc/ftpchroot</filename>.
        Questo file elenca utenti e gruppi soggetti a
        restrizioni di accesso FTP.  La pagina di manuale
        &man.ftpchroot.5; ha tutti i dettagli cos
        non sar descritta qui.</para>

      <indexterm>
        <primary>FTP</primary>
        <secondary>anonimo</secondary>
      </indexterm>

      <para>Se tu volessi abilitare accesso anonimo
        FTP al tuo server, devi creare un utente chiamato
        <username>ftp</username> sul tuo sistema &os;.
        Gli utenti allora potranno loggarsi al tuo server FTP
        con uno username di <username>ftp</username>
        o <username>anonymous</username> e con
        una password qualsiasi
        (di norma dovrebbe essere usato un indirizzo email
        dell'utente come password).  Il server FTP
        chiamer &man.chroot.2; quando un utente
        anonimo si logga, per restringere l'accesso solo
        alla home directory di <username>ftp</username>.</para>

      <para>Ci sono due file di testo che specificano
        messaggi di benvenuto per i client FTP.  Il contenuto
        del file <filename>/etc/ftpwelcome</filename> sar
        mostrato agli utenti prima che raggiungano il prompt
        del login.  Dopo un login di successo, il contenuto
        del file <filename>/etc/ftpmotd</filename> sar
        mostrato.  Nota che il percorso di questo file 
        relativo all'ambiente di login, cos
        sara mostrato il file
        <filename>~ftp/etc/ftpmotd</filename>.</para>

      <para>Una volta che il server FTP 
        stato configurato
        correttamente, deve essere abilitato in
        <filename>/etc/inetd.conf</filename>.  Tutto ci
        che viene richiesto  rimuovere il simbolo
        di commento <quote>#</quote> dall'inizio della linea
        relativa a <application>ftpd</application>:</para>

      <programlisting>ftp  stream  tcp  nowait  root  /usr/libexec/ftpd ftpd -l</programlisting>

      <para>Come spiegato in <xref linkend="network-inetd-reread"/>,
        la configurazione di <application>inetd</application>
        deve essere ricaricata dopo che
        che questo file di configurazione  stato cambiato.</para>

      <para>Ora puoi loggarti al tuo server FTP digitando:</para>

      <screen>&prompt.user; <userinput>ftp localhost</userinput></screen>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Manutenzione</title>

      <indexterm><primary>syslog</primary></indexterm>
      <indexterm>
        <primary>file di log</primary>
        <secondary>FTP</secondary>
      </indexterm>

      <para>Il demone <application>ftpd</application> usa
        &man.syslog.3; per loggare i mesaggi.  Di default
        il demone dei log di sistema girer
        i messaggi relativi a FTP nel file
        <filename>/var/log/xferlog</filename>.  La posizione
        del log FTP pu essere modificata cambiando
        la seguente linea in
        <filename>/etc/syslog.conf</filename>:</para>

      <programlisting>ftp.info      /var/log/xferlog</programlisting>

      <indexterm>
        <primary>FTP</primary>
        <secondary>anonimo</secondary>
      </indexterm>

      <para>Presta attenzione ai problemi potenziali
        correlati all'esecuzione di un server FTP anonimo.
        In particolare, dovresti pensarci due volte prima di
        permettere agli utenti anonimi di fare upload di file.
        Potresti scoprire che il tuo sito FTP 
        diventato un forum per il commercio di software
        commerciale senza licenza o anche peggio.
        Se hai veramente bisogno di permettere upload FTP
        anonimi, allora dovresti impostare i permessi
        in modo che questi file non possano essere letti
        da altri utenti fino a che non siano
        stati revisionati.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-samba">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Murray</firstname>

          <surname>Stokely</surname>

          <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Servizi di File e Stampa per client
      &microsoft.windows; (Samba)</title>

    <indexterm><primary>Server Samba</primary></indexterm>
    <indexterm><primary>Microsoft Windows</primary></indexterm>
    <indexterm>
      <primary>file server</primary>
      <secondary>Windows client</secondary>
    </indexterm>
    <indexterm>
      <primary>print server</primary>
      <secondary>Windows client</secondary>
    </indexterm>

    <sect2>
      <title>Uno sguardo d'insieme</title>

      <para><application>Samba</application>  un
        popolare pacchetto software open source che
        fornisce servizi di file e stampa per client
        &microsoft.windows;.  Tali client possono connettersi
        ed usare un file system FreeBSD
        come se fosse un disco locale, o stampanti
        FreeBSD come se fossero stampanti locali.</para>

      <para>Il pacchetto software
        <application>Samba</application>
        dovrebbe essere incluso nel tuo media di
        installazione FreeBSD.  Se non hai
        installato <application>Samba</application>
        quando hai installato per la prima volta FreeBSD,
        puoi sempre installarlo dal port o pacchetto
        <filename role="package">net/samba3</filename>.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Configurazione</title>

      <para>Un file di configurazione di
        <application>Samba</application> di default 
        installato in
        <filename>/usr/local/share/examples/smb.conf.default</filename>.
        Questo file deve essere copiato in
        <filename>/usr/local/etc/smb.conf</filename>
        e personalizzato prima che
        <application>Samba</application> possa essere usato.</para>

      <para>Il file <filename>smb.conf</filename> contiene
        informazione di configurazione runtime per
        <application>Samba</application>, come le definizioni
        delle stampanti e <quote>share di file system</quote>
        che vorresti condividere con &windows; client.
        Il pacchetto <application>Samba</application> include
        un tool basato sul web chiamato
        <application>swat</application> che fornisce
        un modo semplice di configurare il file
        <filename>smb.conf</filename>.</para>

      <sect3>
        <title>Usare il Samba Web Administration Tool (SWAT)</title>

        <para>Il Samba Web Administration Tool (SWAT) viene
          eseguito come demone da
          <application>inetd</application>.
          Quindi, dovresti togliere i commenti
          alla seguente linea in
          <filename>/etc/inetd.conf</filename>
          prima che <application>swat</application> possa essere
          usato per configurare
          <application>Samba</application>:</para>

        <programlisting>swat   stream  tcp     nowait/400      root    /usr/local/sbin/swat    swat</programlisting>

        <para>Come spiegato in
          <xref linkend="network-inetd-reread"/>,
          la configurazione di <application>inetd</application>
          deve essere ricaricata dopo che
          questo file di configurazione 
          stato cambiato.</para>

        <para>Una volta che <application>swat</application>
           stato abilitato in
          <filename>inetd.conf</filename>,
          puoi usare un browser per connetterti a
          <ulink url="http://localhost:901"></ulink>.
          Dovrai prima loggarti con l'account di sistema
          <username>root</username>.</para>

<!-- XXX screenshots go here, loader is creating them -->

        <para>Una volta che ti sei loggato con successo
          alla pagina principale di configurazione di
          <application>Samba</application>, puoi navigare
          la documentazione di sistema, o iniziare
          cliccando sul tab
          <guimenu>Globals</guimenu>.  La sezione
          <guimenu>Globals</guimenu> corrisponde alle variabili
          che sono impostate nella sezione
          <literal>[global]</literal> di
          <filename>/usr/local/etc/smb.conf</filename>.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Impostazioni Globali</title>

        <para>Sia che tu stia usando
          <application>swat</application>
          o che tu stia editando direttamente
          <filename>/usr/local/etc/smb.conf</filename>,
          le prime direttive che tu puoi incontrare quando
          configuri <application>Samba</application> sono:</para>

        <variablelist>
          <varlistentry>
            <term><literal>workgroup</literal></term>

            <listitem>
              <para>Nome dominio NT o nome Workgroup
                per i computer che accedono a questo server.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term><literal>netbios name</literal></term>

            <listitem>
	      <indexterm><primary>NetBIOS</primary></indexterm>

              <para>Questo imposta il nome NetBIOS attraverso
                il quale un <application>Samba</application>
                 conosciuto.  Di default 
                lo stesso della prima parte del nome host
                DNS.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term><literal>server string</literal></term>

            <listitem>
              <para>Questo imposta la stringa che sar
                mostrata con il comando <command>net view</command>
                e con alcuni altri strumenti di rete che cercano
                di mostrare testo descrittivo sul
                server.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>
        </variablelist>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Impostazioni di Sicurezza</title>

        <para>Due delle pi importanti impostazioni
          in <filename>/usr/local/etc/smb.conf</filename>
          sono i modelli di sicurezza usati, ed il formato
          delle password di backend per utenti client.
          Le seguenti direttive controllano queste
          opzioni:</para>

        <variablelist>
          <varlistentry>
            <term><literal>security</literal></term>

            <listitem>
              <para>Le due pi comuni opzioni in
              questo caso sono
              <literal>security = share</literal>
              e <literal>security = user</literal>.
              Se i tuoi client usano nomi utente che sono
              gli stessi dei nomi utenti sulla tua macchina
              &os;, allora vorrai sicurezza di tipo
              user.  Questa  la policy di sicurezza
              di default e richiede ai client prima di
              loggarsi prima che possano accedere a risorse
              condivise.</para>

              <para>Nel modello di sicurezza di tipo share,
                i client non hanno bisogno di loggarsi al server
                con una valida coppia username e password
                prima che provino a connettersi a risorse
                condivise.  Questo  il modello di sicurezza
                di default per versioni precedenti di
                <application>Samba</application>.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>

          <varlistentry>
            <term><literal>passdb backend</literal></term>

            <listitem>
              <para><application>Samba</application> ha molti
                modelli diversi di backend di autenticazione.
                Puoi autenticare i client con LDAP<indexterm><primary>LDAP</primary></indexterm>, NIS+<indexterm><primary>NIS+</primary></indexterm>, un
                database SQL<indexterm><primary>SQL database</primary></indexterm>, o un file di password modificato.
                Il metodo di autenticazione di default
                 <literal>smbpasswd</literal>, e questo
                sar l'unico coperto qui.</para>
            </listitem>
          </varlistentry>
        </variablelist>

        <para>Assumendo che il backend usato sia
          quello di default, <literal>smbpasswd</literal>,
          il file <filename>/usr/local/private/smbpasswd</filename>
          deve essere creato per permettere a
          <application>Samba</application> di autenticare i
          client.  Se tu volessi dare ai tuoi account
          &unix; accesso da client &windows;, usa il seguente
          comando:</para>

        <screen>&prompt.root; <userinput>smbpasswd -a username</userinput></screen>

        <para>Per favore consulta l' <ulink
          url="http://www.samba.org/samba/docs/man/Samba-HOWTO-Collection/">Official Samba HOWTO</ulink>
          <ulink
            url="http://www.samba.org/samba/docs/man/Samba-HOWTO-Collection/">HOWTO
            Ufficiale di Samba</ulink>
          per informazioni addizionali sulle opzioni
          di configurazione.
          Con le basi delineate qui, dovresti avere tutto
          ci di cui hai bisogno per avviare
          <application>Samba</application>.</para>
        </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Avviare <application>Samba</application></title>

      <para>Il port <filename role="package">net/samba3</filename>
        aggiunge un nuovo script di avvio, che pu essere
        usato per controllare
        <application>Samba</application>.  Per abilitare questo script,
        in modo tale da essere usato per esempio per avviare
        fermare o far ripartire
        <application>Samba</application>, aggiungi la riga seguente
        al file <filename>/etc/rc.conf</filename>:</para>

      <programlisting>samba_enable="YES"</programlisting>

      <para>Oppure, per un controllo pi accurato:</para>

      <programlisting>nmbd_enable="YES"</programlisting>

      <programlisting>smbd_enable="YES"</programlisting>

      <note>
        <para>In questo modo <application>Samba</application>
          viene avviato automaticamente ad ogni avvio
          del sistema.</para>
      </note>

      <para>Per avviare
        <application>Samba</application> digita:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/etc/rc.d/samba start</userinput>
Starting SAMBA: removing stale tdbs :
Starting nmbd.
Starting smbd.</screen>

      <para>Fai riferimento alla <xref linkend="configtuning-rcd"/> per
        ulteriori informazioni sull'uso degli script rc.</para>

      <para><application>Samba</application> attualmente
        consiste di tre demoni separati.  Dovresti
        osservare che entrambi <application>nmbd</application>
        e <application>smbd</application> siano avviati
        dallo script <filename>samba</filename>.  Se
        hai abilitato servizi di risoluzione di nomi
        winbind in <filename>smb.conf</filename>, allora
        osserverai che anche il demone
        <application>winbindd</application>  avviato.</para>

      <para>Puoi anche fermare <application>Samba</application>
        in ogni istante digitando:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>/usr/local/etc/rc.d/samba stop</userinput></screen>

      <para><application>Samba</application>  una suite
        complessa di software con funzionalit che permette
        una larga integrazione con reti &microsoft.windows;.
        Per maggiori informazioni sulle funzionalit
        al di l dell'installazione di base descritta qui
        per favore consulta <ulink url="http://www.samba.org">
        </ulink>.</para>
    </sect2>
  </sect1>

  <sect1 id="network-ntp">
    <sect1info>
      <authorgroup>
        <author>
          <firstname>Tom</firstname>

          <surname>Hukins</surname>

          <contrib>Grazie al contributo di </contrib>
        </author>
      </authorgroup>
    </sect1info>

    <title>Sincronizzazione del Clock con NTP</title>

    <indexterm><primary>NTP</primary></indexterm>

    <sect2>
      <title>Uno sguardo d'insieme</title>

      <para>Al passare del tempo, il clock di un computer tende
        a perdere la sincronizzazione.  Il Network Time Protocol
        (NTP) fornisce un modo per assicurarti che il tuo
        clock sia accurato.</para>

      <para>Molti servizi Internet si basano sul fatto che
        il clock del computer sia accurato, o comunque
        traggono notevole beneficio
        da questo fatto.  Per esempio, un web server
        pu ricevere richieste di inviare un file se
        questo  stato modificato da una certa
        data.  In un ambiente locale di rete, 
        essenziale che i computer che condividono
        i file dallo stesso file server abbiano clock
        sincronizzati cosicch i timestamp dei file
        siano consistenti.  Anche servizi come &man.cron.8;
        si basano su un clock di sistema accurato per eseguire
        comandi al momento specificato.</para>

      <indexterm>
        <primary>NTP</primary>
        <secondary>ntpd</secondary>
      </indexterm>

      <para>FreeBSD  dotato del server &man.ntpd.8;
        <acronym role="Network Time Protocol">NTP</acronym>
        che pu essere usato per interrogare altri
        server <acronym role="Network Time Protocol">NTP</acronym>
        per impostare il clock sulla tua macchina o fornire
        servizi di time ad altri.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Scegliere Server NTP Appropriati</title>

      <indexterm>
        <primary>NTP</primary>
        <secondary>scegliere i server</secondary>
      </indexterm>

      <para>Per sincronizzare il tuo
        clock, avrai bisogno di scegliere uno o pi
        server <acronym role="Network Time Protocol">NTP</acronym>
        da usare.  Il tuo amministratore di rete o ISP
        potrebbe aver impostato un server NTP, a questo scopo
        &mdash; controlla la loro documentazione per vedere se
        questo  il caso.  C' una
        <ulink url="http://ntp.isc.org/bin/view/Servers/WebHome">
        lista online di server NTP pubblicamente accessibili
        </ulink> che tu puoi usare per trovare un server NTP
        vicino a te.  Accertati di essere al corrente della
        politica di ogni server che scegli, e chiedi il
        permesso se necessario.</para>

      <para>Scegliere molti server NTP non connessi
        fra loro  una buona idea in caso uno
        dei server che stai usando diventa irraggiungibile
        o il suo clock  inaffidabile.
        &man.ntpd.8; usa le risposte che riceve
        da altri server in modo intelligente;
        favorir server inaffidabili meno di quelli
        affidabili.</para>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Configurare la tua Macchina</title>

      <indexterm>
        <primary>NTP</primary>
        <secondary>configurazione</secondary>
      </indexterm>

      <sect3>
        <title>Configurazione Base</title>

        <indexterm><primary>ntpdate</primary></indexterm>

        <para>Se desideri solo sincronizzare il tuo clock
          al momento del boot della macchina, puoi usare
          &man.ntpdate.8;.  Questo pu essere
          appropriato per alcune macchine desktop che sono
          rebootate di frequente e richiedono
          sincronizzazione non frequente, ma le altre macchine
          dovrebbero eseguire &man.ntpd.8;.</para>

        <para>Usare &man.ntpdate.8; al momento del boot
           una buona idea per le macchine che eseguono
          &man.ntpdate.8;.  Il programma &man.ntpd.8; cambia il
          clock gradualmente, mentre &man.ntpdate.8; imposta
          il clock, indipentemente da quanto grande sia la
          differenza fra l'impostazione di clock corrente di una
          macchina e l'ora corretta.</para>

        <para>Per abilitare &man.ntpdate.8; al momento del boot,
          aggiungi <literal>ntpdate_enable="YES"</literal>
          a <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Avrai anche
          bisogno di specificare tutti i server
          con i quali ti desideri
          sincronizzare ed ogni flags passato a &man.ntpdate.8;
          in <varname>ntpdate_flags</varname>.</para>
      </sect3>

      <sect3>
	<title>Configurazione Generale</title>

        <indexterm>
          <primary>NTP</primary>
          <secondary>ntp.conf</secondary>
        </indexterm>

        <para>NTP  configurato dal file
          <filename>/etc/ntp.conf</filename> nel formato
          descritto da &man.ntp.conf.5;.  Questo 
          un semplice esempio:</para>

        <programlisting>server ntplocal.example.com prefer
server timeserver.example.org
server ntp2a.example.net

driftfile /var/db/ntp.drift</programlisting>

        <para>L'opzione <literal>server</literal> specifica
          quali server siano da usare, con un server elencato
          su ogni linea.  Se un server  specificato con
          l'argomento <literal>prefer</literal>, come con
          <hostid role="fqdn">ntplocal.example.com</hostid>,
          quel server sara preferito rispetto ad
          altri.  Una risposta da un server preferito
          sar scartata se differisce
          in modo significativo dalle risposte di altri server,
          altrimenti sar usata senza nessuna
          considerazione delle altre risposte.  L'argomento
          <literal>prefer</literal>  normalmente usato
          per server NTP che sono noti per
          essere molto accurati, come quelli con hardware a
          monitoraggio speciale del tempo.</para>

        <para>L'opzione <literal>driftfile</literal> specifica
          quale file sia usato per conservare la frequenza di
          scostamento dal clock di sistema.  Il programma
          &man.ntpd.8; usa questo dato per compensare
          automaticamente le imprecisioni naturali del clock,
          permettendo di mantenere una impostazione ragionevolmente
          corretta anche se gli  impedito di accedere
          a tutte le sorgenti di sincronizzazione tempo esterne
          per un certo periodo di tempo.</para>

        <para>L'opzione <literal>driftfile</literal> specifica
          quale file sia usato per conservare informazioni sulle
          risposte precedenti dai server NTP che usi.  Questo file
          contiene informazioni interne per NTP.  Non dovrebbe
          essere modificato da altri processi.</para>
      </sect3>

      <sect3>
        <title>Controllare l'Accesso ad i tuoi Server</title>

        <para>Di default, il tuo server NTP sar accessibile
          a tutti gli host su Internet.  L'opzione
          <literal>restrict</literal> in
          <filename>/etc/ntp.conf</filename> ti permette
          di controllare quali macchine possano accedere al tuo
          server.</para>

        <para>Se vuoi negare a tutte le macchine accesso
          al tuo server NTP, aggiungi la seguente linea a
          <filename>/etc/ntp.conf</filename>:</para>

        <programlisting>restrict default ignore</programlisting>

        <note>
          <para>Inoltre questo settaggio vieta l'accesso
            al tuo server dai server elencati nella tua configurazione
            locale.  Se hai bisogno di sincronizzare il tuo
            server NTP con un server NTP esterno devi permettere
            il server che vuoi usare.  Guada la pagina man
            &man.ntp.conf.5; per ulteriori dettagli.</para>
        </note>

        <para>Se vuoi permettere solo alle macchine della tua rete
          di sincronizzare il loro clock con il tuo server,
          ma assicurarti che non gli sia permesso configurare
          il server o che non sianousate
          come punto di riferimento per
          sincronizzarsi, aggiungi</para>

        <programlisting>restrict 192.168.1.0 mask 255.255.255.0 nomodify notrap</programlisting>

        <para>invece, dove<hostid role="ipaddr">192.168.1.0</hostid>
           un indirizzo IP sulla tua rete e
          <hostid role="ipaddr">255.255.255.0</hostid>
           la netmask della tua rete.</para>

        <para><filename>/etc/ntp.conf</filename> pu
          contenere molte opzioni <literal>restrict</literal>.
          Per maggiori dettagli, consulta la sezione
          <literal>Access Control Support</literal> di
          &man.ntp.conf.5;.</para>
      </sect3>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Eseguire il Server NTP</title>

      <para>Per assicurarsi che il server NTP sia avviato
        al momento del boot, aggiungi la linea
        <literal>ntpd_enable="YES"</literal> a
        <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Se desideri
        passare flag addizionali a &man.ntpd.8;, edita
        il parametro <varname>ntpd_flags</varname>
        in <filename>/etc/rc.conf</filename>.</para>

      <para>Per avviare il server senza riavviare la tua
        macchina, esegui <command>ntpd</command> accertandoti
        di specificare ogni parametro addizionale in
        <varname>ntpd_flags</varname> presente in
        <filename>/etc/rc.conf</filename>.  Per esempio:</para>

      <screen>&prompt.root; <userinput>ntpd -p /var/run/ntpd.pid</userinput></screen>

    </sect2>

    <sect2>
      <title>Usare ntpd con una Connessione Temporanea
        ad Internet</title>

      <para>Il programma &man.ntpd.8; non necessita di una
        connessione permanente ad Internet per funzionnare
        correttamente.  Comunque, se hai una connessione
        temporanea che  configurata per effettuare
        una chiamata su richiesta,  una buona idea
        evitare che il traffico NTP causi la chiamata
        o mantenga la connessione attiva.  Se stai usando
        PPP utente, puoi usare le direttive
        <literal>filter</literal> in
        <filename>/etc/ppp/ppp.conf</filename>.
        Per esempio:</para>

      <programlisting> set filter dial 0 deny udp src eq 123
# Prevent NTP traffic from initiating dial out
set filter dial 1 permit 0 0
set filter alive 0 deny udp src eq 123
# Prevent incoming NTP traffic from keeping the connection open
set filter alive 1 deny udp dst eq 123
# Prevent outgoing NTP traffic from keeping the connection open
set filter alive 2 permit 0/0 0/0</programlisting>

      <para>Pre maggiori dettagli consulta la sezione
        <literal>PACKET FILTERING</literal> in &man.ppp.8;
        e gli esempi in
        <filename>/usr/share/examples/ppp/</filename>.</para>

      <note>
        <para>Alcuni provider di accesso ad Internet bloccano
          le porte dal numero basso, impedendo ad NTP di
          funzionare dato che le repliche non raggiungono mai
          la tua macchina.</para>
      </note>
    </sect2>

    <sect2>
      <title>Informazioni Ulteriori</title>

      <para>La documentazione per il server NTP
        pu essere trovata in formato HTML in
        <filename>/usr/share/doc/ntp/</filename>.</para>
    </sect2>
  </sect1>
</chapter>